Pagina:Memorie per servire alla vita di Dante Alighieri.djvu/224

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

delle materie 215


Donati Gemma non sta in concordia col marito. pag. 77

— paragonata alla moglie di Socrate (n) 78

Durante nome proprio di Dante. 56


Elis 1. antica famiglia Fiorentina. 13-16

— derivano probabilmente da uno stesso stipite colla famiglia di Dante. 18

Eliseo fratello di Cacciaguida. 16

Eliseo figlio di Dante. 37-45


Farinata degli Uberti al concilio de’ Ghibellini. 60

Fazio de’ Morubaldini ripreso come barattiere da Dante. 108

Federigo II. muore a Ferentino. 62

Ficino Marsilio traduce la Monarchia di Dante. 188

Filelfo Giovan Mario scrive la vita di Dante. 7

Filippo il bello nemico di Bonifazio VIII. 112

— vuol fare imperatore Carlo di Valois. 126

— ha contrario il pontefice, ivi

Fiorentini detti da Bonifazio VIII. il quinto elemento. 1-2

— chiamano a Firenze i capi della fazione dei Cancellieri di Pistoja 99

— chiamano Carlo di Valois. 100

— gli spediscono ambasciatori a Bologna. 102

— contrarj ad Arrigo imperatore. (n) 127

Fiorentini chiedono ai Ravennati le ceneri di Dante. pag. 145

— non possono ottenerle, ivi

Firenze chiamata la nuova Atene. 4

— falsamente fu supposto foe stata distrutta da Attila. 11

Fulco di Ricovero Portinai padre di Beatrice 63-64

— fonda lo spedale di s. Maria Nuova (n) 74

Franco da Bologna miniatore scolare d’Odorisi (n) 67

—- chiamato a Roma da Benedelto XI. per miniare i libri del Vaticano. ivi

Francesco Alighieri fratello di Dante. 34-36

Frescobaldi famiglia del partito dei Neri. (n) 99

— Dino poeta. 81


Gabbriello figliuolo di Dante. 45

Gemma Donati ved. Donati. Geri del Bello congiunto di Dante. 33

Ghibellini ved. Guelfi.

Gian Bologna possessore d’una testa di Dante in marmo. 151

— la lascia alla sua morte al Tacca. ivi

Giano della Bella difensore della libertà fiorentina. 96

— cacciato di Firenze. ivi

Giotto pittore amico di Dante. 67

— dipinge in Napoli alcune cose d’invenzione di Dante. (n) ivi

Giovanni del Virgilio scrive un epitaffio sul sepolcro di Dante (n) 145