Malombra/Parte quarta/III

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Quiete

../II ../IV IncludiIntestazione 12 aprile 2015 100% Da definire

Parte quarta - II Parte quarta - IV
[p. 373 modifica]

CAPITOLO III.


Quiete.


— Come hanno fatto bene! Come hanno fatto bene! — ripeteva Marta correndo su per la scala della canonica a portar le valigette di Edith e di suo padre nelle stanze preparate per essi, a spalancar porte e finestre. Gridava dall’alto a don Innocenzo:

— È contento, mo? — Tornava giù in furia, tutta scalmanata, veniva a protestare che la canonica non era il Palazzo, che non avrebbero trovato questo, che non avrebbero trovato quello. Ardeva dalla voglia di dare un bacio a Edith, ma non osò. Steinegge, impolverato come una vecchia bottiglia di Bordeaux, protestava dal canto suo contro tanti complimenti, esclamando, giungendo le mani, gesticolando: e don Innocenzo, cui lucevano gli occhi dal piacere, gli dava ragione contro Marta, diceva di credere che sicuramente i suoi ospiti si sarebbero trovati bene in casa sua: altrimenti non li avrebbe pregati di venire. Allora Marta si voltava contro il padrone.

— Ma ha da dire queste cose Lei? Ma tocca a Lei dire queste cose? — Bene, bene — rispondeva il povero prete vedendola inalberarsi — via, via, chetatevi. — Oh bella — soggiungeva poi, volto agli Steinegge — ho visto che ha lavorato tanto, che ha preparata tanta roba!

Qui Steinegge esclamava daccapo, e Marta, disperata di aver un padrone simile, scappava in cucina per non perdergli il rispetto.

[p. 374 modifica]— Mi dica Lei, signorina — chiese don Innocenzo a Edith — ho detto male? Lo sanno anche Loro, non è vero, che sono un povero parroco?

— Noi gran signori amiamo qualche volta discendere — rispose Edith, scherzando.

La piccola casa rideva tutta. Non c’era granello di polvere sugli arredi nè sulle invetriate: le tendine di percallo bianco, appena lavate e stirate, diffondevano nelle stanzette una luce color di perla, mandavano odore di nettezza. Nel salottino da pranzo a pian terreno un passero solitario gorgheggiava festosamente fra le due porte che mettevano nell’orto; in mezzo alla tavola un vasetto di porcellana bianca portava dei fiori. Da quelle due porte, da ogni finestra della casa entrava il verde tenero della campagna, entrava un senso profondo di riposo per chi veniva dalla città e aveva ancora negli occhi il frastuono del treno, nelle ossa la stanchezza di una lunga corsa in carrozza. V’era tranquillità e pace perfino nell’alto canapè di vecchio stampo, nelle antiche incisioni giallognole del salotto, negli uccelli impagliati che nidificavano dentro due campane di vetro, sopra il caminetto dello studio. Anche l’orologio a pendolo fra le due campane, con la sua raucedine acuta e sfiatata di vecchione sordo, riposava lo spirito. E v’era, sotto a questo sorridere pacato della casetta, una castità verginale, senza sospetto, posata innocentemente in seno alla natura amorosa, aperta alla contemplazione della vita. La si leggeva perfino nella forma incomoda di certe suppellettili: perchè se tutto là dentro diceva pace e quiete, nè gli alti canapè stretti, nè le seggiole impagliate a spalliera verticale permettevano la voluttà del riposo spensierato e delle immagini vagabonde. Dallo studio, zeppo di libri, usciva uno spirito di austerità pensosa; cosicchè l’aspetto della casa rendeva immagine, in qualche modo, dell’aspetto di don Innocenzo, ilare, semplice, pieno di pensiero.

[p. 375 modifica]Questi era beato di aver seco gli Steinegge. Gli ravvivavano un po’ la solitudine di cui soffriva, in fondo, nella sua ingenua ammirazione della società moderna, nella sua passione per conversare di politica, di letteratura, d’ogni novità curiosa. Di Steinegge s’era innamorato di slancio; per Edith sentiva, specialmente dopo l’ultima sua lettera, un alto rispetto, misto però di soggezione. La fiducia di uno spirito così nobile lo sgomentava, quasi. Temeva di non sapervi corrispondere, di non poter afferrare certe finezze femminili, di non intender bene certe squisitezze di sentimento in cui bisognava entrare per consigliar quell’anima, per esercitare l’ufficio religioso che gli veniva chiesto. Sentiva in pari tempo un vago sospetto che vi fosse nell’ascetismo di Edith qualche cosa di eccessivo e di tenace da doversi combattere. Era insomma il suo compito attraente ma grave, di quelli che lo trasformavano, che lo facevano pensar con calma, parlar con misura, operar con cautela.

Prima ancora che Edith e suo padre salissero alle loro stanze, il parroco volle condurli, malgrado le osservazioni di Marta, a veder i rosai, le fragole e i piselli dell’orto. Il suo orticello gli pareva meraviglioso e se ne teneva: parlava del grossolano coltivatore come se il verde uscito dai pochi granellini sparsi sulle aiuole, e i fiori usciti dal verde, e i frutti dai fiori fossero tanti miracoli suoi. E ora Steinegge, un altro botanico profondo, spargeva a destra e a sinistra, sulle fragole e sui piselli, i suoi grossi complimenti, difendendosi con altri complimenti da Marta che gli veniva dietro per spazzolargli il soprabito. Edith s’indugiava a guardar distratta il verde un po’ freddo dei prati sotto il cielo nuvoloso, a odorar i bottoni di rosa. Puro odore pio! Faceva pensare alla preghiera d’un bambino. Ma don Innocenzo beveva voluttuosamente le profane lodi di Steinegge con dei: — Non è vero? Eh! dica la verità! — Dopo [p. 376 modifica]i piselli fece vedere a’ suoi ospiti le novità della casa. Prima — Veuillot — un passero solitario, chiacchierone impertinente, al quale era rimasto quel nomignolo dopo che un allegro prete, seccato dal suo cicaleccio continuo, si era voltato a gridargli: — taci, Veuillot. — E io mi godo di tenerlo in gabbia — soggiunse ferocemente don Innocenzo, raccontato l’aneddoto. Aveva pure a mostrare de’ nuovi tegami preistorici trovati scavando le fondamenta della cartiera, del gran dado bianco che si vedeva sorgere laggiù oltre i pioppi del fiumicello, in mezzo a una chiazza nerastra, a una piaga schifosa del verde. Don Innocenzo era ancora entusiasta della cartiera, forse anche un po’ per la scoperta dei suoi tegami. Passando per lo studio, Steinegge chinò un momento il capo a un libro aperto sullo scrittoio davanti al seggiolone di Don Innocenzo. Questo saltò lesto come un ragazzo a ghermire il libro e se lo strinse al petto, ridendo, rosso fino al vertice del cranio. Steinegge, rosso anche lui, fece le sue scuse.

