Visioni sacre e morali/Visione VI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Visione VI

../Visione V ../Visione VII IncludiIntestazione 25 gennaio 2017 75% Da definire

Visione V Visione VII


[p. 103 modifica]

VISIONE VI.




PER LA MORTE


DELLA SERENISSIMA


MARIANNA


ARCIDUCHESSA D’AUSTRIA


PRINCIPESSA DI LORENA.





Nella stagion, che il sol dal cocchio eterno
     Alla fertil Esperia obbliquo splende,
     3E lascia l’erbe e i fior in preda al verno,
Sorta era già coll’umid’ale orrende
     La fredda Notte, ed i silenzj e i sogni
     6Le intrecciavan al crin l’oscure bende;
Ed io, qual uom che immagin tetra agogni
     Sveller dall’Alma, e in desvìar l’immago
     9Più l’imprima in sè stesso, e si rampogni,
Meco dicea: Come il pensier mio vago
     D’errar ove nè augelli erran, nè antenne,
     12E in tanto vol stanco non mai, né pago,
Come tarpò le trionfali penne
     Sì, che invan chiegga quell’antica forza,
     15Che su le liquid’aure alto lo tenne?

[p. 104 modifica]

Come una Donna, la cui vaga scorza,
     Pria che cenere fosse unqua non vidi,
     18A serbarla nel cor viva mi sforza?
Degna fu ben, che in lagrimosi gridi
     Sonasser tutti di Marianna al nome
     21Del Germanico mare i monti e i lidi;
Degna fu, mentre da sue frali some
     La bell’Alma fuggìa, che l’Istro e il Reno
     24Strappassero il guerrier lauro alle chiome.
Ma benché i mesti onor di morte appieno
     Fosser dovuti a lei, qual parte avea
     27Il mio con essa immaginar terreno?
Forse scritto è lassù, che ignota idea
     Per secreto destin mia mente annodi,
     30O del mio vaneggiar la mente è rea.
Mentr’io mille tentava altre arti e modi
     Per rispinger l’immago, in cui s’immerse
     33La ragion mia con sì tenaci nodi,
Spettacol grande agli occhi miei s’offerse,
     Che i sensi in un momento e i desir tutti
     36Dell’affannato ingegno a sè converse.
Colà, dove Aquilon serba i ridutti
     Gelidi venti, che poi scioglie irato
     39Contra le selve annose e i salsi flutti ,
Dal polo fin dell’oriente al lato
     Con luce di sanguigno ardor feconda
     42Si tinse il taciturno aere stellato;
Tal che dell’Eridàn presso alla sponda
     Ne rosseggiàro al ripercosso lume
     45Gli uomin, le navi, i tronchi, e l’erbe, e l'onda.
Mentre seguendo il nuovo suo costume
     Ardea purpureo il ciel, gli apparve al lembo
     48Un, che l’aure inondò, ceruleo fiume;

[p. 105 modifica]

E dall’azzurro e dal vermiglio grembo
     Rai ne sgorgàro or agitati, or cheti,
     51E ondeggiamenti del focoso nembo,
E globi, che splendean come pianeti,
     E lucide corone, ed archi, e liste,
     54E argentee volte, e pescarecce reti.
Ben conobb’io nel meditar le viste
     Fiamme dipinte, e con mirabil’ arti
     57Raccolte da Natura, e fra lor miste,
Che i sottili nitrosi efflussi sparti
     Dal gelo acuto per gli aerei campi
     60Salìr del zolfo ad irritar le parti
Dal sole attratte, quando avvien, che avvampi
     Alto del Cane sotto l’ignea stella,
     63E allor scoppiàro in color varj e in lampi.
Sparìa, poi riaccendeasi ogni facella;
     Ed era or l’ostro illanguidito, ed ora
     66Fea di vivo fulgor mostra novella.
Quand’io mi volsi a rimirar, se ancora
     Stesi avesse i bei raggi al lato manco
     69Ne’ moti suoi la Boreale Aurora;
E volto appena, ecco mi vidi al fianco
     Una Donna Real di strisce aspersa
     72Incatenate a spine il manto bianco.
Poichè alla sua la fronte ebbi conversa,
     Muto per maraviglia ad una ad una
     75Scopria le forme dell’immagin tersa.
Fascia di luce avea, dove s’aduna
     Il più folto del crin: bruno era il crine,
     78Che la faccia lambìa fra il roseo bruna:
Le nere ciglia con egual confine
     Doppio fean sottll arco al cerchio nero
     81De’ rai, che cinto ardea d’argentee brine.

