La scaccheide/Poema

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La scaccheide

../Dedica IncludiIntestazione 25 maggio 2012 100% poemi

Marco Girolamo Vida - La scaccheide (1559)
Traduzione dal latino di Carlo Pindemonti (1753)
La scaccheide
Dedica


[p. vii modifica]


LA SCACCHEIDE


DI guerra imago a cantar prendo, e pugne
A le vere simìli, e Armati ed arme
Finte di bosso, e gli scherzevol Regni;
Come fra lor per bel desio d’onore
5Combattano due Regi un bianco e un negro
Con armi tinte di que’ due colori.
Dite, d’Adige o Ninfe, i gran conflitti
A i Vati et a le Muse ignoti ancora.
Non v’ha camin: ma pure andar mi giova
10Ove l’ardor mi spinge, e via non trita
Io m’affretto a calcar Giovane audace.
Voi m’aprite il sentier, mentr’io deserti
Sassi trascorro, o Dive, e per secrete
Inaccessibil rupi il piede aggiro.
15Voi pria tal Gioco rammentar dovete,
Voi ne l’Italo suol prime insegnaste
Cotesti studj, de l’egregia Suora
Scacchide Ninfa monumento illustre.

[p. viii modifica]

     De gli Etiòpi a le magioni, e a i campi
20Del Titonio Mennòne ito se n’era
Giove, de l’Ocean le mense amiche
Non isdegnando, che con sacro nodo
Allor s’univa a la gran Madre antica.
Tutto era seco de’ Celesti il Coro;
25E risuonavan di festosi gridi
Tutti del vasto mare i lidi intorno.
Poi che spenta la fame, e che rimosse
Furon le mense, l’Ocean, de’ Numi
Con lieve Gioco a rallegrar le menti,
30Il dipinto Scacchier fa che si rechi.
Sessanta e quattro sedi a otto a otto
Son d’ogni parte in ordine disposte,
Tal ch’un quadrato formano perfetto.
I seggi tutti hanno la forma istessa,
35Egual lo spazio, ma il color diverso:
Alternan sempre variando, e al bianco
Succede il negro, in quella guisa appunto
Che la pinta testuggine si vede
Il suo concavo dorso aver macchiato.
40Allor a i Numi, che stupìan tacendo,
Disse ei così: De lo scherzevol Marte
Ecco la sede, e di battaglia il campo.
In questa arena a voi mirar sia dato

[p. ix modifica]

Star due contrarie schiere, e oppor le insegne,
45E l’una incontro l’altra i passi e l’armi
Movendo, imago suscitar di guerra;
Spettacol, che tal’ora entro gli algosi
Umidi alberghi le cerulee figlie
De la gran Dori, e tutte l’altre genti
50Del secondo ampio regno abitatrici
Godon vedere, allor che sono in calma
I falsi piani, e giace il mar senz’onda.
Ed ecco quelli, che le finte pugne
Trattar dovranno, disse, e aperta un’urna
55Su lo Scacchiero poi versando, fuore
Da mano industre effigiato bosso
Ne trasse, e corpi assomigliati a i nostri,
Finte schiere tornite e bianche e negre,
Duplicate ordinanze, di vigore
60E di numero eguai, sedici in bianco
Ed altretanti avvolti in negro ammanto.
Qual di ciascun diversa è la sembianza,
Così tutti han diverso il nome ancora,
Diverso incarco, e non egual potere.
65Ivi d’aureo diadema il capo adorni
Veggonsi Re superbi, e le seguaci
Inclite Spose a guerreggiar disposte.
V’è chi su bel destrier, chi pugna a piede,

[p. x modifica]

Chi con saette: nè già mancan belve,
70Che d’armi e Armati pregna eccelsa torre
Portano a la battaglia; in ambo i lati
Gl’Indi Elefanti rimirar tu credi.
S’avvian al campo omai le instrutte schiere,
Già son le Armate una de l’altra a fronte,
75E ne’ suoi luoghi ogni Guerrier si pone.
     Primieramente de l’estrema fila
Stanno gli armati Re nel quarto seggio
In ambedue le parti opposti entrambo;
Vuote però sei file ad essi in mezzo
80Sono interposte: e quà su negra sede
Si posa il bianco, e là su bianca il negro.
Succedon le guerriere invitte Mogli,
Ciascuna del suo Rege al fianco affissa,
Una con varia legge al destro, e l’altra
85Ne’ destinati seggi al manco lato
Stassi; sul bruno seggio evvi la nera,
Sul candido la bianca: ama ciascuna
Nel primo posto il suo natìo colore.
Sieguono poi due giovanetti Arcieri
90Negri, e due bianchi; a questi il nome un tempo
D’Areifili diè la prisca Atene,
Poi che fra quanti egli conduca in guerra
Sono i più cari a Marte; ad essi in mezzo