— A Lei! A Lei! Vada là! Lo prenda, lo prenda! — rispose don Innocenzo porgendogli a due mani il libro che l’altro non voleva pigliare.

— Ah! — diss’egli, appena v’ebbe data un’occhiata — Mein Gott, Mein Gott! Non avrei mai creduto questo.

Era una grammatica tedesca.

— Taccia, vada là, vada là che non capisco niente! — esclamò don Innocenzo ridendo sempre; e gli ritolse il libro, lo gittò sullo scrittoio, vi posò su il suo berretto a croce e scappò a raggiungere Edith.

Adesso non c’era proprio più nulla da vedere e la casetta tornò silenziosa, perchè gli Steinegge si ritirarono nelle loro stanze al primo piano, mentre Marta stendeva la tovaglia.

Placido silenzio, interrotto appena dal tintinnìo delle posate di Marta, da qualche passo pesante sulla stradicciuola di là dall’orto. Edith era felice di sapersi così [p. 377 modifica]lontana da Milano, in mezzo a tanta quiete e a tanto verde, come ella stessa aveva scritto; e, nel disfare la valigetta, chiamò suo padre, gli domandò s’era contento. Egli venne dalla sua camera con la cravatta in mano e gli occhietti scintillanti. Altro che contento! Edith gli fece vedere due bei bottoni di rosa in un bicchiere posato sul cassettone e un volume di Lessing: Nathan der Weise. Li aveva anche suo padre i fiori sul cassettone e aveva la storia della guerra dei trent’anni di Schiller in tedesco. Che gentilezza di quel don Innocenzo e che accoglienza cordiale! A Edith pareva un po’ invecchiato; a Steinegge no. E Marta, che cordialità, povera donna! Si scambiavano le loro impressioni a bassa voce, mentre Edith disponeva nel cassettone la sua roba. Aveva portato alcuni libri tedeschi e italiani, ma non — Un sogno. — A suo padre che si dolse un poco di questa omissione, ella non rispose parola; gli passò invece una mano sotto il braccio, lo trasse alla finestra che guardava l’orto, la stradicciuola, i prati, i pioppi lontani dal fiume, le colline al di là e tanta distesa di nuvole bianche.

— Mi par d’essere una fanciulla — disse Edith — e trovarmi la sera nel mio letto dopo essermi smarrita il giorno fuori di casa, e aver pianto, aver provate tante angoscie. Non ti senti, papà, meno straniero qui che a Milano?

Qualcuno parlava nell’orto. V’era don Innocenzo con una vecchia contadina che si lagnava, piagnucolando, della sua nuora. Il parroco cercava di chetarla; allora la vecchia cominciava, chinando il capo, un’altra storia più segreta ed egualmente triste che don Innocenzo interrompeva con dei bene bene soddisfatti, come se a questo nuovo malanno gli fosse più facile trovar il rimedio. Le cacciò di fretta in mano alcune monete e la mandò via bruscamente.

— Che strega quella donna lì! — disse Marta di dentro. — Spero bene che non le avrà dato niente.

[p. 378 modifica]— Che vi viene in testa? — rispose don Innocenzo.

— Anche le rose, anche i libri tedeschi — disse Steinegge dalla finestra. — Questa è troppa attenzione, signor curato. Noi non sappiamo...!

— Oh, son libracci vecchi di casa mia. Vengano giù, vengano giù che si desina subito.

Il desinare cominciò allegramente. Marta si moltiplicava. Aveva il suo posto a tavola, ma andava e veniva continuamente dalla cucina, malgrado le preghiere degli ospiti e le osservazioni del padrone. Edith le dichiarò che per quel primo giorno lasciava fare, ma che all’indomani si sarebbe presa, o per amore o per forza, la sua parte dell’azienda domestica. Marta rispose con una fila di mai più acuti. Steinegge si offerse come aiutante cuoco, promise i Klösse, disse di averli insegnati a Paolo del Palazzo. Il povero don Innocenzo non sapeva che riscaldare il caffè e si propose, modestamente, per questo.

— A proposito! — esclamò Steinegge, guardandolo parlare senz’ascoltarlo, impaziente che finisse — Non abbiamo ancora domandato del signor conte!

— Sono stato al Palazzo due ore fa — rispose don Innocenzo. — Andava un po’ meglio di ieri sera.

— Come, un po’ meglio?

Steinegge si piegò in avanti, ansioso.

— Malato? — esclamò Edith, sorpresa.

— Non sanno niente? — replicò il curato.

— Ma no!

— Credevo che Marta, non so, che qualcheduno lo avesse detto loro. Euh, cose tristissime, dolorosissime.

— Ah, Signore, non sanno niente! — disse Marta in piedi, colle mani appoggiate alla tavola. — Ma sicuro! Come han da fare loro a saperlo? Non son che due giorni.

— Ma in nome di Dio, cosa è questo? — disse Steinegge.

[p. 379 modifica]— Ecco, — rispose don Innocenzo; — cos’è oggi? Mercoledì. Bene, lunedì mattina, anzi nella notte dalla domenica al lunedì, il conte ebbe un attacco d’apoplessia.

