Fauna popolare sarda/Fauna popolare sarda

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Fauna popolare

../Miscellanea di dialettologia e toponimia italiana IncludiIntestazione 10 ottobre 2017 25% Da definire

Miscellanea di dialettologia e toponimia italiana

[p. 7 modifica]

FAUNA POPOLARE SARDA


Iscurtone m. log. = scorzone — animale favoloso della Sardegna (Cesarotti, vol. I, pag. 67). Dicesi che sia rettile venefico che abbia la coda di bronzo, mai veduto da alcuno. Ha comune colla voce italiana la derivazione che lo Zambaldi (Dizion. etim. ital., pagina 1124 B) seguendo il Diez pone della voce italiana d’etimologia incerta: scorza. Il Salvioni (A. G., XII) fa osservare, adducendo il lombardo scurço, il canavese scurço, scürs = serpente, biscia velenosa, il bergamasco scürs, scörs, sorta di biscia velenosissima che si crede il maschio della vipera (Tiraboschi) — lo spagnuolo escuerzo allato a escorzòn = rospo, che nell’Alta Italia il serpente nostrale, leggendario che sia o no, l’ha sentito descrivere come una bestia assai corta, così come è corto d’altra parte il rospo e però penserebbe ad una derivazione da * curtiu. [p. 8 modifica]Contengono nella fauna popolare sarda la nozione dell’it. babbo, sar. babbu dal lt. babbus i seguenti nomi d’insetti: Babbajola (Cagliari) = coccinella, damigella, madonnina, gallinella — babbajozzedda (Campidano Cagliari) = piccola blatta, cicindella campestre. Babballottedda (merid.) ~ piccolo bacherozzolo. Babballotteddu de centus peis (merid.) — onisco murario, porcellino dei muri — armaaillo. Babballotteddu di erba (Campid.) = centonia. Babballotted r u de mari (Cagl.) — sferoma di mare. Babballotti (mer.) — insetto, crostaceo, bacherozzolo. Babballotti de arriu (Campid.) — notonetta. Babballotti de centus peis (vedi babballotteddu). Babballotti de zerras (impetigine) (merid.) = meloe proscarabeo — maggiolino untuoso. Babbasori (il secondo elemento è probabilmente per soni = soror — sorella) — vedi babballotti. Babbauzzo de Bantu Juanne — coccinella pentatoma. Babboi de soli (Oristano) — cerambice. Babbu nostru (Tortoli) = ar madido. Babbirodda (Lanusei) = piccola cavalletta. Bibbiriola (Dorgali) — coccinella. Bobboi de acqua (Esterzili, prov. di Cagliari = notonetta, girino natatore. Bobboedda de acqua (vedi bobboi de acqua). Bobboi de fa = bruco della fava. Bobboi de India (Tempio) = cetonia metallica. [p. 9 modifica]— 9 — Bobboi de pisu (lt. pisum ) (Barbagia) — bruco del pisello. ’ Bobboeddu de arena — pulce di mare. Bobboeddu de mari (vedi sopra). Bobborucci (Lanusei) -- insetto. Bobborucci canacca (collana) — glomeride — pibia (Ozieri) = babbajola — pibiòla — - babbajola. Contengono invece la nozione di mamma — sar. mamma (dal lt. mamma ) quest’altri nomi : Mamma de ambidda (Ietterai, mamma di anguilla) — ditisco marginato — ditisco pisano — scarafaggio acquatico — idrofilo — ciabattino. Mamma de anguidda (sett.) (come sopra). Mamma de anguidda (merid.) (come sopra). Mamma de cocchi (lumaca) (Bosa) lumacone. Mamma de mungietta (Ietterai, mungietta è monachetta (merid.) == lumacone. Mamma de funtanedda (Lanusei) — calabrone. Mamma de fritta (freddo) (Bosa) — grillaccio. Mamma graida (gravida) (Tempio) = cavalletta verdona. Mamma rùgula (lt. * brucala) = bruco della farfalla. Mamma de sizzigorru (Oristano) = lumacone. Mamma de sonnu (Tortoli) = ninfa, crisalide. Mamma de terra (Lanusei) — millepiedi. Mammajola ~ babbajola. Dal latino mater c suoi derivati propagginano : Mardi (lt. matrem) (mer.) — scrofa, troja. Mardina (lt. matrinà) = cerva. [p. 10 modifica]— 10 — Mara de Vanghira (Alghero) == ditisco marginato. Merdona (che è pure mardona; cf. lo Spano, Biz. sar.-it., p. 309 — dal lt. matrona — per la grossezza del suo corpo che la distingue dal topo comune — sard. merid. : topi) — merid. ratto delle beccherie, sorcio delle chiaviche. Mardona de mar a = surmolotto — topo delle chiaviche. Mardona de mara = surmulotto — topo delle chiaviche. Mardona de teulada (tetto) — sorcio tettajolo. Merdona de cresura (siepe) = sorcio tettajolo. Merdona niedda = ratto nero. Pjduaxu gallina pratajola. È il lt. * prat ariti#. Pica = ghiandaia — lt. pica. Pica de mari = ghiandaia di mare. Come anche marrapiga — ghiandaja è da marra (zappa, dal becco con cui picchiano le piante), come anche marragau (mer. — merope o grottajone è un ipotetico * gavus per gavia e marra — zappa dal