[p. xi modifica]

Il Re si chiude e la Real Consorte.
95Poi di tremole creste adorni e vaghi
Frenan due Cavalier in ambo i campi
Pronti a correr fra l’arme i lor destrieri
Di quà poscia e di là su l’ali estreme
Vedi sorger due Rocche, alte murali
100Macchine, cui gl’Indi Elefanti in guerra
Portan su i dorsi immani. Otto pedoni
Al fine in una schiera, ed altretanti
Sieguon ne l’altra, e la seconda fila
Quinci ad essi le sedi, e quindi appresta.
105Parte del Re sono scudieri, e parte
De l’armigera Sposa ancelle fide;
E de la guerra a lor conviene i primi
Tentar perigli, e cominciar gli assalti.
Appunto tal la legion di bosso,
110Distinte le falangi in ordin doppio,
Si dispose quà e là ne’ campi suoi,
E tali di color diverse ed armi
Fiammeggiar si miraro ambedue l’ale,
Qual se dal gelo alpino i bianchi corpi
115Mova Gallico stuol con bianche insegne
Contro le Orientali ultime schiere,
E del nero Mennòne a lui simìli
Le accolte genti, e gli Etiòpi ignudi,

[p. xii modifica]

Che di Fetonte ancor portano impresso
120Ne’ volti adusti il temerario ardire.
Indi il Padre Oceàno a dir riprese.
Omai vedete quai le squadre, e quali
Sien le lor tende, o Abitator del Cielo;
Or apprendete del pugnar le leggi,
125Poichè sue leggi ha questa pugna, e contro
I lor divieti unqua a i Guerrier non lice,
Non che l’armi adoprar, mover un passo.
     In prima alterni i Re mandino in guerra
Colui, che scelto avran fra tutti i suoi.
130Se prima un negro Armato in campo venne,
Un bianco tosto gli s’oppon, nè lice
Già mai scagliarsi in fra i nemici a stuolo.
Han tutti una sol cura, una sol mente,
Chiuder i Regi in fra le turbe ostili,
135Onde fuggir da nessun lato impuni
Non possan, nè sottrarsi al fato estremo;
Poi che sol questo è di tal guerra il fine.
Fra tanto a li nemici opposti corpi
Non si perdona, ma col ferro un l’altro
140Si struggono a vicenda, onde più presto
L’abbandonato Rè morto rimanga.
Ogn’or scemando va per nuove morti
L’un campo e l’altro: la dipinta piazza

[p. xiii modifica]

Sempre vie più si scopre, et a vicenda
145Ed atterrano, e cadono; ma tosto
Dee sottentrar il vincitor del vinto
Nel luogo, e sostener de l’ala ultrice
I primi sforzi: e se schivarne i colpi
A lui riesca, e fuggir morte, allora
150Puossi in salvo ritrar col piè fugace.
Ma di guerra la legge a i soli Fanti
Dopo il primo camin (facili prede)
Tornar divieta, et in sicuro addursi.
Or non tutti i Guerrieri il modo istesso
155Han di mover il passo, o vibrar l’armi.
Deggiono allor, che a pugnar vanno, i Fanti
Solo una sede trasportarsi innanzi
Dirittamente a l’inimico opposti.
Pur loro è dato nel primiero assalto
160Proceder oltre, e raddoppiare il passo.
Ma vicini a ferir torcono il colpo,
E per obliquo ad impiagare intenti
Percuotono di furto i cavi fianchi.
Gli Elefanti però, che in ambo i lati
165Chiudon le file, allor che sul gran dorso
Le torri sostenendo, e per le schiere
Terror portando e strage, entrano in zuffa,
Dirittamente ogn’or ponno di fronte,

[p. xiv modifica]

