Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo IX, Indici, Classici italiani, 1826, XVI.djvu/320

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
320 indice

vicende 327, ec.; sua dottrina e sue opere 330.

Ravagnani Benintendi. di lui si vale il Petrarca nell’aprire una biblioteca in Venezia V, 173; notizie della sua vita e delle sue opere 628; sua amicizia col Petrarca 629.

Ravana Carlo, bibliotecario del duca di Savoia VII, 339, ec.

Ravello: d’Andrea Francesco. Frecia Marino.

Ravenna: Agnello, o Andrea, prete di Ravenna. Anonimo scolastico soprastante alle scuole di Ravenna. Anonimo scrittore de’ cinque libri di geografia. Aspasia retore. Bernardo monaco dotto in medicina. Calvi Marco Fabio. Carrari Vincenzo. Demetriano padre di Aspasia, retore. Felice suo vescovo. Ferretti Emilio giureconsulto nato in Toscana. Ferretti Giampietro. Giganti Girolamo canonista. Giordano storico, alano d’origine. da alcuni attribuito a Ravenna. Giovanni, o Giovannellino, monaco, e dotto in medicina. Martinelli Cecchino. S. Massimiano vescovo di Ravenna storico. Mauro suo vescovo. Mengoli Cesare. Mengoli Pietro. da Mezzano Micchino. Morigi
Giulio. Pescatore Giambattista. S. Pier Grisologo vescovo. S. Pietro Damiano. da Polenta Guido Novello poeta. Rasponi co. Cesare. Rasponi P. Francesco. da Ravenna Giovanni gramatico. da Ravenna Giovanniccio. da Ravenna Guglielmo medico. da Ravenna Marco intagliatore di stampe. da Ravenna Muccio. da Ravenna Tommaso medico. Rossi Girolamo. Spreti Desiderio storico. Tommai Pietro giureconsulto. Tommai Tommaso. Vilgardo gramatico in Ravenna.

Ravenna, fabbriche ivi innalzate da Teodorico III, 106; chiesa di S. Vitale quando fabbricata, e con quale architettura 110, ec.; scuole che vi erano nel x secolo 377; scuole di giurisprudenza ivi prima che in Bologna 617; Accademie ivi aperte VII, 221; scrittori della sua Storia nel secolo xv VI, 1129; nel secolo xvi VII, 1470.

di Ravenna Anonimo, sua Geografia, che cosa sia, e a qual tempo composta III, 370.

da Ravenna Giovanni, tenerezza che per lui ebbe il Petrarca V, 946, quanto sia incerto ciò