Sior Todero brontolon/Atto I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto I

../Personaggi ../Atto II IncludiIntestazione 2 giugno 2020 100% Da definire

Personaggi Atto II

[p. 405 modifica]

ATTO PRIMO.

SCENA PRIMA.

Camera di Marcolina

Marcolina e Cecilia.

Marcolina. E cussì? Ghe xe caso che possa bever el caffè stamattina?

Cecilia. Co no la manda a torselo alla bottega1, ho paura che no la lo beva.

Marcolina. Per cossa? No ghe n’è del caffè in casa?

Cecilia. Siora sì, ghe ne xe, ma el paron vecchio l’ha serrà el caffè e l’ha serrà el zucchero sotto chiave.

Marcolina. Anca questa ghe xe da novo? Fra le altre insolenze [p. 406 modifica] che ho sofferto da mio missiera, ho anca da tollerar che el me serra el zucchero, che el me serra el caffè?

Cecilia. Cossa disela? Più vecchio che el vien, el vien pezo che mai.

Marcolina. Com’ela stada? Che grillo ghe xe saltà in testa? Che vovadab xe stada questa?

Cecilia. La sa che el xe un omo che bisega per tuttoc, che brontola de tutto. L’è andà in tinellod, l’ha dà un’occhiada al zucchero, l’ha dà un’occhiada al caffè; l’ha scomenzà a dir: Vardè; un pan de zucchero in otto zorni el xe debottoe finio; de una lira de caffè debotto no ghe ne xe più. No gh’è regola; no gh’è discrezion. L’ha tolto suso la roba; el se l’ha portada in camera, e el se l’ha serrada in armer.

Marcolina. Son tanto stufa de sti stomeghezzif, che debotto no posso più. Che diavolo de vergogna! Xe tanti anni che son in sta casa, e gnancora no son parona de gnente? E quel sempiog de mio mario, grande e grosso, con una putta da maridar, el gh’ha paura a parlar? Nol xe gnanca bon de mantegnir de caffè so muggier? Eh! per diana de dia, i gh’ha rason che gh’ho sta fia da logarh; da resto, grazie al cielo, gh’ho casa mia, e ghe vorave far veder che no gh’ho bisogno de lori.

Cecilia. Per dir la verità, la xe squasi una cossa da no creder, che un omo de trentacinque o trentasìe anni, maridà, pare de fioi, con tanta intradai, con un negozio in casa che butta benj, no sia paron de spender un ducato a so modo, e abbia da star soggetto al pare co fak un putello.

Marcolina. Siora sì, e s’ha da veder sta mostruosità, che un capo de casa fazza sgangolirl el fio, la niora, la nezza, e po se lassa menar per el naso da un tangaro m de un fattor, [p. 407 modifica] che se fa la pongan per elo, e lo conseggia a esser un can col so sangue.

Cecilia. Certo: el paron gh’ha chiappà benvoler a lu e a so fio, e fursi al fio più che al pare.

Marcolina. Ma se pol dar un sempio, un alocco, una malagrazia compagna?

Cecilia. Disela de sior Nicoletto?

Marcolina. Sì, de quella cara zoggia de sior Nicoletto, della degnissima prole de sior Desiderio, agente amorosissimo de quel orbo de mio missier.

Cecilia. Eh! se s’ha po da dir la verità, sior Nicoletto nol xe po tanto una malagrazia.

Marcolina. Oh che cara Cecilia! ve piaselo quel pampalughettoo?

Cecilia. Cossa vorla che el mepiasa? A mi se sa che nol m’ha da piaser... Da resto, in verità dasseno...

Marcolina. Orsù a montep, che no vôi sentir a parlar de colori. Mio missier li ha volesti tor in casa per farme despetto; e se mio mario no ghe remedierà, ghe remedierò mi. Che destrighemoq sta putta, che se marida mia fia, e po troverò mi la maniera de remediarghe.

Cecilia. Cara siora parona, no vorave che la credesse...

Marcolina. I batte; andè a veder chi è.

Cecilia. Credo che la me cognossa...

Marcolina. Andè a veder chi è, ve digo.

Cecilia. Vago, vago. Siora sì, vago. (No ghe starave depenta in sta casa2 Se no fusse per quel putto, no ghe starave gnanca se i me indorasse). (parte) [p. 408 modifica]

SCENA II.

Marcolina, e poi Cecilia.

Marcolina. A una donna della mia sorte? Serrarghe tutto? No esser patrona de gnente? Mai un spasso? Mai un devertimento? Brontolarmer fina el magnar? M’hai trovà in t’un gattolos? M’hai tolto senza camisa? Gh’ho dà siemile ducati e son civil più de lori; che i so vecchi xe vegnui co le sgalmaret, e casa mia xe più de cent’anni che la gh’ha negozio impiantàu.

Cecilia. Xe una signora che la domanda. (con sdegno)

Marcolina. Chi xela?

Cecilia. Mi no so; credo che la sia siora Fortunata. (come sopra)

Marcolina. Coss’è, siora? Cossa xe sti musoniv?

Cecilia. Sia malignazow sta vita, e chi la ghe piase.

Marcolina. Coss’è sta, con chi la gh’aveu?

Cecilia. Son andada a veder chi è. I m’ha ditto: tirè, ho tirà; xe vegnù el paron vecchio, e el m’ha ditto un mondo de robax.

Marcolina. Oh! la finiremo sta musica. Sì, da quella che son, che la finiremo. Andè, andè, diseghe a quella signora, che la resta servida.

Cecilia. (Se el missier xe impastà de tossego, gnanca la niora no xe impastada de zucchero). (parte)

SCENA III.

Marcolina, poi Fortunata.

Marcolina. Sior sìy, nol vorave mai che da mi vegnisse nissun. El me vol tettar de mazoz anca in questo.

Fortunata. Patrona, siora Marcolina. [p. 409 modifica]

Marcolina. Patrona, siora Fortunata.

Fortunata. Cossa fala? Stala ben?

Marcolina. Servirla; e ela?

Fortunata. Cussì e cussì.

Marcolina. La se comoda. Vorla cavarse el zendàaa? (siedono)

Fortunata. Eh! n’importa; da sta stagionab no l’incommoda.

Marcolina. Vorla un poco de fogo?

Fortunata. No, no, dasseno, ho caminà, no gh’ho freddo.

Marcolina. Gnanca mi, la veda; no tegno squasi mai fogo sotto4.

Fortunata. Tutto xe usarse. Co se xe usae, no se pol far de manco. Co no se se usa, no se ghe pensa.

Marcolina. Siora sì, siora sì, son stada usada cussì da puttela, e voggio che se usa cussì anca mia fia.

Fortunata. Cossa fala siora Zanetta?

Marcolina. Ben, ben, poverazza. Dopo che l’ha avù quella malattia, in bon’ora lo possa dirac, la xe vegnua tanto fattaad.

