Dizionario - Vocabolario del dialetto triestino/Z

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Z

../V ../ IncludiIntestazione 17 novembre 2012 25% Da definire

V Dizionario - Vocabolario del dialetto triestino

[p. 516 modifica]
Z
Ża
Zacagnaco
Żafran
Żaia
Żalastro
Żaledina
Żaleto
Żalo [p. 517 modifica]
Zalon
Zamarugola
Zampa
Zampada
Zampilar
Zampiti
Zanca
Zancado
Zancar
Zanchin
Zaneto
Zapa
Zapada
Zapado
Zapador
Zapadoreto
Zapadura
Zapafiori
Zapar
Zapeta
Zapin
Zapon
Zara
Zarant
Zariesa
Zarieser
Zarlatan
Zarlatanada [p. 518 modifica]
Zarlatanaria
Zarlatanesco
Zarlatanismo
Zarlatanon
Zata
Zatada
Zatara
Zavaiada
Zavata
Zavatada
Zavatar
Zavataza
Zavatin
Zavatina
Zavatineto
Zavaton
Zavora
Zazara
Zazaraza
Zazareta [p. 519 modifica]
Zazaron
Zea
Zechin
Zeder
Zedevole
Zedevoleza
Zedimento
Zedola
Zeduda
Zedrer
Zedrera
Zedrin
Zedro
Zefo
Zelebrabile
Zelebrante
Zelebrar
Zelebrazion
Zelebre
Zelebremente
Zelebrità
Zelere
Zeleremente
Zelerità
Zeleste
Zelestial
Zelestialmente
Zelestin
Zelibe
Żemel
Zementar
Zementada, Zementazion [p. 520 modifica]
Zemento
Zemer
Zena
Żena
Zenada
Zenar
Zenere
Zenerin
Zenero
Zeneta
Zenociada
Zensimento
Zensor
Zensuario
Zensura
Zensurabile
Zensurar
Zenta
Zentenario
Zentener
Zenfesimai
Zentesimo [p. 521 modifica]
Zentigrado
Zentigramo
Zentimetro
Zento
Zentogambe
Zentòmestieri(de)
Zentopezi
Zentral
Zentralizar
Zentrico
Zentro
Zentuplo
Zenzìva
Zera
Zeralaca
Zeraria
Zeraspagna
Zeraza
Zerca
Zercada
Zercabile
Zercadina
Zercador
Zercamento
Zercar [p. 522 modifica]
Zercastraze
Zercer
Zerceto
Zerciadura
Zercio
Zerciar
Zercion
Zerer
Zereria
Zerieser
Zerimonia
Zerimonial
Zerimonier
Zerimonìosamente
Zerimonioso
Zerin
Zerman
Zernida
Zerniera
Zernìr [p. 523 modifica]
Zertamente
Zertar
Zerteza
Zertiduni
Zertificada
Zertificar
Zertificato
Zerto
Zervel
Zervelada
Zervelazo
Zerveleto
Zervelon
Zerveto
Zervovolante
Zervo
Zervoto
Zesada [p. 524 modifica]
Zesare
Zespulio
Zessada
Zessar
Zession
Zessionario
Zesso
Zesta
Zestaza
Zestel
Zester
Zesto
Zeston
Zibiba
Zicatrizada
Zicatrizar
Zicatrize
Zichin
Zicogna
Zieoria
Zidela
Ziel [p. 525 modifica]
Ziera
Zièraza
Ziereta
Zièron
Zievoleto
Zievolo
Zifra
Zigada
Zigalada
Zigalamento
Zigalar
Zigaleta
Zigalezo
Zigalon
Zigante
Zigar [p. 526 modifica]
Zigàro
Zigna
Zignar
Zigno
Zigo
Zìgozaina
Ziliera
Zilindrada
Zilindrar
Zilindricamente
Zilindrico
Zilindro
Zima [p. 527 modifica]
żimbel|Zimbel|Żimbel
Zimbelar
Zimboler
Zimbolo
Zime
Zimentada
Zimentar
Zimentazion
Zimeta
Zimier
Zimise
Zimisera
Zimison
Zimiterio
Zimo
Zimoro
Zimossa
Zinganada
Zinganar
Zingano
Zingia
Zingiada
Zingiar
Zinquanta
Zinquantesimo
Zinquantin
Zinquantina
Zinque [p. 528 modifica]
Zinquefoie
Zinquezentista
Zinquezento
Zinquemiie
Zinquina
Zintista
Zinto
Zintura
Zintureta
Zinturin
Zinturon
Zinzin
Zinzolada
Zinzolar
Zio
Zioè
Ziogar
Zip
Zipreseto
Zipreso
Ziprian
Zipro
Zirca
Zircolamento
Zircolar
Zircolarmente
Zircolazion
Zirooleto
Zircolo
Zircondada
Zircondar
Zirconferenza
Zirconzider
Zirconzision
Zircoscriver
Zircoscrizion
Zircospeto
Zircospezion
Zircostante
Zircostanza
Zircuir
Zircuito
Zircumzirca [p. 529 modifica]
Zirmolo
Zirotin
Ziroto
Zirusico
Zisterna
Zisterneta
Zisternon
Zità
Zitabile
Zitadaza
Zitadela
Zitadin
Zitadinanza
Zitadinescamente
Zitadinesco
Zitadon
Zitar
Zitazion
Zitera
Zitereta
Zitir
Zito
Zitolozotolo
Zivanzar
Zivanzo
Ziveta
Zivetada
Zivetar
Zivetaria
Zivetina
Zivetismo
Ziveton [p. 530 modifica]
Zivico
Ziviera
Zivil
Ziviltà
Zivilizada
Zivilizador
Zivilizar
Zivilizazion
Zivilmente
Ziviltà
Zivola
Zivoler
Zivolera
Zivoieta
Zivolon
Zizagna
Zizeron
Ziziai
Zmoch [p. 531 modifica]
Zoco
Zocolada
Zocolo
Zogador
Zogar
Zogatolar [p. 532 modifica]
Zogatolezo
Zogheto
Zogo
Zogolo
Zoia
Zolfo
Zoncada
Zoncar
Zoneto
Zonfo
Zono
Zonta
Zontadura
Zontar
Zonzoloso
Zopa
Zopada
Zopigada
Zopigante
Zopigar
Żorzi
Zotazo
Zotin
Zuca [p. 533 modifica]
Zucar
Zucariera
Zucarin
Zucherà
Zucheta
Zucon
Zucoro
Zuf
Zufa
Zufado
Zufar
Zufolada
Zufolar
Zufolo
Zugnon
Zumbada
Zumbar
Zupar
Zurlar
Zurlo
Zurma
Zurmaia
Zuzada
Zuzador
Zuzamento
Zuzar [p. 534 modifica]
Zuzolar
Zuzolo

[p. 516 modifica]

Z



Z, sventiduesima lettera dell’alfabeto. Si pronuncia zeta, ed è di genere femminile; dal a al zeta, m. avv. dall’a alla zeta, dall’alfa all’omega da capo a fondo.

Ża, avr. già. tanto: — „Son già le quattro ?“ — „ Getta in mare l’esca, tanto pesci non se ne piglia più;“ za, no xe gnente no — modo di accennare altrui che il detto ond’egli si vanta non è agevole a farsi: si! è come farla alla zia, gnà.

Zacagnaco, agg. fànfano, insulso, zuccone.

Żafran, sm. bot. croco, zafferano — crocus sativus; tinger col zafran, o meter el zafran nel risoto, nel pan, ecc., zafferanare; che ga color de zafran, zafferanato; zafran salvadigo, colchico, zafferano bastardo, gruogo, zafferano saracinesco — colchicum autunnale; zalo come ’1 zafran, met. giallo come una carota, o come un rigogolo, o come lo zafferano.

Żaia, sf. zaglia; a zaie, m. avv.

a barche, a barrocciate, a misura di crusca, a cestoni, da abbellirsi, da dare e da serbare, per il manico e per il mestolo, per le sette peste: — Sardelle a misura di crusca oggi.“ — Si tien su co’ suoi polli come se non sapesse che ve ne son per il manico e per il mestolo.“

Żalastro, agg. giallastro.

Żaledina, sf. gelatina.

Żalèto, sm. gialletto: — „Gialletti caldi gustosissimi si trovano dall’Urbanis“ agg. gialligno, giallogno, giallognolo, gialliccio, gialloso, gialluccio: — „Veste giallognola“ — „Un gialliccio sospettoso anzi che no.“

Żalo, agg. e sm. giallo; tender al zalo, gialleggiare: e quale astratto: giallezza: — „Giallezza proveniente da un travaso di bile.“ — „Con tutta la sua giallezza è sano come una lasca;“ zalo del ovo, torlo, tuorlo, rossume d’uovo (Cennini); de quei zali — napoleoni, zecchini, ecc.: giallume, oc- [p. 517 modifica] chi di civetta; pan zalo, pane di granoturco; zalo come ’l zafran, v. zafran.

Zalon, agg. aranciato: — nPanno aranciato per le mostre.“ — „L’aranciato s’ottiene dall’unione del rosso col giallo; “ sm. lusso: — «Preferisco la polenda al lusso

Zamarugola, sf. zi. specie di mollusco — chenopus pes pelecani.

Zampa, sf. zampa; artiglio; met. mano; piede; butarse in tera co le zampe per aria — ciò che fanno certi animali, presumibilmente quale slancio di allegrezza: tornare: — «Tornava allegramente il povero asinelio non sospettando il rovescio che l’attendeva;“ dar colpi co le zampe, zampare; pestar la tera co le zampe, zampeggiare.

Zampada, sf. zampata.

Zampilar, vn. zampillare.

Zampiti, sm. zampino: t. de salumai: zampone.

Zanca, sf. manca, mancina, sinistra, mano stanca; art e mest, zanca.

Zancado, agg. zancato.

Zancar, va. “art. e mest. zancare.

Zanchin, agg. e sm. mancino.

Zaneto, nome proprio di persona: Giovanni.