A destra, et a sinistra, avanti, e indietro
170Trascorrer tutto impunemente il campo,
E in ogni parte il piano empier di morte;
Pur che furtivi feritori obliqui
Essi non sien: che questo lice a i soli
Arcier fra gli altri i più diletti a Marte.
175Movonsi questi obliquamente, e calca
Uno i bianchi sedili, e l’altro i negri,
E con obliqui dardi ambo fan guerra;
Nè lice variar, quantunque ad essi
Quinci e quindi vagar per ogni sede
180Sia dato, e tutto misurar il campo.
Insulta il fier Cavallo, e al fren ripugna.
Non mai trascorre in fra le folte squadre
Per dritta via, ma sempre in curvo salto
Impetuoso inalza i piè ferrati,
185E doppia sede attraversando ei varca.
Se fermo prima sovra un negro seggio
Egli aspettava, indi salir veloce
Dee sovra un bianco, e del sedile ogn’ora
Variando il color, già mai non puote
190Stender più lunge, o far più breve il salto.
Ma l’invitta Reina, anima e forza
De l’esercito tutto, a fronte, a tergo,
A manca, a destra, e per obliquo calle

[p. xv modifica]

(Ma con retto cammin) sempre si move.
195Solo non può, qual del Cavallo è stile,
I nemici assalir con curvo salto.
Al corso suo non già confine o meta
Mai si prescrive: ove l’ardor la spinge
Ella avventar si può, pur chè de l’Oste
200Nemica o sua nessun le chiuda il passo;
Poi che niun sorpassar mai può le schiere
Di salto: è questo al sol Caval concesso.
Più cauti movon l’arme entrambo i Regi,
Ove del popol tutto, e de la guerra
205Ogni speranza, ogni fiducia è posta.
Salvo il Re, pugnan gli altri arditi e franchi;
Morto lui, cede ogn’uno, e il campo lascia:
Che tutti ei preso in sua ruina involve
Dunque non mai trascorre; a lui devoti
210Mostransi tutti, e tutti in folta schiera
Chiudonlo in mezzo a sua difesa accinti.
Spesso per lui sottrar da l’armi, il petto
Ogn’uno a i colpi espone, ogn’un desìa,
Pur che viva il suo Re, perder la vita.
215Non è sua cura, o d’eccitare a l’armi,
O di ferir; ma basta sol, che attento
A i perigli si tolga, e morte schivi.
Non fia però, che impunemente alcuno

[p. xvi modifica]

D’appresso gli s’opponga; in ogni parte
220Ei ferir puote, ma non osa mai
Di correr lungi, e poi che fuori uscìo
De la sua Reggia, e che co’ primi auspicj
La sua sede cangiò, solo a lui lice
Con lento piede al più vicin sedile
225Passar, o se ferisca, o se da’ colpi
La destra arresti, e non insulti errando.
Di guerra tal fin da le antiche etadi
Questi i costumi fur, queste le leggi.
Ora mirate ambe pugnar le schiere.
230Egli sì disse, ma perchè qual’ora
Si stanca l’uman germe in aspre guerre,
Gli stessi Numi ancor, quai l’una parte
E quali l’altra a favorir rivolti,
Pugnan fra lor con odj alterni, e fiere
235Ardon per tutto il Ciel battaglie e risse,
L’onnipotente Re Giove da l’alto
Soglio parlando a tutti i Numi impera,
Che da l’armi mortali ogn’un s’astenga;
E perchè niun per questo o quel s’adopri,
240Con tremende minacce ei gli spaventa.
Indi il lunghi-crinito Apollo, e seco
Chiama d’Atlante il bel nipote, cui
La bianca Maja partorì di furto,

[p. xvii modifica]

Ambo leggiadri, e nel fiorir de gli anni.
245Non i talari a le veloci piante
Avea Mercurio ancor: nè gli anelanti
Destrier guidava per le curve vie
De l’Olimpo sereno il biondo Apollo
Di Titan su la terra i rai spargendo,
250Insigne solo per le chiome d’oro,
E la gemmata, che sul molle fianco
Da i bianchi omeri scende, aurea faretra.
Vuole il gran Genitor, che questi soli
Pugnin fra loro con opposte gare
255Ne la giocosa guerra, e l’uno e l’altro
Qual più parte gli aggrada a guidar prenda;
E degni premj al vincitor prepara.
I primi Dei s’assisero; de gli altri
Minori in piede la confusa turba
260Si sparge intorno; ma si guardan tutti
Da l’additare a i Giocator col cenno
O con la voce i preveduti colpi,
Come prescrive il fatto accordo, e come
Del sommo Padre il gran comando impose.
265Si cerca al fin cui pria mover sua schiera,
E i rischi provocar del novo Marte
Tocchi, e spinger qual vuol de’ suoi Guerrieri
Contro il nemico; de la bianca Armata,

[p. xviii modifica]

(Poi chè questo credean non lieve acquisto)
270In ciò la sorte al Condottiero arrise.