Fortunata. La diga, siora Marcolina, la vorla maridar la so putta?

Marcolina. Magariae che ghe capitasse una bona occasion.

Fortunata. Per dirghe la verità, son vegnua a trovarla giusto per questo.

Marcolina. Dasseno?

Fortunata. Gh’ho un partio per le man, che se el ghe tocca, dasseno vôi che la me benedissa.

Marcolina. Oh care le mie vissere af! chi xelo?

Fortunata. Mo a pian: avanti che ghe diga chi el xe, la me diga se la xe in stato de maridarla.

Marcolina. No gh’oggio ditto de sì?

Fortunata. Disponela ela della so putta? [p. 410 modifica]

Marcolina. Ghe dirò: doverave disponer so pare, ma so pare no farà nè più, nè manco de quello che dirò mi.

Fortunata. E sior Todero?

Marcolina. La sarave bella, che quando xe contento el pare e la mare, el nonno non s’avesse da contentar.

Fortunata. Mo no sala che sti vecchi i vol esser patroni de tutto.

Marcolina. Siora sì, fin a un certo segno. Ma col partio xe bon, co l’occasion xe a proposito, per cossa vorla che el diga de no voler?

Fortunata. La dota chi ghe l’ha da dar?

Marcolina. Ghe l’ha da dar mio missier; ma gnanca per questo nol pol miga dir de no ghe la voler dar; perchè po, alla fin dei fini, mio mario xe bonazzoag, el sta a tutto, el lassa che so pare fazza tutto quello che el vol; ma co bisognasse, me basterave l’anemo de farlo parlar. Della roba in casa ghe n’è, el gh’ha la dota de so mare, ghe xe la mia, gh’ho ose in capitoloah anca mi. La putta s’ha da maridar, e ca de dianaai, se mio missier farà el matto, ghe xe giustizia per tutti.

Fortunata. No, siora Marcolina; co gh’ha da esser dei strepiti, no femo gnente.

Marcolina. Digo cussì per dir; ma strepiti no ghe n’ha da esser, e no ghe ne sarà. Mio missier xe avaro, xe stravagante, xe tutto quel che la vol; ma l’ha sempre ditto ch’el vorave che mia fia se logasseaj; e da do parole che l’ha ditto giersera, mi credo che nol veda l’ora che la se marida. No miga perchè el ghe voggia ben, sala, perchè el xe un de quei vecchi, che no vol ben a altri che a siak stessi, ma per liberarse da una bocca de più.

Fortunata. Via donca, co la xe cussì, la ghe parla.

Marcolina. Ghe parlerò. La me diga el putto chi el xe.

Fortunata. Se la sa, cossa ghe darali de dota?

Marcolina. Mo, cara siora Fortunata, la vol metter el carro [p. 411 modifica] avanti i boal. Sentimo prima chi xe el partio, e po che daremo quella dota che se convegnirà.

Fortunata. Cossa gh’ala paura? Che ghe propona una persona ordenaria? Sala che sto putto che ghe propono, xe un fior, xe una coppa d'oro? Sala che in sto paese no ghe xe altrettanto? Sala che el xe un mio zermanam?

Marcolina. Oh caspita! so zerman?

Fortunata. Mo siora sì; cossa disela? Ghe xe eccezion?

Marcolina. Certo che col xe so parente, nol pol esser altro che una persona civil; ma, cara siora Fortunata, per esser un bon partio, ghe vol qualcossa de più.

Fortunata. Sala che el xe fio solo, che el gh’averà do boni mille ducati d’intrada, e che el gh’ha una carica in aspettativa? Sala che nol gh’ha un vizio al mondo, che el xe un putto che, no fazzo per dir, ma el gh’ha un’aria propriamente da zentilomo? Sala che el xe sior Meneghello Ramponzoli, fio de sior Massimo e de siora Scolastica Caramali?

Marcolina. Oh se la me ne dirà tante, ghe dirò siora sì; lo cognosso; son contenta; magari.

Fortunata. Mo! magari certo, magari.

Marcolina. Xelo informà de sta mia putta? Salo che merito che la gh’abbia? Salo che oracoloan che la xe?

Fortunata. Oh! el sa tutto.

Marcolina. Salo mo anca, che la xe una putta ben fatta? Che la xe un pometto de riosa5?

Fortunata. Vorla che ghe parla da amiga? El l’ha vista.

Marcolina. Come? Quando? Mia fia no pratica co nissun; in casa mia no ghe vien nissun. (riscaldandosi)

Fortunata. Via via, siora Marcolina, no la vaga in collera, che no ghe xe mal. El l’ha vista al balcon.

Marcolina. Sotto la zelusia?

Fortunata. Sotto la zelusia. E el l’ha vista anca fora de casa, una mattina a bonora. [p. 412 modifica]

Marcolina. Se la va col zendàao fina alla centura!

Fortunata. Cossa serve? No sala? Co i putti vol, no so se la me capissa.

Marcolina. Zanetta sa qualcossa donca.

Fortunata. Da quel che ho inteso, no i s’ha mai parlà; ma coi occhi credo che i abbia fatto la parte soa.

Marcolina. Oh poveretta mi!

Fortunata. Eh via, cara ela: fussele cussì tutte le putte dal dì d’ancuoap; e fusseli cussì i putti, come che xe sto sior Meneghetto.

Marcolina. Cara siora Fortunata, no so cossa dir; za che la xe vegnua a favorirme con tanto bon cuor, la fazza che sto negozio gh’abbia bon fin.

Fortunata. La diga, cara ela, cossa ghe darali de dota?

Marcolina. La diga ela: cossa pretenderavelo?

Fortunata. El putto xe una puaaq, xe una pasta de marzapan, e de ste cosse nol ghe ne sa, e nol ghe ne vorrà gnanca saver; so pare e so mare i se rimette in mi, e quel che fazzo mi, xe ben fatto. Gh’ho ditto: co siora Marcolina semo amighe, so che siora che la xe; la putta xe una bona putta, lassè far a mi. Mi mo, védela, vôi che andemo alla bona. Mi no vôi domandar; vôi che la diga ela tutto quello che la pol far, e se me parerà conveniente, la me varda mi, e no la pensa altro.

Marcolina. Ghe dirò. Mi ho porta in casa siemile ducali. Manco de quello che gh’ho dà mi, a mia fia no i ghe poderà dar.

Fortunata. Bezzi contaiar?

Marcolina. S’intende. I ghe li scriverà in banco.

Fortunata. Siora Marcolina, me dala parola?

Marcolina. Ghe dago parola.

Fortunata. Porla mantegnirmela la parola che la me dà?

Marcolina. Siora sì. Ghe dago parola, e son capace de mantegnirghela.

Fortunata. Basta cussì. A bon reverirla. (s’alzano)

Marcolina. Vala via cussì presto? [p. 413 modifica]

Fortunata. Vago a dar la risposta. Ma la varda ben, sala?

