Le cereali

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
greco

Aristofane 422 a.C. C 1545 Bartolomio Rositini/Pietro Rositini Indice:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu Teatro teatro Le cereali Atene Teatro di Dioniso Intestazione 21 novembre 2016 25% Teatro

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Traduzione dal greco di Bartolomio Rositini, Pietro Rositini (1545)
Prima rappresentazione: Atene, Teatro di Dioniso, 422 a.C.

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Commedie (Aristofane)

[p. 254r modifica]

LE CEREALI D’ARI


STOFANE, COME

DIA X.


Persone de la comedia.


Mnesiloco socero d’Euripide.
Euripide. Servidore.
Agathone. Coro.
Precone. Una donna
Un’altra donna Et un’altra donna
Clistene Mezzo coro di donne.
Echo. Scita


MNESILOCO.

EGioue, mò quando si vedrà mai la rondine? mi fa morir quest’huomo à farmi andar uagante da mattina: è poβibile, avanti che io butti ben fuora la milza ò Euripide, che da te oda, que mi meni?

Euripide
Ma non bisogna che tu odi ogni cosa, perche presto lo vedrai presentialmente.
Mnesiloco
Come ditu? di un’altra volta. non bisogna ch’io oda?
Euripide
Non quelle cose, che tu hai à vedere. [p. 254v modifica]
Mnesiloco
Ne ancho bisogna adunque che io le uega.
Euripide
Non già quelle che bisognerà udire.
Mnesiloco
A che modo m’ammonisci tu? tu dici a’l meno destamente. non dici tu, che mi bisogna, ne udire, nè vedere. perche la natura de l’uno e l’altro è separata ne d’udire, ne di vedere.
Euripide
Ben fai, che.
Mnesiloco
A che modo è separata?
Euripide
Queste cose à questo modo furono distinte à l’hora: che l’etere in prima quando fu spartito (& in se stesso insieme generava animali moventici) con il quale bisogna vedere, prima formò l’occhio simile à la ruota de’l sole, & lo udito de’l buco de gli orecchi forò.
Mnesiloco
Per il buco adunque, ne odo, ne vego. per Giove m’alegro ben d questo, che sopra habia imparato, di che forte, e dove sono i favij conventiculi.
Euripide
Tu imparareβi bene molte tai cose da me.
Mnesiloco
A che modo dunque bene?
Euripide
Apresso à questi beni trovarei à che modo fin’hora imparasti non esser zoppo de la gamba, uà quà, & aurtifei.
Mnesiloco
Ecco.
Euripide
Veditu questa portella?
Mnesiloco
Per Hercole penso pur di vederla.
Euripide
Hor taci.
Mnesiloco
Tacio la portella.
Euripide
Odi. [p. 255r modifica]
Mnesiloco
Udirò & tacerò la portella.
Euripide
Qui Agathone glorioso habita, tragico poeta.
Mnesiloco
Come è fatto questo Agathone? qual Agathone? è forsi negro, gagliardo?
Euripide
Non, ma è un’altro. non l’hai tu mai veduto?
Mnesiloco
Ha egli la barba?
Euripide
Non l’hai tu mai veduto?
Mnesiloco
Non per Giove, non io già, che sapia.
Euripide
Et tu forsi hai chiavato, ma per aventura no’l sai. ma fugiamo fuor d’i piedi, che vien fuora un suo servidore, che ha de’l fuogo, & de le bachette di mirto: par che voglia sacrificare à la poesia.
Servidore
A tutto il popolo sia buon’augurio. & chiudi la bocca, perche la festa de le muse e le istesse musiche comincian haver potenza ne le corti de’l patrone, & l’etere habia il fiato tranquillo, & la verde aqua de’l mare non straβuoni.
Mnesiloco
Bombax.
Euripide
Taci, che ditu?
Servidore
Et le generationi de gli ucelli s’adormentino, & i piedi de le salvatiche fiere che corrono per le selve non si sciolgano.
Mnesiloco
Bombalobombax.
Servidore
Perche primo il nostro Agathone da le bella parole ha ad essere.
Mnesiloco
Che forsi, esser chiamato?
Euripide
Chi ha parlato?
Mnesiloco
Il cheto ethere. [p. 255v modifica]
Servidore
A metter chiodi ne principij de la favole. toze nuovi scuti di parole, & altre cose fà a’l torno, & altre attacca insieme à pezzzo à pezzo, & forma sententie, & usaantonomasie, & discola la cera, & la fà rotonda & la manda giù.
Mnesiloco
Et sbelletta.
Servidore
Che villano è quello, che vien ne la corte?
Mnesiloco
Quello ch’è pronto à te, & a’l poeta che ha bella loquela di corte, che inrotonda, & contorze questa verga à infundere.
Servidore
Sei tu mai stato ò vecchio sprezzatore de’l nuovo certame?
Euripide
O huomo da bene lascia andar costui in buon’hora, & tu con ogni arte chiamami quà Agathone.
Servidore
Non pregare, che esso tosto verrà fuora, perche commincia à modulare. & essendo d’inverno non è cosa facile à torzere le conversioni, se non andrà fuora a’l Sole.
Mnesiloco
Che farò io adunque?
Servidore
Aspetta, che varrà fuori.
Mnesiloco
O Giove che pensitu di farmi hoggi?
Euripide
Per i dei io voglio udire che cosa è questa. che pia gitu? di che hai tu noia? non bisognava che celasti quello ch’è mio socero.
Mnesiloco
Emmi parecchiato un certo gran male.
Euripide
Di che forte?
Mnesiloco
In questo dì d’oggi si giudicherà, ò se è vivo anchora, ò se è morto Euripide. [p. 256r modifica]
Euripide
Et à che modo? perche pur anchora ne i giudicj sono per giudicare, ne vi sarà sedia de’l senato, perche il terzo dì de le feste di cercare è il giorno di mezzo.
Mnesiloco
Questa cosa medesima pur, & il morire aspetto. per ciò che le donne m’hanno qguatato, & ne i sacrifici de la dea Cerere sono per venire hoggi à predicar de la mia morte.
Euripide