Tacito allora e in se raccolto ei pensa
Qual di sue schiere or più condur gli giovi
Al pinto campo in mezzo; et a quel Fante,
Che da l’oste il suo Re copre e difende,
275Moversi impone, et oltre andar due passi;
Cui tosto il Condottier del popol nero
Oppone e guida anch’esso in dritta riga
Un suo nero Pedone, e gli comanda
Che del nemico, il qual s’appressa, a fronte
280Con l’armi sue si fermi, e ’l mosso assalto
Con pari ardir sostenga, ed arme pari.
Stan dunque un contro l’altro in mezzo al campo
Fermi, e tentan in vano alterni colpi,
Poi chè pugnando in dritta riga i Fanti
285Non hanno di ferirsi arbitrio e legge.
Sottentrano in ajuto e quinci e quindi
A destra et a sinistra i lor compagni,
E tutti d’arme e Armati empiono i luoghi
Alternando le veci; ancor la pugna
290Non si confonde orribilmente e mesce;
Marte placido scherza in mezzo a l’armi,
E tentan lievi zuffe in se ristretti.
Quando il nero Pedon, che al bianco incontro

[p. xix modifica]

Andò primier, ver la sinistra parte
295Spinse di furto il ferro obliquo, e ratto
L’emulo Fante uccise, e nel suo luogo
Con generoso ardir il piè ripose.
Sovrastarsi, ah meschin, quegli non videFonte/commento: Pagina:La scaccheide.djvu/12
Insidioso il suo nemico al fianco.
300Poi cade anch’esso il vincitor superbo,
E con la morte abbandonò la pugna.
Allora il Regnator del popol nero
Dal suo seggio Real, che in mezzo è posto,
Cauto si tolse, e ne le fauci estreme
305Passò del campo a i più riposti alberghi;
E da folto drappel de’ Fanti suoi
Ivi munito e cinto egli s’ascose.
Tosto da l’una uscendo e l’altra parte
Scompigliano le schiere i due sinistri
310Pugnaci Cavalieri, ed alternando
I salti e i colpi empion di morte il campo.
Cadono a terra in ogni parte i Fanti,
Misera gioventude, a cui non lice
Ritrarsi a dietro, e de’ nemici astretta
315Sempre incontrar, nè mai schivare i colpi.
Al calpestìo de le ferrate zampe
Odi suonar la marziale arena
Tutta di sangue e stragi infetta e grave:

[p. xx modifica]

Mentre però sol de’ Pedoni intento
320A la ruina et a le morti Apollo
Anela, e predator del popol nero
Contro i nemici il Cavalier sospinge;
Più generoso ardor s’accende in petto
A l’Arcade Garzon, che con occulti
325Agguati e frodi altra più grande impresa
Ordisce e tenta: e il Cavalier sinistro
Mentre adduce a pugnar, de’ bianchi Fanti
Lo stuol per ciò sorpassa, ed oltre scorre.
Di qua di là l’agil destrier s’aggira,
330E impunemente de le bianche squadre
Sfrenato in mezzo vola, al Re nemico
Insidie machinando. Al fin fermossi,
Et occupando il sospirato luogo
Quindi al Re bianco, e quinci a l’Elefante
335Parimente minaccia eccidio e morte,
A l’Elefante, che nel destro corno
Con la sua vasta mole, e con sua torre
Il capo ergendo al Ciel fermo si stava.
Febo, poi ch’arrivò l’annunzio infausto
340Di dar soccorso al chiuso Re, ne pianse,
Scorgendo che così di morte in preda
La Rocca ei dee lasciar senza difesa;
Ne potendo al fatal periglio estremo

[p. xxi modifica]

Ambi sottrar, che rio destino il vieta.
345Ma la cura maggior è porre in salvo
L’afflitto Re, che al destro lato ei guida.
La fiammeggiante spada allora impugna
Il bruno Cavalier, e la gran belva
Con glorioso ardir abbatte e svena;
350Immenso danno in ver, nè dopo l’armi
De la Vergin feroce è chi l’eguagli
Ne l’esercito tutto. Apollo allora
Quindi non uscirai senza il dovuto
Castigo, ei disse, e con le folte schiere
355E co’ Pedoni lo circonda e preme,
Quegli tremante, e di morir già certo
S’agita e freme, e fuggir tenta in vano;
Poi chè quindi l’Amazone il minaccia,
E la stretta falange indi s’oppone.
360Per la man bella al fin (dolce conforto
Al suo morir) de la Reina ei cade.
Si crucia il bianco stuolo in un de’ lati
Ahi debil reso, e di dolore e d’ira
Vie più s’inaspra. Qual feroce Tauro,
365Se allor che contro al suo nemico il petto
Spinse, perdè pugnando il destro corno,
Vie più s’irrita a la battaglia, i fianchi
Di sangue asperso, e l’animoso collo,