Zapa, sf. zappa; fitta: — „Zapa fondo do zape. = Zappa due fitte;“ zapa de malta, marra; darse la zapa sui pie, met. darsi la zappa su’ piedi, aguzzarsi il palo sulle ginocchia, cercare Maria per Ravenna

Zapada, sf. pigiata; . vangata; zappata.

Zapado, agg. pigiato; calpestalo, e poet.. calpesto: — „Sparsi e calpesti i fior.“

Zapador, sm. vangatore; zappadorè, zappatore.

Zapadoreto, sm. zappatorello

Zapadura, sf. vangatura; zappamento, zappatura.

Zapafiori, smp. v. met, piedaecio.

Zapar, va. calpestare, treppicare (Giusti, Epistolario): — „Mi trepicano e mi scavezzano ogni cosa;“ pigiare; vangare, zappare; zapar a la bona de Dio, zappettare: — „La vigna dev’essere zappata e non zappettata.“ — „Zappettano perchè lavorano a cottimo; ’ zapar torno i alberi, rincalzare gli alberi; zapar sui pie, pigiare i piedi; no lassarse zapar sui pie, met, levarsi i moscherini. dal naso, — levarsi la mosca dal naso, o levarsela d’attorno il naso, — non si lasciar posare le mosche sul naso; zapar sui calcagni, scalcagnare: — „In quella ressa scalcagna scalcagna mi hanno mezzo azzoppato;“ no esser degno nanca de basar dove che uno zapa., met. non essere degno di baciare dove uno -calca.


Zapeta, sf. vanghetto, zappetta, zappettina, zappetto.

Zapin, sm. bot. picea.

Zapon, sm. zappa; zappone; calpestata; pigiata.

Zara, sf. giara, giarra, orcio.

Zarant, zaranto, sm. zi. calenzuolo, verdone — loxia chloris.

Zariesa, sf. ciliegia, ciriegia; esser come le zariese — nel senso che una ne tira l’altra: fare come le ciliege, che una tira l’altra, o semplicemente: fare, o essere come le ciliegie; — „Le questioni, verbigrazia, sono come le ciliegie;“ quel che ghe ga fato el manigo a le zariese, met. l’Eterno, l’Onnipotente, Dio.

Zarieser, sm. bot. ciliegio, ciriegio — prunus cerasus; logo impiantaci a zariezeri, ciregiuolo, ciriegiuolo. . Zarieseta, sf. ciliegietta — v: usata vezzeggiando: — ,Si mangia du’- ciliegiette sott’alcool.“ — «Quattro ciliegi ette prima del caffè fan buono allo stomaco.“

Zarlatan, sm. cantambanco, ceriuolo, cerretano, ciarlatano, ciurmadore, ciurmatore, saltimbanco, scagnozzo; la vipera ga morsigà ’l zarlatan, m. prov. la vipera morde il ciarlatano, — impaniare la civetta, o schiacciare il capo alla civetta, — impaniano anche le civette.

Zarlatanada, sf. ciarlatanata; zannata [p. 518 modifica] Zarlatanaria, sf. ciarlataneria.

Zarlatanesco, agg. ciarlatanesco.

Zarlatanismo, sm, ciarlatanismo.

Zarlatanon, sm. cerretanone.

Zata, sf. artiglio, branca, rampa, zampa; gamba; hot. zatta; fig. artiglio: — „Chi cade negli artigli degli strozzini può dirsi beli’ e spacciato;“ mano, zampino: — „Ci aveva a mettere anco lui lo zampino:“aver, o no aver zata, met, essere, o non essere adulto in che si sia, — avere, o non avere gamba a una cosa, o in una cosa, — averci, o non averci la mano: — „La buona volontà ci sarebbe, ma non ha gamba.“ — „Certe cose bisogna lasciarle fare a chi ci ha la mano;“ cascar ne lé zate, met, dar nell’unghie: — „Diede nell’unghie alle guardie che lo condussero in catorbia;“ esser ne le zate, met. essere, o diventare vignuola di alcuno: — „Dacchè ha cominciato far debiti è vignuola dello strozzino Biancolini.“ — „ Tieni per te il tuo secreto se non vuoi diventare vignuola di chi lo sa;“ meter le zate adosso, met. mettere le mani ne’ capelli: — „Si misero le mani ne’ capelli con grand’edificazione del popolino.“

Zatada, sf. zampata, ugnata, unghiata.

Zatara, sf. art. e mest. ponte, ponte volante, zattera; mar. zatta, zattera

Zavaiada, sf. vagellamento; briga, fastidio, noia. 2avaiar, va. e vn. brigare, cercare, procurare: — .Briga briga, in fine l’ha ottenuto;“ beccarsi, stillarsi, torturarsi, o votarsi, il cervello, — mettere a tortura l’ingegno: — „Poetonzoli che si beccano il cervello per comporre in fine de’ versi zoppi;“ — andare in villa colla brigata, — aver dato il cervello a rimpedulare, — farneticare, vagellare: — „Farnetica il poverino, non sa quello che si faccia “ — „Deve aver dato il cervello a rimpedulare, tante scioccherie dice.“ favaio, sm. briga; intrigo, ginepraio, prunaio; confusione, subbuglio. La voce zavaio usasi comunemente al pi. dicendosi p. e. far un de quei zavai, in casa mia no voio zavai — e simili. Èavaion, sm. zabaione.


Zavata, sf. ciabatta, pianella: — „Il ciabattino fa le ciabatte.“ — „Un par di pianelle ricamate;“ cianta: — „Stivali fuor d’uso, ridotti a ciante;“ mestola: — „Ha certe mestole che de’ lor pugni ci guardi il cielo;“ calcolar, o tignir per una zavata, met. stimare quanto una ciabatta, o stimare meno di una ciabatta, — essere un limone spremuto; una bela scarpa diventa ima bela zavata, m. prov, quando si è belli si è sempre quelli, — scarpa ben fatta, bella ciabatta.

Zavatada, sf. ciabattata, pianellata.

Zavatar, va. acciabattare, acciarpare: — „Acciabatta il lavoro eh’ è una misericordia;“ ciabattare: — „Chi è di là che ciabatta?“ - Zavataria, sf. acciabattamento, acciarpamelo: — ^Scusate, ne’ vostri panni non presenterei tale •acciabattamento;“ ciarpame, ciarpume, sferre: — „Ha la casa piena zeppa di sferre. “

Zavataza, sf. ciabattacela, pianellaccia.

Zavatin, sm. ciaba ciabattaio, ciabattiere, ciabattino.

Zavatina, sf. pianellina, pianellino, pianelluccia, pianelluzza.

Zavatineto, sm. ciabattinuccio.

Zavaton, sm. abborracciatore, abborraccione, acciarpatore, acciarpone, ciarpiere, ciarpone.

Zavora, sf. savorra, zavorra; met. ciarpame, marame; meter la zavora, mar. savorrare; esser una zavora met. — una famiglia, una società, un ritrovo, o tali: essere un becerume.

Zazara, sf. zazzera, cerfugliaia — voce scherzevole la seconda, usata dal Bronzino; .chi che porta la zazara, zanzerato, zazzeruto.

Zazaraza, sf. zazzeraccia.

Zazareta, sf. zazzeretta, zazzerina, zazzerino. [p. 519 modifica] Zazaron, sm. zazzerone.

Zea, sf. ciglio — pl. le ciglia; arco delle ciglia, sopraciglio. Nel senso stretto, ciglio e arco delle ciglia e sopraciglio, significano soltanto l’arco di piccoli peli sopra l’occhio. A Lucca, a Pistoia, e altrove in Toscana, chiamano „lappole“ i peli che sono sugli orli delle palpebre. Questa voce usata già dal Tassoni, — „La secchia rapita“ — il Tommasèo l’ha proposta come assolutamente necessaria, non avendo la nostra lingua un’altra voce propria; appartenente alle ciglia: cigliare; lo spazio fra le due ciglia: accigliatura; ingrespar le zee — che e atto di corruccio, o tali: accapigliare, accigliare, aggrottare, o increspar le ciglia, — far grotte di leone.

Zechin, sm.. zecchino; oro zechin, ora di copella, o di ducato, oro di ventiquattro carati; esser zechini storti met. essere oro rotto: — „Oggi come oggi un impiego sicuro è oro rotto;“ caga zechini, cacazzecchini; parer un caga zechini, parere uno stiaccia noci di Germania: — „Confesso che per una dotuccia proprio uccia non mi sarei sobbarcato quel cosettino che pare uno stiaccianoci di Germania.“

Zeder, va. e vn. cedere, avvallare: — „Terreno che avvalla“ — „Badate, vi son de’ punti nella valle che cedono;“ concedere, rinunziare: — „Rinunziare il posto in platea.“ — „Concedere la chiave del palco;“ indietreggiare, ritirarsi: — „Vigliacconi che indietreggiarono alle prime fucilate;“ piegarsi: — „Quel ponte potrebbe piegarsi, non sopracaricarlo;“ arrendersi, piegarsi: — „A furia di preghiere s’é piegato.“ — „ „Non si arrende, neppure a pensarlo “

Zedevole, agg. arrendevole, atto a cedere, cedevole, che cede

Zedevoleza, sf. arrendevolezza, attitudine a cedere, — cedenza, cedevolezza, pieghevolezza

Zedimento, sm. cedimento

Zedola, sf. cedola.

Zeduda, sf. lo stesso che zedimento.


Zedrer, sm. bot. cedro — citrus medica.

Zedrera, sf. t. d’agric. cedraia, cedroniera.

Zedrin, sm. cedrino.

Zedro, sm. bot. cedro — citrus medica. Il cedro non è altro che un limone, di cui porta anche il nome scientifico, ne differisce solo dalla grossezza de’ suoi frutti; dar gusto de zedro, cedrare; che ga gusto, o che ga odor de zedro, cedrato.

Zefo, sm. ceffo; accigliatura, cipiglio; far un zerto zefo, avere un cipiglio, — far grotte di leone.