Marcolina. Cossa serve? Semio puteli?

Fortunata. Se vegnirò col putto, me lasserala veder la putta?

Marcolina. Co sarà serrà el contrattoas.

Fortunata. E no avanti?

Marcolina. Oh! la vede ben...

Fortunata. Gnente, gnente?

Marcolina. La xe una siora che intende...

Fortunata. Eh! via, cara ela, che al dì d’ancuo le se vede le putte. No se sta più su sti rigori, no; le se vede.

Marcolina. Basta, co se tratta de ela.

Fortunata. A bon reverirla.

Marcolina. La diga, la metterali all’ordine pulitoat?

Fortunata. Modestamente.

Marcolina. No digo cossazzeau. Ma sala? La sa in che tempi che semoav.

Fortunata. Vorla che el ghe spenda intorno tutti i siemile ducati?

Marcolina. Che i se fazza onor, che no i se fazza burlar.

Fortunata. Cara siora Marcolina, ghe xe più dì che luganegaaw.

Marcolina. Eh! cara siora Fortunata, al dì d’ancuo chi se marida, no ha da sperar de sivanzarax sulla dota.

Fortunata. La diga, cara ela, co la s’ha maridà ela, gh’ali fatto ste gran spesazze?

Marcolina. Oh! per mi, fia mia, i ghe n’ha speso pochetti.

Fortunata. Védela donca? Xe segno che tutti no pensa a un modo. Una cossa de mezzo, che staga ben, che vaga ben. Cossa occorre far tanti abiti st’anno, perchè stanno che vien no i sia più alla moda? Faremo, faremo pulito. Un bon anello, le so zogette6, un per7 de abiti boni. [p. 414 modifica]

Marcolina. Merli, la veda, sora tutto merliay.

Fortunata. Ghe sarà el bisogno. No la s’indubita, ghe sarà el bisogno. Con so bona grazia. Se vederemo.

Marcolina. Patrona.

Fortunata. Xela contenta?

Marcolina. Oh siestu benedetta!

Fortunata. Bondì, vita mia. (si baciano)

Marcolina. Mo quanto che ghe son obligada!

Fortunata. No ala ditto magari? La vederà se sarà magari. Mi? Co me metto? Ditto, fattoaz. Patrona. (parte)

SCENA IV.

Marcolina, poi Pellegrin.

Marcolina. In verità dasseno una fortuna più granda no podeva desiderar. Son segura che mia fia starà ben; so che putto che el xe, so che casa che i gh’ha. Oh per diana, xe qua mio mario! Ho giusto da caroba, che ghe lo dirò prima a elo, e farò che elo ghe lo diga a so pare. Vegnì qua mo, sior Pellegrin.

Pellegrin. No criè, vedè, mi no ghe n’ho colpa.

Marcolina. De cossa?

Pellegrin. Ho sentio in cusina, che avè crià per el zucchero e per el caffè... No criè con mi, che mi no so gnente.

Marcolina. Eh! adesso no xe tempo de parlar de ste cosse. V’ho da dir qualcossa che importa più.

Pellegrin. De ben, o de mal?

Marcolina. De ben, de ben.

Pellegrin. Sia ringrazià el cielo. Ho sempre paura che ghe sia del mal.

Marcolina. Ho maridà vostra fia.

Pellegrin. La xe maridada?

Marcolina. M’intendo la xe promessa. [p. 415 modifica]

Pellegrin. Chi l’ha promessa?

Marcolina. Mi.

Pellegrin. Vu?

Marcolina. Sior sì, mi. Ve opponeressi fursi a quel che ha fatto vostra muggier?

Pellegrin. Mi no parlo.

Marcolina. Lo so che in sta casa mi no son parona de gnente. Ma no gh’ho altro al mondo che sta creatura, e sulla mia creatura crederave de poder arbitrar.

Pellegrin. Xe vero, la xe la vostra creatura; ma crederave che la fusse anca mia.

Marcolina. Sior sì. Gh’ave rason; ma co ve dirò a chi l’ho promessa, sarè contento anca vu.

Pellegrin. Ben; sentiremo. Se me parerà.

Marcolina. Se ve parerà? Ve metteressi in testa de desfar quel che ho fatto?

Pellegrin. Oh bella! Me disè che ave promesso mia fia; me disè che sarò contento: voleu che sia contento avanti de saver el novizzobb?

Marcolina. Vostra muggier no xe capace de far una stramberiabc.

Pellegrin. Mi no digo ste cosse.

Marcolina. Parlè in t’una certa maniera...

Pellegrin. Voleu che tasa? Taso.

Marcolina. Sior Meneghetto Ramponzoli, lo cognosseu?

Pellegrin. Siora no.

Marcolina. E so pare, sior Massimo?

Pellegrin. Gnancabd.

Marcolina. E siora Scolastica?

Pellegrin. Pezobe.

Marcolina. Mo che omo seu? No cognossè nissun. No cognossè i zermanibf de siora Fortunata Marsioni?

Pellegrin. Mi no cognosso gnanca le anguelle, se no basta i marsionibg. [p. 416 modifica]

Marcolina. Se no i cognossè vu, li cognosso mi.

Pellegrin. Benissimo.

Marcolina. E el partio xe bon. E la putta anderà a star da regina. Cossa diseu?

Pellegrin. Cossa voleu che diga? Sarà cussì, come che disè.

Marcolina. Ve par che abbia promesso troppo a prometterghe siemile ducati?

Pellegrin. Per mi, co mio pare xe contento elo, son contento anca mi.

Marcolina. Bisogna che ghe parlè a vostro pare.

Pellegrin. Cossa voleu che glie diga?

Marcolina. Diseghe quel che v’ho ditto mi.

Pellegrin. Mo se mi sta zente no la cognosso.

Marcolina. Se no la cognossè vu, la cognosso mi.

Pellegrin. Donca parleghe vu.

Marcolina. Mo andè là, che sè un gran omo de stucco.

Pellegrin. Via, principieu a criar?

Marcolina. Delle volte me faressi andar zo dei bazaribh. Cossa voleu? Che quella povera putta fazza la muffa in casa? Voleu che la fazza la vita che fazzo mi? Vostro pare deventa ogni zorno pezo che mai. No se pol più viver; ne manca el nostro bisogno. Destrighèbi quella putta, sior Pellegrin, destrighè quella putta. (con collera)

Pellegrin. Ma mi, cossa voleu che fazza?

Marcolina. Seu un omo, o seu un pampano 8?

Pellegrin. A vu cossa ve par che sia?

