Breve dissertazione contra gli errori de moderni increduli/Parte Seconda/Capitolo 5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo 5

../Capitolo 4 IncludiIntestazione 18 aprile 2017 25% Da definire

Parte Seconda - Capitolo 4

[p. 99 modifica]CAP. V.

Dell'Eternità del Premio, e della Pena della vita futura.

A ragione questa Terra fi chiami A Valle di lagrime, mentreciafcun Domò‘ vi. fin poflo a patire: Hnmo una! ( dific Giobbe. 1.4. .x.) brevi m’un: templare, rapletur multi: miferiù. ’E’ vero che. i Malvaggifoao i pìù‘ìn. felici fu qucfia Tura, poichè 011ml:};ch eficrne della vita umana gv hanno}1E. tomate imch delta ’cofcìcnza; ed’efiendo..privì. della Divina Grazia,{un pr’wì ancora d’ogni interno {ola lino ‘. Dove all’incontro i Buoni, quantunque nell’efiemo fieno afflitti, nulladimeno ncll‘ interno- fon vconfòlaaidalla Grazia Divina che godono "a M: non per, tanto ben fon tribulatì da tante. pafioni e timori, che le pe. ne molto avvanzano la Pace che go. dono . E dall’altra parte 1 Viziofi 13’011 fono Ain quefia vita puniti come [p. 100 modifica]meritano, anz‘ì fpeiîoî vedon’fi‘àeflì ne’benì eflemì più profperati che i Giufii. De» ’ciò fi-Icoi’ge che quefia Terra ’è’ luogo folameme di merito, e v’è un‘ altra vita, dove Dio premiaì fuoi fedeli; e cafiiga .i zrafgrefi‘ori‘ delle fue Leggi.

Ciò -viencì- confermam’dalle Divine Scritture, che fon piene .di vpromefse e di minacce per la vitaetcrna.; Sica che. nel rfine dc’fecoli a’ .Giufii .farà detto dall’eterno Giudice .- ’Vem’texbeà nedifli, pafiidcn RegnumÙ‘c’. Edva’Reò Probì: Difcedite a me maledifii in ygnem eternum.«. Man/x. mg. 25.

Nè vale à dire-( come -dicon-color0 che voglion liberare i Reprobi dal. la pena eterna) che il fuoco farà eterno, ma non già la loro pena; poichè Ii rifponde .pcr prima, che {e queflo fuoco è fiato già cre’ato- da Dio, non per altro che per cafiigo de’ malfatto. ri, come dicono le Scritture: Igan fuuenfus cfl in furore meo‘. far. 15.14‘. .S‘i qui: in ’mc mm man/eri: Z, .- . [p. 101 modifica]colligent euÌn, (9' in' 1'ng - Mitre": . fa; up. 15;. Che ferviva a crearlo eterno, .Te-nou ayefl‘e avuto ad-‘efscre un’Ie’ter- no firumcnto da cafligarcì eccatorì? 'Si rifponde pur! fecondo , c e fe da! citato tcflo non'abbiamo efprcfio che là pena fia eterna , 1‘ abbiamo no'n pè- -rò da molti altri {emm- Etcòli r Et ibanr in' fuppficiam mmm {il}; 21mm 47'» « vitam' aternamî. Man/y. ’cap.2.5.(: Sic, .3 chè, conforme a-‘Giufii è. data 'in pra- mio la'vìxa eterna,cos‘x a’Reprobi in 'p:n_a il fupplìzìo eterno )'. ' Qui puma: daiu‘n’ì ‘I'n imgrituvanmts 6‘ facit Domini . z. Tofl". capu I. remi: 'eorum. non moria 't'm'. Ifa. 66.- 24. Dabit-enim ignem, ('9‘ in” “ma: eoni'm 1, ut uramur, 0' lamia»: ufque' in fimpinmum-' J-‘udità "1.6. 15101143110 ignix, 0' fuipburi: cm: Mutuo": di: m: -nofle' in: [mlav fetuloà mm . Arce. tatu zba-"Quînmtîmortem; 0“ non invertith '_',*r defidembùnfMorfi ,Ò'Q fugkrmm 'ab ai». tati-1170:3419; 0.?6. Ciòfu anche dichiarato dal S'h nodi V. formi Vigifip Papa, come [p. 102 modifica] Evagrìo, Nicefaro, Teofahc, "Fozio, ed altriappreffo Taumer (PraÀ‘tkéî. Thai. Toma. pagnm’ln’ius.) love fu condannato Origine ckedìfl’c: Omnia»: imyiorum Hominum, (9’ n54)» ‘Dwmonum urmenta’ fim bqbima, Lo Raffo dichiararono il Sinodo Vludfl. ’18.: ’VII. di}. LE’l Latenanenfc ’IV. iìfl’c: Reproba; in poema» atmmn imn: .’-E- là ficfl’o il Tridentino Sefll 6. "up. 2.5. .fejI. 14. “P. 5.,\ -.