Zelebrabile, agg. celebrabile

Zelebrante, sm. celebrante, celebratore.

Zelebrar, va. celebrare.

Zelebrazion, sf. celebramento, celebrazione

Zelebre, agg. celebre, famoso, insigne, preclaro.

Zelebremente, avv. celebremente, famosamente.

Zelebrità, sf. celebrità, celebritade, celebritate.

Zelere, agg. e sm. celere.

Zeleremente, avv. celeramente, celeremente, — con velocità, — velocemente.

Zelerità, sf. celerità, prestezza, velocità.

Zeleste, nome proprio di persona: Celeste; agg. azzurro, ceruleo, celeste, cileste, cilestre; poet. cerulo, ma dicesi soltanto degli occhi, del cielo, del mare.

Zelestial, agg. celestiale, divino, divo.

Zelestialmente, avv. celestialmente.

Zelestin, agg. azzurretto, azzurriccio, azzurricino, azzurrigno, azzurrognolo, celestino, celestrino.

Zelibe, agg. e smf. celibe.

Żemel, sm. binato, gemello — pl. gemelli, gemini; partorir due zemei, binare: — „La moglie dello speziale ha binato.“

Zementar, va. cementare.

Zementada, zementazion, sf. cementazione. [p. 520 modifica] Zemento, sm. cemento.

Żemer, va. nicchiare; gemere; che zemi, gemebondo, gemente: — „ Strappa il cuore a vederlo cosi gemebondo.“ — „La bell’ anima gemente.“

Zena, sf. cena; far de zena, allestire, o ammannire la cena, — fare da cena; andar a zena, pòrsi a cena: — „Si pongono a cena in punto alle otto:“ ultima zena, cena del giovedì santo, ultima cena; contrastar el pranzo co la zena, met. non accozzare il desinare colla céna; che ga fato bona, o cativa zena, bene, o mal cenato; magnar dopo zena, per. golosezo, pusignare; andar m leto senza zena, far la .cena di Salvino; chi va in leto senza zena tuta la note se remena, m. prov. chi va a letto senza cena tutta la notte si dimena.

Żena, sf. t. de’ bottai: capruggine; far, o refar la zena, caprugginare; romper, o romperse la zena, scaprugginare; fero de le zene, caprugginatoio

Zenada, sf. cenata.

Zenar, va. cenare. 5

Zenere, agg. cenere, grigio; sf. cenere, e come -idiotismo “ dell’uso toscano: cendere; le zenere, il dì di cenere, o il dì delle ceneri, le ceneri; zenere che resta ne la straza sora la conca de la tissia, ceneraccio, ceneracciolo, cenerata, cenerone; zenere calda che contien ancora qualche bronzeta, cenigia, cinigia; zenere misiada col ledame, cenerone; zenere coi resti de la roba brusada, cenerume, e: cenerume’ vale pure per ciò che è stato ridotto in cenere: — rMi mostrò in aria di sfida il cenerume de’ suoi manoscritti “ — „Era il cenerume della casa han trovato delle ossa umane;“ coverto de zenere, ceneroso: — .„ Voleva eh’ i’ mangiassi una frittata tutta cenerosa;“ chi sufia ne le bronze se impinìssi i oci de zenere, m. prov. chi soffia nella polvere se h’ empie gli occhi; Baco, tabaco e Venere bufa V omo in zenere, ?/?.. prov. Bacco, tabacco e Venere riducon l’uomo in cenere.

Zenerin, agg. -bigio, cenere, cenericcio, cenerino, cinereo, cinerizio, cineruleo, grigio; cenerognolo, grigiastro.


Zenero, sm. genero.

Zeneta, sf. cenerella: — „Fa delle cenerelle da eremita, legumi e pan nero;“ cenetta, cenina, cenino, cenuzza: — „Un cenino dov’erano tre o quattro gatti un vero dormentorio.“ Zenocera, sf. t, de’ sellai: ginocchiello.

Zenociada, sf. genuflessione, ginocchiata inginocchiamento. 2enociar, va. ginocchiare, inginocchiare, — piegar le ginocchia. 2enocion (in), ni avv. ginocchione, ginocchioni, — in ginocchio: — „Lo vidi ginocchione a supplicarla amore.“ — , Sta in ginocchio per tutto il tempo della Santa Messa;“ butarse in zenocion, cader ginocchione: — ,. Cadde ginocchione dinnanzi la immagine di sua madre.; “ pregar in zenocion, met. pregare accettamente: — per quanto accettamente lo pregammo, fu inutile.“

Zensimento, sm. censimento.

Zensor, sm. censore, censuratore, riprenditore. •

Zensuario, sm. censuario, livellarlo, tributario.

Zensura, sf. censura.

Zensurabile, agg. censurabile

Zensurar, va censorare, censurare; criticare, sindacare; correggere, riprendere.

Zenta, sf. mar. dormiente.

Zentenario, sm. centenario.

Zentener, sm. centinaio, centinaro~ — pi. le centinaia; a zenteneri, m. avv. a centinaia,, a carra, — -’ a cestoni, — a barche, — a barrocciate, a misura di crusca, — da abbellirsi, da dare e da serbare, -— per il manico e per il mestolo, — per le -sette peste.

Zenfesimai, agg, centesimale.

Zentesimo, agg. e sm. centesimo, centesmo; guardar fin l’ultimo zentesimo, met. squartare lo zero; no valer un zentesimo, met. non valere un acca, o una buccia di porro, o un corno, o una patacca. [p. 521 modifica] Zentigrado, agg. e sm. centigrado.

Zentigramo, sm. centigrammo.

Zentimetro, sm. centimetro.

Zento, agg, cento; novantanove, 0 el novantanove per, o su zento, novantanove per cento — qualora si accenna con molta probabilità che una data cosa sia avvenuta, o debba avvenire così o così: — „Io sto il novantanove per cento che doman piove;“ novantanove su cento — nella massima parte dei casi: — „ Vieni meco, lo troveremo a teatro, ci è il novantanove su cento;1 far zento volte più grando, centiplicare; moltiplicar per zento,. centuplicare: — „Centuplica quella cifra.“ — „Dieci centuplicato eguale a mille render zento per un, met. centuplicare: — „Beneficiuolo che gli è stato centuplicato;“ che vien ogni zento ani, o che ga zento ani, o che se fa ogni zento ani, centenario: — „Il centenario della rivoluzione.“ — Festeggiare il centenario del Tartini.“ — „I centenari si contano sulle dita;“ uno per cominziar e zento per finir, met.) essere come 1 ciechi di Bologna cui si dà un soldo acciocché cantino e due acciocché si chetino; esserghe zento per un, v. un; zento volte più, v. volta.

Zentogambe, sm. zi. nome generico di varie specie di scolopendre, fra le quali è la più comune la scolopendra forficata, detta anche cento gambe, o millepiedi •— scolopendra forficata.

Zentòmestieri(de), m. avv. che toscanamente usasi quale sostantivo: scopamestieri:, — „Non si può aspettarsi bene da uno scopamestieri.“Zenton, sm. mar. capo incinta.

Zentopezi, sm. t. de’ trippaiuoli: centopelle.

Zentral, agg. centrale.

Zentralizar, va. centralizzare, centreggiare.

Zentrico, agg. centrico.

Zentro, sm. centro; zentro del bersalio, barilotto, barilozzo; esser nel suo zentro, met. essere nella sua beva, — essere nel suo centro, o nella sua piscina: — „All’osteria si trova nel suo centro.“ — „Con un buon codice tra mano mi trovo nella mia beva.“ Zentuplicar, va. centuplicare.


Zentuplo, sm. centuplo.

Zenzìva, sf. gengìa, gengiva.

Zera, sf. cera; come la zera,. cereo: — „ Sembiante cereo.“ — „Cerea lucentezza;“ zera vergine, cera vergine; zera de scarpe, cera da scarpe; chi che lavora figure de zera, ceroplasta; diventar come la zera, o diventar bianco come la zera, met. allibire, allividire, — diventare come un panno lavato e cerato.

Zeralaca, sf. ceralacca; stanga de zeralaca, v. stanga.

Zeraria, sf.. cereria.

Zeraspagna, sf. lo stesso che zeralaca.

Zeraza, sf. ceraccia.

Zerca, sf. cerca; andar in zerca de qualchedun, andare in cerca, o andare in traccia di quel tale; andar in zerca’ de disgrazie, cercare Maria per Ravenna, — cercare il male come i medici, — cercare di Frignuccio

Zercada, sf. cerca, cercamento, cercata, cercatura, ricerca;’ assaporamento, assaporazione.

Zercabile, agg. cercabile.

Zercadina, sf. cercatina.

Zercador, sm. cercatore; t. de’ cacciatori: tracciatore.