Marcolina. Sì sè omo in quelle cosse che no m’importa; e sè un pampano, co se tratta de vu e della vostra fameggia. Andè subito da vostro pare; diseghe che xe capità sta bona occasion, che assolutamente no se l’avemo da lassar scampar. Parleghe della dota. Sentì cossa che el ve dise. Manco de siemile no certo. Se nol cognosse el putto, xe giusto che el [p. 417 modifica] lo cognossa: son una donna ragionevole; xe giusto che el sia informà. L’informerò mi, se bisogna; ma intanto parleghe vu. Sentì se el xe ben disposto; rilevè se el gh’avesse qualche difficoltà. Se el gh’ha delle difficoltà, parleghe fora dei denti; disè l’animo vostro, desmissievebj, buttè via quella gnagnerabk. Ah! cossa diseu?... Puh! omeni senza sesto; piegore monzuebl. Gh’ho una rabbia intorno, che no la posso più sopportar.

Pellegrin. Ma che sugobm ghe xe mo adesso d’andar in collera?

Marcolina. Parlo, parlo, e no me respondè.

Pellegrin. Bisogna ben che pensa anca mi el modo, come che ho da parlar, come che me ho da introdur.

Marcolina. Ghe vol tanto? De cossa gh’aveu paura? Al pare s’ha da portar respetto, se gh’ha da parlar con respetto; ma in te le cosse giuste se pol dir la so rason; perchè saveu, fio caro? Chi se fa piegora, el lovo la magnabn.

Pellegrin. Ben, ghe parlerò.

Marcolina. Padeghe subito.

Pellegrin. Ghe parlerò... avanti che andemo a disnar.

Marcolina. Andè subito, ve digo.

Pellegrin. No ghe xe sta pressa.

Marcolina. Destrigheve; no me fe andar in collera che debotto debotto...9

Pellegrin. Via, quieteve, anderò subito. (Ah poveretto mi! Prego el cielo che me daga pazienza). (parte)

Marcolina. Mo che omeni, mo che omeni che se trova! El m’ha toccà a mi per mia maledetta desgrazia. Mi che son tutta spirito, tutta fogo! E lu el xe una pepabo, che propriamente par che el casca da tutte le bande. E mia fia? Oh! anca ela no la pol dir de no esser fia de so pare; la [p. 418 modifica] xe una gnegnè10 co fa elo11. A mi no la me someggia seguro. Mi, per diana de dia, no me perderave, se fusse in mezzo un’armada. (parte)

SCENA V.

Camera di Todero.

Todero e Gregorio.

Todero. Vegnì qua mo, sior.

Gregorio. La comandi.

Todero. Saveu cossa che v’ho da dir? Che son sta in cusina, che ho visto un fogaron del diavolobp, che le legne no i me le dona, e che no vôi che se butta susobq in quella maniera.

Gregorio. Ah! la xe stada ela in cusina?

Todero. Sior sì, son sta mi. Cossa voressi dir?

Gregorio. Mi no digo gnente; ma co son vegnù a casa da spender, ho trova el fogo desfatto, la carne no bogiva, e ho crià co la serva.

Todero. No se pol far boger una pignatta senza un carro de legne?

Gregorio. Come vorla che la bogia con do stizzetti?

Todero. Suppièbr.

Gregorio. Mi gh’ho cento cosse da far, no posso star miga là tutta la mattina a suppiar.

Todero. Co no ghe sè vu, che vaga a suppiar la masserabs.

Gregorio. Anca ela l’ha da far i letti, l’ha da scoarbt, l’ha da laorar.

Todero. Co no pol la massera, che vaga in cusina mia nezzabu, che ghe vaga so mare. [p. 419 modifica]

Gregorio. Figurarse, se ele voi andar in cusina!

Todero. Co no ghe xe nissun, disèmelo, che anderò a suppiar mi.

Gregorio. (Che el suppia quanto che el vuol, mi un de sti dì me la batto)bv.

Todero. Chi ghe xe adesso in cusina?

Gregorio. Per adesso ghe xe Cecilia.

Todero. Mio fio dove xelo?

Gregorio. Za un poco el giera in camera co la patrona.

Todero. Coss’è sta patrona? In sta casa no ghe xe altri patroni che mi. Cossa faveli in camera?

Gregorio. Giera la portiera tirada su; cossa vorla che sappia mi?

Todero. Dove xe la putta?

Gregorio. In tinello.

Todero. Cossa fala?

Gregorio. La laora.

Todero. Cossa laorela?

Gregorio. M’ha parso che la mettesse i doppioni a una camisa12.

Todero. Sior Desiderio ghe xelo?

Gregorio. Sior sì, el xe in mezzà13.

Todero. Cossa falo?

Gregorio. Mi ho visto che el scriveva.

Todero. E el putto?

Gregorio. El xe in mezzà co so pare.

Todero. Scrivelo?

Gregorio. Mi no so dasseno, no gh’ho abbadà.

Todero. Andeghe a dir a sior Desiderio, che el vegna qua.

Gregorio. La servo. (in atto di partire)

Todero. E po andè in cusina.

Gregorio. Adesso no gh’ho gnente da far in cusina.

Todero. Mettè suso i risi.

Gregorio. A sta ora ho da metter suso i risi? Vorla disnar avanti nona14? [p. 420 modifica]

Todero. Voggio disnar all’ora solita. Ma i risi i se mette suso a bonora, acciò che i cressa, acciò che i fazza fazion15. Son sta a Fiorenza, e ho impara là come se cusina i risi. I li fa bogier tre ore; e mezza lira de risi basta per otto o nove persone.

Gregorio. Benissimo. La sarà servida. (Ma per mi me ne farò una pignatella a mio modo). (in atto di partire)

Todero. Vardè cossa che fa mia niora e mio fio, e sappiemelo dir.

Gregorio. Sior sì, sior sì, ghe lo saverò dir. (Tutto sì; ma la spia no la voggio far). (parte)

SCENA VI.

Todero, poi Desiderio.

Todero. Nissun fa gnente in sta casa. Mio fio xe un alocco; le donne no gh’ha giudizio. Se no fusse quel bon galantomo de sior Desiderio, poveretto mi. Son vecchio; certe fadighe no le posso più far; gramo mi, se nol fusse elo; el xe un omo attento, el xe un omo fedel, el xe nato in tel paese dove che son nato anca mi; el xe anca, alla lontana, un pochettin mio parente: avanti che mora lo voggio beneficar. Ma no voggio miga, per beneficarlo elo, privarme mi: che son vecchio xe vero, ma posso viver ancora dei anni assae; ghe n’è dei altri che xe arrivai ai cento e quindese, ai cento e vinti, e no se sa i negozi come che i possa andar. Troverò ben mi la maniera de beneficarlo senza darghe un bezzo del mio. Velo qua. No vôi per altro che el creda che gh’abbia bisogno de elo, no vôi che el se insuperbissa. Lo voggio beneficar; ma vôi che el laora, e che el se sfadiga.

Desiderio. Son qua, cossa me comandela?

Todero. Aveu fenio de metter zo la scrittura?

Desiderio. Ghe son driobw. Ma no ho podesto gnancora fenir. [p. 421 modifica]

Todero. Cossa diavolo feu? In cossa ve perdeu? No fe gnente.