Ma quale giuflizîa è vncfia,dicc un Mhdemo incredulo,, re una pena crema . ad un. peccato momeatanco 2 Rifipondiama, che la Divina Giufiizìo ben" refiggc guglie cafiigo eterno‘ pcg P ofi’efa fatta «Dio», per; più, . 1La prima, p4:th v: ndo .ell‘z un —dcliuo di malizia in squame..doinfinito (Vcomc disc S, Tommafo orafi. 3. “17. 83.}"1xìguaydo dglùfyrezzo che fi fa ad un Dio d‘ infinite Maefià, fa gli, dovrebbe mappen infinita; ma pcrchè In {mantenga kè capace, d una pena infinm [p. 103 modifica]nell’intensione, giufi’amm k 31% di uni pus na‘ infinita ’nell’tfienfione’.. E don fmni’dice S. Hgofiìno‘(’ lîb. m. dc’Cìw’t. up; r1.) rifpandendo direttamente 111‘, ’ ’ oppofi’zione de’C’enrrqriJove’flh “Ra î‘egge, che il tempoahlh pena-abbia ad efiere‘ eguali: alàwcmpo’del peccati)? Anche lé leggi umane dannotafiig‘hi per lumi“per {altri vita n’ae'lìtti‘eno'rmi.

La Tecoudà ione: Confermcl’. Anima òî là vim- del" corpo ycosì La Grazia è‘là vita dell' Anima;re per: ciò il peccato grave E chîama mor‘tale ,chrch'è grivaî' l‘Anima dtlla viru dtlîa‘r Giulia-n.8} ficcome qgando alcuno uccidè l’Uòmo‘, E m’ò’rtr ad poi-907:} irreparébile ’fenza un mirato; ’lo della vaìna mano; così uando un-peccawrc’uccide l’Anima‘ ua ’col peccato’ ’,x è" certamente irrepm-alsìle "in mom‘dèll’Anîma‘ .— E’vero‘ dirin quefta vira Tuo}: Iddio ‘- r’ma Miferîcordia’col’perd‘onO’ tegluìr la vita dell‘à’ {ha Giazia a molte Ain’t.mc che l’lian‘ peniutz. Ma ciò [p. 104 modifica]lo fa solamente ìn’uefla‘ vita, nel .vgìà nell’altra, mentr è legge fiabìlita ,dalla Tua Providenza d’ufar mifericor(dia nella vita prefente temporale, e ,non già nell’eterna .

La terza ragione: Dio «in quelle ’vìta perdonalil peccatore, ma illpecTutore che {i pente. della fua colpa; altrimenti neppure Dio porrebbe pers"flonarlo. Ma il p atore mor'endoin yeccato, è abbandonato dalla Grazia; anzi la fua volontà refia talmente ef’tì.natz nelpecca-to, e nell’odio di Dlo, 'che quantunque Dio volefi'e perdonar‘lq, egli rifiutarebbe il perdono, e la .Îuà Grazia} . l’Il dannato rifiuracgnì îrìmedio al fuo male ’, e petciò è dì;Îperata la fu: cura .‘ Quare faflu: e]? adolor ma“; perpetou, (9’ piaga ma; defpembilîs rmuit amari? jer. 1.5. 18. Sicchè, efiendo eterna l’Anima, cpme fi è" provato di fovra )_, e el’fendo eterno . il, fuo delitto, eterna - Hev’cfi‘et anche la fua pena, come d’i‘ ce S.Marco(cap.3.),-Nan babcbit [p. 105 modifica]remissionem magnum, [od-n’a: trimmniddiéìà.

Dì- >pìù, jl- peccatore dg sè non puè placare Dio,. nè il Tue pentimento può dare degnzhfoddisfazione alla’ Divina Gìufiizia ofi’efaj’: Intanto egli èperdopato da Dio in cinqlla .vìga,. in quan; x0».fe gli applicanol Meriti dìGgfu... Crìfio,.dì ctui Ain qnefiaivìtaè capa“, {pensai la, Divina Giuflìzìa vicn‘foddisfatta Mal nell’Inferno, dove _ molla cflvmde'mytio,. n91}: può il Dannata placare: più Dio,. peg‘chè non,è più ca": ace dell’applicazione de’Merid del Re, (more; 0nd» rolla,ìncapada di perdonm.

Oppongono {Socinìanì . per 1,411; lauparola tantum nen fempxc. vlìgnìfica. ucmità nelle,Dlsfine, Scritture,1 fina fpefiojfignific; {una lunga dura» alone, re 19.; provangv fida divqrfi tcflì’g. Sì. rìfpìondè,..c11e; la parolargetqmum di, fùamatum fignifipa ‘certamgnte. [ma fina; ed. è regola certa-41€. Teolqg‘ixl, “ch’a gleDlvnlnC Scritture;d.cb_b<‘>nq in: rserpesrarfi nel.“l’uo [mio prpprio. qjm, turale, .fempmchèi; lc.,. sincofiqnu“.dsl [p. 106 modifica]sermone non obbliga“ ad‘iakm {inser- ‘jietrazione; il che non'èlel aofiio e146, ma dee eoncluderfi tutto l’01» yoflo da ciò che di fovra s’èdeno.

Opp'engono-per mi} pafl'o di S.Pao. lo {Condufit DG“! omnia in increduli-- Mah, m mia!» xmifimmw. Rom. Il. 3a. Onde vogliono ricavàrne, che la pene de’Dannati non faeàeterna.Ma fpiegaîs. Agefli'ao, intenderfi il l'ud- detw teflo, non già delle mifizrîco‘r. dia da —ufarfi va’ Dammi, ma che Ida dio ficeome ha- uhm mii’erìcordia- a' ‘ Gentìbi , rco’s) P uferà agli Ebrei in: chi-amargli afla Fede .