— Oh!

Don Innocenzo, corretto qualche volta da Marta, raccontò quello che sapeva della malattia. Steinegge non poteva darsi pace di questa sciagura; Edith pure n’era dolentissima.

— E gli sposi? — diss’ella.

— Oh, non sono ancora sposi — rispose il curato.

— E lo diventeranno giusto il giorno del Giudizio — soggiunse Marta.

Il suo padrone la sgridò, disse che il matrimonio era solamente differito e che c’erano bene state tutte le ragioni per differirlo. Marta se n’andò in cucina brontolando.

— Ci sono poi degli altri pasticci — disse don Innocenzo a mezza voce.

Steinegge non pensava più a mangiare; posò le braccia sul tavolo aspettando.

— Dopo, dopo — sussurrò il prete con un gesto e un’occhiata verso la cucina.

— Oh, non mi attendevo questo! — esclamò Steinegge.

Edith domandò di donna Marina. Il parroco disse che stava bene, che l’aveva veduta la sera prima.

Intanto Marta aveva portato il lesso e non parlava più, indispettita pel rabbuffo del padrone, dolente che quel vitello così tenero e saporito e i capperi in aceto preparati da lei avessero, per il malaugurato discorso, a passar senza lodi; prevedendo che la stessa sorte sarebbe toccata all’arrosto.

— Dopo pranzo andremo a Palazzo, non è vero, papà? — disse Edith.

— Certo, oh!

Il solo Veuillot non aveva perduto la sua loquacità allegra; a furia di chiacchiere si fece ascoltare dai [p. 380 modifica]commensali, fece parlare di sè, dell’ingiusto nome di guerra che gli avevano dato. Il sole cadente rideva sul soffitto. Don Innocenzo cominciò a parlare de’ suoi cocci preziosi, dei dotti che dovevan venire a vederli.

Edith faceva delle osservazioni critiche di cui suo padre si scandolezzava. Egli prestava intera fede ai cocci e ai dotti, parlava delle palafitte svizzere che conosceva. Ad un tratto s’interruppe ricordandosi che doveva andare al Palazzo.

— Aspetti — gli disse don Innocenzo — aspetti il caffè. Mi pare che si potrebbe uscire a prenderlo nell’orto, non è vero?

Uscirono nell’orto all’aria dolce, odorata di primavera. Il sole avea rotto le nuvole e toccava quasi le colline di ponente: la casetta ne ardeva, i vetri ne sfolgoravano. Edith volle portar il caffè. Steinegge e don Innocenzo sedettero ad aspettarlo sul muricciuolo dell’orto in faccia al salotto.

— Marta è una buona donna — disse don Innocenzo — ma è una gran chiacchierona. Ci sono de’ pasticci al Palazzo. Intanto è tornato quel tale Silla.

Steinegge diè un balzo.

— Oh scusi, non è possibile! Se l’ho visto io a Milano l’altro giorno, in casa mia, e non mi ha detto niente!

— Tant’è; adesso è qui.

— Lei lo ha veduto?

— Certo.

— Oh, ma questo!... Scusi molto, io credo che i Suoi occhi non L’hanno servita bene! Oh, è impossibile questa cosa! Lui qui, al Palazzo?

Si alzò e si pose a camminar in fretta su e giù lungo il muricciuolo, borbottando in tedesco.

Si fermò su’ due piedi. Gli era balenata un’idea.

— Forse è stato richiamato? — diss’egli. — Forse per telegrafo?

[p. 381 modifica]— Può essere, ma non credo, perchè il conte Le ho detto in che stato è, la marchesina non lo poteva soffrire quando fu qui l’altra volta, e i Salvador non lo conoscono.

— E che cosa fa qui?

— Ma! sa bene cosa si diceva di lui? Pare che venendo in questo momento abbia messo una spina negli occhi della marchesina e dei Salvador.

— Per l’eredità? Oh questa è bugia, questa è calunnia! — disse Steinegge concitato. — Mi scusi, Ella non sa, signor parroco, Ella non creda. Il signor Silla non è niente affatto quello che si diceva e giuro che non è venuto qua con questa cosa vile nel cuore.

Don Innocenzo gli accennò di tacere. Marta, sulla porta della cucina, contendeva a Edith il vassoio del caffè.

— Ma no — diceva — ma no, son mica cose da far Lei, queste. Bene, faccia un po’ come vuole, là!

Edith veniva a passi corti, sorridente, un po’ compresa della sua missione, tenendo gli occhi sulle chicchere a fiorami rossi e verdi, sulla zuccheriera pure a fiorami, sul bricco che traballava. Il fuoco del tramonto le batteva in viso, batteva sul vassoio, sulle mani sottili.

— Non sai — le disse suo padre in tedesco, impetuosamente — che il signor Silla è qui?

Ella si fermò e tacque un momento, senza fare altro segno di sorpresa. Poi chiese quietamente:

— Dove, qui?

— Al Palazzo.

Venne a posar il vassoio sul muricciuolo e domandò a don Innocenzo se il caffè gli piaceva dolce o amaro.

Suo padre si stupiva di una tale indifferenza. Forse ella sapeva qualche cosa? Forse Silla le aveva detto una parola l’altro giorno?

No, Silla non le aveva detto niente, ed ella non sapeva niente. Osservò che il signor Silla poteva essere stato richiamato per telegrafo.

[p. 382 modifica]— Signora no, per quel signore là non l’hanno mica fatto battere il telegrafo — disse dietro a lei Marta ch’era venuta a portare un cucchiaino. Don Innocenzo, intento al caffè e alla discussione, non s’era avvisto di lei.

— Che ne sapete voi; — diss’egli.

— Perchè non ho a saper qualche cosettina anch’io, povera donna? — rispose la petulante Marta. — Quel signore lì è proprio caduto dalle nuvole. Nessuno se l’aspettava, cari loro. Non c’è che la Giovanna che sia contenta, perchè sa, neh, che il signor conte gli voleva così bene. Gli altri non lo possono vedere, specialmente la signora donna Marina. Il mio signor padrone a me, magari, non dice niente; ma lui lo sa bene che ieri sera la signora donna Marina l’ha fatto andar giù in giardino, questo signor Silla, per dargli una ramanzina.