Zercamento, sm. cercamento, cercare: — „Dopo un lungo cercare ho trovato ciò che non andava cercando.“

Zercar, va. cercare: — „Cercare la canna.“ — „Mandar a cercare delle erbe;“ assaggiare, assaporare, assavorare, gustare: — «Assaggia il nostro vinello.“ — „Lo vidi che assaporava la minestra.;“ frugare, rovistare: — Frugare nel cassettone.“ — .Rovista nella biancheria;“ ingegnarsi, procurare, studiarsi: — „Si ingegnava di soppiantarmi, quella mala zeppa.“ — „Procura il vostro bene.“ — «Si studia d’emulare i compagni;“ tracciare: — „Abbiamo tracciato tutto il santo giorno senza scovare ne anche una lepre.“ — „Traccia per dispetto le cotornici.“ — „Un [p. 522 modifica] buon cacciatore deve saper tracciare;“ cercare lungamente e minutamente alcuna cosa che sia in luogo riposto: scavitolare, scavizzolare; zercar per tuti i busi, cercare ogni buco, — fiutare tutti gli usci, — braccare, braccheggiare; zercar co la ponta de la lingua, libare; zercar soli el proprio mal, cercare di Frignuccio — che anche fu scritto: cercare di frignuccio, cercar Maria per Ravenna, — cercare il male come i medici; — dove che altri ga za zercà — modo de’ cacciatori: cercare per lo cerco; — disgrazie, met. cercare funghi in Arno: — „Ma che domin cerca colei attorno la cuginetta funghi in Arno ?;“ la carità, accattare, mendicare, battere la birba, andare a dimandita, e con modo scherzevole: andare all’accatolica; — pretesti, arzigogolare, cavillare; — per mar e per tera, met. cercare per mare e per terra, — cercare per mari e per monti; — assai ben, cercare col fuscellino; — con Ulto ’l studio, cercare e ricercare, per sette riprese; — l’impossibile, cercar uova di civetta: — „ Sperare un aiuto da colui è un cercar uova di civetta;“ — co la candela, o co la candeleta, o col lumin, met. cercare col lanternino, e cercare col lumicino: — „Quel rimprovero è andato a cercarselo col lumicino;“ andar in zerca — di bastonate, di guai, ecc.: andare a caccia di busse, andare a caccia di guai, ecc.; darghe a un quel che ’l zerca, dare ad uno di quel eh’ ei cerca; chi zerca trova, m. prov. chi cerca trova e talor quel che non vorrebbe, — chi cerca trova, e chi dorme si sogna, — chi cerca rogna, rogna trova; chi zerca quel che no ’l devi el trova quel che no ’l credi, m. prov. chi cerca quel che non deve, gl’intravien quel che non crede; zercar qualchedun, lo stesso che andar in zerca de qualchedun, v. zerca.

Zercastraze, smf. cenciaio, conciamolo; met. misero, pezzente, tapino; cencioso, lercio, strappato.

Zercer, sm. cerchiaio.

Zerceto, sm. cerchielletto, cerchiellino, cerchiettino, cerchietto, cerchiolino.


Zerciadura, sf. cerchiamento, cerchiatura.

Zercio, sm. cerchio, cerco; cercio torno la testa, met. spranghetta, stanghetta: — „Cerboneca pestifera che fa venir la stanghetta.“ — “Basta eh’ io beva mezzo litro, ti saluto, ho la spranghetta;“ — torno la luna, alone, cinto; mezo cercio, semicerchio, semicircolo; zerci de le done, guardinfante: — „Il guardinfante è caduto di moda “

Zerciar, va. accerchiellare; cerchiare; incerchiare; tornar a zerciar, raccerchiare.

Zercion, sm. cerchione.

Zerer, sm. ceraiuolo.

Zereria, sf. lo stesso che zeraria.

Zerieser, e derivati, lo stesso che zarieser e derivati.

Zerimonia, sf. ceremonia, cerimonia, cirimonia; apparenza, formalità; pompa, solennità; far zerimonie, cerimoniare, complimentare, far cerimonie; star su le zerimonie, o star su tute le zerimonie, stare sulle cerimonie, o stare su tutte le cerimonie; volerghe mile zerimonie, met. volerci mille stoggi; volerci il baldacchino.

Zerimonial, sm. ceremoniale, cerimoniale, cirimoniale.

Zerimonier, sm. ceremoniere, cerimoniere, cirimoniere: — „E un cerimoniere che -viene a noia.“ — „Cerimoniere che sul più bello trascende a villanerie;“ complimentario: — ^Eleggono i complimentari tra il fiore della società.“ — «Ve’ come goffo si sta quel complimentario.“

Zerimonìosamente, avv. ceremoniosamente, cerimoniosamente, cirimoniosamente.

Zerimonioso, agg. e sm. ceremonioso, cerimonioso.

Zerin, sm. cerino, stoppino.

Zerman, sm. cugino.

Zernida, sf. cerna, cernitura, scelta, scernimento..

Zerniera, sf. cerniera.

Zernìr, va, cèrnere, cernire, sce- [p. 523 modifica] gliere, distinguere, scerre, separare, triare; sfiorire; chi prega la carità no zernisi, prov. a cavai donato non gli guardar in bocca èero, sm. zero; met. niente, nulla; un zero, met. niente affatto; no valer un zero, non valere una buccia di porro, un lupino — e simili; calcolar per zero, met. contare quanto il due di briscola, o contare quanto il papa sei nelle minchiate, — essere un limone spremuto.

Zertamente, avo. assolutamente, certamente, con certezza, — senza dubbio.

Zertar, e derivati, lo stesso che azertar e derivati.

Zerteza, sf. accertamento, certezza certitudine, — cognizione, o notizia certa e chiara.

Zertiduni, agg. alcuni, certi, certuni, taluni: — „ Zertiduni no voleva. = Alcuni non volevano.“

Zertificada, sf. accertamento, certificamento.

Zertificar, va. certificare; attestare; testimoniare.

Zertificato, sm. attestato, certificato.

Zerto, agg. e avo. certamente, certo, con certezza, del certo, di certo, per certo, incontrastabile, indubitato, sicuro; sm. certo; de zerto, o per zerto, m. avv. a certo, al certissimo, al certo, certamente, di certo, per certo; lassar et zerto pe V inzerto, che più spesso usasi colla negativa: no bisogna lassar el zerto per l’inzerto, non bisogna lasciare il certo per l’incerto, — non bisogna lasciare il proprio per l’appellativo, — meglio è fringuello in man che tordo in frasca.

Zervel, sm. cèlabro, cerebro, cervello; met. assennatezza, giudizio, intelletto, mente, senno; infiamazion del zervel, encefalite, encefalitide; zervel mato, met. cervellaccio, cervellino: — „Non abbadategli, è un cervellaccio che non se ne trova il secondo.“ — „Quel cervellino dà da fare alla famiglia per sei;“ cervello vetriuolo: — „Trova da dire anche con sè stesso que] cervello vetriuolo;“ zervel bislaco, met. cervello da statuti, o cervello da riformare statuti: — „Se c’entra quel cervel da riformar statuti il negozio va certo all’aria;“ roba fata senza zervel, met. cervellinaggine: — „Di nuovo una delle sue cervellinaggini ? •’ — „Il mondo è ribadito a cervellinaggini;“ romperse i zervei, o lambicarse ’l zervel, met. votarsi il cervello, mettere a tortura l’ingegno, torturarsi il cervello, — beccarsi, lambiccarsi, stillarsi — e simili — il cervello, — scaparsi in che che sia: — « Si scapa a voler spiegare il ,.Pape satan, pape satan aleppe;“ esser de poco zervel, met. essere di piccola levatura, — aver poca sessitura; aver perso ’l zervel, met. aver dato il cervello a rimpedulare; andar a spasso col zervel, met. andare in villa con la brigata; aver el zervel nei calcagni, met. avere il cervello nelle calcagna, o nelle gomita, — avere il cervello sopra la berretta; meter el zervel a segno, met. mettere il cervello a partito, o mettere la testa a partito, — pensare di proposito a’ casi suoi; tante teste tanti zervei, rn. prov. tanti uomini tanti animi, — tanti capi tanti cervelli, o tante teste e tanti cervelli; chi che ga più zervel, xe quel che zedi, m. prov. più il panno è fino e più s’arrende, — chi è più gentile e più s’arrende.


Zervelada, sf, cervellata; cerebro, cervello.

Zervelazo, sm. cervellaccio; cervello balzano, o cervello eteroclito, capo a cantoni.

Zerveleto, sm. cervelletto, cervelluzzo.

Zervelon, sm. cervellone

Zerveto, sm. zi. cerbiattino, cerbiatto, cerbiattolino, cerbietto, corvettino, cervetto, cerviatello, cerviatto, cervi etto.

Zervovolante, sm. zi. cervovolante, saltabecca — lucanus cervus.

Zervo, sm. zi. cervo — cervus elaphus; fem. cerva e cervia; pele de zervo conzada, cerbolatto.

Zervoto, sm. cerviotto.

Zesada, zesamento, sf. sm. ces- [p. 524 modifica] samento, fine,, termine; interruzione.

Zesare, nome proprio di persona: Cesare; aver un cuor de Zesare, met, aver un cuor di Cesare; dar a Zesare quel che xe de Zesare e a Dio quél che xe de Dio, m. prov. quel che è di Cesare è di Cesare, — dare a Cesare quel che è di Cesare, e a Dio quel che è di Dio. ,

Zespulio, sm. cespuglio; fato come un zespulio, cespugliuto; pien de zespuli, cespuglioso.

Zessada, zessamento, sf. sm. cessagione, cessamento, interruzione, cessazione, tralasciamelo —- e con voce antica: cessanza.

Zessar, vn. cessare, desistere,, finire, restare: — , E restato dal frequentar la su’ ganza.“

Zession, sf. cessione; zession de iuto el suo a favor dei creditori, cedibonis — leg. v. latina, “ indeclinabile.

Zessionario, sm. cessionario.

Zesso, sm. cesso, comodo, — luogo comodo, o luogo degli agiamenti.

Zesta, sf. canestro, cesta, cesto; zesta del pan, panattiera; — de le sarte,. spasa; — del fien, greppia; — per scassar la salata — e simili: scotitoio: — del pesse, lavatecca — se è grande e rotonda; sparza — se è piccola ed ovale; — co le spartizion, per portar fiasche, portafiaschi; chi che va torno vendendo bomboni co la zesta, pasticcinaio.

Zestaza, sf. cestaccia.

Zestel, zestela, sm. sf. cestella, cestellina, cestellino, cestello, cesterella, cestina, cestino.

Zester, sm. cestaio, cestaruolo, panieraio.

Zesto, sm. lo stesso che zesta; aver nel zesto, met, avere in tasca, — avere sotto la tacca dello zoccolo; chi no se contenta del onesto perdi l manigo con tuto ’l zesto, m. prov. chi non si contenta dell’onesto perde il manico ed il cesto, — chi troppo abbraccia poco stringe, o chi troppo abbraccia nulla stringe, — chi trop-* po tira l’arco si spezza, — chi tutto vuole tutto perde, — chi troppo tira la corda si strappa^ — chi troppo vuole niente ha, , — chi tutto vuole di ràbbia muore.