Oppongono per 3. che conviene lemìpzngbio {mare li Uomini- in. eremo,‘—'-mehne' a quc o fino glishe. creati : ma per la Ma hgione non conviene alla Divina Bontà» il dm. m‘rgli in eterno; Si rifponde coni-a T'ommafo ( h'b. 3. mera Gemu‘up. 33. ) che febbene Dio ha cui" Uomini per l’ eterna felicità , -non f- mno h‘ voluto eh‘ eglino’ [p. 107 modifica]l’acquistassero, non solamente colla forza dèlh In: Gr‘azia, ma ancora collà loro cdoperaZÎonc .. Quindi è die fc gli Uomini non voglìon cooperare alla’loro‘filute ,. e fi (1311113110313 colpa è’ mm Iblò .- Iddio poi- gìuflamente- permuta i peccati,.c0s‘l’per confervare il’buon ordine dell’Univcrfo,- come ancora af fiìrchè’ maggiormente rifpl’enda l’a fa deltà- deÎ Giufli,— gonfònne dice’ l‘ A; pofl’òîg’(. l’. ram-n; ): Oporm‘cb" ha. nfu-cfl’ 3- ut‘G" proàati’fimtrmk ’ "nifefiî’fiànt‘òì Mia .» . ’ ., r.


Oppongono per‘4xhe quefla pena mmna‘» de ’Dann’ati ’confifi‘erà, non già nel p1,tire ’ctermmenteym‘ nell’affare annich‘îlati da Dìo,-dopoqmlche proponiannta‘ m temporale; efondanoqucfla‘, faflîtà‘ Tulle" Scritture,-d0ve fi dice che’ì‘ R’eprobì fan: perduti,— e morì, ranno: Nulla»! cfl opm’amnmm perdja tieni.-]ob. 16.«6.- Vafa’ im’apta in in: urimerom. 9.4x; Quch vocit(di. cono“) perdita);- ipmitm’fignificanò toga Inalazione.” e fine__.— Ma si risponde, [p. 108 modifica]che lo flefl’o Apoflolo‘dichiarach’e ip‘ canto i Reprobi fi chiamano morti, in quanto fon privati per’fcmprc della sifiu gdi Dio,ve condannati" alle 99; ne eterne: Pmnas Kdabunt in interim eterna; a fan": Dmini., 2-. Tefl’. “12.1.

Ma..,diqe l’empio Bzxylr: Le pene [i ggfijpnifcqnouger l’emenda de? Rei, p» pure,-pcr .efempio., degli altri; onde 3A che, fervc. il {ormentarca in eterno ì Dannati, .dopo glie, non,vi farà più{pgrayza‘nè della loro emenda nè dell‘; efgmpio per gli altri?,.. Si riprnd’e per 1.;th alcuhr pene! fon mcdiCinali, altre,vcndicatiVein cafligo della colpa-q Per 2,...Ìche la (addetta. regola corre; .ncÎgiudizj che fanno gli; Uomini -, nonj già‘ig quelli .di‘Dio: Il Giudice umaq’ no, ngllp kpcpe .Ìxiguarda ufOlO iL ben: dgllaxîgcpubblica,e —_perciò nel cafiìqare‘non altro intendcxhe lÎemenda c? Rei, 0.l’.;fempio_dc.gli altri; ma Diphinpupire i Dannati, non (ole ìgùgda,l’emcndg; .l’cfex’npioima princi,, 93,1gignsq ingaggia); manifcflazio?ne de' [p. 109 modifica]fuoì’ Attributi-;,Ondev le ‘_ pene ‘ mm}, de’ Reprobj, quantunque nella-fine de" fecoli non._faranno utili jnè per: efiìr, anè per gli altrì,‘ faranno bensì utili rper far rifplendere lîordine della Divina Gìuflizxa.

Oppongono «per-ultimo collo fiefi’q Jîajle:’ Ma come siaccorda colla Beni tà di Dio.“permettere i_ peccati, e13" dan‘na’zion‘e di anni miferabifi? 0‘ Djo’, noi: ‘pùò‘ impedire tam-i mali," e “non‘èOnnìpotente ; .o:non vuole ìmp’e-J dirgli,- ed ’è un - crudele .. Si rifponde:7 Dia-creò ril rimo‘uòmo‘ Adàmo r‘erî lo, col fenlgrlbggetto alla ragione," e colla ragione, foggetta a‘ Dio; ma lo‘ crcò‘ libero, s‘z»c,he»._p0tefTe a fuo ar; bitrio apfigliarfi al! bene, o ’al maIeJ; Adamo» 1‘ fervì- in male di quefia lì, bert’à col peccare, e’dìfubb‘ìdìre a’ Dio;’e.con tal peccato tirò fovra dif sè ’,’e de’fuoi Diicendcntì un’im‘m’en-j fa rovina, poiché fin d’allora reflò‘ metà dìfbr’dinata’ la Natura’umana’, ’l’3 intelletgq . ottenebr’ato, ‘ìl [p. 110 modifica]contrario alla. eag‘ìone, e la ragìònelihefina; ea al. mele e Dio per ’l’a filarinfinìea Bontà. n’ou lafciòv di rimediare ai qua. Ra difgrazia, e. mandòv il fuo Fighe a fbddìsfare per i: peccati degli» Uomini, e ad ottener loro per. i. Meriti-’d’un (al? Redentore l‘ewgrazi’e per Ben‘ vivere ,\ eperfalvurfi. .’ E con ciò" feceDìO conofcere così l’Amore che portava all’Uomo, comefanche la {ha infini-I: ra Giufiizia g condannando 3F: fuo“Fi-:_glinol’q alla morte per le colpe ideglìî Uomini;,.=ed> infieme la {un infinieai Sapienza, trovandò‘ ’ummodo-sì ammi.‘ rabile, per rendere e pienamentefod-îdisfatda la fua Giufiizia, e pienamen.4« tc’. rimediata la rovina dell’Uomo, ca-x ginnatagli dal" fuo.-peccato.

