Sotto il velame/Le tre fiere

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le tre fiere

../Il passaggio dell'Acheronte ../Il corto andare IncludiIntestazione 19 gennaio 2010 25% Da definire

Il passaggio dell'Acheronte Il corto andare


Indice-Sommario

[p. 508 modifica]

  • Capitolo I. Dante fuor della selva (che figura il vestibolo e il limbo), riacquistata la prudenza, trova le tre fiere e «tanto giù cade», ritornando verso la selva dell’oscurità e della viltà.
  • Capitolo II. Se la selva è il peccato originale, le tre fiere sono il peccato attuale, che si esplica in tre disposizioni cattive, che nell’inferno sono punite nell’ordine in cui si presentano le tre fiere, e l’una è più leggera, e le altre due sono simili tra loro, e fanno ingiuria; e prima è la violenza e poi la frode, e la violenza ha del leone [p. 509 modifica]e la frode ha della lupa; e il leone ha una brama sola come la violenza, e la lupa tante, come la frode, ed è bestia malvagia e malvagia e ria tanto la frode quanto la lupa. 1
  • Capitolo III. Cicerone è l’autor di Dante nella divisione della malizia in vis e fraus, e Cicerone raffronta la vis, al leone, e la fraus alla volpe, che Dante muta in lupa, per sue buone ragioni. 2
  • Capitolo IV. La lonza è incontinenza, come è dichiarato dal rimedio che val contro essa, e contro la femmina balba del purgatorio (che e la lonza rovesciata, per così dire).
  • Capitolo V. La lonza è l’incontinenza di concupiscibile che si muta in incontinenza d’irascibile, e la femmina balba viceversa.
  • Capitolo VI. La corda gettata a Gerione che cosa significhi; e come confermi che la lonza è l’incontinenza.
  • Capitolo VII. Perchè Dante non scinse la corda nel primo cerchietto o nel terzo? La lupa non è l’avarizia; perchè qual peccato rappresenterebbero le altre due fiere, più lieve di questo che è un mal tenere? È l’avarizia sì, ma come peccato quasi d’ingiustizia è facile a tramutarsi in ingiustizia.
  • Capitolo VIII. E cosi la lupa riassume le altre due fiere, componendosi di triplice inordinazione, nell’appetito, nel volere e nell’intelletto.
  • Capitolo IX. È cupidità che si liqua in mal volere. Conclusione con accenni alla equivalenza delle tre disposizioni ai sette peccati.

Note

  1. Aggiungi in fine, che Gerione, sozza imagine di frode, è detto bestia malvagia come la lupa.
  2. A pag. 119, nota 2, continua la nota cosi: Crudeltà è divisa in due maniere. L’una è forza e l’altra è bugia. Forza è come di leone, bugia è come di volpe (nel cod. e simia, nel francese ègorpil): l’una e l’altra è pessima cosa e inumana etc. Il Moralium dogma è nell’ed. Romagnoliana del Tesoro tradotto.