— Come sapete voi queste cose? — disse don Innocenzo stupefatto.

— Ne so così delle cose, io. È mica vero forse?

— Che lo ha fatto scendere in giardino, sì, è vero, ma cosa gli abbia poi detto non lo so io e non lo sapete neanche voi.

— Che abbiamo udito, no, magari; nessuno ha udito; ma chi può saperlo dice che gli avrà detto di andar via, perchè è lei che lo ha fatto andar via l’altra volta.

— Ma non è partito? — disse Edith.

— No, signora, no, non è partito; almeno credo. Lo ha visto Lei, oggi, signor curato?

— Sì, l’ho incontrato sulla scala.

— Vogliamo andare, Edith? — chiese Steinegge.

— Oh no, papà, ho pensato che il momento non è opportuno per una mia visita. Vacci tu. Io resto con don Innocenzo.

— Stasera abbiamo il mese di maggio — le disse questi.

— Bene, verrò in chiesa.

A Steinegge dispiaceva andar solo, ma non insistette [p. 383 modifica]e partì. Marta rientrò in casa col suo vassoio, lasciando soli, seduti sul muricciuolo, il parroco e Edith.

— È buono sa — diss’ella con passione. — È buono, oh, tanto più di me! E le vuole un bene, a Lei! Desiderava immensamente di venir qua. È una provvidenza questa simpatia che ha per Lei, malgrado la Sua veste. Anche ieri a sera si parlava di religione. Io dicevo che vi sono delle anime naturalmente mediatrici fra il comune degli uomini e Dio, qualunque sia la forma della loro vita terrena, e che Lei, per esempio, signor curato, anche se non fosse sacerdote...

— Oh, signora Edith!

— Sì, sì, Lei è una di queste anime. Lo credo e mi fa bene il crederlo, mi fa bene il dirlo. Se sapesse quanto abbiamo bisogno di Lei! Bene, mio padre diceva anche lui di poterlo credere.

Parlava con emozione tanto forte quanto era stata subitanea.

— Si consoli — disse don Innocenzo — si consoli. Suo padre è forse più vicino a Dio di molti che esercitano il mio ministero, di me per il primo che ho sempre vissuto una vita blanda, una vita neghittosa, senza vere tribolazioni, senza opere, con frequenti languori di spirito, benchè da tanti anni io entri ogni giorno nella profondità di Dio, benchè io viva, si può dire, nel calore di tante anime grandi che lo hanno amato. Sono meno che niente, signora Edith. Ma sa cosa c’è di vero in questo che Lei ha detto? C’è che un sentimento puro d’interessi terreni, anche per qualche persona indegna, anche, arrivo a dire, per le cose inanimate, o almeno che noi crediamo inanimate, alza l’anima. E quest’anima che si alza, vede, naturalmente più in là; se lo slancio è molto forte, può vedere addirittura la meta; non vedrà la via, ma vedrà la meta. Il suo signor padre mi vuol bene, non so come nè perchè. Non c’entra il sangue in questo affetto, nè la consuetudine, nè alcun interesse. [p. 384 modifica]Non c’entra neppure quella comunanza di opinioni ch’è il solito fondamento dell’amicizia e che pure vi mette, non Le pare? un’ombra di egoismo. Il suo affetto per un povero disutile come me gli allontana il cuore da quei rancori iracondi che sono, credo, il più grande ostacolo sulla sua via verso la Chiesa e anche, dirò, stando nel campo della religione naturale, verso Dio. Mentre egli è con me e sente piacere d’essere con me, sono sicuro che, senza alcun merito da parte mia, una certa pace si fa nel cuore; se gli viene in mente, allora, quel tale passato, gli parrà un po’ più lontano di prima. Lavoreremo. Otterremo, vedrà. Lei ha fatto benissimo intanto a non insistere, a non premere, a non molestarlo con troppo zelo.

— Povero papà! — disse Edith sospirando — Lo immaginava con il suo caro viso onesto, lo vedeva contento, sereno, lontano dal sospettare di malinconie segrete nel cuore di sua figlia.

— Gli ha mai parlato di pratiche? — chiese don Innocenzo, sottovoce.

— Direttamente, mai — rispose Edith nello stesso tono.— Cosa vuole? La confessione, per esempio! Io comprendo che per lui è l’atto più odioso, più ripugnante che si possa concepire. Quando vado in chiesa vuol sempre accompagnarmi. In questo tempo io sono andata due volte alla confessione. Sa, io ci vado assai di rado.

— Non biasimo! — disse don Innocenzo.

Parlar di religione all’aperto nelle prime ombre della sera move l’anima. N’escono allora certe intime opinioni timide che di giorno stanno nascoste per paura della gente e anche un poco di altre opinioni imposte alla nostra coscienza docile, venute dal di fuori con autorità di maestri o di libri o di esempi.

— Egli non parlò nè la prima nè la seconda volta — proseguì Edith — ma soffriva, s’intendeva bene; e dopo, [p. 385 modifica]per un po’ di tempo restava triste, taciturno. Io vedo i suoi pensieri. Povero papà, non può immaginarli Lei i cattivi compagni che ha avuto. Non han potuto guastare il suo cuore, ma gli hanno empita la mente di tante vecchie volgarità misere!