[p. 106 modifica]

Ella, che l'una man con modo altero
     Tenea là dove il fianco il busto folce,
     84L’altra innalzò con incurvar leggiero
Verso le labbra, che il bel riso molce,
     E abbassò gli occhi in sì leggiadra guisa,
     87Che in Donna mai non vidi atto più dolce;
E a dir sì prese: Io benché in loco assisa,
     Ove giunger non può quest’aere impuro,
     90E per tanto da te spazio divisa ,
Pur lessi aperto in Dio, cui nulla è oscuro,
     L’ostinato pensier, che sì t’avvinse,
     93Che inutil provi anche il domarlo, e duro.
Ben raro in amator tal si dipinse
     Stabil idea d’una beltà mortale,
     96Qual la mia d’amor nuda a te si strinse.
Ma del Ciel grazia è il tuo pensier, che l’ale
     A me volse; e ch’io scenda a parlar teco
     99È grazia nuova ai maggior doni eguale;
Perchi’io, che porto la mia gloria meco,
     A te la stella di salute additi
     102Nel mar che varchi, aspro di scoglj, e cieco;
E perchè tu, quand’ella a sé t’inviti,
     Tutte rivolga a lei le accese voglie,
     105Ed il mio cor nel riamarla imiti.
Ch’ ella le spine, che in sé impresse accoglie
     Il mio manto, e a me fér vivendo guerra,
     108Cangiommi in segni di trionfo e in spoglie.
Or tu mi segui, e il gran momento afferra
     Per veder quella, che non mai s’appanna,
     111Sacra Aurora, che il cielo orna e la terra.
Seguimi; vano sogno or non t’inganna,
     Od ombra, che dall’aer condenso nacque:
     114Spoglia il muto stupore: Io son Marianna;

[p. 107 modifica]

Io son colei, che ferma in cor ti giacque
     Ad onta tua per avviarlo altrove.
     117Mirami; e sfavillò più chiara, e tacque.
Per le parole sparve elette e nuove
     La maraviglia, e un santo in me s’infuse
     120Ardir, che l’Alme pie conforta e move;
Ond’io le labbra, che il timor già chiuse.
     Facili aprendo: Alma real, risposi,
     123Chi tanta nel mio sen grazia diffuse,
Che te inviti dall’alto, ove riposi
     Fra lo splendor di tua letizia e pace,
     126A ritentar le vie de’ chiostri ombrosi?
Ben fu voler divin, cui sceglier piace
     Moti più ignoti all'Uom , ch’io in me volgessi
     129Quel pensier tanto in sua fermezza audace,
E che in mente di Dio tu lo vedessi,
     Perchè l'idea della tua morte amara
     132Col tuo bel volto a rischiarar scendessi;
Ed empiendomi il cor di luce rara
     Lo rendessi in amar servo di lei.
     135Che fu la grande Ancella a Dio più cara.
Ma perchè in me tu spegna i dubbj miei
     Sorti in mirar, che su le nubi e il tuono
     138Le spine porti, onde fregiata sei,
Dimmi, e il mio dir merti da te perdono,
     Quai t’afflissero spine? E forse queste
     141Pungon quaggiù l’Alme serbate al trono?
Fra l' aspre, ella soggiunse, onde funeste
     Del crudo mare, o grave siasi, o lieve.
     144Soffre ogni prora i venti e le tempeste.
Ma che più indugi? Omai t’appiglia al breve
     Sentier, che nel condurti al santo obbietto
     147Beati gli occhi appien render ti deve.

[p. 108 modifica]

Io mossi allor sovra il cammino eletto
     Dalla mia Guida, e ad onta mia mi sorse
     150D’incerta fede una sol’ombra in petto;
Che il piè calcar noto cammin s’ accorse,
     E mi parea, che la felice meta
     153Per quella via por si potesse in forse,
Quand’ ella ripigliò: Di me più lieta
     Un tempo giammai Donna altra non visse
     156Sotto la sfera del più bel pianeta;
Che quanti il Ciel divisi altrui prescrisse
     Agi, e titoli augusti, e sommi onori,
     159Parve, che in me con largitate unisse;
E perché del piacer puro tra i fiori
     Nulla, onde render pago il cor, mancasse,
     162V’aggiunse il fior de’ maritali amori:
Ma il vario ordin, che sempre in giro trasse
     Le umane cose or fauste, or infelici,
     165Fé’ che il primo destin mi si cangiasse.
Era io congiunta co’ più santi auspici
     Al magnanimo Carlo; e di lui paga
     168Godea vivendo in lui l’ore felici.
Fra noi concorde era il voler, che appaga
     Dell’Alme pie l’innamorato stuolo;
     171Che pari in noi fu l’amorosa piaga,
Che d’ire scevra e di geloso duolo,
     Perchè aperta per man di Caritade,
     174Fea di due spirti e di due cori un solo:
Quando dalle vicine a noi contrade
     Apparver folte ad ingombrar Lamagna
     177Civili insieme e peregrine spade,
Che, qual d’alto pendìo della montagna
     Precipitato fiume all’ima valle,
     180Empièro i colli, i boschi e la campagna.