Or dopo cìòeome pofl’ono dire gl‘ In. creduli, che non fi accorda colla Bontà,,di Diolapermifiìone di taneì peccati; e? della annazionezdiltami UominìPMz " come,maì, (- rifpondò‘ )- porca far DÀQ meglio, conofcere agli Uomini la Bon- Vad“ha IP" Cm? Qual maggiore [p. 111 modifica]dimostrazione di Mifecicòrdiaî‘, e-d’A; men pene: darci il. Verbor‘lùerno 5 che di venire in. Terra a farfi. Uomo come noi’, e «dopo-una vicarsl umìlé ’c peaofa morire per mano diCmafici àfin di falvarcì? ’Cher potea’fa’r ipiìv Egli ‘,_’ fo-avefl‘e muso. a rifatta: dalla: v mane ii mozmèdcfimo Divin‘Padrc? Anzi,4 {e Gewatìfio fiafl’e fiato nn‘ fem,e l’Uomo îofl’e fiato ilîfub Sin gnote,’. che-più avrebbe: pomo îfa‘rcî per d’imoflrargii . iL ’rfuo nffe’xmyîche . da lî il Sangue e la" Vita Z’Oingraw‘ tìtfiim degli. uomini, che’dopofaves te uno Dio- daca ‘larvim pervhoro mm, re, abbiano a trova-115.. tra Loro alcuniλ che neppure. lo. vòglîano “adire-{eri giungano a negare ancora che: vi sia!

Ma come poi dkono) con tutto ciò tanti In d’ali, tanti Eretici; 03 tanti anche dc’Cattolicifidnn-nadok Rifpondo: .Bifogpa intende-r0, cheîhi: danni del peccato fono fiacìunmppor grandi; ‘Poichò ’pcn lo peccaoylz: mento dem- Uomo tè» ‘refiqm [p. 112 modifica]ottenebrata a,cohofcere Ie.:Verizàret’em€,la, volontà è rim’afiz difordìnata‘ ed infefiata dal fornite de’ fenfi ribelli, che continuamente vl’inclìnano:al..male;0nde eìàfcun»deve..ui‘are gran diligenza Vpu eonoibare, e difiinguere -—le: mafiìme vere adalle, falfe-, .eos‘a‘ circa la.Fe’de, come-circa incoflumi; devÎ egli poi fommamente ’ attendere a fervirfi, de’ mezzilche ci ha meritati e Lafciag; t’ìvGefmGrifio quali fono principale mente .i Sacramenti, .e l’Orazîqne );Î per; viveri; bene;A valprìmenti w l’v,Uomo’, non può colle,proprie- forze. refificre‘: al-le-fuggeflioni della .c’arnex, e del Dama: nio. Ma gli Uominiper non privarfiè de’ loro «brutali, ’ ’l’1”)no di avvalerfi de’ mezzim’t ’in mundum,’ €9" dilexcmn} bominesgmagis’tenebras, quàmv 113mm jumtg.GP Infedelì’ chiudono gli o‘echì-j allaGrazia; ed al lume naturale delizia:’gìene,> e .percìò’= tanti jreflano prima s - Perevvietaci I-plaoerx.,, chiudono: gli,occhi alla_lnce, trafcurag pflhlgflrfi,‘ e così. peccano, e fi dannan’Og Lux 7403; e perciò tanti restano privati [p. 113 modifica]per loro colpa ’ ciel, lume .dellaFede; Gli Eretici chîudono gli occhi al lume del‘l’Evangelio, e della vera Chiefa, lafeiataei da- Gefu-Criflo per Colonna della verità. I; peccatori per ‘fine,u benchè Cattolici, chiudeno‘ gli occhi alle regole della Fede, ed agli fiimoli della .Graziav; ed‘ ecco come awiene, che tanti fe ne dannano . Mq Contatto che gli Uomini fono così erverfi,chi mai può comprendere le inilerieordie, che continuamente ufa ioni r0, il Signore 2 A ’ quanti,fuoi ServiE ifpira A, e dà il coraggio di andare eon‘ tanti incomodi e peticolì; a predicare ed illuminare gl’lnfedeli, e.in Eretici? Quante mifericordie ufaì’co’ peccatori? qùanto tempo gli afpetta? guantevola te‘ li chiama a penitenza . e quante volte ricaduti li torno la perdonare? Non fi è trovato, nè fiatroweù centamente mai Uomo piùrmifericordiofo’ cogli Uomini," come Dio. è con poi . Ehi: la Mil‘ercordia di Dio non{ofse infinita, ehimaiafi: Salvaràbhe? [p. 114 modifica]Chi mai può (piegare poìl‘Amorc die porta Dio,. e le grazie innumcrabifi che fa ad un‘ Anima che l’ama ’! Geflìnò dunque" gl’Increduli almeno ‘d‘i negare (Ùfe‘ non‘ la vogliono am’au rc’) l immenfa Bontà‘de! nofi’ro Dio.