Zeston, sm. cestone, cestotta: — ^Regalò al piovano una cestotta di belle uve.“ 2ibaldùn, sm. scartàfaccio, straccio, zibaldone.

Zibiba, sf. zibibbo, uva secca; met chiazza, escara, schianza; aver, o no aver magnà le zibibe in bareta con qualchedun, met. essere, o. non essere affratellati, — essere o non essere nati ad un corpo, — stare, o non stare in sulla scrima con chi si sia, — poter rompere, o non poter rompere un bicchiere con chi si sia.

Zicatrizada, sf. cicatrizzazione.

Zicatrizar, vn. cicatrizzare, — rammarginare, rimaginare.

Zicatrize, sf. cicatrice; picola zicatrize, cicatricola; zicatrize che ghe resta nel colo a chi che ghe xe andado in supurazion de le giandole, gonghe, gongole.

Zichin, sm. lo stesso che zechin.

Zicogna, sf.zl. trampoliere di due specie: cicogna bianca — ardea alba; cicogna nera - ardea nigra.

Zieoria, sf. cicorea, cicoria.

Zidela, sf. pasticca: — pasticche per il mal di petto.“ — „Una scatola di pasticche d’altea;“ zidela de cicolata, pastiglia di cioccolata.

Ziel, sm. cielo,; mondo pulcro, paradiso, e nel linguaggio scritturale: Ea terra dei viventi; — volta celeste; aria, clima; destino, fato; cielo ove si trovano, i beati: empireo; met. aria atmosfera; del ziel, superno: — „Le superne bellezze;“ e per traslato: — „Il superno aiuto;“ ziel stelado, firmamento; portar, ai sete zieli, mei. alzare, levare, o portare a cielo, o fino al terzo cielo, o finoal settimo cielo, — mettere in cielo: — „Vorrebbe esser messo in cielo il presuntuóso;“ soto’ la capa del ziel - abitare, dormire, stare: a cielo aperto, o a cielo scoperto, o a ciel sereno; e met, sotto le stelle: — „Un originale simile a quello non lo si trova sotto le stelle;.“ per V amor del ziel, [p. 525 modifica] per amore del cielo, o per l’amore del cielo: -— Rel“ amore del cielo, non ditegli niente.“ — „Aristea, per l’amore del cielo, una sola vostra parola;“ tocar el ziel, e come intensivo: tocar el ziel col dedo, met. toccare il cielo col dito; butar par aria ziel e tera, met. mettere sossopra, o manovrare cielo e terra; no star ne in ziel ne in tera, met, non stare nè in cielo nè in terra; dir bugie che no sta ne in ziel ne in tera, lanciare campanili in aria, — lanciar, o scagliar cantoni in aria, — fare sparate,- — ficcar bozze; piover del ziel, met. piovere il cacio su’ maccheroni, — cadere una cosa .in grembo allo zio, — venire ella opportunissima; i macaroni no piovi del ziel, met. Dio non cala dal cielo il panierino; chi se aiuta el ziel lo aiuta, lo stesso che chi se aiuta Dio lo aiuta, v. Dio.

Ziera, sf. apparenza, aria di volto, aspetto, cera, esteriore; faccia, sembiante, viso; ziera de cucumaro, che bassamente dicesi pure: ziera de cagarela, met. cera da medico: — Roverino non lo consiglierei a pigliar moglie con quella cera da medico c’ha;“ aver ziera, met. aver cera: — „Pesci che hanno cera poco appetitosa.“ — Aver cera di gettarsi il tempo alla pioggia;“ aver bona ziera, aver buona soprascritta, o aver buon aere; aver bona, o aver cativa ziera, avere ceraccia; far bona ziera, met. fare buona cera, o fare gran cera, — mostrarsi benigno; far bruta ziera, mef. far mala cera, — mostrarsi adirato, burbero; la ziera no voi dir gnente, loc. prov. non tutto il rosso è buono, nè tutto il giallo è cattivo.

Zièraza, sf. ceraccia.

Ziereta, sf. ceruccia: — „Mi piaciono poco i bimbi con quelle ceruccie.“ — „ Colla ceruccia c’ha fatto ce ne vuol esser per poco.“

Zièron, zierona, sm. sf. cerone, cerozza.

Zievoleto, sm. cefaletto

Zievolo, sm, zi. cefalo — mugli; zievolo de bon, cefalo di buone budella.


Zifra, sf. cifera, cifra; scriver co le zifre, scrivere in cifra.

Zigada, sf. gridata, sgridamento, sgrido, strido: — „Si udì uno strido d’agonia tremenda, disperata.“ - „Da tu una gridata, forse ti ode;“ rabuffo, intemerata, rimprovero, sgridata.: — „Sempre con rimproveri.“ — „ Causa tua m’è toccato un rabuffo che mai il secondo.“ — „Le sue intemerate mi fan da ridere;“ rimprovero forte: rampogna. Zigala, sf. zi. cicala, e poet. cicada — cicada plebeia, e con altri: ricada orni’, scorza de la zigala, madrecicala; zigala de mar, zi. scillari — crostaceo di due specie: scyllarus arctus, e scyllarus latus; zigala dell7 ancora, mar. ghirlanda, grillanda, — cicala dell’ancora.

Zigalada, sf. gridìo, urlamento, urlata.

Zigalamento, sm. berlingare, vociare, — frastuono: — „Si è da capo con cotesto berlingare.“ — „C’era un frastuono da perdere la testa.“

Zigalar, va. berlingare, ciarlare, cicalare, gridare; — far uno sproloquio, — mettere il campo a romore; urlare come un berrettaio, o urlare come uno spazzacamino.

Zigaleta, sf. zi: cicaluzza

Zigalezo, sm. gridìo, schiamazzo, vociare.

Zigalon, sm. gracchia, gracchione, schiamazzatore.

Zigante, sm. gigante — fem. giganta e gigantessa: — „Fanno vedere una giganta.“ — «Vostra suocera è davvero una gigantessa;“ de zigante, gigantèo, gigantesco; gigante tìiostruoso, inventato da’ poeti, con un sol occhio in mezzo la fronte: ciclope.

Zigar, va. schiamazzare, strepitare; strillare; garrire, riprendere, sgridare; e vale anche per parlare ad alta voce, che il popolo toscano dice: bociare, vociare, urlare come un berrettaio; zigar minaziando, fare una ripassata; zigarghe a qualchedun fazendo sussuro e sesti, increpare; zigar con quanto fià che se ga in gola, o zigar co [p. 526 modifica] un aquila, stiacciare come un picchio, — gridare, o urlare come uno spazzacamino, o come uno stacciaio, — gridare quanto uno ne ha in gola; zigar de le rode dei cari — e simili: cigolare, stridere, stridire; chi più. ziga ga ragion, m. prov. chi più urla ha ragione.

Zigàro, sm, sigaro.

Zigna, sf. cigna, cinghia.

Zignar, va. cignare, cingere, cinghiare

Zigno, sm. zi. cigno comune — cygnus olor.

Zigo, sm. grido, strido — pi. i stridi e le strida: — „Senti quali stridi? che sarà mai.“ — „Si udivan le strida a un miglio di distanza;“ grido festevole del popolo in favore d’alcuno: aura popolare: — „Aura popolare instabile come l’onda del mare;“ zigo de le rode dei cari — e simili: cigolamento, stridìo, stridimento, stridore.

Zìgozaina, sf. smusicata; far una zìgozaina, far ziro ziro: — „Oow quel su violin el fa una zìgozaina de la matina a la sera. = Con quel suo violino fa ziro ziro da mane a sera.“

Ziliera, sf. barella; portar co la ziliera, barellare: — „Han barellato i morti fino a tarda notte “ — „ Barellare due carra di mattoni.“

Zilindrada, sf. cilindrata: — „Favorite dare una cilindrata a questa fotografìa;“ cilindratura: — „ Solo la cilindratura portò via due giorni.“

Zilindrar, va. cilindrare

Zilindricamente, avv, cilindricamente.

Zilindrico, agg. cilindrico.

Zilindro, sm. cilindro: — ,,Molino a cilindri.“ — „ Trovare il volume d’un cilindro;“ tuba: — ,„Esce sempre con la tuba.“ — „Gli han scof’acciato la tuba senza misericordia;“ orinolo a cilindro.

Zima, sf. apice, eapo, cima, estremità, punta, sommità, sommo; margine; hot. glaba, talea: — «Bellissime glabe di geraneo.“ — „Talee appena recise per essere spedite;“ maz-

zocchio: — , I mazzocchi coli’ allesso fanno buono in primavera;“ zima de monte, cresta, cuspide, giogo, vertice, vetta; — de alboro, vetta; esser una zima, met. essere colle basette: — „Cappone colle basette.“ — „ Voler far riuscire colle basette uh piatto dolce;“ essere un capacino: - „Scolare che è un capacino.“ — „ Quanto a disegno lasciatelo, è un capacino senz’ altro;“ essere un corbacchione di campanile, o un formicone di sorbo, — aver pisciato su più di una neve, o aver cotto il cui ne’ ceci rossi: — „Come si fa domand’io a mettersi nelle mani di tal formicone di sorbo.“ — “Ora che s’è intromesso quel corbacchione di campanile la cosa andrà un po’ meglio;“ no tocar la zima dei denti, met. non toccar l’ugola, — essere una fava in bocca all’orso: — «Una frittatuccia che non m’ha toccato l’ugola.“ — „Mezzo litro è per lui una fava in bocca all’orbo;“ esser una zima de forca, met. essere una schiuma di ribaldo, — essére un pezzo di galera, o essere un avanzo di galera, — essere una persona da capestro, o semplicemente: essere un capestro; aver su la zima de la lingua, met. aver in sulla punta della lingua: — .Si chiama, si chiama.. aspettate, l’ho in sulla punta della lingua “ — „L’avea in sulla punta della lingua e m’ è sfuggito;“ de la zima, m. avv. da cima, di cima: — ,. Cascar de la zima del alboro in coieria e no farse gnente = Cadere di cima all’albero in coperta e non farsi niente “ Zimada, sf. cimata; cimatura; tosatura; portarsela zimada, met. fare il quamquam, — recarsi, o stare in sul quamquam, — essere altiero, — portarla alta, — procedere con fasto: — „Dac.chel’han fatto cavaliere se l’è recata in sul quamquam.“ Zimar, va. accimare, cimare; mozzare, scamozzare, troncare, svettare: — „Mozzare un palo.“ — - ,,Scamozzare i capelli.“ — „Svettare un pioppo;“ zimar le ale, tarpare le ali, — rintuzzare la baldanza, l’orgoglio [p. 527 modifica] «— e simili, — far por giù l’alterigia; zimar le onge, spuntare le unghie.

