I morbinosi/Atto IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto IV

../Atto III ../Atto V IncludiIntestazione 5 agosto 2019 25% Da definire

Atto III Atto V
[p. 413 modifica]

ATTO QUARTO.

SCENA PRIMA.

Orto all’uso della Zuecca.

Betta e Catte.

Catte. Za che no gh’è nissun, spazzizemo un pocheto.

Betta. Varda, no ghe parlar, se vien sior Giacometo.
So muggier xe tornada.
Catte. Dasseno?
Betta. In verità.
De lu no la se fida.
Catte. Che gran bestialità!
Lo savè, siora Beta, come che mi son fata.
Lo savè che coi omeni mi no fazzo la mata.
Toni xe assae sutilo: no lo voi desgustar.
Ma giusto co sta siora me la voria cavar.

[p. 414 modifica]

SCENA II.

Anzoletta e dette.

Anzoletta. Oe, no savè? Sta sera i vuol far un festin.

Catte. Baleremio anca nu?
Anzoletta. Poi darse un pochetin.
Betta. I darà anca da cena.
Anzoletta. Sì, ma nu no gh’intremo.
Betta. Quando che i dà da cena, qualcossa magneremo.
Catte. Mi me basta baiar.
Anzoletta. E mi gh’ho el mio dileto
A veder a fenir un certo negoziato.
Quela certa signora che no se sa chi sia,
I dise che la sposa un de sta compagnia.
Mi me par impussibile; ghe vederemo el fin.
Catte. Donca per le so nozze i farà sto festin.
Anzoletta. Poi esser.
Betta. Sì, seguro, e co ghe xe novizzi.
No ghe mancherà certo nè torte, nè pastizzi.

SCENA III.

Giacometto e dette.

Giacometto. Pute, bondì sioria.

Catte. Patron.
Giacometto. Bondì, fia mia. (a Catte)
Betta. (Oe, no ghe disè gnente, che so muggier ghe sia.)
La m’ha dito che tasa). (piano a Catte)
Giacometto. Coss’è? ghe parie in rechia?
Betta. No ghe posso parlar?
Giacometto. Eh, vu se volpe vechia.
Betta. Vecchia a mi?
Giacometto. Non intendo de parlar de l’età;
Digo che sè una dona, che el fato soo lo sa.
Betta. Certo no son minchiona.

[p. 415 modifica]

Anzoletta. Credeu che solamente

Le vostre Veneziane sia brave e sia valente?
Nualtre Zuechine lustrissime no semo,
Ma i nostri catareti (’) anca nu li gh’ averne.
Chi voi pute de sesto, s’ha da vegnir da nu.
Per aria e per bon gusto, Zuechine e pò no più.
Se se metemo in testa un galaneto, o un fior,
Sento che tuti dise: le fa cascar el cuor.
In materia de baio, per far de le furlane,
No ne poi impatar (2) gnanca le Veneziane.
Mi no parlo de mi, che mi no son de quele,
Ma su sta fondamenta le luse co fa stele.
Bei musi, bele vite, penini che inamora.
Se vedessi? ma tute no le voi vegnir fora.
La festa da Venezia vien via sti licardini (3),
I va da un cao a l’altro, facendo i paregmi (4),
Col codegugno niovo (5), col fazzoleto al colo,
Co la vita scavezza (6) a usanza de bigolo (7).
Varda, passa, saluda, i se voria butar (8),
Ma i sol trovar dei ossi duri da rosegar.
Stimemo un Zuechin più assae de un Venezian,
Volerne un mariner, volerne un ortolan.
Se no gh’avemo el gusto de star ala cita.
Ne piase più de tute la nostra libertà.
Giacometto. Care fie, mi ve lodo. Ma i omeni, me par,
Tuti ne li mesura l’istesso brazzolar (9).
Mi son un galantomo; cognosso el mio dover.
Anzoletta. Eh, vu faressi meggio tender a la muggier.
Giacometto. Che tendo a le so ore.
Betta. Cessa veleu, gramazzo?
Anca lu el vien a terse un poco de solazzo.
Xe vere che sta sera i fa un festin?
(I) Vol. XII. 494 ecc. (2) Far palla, competere: V. Boerio. (3) Zerbini. (4) Zerbini, vagheggini: vol. XII, 498. (5) « Specie di gabbano »: Palriarchi e Boerio. (6) Tronca,
ricurva. (7) Vol. XII, 127. n. 2. (8) Accostarsi, farsi presso, posarsi, dicesi specialmente degli uccelli: v. Patriarchi. (9) Vol. Il, 137.