Ma eflì‘norì laiciano idi mplìcare‘, che Dio porfeBbe ìmpedir {è volefl‘e i peceati,fi e {a dannazione di tanti; perchè non Fimpcdifce?Ì Perché (’ fi ’rifponde ) Dio non vuoftògliere agli Uomini bruma uh: loro Ha data; Se i cdise ccatì,. trèbbont gl’lnîltîdufi hmîentare diplgio, che o ave li Parti liberi a peccare; (“Oddîsfilîì a loro arbitrio, poi-vo;glia‘ privarglìo della libertà ‘ loro" gli eon‘ceduta.. Dianne-2 Mi fcnza’ ’ .lu libertà {non potrebbe Dio dàr uce’ c grazia più abbondànte a cîafcunò, come l’ha data a. «anti 2’ Ferchè nei gare Àa Giuda la grazia darà 35.50’u-o .3. Perchè negare al‘m’al Ladrone la‘ grazia data ’al buona .7: Perchà‘ in{omma le grazie efficaci che dona ad [p. 115 modifica]alcuni, non le dona e tutti èMa-‘è obbligato Dio ( rifpondiamo ) di dare a tutti le grazie fiwrabbondanti che dà’ ad alcuni! Se fon grazie, ellemon fon: dovute, nè Dio è tenuto a difpenfirle . Balla ’a giufiifiean la Divina Bontà, che Dio doni a xciafcuno gli aiuti fuficìenti apocerfi falvare ,.fe vuole _. Ma perchèpìù: ad‘une, che adun’altro? Se un Padre (dice l’empìo layl: )posefi’e .liberar dalla morte tutti i Fuoi figli,. non farebbe e lì un crudele g‘fe ’volefi’e faIVarn’e a cani, edvzltri. nòi. Ma qual eonfig, ione d’idee porta feco- quefla fami-gianna, del 50110} vi è differenza m Bontà creata: .‘e finita.,e tra ‘la in, pena ed infinita.- La» Bontà: areata è. necefl’ariameme dipendenze: e per. dà nel comunicarti .dcve avere il fuo emotivo, che principalmente deve apo ierfi nell’Amer-‘el Creatore,ge a-Gloria di lui,. ch‘è l’Autore di tutti i-beni, Or s’‘e .così, un, Padre dzez-vuoleaufaxî bontà a’ suoi figli, [p. 116 modifica]potendo muni ‘Hberar dàfla’morée,dee farlo; perohè‘una saL bo’ntà, offendo fonimefi’àualla gìufiìzìa,nquefh gli. desta che voglia-’17:? tutti- egualmemeh fuga dir? ueÌ male 1,. che vu‘ol per ciàchedunb Éi-efiìzE D’i’O’vuolc che-fia in tll modo giuflo un Padre nell? amare .. Ma per l‘ oppqflo‘ la Boni’tàìnfiniza è in..dipeàdcnt-e Jneceffar-ìa’merize j,‘ ad gin .sù medlcfima‘ nuova Xcî ragioni "tutte da comunicarr; La Igiufiizîa‘ ’non-Île’prei fcrîve niente - nella: difpcnft‘ dc’fuoi benefizj::"’dàpoichè‘: niente è ‘dovùgo al nìepte . Otprìma che lau‘Bontà’ìna finita fi’ fofl’c comunicata agli Uomì; niynon ficoncepîéa" niente-fuori ’d’x 135-, [citando] ella ì la Cani";- unîvcrs (al; .. Le intehigenze,=eî thgtrì’ i-vgradì delle perfezionì fuppongono uéfla’ Calia fa,- ma queflà Caufa non 2:2 cheìfu’pa porrezgleffendo da sè .. Chi dunque yuol’par ònar h-Bomà’ di Dioycon qqelh de l’Uomo;,‘ non. fa - chpT-dirfirg mentre fc. vi’ ha qualcheL rapporto t’ra’ l’una e l’altra,cglLè‘ che: . fiqcom’e [p. 117 modifica]la Bonth‘adi‘Dio fa‘ bene, così l’U01, mo per imitarla dcefar bene; ma’qui fia la .diflerenza.,che l’Uomo ’dee fa? bene per ’ia Gloria idi Dio, e feguen‘i do l’ordine che gli ha prei’critto: ma” l‘4 Bontà di Dio non è obbligata di cm mu‘nicarfi fuori di sèg-‘e iofa,‘ iò fa perché vuole, ed ‘in wqueila mii’u‘ì ra che vuole: {Ed ili giudica-"ria a‘hriì menti,rè renderla imperfetta. “Pa‘dre dunque tè obbligato iper ‘lègg’e Dià . vina a-iaiVare iawvita ’di tutti i rudi figli, quando può; dVIa- Dio non ‘è l’oggetto ad alcuna kgge-, nè per al:troètenuto di ufar la {Mia mifcricordiacon tutti: l’ufa quando più conviene alla fua Gloria, fecondo gl’ infcruzabili- giudizi della fua infinita Sapienza: chi farà posi temerario, chc’ voglia cercar ragione a Dio dè’ fudi giudizi?