Żimbel (esser el), m. avv. essere in zimbello, — servire di zimbello, o servire per zimbello, essere il cucco della veglia.

Zimbelar, va. beffare, cuculiare, deridere.

Zimboler, sm. bot, prugnolo, pruno nero, pruno selvatico, susina di macchia — prunus spinosa.

Zimbolo, sm. mus. tamburello; bot. il frutto del prugnolo.

Zime, sfp. bot. mazzocchi.

Zimentada, sf. cimentazione; cimento.

Zimentar, va. cementare: — „Cementare un acquedotto.“ — ,.Ha fatto cementare a nuovo il pozzo nero;“ vn. cimentare, provocare: — „Se mi provocava ancora un po’ la finiva male.“ — „Perchè cimentare tutto il suo?“

Zimentazion, sf. cimentazione, ufficio di saggio. . Zimento, sm. cemento; aringo, arringo, cimento, gara; tirar a zimento, met. far girare il boccino, — tirare a cimento.

Zimeta, sf. cimetta; fronduccia, rametto, ramoscello.

Zimier, sm. cimiero.

Zimise, sm. zi. cimice dei letti — acanthia leetularia, e con Linneo: cimex lectularius; zimise de campagna, cimice ornata — cimex ornatus; che xe pien de zimisi, che fa zimisi, cimicioso; nido de zimisi, v. nido

Zimisera, sf. cimiciaio: — Retti che son tante cimiciaio.“ — Rorme in un lurido cimiciaio.“

Zimison, sm. cimicione.

Zimiterio, sm. cimiterio, cimitero, camposanto, necropoli; de zimiterio, cimiteriale: — .„Custode cimiteriale.“ — Re fosse cimiteriale son profonde a prescrizione.“

Zimo, sm. bot. glaba, talèa; zimo co le radise, barbatella; margotto.

Zimoro, sm. vet. cimurro.

Zimossa, sf. cimosa, cimossa, cintolo, orìca, vigagno del panno; met. spuma — ma dicesi solo di quella del vino nero.


Zinganada, sf. affascinamento, seducimento; istigamento, stimolo.

Zinganar, va, affascinare, ammaliare: — „Affascina gli uomini colei.“ — Rimase ammaliato a sì superba beltade;“ sedurre: — „Se non fosse stato lui a sedurmi non avrei mai arrischiato tanto;“ ’ insipillare, instigare, inzipillare, stimolare: — Ro instiga alla ribellione.“ — „A furia d’insipillarlo lo han fatto voltare.“

Zingano, e zinghino, sm. zingaro, zinghero; met. • accorto, destro, sagace; de zingaro, zingaresco: — „Conducono vita zingaresca.“ — „I costumi zingaresci sono riprobabili;“ esser come un Zingano, o come i zingani, met. essere sempre in giro come gli zingari, — non -aver terren fermo.

Zingia, sf. cigna, cinghia; straccale.

Zingiada, sf. cinghiata: — Ragli du’ cinghiate a quel monello;“ cinghiatura:“ — Ra cinghiatura della sella non è a posto.“

Zingiar, va, cinghiare;. cingere, circondare 2ingo, sm, zinco; de zingo, zincoso: — „Imbuto zincoso.“ — „Coperture zincose che vedono il secolo.“

Zinquanta, t>gg. cinquanta.

Zinquantesimo, agg. cinquantesimo.

Zinquantin, sm. bot. cinquantino, — grano turco serotino, o grano turco vecchianiccio.

Zinquantina, sf. cinquantina.

Zinque, agg. cinque; saltar i zinque, met. girare il boccino, — pigliare la scesa di testa: — „Se mi gira il boccino vo domani a caccia;“ zinque ani, lustro: — • Ra due lustri.“ — „Quand’io aveva quattro lustri mi pareva di essere un re, “ che vien ogni zinque ani, che toca ogni zinque ani, cinquennio, quinquennio: — „Aver quattro cinquenni di servizio.“ — „Vedersi negato il quinquennio;“ garofolo de zinque foie, met. sciacquadenti; butar zinque e tirar sie, mei. far ceffoni, — porre cinque e levar sei. [p. 528 modifica] Zinquefoie, sm, bot. cinquefoglie; garofolo de zinque foie, met. sciacquadenti.

Zinquezentista, smf. cinquecentista.

Zinquezento, agg. e sm. cinquecento; el cinquezento, il cinquecento, il secolo quindicesimo, dall’anno 1401 all’inclusivo 1500.

Zinquemiie, agg. cinquemile.

Zinquina, sf. cinquina; mei. sciacquadenti.

Zintista, smf. brachieraio.

Zinto, sm. allacciatura, brachiere; cinto erniario, cintura.

Zintura, sf. cintola, cintura; ventresca, ventriera; zintura de pele, co la fibia, scheggiale; — 'de la spada', balteo, budriere; — dei militari, 'de la spada', o de la baioneta, cinturone; tignir in zintura, m. avv. tenere, o legare a cintola: — „11 pugnale lo tiene a cintola.“ — „Si lega a cintola la borraccia.“

Zintureta, sf. einturetta.

Zinturin, sm. t. de’ sellai: cingolo, cinturino.

Zinturon, sm. correggione.

Zinzin, sm, zi. carambice.

Zinzolada, sf. ciondolamento, tentennata, vacillamento.

Zinzolar, va. e vn. ciondolare, bimenare, dosciare, tentennare, vacillare.; zinzolar i denti, ballare, o crollare i denti: — „Mi balla un incisivo.“ — „S’è fatto levare due molari che gli crollavano; “ zinzolarse su la carega, bilicarsi sulla seggiola.

Zio, sm. zio; zio materno: avuncolo; — del padre, o della madre: prozio.

Zioè, avv. cioè, cioè dire, ciò è a dire.

Ziogar, lo stesso, ma meno usato che zogar, e in questo vedi,

Zip, sm. zl. zigolo — emberiza cia.

Zipilio, sm. cipiglio.

Zipreseto, sm.. cipressino.

Zipreso, sm, bot. cipresso — cupressus piramidalis, o cupressus sempervirens; teren cciltivà a zipresi, cipressetto,

Ziprian, nome proprio di persona: Cipriano.


Zipro, sm. cipro; polvere de zipro, polvere di cipri, o polvere di ciprio, cipria.

Zirca, avv. a dipresso, a un dipresso, presso a poco, all’incirca, circa, incirca, a un bel circa, a un vel circa, a un bell’in, circa, circunì circa, in quel torno: — Sarà sta zirca nel setanta. ------ Sarà stato nel settanta, o in quel torno.4 Zirco, sm. cirdo; attenente al circo, che si fa nel circo: circense.

Zircolamento, sm. circolamento.

Zircolar, agg. circolare, circulare; sf. circolare.

Zircolarmente, avvcircolarmente.

Zircolazion, sf. circolazione, circulazione.

Zirooleto, sm. circoletto, circuletto.

Zircolo, sm. circolo, circulo.

Zircondada, sf, circondamento, circondazione.

Zircondar, va, accerchiare, circondare, circuire.Zircondario, sm. circondario.

Zirconferenza, sf. circonferenza, periferia; circuito.

Zirconzider, va. eirconcidere, circuncidere.

Zirconzision, sf. circoncidimento, circoncizione, circuncisione.

Zircoscriver, va. circonscrivere, circoscivere, limitare, terminare.

Zircoscrizion, sf. circonscrizione, circonscrivimento, circoscrivimento.

Zircospeto, agg. circonspetto, circospetto; accorto, cauto, considerato, guardingo.

Zircospezion, sf, circospezione; accorgimento, accortezza, cautela, prudenza.

Zircostante, agg. circonstante, circostante.

Zircostanza, sf. circonstanza, circostanza, circostanzia; descriver, dir, riferir — e simili — con tuta le zircostanze, circonstanziare.

Zircuir, va.’attorniare, circondare, circuire.

Zircuito, sm. cercuito, circuito.

Zircumzirca, avv. a un bel cir- [p. 529 modifica] ca, — approssimativamente, circumcirca, circum circa, — dal più al meno, per approssimazione, presso a poco.

Zirmolo, sm. bot. tiglia argentea — tilia alba.

Zirotin, sm. cerottino, cerottolo.

Ziroto, sm. cerotto; mef: importuno, noioso, seccatore; esser un ziroto, met. essere un cerotto: — „Va via, lasciami un po’ bene avere, cerotto!;“ no esserghe ziroti, met. non avere, o non essere appello, — non esserci provvedimento, o non esserci riparo: — « Il medico lo ha sfidato, non ci è appello.“

Zirusico, sm. cerusico, chirurgo, cirusico.

Zisterna, sf. cisterna.

Zisterneta, sf. cisternetta, cisternina.

Zisternon, sm. cisternone.

Zità, sf. città, cittade; città capitale di uno stato: città capitale, o città capo, metropoli; quando el re parti la zità sta mal, met. quando il re parte la città sta male.

Zitabile, agg. citabile.

Zitadaza, sf. cittadaccia.

Zitadela, sf. cittadella, cittadetta.

Zitadin, agg. e sm. cittadino: — ^Giornale cittadino.“ — „Bastò un pugno di cittadini, per volgere in rotta i predoni.“

Zitadinanza, sf. cittadinanza.

Zitadinescamente, avv. cittadinamente, cittadinescamente.

Zitadinesco, agg. cittadinesco.

