Pietro Coppo Del sito de listria a Iosepho Faustino - Versione diplomatica

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
P

Indice:Coppo - Del sito de listria a Iosepho Faustino, 1540.djvu Pietro Coppo Del sito de listria a Iosepho Faustino - Versione diplomatica Intestazione 1 settembre 2018 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


[p. frontespizio modifica] [p. - modifica] [p. 1 modifica]

PIERO COPPO DEL SITO DE LISTRIA

A IOSEPHO FAVSTINO.

Auendomi piu volte ſcritto vostre Iocundiſſime lettere. Per lequal inſtantiſſimamēte me pregaui voleſſe deſegnar et particularmente descriuer el Sito de Liſtria a vostra cōplacentia: et molto piu de vno vostro carissimo amico: deſideroſo (come ſcriuete) grandamente di tal cognitione in volgar lengua a sua plena intelligentia (ſeti voi litteratiſſimo) & de cada una altra non molto litterata perſona. Astrengendomi la ſincera & mutua beniuolentia noſtra: gia da Iouenil etate contratta nel litteratiſſimo contubernio del noſtro gia humaniſſimo Sabelico. Deliberai ben che in queſta mia età ſexagenaria satiſfar al vostro pieno voler & deſiderio: cognoſcendomi voi a tal geographo studio deditiſſimo, diche aſſeſa la preparata barcheta remigiādo a terra via: peragrar prima comēzai li lochi littorali: deſignando & deſcrivendo il tutto. Doue vopo era farne particular mentione: qual peragration ſi littoral come terreſtre non piu cha in mesi doi da me fo expedita. Non eſtimando fatica alcuna. Imperho che limenſo deſiderio di ſaper & il non mediocre amor mio in Voi: non me facea sentir voglia. che certo diletto alcuno non e magior cha il ſaper p̃ cauſa cognoſciuto & la vera & non ſimulata amicitia ha tanto poter in ſi che anchor ſiamo ſtati luno da laltro diſiuncti: non ſi e perho reſtati ſouente inſieme ragionare col mutuo ſcriuerci ne ſminuita per interuallo di tempo ouer loco. & certo altri non potrian eſſer fuori che voi che indurme haueſſero potuto a far tal coſa. ſapendo maxime mai eſſer stato alcuno tāto felice: che habbi potuto schiffar la mordace liuida Inuidia. tanto tal scriuer & deſegno e ſempre ſtato a qualche reprenſion ſubietto. Non dimeno quel che ho deſcritto dela prima origine de Iſtria & coſe paſſate lho fortificato con autentica atteſtatione di excellentiſſimi Geographi & Iſtorici & ragione euidentiſſime. & de veduta: che non fala nele coſe che al preſente ſe ritrouano. Forſi alcuni nō laudarano queſta mia tenue operatione di eſſer deuenuto ala deſcription de questa vltima region de Italia non molto da altri trattata & deſignata. hauendo altre uolte scritto & deſignato le prouincie & lochi de tutta la terra a cerco in latino. Ma cognoſcendo hauer voluto compiacer al mio cariſſimo amico con questo materno dire: tengo la mia honesta excuſatione poter eſſer da loro benignamente acceptata. Per hauer fatto el debito officio del amico. diche ſe intendero hauer ſatiſfatto al deſiderio voſtro & al voſtro fido e cariſſimo amico: certo ne vero receuer quel cōteto & piacer ricerca lantiqua & ſingular beniuolentia noſtra. [p. 2 modifica]

IStria: qual ſe inalza tra doi impetuoſi colfi Tergeſtino & Carner: ſcorre (come dice Plinio) quaſi come Iſola nel mar di ſopra ouer Adrian ſortite gia il nome ſuo da Iſtro ouer ...F.Iſtria regione. qual bagna Iſtro fiume che nel mar mazor sbocha. el qual Iſtro vien dal gran fiume Danubio in Europa. Chiamato Iſtro dal confluente in gio. Imperho che li habitanti circa il dito fiume Iſtro al tempo deli Argonauti porterono la ...onauti. ...onaue. ...porto. ...eto.prima gran galea nominata Argonaue dal nome de Argo ingegnero ſopra li ſuo humeri nel Nauporto dal portar dela ditta Naue ouer Galea coſi nominato. hora ditto Quieto per lacqua in quello quieta. tone li Nauilii quietamente ſtar poleno. Laqual Argonaue conduſſe p̃ Liſtro & Saua dala parte ....F.de Gretia li prenominati Argonauti. & poi dala Saua portata al Qnieto per intrar nel mar Adrian. Come dinota Plinio. & luſtino deſcriue: dicendo le fama la gente Iſtriana trar la origine dai Colchi mandati da Oeta ſuo Re a perſeguitar li Argonauti & raptor dela figlia. Iquali dal mar mazor intrati in Liſtro: & poi nela Saua ...genaue. Adrian.inſequindo li veſtigii deli ditti Argonauti portorono le loro Galee ouer Longenaue come le chiamauano alhora in ſpala fino al litto del mar Adriano: cognoſcendo che quel medeſimo haueano fatto li Argonauti in prima dela ſua lōga naue. Iquali coſi livenuti non li hauēdo trouati. ouer p̃ paura del ſuo Re ouer faſtiditi per la longa nauigatione nō molto a largo de Acquilegia ſe afermorono. & Iſtri dal nome del fiume. per ilqual dal mar mazor erano venuti furono ...nfluente. ...schio. F.appellati. elqual Iſtro dal Confluēte in ſu vien chiamato Danubio. el Confluente fano ...isco. F.doi fiumi el Moſchio che corre dale Alpe verso Tramontana. & Tibiſco che corre da Septentrione in Oſtro. Queſta Iſtria denominata come hauemo dittodi ſopra e lultima dele region de la excellentiſſima prouintia de Italia facendo il principio di quella il fiume Varo in la Liguria: che hor ſi chiama riuiera di Genoua. & il fin il ...ro.F. ...a. F. ...burnia. ...ardona.fiume Arſa in Iſtria. che diſtermena la Liburnia ouer Schiauonia da Liſtria nelaqual Liburnia ſe ritroua Scardona gia maiſtra citta: antiquamente ruinata da Barbari. fo Reame con epſa Iſtria che ſi extendeua ſino ali cōfini de Longaria. Laqual per le optime ſue cōdition fo connumerata tra le altre digne region de ella Italia ſecundo Strabone mano. F. citi caſtelo ...n Zan de ...uin ...pidia. ...digeni...borigeni. ...no. ...auno. ...turno..excelente Geographo Greco comēza dal fiume Timauo ouer fonte (come dice Virgilio) che ſcorre per le fouee de Caciti caſtello in Cragna. & per ſubterranei meati sbocha dali monti de ſan Zuan de Duin & finiſſe a Larſa fiume che sbocha nel Carner. fo antiquamente chiamata Iapidia. auanti che li preditti Argonauti veniſſero li come dicemo. laqual alhora era habita in qua in la da Indigeni Aborigeni gente Paſtoral. come anchor il reſto de Italia al tempo de Iano ouer Fauno & de Saturno che venero di [p. 3 modifica]