[p. 109 modifica]

Quel, che vietò chiuder a tempo il calle,
     Subito assalto accese i cor più degni
     183A non voltar le inonorate spalle;
E il mio Consorte co’ guerrieri sdegni
     Infiammò sì, che a vendicar discese
     186Della Germana mia gli oppressi Regni.
Ma mentre armato in campo egli difese
     La ragion prisca dell’Austriaco Sangue,
     189Me ad onta sua, che d’Austria nacqui, offese,
Perchè, qual egro che combatte, e langue
     Fra il viver duro e l’aspettata morte,
     192Lungi dal suo giacque il mio cor esangue.
AUor provai quanto d’ogni aspra sorte,
     O di misero stato, o di martìri
     195Fosse ne’ petti umani amor più forte.
Chiedean all’Alma i caldi miei desiri
     L’esca soave dell’amato volto;
     198E l’Alma rispondea sol co’ sospiri.
Nè a rattemprar valean poco, nè molto
     Le danze liete, ed i conviti e i giochi,
     201Nell’affannosa mente il duol raccolto.
Già pel lungo soffrir gli spirti fiochi
     Scorrean de’ nervi le compresse vie
     204Rigurgitando a non usati lochi;
Già le sceme del cor forze natìe
     D’ ingrato mi vestìan peso e torpore,
     207E nel torpor crescean le pene mie;
Quando la Madre del divino Amore
     Spirommi a offrirle in don, come se fosse
     210Vittima volontaria, il mio dolore:
E le sue piume appena il pensier mosse
     Ricche del mesto don, che nuova lena
     213La mia virtù sopita entro me scosse.

[p. 110 modifica]

Nulla scemò d’amaro alla mia pena;
     Ma qual ferro airmato in su l’incude,
     216D’ogni vil la spogliò parte terrena.
Queste le spine fùr pungenti e crude
     Fitte in me sul confili del viver lasso,
     219Che Amor pria m’intrecciò, poscia Virtude.
Fra queste giunta al periglioso passo
     Dal sen disciolsi un’infelice Prole
     222Spenta ne’ sensi, e indifferente a un sasso.
Cinta da queste al tramontar del sole
     Ultimo ai giorni miei fredda qual gelo,
     225Muta pel labbro chiuso alle parole,
E ingombra i lumi da un funesto velo
     Donai quant’ebbi di più caro in vita
     228A Lei, che mi volgea gli occhi dal cielo;
E mentre a Lei, che mi porgeva aìta,
     Per lasciar la Germana io mi conversi,
     231E la tenera insiem Madre smarrita.
Del pianto estremo le mie gote aspersi,
     Ma lo Sposo in offrir stetti sospesa,
     234Poi diedi un gran sospiro, e alfin l’offersi.
Ah! vedi: Ecco la via dai raggi accesa
     Della Donna immortale, e gli splendenti
     237Archi e trofei della divina impresa.
Vedi: e appena compiè gli ultimi accenti,
     Che nuove e ignote all’Uom terre vid’io,
     240Come in un mar d’immensa luce ardenti.
Era luce il sentier, poiché sparìo
     Il primo che calcai; luce eran gli archi,
     243Sotto cui l’ampia strada a me s’aprìo:
Nè i pilieri s’ergean di luce parchi,
     Che in doppia fila un vago ordin conduce
     246Di tinte in vivo lume immagin carchi;

[p. 111 modifica]