Desiderio. La dise che no fazzo gnente? Me par de far qualcossa. Mi a Rialtobx, mi in Piazza, mi a Palazzo16, mi a scuoderby, mi a pagar...

Todero. Via, via; andemo drio fin domattina?

Desiderio. Mo, caro sior Todero....

Todero. Sior Todero, sior Todero! Una volta ve degnevi de dirme sior paron.

Desiderio. La compatissa; me par, secondo el bon ordene mercantil, che le incombenze che la m’ha onorà de darme...

Todero. Chi magna el mio pan, m’ha da respettar.

Desiderio. La m’ha onora de ametterme alla so tola17.

Todero. Ma mi son el paron.

Desiderio. L’ha avù anca la bontà de dirme, che semo un pochetto parenti.

Todero. Se fussimo anca parenti più de quel che semo, son paron, e voggio esser tratta da paron.

Desiderio. Benissimo. Da qua avanti ghe dirò sior paron.

Todero. Dove xe vostro fio?

Desiderio. In mezzà, che el copia le lettere.

Todero. Gh’alo voggia de far ben quel putto?

Desiderio. Mi me par de sì.

Todero. E mi ho paura de no.

Desiderio. Vizi nol ghe n’ha certo.

Todero. Se nol ghe n’ha, el ghe ne pol aver.

Desiderio. Mi no so cossa dir, mi noi lasso praticar con nissun.

Todero. Quanti anni gh’alo?

Desiderio. Disdott’anni.

Todero. Maridèlobz.

Desiderio. Con che fondamento vorla che lo marida?

Todero. Lo mariderò mi. [p. 422 modifica]

Desiderio. Caro sior paron, certo, che se ela volesse, la poderia darghe stato, la poderia far la sorte de quel povero putto.

Todero. Sior sì, lo mariderò mi.

Desiderio. Ma senza impiego chi vorla mai che lo toga?

Todero. Lassème el pensier a mi.

Desiderio. No credo mai che la ghe vorrà dar una putta ordenaria. Semo pover’omeni; ma gnanca per questo...

Todero. Tasè là.

Desiderio. No parlo.

Todero. Saveu chi ghe voggio dar?

Desiderio. Mi no saverave.

Todero. Mia nezza.

Desiderio. Siora Zanetta?

Todero. Sior sì. Mia nezza Zanetta.

Desiderio. Oh! se contenterali so sior pare e so siora mare?

Todero. Son paron mi.

Desiderio. La vederà che nasserà dei sussuri.

Todero. Son paron mi, ve digo.

Desiderio. Mi, la me compatissa, no vôi che per causa mia...

Todero. Seu stufo de star con mi? Gh’aveu voggia che ve manda a bon viazo18?

Desiderio. Mi no so cossa dir. Ela sa, ela vede, la fazza ela, mi me rimetto in ela.

Todero. Mia muggier m’ha dà siemile ducati. Mia niora ha portà in casa siemile ducati. Xe giusto che anca mia nezza gh’abbia siemile ducati.

Desiderio. Caro sior Todero...

Todero. Coss’è sto sior Todero? Siben che mia nezza sarà muggier de vostro fio, credeu de no averme da dir sior paron?

Desiderio. Sior sì, tutto quel che la vol.

Todero. (Per adesso lo voggio tegnir un poco basso).

Desiderio. E cossa vorla che fazza mio fio?

Todero. Che el tenda al mezzà, che el se arleva sotto de vu, perchè a una vostra morte el me possa servir, come che fe vu. [p. 423 modifica]

Desiderio. (El gh’ha intenzion che mora avanti de elo).

Todero. Tegnirò la dota in tel mio negozio; ve pagherò el tre per cento; el pro della dota servirà per pagarme le spese della muggier.

Desiderio. E come vorla che i se vesta?

Todero. No xeli vestii? Vedeu sta veladaca? Xe undes’anni che me l’ho fatta, e la xe ancora che la par nova.

Desiderio. E se vegnirà dei puttei?

Todero. No parlè altro, no me secchè. Ho pensà a tutto, ho previsto tutto. Credo che me cognossè, credo che lo sappiè che no son un can, che no son un spilorza; diesi ducati più, diese ducati manco... no varderò de spenderli, se bisogna.

Desiderio. Diese ducati più, diese ducati manco?

Todero. Ande in mezzà, andè a fenir de metter zo la scrittura, e stè zitto, e no parlè co nissun. Mia nezza sposerà vostro fio.

Desiderio. Mi no so cossa dir. (Orsù, mi fazzo conto de lassar correr. Se el ghe dà la putta con siemile ducati de dota, co la sarà fatta, la discorreremo). (parte)

SCENA VII.

Todero, e poi Pellegrin.

Todero. Sior sì, in sta maniera no dago fora i bezzi della dota. Za la putta, se la sta in casa, bisogna che la mantegna, e obligo pare e fio a star con mi, e a servirme come vôi mi. Se nasserà dei fioi, qualcossa sarà. Se i sarà maschi, i vegnirà grandi, i me servirà. I manderò fora in tei mi loghi19, i me servirà da fattori. Co Desiderio no sarà più bon, i starà in mezzà con Nicoletto. Xe meggio sempre aver in casa della zente de cuor.

Pellegrin. Sior pare, patron.

Todero. Sioria. [p. 424 modifica]

Pellegrin. Se la xe contenta, ghe vorave parlar.

Todero. Coss’è, sior? Piove?

Pellegrin. Per cossa?

Todero. Chi v’ha insegnà la creanza de vegnir a parlar con vostro pare col cappello in testa?

Pellegrin. La compatissa. (sì cava il cappello)

Todero. Cossa gh’aveu da dirme? Qualche strambezzocb de vostra muggier?

Pellegrin. Sior no, ghe vorave parlar de mia fia.

Todero. Cossa ghe casca a quella sempiacc?

Pellegrin. Perchè mo ghe diselo sempia?

Todero. Perchè la xe una sempia; e perchè son paron de dir quel che voggio: gh’ala gnente in contrario, patron?

Pellegrin. Mi no digo gnente.

Todero. Cossa volevi dirme de vostra fia?

Pellegrin. Ghe saria una bona occasion de logarlacd.

Todero. La xe logada.

Pellegrin. La xe logada?

Todero. Sior sì; fe conto che la sia maridada.

Pellegrin. Senza che mi sappia gnente?

Todero. In sta casa comando mi.

Pellegrin. E mia muggier lo sala?

Todero. La lo saverà, quando vorrò mi.

Pellegrin. Caro sior pare, no vorria che nassesse qualche desordene.

Todero. Che desordeni voleu che nassa?

Pellegrin. Mia muggier ha promesso la putta a un certo sior Meneghetto Ramponzoli.