becco con cui a mo’ di zappa scavano il fango per pescare il loro cibo. Così : Marragau de mari a peis arrubius — rondine di mare. [p. 11 modifica]— 11 — Marragau de mari mannu — beccapesci maggiore. Marragau de mari a peis nieddus = beccapesci. Nappa = tela di ragno — dal lt. mappa che in ital. significa: tovaglia. Così a Ester zili — neperangiòlu è ragno (lt. mappa , araneolusj. Neperangiu — tela di ragno ecc. A Meana leperangiolu è ragnatela (med. deriv.). Dal nome Petrus — oltre a perru, sar. cane — d’evidente origine spagnuola è: Perdu fa (mer.) — braco della fava. Perdu fàba (Oliena) (lo stesso). Perdu piseddu — bruco del pisello. Perdu pischeddu (lt. * fiscellum) (Nuoro) = babbaiola. Da Giovanni (Johannes) — Joan de la vigna (Algh.) — Bumolpo della vite. In Piemonte i vermi in generale hanno il nome dal diminutivo di Giuàn — gianìn — riduz. di giuanin. Un composto di spatae aranea cioè ragno colla spada è ad Orzieri — ispadaranza : — vespa della sabbia. [p. 12 modifica]— 12 — Imbeccidda — occhio rosso — (uccello) — È il lt. imbecilla — stupido. Ischera a Bosa — esca di fango - nereide arenicola dei pescatori (verme) — Dal. lt. * escaria. A Sinnai (Cagliari) Franchillossu è = avoltojo barbato (da frangere + ossum) mentre, altrove, le ossa dello stesso animale vengono inghiottite e allora esso è: ingurt’ossu (lt. inglutfit)ossum ) . A Gavòi la lepre (lepre) si trasforma in un lepidottero così : Lepereddu - farfalletta, microlepidottero — lepere de caule — cavolajo. Mente di più naturale. Alla osservazione acuta del popolo non isfuggono certe analogie tra animale e animale. In Piemonte, p. e. la cavolaja è una gatta (cf. Flechia, A. G., II). Picca linna (Tempio) — Picchio verde (lt. picca Ugna — it. picchia legna) — Picchiaroni — picchio maggiore. Altrove lo stesso uccello è toccadorza — cioè picchiatrice dal tocare sardo che vuol dire oltre « toccare » anche « picchiare » — lt. * toccatoria. [p. 13 modifica]— 13 — Tocca terra — colandrino — Terrajola che in Puglia è tragnola (* terraneola). Derivano tutti da tremare per tremere : Tramadighe (Bosa) — nereide — Esca di fango. Tremolina (verme) (lt. * trematiceli, Tramarigia (Algh.) ha la stessa origine. Così: Tramurosa (Algh.) = torpedine (pesce) (lt. tremulosa) tremise (Carloforte) — (vedi tramadighe) — La stessa origine ha: Tvemuiau — pesce torpedine — tremulèa, tramulèa (Bosa) — torpedine — tremulosa (merid.) (lo stesso) — trimulirgia (Cagl.) (v. tramadighe). A Risei (Oristano) — bianchetto — isci (Oristano) — (lo stesso) si ha da confrontare con alice — sf. — sardella Et. incerta. Vien derivato dal lt. ìialec — salsa di pesce. Altri vedono, e meglio, in alice il greco aXuxYj o àXuxi’s — salamoia da ale, ~ sale (cf. Zambaldi, o. c., p. 35 E). Feridori — sparviere. Dal lt. feritorem — ■ lo stesso che feritore. Una variazione della stessa voce, che proponiamo ai romanisti è: vedidore — (m. s.) vedidore — smeriglio. Ossei 1 via mo, senza tanti pennacchi e fronzoli, [p. 14 modifica]— 14 — che il d per IV è un fenomeno fonetico assai interessante e frequente nel dialetto sardo. Occorre sovente di sentire dalla gente bassa che biascica qualche parola italiana, scambiare il suono della d per quello dellV. Suiga, a Cagliari, è la Nemesia — migaie, migaie scavatrice, migaie cementatrice. Suiga è da subigere * mbig’la lt. che, tra gli altri significati, ha pur quello di: lavorare il suolo, scavare, vangare, smuovere. Es.: subigere terram (Seneca) — segetes aratris (Cicerone) — terras fissione glaebarum (Cicer.) : terrae gremium mollitum atque subactum (Cicer.): scrobes subactae — smosse (Virg.) ed anche: intridere, stemperare, impastare, mescolare, rimenare: farinam (Cat.). In questo ultimo senso abbiamo in sardo : suighere (log.) e suiixiri (mer.). Sula FIGU (Lanusei) — blapo gigante (inset.) è: soffia fico (lt. subflare — soffiare, cioè: mangia fichi). Succella (piccione selvatico) (lt. (i)psa aucella per avicella). Pintus (merid.) — bacherozzolo (lt. pictosj — dipinti, perchè questi insetti appajono variegati. [p. 15 modifica]— 15 — Piberoni (pipario onem) — germano turco — pibingia (pipinea) — uccello delle tempeste — procellaria — pipingena = pavoncella. Si riconducono come il pippione it. : (lt. pipio onem) alla voce fondamentale pipa — in origine: zufolo o flauto campestre dal suono pi-pi che fanno gli uccelli. Surellu (log) — (mer.) — specie di sgombro; lt.

