Per un fanciullo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
latino

Anonimo Antichità P 1868 Giacomo Zanella Indice:Versi di Giacomo Zanella.djvu poesie letteratura Per un fanciullo Intestazione 28 dicembre 2011 100% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Versi di Giacomo Zanella


[p. 326 modifica]

PER UN FANCIULLO.


___


    Tu che fra i pruni con incerto passo
T’apri il sentiero, sosta, o pellegrino,
3Nè ’l titolo spregiar di questo sasso.

    Poco più di due lustri il mio destino
Viver mi diede; frale e passeggero,
6Crebbi nudrito come un amorino.

    Attinsi di Pitagora il pensiero;
De’ sofi ricercai gl’incliti detti;
9Svolsi il volume del divino Omero:

    Nè tedio gl’inamabili precetti
D’Euclide mi recar; chè mille il core
12M’allegravano intanto agi e diletti.

    Ilaro, il mio buon padre e mio signore,
Questo fatto m’aveva ozio giocondo,
15Se il niveo fìl non recidean le Suore.

[p. 327 modifica]


    Or per le valli d’Acheronte al mondo
Lontano degli spiriti m’avvio
18Gli astri a veder del Tartaro profondo.

    Speme e beltà, ricchezze e pompe, addio!
Io non son più per voi: ludibrio e scherno
21Fatevi or d’altri, se vi piace: il mio

    Seggio è qui fisso; io qui dimoro eterno.