Todero. Vostra muggier l’ha promessa? E gh’ave stomegoce da soffrirlo? E gh’avè tanta poca prudenza da dirlo? Da quando in qua le donne ale da torse sta libertà de comandar, de disponer, de prometter le fie? A vu le ve la pol far, che sè un pezzo de giazzo vestio da omo. Ma mi no la tegniròcf. [p. 425 modifica] Comando mi, son paron mi, e la veggio maridar mi. E vu, sior, cossa diseu?

Pellegrin. Mi no digo gnente. Me despiase per mia muggier.

Todero. Diseghe che la vegna a parlar con mi.

Pellegrin. La diga, sior pare, poderavio almanco saver chi xe el novizzo, che l’ha destinà per mia fia?

Todero. Lo saverè cocg me parerà a mi.

Pellegrin. De diana! finalmente po son so pare.

Todero. E mi son el pare del pare, e son paron dei fioi, e son paron della nezza, e della dota, e della casa, e de tutto quello che voggio mi. (parte)

Pellegrin. Oh poveretto mi! adesso sì stago fresco. Cossa dirà mia muggier? Son tra l’ancuzenech e el martello. No so quala far. M’anderave a sconder. M’anderave a buttar in canal. (parte)

SCENA VIII.

Camera di Marcolina.

Marcolina e Fortunata.

Marcolina. Brava, siora Fortunata; la xe tornada presto. Me portela delle bone nove?

Fortunata. Per mi bonissime. E ela che nove me dala?

Marcolina. Oh! no gh’oi ditto, cara ela? Ho parlà con mio mario, e el xe contentissimo.

Fortunata. E el vecchio?

Marcolina. Al vecchio ghe xe andà a parlarghe so fio, e za, senz’altro, la fazza conto che la cossa sia fatta.

Fortunata. La putta sala gnente?

Marcolina. Siora sì, no vorla? Ghe l’ho ditto subito. Oh poverazza, la s’ha messo a pianzer dalla contentezza.

Fortunata. Possio vederla mi, siora Zanetta?

Marcolina. Oh! cossa che la dise! la chiamo subito.

Fortunata. La diga. Ho menà con mi una persona. Me dala licenza che la fazza vegnir avanti? [p. 426 modifica]

Marcolina. Che persona xela?

Fortunata. Eh! via, siora Marcolina.

Marcolina. Ah! furbacchiotta, veh! t’ho capio.

Fortunata. Se no fussimo avanzai come che semo, no me torave sta libertà.

Marcolina. Via, via, no xe sottoscritto el contratto, ma i xe promessi in parola; la lo fazza vegnir, che la xe patrona.

Fortunata. Lo chiamerò; intanto la fazza vegnir la putta.

Marcolina. La farò vegnir. Ma me par che voggia la convenienza, che el parla prima con mi.

Fortunata. Sì, sì, la gh’ha rason; dasseno la gh’ha rason. Adesso ghe digo alla donna, che la lo chiama. (s’accosta alla scena)

Marcolina. No crederave mai che mio missier fasse qualche scena. Veramente la xe vegnua siora Fortunata più presto che no credeva. Basta, son mi in te l’impegno, e nassa quel che sa nasser, la mia parola la gh’ha da valer.

Fortunata. La vederà, se el xe un putto de sesto.

Marcolina. I soici coss’ali ditto?

Fortunata. Oh! contentissimi. I xe fora de lori dalla contentezza.

Marcolina. Quando gh’ali intenzion de voler dar la mancj?

Fortunata. Oh! credo mo che i gh’abbia gusto, che quel che s’ha da far, el se fazza presto.

Marcolina. Per mi, più presto che i fa, i me fa più servizio.

Fortunata. Velo qua, velo qua. Cossa disela?

Marcolina. Pulito, dasseno, el me piase.

Fortunata. Che el resta servido, sior Meneghetto.

SCENA IX.

Meneghetto e dette.

Meneghetto. Patrone mie riverite.

Marcolina. Serva umilissima.

Fortunata. Védela, sior zerman? Questa xe siora Marcolina, mare de siora Zanetta, che sarà la so sposa. [p. 427 modifica]

Meneghetto. Confesso non esser degno de sta fortuna. Son pien de debito con siora zermana, che s’ha compiasso de procurarme sto onor; e podere chiamarme felice, se arriverò a meritarme el so benigno compatimento.

Marcolina. Veramente la fortuna xe mia d’aver un zenero cussì cortese, e sarà fortunada mia fia d’aver un sposo cussì gentil e compito.

Meneghetto. La prego, (vuol prender la mano a Marcolina, per baciargliela.)

Marcolina. Cossa fala?

Meneghetto. La supplico. (come sopra)

Marcolina. Non la s’incomoda.

Meneghetto. La permetta un atto del mio rispetto, e la se degna de accettarme, no solamente per zenero, ma per fio.

Marcolina. (Propriamente el me intenerisse).

Fortunata. Sentela, siora Marcolina? Cossa gh’oggio ditto?

Marcolina. Certo el xe pien de spirito e de bona grazia.

Meneghetto. La prego de no confonderme con troppa bontà.

Marcolina. Me despiase che mia fla... se volemo, gh’ha del talento, ma no la xe gnancora... come sarave a dir, desmissiadack.

Meneghetto. Eh, la xe zovene, avezza a star retirada; le idee xe ancora confuse; col tempo le se svilupperà.

Fortunata. Oh sì, la gh’averà un bon maestro; la se farà.

Marcolina. La senta. Bona la xe certo. Per bona ghe la dago e ghe la mantegno.

Meneghetto. Co la xe bona, de più no saverave desiderar. Cossa ghe xe de meggio a sto mondo della bontà, della pase, della bona armonia?

Marcolina. (Oh! siestu benedetto. Parlo quell’alocco de mio mariocl?)

Fortunata. Mo via, siora Marcolina, la ne fazza sta grazia, la lazza che riverimo siora Zanetta.

Marcolina. Zanetta, vien de qua, fia mia. [p. 428 modifica]

SCENA X.

Zanetta e detti, poi Pellegrin.

Zanetta. Cossa comandela?

Fortunata. Patrona, siora Zanetta.

Zanetta. Patrona.

Fortunata. (Ah! cossa ve par?) (a Meneghetto)

Meneghetto. (Più bella ancora darentecm, che da lontan). (a Fortunata)

Marcolina. (Cossa distu? Te piaselo?) (a Zanetta)

Zanetta. (Eh! nol me despiase). (a Marcolina)

Marcolina. (Eh sì; so che ti l’ha visto dell’altre volte). (a Zanetta)

Zanetta. (Mi! quando?) (a Marcolina)

Marcolina. (Sì, sì, caretta, no parlemo altro). (a Zanella)

Fortunata. (Via, diseghe qualcossa). (a Meneghetto)

Meneghetto. Permettela che abbia l’onor de umiliarghe la mia servitù? (a Zanetta)

Zanetta. Patron riverito.

Meneghetto. E po, permettela che possa congratularme con mi medesimo dell’acquisto che son per far, de una sposa piena de tanto merito e de tanta bontà? Che possa assicurarla della mia stima, del mio amor e del mio rispetto?