  • saurei lus versione letterale del gr. craup:5t che, oltre

a lucertola, è anche pesce: piccolo sgombro — in greco moderno pure xarjpo;). Il calabrese possiede le due forme greche. Difatti sauru (gr. aaòpo;i e zirru sono due pesci. Si confronti in francese oltre a : maquereau batard, gascon, gasconet, chicaron — saurei — piccolo sgombre. Lo Strudu sardo per stornello non può essere che una derivazione del greco crupouOóg (lt. struthus) — che in greco indica : ogni piccolo uccello — specie il : passero — passerotto. Strumbu — lumacone di mare (mollusco) lt. Strombus (dal greco axpójxS 05). Conca de moru (Ietterai.: testa dal lt. concila — [p. 16 modifica]— 16 — greco xÓYX^j) - (di moro) — saltimpalo — stiaccino, balestruccio. Conca d’ora — regolo — fiorrancino. Conca niedda = capinera. Concheddu (mer.) — muggine calamita. Concheddita (sett.) (lo stesso). Condì’ ’e denti (letter. : testa di dente) - piviere. Condì’ ’e malìu (iet. : testa di martello) — girino della rana. Condì’ ’e molla (merid.) — Lebia. Condì’ ’emazu (v. conch’ ’e mallu) (Gavoi) — effimera. Condì’ ir di (testa verde) — germano. Conchillu (It. conchillium) - (Orist.) trocco, naridola, caragolo. Conchillu liscia (Orist.) — cono del Mediterraneo. Conchilleddu (Orist.) — mitra, colombella. Conchizu (sett.) — (ut supra). Risalgono come Tit. chiocciola al greco xoyliac lt. coclea le seguenti voci sarde: Cocciula bianca — cuor di mare. Cocciaio bianca ricjada = noce di mare. Cocciula cabuzzola ~~ vongola. Cocciula de cascioni = cofano. Cocciaio de cau = (lt. cavimi) — tellina da fango. Cocciula de cau de mari biu — cattaro di mare. Cocciula de cau de spiaggia — tellina. Cocciula de flamini — unione. Cocciula de niaccara — miti la. Cocciula de marceddì — arsella nera. [p. 17 modifica]— 17 Cocciuta imbriaga — peparazzo di mare. Cocciuta gra.gallina — legume di mare. Cocciuta lada (lt. lata = larga) — vongola. Cocciuta muscula — sorbola di mare. Cocciuta niedda — arsella di mare. Cocciuta pellegrina — pettine. Cocciuta pellegrina de scoglia , — spondilo. Cocciuta romana — venere verrucosa. Cocciuta spinosa — spondilo. Coccoi (Bosa) — lumacone. Coccoi marina (sett.) caragolo di mare. Coccoidu (sett.) — lumacone. Coccoidu ’ e ranas (Cagliari) — lumaca terragnola. Coccoidu nudu — lumacone. Coccoidu pintu (Bosa) — elice. Coccoittu (Bosa) — lumachina. Coccolodde (Cagl.) — lumacone. Cocchitta — bozzolo. Giòcula (Algh.) — arsella. Giòcula plana (Algh.) — tellina. Gioga (Sass.) (lt. coclea) — lumaca. Gioga grussa (Gallura) — lumacone. Gioga colonna (sett.) — lumaca serpentina. Gioga marina (Sass.) — patella. Gioga minuda (Sass.) — chiocci oletta. Gioga minuda marina — lumachina marittima. Gioga minuda pischiddina — lumachina ombelicare. Gioga piana — plenorbe. Giochitta (Sass.) — lumachina. 2 [p. 18 modifica]Gioridda (Bosa) — lumachetta. Crocea (Nuoro) — lumaca vermicolore. Cuchet (Algh.) — nereide - arenicola dei pescatori, Corn’ in cùccuro (letter. — corno sul cucuzzolo) — pavoncella. Corv’ in palas (corno sulle spalle) (Nuoro). Scarabeo unicorno — corrincuccuru (lo stesso). Corra (lt. cornua ) — tritone — bucina marina. Corrinettu — (lo stesso), Corrixeddu de coraddu — dentale. Corixeddu (lt. * cornicellu) de mari (lo stesso). Corritolu — cervo volante. Corroina (Nuoro) (vedi corra). Corrovacca (lett. corno di vacca) (Oliena) (cf. il gr. Souftepoos e Morosi, A. G ., XII e babbaluga — lumacone. Corrovacca senza de stuggiu (stuggiu = astuccio — dal lt. studium) (Oliena) — limaccia. Corrovaccliedda (Planargia) — lumachino. Corni de mari — (vedi corra). Sizzigorru (Cagliari) — lumaca — li primo elemento sizzi o zinzi si deve riportare ad un * sinziri dal lt. cingere , da cui si spiega sinzillu — « cinto » — quasi