Il sagrestano entrò nell’orto e, salutato il parroco, andò a prendere le chiavi della chiesa. Don Innocenzo tolse commiato da Edith, che rimase seduta sul muricciuolo. Appena fu sola, si sentì spossata da un accoramento profondo. Ell’aveva amato e rinunciato all’amor suo, ma pure solo allora le pareva di aver interamente perduto Silla, solo allora che lo sapeva tornato al Palazzo, presso Marina. Pochi minuti dopo, le campane della chiesa, colorata ancora dall’ultima luce calda del tramonto, suonarono. A Edith pareva che dicessero « Addio, amore, dolce amore; addio, giovinezza soave ». Si alzò e rientrò in casa; ma anche lì penetrava la voce delle campane benchè più languida. « Addio, addio ». Edith salì nella sua stanza. La finestra n’era aperta, e le campane vi ripetevano più forte che mai « Addio ». Fra le cortine bianche, nel ponente, scintillava la stella della sera. Edith non voleva intenerirsi: andò nella camera di suo padre, vi si sentì tranquilla e vi chiuse la finestra senza sapere bene il perchè. Si pose a spazzolar un soprabito, guardò se i bottoni eran saldi; poi lo ripiegò, lo posò sopra una sedia, si fece a comporre i guanciali sul suo letto, a spianare e rincalzar le lenzuola col tenero studio di una mamma che rifà il letticciuolo del suo bambino convalescente. Stette quindi a guardare la stella pura, in pace, stavolta; e udì Marta che chiamava dall’orto:

— Signora! Oh, Signora!

Marta desiderava sapere se la signora Edith sarebbe andata anche lei in chiesa, perchè allora avrebbero potuto uscire insieme e chiudere la porta di casa.

Si confusero alle poche donne che salivano dal [p. 386 modifica]paesello, coperto il capo di grandi fazzoletti scuri, entravano una dopo l’altra nella chiesa muta, porgevano la destra alla pila dell’acqua benedetta e, piegato il capo a pochi lumi dell’altar maggiore, si perdevano, quale a destra, quale a sinistra, nelle tenebre dei banchi. Don Innocenzo uscì presto in cotta e stola a leggere le preghiere alla Vergine, alternandole con parecchi pater e ave.

Edith avrebbe voluto seguir quelle preghiere col cuore e non lo poteva, tanto erano pomposamente false e sdolcinate. Le pareva impossibile che don Innocenzo non avesse potuto trovar nulla di più degno del grande spirito puro di Maria, la impersonazione cristiana del femminile eterno. In fatto, don Innocenzo aveva tentato in addietro d’introdurre altre preghiere di sua fattura, molto più semplici e severe; ma quelle prime si recitavano da anni ed anni, piacevano alla gente assai di più. Gli arroganti santocchi e le santocchie del paese fecero una tale devota sommossa, seccarono tanto il povero curato per avere daccapo i troni, i manti, le corone di stelle, che bisognò cedere.

Edith non si accorse di allontanarsi col pensiero dalle preghiere e dalla chiesa. Tornava all’Orrido, udiva Marina chiederle di Silla, parlare di suo cugino, delle sue idee sul matrimonio, dirle: « Se in avvenire udrà parlare di me, contro di me, si ricordi questa sera ». Poi passeggiava sui bastioni di Milano con Silla, lo ascoltava parlar di Marina, rileggeva la dedica manoscritta di Un sogno, le parole « se n’è respinto, si lascerà cadere a fondo ». Una gran luce le spiegava tutto. Si scosse, si dolse della sua distrazione e, chinò il viso sul banco, chiusi gli occhi, con uno sforzo del pensiero e del cuore, si slanciò a Dio.

Ma non poteva perseverarvi. I pensieri di prima la riprendevano tosto, la portavano lontano, cedevano per poco a un altro sforzo di volontà. Così lottando non udì la voce di don Innocenzo, nè il mormorio grave, [p. 387 modifica]uniforme della gente nell’oscurità, non ascoltò il canto delle litanie che uscì per la porta aperta, andò lontano sopra i sussurri del vento vespertino. Una mano le si posò sulla spalla; era suo padre.

— Sono venuto adesso — le diss’egli all’orecchio. — Vuoi che mi fermi un poco qui con te?

— Oh sì, papà. Sarai stanco, siedi.

Sedette ella pure e gli prese una mano fra le sue. Steinegge tacque un momento poi disse timidamente:

— È finito?

— Sì, papà. Vuoi aspettarmi fuori?

— No, no. Non possiamo noi dire qualche cosa insieme?

Ella gli strinse la mano.

— Parla tu — diss’egli.

— Pensiamo alla mamma — rispose Edith. — Parli lei al Signore, gli domandi per noi la sua luce e la sua pace, sempre. Gli dica che perdoniamo a tutti coloro che ci hanno fatto del male; non è vero, papà? A tutti.

Steinegge non rispondeva. la sua mano tremava fra quelle di Edith.

— Dimmi di sì, papà. Siamo così contenti.

— Oh, Edith, s’è per quelli che han fatto del male solo a me!

— A tutti, papà, a tutti.

— Farò il possibile — diss’egli.

La chiesa era vuota, il sagrestano aveva già chiusi i chiavistelli della porta laterale e don Innocenzo scendeva verso la porta maggiore. Gli Steinegge si alzarono e uscirono con lui. Edith si fermò un momento sulla soglia.

— Come è bello! — diss’ella.

Tutto il cielo era terso fra i profili taglienti dei monti e delle colline sin giù nel ponente, dove la stella della sera discendeva scintillante. Tirava vento. Dietro alla chiesa, sul monte, le macchie stormivano. La valle pareva un immenso drappo scuro, mal disteso a piè delle limpide stelle ignude.

[p. 388 modifica]— Peccato che non è luna! — osservò Steinegge.

Edith disse che qualche volta preferiva alla luna la luce non sentimentale delle stelle. Il suo pensiero era che la luna, piccola terra, piccola schiava nostra, forse un tempo congiunta al pianeta, blandisce col suo lume certe passioni terrene, ammollisce i cuori; mentre le stelle austere, indifferenti a noi, esaltano lo spirito. Questo era il suo pensiero, ma non lo spiegò. Fece solo osservare a don Innocenzo, che quella sera la luce di Venere era tanto forte da segnare ombre sul muro bianco della chiesa.

— È quasi come la luna — diss’ella — e dolce anche questa, ma a me pare più pia.

Tutto le pareva pio in quella disposizione di spirito, anche la voce del vento dietro la chiesa.

