Istoria delle guerre persiane/Libro secondo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Libro primo

../Libro secondo/Capo I IncludiIntestazione 3 dicembre 2016 75% Da definire

Libro primo Libro secondo - Capo I

Indice

  •  Capo I 75%.svg Pretesto di Alamandaro per rompere gli accordi co' Romani, o sia querele del saraceno contro di Areta in causa d'un tratto di paese nomato Strata. — Ragioni delle due parti. — Strategio e Summo da Giustiniano eletti arbitri della controversia. — Lamentanze del Persiano contro l'Imperatore.
  •  Capo II 75%.svg Ambasceria di Vitige re dei Goti a Cosroe. — Aringa degl'ambasciadori. — Il persiano, geloso dell'imperiale prosperità, ne approva i richiami.
  •  Capo III 75%.svg Simeone ucciso dagli Armeni. — Amataspe succedegli nella prefettura. — Questi accusato da Acacio incontra morte per volere di Giustiniano. — Sommossa della regione prodotta dalle crudeltà di Acacio, il quale vi perde la vita. -Mandata di Sitta a far vendetta dei ribelli, e sua fine pugnando. — Nefandissima azione di Buzez, surrogate al defunto, contra l'arsacida Giovanni — Il costui genero Massace, avuta la prefettura dell'Armenia, implora con veemente aringa il favore di Cosroe. — Il quale risolve di guerreggiare i Romani.
  •  Capo IV 75%.svg Apparizione di una cometa. — Scorrerie degli Unni. Lettera di Giustiniano a Cosroe.
  •  Capo V 75%.svg Cosroe, rotta la pace, entra con forte esercito in quel dell’imperio. — Omette l'assedio del castello Circesio e della città di Zenobia. — Circondata Sura, città, e presala d’inganno, l'abbandona al furor delle truppe. — Restituisce per danaro a Candido, vescovo di Sergiopoli, i fattivi prigionieri.
  •  Capo VI 75%.svg Divisione delle truppe orientali, e duci eletti a comandarle. — Buzez inviato a Gerapoli aringane gli abitatori. — Germano nipote di Giustiniano comandante del presidio di Antiochia; suoi piani di fortificazione. — Megas vescovo di Berea dagli Antiocheni spedito oratore a Cosroe. — Questi chiede danaro ai Gerapolitani.
  •  Capo VII 75%.svg Cosroe debellata la città di Berea ne fa esecrando scempio. Megas tornato in Antiochia non può indurne gli abitatori ad attendere le sue promesse. — Va una seconda volta mediatore al persiano duce. — Costui finalmente cede, e condona la vita ai Berei ed al presidio entro la rocca.
  •  Capo VIII 75%.svg Insolenza degli Antiocheni. — Assedio della città. — Confusione degli assediati. — I Persiani, scalate le mura, s’impadroniscono di Antiochia. — Vigorosa difesa della gioventù là entro. — Discorso del sabergane a Cosroe; memorabile esempio di castità.
  •  Capo IX 75%.svg Parlamento di Cosroe all’imperiale ambasceria. — Naturale del re. — Giudizio di Procopio intorno alla fortuna. Saccheggio ed incendio di Antiochia.
  •  Capo X 75%.svg Segni delta rovina di Antiochia. — Rifietsione sopra gli imperscrutabili consigli del Nume. — Tempj conservati. — Discorso degli ambasciadori imperiali a Cosroe. — Querele del re. — Conferenza intorno alla pace, e sua conchiusione.
  •  Capo XI 75%.svg Cosroe visita fa città di Seleucia e Dafne sobborgo. — Vendica la morte d' un suo guerriero ardendo il tempio di S. Michele. — Prende la via di Apamea, e gli abitatori, spaventati, hanno ricorso al patrocinio d’una reliquia detta vera Croce. — Tommaso vescovo della città fattoglisi incontro lo accompagna entro Ie mura, e n' è mal corrisposto. — Il re interviene ai pubblici spettacoli, e si dichiara per la fazione del prasini, geloso di Giustiniano favoreggiatore dei veneti — Condanma a morte un soldato reo di stupro colla figliuola d' un cittadino.
