Pagina:Guicciardini, Francesco – Storia d'Italia, Vol. I, 1929 – BEIC 1845433.djvu/409

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

indice e sommario 403



X. Felice sbarco a Livorno di granaglie per i fiorentini (266-267). — Contraria fortuna di Massimiliano Cesare nel tentativo d’impadronirsi di Livorno (267-268). — Massimiliano Cesare con pochissima dignitá del nome imperiale abbandona la Toscana e l’Italia e si ritira in Germania (268-269). — Lodovico Sforza ritira le sue genti da Pisa (269-270).

XI. Resa di Taranto a’ veneziani (270). — Il re di Francia progetta d’impadronirsi di Genova (270-271). — 1407Il pontefice dichiara confiscati gli stati degli Orsini (271). — Guerra con gli Orsini e patti che la concludono (271-275). — Presa di Ostia (275). — Consalvo accolto trionfalmente in Roma e dal pontefice (275). — Molestie che affliggono Federigo d’Aragona (275-276).

XII. Carlo VIII tratta la tregua co’ re di Spagna e manda milizie contro il territorio di Genova e contro il ducato di Milano, occupando alcune terre (276-279). — Infelice esito dell’impresa e probabili cause dell’insuccesso (279). — Patti della tregua fra il re di Francia e i re di Spagna (280). — I francesi perdono in Italia quasi tutte le terre recentemente occupate (280-281). — I fiorentini occupati nella riconquista di Pisa accettano malvolentieri la tregua (281).

XIII. Il duca di Milano propone a’ collegati di cedere Pisa a’ fiorentini per staccarli dal re di Francia (282-283). — Fallimento della proposta (283). — Condizioni interne di Firenze (283). — Vano tentativo di Piero de’ Medici di rientrare in Firenze (284-285). — Turpitudini e tragedie nella famiglia del pontefice (285-286). — La condanna de’ compromessi nel tentativo di Piero de’ Medici (287).

XIV. Federico d’Aragona ricupera altre terre (288). — Conclusione della tregua fra i re di Spagna e Carlo VIII (288-289). — Morte di Filippo di Savoia (289). — Il duca di Ferrara consegna il castello di Genova a Lodovico Sforza (289-290). — Continui dubbi e negligenza del re di Francia e conseguenze che ne derivano per le cose d’Italia (290-292). — 1498 Si torna a discutere fra i collegati italiani dell’opportunitá di cedere Pisa a Firenze (292). — Obiezioni e opposizione de’ veneziani (293-294).

XV. Morte di Carlo VIII e sue conseguenze (294-295). — Decadenza dell’autoritá del Savonarola in Firenze (295). — Suo conflitto col pontefice (295-297). — Suo supplizio (297-298).

Libro quarto |||
 p. 299-393

I. Diritti del nuovo re di Francia al ducato di Milano e suo desiderio di rivendicarli (299-301). — Disposizione d’animo de’ principi e de’ governi italiani verso il nuovo re (301-302). — I veneziani il pontefice e i fiorentini mandano al re ambasciatori (302-303). — Il re li accoglie lietamente ed inizia subito trattative con essi (303).

II. Lodovico Sforza delibera d’aiutare con l’armi i fiorentini a ricuperare Pisa (303-304). — Rotta de’ fiorentini nella valle di S. Regola