Così, se lice il paragon, riduce
     L’arte le tele a trasparir dipinte,
     249Che il color d’esse appar colore e luce.
Da un lato risplendean co’rai distinte
     In buja notte le Angeliche Squadre
     252A porre il piede in vii capanna accinte,
Quando dal grembo della diva Madre
     Nacque congiunto d’Uom al velo e all’Alma
     255Il Figlio eguale in Deitade al Padre:
Dall’altro stanca la materna salma
     Nel fuggir lungi dall’Ebrea pendice,
     258Parca posar sotto l’Egizia palma;
E mentre il latte il divin Parto elìce
     Dal casto sen, parea ver Lei coi rami
     261L’auree frutta piegar l’arbor felice.
Quinci agli atti apparìa madre, che brami
     L’unico suo trovar perduto pegno,
     264E invan per nome fra i sospir lo chiami;
Poi di gioja nel volto apra il bel segno
     Quando nel Tempio fra i più Saggi il vide
     267Chiara far mostra del divino ingegno:
Quindi pel Galileo stuol, che s’asside
     Alle mense di fior festosi sparse,
     270Offre Ella i voti, e ai voti il Figlio arride,
E dell’uve spremute entro le scarse
     Urne la turba nuzìal rimira
     273Nel soave liquor l’acque cangiarse.
Oimè! che immago è questa? Ahi! che s’aggira
     Caliginoso intorno al sole ammanto,
     276La terra e l’aria orrore e morte spira.
Egli alto in Croce, Ella alla Croce accanto;
     Trafitti ambo, un da chiodi, una d’affanno;
     279Gronda il Figlio di sangue, Ella di pianto.

[p. 112 modifica]

Scorgonsi alfin gli Spirti pii, che vanno
     Coll’invitte del Figlio anni e bandiere
     282A portar Lei sovra il sidereo scanno;
E ov’Ella parte dell’aure leggiere
     Il liquido sentier, per maraviglia
     285Curvansi al piè trionfator le sfere,
Le pinte opre, in cui l’arte al ver somiglia,
     Sì m’avean per letizia il cor confuso,
     288Ch’io non sapea da lor volger le ciglia;
Quando la Guida mia: Tempra il diffuso
     Gaudio nell’Alma tua, disse, e lo serba
     291Pel volto, ch’ogni gaudio ha in sè racchiuso.
Ecco la Valle, ove tra i fiori e l’erba
     Scende al pregar della gran Donna il fonte,
     294Ch’eterna a chi ne bee vita riserba.
Ch’ella di Dio su gli alti monti è il monte,
     Ove il fiume divin mette sua foce
     297Colma di grazie ai vostri affmni pronte.
Tacque appena, che un fumo alto e veloce
     Uscì ondeggiando di sotterra, e giunse
     300Questa a recar a noi dogliosa voce:
O tu, che all’alma Donna Amor congiunse,
     Odi i sospir di noi, che già fra i tetri
     303Dell’armi orror morte dal fral disgiunse.
Deh! porgi i voti a Lei, che schiuda, e spetri
     L’ignea prigion, e nel beato centro
     306Dal Figlio suo l’ale spiegar ne impetri.
La mesta prece, che avvolgeasi dentro
     Al caldo fumo, in cor della mia Guida
     309Parve passar pietosamente addentro;
Onde gridò: Speme non vana affida
     I desir vostri, elette Anime amiche,
     312Se fia, che a me d’ Amor la Madre arrida.

[p. 113 modifica]

Ma già dell’ampia Valle a noi le apriche
     Piagge apparian, di vaghi fior coverte
     315E di verdi erbe a impallidir nemiche.
Alle dolci acque da’ bei rivi offerte
     Giacca prostrata innumerabil turba
     318A braccia stese e colle labbra aperte;
E l’acque, il corso a cui mai non perturba
     Limo od alga, scendean da un monte alpestre,
     321Cui nebbia o nube il capo altier non turba,
Perchè ardea su la cima alta e silvestre
     Sì chiaro un Sol, che par di raggi privo
     324Quel che sorge a fugar l’ombra terrestre.
Talor sembrava inaridirsi un rivo,
     Mentre un altro da lungi entro le sponde
     327Gonfio crescea di limpid’acque e vivo.
Ne l’eterna, che in lor virtù s’infonde,
     Valea soltanto ad ammorzar la sete,
     330Ma purissimo il cor rendean quell’onde.
Qui fin del Globo dall’oscure mete
     Vario accorrea popol di volti e lingue;
     333E quel, che i campi dell’aurora miete,
E quel, cui dal color bianco distingue
     Nell’arsa Etiopia l’annerita pelle;
     336E quel, cui lunga notte il giorno estingue
Là dove regna il freddo Arturo, e svelle
     Dalle piante il vigor coi moti pigri
     339Delle sue tarde aquilonari stelle.
Qui adorno pur delle squojate tigri
     Stuolo d’abitator fieri si tragge
     342Dal grand’Eufrate e dall’Armeno Tigri.
Nè delle nuove Americane spiagge
     Manca il rozzo cultor, oh colpa infame!
     345Uso le belve ad imitar selvagge