Ma {o mai licc di entrare in" que.’ fli imperfcrutabiii giudizi di Dio, mi rifponda l’Empio: Qua-l’è mai l‘idea «di un efi’cre infinitamente potente? [p. 118 modifica]Ella è per appunto quella èî ma}. pire un Eflerc, che può donar l’elifienza a ohi non. i’ ha; Or {e una tap le idea ben. comepumdi una PotenZa, , the può tutto ciò fare, fenza. efler limitata, non ’cfiggc ch’ eHa faccia tutto ciò che puòfare, bafiandorke fi dimoflri tuttaimiora nel mcnomo de’ fuei effettua» ’ s‘i,l’idea di una Bontà infinita non efigge ch’ella faccia tutto ii ben che può fare;e{Tendochè»e-lla fi- dimoflra infia nìmmnche ne’menomi de’ [mi Spieghiamo più chiaramente una ml fomiglianza . Può mai la. Creazione di nuovei creature: aggiunga niente all’ idea che noi abbiamo della Potenza . infinita di Dio,? Certamente che nò;Or dunque il dono che Farebbe Iddio ad un’Uomo di un’amor cofiante verfo la— virtù, non aggiungerebbe nìemLe.a,ll’idea che noi abbiamo della fua Boqtà infinita . Noi la concepiamo infinita. indipendentement: da quefio dono, come concepiamo infinitala sua [p. 119 modifica]Potenza indipendentemente dalla pro; dueione di sia: nuove creature. Fin utilmente ‘lÎ idea della Bontà «di vDio non ricerca, che .abbìa a confervar. ne’ll’Uomo nn‘ amor dominante .det retto ordine della virtù; come "I‘vìde’a della fua Potenza non ’e’figge, (che ab‘-_ 7’ bia a eonfervar l’efiflenza delle-Tue. creature . L’idea.:di runaB‘tmtà infinita non e‘figge a‘lrro che fi comunichi eilaflxerc’hè vuole, e tanto quanto vuo‘le: come l’idea‘di una Pennza infinita efigge {olo che Operi ella folamemeiperc’h’èwuoìe -, ed in quella mifura che vuole t Eglièdunque chiaro, che —Dio non è obbiigaso per in fua Bontà dì‘ prevenir P abuf’o che l’Uomo farebbe; del Tuo libero arbìg

Oltrechè, vin quanto alla petmìfiìo‘n del pacem, come. di foVra fiv èwgìà accennato, ancora noi ben pofiìamo conofcere, quanto ella {la gìùfia; poiche Dio-col,permettere i peceat-i, manìfefia i funi Axtbìbutì, cioè’ la sua [p. 120 modifica]Misericordia con perdonare, e la fuà Giufliz‘ia con cal‘ìigare ’l’incorrifpondenza alla l’ua Grazia. Senza permet.tere la guerra della conoupil‘cenzaribelle , non ‘rifultarebbe la vittoria di tan-ti Fedeli. Senza permettereiMalvaggi, non ril‘plenderebbero le virtù de’ Buoni, la loro pazienza, la man. fuerudine, la carità . Dem- ( dice S. Agofiino ) cùm fummè 64mm fit, nulla modo finerct- mali aliqu‘id aflè in ape. ri‘bu: fair, mfi ufque adeo. ejfet omnipotem‘ (’9‘ bonus, ut bene faure: (9’ de malo . In Encbir. ad Laurem. num. 3.’ aliàs tap. II; Dio dunque permette il male de’peccari, per ricavarne il bene della fua Gloria, e per cos‘i confervai‘’ re il buon ordine dell’Universo.

Che poi il Signore, efTendovi mo}; ti rei ’, ufi con alcuni quella mifericordia che nega ad altri, quefio è mi". fiero della Divina Sapienza, che noi no‘n pofiiamo conofcere, nè dobbiamo pretendere di conofcerlo . I mifieri Divini dobbiamo adorargli, non [p. 121 modifica]già intendergli . Sappiamo che Dio èperfettamente retto, ciò dee bafiarci per venerare tutti i fuoi Divini giudizi . In tutte le fcienze umane vano i principi certi, e le difficoltà intri’cate 5 e non perchè alle volte noi non l’aprcmo i’ciogliere‘a‘lcune difficoltà , perciò p0trem0 negare la Scienza , o i fuoi principi. E poi nelle difpcfizioni della "Divina Providenza, ìfaite da una Mente infinita, perchè non fappiamo noi conofcer la ragione di alcuni avvenimenti -, perciò pocremo Anegare i principi con evidenza già c0nolciuti, cioè l’Efifienza ’di Dio, la Religion rivelata, l’Immortalità dell’ Anima, e l’Eternità del premio, e del gafiigo dell’altra vita?