  • cingiculu — con c’1. legittimamente in 11. — zinzucinto

— zinza, incinta — zinziriola — festa della Concezione (cf. Guarnerio, Romania — Nota) — Perciò il nostro sizzigorru è così detto dal mettere fuori che fa, quest’animale le corna — cingere le corna. [p. 19 modifica]19 — Sizzigorru de coloru — lumaca serpentina. Sizzigorru boveri (lt. bovarius ) (Cagl.) — chiocciola corrugata. Sizzigorru nieddu — chiocciola vigliamola. Sizzigorru, sardu — elice vermicolare. Sizzigorru spollincu (spollincu è propaggine di spollài (mer) =. spogliare) — lumacone ignudo. Sizzigorru veru (vedi Sizzigorru sardu). Zingorra (?) (Cagliari) — anguilla acutirostro. Zinzigorru (Planargia) — cerambice. Dromilloni ^Orist.) — Tafano. Lo stesso che hit. « dormiglione ». Drumicciolu (Sassari) — crisalide. Un diminutivo derivato dal verbo « dormire ». Dottori (Cagl.) — Pulcinella di mare (ucc.). E un titolo onorifico (dottore) che probabilmente è stato pure dato dal popolo al « pipistrello » « tutturreri » (oliena) — al « rinofolo, ferro di cavallo » « tutturreri mannu » — al « pipistrello » « tutturreri minore », come lo mostrerebbe la parola dialettale « tutturare » (* doctorare) == mormorare, censurare. Soddi, soddi log. — larva della mosca vomitoria [p. 20 modifica]— 20 — cacchione — marmeggia — lt. sordes che dà puro in sardo « sorde » f. log. sordi (mer.) = sudiciume sorde (Bosa) — verme. Sorde mandigatore (it. mangiatore) — verme solitario — sorde de corru — larva dell’estro della pecora o del bue. Sonniga — crisalide, ninfa della farfalla — latino