Et perche mò?
Mnesiloco
Perche io fo tragedie, & dico male di loro.
Euripide
Per Nettuno tu patirßi anchor cose giuste, ma che machinatione & imaginatione hai tu da questo dì?
Mnesiloco
Che Agathon maestro di tragedie creda di venir à i sacrificj di Cerere.
Euripide
A che far? dimi.
Mnesiloco
A predicare fra le donne, & se bisognerà, à dire per me.
Euripide
Palesemente ò secretamente?
Mnesiloco
Secretamente, vestito con vesta di donna.
Euripide
Cosa e galante & terribile secondo i tuoi costumi. per ciò la fugazza è nostra per l’imaginare.
Euripide
Taci.
Mnesiloco
Che cosa gli è mo?
Euripide
Agathone vien fuora.
Mnesiloco
Et che è costui.
Euripide
Quello discregolato. [p. 256v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/513 [p. 257r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/514 [p. 257v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/515 [p. 258r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/516 [p. 258v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/517 [p. 259r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/518 [p. 259v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/519 [p. 260r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/520 [p. 260v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/521 [p. 261r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/522 [p. 261v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/523 [p. 262r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/524 [p. 262v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/525 [p. 263r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/526 [p. 263v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/527 [p. 264r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/528 [p. 264v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/529 [p. 265r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/530 [p. 265v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/531 [p. 266r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/532 [p. 266v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/533 [p. 267r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/534 [p. 267v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/535 [p. 268r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/536 [p. 268v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/537 [p. 269r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/538 [p. 269v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/539 [p. 270r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/540 [p. 270v modifica]faticandosi, ogniuno cerca questo male, andando à torno à i letti. e se guarderemo fuor de la finestra, cerca di guardare il male: e se con rossore si partirà, molto più ogn’uno brama di vedere un’altra volta il male che muove la testa. cosi noi manifestamente siamo migliori che non sete voi, & la isperienza si può vedere. diamo la isperiěza, quali sono pegiori, noi stimiamo voi e voi stimiate noi. cǒsideriamo un poco e cǒtendiamo, e paragoniamo l’un’e l’altra cosa, comparando e de la femina, e de l’huomo ciaschedun nome. à Nausimaca le stà sotto carminio, si sà ben quel che fà l’un e l’altro. e Cleofone pur è pegiore veramente che la Salabacca meretrice. contra d’Aristomaca di molto tempo, contro à quella che ha combattuto in Marathone, e contra Stratoni ce niuno di voi ha ardire di combattere, ò guerregiare: ma c’è il meglior di Eubula che fù senatrice de l’anno passato. che dà consiglio à un’altro? ne questo ancho dirai. cosi noi s’avantiamo d’esser molto migliori de gli huomini. ne anchor se una donna haverà robato fino a’l precio di cinquanta talenti, è accusata. e ne la cità verrà cǒ publichi danari. ma se haverà robato magior cose, che habia tolto un staro di formento de’l marito, in quel dì medesimo quella istessa che ha robato glielo rende. ma noi mostraremo di questi pur assai che sanno questo, & oltre à ciò noi siamo per [p. 271r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/542 [p. 271v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/543 [p. 272r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/544 [p. 272v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/545 [p. 273r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/546 [p. 273v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/547 [p. 274r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/548 [p. 274v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/549 [p. 275r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/550 [p. 275v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/551 [p. 276r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/552 [p. 276v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/553 [p. 277r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/554 [p. 277v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/555 [p. 278r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/556 [p. 278v modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/557 [p. 279r modifica]Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/558


Altri progetti

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Le cereali