— Come va al Palazzo? — chiese don Innocenzo che doveva scendere a visitare una ragazzina inferma.

— Un poco meglio, pare, un poco meglio; pare che l’attacco al polmone è passato.

— Oh Edith, questa casa, questa casa! — esclamò Steinegge dopo che don Innocenzo se ne fu andato.

— Oh!

Egli fece tre gran passi avanti, alzando le braccia, agitando le mani distese.

Edith non parlò fino al cancello della canonica.

— Credevo che non venissero più — disse Marta aprendo. — E così, signore?

— Va un po’ meglio. Vogliamo fare ancora due passi, Edith?

Ella acconsentì. Invece di scendere direttamente al villaggio, presero la stradicciuola che gira sotto l’orto e cala di sghembo a raggiungere la strada comunale a poche centinaia di metri dalle prime case.

Steinegge raccontò la sua visita al Palazzo, dove aveva visto la contessa Fosca e Giovanna. La Contessa, prima di salutarlo, aveva esclamato: — Oh, non è qua anche [p. 389 modifica]quest’altro adesso? — Ma poi saputolo ospite della canonica, gli si era mostrata cordialissima. Steinegge non aveva inteso un terzo de’ suoi discorsi sul triste fatto, delle sue lamentele sulla « babilonia » che regnava al Palazzo. Secondo la contessa, Marina era inconsolabile, non usciva mai o quasi mai dalle sue stanze. Del matrimonio non gli aveva detto verbo, ma gliene aveva parlato Giovanna. La povera Giovanna, sparuta, lagrimosa, gli aveva fatto infinita pietà. Il suo gran pensiero era il conte; del resto si curava soltanto per le impressioni che potesse riportarne il suo ammalato, ricuperando la intelligenza. Ell’avrebbe voluto che il matrimonio si facesse subito e se ne andassero via tutti. Secondo lei, quella signora contessa e quel signor conte di Venezia non miravano che ai denari. Le avean già domandato s’ella sapeva che il suo padrone avesse fatto testamento.

— Ma vi è qualche cosa che mi mette più angustia di tutto questo — soggiunse Steinegge. — Ho veduto Silla.

Edith tacque.

— Oh, mi ha fatto una impressione di trovarlo lì! Parve sorpreso anche lui, ma mi sfuggì, mi salutò appena, non mi chiese di te, niente!

— Non c’era bisogno, papà, che ti chiedesse di me.

— Ma eravamo pure buoni amici, io credo? Non è naturale questo. Temo di saper troppe cose, Edith. Temo... Tu puoi capire cosa temo. D’altra parte, quella sera, a Milano, pareva ben guarito quando si parlò del matrimonio. Non è vero, mi pare di averti già raccontato...

— Sì, sì, lo so, papà. Dove andiamo? Qui non è piacevole.

Avean raggiunta la strada comunale. Vi faceva scuro, Venere era scomparsa; l’aria portava dalle bassure della valle uno sparso gracidar di rane, un odore grave ai prati umidi.

— Prendiamo a sinistra — disse Steinegge — faremo il giro e torneremo a casa per il paese e la chiesa.

[p. 390 modifica]Si avvicinarono pian piano verso il villaggio, a braccetto. Edith parlò della cara Germania e del passato. Avea sempre da raccontar qualche cosa di nuovo sulla sua adolescenza, qualche cosa che le tornava alla memoria a caso, specialmente nelle ombre della sera. Suo padre se ne commoveva, s’inteneriva, non tanto per le piccole vicende narrategli, quanto per l’idea che adesso gli anni tristi eran passati, ch'ella era lì al suo fianco.

Nel villaggio trovarono don Innocenzo che usciva da una povera casupola. Udirono una donna, che lo avea accompagnato col lume sulla via, dirgli angosciosamente:

— E così, signor curato?

— Fatevi coraggio, Maria — rispondeva don Innocenzo — donatela al Signore.

La donna appoggiò il capo al muro e pianse.

— Andate, Maria, tornate su — disse don Innocenzo dolcemente.

La donna piangeva sempre e non si moveva.

— Si conforti — disse Edith. — Pregheremo per lei.

Quella si voltò al suono della voce sconosciuta e rispose come se avesse dimestichezza con Edith.

— Venga su anche Lei, venga a veder com’è bella.

Don Innocenzo sulle prime si oppose, ma Edith volle accontentar quella povera donna e salì con lei dall’inferma. In cucina due fanciulle giocavano sedute a terra. Il padre, curvo sul fuoco, stava riscaldando un caffè; non si mosse nè a salutare nè a guardare. Chiese bruscamente a sua moglie:

— Devo portarglielo?

— Oh, Signore! — diss’ella sconsolata.

Egli proferì, con voce rotta, poche parole iraconde e sedette, cupo, sul focolare.

L’ammalata era una fanciulla di dodici anni, bionda, delicata, che moriva tranquilla, credendo di guarire.

Edith ridiscese pochi minuti dopo nella via dove suo padre e don Innocenzo l’aspettavano.

[p. 391 modifica]— È da vergognarsi — diss’ella — di tanti nostri piccoli dolori.

Nessuno dei tre aperse più bocca a casa, dove si divisero. Steinegge, sentendosi stanco, andò a letto, don Innocenzo si ritirò nel suo studio a dir l’ufficio. Edith andò in cucina ad ascoltare la conferenza di Marta su vitali argomenti d’economia domestica, sui prezzi dello zucchero e del caffè, sul modo di « metter là » i pomidoro e i capperi in aceto, sulla tela più robusta e a buon mercato. Dopo mezz’ora di chiacchiere Edith lasciò la cucina e venne a bussar sommessamente all’uscio dello studio.

Don Innocenzo non si aspettava la sua visita; le domandò sorridendo se fosse accaduta qualche cosa. Ella rispose:

— No; volevo dirle una parola.

Il prete comprese tosto dal volto di lei che doveva essere una parola grave, e si compose pure a gravità.

— Prego — diss’egli, alzandosi a mezzo e accennando una sedia presso di lui. Quindi attese in silenzio.