  • somme 1 la. E vale — « sonnacchiosa » voce rappresentata

in sardo da sonnigosa agg. (mer.) (lt. * somnic’ losus , a, cum). Pispola — uccelletto un po’ più piccolo della lodola, nominato dal suono che fa ps — suono indistinto che imita il parlare sotto voce. Uguale origine ripetono le voci sarde: pispanta — panterana — pispanti de campu — pispola — pispoledda — calandra. Giumpaghe (Ozieri) — Punteruolo — calandra del grano — uguale a giompagu m. log. — verme piccolo del formaggio — derivato da giumpagare v. s. log. marcire del formaggio — da ricondursi a sua volta a giompere v. s. log. arrivare ■ — lt. compiere (cf. il greco ScaxeXsTv (sott. 65óv) — arrivare: ótcóts t) u5wp (BoóXoruo SiaxsXeaat, y) Tip oc, y^Xóv — Senof., Anab., 1. I, c. V., § 7). Deriv. giompidu = arrivato, [p. 21 modifica]— 21 maturo — giompimentu log. = maturità — placenta — secondina. Nel sardo meridionale « cumpiri » è pure « maturare ». Madischetta f. mer. — cutrettola. È un diminutivo del lt. mater (* matriscella cf. f’radi da fratrem) — come lo è pure « mardusea » (lt. * matrusca) - f. mer. = scrofetta — piccola troja. Abiargiu — merope — grottajorie — lt. * apearius (da apis). È anche apiolu da * apeolus, perchè mangia le api. Arrèxini (mer.) — isside ricino — zecca selvatica — zecca zigrinata — lt. ricinus. Arrenze (mer.) — bruco della farfalla dell’arnia o della cera — aberenza è abe erenza — erenza (manoscritti antichi - herencia) — arenzia è: stirpe, razza. Perciò aberenza è: stirpe, razza dell’ape — erenza è vocabolo spagnuolo: herenzia (m. s.). Cabizzòni — germano minore — lt. * capitio onem. Cabizza — svasso minore lt. * capìtia-am. [p. 22 modifica]— 22 — Adenacra — zecca canina — issode ricino — lt. (c)atenac’ la (diminutivo di catena) — per la composizione anatomica di questo insetto. Chiamasi pure: « cadenancia » (Lanus.) e la parola sarda anche in questo caso fa capo al lt. catena. Cadalani (Sassari) — Blatta. Lo stesso che: catalano. Potrebb’essere una voce ironica usata dai sassaresi per chiamare questo sozzo insetto col nome dei vicini algheresi di origine catalana. Cani criada (Ozieri) — Grillotalpa — È una imprecazione (cane creata) contro quest’insetto distruttore degli orti. Cardanca — vedi adenacra. Cipuddargiu — grillotalpa — lt. * caepullarius — cipollaio. Coipira (Sulcis) — cerambice — lett. : matura pera — perchè in sardo mer. « coiri » è: cuocere, maturare — lt. * cócère per coquere — Cf. anche in Cicerone: coda poma. [p. 23 modifica]— 23 — Coloru — colora — colubro — Biscia — lt. * colobra — varietà: Coloru a eoa de azzar giu (Meana) — colubro oard (lett.: colubro dalla coda d’acciajo). Colora nieddu colubro saettone — carbonario di Esculapio. Coloru pillonargiu — » (uccellatore) (mer.) coloru pizoninu (Sassari) — coloru puzonarzu (Nuoro) — colubro verde e giallo. Coloru de mari — ofisuro (pesce). Comunedda — anguilla acutirostro — ciecolina — lt. * communella (da communis). Cuaddu ammeu (Lanusei) = cabaddu de donnu deu (insetto) = grillo