[p. 114 modifica]

Col sangue umano in satollar la fame;
     Nudo, e coperto sol di penne i lombi
     348Insiem tessute con arboreo stame.
Qui più d’ogni altro avvien che il suon rimbombi
     Delle genti Europee confuso e misto
     351Fra il suon de’ corvi impuri e de’ colombi,
Che sotto al sacrosanto arbor di Cristo
     Occupan l'ampio suol, che in altra etate
     354Fu già gran parte del Romano acquisto.
Io colla bella Guida avea varcate
     Fra turba e turba le pianure elette
     357I fonti a diramar della Pietate;
E ascese avea le dirupate e strette
     Vie del selvoso inaccessibil colle,
     360Che l’erta fronte oltra le nubi mette;
Né al piè d’inciampo eran o sterpi, o zolle,
     O sassi, o spine, che l’amica scorta
     363Rendea l’aspro sentier facile e molle.
Quando un’alta armonìa, che riconforta
     Ogni spirto vital che stanco assonna,
     366Tal s’udìo su la strada al monte attorta:
Ave, o del giorno eterno immortal Donna,
     Che avesti il cor d’immensa grazia adorno
     369Fra quante unqua vestìr terrestre gonna.
E al bel canto rispose a noi dintorno
     Con mille voci un invisibil Coro:
     372Ave, o gran Donna dell’ eterno giorno.
L’Angelico pel monte inno canoro
     Sul pian ci colse d’innalzata costa,
     375Che la vetta scoprìa fra i raggi d’oro.
Tal, che all’alto mirando, ove riposta
     Credei del Sol la lampa, il Sol non scorsi,
     378Ma una Donna nel Sol quasi nascosta.

[p. 115 modifica]

Poiché Donna celeste esser m’accorsi
     Di stelle cinta la crinita testa,
     381Col guardo a vagheggiarla avido corsi.
Ella avea lunga ed aggirevol vesta,
     Che scendendole in giù fra il seno e i fianchi,
     384D’auree fila del Sole era contesta:
Premea con un de’ piè, qual neve bianchi,
     La risplendente luna e il Serpe antico,
     387Che in morder l’Uom par che non mai si stanchi.
Divino il volto e di pietade amico,
     Divini gli occhi, ed il virgineo riso
     390Divinamente in lampeggiar pudico.
Le splendea tutto in fronte il Paradiso,
     Sì che Marianna al paragon più chiaro
     393Era presso un fior vivo un fior reciso.
Il santo volto in sua beltà sì raro
     Di tanta caritade il cor m’empieo,
     396Che l’ossa e le midolle arserne al paro;
E tal crebbe 1’ardor, cui non poteo
     Regger la salma, che, bench’ella fusse
     399Terrena, egual ne’ moti a lui si feo,
E questo agile al vol sì la ridusse,
     Che la portò fin dove il monte arriva,
     402Mentr’egli al cenno suo si ricondusse.
Giunto al sommo ch’io fui, credei che priva
     L’Alma del velo fral gioir dovesse
     405Beata ognor presso l’amabil Diva;
Quand’ella con un sol guardo, che impresse
     Negli occhi miei, la trista serie e lunga
     408Di sua pietade e de’ miei falli espresse.
Quel guardo mi spiegò, com’ella aggiunga
     Al più tenero amor materna cura,
     411E quanto per l’Uom reo pensier la punga.

[p. 116 modifica]