Zitadon, sm. cittadone.

Zitar, va. citare: — „Furono citati in tribunale;“ addurre, allegare: — «Allega sempre l’autorità di Dante.“

Zitazion, sf. citazione; allegazione, autorità, testimonianza.

Zitera, sf. cetera, cetra; sonar la zitera, citarizzare; sonador de zitera, ceterista, citarista, citarizzatore, citeratore.

Zitereta, sf. citerino,

Zitir, va. zittire.

Zito, agg. cheto, quieto, silenzioso, tacito; secreto; avv. chetamente, pacificamente; in zito, m. avv. a chetichella, a chetichelli, — alla chetichella; su su zito — detto più specialmente ad altri quando si abbandona col dire troppo liberamente le cose dove vi son pur de’ bimbi che stanno ad ascoltare: il tetto è basso; saver parlar, e se ocori saver anca star zito, aver la ciangola in balia: — „Gracchia troppo, non ha la ciangola in balìa.“


Zitolozotolo, sm. altalena, anciscocolo, balsico, biciancole, canapiendola, lidoca, pendoio, prendifendola, salimpendola.

Zivanzar, vn. civanzare, risparmiare, vantaggiare.

Zivanzo, sm. avanzo, civanza, civanzamento, civanzo, guadagno, profitto, utile, vantaggio.

Ziveta, sf. zi. civetta, cuccumeggia, nottua — strix stridula, o strix ulula; calze de la ziveta — frase degli uccellatori: getto, pastoia; cusineto de la ziveta, — c. s — guancialetto della civetta; uselar coi vergoni e co la ziveta, andare a civetta; uselazion co la ziveta e coi vergoni, fischierella; far complimenti de la ziveta, civettinare: — «Ecco de’ codibianchi, fa civettinare la civetta;“ sul più bel del uselar xe crepada la ziveta, m. prov. la grandine è caduta in sul far la raccolta, — sul più bello dell’uccellare muore la civetta.

Zivetada, sf. civettaggine.

Zivetar, va. civettare.

Zivetaria, ziveteria, sf. civetteria, leziosaggine, smanceria, svenevolezza.

Zivetina, sf. zi. civettina: — „Piglio la mi’ civettina e ’1 fucile, e arrivederci questa sera;“ civettino: — „Un civettino di nido;“ met. civettuola: — „E un po’ civettuola, ma è fanciulla dabbene.“

Zivetismo, sm. civettismo.

Ziveton, sm. zi. gufo; met. civettone: — „ Civettone che fa la corte anche alle serve;“ met. civettuzza, dileggino. E. Kosovitz. — Dizionario ecc. 34 [p. 530 modifica] Zivico, agg. civico.

Ziviera, sf. barella; portar co la siviera, barellare; — vassoio.

Zivil, agg. civile, urbano; bencreato, cortese, gentile, manieroso; parte zivil, leg. parte civile; matrimonio zivil, matrimonio civile; morte zivil, met. morte civile; swer el zivil e el criminal, met. sapere il civile e il criminale; far de un zivil un criminal, met. far d’una bolla, o fare d’una pipita un canchero.

Ziviltà, sf. creanza, civiltà, urbanità.

Zivilizada, sf. incivilimento meglio che civilizzazione.

Zivilizador, sm. incivilitore, civilizzatore: — „ Sotto • coperta di incivilitori svenano la provincia.“ — «Civilizzatore a dir vero assai poco civile.“

Zivilizar, va. civilizzare, e più italianamente: incivilire.

Zivilizazion, sf. lo stesso che zivilizada,

Zivilmente, agg. civilmente, cortesemente, gentilmente, urbanamente.

Ziviltà, sf. civiltà; cortesia, gentilezza, urbanità.

Zivola, sf. bot. cipolla — àllium cepa; zivola salvadìga, cipollaccio, cipolla salvatica, o canina; mar. girotta; met. martinaccio: — „Vediamo quante ore fa il mio martinaccio;“ de zivola, cipollino: — «Salsa cipollina.“ — „ Fi ori cipollini;“ dopio come una zivola, o dopio più de le zivole, met. cima d’arrosto, — doppio . più di una cipolla, — Griano bifronte: — «Vergognati falsaccio! Giano bifronte!“ — „Non credetegli, è una cima d’arrosto che pensa bianco e dice nero.““

Zivoler, sm. cipollaio, cipollaro.

Zivolera, sf. bot. cipollaio : — „Cipollaio . che dà una buona rendita.“ — «Aver ridotto l’orto a cipollaio.“

Zivoieta, sf. cipolletta, cipollina, cipollino.

Zivolon, sm. cipollone: — ,,Cipolloni tanto fatti.“ — «Quando saranno maturi que’ cipolloni li regaleremo allo zio.“


Zizagna, sf. bot. zizzania; seminar zizagna, met. seminare, o sparger zizzania, — seminare, o spargere discordia, dissensione, scandalo: — B Attizzino che spargerebbe la zizzania tra i morti.“ — «E lui c’ha sparso la dissensione nella famiglia.“

Zizeron, sm. cicerone; Zizeroneto, sm. ciceroncino.

Ziziai, sm. ditale — chiamasi quello in forma — suppergiù — di un bicchierino, e: anello da cucire, dicesi a quello che a chi lo usa gli lascia scoperta la punta del dito; un zizial, met. un centellino: — „Ho bevuto un centellino di vermutte.“ — „A’ bimbi il vino va dato a centellini.“

Zmoch, sm. spiumacciata: — «Villano o non ha dato una spiumacciata al bimbo;“ tonfo: — «Dei dell’Olimpo che dornin è successo ? qual tonfo!“ io, avv. giù; zo, e talora, per maggior efficacia, raddoppiato: zo, zo, diventa l’imperativo di vari verbi: zo, zo — detto p. e. ad un cacciatore: spari, spari; ad un ritroso: pigli, pigli; prenda; a chi percuote chissisia: dagli, dagli — e così altri moltissimi; poco su poco zo, m. avv. circa a, intorno di, suppergiù; un su e zo, un’ambiguità, un’incertezza, una titubanza, un ondeggiamento; andar zo, discendere, scendere: — „Scese le scale a rompicollo.“ — «Discese a passo lento e sospirando;“ met. dimagrare: -— „Dopo l’ultima malattia è dimagrato che appena si riconosce;“ — dare addietro: — «Poverino, com’ è andato addietro.“ — • «Era andato addietro orribilmente, ma ora si rifà;“ dare alla luce, o dare al lume, — partorire: — „ Die de alla luce una piscialletto.“ — „Dare al lume un bamboccione tanto fatto;“ andare al ribasso, o andare alle Ballodole, — fare una bas’-setta: — „A furia di sprecare è andato al ribasso che non accozza più il desinare colla cena.“ — ^ «Anco il [p. 531 modifica] signor l’ha fatto una bassetta; no voler andar zo — che che si sia, met. essere una cosa contro all’anima: — -„La nomina di quel babbuino mi è contro all’anima;“ lassar andar zo ’l fogo, lasciar spegnere .il fuoco; vignir zo sul cui, scendere a scorticaculo: — «Se le guide scendono a scorticaculo possiamo farlo anche noi;“ butar so, sprofondare: — „I vigili hanno sprofondata la porta:“ abbattere: — «Abbattute le mura il nemico si rese padrone della cittadella;“ accasciare, infiacchire, spossare: — «Fatiche incessanti che accasciano anco tempre di ferro; * ingoiare, ingollare, — mangiare a stranguglioni, o mangiare coli’ imbuto: — „Ingollava bocconi che sembravano giuramenti falsi;“ tirar giù: — „Ha tirato giù quel quadro chiacchierando colla cuginetta.“

Zoco, sm. ceppo, desco: - fasciare la testa sul ceppo.“ — „Ceppo dell’ancudine.“ — „Alcuni carri di ceppi per la stufa.“ — „Un desco da macellaio.“ — „I deschi sogliono essere di rovere;“ met. stolido, tarpano, tarpanone,. zuccone; dormir come un zoco, dormire della grossa, o dormire in sulla grossa, o dormire la grossa, — dormir fermamente, p dormir sodo, — legare la giumenta, — legare, o aver attaccato l’asino a, buona caviglia, — legare, o aver attaccato la giumenta a buona caviglia; vestido un zoco el par anca bel, m. prov. vesti un ciocco pare un fiocco.

Zocolada, sf. zoccolata.

Zocolo, sm. zoccolo; mar. nazadra; esser una scarpa e un zocolo, v. scarpa. èogada, sf.. giocata, giuocata, giuoco.

Zogador, sm. giuocatore; zogador per la pele, giuocatore che giuocherebbe su’ pettini da lino; le carte fa el zogador, ognuno sa giuocare quando la gli dice bene, — carta che venga giuocator si vanti.

Zogar, va. e vn. baloccare, giocare; giocare, giuocare, trastullare; giovare; zogar al biliardo col acuso, fare a dichiarare; zogar el loto, mettere al lotto, o mettere de’ numeri al lotto; zogar sporco — alle carte: fare de’ necci; zogar per el litro, o per el vin, fare un fiasco; zogar le carte, giuocare alle earte, — tirare gli orecchi, o tirare gli orecchi al diavolo; aver gran voia de zogar le carte, aver l’asso nel ventriglio; zogar da bon, giuocare a buon giuoco, o giuocare a tu me li dai; zogar de portarse, giuocare’a tu me li hai; zogar pagando subito, giuocare a ite e venite; zogar su la parola, giuocare a verranno; zogar con due baie contro due con una ognidun, avere il solo, o avere il granchio; — el pandolo, fare, o giuocare alla lippa; — el zurlo, fare, o giuocare al palèo; — ai ladri e pulizai, o a cani e levri, giuocare ai birri e ai ladri; — naseto, giuocare a nocciuoli; — a piereta, giuocare a piè zoppo; — le manete, giuocare a ripiglino; — armer io parole, fare a palle o santi; — barbaiata, giuocare a mosca cieca, o a Maria orba; — a poma, giuocare a battibomba, o a tocca poma; — a muceto, giuocare a castellana, o giuocare a castelletto; — sconder, giuocare a rimpiattino; — • corerse drio, fare a acchiapparsi; — toca fero, fare a toccaferro — e così toccalegno, toccapietra, e simili; — zitolozotolo, fare all’altalena; — ai zoni, giuocare a’ birilli; — a pari e dispari, giuocare a pari e caffo; — volentieri tuti i zoghi, trarre il fil dal pagliaio; — sul veludo, met. ballare sul tappeto; se zoga de questo, o de quel, — no se zoga miga de portarse, non è giuoco mica da nocciuoli: — „Abbia la bontà signore di non suggerirlo, non è giuoco da nocciuoli quello che noi si fa;“ — de pii, met. giuocare di pedina; zogar l’impiego, met. giuocare il pane; no esser tempo de zogar, met. non essere tempo da far fieno; no zogar sconder, mei. essere da bosco e da riviera; non mondar pere; chi zoga per bisogno perdi per nezesità, v. bisogno; chi no zoga vinzi sicuro, v. vinzer.