indovino — Ammeu è una riduzione di: donnu deu. Si chiama pure cuaddu engiu (?) (Esterzili). Ermedda (Barbagia Beivi) — Lombrico terrestre — lt. * vermella. Espiolu — calabrone — lt. * vespiolus. [p. 24 modifica]— 24 Gioganzinu (Gavoi) — girino nuotatore — (ins.) — Da giogare — lt. * jocoare — A Meana si chiama: giogulana — Danzana (da danzare) a Sulcis. Graddera (Isili) — galla della cinipide, gallinsetto ; galla della cinipe della foglia lett. * grallaria (da gralla = trampolo). Giaùrru — Berta minore — uccello delle tempeste — Procellaria. Questa forma è da ricondursi alla voce fondamentale gavia di cui è un derivato. Gragallu — manicajo, coltellaccio — cappa lunga — cannolicchio. Questo nome non è che un derivato della radice garg, garg da cui si spiegano Bit. : gargotta, gargozza — il frane.: gargouille — grondaja, ecc. — lo spag.: gorgomillera — gozzo, gorgozzule — strozza. Notiamo ancora: Gragalloni — lattaro di mare (mollusco). Gragallu — spatola (uccello). Griglia (Bosa) — Elatta — cf. Bit. « grillo ». [p. 25 modifica]— 25 — Laddera — vedi graddera. Ligadorza (Oliena) cabaddu de donnu deu — grillo indovino — lt. * ligatoria — (da ligo-are « legare »). Per quale caratteristica così lo si chiami non possiamo dire, Ietterai, è: « legatoja ». Loviavra (Tempio) — Scrofa — Scorgiamo nel secondo elemento il lt. apra. Non possiamo decifrare il primo: lo vi; a meno che non vogliamo intendere il lovi come derivante da un lt. lupa ad indicare non soltanto lupa , ma anche troja nel senso lubrico della parola ed in questo modo il lovi tempiese sarebbe sinonimo di « troja » che tale è appunto il nome della scrofa gravida ed estensivamente allattante. Orgiali (mer.) — strillozzo — ucc. da orgiu — (lt. hordeun) — mangiatore di orzo — (lt * hordeale). Orgiali de cannas — migliarino. Orgiali di denti — strillozzo. Orgiali de is cannisonis — (migliarino). Pan’ ’e colvu (Bosa) — ninfa — crisalide. Letter. pane di corvo. È un buon boccone pe’ corvi. [p. 26 modifica]- 26 Pilurzia — granchione — grancevola - granchio menade — E chiara la sua propaggine da peluria (cf. it. peluria) perchè questi crostacei appaiono coperti di molti peli. Pilurzia de arena — rancio di rena. Pilurzia de scoglia — Rancio di scoglio. Pilurzia perdosa (da perda = pietra, sasso) — granci porro. Saccaja (Sulcis) = arranali — lumaca — lt. ipsa r accaria (da vacca) — letter. « la vaccaja » — Abbiamo già veduto che per le sue corna questo mollusco trae i suoi nomi o dal bue o dalla vacca. Così : Babbaluca — corr’ ’e vacca, corr’ ’e vacchina. Salpi (Tempio) — Saettoue, colubro uccellatore, colubro verde e giallo — lt. serps. pem. — (cf. it. serpe). Sarrone (Sass.) — sorcio tettaiolo — topo da tetto — lt. * serro-onem. É quindi una grande sega (sard. serra) — dal lavoro, probabilmente, che fa. Sarroni de mari — miliobate. Serrani fGavoi) — Bruco della sfinge testa di morto (dalla figura). [p. 27 modifica]— 27 — Serrone — (log.) — oni (sett.) = Lombrico, verme che tarla la legna. Seju (Oliena) — Avannotto della trota. Lt. ipsum v e t’lum w e c’lum. Letterali il vecchio. In sardo logudorese, di fatti, vecchio è: beju e eju (cf. Spano, Diz. sarcl.