Zanetta. Cognosso la mia ignoranza, e me vergogno a no saver responder come vorria. Mi no posso dir altro, se no che la ringrazio della so bontà; che la prego de compatirme, e che farò de tutto per meritarme el so compatimento e el so amor. (a Meneghetto)

Fortunata. (Via, via, no la s’ha portà tanto mal), (a Meneghetto)

Meneghetto. (Siora sì, se ghe vede una verità, un’innocenza; la gh’ha un no so che, che me penetra, che me pol).

Marcolina. Oh! vegnì qua, sior Pellegrin.

Pellegrin. Chi elo sto sior?

Marcolina. El novizzo de vostra fia. [p. 429 modifica]

Pellegrin. (Oh poveretto mi!)

Meneghetto. El pare della mia sposa? (a Fortunata)

Fortunata. Sior sì, giusto elo al xe.

Meneghetto. La permetta che abbia l’onor...

Pellegrin. Grazie, grazie, patron. (Sentì una parola). (a Marcolina)

Meneghetto. (Cussì el me riceve? Mi no capisso gnente).

Marcolina. Cossa gh’è? (agitata, a Pellegrin)

Pellegrin. (Mio pare no vol; el la vol maridar elo; el dise che el l’ha promessa, el cria, el strepita; se el sa, se el vien de qua, poveretti nu!) (a Marcolina)

Marcolina. (Zitto, che no i sappia gnente, per amor del cielo).

Fortunata. Coss’è? Ghe xe qualcossa da novo? (a Marcolino)

Marcolina. Eh! gnente, gnente. Anderà tutto ben.

Fortunata. Via donca, sior Pellegrin, za che el xe qua, che el daga parola anca elo a sior Meneghetto de darghe so fia, e de darghe siemile ducati de dota, come semo restai d’accordo.

Pellegrin. Mi no so gnente.

Marcolina. Come! no savè gnente? (a Pellegrin)

Pellegrin. No so gnente, e no ghe ne vôi saver gnente.

Fortunata. Siora Marcolina, cossa xe sto negozio?

Marcolina. Mi ho dà la parola, e mi la mantegnirò.

SCENA XI.

Gregorio e detti.

Gregorio. Sior patron, siora patrona, el patron vecchio xe in tutte le furie. El voleva vegnir de qua. El correva, el xe cascà, el s’ha fatto mal a una man. Son corso per agiutarlo, e el m’ha dà una spenta, che el m’ha tratto da qua a là. No so cossa el gh’abbia: mi ho paura che el deventa matto.

Marcolina. (Presto, andè de là, vardè, tegnilo, che nol vegna de qua a far strepiti, che nasserà un precipizio), (a "Pellegrin)

Pellegrin. (Vedeu, siora? No ve l’oggio ditto?) (a Marcolina)

Marcolina. (Causa vu, che no gh’avè spirito, che no gh’avè condotta, che gh’avè paura a parlar). [p. 430 modifica]

Pellegrin. (Sì! causa mi! Magneme ancora, che gh’avè rason. Andemo, vegnì via con mi). (a Gregorio, e partono)

Fortunata. Andemo, sior Meneghetto.

Marcolina. No so cossa dir, son cussì mortificada, che no gh’ho fià da parlar.

Fortunata. La compatissa; la sa cossa che gh’ho ditto. Avanti de impegnarse, se varda come che se se impegna.

Marcolina. Siora sì, quel che ha promesso, son donna capace de mantegnirghelo.

Fortunata. Chiaccole senza fondamento; andemo via de qua, sior zerman.

Marcolina. Se i vol andar, mi no i posso tegnir. Ma questo xe un affronto che la me fa.

Fortunata. L’affronto l’avemo recevesto nu. Patrona.

Meneghetto. Me despiase in te l’anema un contratempo de sta natura. Attribuisse tutto alla mia sfortuna. Bisogna che el cielo no l’abbia destinada per mi. Pazienzia: ghe son umilissimo servitor.

Marcolina. Patron. (sostenuta)

Meneghetto. Siora Zanetta, prego el cielo che ghe daga maggior fortuna.

Zanetta. Oh! caro sior, mi son una povera desfortunada. (piangendo)

Fortunata. Andemo, andemo. (a Meneghetto)

Meneghetto. Oh Dio! la pianze. (a Fortunata)

Fortunata. Me despiase, ma no so cossa farghe.

Meneghetto. Cara signora, la supplico de perdon. Da cossa mai xe nate ste novità? Ghe xe obietti centra la mia persona? Xe tolta de mira la mia fameggia? Credeli che el mio stato e la mia condizion me fazza esser indegno de imparentarme con lori?

Marcolina. Nissuna de ste cosse, signor. Mio mario e mi semo persuasi de elo, della so casa, della so condizion, e sora tutto della so proprietà e della so bona maniera. Ma el satiro de mie messier, ambizioso de voler comandar...

Fortunata. Mi l’ho prevista, siora Marcolina; e la sa che ghe l’ho ditto, e ghe l’ho replicà, e ela ha abuo da dir... [p. 431 modifica]

Marcolina. Siora sì, mi son la stramba, mi ho fatto el malcn, e gh’ho torto mi.

Zanetta. E mi, poverazza, torrò de mezzo. (piangendo)

Meneghetto. Mo via, pussibile che no ghe sia rimedio? Tutte le cosse a sto mondo le gh’ha qualche difficoltà. Par che no se possa conseguir una bona fortuna senza l’accompagnamento de qualche spasemo, de qualche travaggio. Specialmente in tel matrimoni ghe xe sempre qualche desturbo, e po le cosse se giusta; e quel pochetto de amaro che s’ha sofferto, fa parer più dolce la consolazion delle nozze.

Fortunata. (Mo va là, fio mio, che ti gh’ha un discorso che t’innamori).

Marcolina. Che i me daga tempo, e i vederà se son capace de dir, de far e de mantegnir.

Meneghetto. Tempo; la dise benissimo, tolemo tempo. Mi no gh’ho sta pressa de maridarme. M’ho determinè a farlo, più per condessender ai mi20 genitori, che per propria mia volontà. Adesso che ho abù la fortuna de cognosser sta putta, me par che el cuor me stimola a farlo; e se dovesse aspettar, e patir, e sfadigar per averla, me par che sia tutto ben impiegà, per el merito de un tal acquisto.

Marcolina. Cossa diseu, Zanetta?

Zanetta. No so cossa dir. No posso far altro che raccomandarme al cielo, perchè el me conceda sta grazia.

Fortunata. Zerman, se vede ben che sè innamorà.