Zogatolar, va. giuocherellare. [p. 532 modifica] Zogatolezo, sm. baia, citrulleria, minchioneria trastullo. dogatolo, sm. balocco, giocatolo, giuocatolo; met. trastullo, zimbello: — „Povero vecchio è lo zimbello di que’ mariuoli;“ tuorlo d’uovo: — «Abita in un quartierino ch’è proprio un tuorlo d’uovo.“ Èogatolon, agg. e sm. baione, brioso, vispo.

Zogheto, sm. giocolino, giuocolino, giuochetto.

Zogo, sm. giuoco; pallaio: — ,,Doman si giuocherà per la prima volta sul pallaio nuovo “ — „PaIlaio lungo trenta metri e largo sei; “ zogo de la balanza, ago, bilico, indice, lingua; zogo nel qual se devi risponder el color, giuoco di data: — «La briscola non è giuoco di data; “ bruto zogo, met. brutto, o mal giuoco; a la fin del zogo, met: alla fine del giuoco; a che zogo zoghemo ì inter. a che giuoco si giuoca? — a che giuoco s’ha giuocare? chi che no voi perder che no zoghi, v. perder; zogo de la semola, v. semola; no bisogna targhe torto al zogo, v. torto.

Zogolo, sm. t. degli uccellatori: endice, passeggino, zimbello; logo dove che xe ligà el zogolo, zimbelliera; far mover el zogolo, zimbellare; movuda del zogolo, zimbellata.

Zoia, sf. gioia; t. de macellai: soppelo.

Zolfo, e derivati, lo stesso che solfo e derivati.

Zoncada, sf. recisione; abbreviamento, accorciamento.

Zoncar, va. recidere.

Zoneto, sm, birilluccio; el zoneto de mezo — nel giuoco del bigliardo: il priore: — „Il priore alla bazzica ccnta cinque punti.“ — „Se faccio il priore ho partita.“

Zonfo, agg. e sm. bilenco, cionco, moncherino, monco.

Zono, sm. birillo, rullo; zogar i zoni, fare ai rulli — giuocare a’ birilli.

Zonta, sf. giunta; zonta su la carne, tarantello; dar la zonta, met. dare il contentino; far la zonta, met. fare la cornice, o farci la frangia: — „Se racconta qualche cosa ci fa certo la cornice.“ — „Ha voluto farci la frangia ed ha sciupato l’aneddoto. “


Zontadura, sf. giunta.

Zontar, va. aggiuntare, commettere, congiungere, giuntare.

Zonzoloso, agg. frittellone, imbrattato, lezzone, sporco, sudicio, sudicione.

Zopa, sf. t. d’agricoltura: ghiova, gleba, zolla; pane, piota.

Zopada, sf. zollata.

Zopigada, sf. zoppicamento.

Zopigante, agg, zoppicante; met. difettoso, manchevole.

Zopigar, zotar, va. claudicare, zoppicare, e come qualità astratta di chi è zoppo: zoppaggine: — «Preferisco, la zoppaggine alla sordità;“ andar zopigando, m. avv. andar zoppicone, o andar zoppiconi; chi va coi zoti impara zotar, m. prov. lo stesso che chi che va col lupo impara urlar, v. lupo.»

Żorzi, nome proprio di persona: Giorgio.

Zotazo, sm. zoppaccio.

Zotin, sm. sciancateli, zoppetto, zoppino, zoppuccio. loto, agg. .e sm. zoppo; sciancato, sbilenco; chi che va coi zoti impara zotar, prov. lo stesso che chi va col lupo impara urlar, v. lupo. botolo, sm. zi. seppiola — mollusco di due specie: sepiola Bondeletii e sepiola vulgaris.

Zuca, sf. bot. cucurbita, zucca — cucurbita pepo; zuca baruca, zucca popone — cucurbita melo pepo carne crocea; — longa, zucca da olio — cucurbita lagenaria varietas longa; — santa, zucca del collo torto — cucurbita pepo bicorporea; — turca, zucca a corona — cucurbita mélopepo; — come una fiasca, zucca fiasco — cucurbita tagenaria; met. capo, celloria, ceppicone, testa; zuca voda, met. capo scarico, — cervello“ sventato, zucca senza sale, o zucca al vento; zuca spélada, met. zucca pelata; duro de zuca, met. tardo di ingegno, o tardo di mente; zuche fri [p. 533 modifica] te, met. le zucche fritte: — ,11 signor Ramiro un liberale ? le zucche fritte !“ Zucada, sf. zuccata; strappata, tirata.

Zucar, va. tirare: — „Cavallaccio quartato che tirerebbe una casa;“ adescare, traviare, — condurre sulla mala via: — S’è lasciato adescare di mettersi in società !“

Zucariera, sf. zuccheriera.

Zucarin, agg. zuccherino; zuccheroso.

Zucherà, zucherado, agg. inzuccherato, zuccherato.

Zucheta, sf. zucchettino, zucchino — la cucurbitacea che si suol mangiare cucinata; zucchetta — piccola zucca in genere; susina imperiale — la specie di prugna.

Zucon, sm. strappata, tirata: — „Con una strappata ruppe lo spago.“ — „Dà un po’ una tiratà al campanello;“ agg. ignorante, scimunito, zuccone; esser un zucon che no se ghe ne trova el compagno, non conoscere gli uomini dagli orciuoli, — non sapere quante paia fanno tre buoi, — non conoscere il pan da’ sassi, — non saper accozzare tre palle in un bacino — e altre simili.

Zucoro, sm. zuccaro, zucchero; zucoro negro, o zucoro de Gorizia, legorizia, liquerizia, liquirizia, regolizia; — de orzo, zucchero pennito; — candido, zucchero candito; — panon, zucchero in pani; — negro — nel senso di zucchero non raffinato: zucchero di cassonata; baia de zucoro, zollo — v. assoluta: — „Dà un par di zolli al bimbo.“ — .Preso il tè mette in bocca un zollo;“ aver el zucoro in boca, met. sputar zucchero: — «Sputa zucchero il briccone e se mai può ve l’accocca;“ esser, o parer tanto zucoro, met. essere zuccherini, — parere, o sembrare zuccherini: — «Dava l’allesso al cane, ed ora se lo avesse, gli parrebbe zuccherini;“ esser sólo zucoro, o esser un zucoro, met. essere uno zucchero, essere tutto zucchero: — «Uve maturissime eh’ eran tutto zucchero;“ mal del zucoro, diabete.

Zuf, zufo, sm. ciuffetto ciuffo.


Zufa, zufona, agg. cappellaccia, cappellata: — „Allodola cappellaccia.“ — „Furono spedite le galline cappellate.“

Zufado, agg. cappelluto; accatricchiato, scarduffato.

Zufar, va. accapigliare, acciuffare, ciuffare, scapigliare; malmenare, percuotere.

Zufolada, sf. accapigliatela, scapigliatura.

Zufolar, lo stesso che zufar.

Zufolo, sm. nappa.

Zugnon, sm. cipollotto.

Zumbada, sf. assorbimento.

Zumbar, vn. assorbire, imbevere; met. accollare, addossare, cuccare, giulebbare, succiare, — rimanere addosso; zumbarsela, vnp. met. succiarsela, soggiacere, o sopportare che si sia.

Zupar, e derivati, lo stesso che zumbar e derivati.

Zurlar, va. bighellonare, sparabicchiare, zazzeare, — andare a zonzo, o andare a giostroni, o a sparabicco, andar zazzeato: — „In luogo di frequentar la scuola va a giostroni.“ — „Vieni, andiamo un po’ a sparabicco.“

Zurlo, sm. fattore, palèo, pigolo — quello che si fa girare colla frusta; trottola — quello vuoto internamente che gira collo svolgere uno spago avvoltogli attorno; met. citrullo, imbecille, minchione, scemo, stolido sventato.

Zurma, sf. accozzaglia, ciurma, torma, turba.

Zurmaia, sf. ciurmaglia.

Zuzada, sf. succhiata, succiata.

Zuzador, sm. succiatore.

Zuzamento, sm. succhiamento, succi amento.

Zuzar, va. succhiare, succiare, suggere; zuzarsela fora dei dedi, met. cavarsi del capo, o cavarsi di capo che si sia, — coniare, o fabbricarsi questo o quello: — Rovella che s’è coniata per arrovellare gli avversari.“ — „Morto il re!? tu te la sei cavata di capo;“ aver el vestito zuzado, v. vestito.

[p. 534 modifica]
ZUZ — 534 — ZUZ

Zuzolar, va. frequentativo del verbo zuzar.

Zuzolo, sm. poppatoio; zuzolo de zucoro coto, bastoncello; — de iazo, diacciuolo; aver ancora el zuzolo in boca, met. avere ancora il latte in bocca, o alle labbra — non aver ancora rasciutto il latte sulle labbra; deghe el zuzolo — si dice ad adulto che fanciulleggi: dategli la chicca, — licenziate la balia il bambino si balocca.






FINE.