-it.j pp. 116-200). È uno scherzo del popolo che chiama col nome di « vecchio » la trota nata nell’anno, avannotto , come potrebbe indicare^ secondo il Caix 0 Studi , ecc., 4), la voce derivata da « hoc anno ». (Il Diez invece la deriva da ab anno); oppure una derivazione dal lt. secus di sec’ lu per indicare l’ultimo. (cf. l’it. « sezzaio »)? Sasaja (sett.) — sasagia (Bosa) — Sisaja (Oliena) — blapo gigante — scarafaggio. Lontani come siamo dai luoghi dove queste voci suonano vive sulle labbra del popolo, dobbiamo ricorrere per questi nostri poveri studi, al vocabolario del Marcialis, il quale, raccogliendo con grandissima diligenza tutto quanto, in fatto di fauna popolare sarda, era possibile, era ben lungi dal pensare che un’esatta trascrizione di nomi, a lui, per quanto sardo (Cagliari) umanamente impossibile, sarebbe stata di grandissimo giovamento alla linguistica. Noi pertanto crediamo che il « sasaja » o « sisaia » e [p. 28 modifica]- 28 il « sasagia » abbiano ad essere trascritti con più esat tezza : sassaia sissaia e sassagia, per spiegare a lume di suoni, la loro derivazione dal lt. saxaria — voce che spiega a capello la caratteristica di questi insetti di cercare la loro dimora preferibilmente tra’ sassi. Scritta (Cagl.) — razza (pesce) — lt. scripta — così appare la sua ruvida pelle. Scritta lisa (liscia) (Cagl.) — razza monaco — Ad Alghero è: ascritta Siddu (Cagl.) — stella di mare — ofiura — stella cavallina — (Echin.) — Siddu in sardo è moneta antica — (lt. sigillimi) che doveva portare qualche stei a, donde sarebbe derivato il nome al pesce. Dal lt. seps — sepa — (gr. ar^) — piccola lucertola donde hit. sepa « sorta di lucertola solita a stare per lo più fra’ sassi (cf. Caix, SL, 555). Il Kòrting aggiunge che risale a questa voce anche lo spag. e portog. sapò — rospa botta. Da parte nostra aggiungiamo che appartiene alla medesima voce greca sazza luga, voce con la quale a Cagliari chiamano il « gongiloocellato », che, per quanto a me consta, ho sempre visto strisciare tra 7 sassi. Sazzaluga è pure a Cagliari l’arra [p. 29 modifica]— 29 — nali — oppure « limaccia ». Tutt’e due questa forme possono spiegarsi, a prescindere dal secondo elemento « luga » già riscontrato in babbaluga (Seulo) « limaccia, lumacone ignudo » che ebbi occasione di dimostrare in un mio opuscolo « Gli elementi greci nei dialetti sardi » , come derivazione dal greco, hanno dovuto subire Y influenza della voce babbaluga sovra addotta, come avviene di frequente in altre parole la cui spiegazione è resa possibile soltanto dal fenomeno linguistico dell’analogia. Seddas (Oliena) — verme solitario — Tenia — lt. sellas — cioè selle. Scurzone — vedi iscurzone. Malloru (merid.) — toro. E da connettersi con mascu (mer.) — maschi (log.) — montone, ariete — maschio al lt. masc’lus e propriamente alla voce fondamentale