Se Dio non può comprenderfi, perchè è infinito, neppure può còmpren-’ derfi la I’ua infinita Sapienza e Rettia tudiue; e per confeguenu non poflbno comprenderfi i fuoi configli intorno al governodcll’Univerfo . Se .un’ ignorante ( dice ’S. Agofiino ) [p. 122 modifica]entrasse in una bottega, in cui Lfi lavora. mo iferri, quelli certamente non avrebbe ardite ardirc di riprendere il Fabro, che inutilmente tenga quei martelli, quelle incudini, e quei mantici. Ed un’Uomo ardirà di cercar ragione a Dio delle. fuc eterne difpofizioni? Sicché, concludiamo quello pun. m in una parolar: Dio da una parte odia-e vieta il peccato .; dall’altra vuoq le che tutti gli Uomini fi l‘alvìno‘,e perciò dà a cul‘cuno i mezzi,e gli ajuci della fua Grazia, con cui po a fug. gite i peccati, el’alvufi; Ma all’incontro lafcia gli Uomini nella .liber—. tà di apuane, —e dannarfi, {e voglio, no . Pollo ciò, ognun vede che coloro i quali fi dannano, vfi dannano e. chè v lion dannarfi; ..e «fe vogion danna, è giuflo che Iim puniti; ma ‘tuuo avviene pei-colpa loro,non di Dio.

Ma oh Dio che cecità! Ancorchè gli Ihcteduli avefier ragioni probabili. per le loro opinioni, che non sia [p. 123 modifica]Dio, che Y Anime muore cui corpo; che cìaÎcurr può‘ falwrfi- in qualuu’h 31:: Rdigjont, e» che F Inferno non ‘ a eterno: qnefie Foro opinioni non farebbero più che dubbie, memreckèg fe efi negano le Verità iena neofita Fede, perchè ( come dicano) non fa» no quefìe- per efiì evidenti, non posesanno però- certam’ente" ma? credere che la nofira Fede fia l’ei/îdentemcnte falfz- . AH" incontro non può negan fi», che la‘ mitra- R-elìgi‘on- Crifiizana,sì per l’autorità dir tanti Doni che fpogliati daHe-pafiìòni del fenfo, l’— hanno abbracciata, come per le ra’à; gicmi che te afiìflono, almeno ( .dicìam così) almeno fia Probabile, e verifimi": le. Gli- fiefli Miicredenti,‘ per ’qnang‘ tor cerchino di perfuaderfi i! contraria, non? pofl’ono liberarti da’ timori, da. cui fon tormentati, vivendo nella loro increéulità: fp‘ecialmente in quel tempo nel quale l‘e loro menti fierevano imeno ottenebrate (farle pafiìoni, «dal fornite brutale de’ sensi. [p. 124 modifica]’Or fuppofle anche per’clu bbie’le Ve‘.’ rifà della nofira Fede, ogni ragione ’ e prudenza vorrebbe che ci attenefli— mo alla loro credenza . Non farebbe iertamente matto quel Mercante, che per guadagnare uno feudo, volcll": porfi’a’pericolowdi perdere tutto il fuo patrimonio? Non matto quel Re, clicer acquifiare un villaggio, voleffe arrixehiare tutto il fuo Regno? E non {i flimerà poi una pazzia, il’VOlere abbracciare una credenza, com‘è quella degl‘ Increduli, la quale s’è vera, por co o nienteirutterà: Ma all’incontro, s’è falla, apporterà una rovina eterna? Vorrei pur dimandare a taluno gli ‘cofioro, iquali per vivere a ’lor ca riccio, mettono in dubbio ogni co a, con dire- che le Verità della no— flrar’Religione non fon certe: Ditemi (‘ vorrei dirgli ), arril’chiarefie voi la viti, facendo {commefla fulla verità delle voler opinioni? Nò . E volete poigarrifchiarvi la vita eterna? Non vedete che l’abbracciare alla cieca ciò [p. 125 modifica]che piace , fenza far conto di legge; e di ragione, non è viver da Uomo ragionevole, ma da bruco 2 La Reli- gione non due modellarfi, fecondo le aflioni , ma fecondo la rasipne . I Misteri della nofln .Fede , fe non fa.“ no a noi evidenti , fon . nondimeno evidentemente credibili . Le Verità {pe- euiztive circa la Religione che (Eb- bon crederfi dall'innelletto , non poi; fono provarfi colle dimoflnnionì. fifi- che e geometriche, ma colle ragioni che perfuadwo h mente.

Ma dirà cofini: E’ tegola che non E lzfci il certo per 1’ incerto . Per pri- mz, io rifpondo , quefla non può ef- fer regola generale per ogni fpeeie di cofe ; altrimenti niuno dovrebbe far più mercamie. alia di far guadagno, niunofpender più fatiche: danari per ifludizre afin di avannrfi e far far- mm, perché il guadagno , e la ,for- una è incerta ; tanto più fe alcuno fofl'e nel cafo, che fe non guadagna, abbia a perdere il mun,com’ è' nel [p. 126 modifica]caso nostro, dove non solo si tratta di acquistare un Regno eterno di con._ tenti vivendo bene, ma di cadere in nn'<eterna miferia vivendo male . Per fecondo , i piaceri fon anche incerti. Chi n’accerta che avremo il modo di confeguirli ?Chi ne darà certamente la 'fanità necefi'aria per goderli , [pe- cialmente fe con dilbrdine faran prefi tali diletti , poichè quelli necefiaria- mente guafiano la fanità ? Chi alme. no ne aflicura , che avremo vita' e tempo di goderli , quando la vita è così incerta? Or fe'il tutto è incerto, non farebbe pazzo colui che per la {paranza di ottenere uno fcudo incer- to, vol’efl'e rinunziare alla fperanza d’ un milione ? E non farà pazzo que- gli che per la fperanza di prenderfi pochi e brevi piaceri avvelenati ( poi. che ogni piacere peccaminofo più af- fiige che contenta , per lo veleno del ri- morfo e del timore che fecoapportaril peccato) vorrà privarfi della Îperanza d’ un bene eterno, col pericolo di più [p. 127 modifica]d’incorrere un? eterno male P Se Vi folle. r0 due Anime, potrebbe arr’rfchiarne una( e pure farebbe imprudenza ); ma efTendo una [ola, le quella perifce,la ina- ruina farà eterna,. ed irreparabin le . E perciò, quantunque la. nofira. Fede folle incerta, pure vorrebbeogni ragione, che cialcuno lal’ciafl’e i Lp’òchi e brevi beni che può godere in quefia Terra, per guadagnarfi una Felicità immenfa ed eterna, e per liberarfiv dal pericolo dÎincorrere un’eterna miferia.