Passarono due minuti prima che le labbra di lei si aprissero. Don Innocenzo si pose a guardare attentamente il piano della scrivania, a spazzar col mignolo della destra, a soffiar via leggermente una polvere immaginaria. Finalmente Edith parlò.

Ella non fece alcun preambolo e cominciò subito a raccontare quello che suo padre le aveva detto intorno alla passione concepita da Silla per Marina prima della sua fuga dal Palazzo; proseguì a dire dello strano contegno, degli strani discorsi tenuti da Marina durante la gita all’Orrido, delle proprie impressioni nell’udir annunciare, quella sera stessa, il matrimonio Salvador. Narrò quindi con voce men sicura il passeggio sui bastioni, la indifferenza ostentata con la quale Silla avea accolto la notizia che le nozze stavano per celebrarsi, le confidenze che le aveva fatte poi. Soggiunse risolutamente, [p. 392 modifica]lottando con la emozione interna e vincendo, che si era confermata quella sera in un sospetto concepito qualche tempo prima riguardo alle disposizioni di Silla verso di lei; che non v’era stato un discorso diretto ma molti indizi, e che il proprio contegno era forse apparso tale da lasciar credere a una corrispondenza di sentimenti. Disse, coprendosi il viso con le mani, che n’era dolentissima e se ne trovava ben punita.

— Oh Dio — disse don Innocenzo con voce imbarazzata — fin qua... poi... non so... ma non mi pare...

Allora venne il racconto della mattina seguente, della visita di Silla, della gelida accoglienza fattagli, delle parole trovate nel suo libro. Qui don Innocenzo si scosse, indovinando, assai tardi, a quale sospetto conducesse il racconto di Edith. Ella non tacque il recente incontro di Silla con suo padre e le impressione riportatene da questo. Temeva di qualche triste mistero nascosto nell’ombra del Palazzo, si rimproverava di aver favorito, per poca vigilanza, un sentimento che, non accolto, poteva spingere Silla a men che onesti propositi.

— Ho creduto — diss’ella — di dover raccontare tutto a Lei, perchè mi pare bene che Lei, andando al Palazzo, sappia queste cose quantunque vi sia del biasimo per me.

Don Innocenzo si fregava le mani lentamente, suggendo l’aria come se gli dolessero.

— Non so proprio — diss’egli — quale biasimo vi possa essere...

Pareva tuttavia che una lieve ombra fredda ve ne fosse dentro di lui. Masticava parole vaghe come chi non arriva a raccapezzarsi bene. Domandò a Edith che uomo fosse questo signor Silla. Ella disse che lo credeva uno spirito nobile, ma ammalato, offeso dalle contrarietà della vita.

— E Le pareva che avesse inclinazione per Lei?

Edith non rispose.

[p. 393 modifica]— Ma Ella dal canto Suo non ne provava alcuna per lui, e solo per un equivoco il signor Silla potè sperare d’essere corrisposto?

— No, signore, temo di no, non per un equivoco.

Ella pronunciò queste parole a voce bassissima, chinando la fronte alle mani conserte sulla scrivania.

Don Innocenzo tacque guardando i capelli giovanili lucenti di bagliori dorati. Quella scoperta gli faceva pena; gli doleva trovar passione dove aveva pensato non esser che pace, gli doleva veder piegarsi afflitta la bella testa intelligente. Al tempo andato, nelle lunghe ore ch’egli soleva passare meditando e leggendo, nel suo studiolo, altre immagini di donne pensose e vereconde erano salite dalla terra o uscite dai libri santi innanzi agli occhi suoi. Gli pareva ora che la rauca voce dell’orologio gli dicesse « ti ricordi? » Ecco, dopo tanti anni, una di queste figure, viva e vera, non più pericolosa ormai per lui che per un fanciulletto innocente. E soffriva di vederla ferita, perchè vi era pur qualche cosa in lei della sua propria giovinezza intemerata, di certi ideali femminili contemplati a quel tempo, con trepida riverenza, da lontano.

Edith alzò il viso e se lo coperse con le mani.

— Temo — diss’ella — di non aver fatto tutto il possibile per nascondere l’animo mio.

— Ma, se questo giovine signore ha uno spirito nobile, se aveva inclinazione per Lei, se Ella stessa... scusi, sto alle Sue parole... se Ella stessa... ma perchè allora?

Le mani le caddero dal viso, due occhi umidi brillarono davanti a don Innocenzo.

— Oh signor curato, Lei che sa, come può credere? Come farei ciò mentre mio padre ha tanto bisogno di me? Mettere accanto e forse contro al mio dovere di figlia un dovere più forte! Sarei venuta in Italia per questo, signor curato? Non è poi neppure la mia vocazione; ne sono convinta.

[p. 394 modifica]— Veramente convinta? — disse don Innocenzo, grave. — Sa veramente quanto è grande oggi, quanto lo può essere domani il sacrificio che si propone?

— No — rispose Edith giungendo le mani — non dica questo, non dica questo! Ciò che faccio è niente rispetto a quanto io debbo a mio padre. Così Dio mi accordi ch’egli venga alla fede! Intanto son felice che non abbia sospettato di nulla. Quanto a me potrò anche dimenticare. Lei mi aiuti!

Povero prete, aiutare a combatter l’amore! Nella sua grande bontà ingenua, il sacrificio di Edith gli pareva irragionevole. Se quest’uomo era nobile, se l’amava, certo avrebbe amato egli pure con affetto figliale il padre di lei, certo avrebbe cooperato al santo fine che Edith si prefiggeva.

— È necessario — diss’egli — è utile davvero questo sacrificio? Pensiamo bene. Potrebb’essere che Suo padre desiderasse veder Lei collocata, che questo pensiero gli procacciasse delle angustie segrete. Anche questo: sa Ella di quanti e quali mezzi si può servire Dio per condurre alla fede un’anima? Forse nell’ambiente di una famiglia cristiana ve ne sono tanti che Lei adesso non immagina neppure. Parlo per l’avvenire. Per quello che è stato metta il Suo cuore in pace. Se qualche male avesse a succedere, nessuna colpa può ricadere sopra di Lei. No, nessuna, lo creda. Quand’anche Ella avesse dato a questo signore segno... non so... di simpatia, insomma, mai Ella non sarebbe responsabile davanti a Dio delle azioni disoneste che colui ora commettesse.