[p. 416 modifica]

Giacometto. Se disc.

Betta. Fene vegnir a veder, care le mie raise (’).
Giacometto. Perchè no? Vederemo.
Catte. Se vegno, vói baiar.
Betta. E se i dasse da cena, voggio anca mi cenar.
Giacometto. Se no i volesse done, come è sta stamatina?
Betta. Che i voggia anca sta sera sta bela secadina?
Senza done no i baia; co le gh’è, le ghe sta.
Sè tuti galantomeni, savè la civiltà.
Anzoletta. Che bisogno ghe xe, che s’abia da cenar?
Betta. Tasè là, cara vu, no ve ne stè a impazzar.
Giacometto. Basta, farò de tuto, perchè vegnì anca vu,
E se i altri no magna, faremo tra de nu.

SCENA IV.

Tonina e detti.

Tonina. Bravo, sior Giacometo. Me piasè in verità.

Giacometto. No sè andada a Venezia?
Tonina. Dasseno che son qua.
Giacometto. Cara siora Tonina, andemo co le bone.
Tonina. Tuto el di v’ho da veder a star co ste frascone?
Anzoletta. Come parlela, siora?
Catte. Frascone la n’ha dito.
Betta. A nualtre frascone? Cossa credela?...
Giacometto. Zito.
Betta. Chi credela che siemo?
Anzoletta. Semo zente onorata.
Catte. E no semo de quele.
Betta. E cusì no se trata.
Tonina. Co sta bela insolenza se parla a una par mio?
Feme portar respeto: tocca a vu, sior mario.
Giacometto. Voleu aver creanza? (alle Zuecchine)
(I) Rahe. radici. Vol. XIII, 319 ecc.

[p. 417 modifica]

Anzoletta. Eia n’ha strapazza.

Giacometto. Se parla con maniera. (a Tonino)
Tonina. Mandele via de qua.
Giacometto. Ande via. (alle Zueccbine)
Catte. Semo in orto, e ghe volemo star.
Tonina. Fè che le vaga via. (a Giacomello)
Giacometto. Se no le voi andar, (a Tonino, con collera)
Tonina. Donca vegnì con mi.
Betta. Vardè che bel mano!
Giacometto. Cossa aveu dito?
Betta. Gnente.
Catte. Ande, coreghe drio (’).
Anzoletta. Povero pampalugo.
Tonina. Andemio, o non andemio?
Giacometto. (Se ghe vago, i me burla).
Tonina. Sior mano, cossa Femio?
Giacometto. (E se no vago, è pezo).
Tonina. Si, ve lezo in tei cuor.
Ve cognosso ala ciera, che gh’avè del brusor
Per causa de ste sporche...
Betta. Oh per diana de dia.
Cate. Coss’ è sto strapazzar?
Anzoletta. Coss’ è sta vilania?
Catte. Qua no ghe xe sporchezzi.
Anzoletta. Eia s’ala insporcà?
Betta. La se vaga a netar....
Giacometto. Zito, per carità.

SCENA V.

Ottavio e Lelio travestili da marinari, e detti.

Ottavio. Cossa xe sto sossuro (2)?

(affettano il oeneziano, e lo parlano mole)
Lelio. Cossa xe sto fracasso?
(1) Corretele dietro. (2) Così il lesto.
Il

[p. 418 modifica]

Giacometto. (Sior Ottavio e sior Lelio, sì tolemose spasso).