Oltrechè, anche a riguardo della. vita preferite, parlando in verità, .i veri piaceri fon quelli che fon permefli: mentr’eglino fon puri ed’innocenti, e liberi dal pentimento,. dal rimorl’o» ,e dal timore,. da’ quali j non poffono disbrigarfi i Difioluti . E facciano quanto vogliono per perfuaderlì ,che fieno falfe le Verità- eterne, poichè i l’udetti funelli effetti del pecca. to,’non derivano già dal pregiudizio dell’educazione, come fognanofì [p. 128 modifica]Miscredenti, ma Vengono impedì dalla flefi’a Natura. Altrimenti, pecche l’. Incredulo ha da temere, le crede di non efl’er reo? Perché la virtù (ipntica drdìmmente ed alla {velata, e" ’I vizio con paura e con roflbte? All’ incontro chi ben crede, e‘vìve bene, vive in pace, e non teme, perch’è libero da’ peccati . Si aggiunga. che le virtù, come la Cafihà.’, la Gìu. fiìzia, l: Temperanzz fon qualità che mantengono l’animo tranqaillo, e traggono rifpetto anche da’ Viziofi . I Filofofi antichi anicponevuo a tutti i piaceri di fenfo le vietù, bench‘clle mm fofl’ero in cm che apparenze (li vira ti:, eiîendo‘ tutte effimi ò’un’ambi; zione della propria lori: . Eh che i diletd dell’animo perano di, gran lunga quelli del fenfa . Quelle fon tutte pru’ove, che ’l bene ed il male non confiflono nella (ola. appxenfione degli Uomini, ma veramente vi fono: perchè vi {la un Dio d’infinita Bontà, che ha imyrefio nella Natura [p. 129 modifica]l’amore alla virtù ’, e l’orrore al vie zio. Ma perchè ( dicono gl’Incredu« li ) quelle Verità che a voi fon chiare, a noi fon nafcofie? Perchè ( ri. fpondo ) i vizj ofcurano la mean . L’occhio vede, ma s’è coverto da una benda, non vede più, per quanto grande fia l’a luce che rii‘plenda, Chi lafcia i vizi, non ha difficoltà a ben credere; Ma non può mai ere. der bene, chi vuole mal vivere . Chi mal vive, fi fa Tuo interefTe il non credere, per ‘peccare fenza rimorfo’, e così fa regolarfi dall’7 inrerefi’e, nor: dalla ragione . Non v’è Raro mai chi ha negato Dio- e le fue Verità, prima di ofiÎend.erLo-.’U penfiero- de’rgnRighi del peccato impedifce il’godere‘ liberamente i piaceri vietati nella ’via ta preferite; Ond’"è che chi vive- ne’ vizj,facilmente brama che non vi fia cafiigo per chi mal vive; ezdai brama< re che non vi fia, facilmente pafia a credere che non vi fia, almeno a porlo in dubbio,- per peccare con meno [p. 130 modifica]rimorso. Colui che s'induce a dubitare deil’ultimo Articolo del Simbolo, Credo Vitam aeternam, sta vicino a dubitare anche del primo, Credo in Deum. Se non tollero altro, che probabili o dubbie le Verità della nostra Fede, l’Esistenza d’un Dio Rimuneratore, la Morte del corpo, l’Immortalità dell'Anima, l’Eternità delle pene: pure dovressimo attenerci senza meno alla Religione pìù sicura, perché si tratta di Salute eterna, in cui se si erra, e s’è vero ciocchè la Religione Crisitiana insegna, non vi farà in eterno più rimedio all’errore. Ma nò, che quelle Verità non sono dubbie, ma certe ed evidenti; poichè, sebbene i Misterj della nosira Religione non sono a noi evidenti, ma oscuri, mentre in ciò consiste il merito della Fede, in credere quei che noi non comprendiamo; nondimeno è evidente che questa è la vera Fede, e che son certe le cose ch’ella ci Propone a credere. Questi miserabili Miscredenti, [p. 131 modifica]che nel tempo della loro vita dissoluta pongono tutto in dubbio ed in questione, per isbrigarsi da’ rimorsi della coscienza, e da timori del castigo, certamente in punto di morte vorranno aver creduto, ed esser vivuti da veri Cristiani; ma avverrà loro quel che avvenne ad un certo Incredulo (come narra il Nieuvventyt) che giunto a morte pronunzìò queste terribili parole: Io credo finalmente tutto ciò che prima ho negato, ma è troppo tardi il potere sperare la grazia di ravvedermi. E così morì.

IL FINE.