Lessi in quel guardo gli anni miei fra dura
     Pena trascorsi qual scoccato dardo
     414Per volto fral, che in breve età si oscura;
E i suoi fervidi inviti, ed il mio tardo
     Ritorno, e il finto pentimento: oh quante,
     417Quante cose mi disse il dolce sguardo!
Mentr’io pendea come confuso amante
     Fra vergogna e stupore, e gaudio e speme
     420Dal parlar vivo delle luci sante,
La Guida mia, che in quelle rupi estreme
     Il mio precorso avea volo sì strano,
     423Giunse alla sua la vergin destra insieme,
E in atto umil d’intercessor non vano
     Un Angel le additò d’acuta spada
     426Armato presso a lei la sacra mano,
E disse: Se i miei voti udir t’aggrada.
     Donna del Ciel, che non respinti mai
     429Furo da te nella mortal contrada;
S’io t’ubbidii, se innanzi ai divi rai,
     Chè tal fu legge tua, trassi costui,
     432Che a un tuo sol guardo arse in amor d’assai,
Dammi, che uno stuol d’Alme, intorno a cui
     Stridon le purgatrici aspre faville,
     435Esca dal cerchio di que’ regni bui.
Esse, quando la vita ai corpi unille,
     D’Austria nel sostener le dubbie sorti
     438Sparser del sangue lor l’ultime stille:
Per esse chieggo pace. Or fra le forti
     Prove, onde tu l’alta Giustizia pieghi,
     441Fa, che la spada a te l’Angelo porti,
Cui non avvien, che grazia unqua si neghi,
     Dacché il sen ti piagò. Tu questa scegli,
     444Perchè congiunta a’ tuoi materni preghi

[p. 117 modifica]

Pietà nel core onnipotente svegli:
     Ben questo ferro, qualor tu lo mostri
     447Al divin Figlio, è onnipotente anch’egli.
Poiché Marianna in que’ montani chiostri
     Fé’ risonar le sue pietose note,
     450Stette, qual Donna, che a Maggior si prostri;
E al supplichevol atto, e alle devote
     Preci la Diva in umiltade illustre
     453Parve innostrar le virginali gote;
Poi, com’alba che il giorno indori e lustre,
     Splendè più chiara, ed abbracciò l’Amica
     456Ne’ voti suoi sì dolcemente industre;
E all’Angel chiesta quella spada antica,
     Ch’ella bagnò de’ sovrumani pianti
     459Nel dì, che vinse Amor Morte nemica,
Colle candide man pura spiranti
     Luce e soave ambrosia e grazie rare
     462L’offerse alto levata al Figlio avanti.
Silenzio all’aria, al suolo, all’acque amare,
     Ed alle sfere; e in un girar di ciglio
     465Tacque la terra, il cielo, il vento e il maje;
Ed ella incominciò: Per quella, o Figlio,
     Pietà, che in me infondesti, e ch’io disserro
     468Dal cor, che dalla tua prende consiglio;
Per questo, ch’io supplice Madre afferro,
     E l’Alma già m’empiè d’immensa doglia.
     471Sacro alla morte tua lugubre ferro,
Prescrivi al tuo Voler, che sleghi e scioglia
     L’Anime, cui l’affinatrice fiamma
     474Vieta il varcar quell’infocata soglia.
Poiché sai quali io chieggio, e qual m’infiamma
     Per esse amor, delle dovute pene
     477Deh! non chiedere lor l’ultima dramma:

[p. 118 modifica]

Rompi, chè tu lo puoi, l’ignee catene
     Col tuo, per esse già sparso una volta,
     480Divino Sangue, dall’ aperte vene.
Tu, che hai giustizia e pace in te raccolta,
     Ne pietà somma il rigor sommo aggrava,
     483Tu Figlio e Dio, me Ancella e Madre ascolta,
S’io diei quel Sangue a te, che purga e lava
     L’umano error; se mentre tu il versasti,
     486Io compii quel, che al tuo patir mancava.
Fin pose appena ai dolci accenti e casti,
     Che le dettò Umiltà, cui ella appoggia
     489Il primo onor de’ suoi materni fasti,
Che tremò l’alta rupe, e in nuova foggia
     Diè il cielo, che s’ aperse, al monte assalto
     492D’acuti rai con luminosa pioggia;
E fra il tremoto, e il folgorar dell’alto
     Lume una Schiera uscio di lauri onusta,
     495Ne saprei dir, se di sotterra o d’alto;
Schiera, che ognor serbò la Fé vetusta
     Al santo fren del Successor di Pietro,
     498E all’alme leggi di Teresa augusta;
Schiera, che, sciolto il vel, non fu da metro
     Sacerdotal co’ voti pii compianta,
     501Ne di nenie onorata e di feretro;
Ch’ altri nel suol, che d’auree spiche ammanta
     Del Norico arator l’aspra cotenna,
     504Lasciar la spoglia trucidata e infranta:
Altri fra il Reno, e il mar Batavo, e Ardenna:
     Altri su le feconde Itale rive
     507Dell’errante fra i salci umil Scoltenna;
Ed altri, ove fra viti e pingui olive
     Ne’Veliterni colli i Volsci audaci
     510Ebber le prische lor sedi native.