Ottavio. Questa xe mia moggier. (accennando Betta)
Lelio. Questa ghe xe mia sposa.
(accennando Anzoletta)
Ottavio. Questa xe mia sorella. (accennando Calte)
Lelio. De Giacomo morosa.
Tonina. (Me vien suso el mio caldo).
Betta. (Bisogna segondar).
(piano a Calte e Anzoletta)
Giacometto. (I parla el venezian, ma no i lo sa parlar).
Tonina. Se una è vostra muggier, l’altra vostra sorela,
Disè, con mio mario cossa gh’ intrela quela?
(accennando Calle)
Subito andemo via. (a Giacomelto)
Ottavio. Come! el xe maridao?
Lelio. E el ghe xe vegnù qua per far l’inamorao?
Tonina. Sentìu? (a Giacomelto)
Ottavio. Cossa disìu? (a Giacomelto)
Giacometto. Mi no so cossa dir.
(Me vien da ghignazzar, no me posso tegnir).
Tonina. Ride, sior Giacomelto? Ancora me burle?
Giacometto. Mi no rido de vu.
Tonina. El bel omo che se!
Ottavio. Presto, andemo al festin. (a Bella)
Betta. Son qua, caro paron.
Lelio. Andemoghe anca nu. (ad Anzoletta)
Anzoletta. Se me volè, ghe son.
Lelio. E sta puta con chi ghe xanderala?
Betta. (Oh belo!)
Cate ghe xanderà col so caro fradelo.
Lelio. (Parlo ben veneziano?) (piano a Giacomelto)
Giacometto. (In venezian perfeto).
(piano a Lelio)
Ottavio, Che ghe dago la man la Cate a Giacometo.
Giacometto. Sentìu?

[p. 419 modifica]

Lelio. Cossa disìu?

Tonina. Chi xe sti papagai?
Ottavio. Semo do Giudechini, che ghe xe qua arivai.
Tonina. No, sto vostro parlar noi xe da Veneziani;
Me pare do foresti, pare do oltramontani.
Scoverzive chi se, ve prego per favor.
Ottavio. Mi ghe xe mariner.
Lelio. Mi ghe xe pescador.
Tonina. Col vostro mi ghe xe no me l’ave impiantada.
Mi ghe xe, mi ghe xe... la xe una baronada.
Co le donne civil no se trata così.
E ve lo digo in fazza.
Ottavio. Gh’ave rason, uì (’).
Tonina. Uì, sior Venezian?
Giacometto. Mo no vedeu, minchiona.
Che i xe do cari amici, che ve dà la baldona? (2)
Tonina. Ben, se i voi minchionar, se i gh’ha sta bela peca.
Che i vegna a minchionar quele dela Zucca.
Betta. Come sarave a dir?
Catte. Chi credela che siemo?
Betta. Burlar le Zuechine?
Catte. Per diana, no ghe stemo.
Anzoletta. No semo spiritose, come le Veneziane,
Ma gnanca no se femo piantar dele panchiane.
Ottavio. Eh scacciate, signora, codesta gelosia.
Lelio. Vi vogliamo guarire da tal malinconia.
Tonina. No la xe la maniera.
Giacometto. da f Cossa avemio ar.-"
Ottavio. Presto, andiamo al festino. (a Tonino)
Giacometto. Presto, andemo a baiar,
(a Tonino)
Tonina. No voi.
(1) Neil’ed. Pitleri è stampalo vi; nell’ed. Zaita e in altre unì. (2) Più comunemente boldona. • Maniera triviale, dar la balta o la berla. Adulare mescolandovi alquanto
di befia »: Boerio.

[p. 420 modifica]

Ottavio. Non c’è risposta (’).