— No — diss’ella — ma però sarebbe un gran dolore.

Don Innocenzo tacque; cercava parole che non venivano. Gli facevano invece violenza altri pensieri generati dal racconto di Edith; il sospetto di una trama disonesta, il dubbio di dover fare qualche cosa presto, fors’anche subito, per combattere i disegni che Edith pareva attribuire a Marina e che Marina stessa le aveva [p. 395 modifica]manifestati indirettamente dal settembre, parlando di un’amica sua sposatasi per odio e per disprezzo, per giungere all’amante attraverso il marito.

— Mi parli con piena sincerità — diss’egli ex abrupto; — è convinta o no che vi sia un accordo tra il signor Silla e donna Marina? Non abbia riguardi; non si tratta qui di maldicenze nè di quei giudizi che il Vangelo riprova. Il mio ministero potrebbe forse venir esercitato per il bene e io debbo sapere, per quanto è possibile, la verità. Ella che conosce le persone e i fatti, mi dica schietto, che convinzione ha?

— Due giorni fa non c’era di sicuro — rispose Edith — ma oggi temo di sì.

— Come? Che ci sia accordo?

— Temo che succeda: ho questo presentimento.

— Teme che succeda — disse don Innocenzo parlando a sè stesso, e, fattosi puntello d’un gomito alla scrivania, con il palmo della mano sulla fronte e le dita inquiete sul cranio, riflettè. Dopo qualche tempo aperse il cassetto della scrivania e ne tolse della carta.

— Ella non ha risposto — diss’egli — alle parole che il signor Silla scrisse in quel volume per Lei?

— No, signore.

— Come? — chiese don Innocenzo.

Ella presentiva forse la proposta del curato, parlava così piano!

— No, non ho risposto.

Il prete si alzò in piedi.

— Bene, risponda — diss’egli.

Anche Edith, involontariamente, si alzò; vide, senz’altre parole, il concetto di don Innocenzo.

— Subito — disse questi, accostando il calamaio alla carta che aveva posta sulla scrivania.

Edith giunse le mani.

— Crede, signor curato, che questo possa essere un dovere per me? Subito?

[p. 396 modifica]— Lo credo. Il mio dovere sarà poi di giudicare se e quando la lettera debba essere consegnata. Sieda al mio posto.

Edith sedette tacendo, prese la penna con mano ferma e guardò il curato.

Gli occhi di lui presero un’espressione solenne, la fronte diventò augusta.

— Non so di queste cose — diss’egli commosso — ma ho sempre avuta l’idea che invece di un legame di passione, santificato o no, vi possa essere fra due anime veramente nobili, veramente forti, un altro legame d’affetto, santo in se medesimo; un amore, diciamo pure questa parola tanto grande, interamente conforme all’ideale cristiano dell’intima unione fra tutte le anime umane nella loro via verso Dio. Arrivo a dire che non v’è sulla terra niente di più bello di un legame simile, benchè il legame coniugale sia sacro ed abbia un significato augusto. Ella vuol fare questo sacrificio a suo padre; sia; ma perchè svellersi dal cuore anche la memoria della persona che Le fu cara? Perchè rinunciare a un sentimento vivificante che Le fa desiderare il bene temporale ed eterno di questa persona quanto Lei stessa? Perchè l’altra persona non potrebbe serbare un sentimento simile verso di Lei, sì che ambedue, sapendo l’uno dell’altro, battessero vie diverse nel mondo e compiessero i propri doveri con questo gran vigore nel segreto dell’anima? Scriva così, scriva così.

— Lei è un santo — disse Edith. V’erano sul suo viso e nella sua voce dei tristi ma.

— Io sento bene — soggiunse — la bellezza di questa unione, ma gli basterebbe, a lui? Non combatterebbe poi con tanta maggior violenza il mio proposito, non mi porterebbe a cimenti dolorosi?

Don Innocenzo rimase mortificato. Sentiva di conoscere il mondo tanto meno di lei, di non poter sostenere la discussione; ma il suo convincimento rimaneva.

[p. 397 modifica]— Sarà — diss’egli sospirando. — Scriva come vuole anche poche parole purchè gli rialzino il cuore.

Ella non disse niente, si mise a pensare con la penna in mano, guardando il lume. Il curato aperse la finestra e appoggiò le braccia sul davanzale. Le stelle lo guardavano, davano ragione a lui, ma la terra nera gli dava torto.

Dopo brevi momenti Edith lo chiamò, gli porse spiegato il biglietto che aveva scritto.

— No — diss’egli — non leggerò certamente; mi dica solo se son parole che possano infondere...

— Oh don Innocenzo — esclamò Edith, supplichevole — ho scritto, ho fatto il Suo desiderio. Legga se vuole, ma non mi faccia più domande, non me ne parli più!

— Bene, bene, stia di buon animo, si ricordi che il Signore ci dice di non abbandonarci alla tristezza e vada a riposare che è tardi.


Prima d’entrare in camera Edith origliò all’uscio socchiuso di suo padre. Dormiva. Non vi poteva esser per lei sonno più dolce, più commovente del suo respiro placido, eguale come quello d’un bambino. Andò a posar il lume nella propria camera, tornò lì al buio, appoggiò la fronte allo stipite ascoltando, cercando una pace, una forza di cui aveva bisogno.

In quel momento le ore pesanti caddero a una a una dall’orologio del campanile, batterono con la loro gran voce solenne sul tetto, sulle scale, sui pavimenti sonori della piccola casa addormentata. Edith alzò il capo a contarle con sgomento, come se fossero colpi menati a una porta di bronzo da qualche formidabile ospite inatteso.

Erano le dieci e mezzo.