Wikisource:Libri/Guinizzelli

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Guinizzelli[modifica]

A frate Guittone
Al cor gentil rempaira sempre amore
Al cor gentil ripara sempre amore
Ch'eo cor avesse, mi potea laudare
Chi vedesse a Lucia un var capuzzo
Con gran disio pensando lungamente
Conoscer sé, a voler esser grande
Dolente, lasso, già non m'asecuro
Donna, il cantar soave
Donna, l'amor mi sforza
Donna, lo fino amore
Fra l'altre pene maggio credo sia
Gentil donzella, di pregio nomata
In quanto la natura
Io voglio del ver la mia donna laudare
Lamentomi di mia disaventura
Lo fin pregi' avanzato
Lo vostro bel saluto e 'l gentil sguardo
Madonna mia, quel dì ch'Amor consente
Madonna, il fino amor ched eo vo porto
O caro padre meo, de vostra laude
Omo ch'è saggio non corre leggero
Pur a pensar mi par gran meraviglia
Sì sono angoscioso e pien di doglia
Tegno de folle 'mpres', a lo ver dire
Vedut' ho la lucente stella diana
Voglio del ver la mia donna laudare
Volvol te levi, vecchia rabbiosa