Lelio. Ci dovete venire; siamo venuti a posta.
Giacometto. Mo via, cara muggier..
Tonina. Chi ghe sarà a sta festa?
Ottavio. Gente di ordin vari, ma tutta gente onesta.
Betta. Ghe saremo anca nu. (con aria grave)
Catte. Co nu la vegnirà.
Tonina. Oh, co ghe se vualtre, gh’ è al fior de nobiltà.
(ironico)
Anzoletta. Se no semo lustrissime, semo done da ben.
Catte. No me n’importa un bezzo, se con nu no la vien.
Lelio. Via venite, signora.
Ottavio. Non fate la ritrosa.
Lelio. Che volete di più? Vi sarà la mia sposa.
Tonina. Dasseno?
Lelio. Senza dubbio.
Tonina. Quando la xe cosi.
Co ghe xe la so sposa, posso esserghe èmca mi.
Ottavio. Brava, così mi piace.
Giacometto. Brava, muggier, andemo.
Vói che se devertimo, e voggio che balemo.
Ottavio. Faccia ogni uno di voi quello che faccio io.
Date mano a qualcuna. (dando mano a Betta)
Tonina. Mi voggio mio mario.
(cuoi dar mano a Giacometto)
Ottavio. Che mario, che mario? Ecco, così si fa.
(lascia Betta)
Un bracciere di qua, un altro per di là.
(Ottavio e Lelio prendono in mezzo Tonina, e la servono)
di braccio.
Lelio. Non sapete la moda? Io ve l’insegnerò.
Tonina. Con un poco de tempo anca mi me userò.
(parte con Lelio e Ottavio)
(1) Manca un settenario. L’ed. Zalta e altre così correggono: di Ton. No eòi, no
sicuro. Ott. Orsù non c’è risposta ».

[p. 421 modifica]

SCENA VI.

Betta, Catte, Anzoletta, Giacometto.

Betta. Le voi far le smorfiose, e pò co le ghe xe.

Le ghe sa star pulito.
Giacometto. Mi son solo, e vu tre.
A chi ghe daghio man?
Anzoletta. Cedo el logo ala puta.
(a Giacometto)
Catte. So caminar mi sola, senza che la me agiuta.
(a Giacometto)
Giacometto. Voleu vu, siora Beta? (a Betta)
Betta. Che el daga man a eia.
(accennando Catte)
Anzoletta. Che el serva la più zovene.
Betta. Che el serva la più bela.
Giacometto. Via, no ve fè pregar. (a Catte)
Catte. Za no andemo lontan.
(ritirando la mano)
Anzoletta. Cossa xe ste scamoffìe? (a Catte)
Betta. Eh, lasseve dar man. (a Catte)
Catte. No disè gnente a Toni.
Betta. No, noi lo saverà.
Giacometto. Andemo, puta bela. (dando mano a Catte)
Anzoletta. Oh per diana, el xe qua.

SCENA VII.

Toni e detti.

Toni. Come xela sta istoria?

Betta. Gnente, gnente, Tonin.
Semo anca nu con eia, la menemo al festin.
Toni. Cossa gh’intra sto sior?
Giacometto. Gh’ intro, perchè ghe son.
Anzoletta. Vardè ben che una puta sola no la par bon.

[p. 422 modifica]

Catte. Toni, mi no voleva.

Toni. No voggio tarocar,
No digo che ala festa no ve voggia menar.
E se una pula sola non ha d’andar cusì,
Senza che altri s’incomoda, la voi compagnar mi.
(la prende per mano, e la conduce via)
Betta. No li lassemo soli.
Anzoletta. Presto, andemoghe drio.
Giacometto. Donca co ste signore farò l’obligo mio.
(esibisce la mano a tutte due)
Betta. Grazie. (si fa dar braccio)
Anzoletta. Aceto el favor. (si fa dar braccio)
Giacometto. Posso dir stali e premi (’),
E ariverà ala festa un ceppano (2) a do remi, (partono)

SCENA VIII.

Sala da ballo.

Tutti disposti ai loro luoghi ballano vari minuetti, fanno poi una contradanza, e con questo termina l’atto. Frattanto che ballano, Lelio procura di star vicino a Brigida, e Ottavio procura lo stesso, e tormenta Lelio.

Fine dell’Atto Quarto.
(1) Voce comune de’ barcaioli. Premer, volgere la barca a mano sinistra (vol. II, 597);
slalir, volgerla a destra. V. Boerio. (2) Schifo, palischermo, lancia: Patriarchi e Boerio.