Meneghetto. Ghe par che sia innamorà? Co la lo dise ela, sarà cussì. Mi in verità no so dirlo, perchè non ho mai fatto l’amor. Subito che ho pensà a maridarme, ho desiderà d’esser capace de voler ben; sta signora me dà in tel genio, e me par che se la fusse mia, ghe vorave ben. Vedo che la me compatisse, che la me varda con qualche bontà, che la se rammarica per causa mia; e no la vol che spera dal tempo la [p. 432 modifica] nostra quiete, la nostra consolazion? Me raccomando alla prudenza della madre, me raccomando alla bontà della fia, dependerò dai so ordeni, dai so comandi, e ghe son umilissimo servitor. (parte)

Fortunata. Cossa disela, siora Marcolina?

Marcolina. Digo cussì, che se credesse de restar in camisa, voggio certo e seguro che al sia mario de mia fia.

Fortunata. El cielo ghe conceda la grazia. De sti putti, fia mia, ghe ne xe pochetti. La senta: la gh’ha rason che al xe mio zarman, da resto, son vadoa.... e per diana de dia, no me lo lasserave scampar. (parte)

Zanetta. Sentala, siora mare?

Marcolina. Ande, andè, fia, e raccomandeve da cuor.

Zanetta. Oh! son tanto desfortunada, che ho paura che nol me tocca. (parte)

Marcolina. Sì, se il cielo vorrà, el sarà too, e al ciel l’ha da voler, perchè el cielo vol le cosse giuste, e xe giusto che a una bona putta ghe abbia da toccar la grazia de un bon mario.

Fine dell’Atto Primo.


Note dell’autore
  1. Suocero.
  2. Pazzia.
  3. Che mette le mani per tutto.
  4. Camera destinata a mangiare in famiglia.
  5. Quanto prima.
  6. Cose strane insoffribili.
  7. Sciocco.
  8. Da collocare.
  9. Entrata, rendita.
  10. Che rende molto profitto.
  11. Come.
  12. Penare.
  13. Villano.
  14. Che si arricchisce, come i polli s’empiono la ponga, cioè il gozzo.
  15. Scioccherello.
  16. Finiamo.
  17. Collochiamo.
  18. Rimproverarmi.
  19. Specie di fogna.
  20. Scarpe di legno.
  21. Traffico stabilito.
  22. Perchè siete ingrognata?
  23. Per non dir maladetto.
  24. Un mondo di villanie.
  25. Così è.
  26. Frase bellissima derivata da un senso peggiore, e significa: vuole impacciarsi3.
  27. Taffettà nero, che portano in testa le Veneziane.
  28. Si figura che sia in tempo d’inverno.
  29. Per una spezie di superstizione, le donnicciuole accompagnavano con questo augurio gli annunzi della propria o dell’altrui salute.
  30. Grassa.
  31. Dio volesse.
  32. Termine amicale, come se dicesse: caro il mio bene, cara amica.
  33. Buonaccio, buono assai, compiacente.
  34. Voce in capitolo, cioè autorità di parlare ed agire.
  35. Lo stesso che per diana.
  36. Si maritasse.
  37. A sè.
  38. I bovi.
  39. Cugino.
  40. Il volgo dice un oracolo, per dire una cosa eccellente.
  41. Le figlie oneste e bene allevate in Venezia vanno coperte col loro zendale.
  42. Del giorno d’oggi.
  43. Buono, innocente.
  44. In danaro contante.
  45. Quando il contratto sarà concluso, stabilito.
  46. Domanda se i parenti dello sposo, secondo l’uso di Venezia, manderanno de’ bei vestiti alla sposa.
  47. Non cose grandi, di gran prezzo.
  48. In oggi bisogna fare qualche cosa di più, per uniformarsi al costume.
  49. Proverbio che significa: convien risparmiare.
  50. Avanzare.
  51. Sopra tutto, che vi sieno dei bei merletti.
  52. Detto, fatto, cioè presto mi spiccio.
  53. Ho piacere.
  54. Lo sposo.
  55. Cosa malfatta.
  56. Nemmeno.
  57. Ancora meno.
  58. I cugini.
  59. Barzelletta tirata dalla somiglianza del pesce anguella col pesce marsione.
  60. Andar in collera.
  61. Levate d’imbarazzo, cioè maritatela.
  62. Risvegliatevi, cioè prendete coraggio.
  63. Flemma, indolenza, timor panico.
  64. Pecore senza spirito.
  65. Che motivo.
  66. Proverbio: chi si rende pecora, si fa mangiare dal lupo, cioè si lascia sottomettere.
  67. Senza spirito.
  68. Gran foco.
  69. Che si mettano legne.
  70. Soffiate.
  71. La serva.
  72. Spazzar.
  73. Mia nipote.
  74. Vado via.
  75. Ci lavoro
  76. Piazza de’ mercanti, ch’è come la Borsa nei paesi stranieri.
  77. Riscuotere.
  78. Maritatelo.
  79. Giustacore.
  80. Sproposito.
  81. Sciocca.
  82. Collocarla.
  83. Cuore.
  84. Non lo soffrirò.
  85. Quando.
  86. Incudine.
  87. Cioè i suoi genitori.
  88. Fare lo sposalizio.
  89. Risvegliata, cioè in questo senso: è ancora timida.
  90. Pare egli quello sciocco di mio marito?
  91. Da vicino.
  92. Io ho fatto il male.
Note dell’editore
  1. Intendesi bottega da caffè.
  2. «Casa in cui non vorrei stare nè men dipinto, è una maniera nostra familiare detta esageratamente per mostrar disprezzo, avversione ad una casa»: G. Boerio, Dizion. del dialetto veneziano.
  3. Vedasi vol. VII della presente edizione, pp. 169 e 445; vol. VIII 159 e 172 ecc.
  4. Il vaso per riscaldarsi (scaldin, o caldanino) sotto i piedi o sia, come usava, sotto le gonnelle.
  5. Bianca e colorita come una mela rosa.
  6. Gioielli.
  7. Paio.
  8. Gran minchione, uomo da nulla: voi. II, 436 ecc.
  9. Quasi quasi.
  10. «Scipita, che non sa dir quattro parole» spiega Cesare Musatti (Spunti di dialetto venez. nella comm. Sior Todero Brontolon, estr. dall’Ateneo Veneto, genn.-febbr. 1912).
  11. Come lui.
  12. Dopion de camisa, «solino da mano e solino da collo, o collaretto»: Patriarchi e Boerio. Doppioni, solini: v. Cameroni, note al Sior Todero, in Capolavori illustrati di C. G., Trieste, 1857.
  13. Vedasi la nota del Goldoni nei Rusteghi, atto II, scena 4.
  14. «Campana del mezzodì, la quinta delle sette ore canoniche»: Cameroni, l. c.
  15. Perchè aumentino.
  16. Ai magistrati, in Palazzo Ducale: Cameroni, l. c.
  17. Tavola, mensa: v. Cameroni.
  18. «Che vi allontani da me»: Cameroni, l. c.
  19. «Nelle mie possessioni»: Cameroni, l. c.
  20. Nelle edizioni Pasquali e Zatta è stampato me'.