[p. 119 modifica]

Mentre nel centro dell’eterne paci
     Quell’Anime imprimean felici e paghe
     513Su la celeste man gli avidi baci,
E del guerriero lor nome ancor vaghe,
     Nel render a Marianna e grazie e lode,
     516Fean mostra a lei delle splendenti piaghe,
Io mi volsi al vicino Angel custode
     Del sacro ferro, e dissi: Alto argomento
     519Vuol, che la lingua a interrogarti io snode.
Deh! spiega tu, che ognor ti pasci, intento
     Della gran Donna al ragionar sublime,
     522Spiega al mio vil ne’ moti ingegno e lento,
Perchè aver adempiuto ella s’estime
     Quel, che al Figlio mancò: Non fur compiute
     525L’ultim’opre d’un Dio, come le prime?
E l’Angelo rispose: In sua virtute
     Largo assai era un sol di Dio sospiro,
     528Per recar piena all’Uom grazia e salute;
Ma d’uopo fu nel compier quei, che uscirò
     Altri decreti dalla Mente eterna,
     531Che l’Uom-Dio sostenesse il gran martìro
Per dare altrui d’immenso amor esterna
     Prova, vestendo il fallo umano e l’onta,
     534E la Giustizia coronar paterna.
Quindi egli con Amor, che tutti affronta
     Vittorioso i strazj ancor più crudi,
     537Sul duro altar s’offrio vittima pronta:
Mentr’ei languìa fra gli odj e gli empj studi
     Dell’Ebreo stuolo, il Genitor Supremo
     540Gli volgea gli occhi di pietade ignudi;
E intento sol, che nulla o tolto o scemo
     Fosse al rigor, attendea fermo e grave
     543Il palpitar della sant’Ostia estremo;

[p. 120 modifica]

Chè il pianto ei non dovea scioglier soave
     Fra l’ira; e nol potea, perchè in sé stessa
     546Divinità seme di duol non ave.
Piangea Natura intanto afflitta e oppressa
     L’Autor suo, che a morir era condutto
     549Dall’altrui colpa contro a Dio commessa:
Piangeano gli Astri, il Sol, la Terra, e tutto
     L’esercito degli Angeli, e la schiera
     552Dell’Alme pie. Ma che valea quel lutto?
Forse o Spirto nel cielo, o stella, o sfera,
     Od Uom in terra, o belva, o augel che voli
     555A compianger un Dio bastevol era?
Mancavan dunque a chi può tutto i soli
     Pianti degni di lui; nè mai pupilla
     558Potea eguagliar gl’inimitabil duoli.
Allora il divo Amor, che in sua tranquilla
     Gloria impassibil regna, in fra l’eccelse
     561Opre pensò la mesta opra, e compilla.
Ch’ei l’alma Donna a tanto affanno scelse,
     E con maravigliosa arte i materni
     564Umani affetti pria dal cor le svelse:
Poi versò tutti in lei que’, che ai Paterni
     Moti del cor divino eran dovuti,
     567Se lagrimar potesser gli occhi eterni.
Com’egli oprò coi sovrumani ajuti,
     Che al nascer dell’Uom-Dio gli ufficj pieni
     570Di Genitor fosser da lei compiuti;
Così, quando al gran Figlio i rai sereni
     Morte oscurò, volle pur egli, e il fece
     573Con modi ignoti a’ tuoi pensier terreni,
Che sovra quanto a mortal Donna lece
     Ella adempisse col dolore immenso
     576Di Madre insiem del Genitor la vece.

[p. 121 modifica]