cia trouorono gēte rude viuente ſecundo la natura de animali & frutti produceua da ſi la terra non culta. doppo da quelli redutti a viuer piu humano & domeſtico al culto dela terra. & hauer habitatione ſoto il culto diuino & lege. La ſua largeza de Liſtria ſcriue Plinio eſſer de miglia quaranta. El circuito de miglia. CXXII. ma togliendo la meſura altramente da La grande Iſtria. Duin fin Pola ſono da miglia cento p̃ longeza. La largeza dai monti dela vena che ſepera Liſtria dala Cragna: cioe da Raſpo a Parenzo ſono da miglia. XXX. el circuito veramente da Duin fin a Larſa; & poi per Larſa & per la vena ſin a Duin da miglia duſento ha al preſente da cerca cinquanta tra Citta Terre & Caſtelli. & da cento & più tra cortine & Ville. a Marina Colfi Porti Iſole Scogli & reduti puraſſai molto comodi a Nauiganti. & tra Iſole & Scogli da. LXXX. la più parte de epſe de circuito de vno doi & tre miglia luna. La Iſola dei Breoni che e la piu granda volze miglia. XXX. lequal tute. forono chiamate anticamente Pularie & Abſirtide dali Greci. quali prima dominorono Liſtria cha romani: da Abſirto fratello de Medea (come ſcriueno alcuni) li amazado. Pularie Iſol... Abſirtide. In più lochi de. Liſtria ſi attrouano molte degne antiquita & veſtigii de terre antique. qual demoſtrano gia eſſer ſta habitate da potenti & degni huomeni. La principal Citta appar eſſer ſta Pola. per el bel ſito & Pola. notabel antiquita: che al preſente anchor in quella ſi uede. qual Citta forono augumentate da Coloni Romani mādati a Trieſte Egida Parenzo Egiola & Pola. doppo linſulti maritimi del Colfo Tergeſtino fatti da Iſtriani ala noua Citta Acquilegienſe: nele parte Trieſte. Egiola. Parenzo. Pola. Aquilegia. de Friul fabricata p̃ obuiar agli impeti & eruptiōe poteuano far Barbari da quella parte doue lhaueano deliberati edificarla in loco forte da acque circondata & ligata: dal che fo appellata: ouer da laquila inſegna de Romani, qual hebbero da Troia poi che da Greci la fo combuſta & ruinata. Qual inſulti Iſtriani faceano ala Citta de Acquilegia: acio non ueniſſero a creſer potenti (come creſcete) & eſſerli ſubietti ſuadendoli queſto la citta Tergeſtina alhora opulenta & principal de Iſtria p̃ mezo de Nouetio Arupin Nexantio & Medolin: terre a quel tempo apte ale coſe No vetio. A rupin. Nexantio. Medolin. maritime: che forono Pyrati del Colfo Tergeſtino contra li ditti Acquilegienſi: le qual quattro terre nō uolgiando Iſtriani rimouerſi dal ſuo propoſto uoler: Romani comparato exercito ſotto ſuo capitano: el qual domo li Iſtri: del tutto le deſtruſeno & ruinorono. & mandorono Coloni in le prenominate Citta. Tuditano capitano de Romani. Breno. Pola Parenzo Egida & Trieſte, come nela particular deſcription diremo. Et doppo deſtruta Roma da Breno bellicoſiſſimo capitano de Franzoſi. qual paſſo de Franza in Italia con Treſento millia ferociſſimi combatenti ad acquiſtarſi noue ſede & habitatione (come ſcriue Iuſtino) per labondante creſciuta multitudine in Frāza. Laqual Roma coſi [p. 4 modifica] [p. 5 modifica] [p. 6 modifica] [p. 7 modifica] [p. 8 modifica] [p. 9 modifica] [p. 10 modifica] [p. 11 modifica] [p. 12 modifica] [p. 13 modifica]

  Questo libro è stato pubblicato sui progetti Wikimedia dalla Biblioteca universitaria Alessandrina di Roma, nell'ambito di una collaborazione con Wikimedia Italia. Wikimedia Italia-logo.svg