  •  Capo XII 75%.svg Cosroe, domandato ai Calcidesi danaro, valica l'Eufrate. — Re Augaro di Edessa, intrinsichissimo di Augusto ottiene con maraviglioso artifizio la permissione di tornare nel regno, — Scrive al figliuolo di Dio implorando salute, — Il quale ne accoglie i voti, ed assicuralo inoltre che Edessa trionferebbe ognora degli astalimenti nemici. — Giudizio di Procopio sulla verità di queste lettere, — Persiano istigato da tale grido assedia lor città, quindi si parte.
  •  Capo XIII 75%.svg Ratificamento della pace inviato da Giustiniano a Cosroe. — Carità degli Edesseni verso i prigionieri d'Antiochia frustrata dall'avaro Buzez. — Carreni trattati urbanamente dal Persiano. — Origine delle pretensioni del monarca persiano su di Costantina. — Dara assediata dall'esercito reale, ma non vinta."
  •  Capo XIV 75%.svg Città fondata da Cosroe e ricolma di privilegi. — Ritorno di Belisario dall'Italia in Bizanzio, e nuova sua mandata in Persia. — Dimora di Vitige in Bizanzio durante la guerra, e morte di uno degli ambasciadori suoi.
  •  Capo XV 75%.svg Reali distintivi conferiti ab antico al monarca de’ Lazj dal romano imperatore. — Cattivi trattamenti fatti a questo popolo da Pietro e Giovanni comandanti delle imperiali truppe. — Suoi ambasciadori alla presenza di Cosroe per domandarne il patrocinio. — Loro preghiera esaudita.
  •  Capo XVI 75%.svg Belisario fa leva di truppe, spedisce esploratori ed appresta la guerra. — Arringati i minori duci, delibera secoloro.
  •  Capo XVII 75%.svg Entrata di Cosroe nella Colchide ed ubbidienza prestatagli dal re Gubaze. — Assedio della città di Pietra con grave perdita delle truppe reali. — Minata, arrendesi per capitolazione.
  •  Capo XVIII 75%.svg Belisario a Nisibi. — Suo parlamento alle truppe. — Nabade assalisce i Romani.
  •  Capo XIX 75%.svg Belisario sotto le mura di Sisaurano. — Sua arringa ai capitani dell’esercito. Spedisce Areta a dare il guasto all’Assiria. — Capitolazione dell’antedetto castello, e mandata del governatore col presidio in Bizanzio. — Infedeltà di Areta. — Esercito romano oppresso da febbri e da altri malori. — Parlamento di Giovanni a Belisario sulla condizione delle truppe. — Ritirata di Belisario e di Cosroe.
  •  Capo XX 75%.svg Terza scorreria di Cosroe in quel de' Romani — Sua malvagità sacrilega verso Candido vescovo di Sergiopoli. — Tenta sorprendere questa città. — Vuol condurre l’esercito nella Palestina, e mettere a sacco il tempio Gerosolimitano — Frettoloso ritorno di Belisario in Persia. — Lettera di Giusto nipote di Giustiniano a Belisario. — Risposta del condottiero.
  •  Capo XXI 75%.svg Abandane ordinato da Cosroe va a Belisario. — Aringa il duce, e questi risponde. — Consiglia il re a farsi indietro. — Perturbamento ed irresoluzione di Cosroe. — Il quale rivalica l'Eufrate. — Elogio di Belisario. — Callinico, città, sorpresa dal Persiano. — Richiamo di Belisario in Bizanzio e sua mandata in Italia.
  •  Capo XXII 75%.svg Moria gravissima da Dio mandala all'uman genere; sua descrizione. — Strage da essa fatta in Bizanzio. — Giustiniano curantissimo del suo popolo dà a Teodoro la soprantendenza di tutti i provvedimenti necessarj in quelle angustie.
  •  Capo XXIII 75%.svg Pireo, divinità santissima appo gli Ardabigareni. — Cosroe tradito dagli ambasciadori — Ordine imperiale d'una scorreria nella Persia. — Accampamento deil’esercito romano.
  •  Capo XXIV 75%.svg
  •  Capo XXV 75%.svg
  •  Capo XXVI 75%.svg
  •  Capo XXVII 75%.svg
  •  Capo XXVIII 75%.svg
  •  Capo XXIX 75%.svg