Giudica or tu, se puoi, qual turbin denso
     Di pene eguale al tempestar marino
     579Con acerbo l’assalse impeto intenso.
Sappi, che a morte fu quel cor vicino,
     Cui spada sì crudel le fibre infranse;
     582Che fu sommo il dolor, perchè divino.
E tu, se pietà vera il duro franse
     Vincol de’ falli tuoi, bacia devoto
     585La spada, e adora in lei quella che pianse.
Poiché l’Angelo appien pago il mio voto
     Rese, l’ordin svelando atroce e scabro
     588Di sì gran lutto agli occhi umani ignoto,
Appressò al labro mio la spada, e il labro
     Ne toccò appena il fil tagliente e crudo,
     591Temprato a doglia dall’eterno Fabro,
Chè nè il loco, o la Diva a me fé’ scudo
     Contro all’immenso affanno, e caddi, e svenni,
     594Qual cade a terra un Uom di vita nudo.
Ben fu dono del Ciel, ch’io non divenni
     Cadaver freddo, e fra cotanta asprezza
     597A pascer le vitali aure io rivenni.
Ma d’allor nacque in me una fonte avvezza
     Perpetuo ad isgorgare umor pietoso
     600«Dal cor pien d’amarissima dolcezza.
Mentre i miei primi uscìan dal sen doglioso
     Segni di lutto, un’Alma il canto sciolse
     603Fra quelle or ora ascese al gran riposo,
E gridò: Gloria a Lui, che in gaudio volse
     Le nostre pene, e col suo Sangue sacro
     606Que’, che il fallo annodò, ceppi ne tolse.
E tu, che al suo morir festi lavacro
     Di lagrime divine i lumi tuoi,
     609Odi i caldi, che a te voti consacro:

[p. 122 modifica]

Per queste piaghe, che già impresse in noi
     L’onor guerriero di Teresa invitta,
     612Volgi a lei gli occhi, onde cotanto puoi.
Un sol sospir, che a Dio la tua sì afflitta
     Alma rammenti allor ch’ei giacque estinto,
     615Nulla alle grazie avrà meta prescritta:
Vegga per te l’Austriaca Donna spinto
     Di guerra ogni più fier nembo temuto
     618Fuor de’ suoi Regni o dissipato, o vinto:
Per te il bellico Ren placido e muto,
     Benché uso a correr sangue, al regio piede
     621Dell’aurigere arene offra il tributo;
E dell’Impero fin all’alta sede
     Tragga il Danubio su l’ondoso dorso
     624Le barbariche insiem spoglie e le prede.
Regga ella i cuori coll’alterno morso
     Di Giustizia e Pietade, e compia tardi
     627Dell’età lunga e de’ trionfi il corso.
Tacque lo Spirto; e in men che l’occhio guardi
     Sorse un vapor di nube in guisa, e ascose
     630Dell’alpestre sentier parte a’ miei sguardi;
E allor la Diva al pio pregar rispose:
     Io sarò forte a lei scudo e difesa
     633Coll’armi, che mio Figlio in man mi pose,
Tal che n’andrà vinta ogni ostile offesa:
     E a Marianna i senili anni già tolti,
     636Raddoppiati, e felici avrà Teresa.
Stese intanto il vapor l’ale, e con folti
     Nuvoli tutta ombrar la vetta parve
     639Sì, che agli obbietti fra la nebbia involti
La vision s’unio, mischiossi, e sparve.

[p. 123 modifica]

ANNOTAZIONI


ALLA SESTA VISIONE.




P. 115. Ella avea lunga ed aggirevol vesta, ec.

Così vien descritta da San Giovarmi la Santissima Vergine nell’Apocalisse XII: Mulier amicta sole et luna sub pedibus ejus, et in capite ejus corona stellarunt duodecim.


P. 119. Perchè aver adempiuto ella si estime
Quel, che al Figlio mancò: ec.

Anche l'Apostolo dice: Adimpleo ea, quae desunt passionum Christi in carne mea. E ciò è detto da San Paolo, non perchè nulla mancasse alla Passione di Cristo, per essere in se stessa pienamente efficace in prò dell' uomo, ma voleva egli col suo esempio istruire i Fedeli, ed esortarli a rendere in se stessi ethcace la Passione del Salvatore, applicandosene i salutevoli effetti per mezzo d'opere virtuose e sante. Ora il nostro Autore ingegnosamente si vale di questo testo ell’Apostolo in un altro senso, cioè a spiegare V intensione del dolor di Maria a' pie della Croce, supponendo, die l'eterno Padre, siccome incapace per la divina sua natura di rattristarsi e piangere per la morte del suo Unigenito, sostituisse in sua vece la divina Madre a compierequesto doloroso ufficio, ricolmando il cuore di lei di tale e tanto affanno, onde avrebbe dovuto naturalmente soccombere alla piena del dolore, se non fosse stata supernalmente sostenuta. E in questo senso Ella compiè ciò che mancava alla Passione del suo Figlio [p. 124 modifica]vuol dire con un dolore corrispondente al merito del Crocefisso Redentore.


P. 119. ....vestendo il fallo umano e l’onta, ec.

Cioè addossandosi i peccati degli uomini; poiché ben si sa, che Gesù Cristo era per natura e per grazia impeccabile.