Scola della Patienza/Parte terza/Capitolo V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
PARTE TERZA CAPITOLO V

../Capitolo IV ../Capitolo VI IncludiIntestazione 3 aprile 2009 50% Da definire

Parte terza - Capitolo IV Parte terza - Capitolo VI

Come le afflizioni s’hanno da ricevere con preparazione

Questa nostra vita, che hor facciamo, ha due carnefici che continuamente le stanno alle spalle, e hor l’uno, hor l’altro sempre la tormentano; e questi sono il Timore e il Dolore. Quando le cose sono aspre e turbolenti, il Dolore è quello che ci percuote . Quando poi van bene e secondo il desiderio nostro, il Timore è quello che ci tormenta. Perchè temiamo di perdere quello che ci è caro. Così lo dice chiaramente S. Agostino: (Tutta questa nostra vita è una tribolazione a quelli che intendono, perchè l’anima ha due carnefici che la tormentano non già tutti e due insieme , ma hora la tormenta uno hora l’altro. Questi tormentatori si chiamano Timore e Dolore. Quando tu stai bene temi e quando stai male ti duoli). Hor sapendo noi di certo che sovente habbiamo da esser percossi da uno di questi due affetti, dobbiamo con gran diligenza andar pensando in che modo ci habbiamo a portare con essi. E questo è il quinto modo di sopportare bene le afflizzioni se con buono apparecchio della nostra mente ci prepareremo a riceverle. In che modo poi ci habbiamo a preparare per le avversità hora l’andremo dichiarando.

§ Paragrafi