  • masc’leorus.

Malloru giovanu — giovenco. Manteddata — averla maggiore — averla cenerina — piccola — lt. * mantellata (da mantellum). Manu de s’inimigu (Cagl.). Ranciutolo — Bernardo l’Eremita, Paguro — fletter.: mano del nemico). [p. 30 modifica]— 30 — Marta (sett.) — martora — let. martes — martula. Nel nome sardo si sente l’ influenza del nome della Santa (Marta). Moru cibuddu (Oristano) — grillo talpa, zuceajola — lett. moro delle cipolle. E pure chiamato « cibuddargiu ». Mummusùlu (Scimai) — mosca vomitoria. Riduzione di « bombu asulu asulu è « azzurro ». Bumbu ò dal lt. bombm. La mosca vomitoria è pure: musca asula. Macottu (Sass.) — strillozzo. È diminutivo di maccu — matto — lt. maccus (cf. Kòrting, Dlz. lat. rom., N. 4958). Marineei (Ozieri) — Idrometra (inset.) — letter. mari najo. Faneddu (Sass.) — montanello (ucc.). In italiano è pure : fanello — spiegato dal Mahn da * faginellus ed è un uccelletto che ha alcune macchie rosse nella fronte e nel petto ed alcune striscie bianche sulle ali. [p. 31 modifica]— 31 — Folfighes (Bosa) — forbicina — forfecchia — latino fcrfices — derio — folfighitta (come sopra). Forchidalide (log.) — invece risalire ad un lt. * furcitalis — idem (da furca) — forchidalide vuvula (oliena) — scorpione — vuvula è il lt. bubulus , a ì um da bos-ovis — forse dalle sue corna? Formiga (log.) — fromiga mer. (formicela) lt. formica. Formiga conchiruja — formica rossastra — formiga pizzigagiola (Meana) — Formica rossigna — rossastra — pizzi è « testa » — gagiola si spiega da

  • variola e variola da varius — che è « vajo », picchiettato,

di vario colore — e nel nostro caso, con prevalenza di rosso — come nell’ oraziano : varius autumnus purpureo colore. Formiga pizziruja (come sopra). Formiga cun sas alas — formiga maschia formiglieli (Ballao) — Larva di formicaleone. Futtientu — falco - (ucc.) — lettereral. fotti vento. Angesa (Orist.) — Meloe proscarabeo maggiolino [p. 32 modifica]untuoso (inset.) — È un nome di santa, (caso non infrequente nella fauna popolare) dato a quest’insetto: Agnese. La Tarantola dei muri è comunissima nellTtalia meridionale e centrale, ed è propria di tutto il contorno del Mediterraneo, e delle due isole. É stata trovata in Provenza, in Ispagna, in Barberia, nell’Egitto, nella Siria, in Grecia. Verosimilmente questo è l’animale che Plinio e i Latini chiamavano stellio-onem. i Greci (e lo stesso Plinio) ascalabotes. Oggi in tutta l’Italia continentale lo dicono « tarantola ». I Provenzali gli dànno il nome di « tarante ». A Nizza ha quello di « lagramua » (?). Gli Spagli uoli lo dicono garapate o carafata, o trasportano questi termini nel linguaggio comune per denotare ogni oggetto schifoso, importuno e malefico. (Cf. Giuseppe Gene, Storia naturale degli animali). Nel sardo il nome latino stellio ha un suo legittimo rappresentante nel vocabolo « pistilloni » (Cagliari), restando però un’ incognita la testa del vocabolo « pi », come resta nel vocabolo calixerta (lucertola) — Cagl. In Sicilia la voce denotante la tarantola (per non parlare di una parola abbastanza significante: « tignusu ») entra nel novero di quelle derivate direttamente dal greco ed è: sassamida uguale, del resto, alla calabrese, dal greco aa|ifita|jió0t, o aaxa|x:0tov, tut [p. 33 modifica] tutt’una coll’ebraico «schemamith» che Salomone nel cap. 3° de’ Proverbi pone fra le quattro cose «minima terrae sapientiora sapientium» — aggiungendo che «manibus nititur et moratur in altis regiis».

fine.

[p. 34 modifica]