[p. xxii modifica]

E tutto fa di gemiti e muggiti
370Risuonar la campagna e ’l vicin bosco:
Tal de la bianca Armata era l’aspetto
Dopo il destin de l’Elefante ucciso.
Quinci d’ire maggiori Apollo avvampa,
E sol di stragi e di ferir bramoso
375Le ultrici schiere a l’arme incìta, e al sangue,
E incauto e senza legge i suoi disperde;
E pur che vegga al suol feriti o morti
I nemici cader, senza difesa
A certa morte i suoi Guerrieri espone.
380Più accorto l’altro, e a i furti atto e sagace
Indugia, e le vicende e i moti osserva;
E se d’utile colpo a lui s’offrisse
Un favorevol punto, intento aspetta.
Dopo un lungo pensar per trarre a morte
385La superba Reina, ei da vicino
A i colpi del nemico un nero Fante
Offre, e poi tosto a ricoprir l’inganno
Di pentirsi fa mostra, e sospirando
Qual di commesso errore ei si querela.
390Drizza l’Arciero nel momento istesso
De la bianca Reina i dardi al fianco
Dal destro corno; il condottier nemico
Nulla di ciò s’accorse, et a sinistra

[p. xxiii modifica]

Incontro al fosco stuol guidava un Fante.
395Ma di tanta ruina e sì funesta
Strage mossa a pietà l’Idalia Dea
A l’incauto Garzon feo co’ begli occhi
(Poi ch’era a sorte incontr’a Febo assisa)
E con gentil sorriso occulti cenni.
400Tosto si scosse impaurito Apollo,
E si riflette, e con attento sguardo
Le genti tutte trascorrendo e i luoghi
De l’insidia s’accorse, e ’l bianco Fante,
Che spinto incontro avea, con pronta mano
405Ritrasse indietro, et al fatal periglio
L’Amazone rapì. ma il figlio allora
De l’Atlantide Maja empie di gridi
Il Circo tutto, e prigioniera o morta
La mal difesa Donna egli pretende.
410La turba degli Dei s’agita e freme
Di pareri discorde: e ’l biondo Apollo
In guisa tal si difendea da l’alto
Lido parlando: E perchè mai non puote
Chi di giocosa guerra a i premi aspira
415Gl’incauti falli de l’errante destra
Corregger poi, ciò non vietando i patti.
Che se da indi innanzi in mente hai fiso
Ciò più non tolerar, legge si faccia,

[p. xxiv modifica]

Che lo vieti, o Cillenio, e che qualunque,
420O nero siasi o bianco, incontro a l’Oste
Movan le dita, irrevocabilmente
Egli gir deggia, e del dubioso Marte
Tutti fermo incontrar perigli e casi.
Sì disse, e a lui tutti assentiro i Numi.
425Di nascosto a la figlia acerbe occhiate
Volse, quasi sgridando, il divin Padre:
Nè l’Arcade Garzon di ciò s’avvide.
Bensì d’ira e di duol trafitto il core
Ne pianse amaramente, e puote a pena
430Le mani trattener dal por sossopra
L’un campo e l’altro, e roversciar le squadre.
Indi pugnar con ogn’inganno ed arte
Egli fra se risolve, e insidiosi
Mescer per tutto il piano agguati e frodi.
435E già movendo a la battaglia un nero
Giovin saettator vuole che il salto,
Vietato a lui, del Cavaliero imìti.
Occupa quegli il non suo seggio, e morte
A la bianca Eroina indi minaccia.
440De l’inganno s’accorge, e ne sorride
Febo, e a gli astanti volto, A’ furti pronta
Benchè, dicea, sia di costui la destra
E benchè sempre a scaltre insidie occulte,

[p. xxv modifica]

O Mercurio, vegliar sia tuo costume,
445Già non avrai d’avermi colto il vanto.
L’ingannatrice man però ti piaccia
Corregger tosto. Di ciò riser tutti
Gli Spettatori in vasto cerchio accolti;
E lo scaltrito Giovine fingendo
450Involontario error, l’Arcier ritrasse,
E in altra sede a lui concessa il pose.
Più cauto veglia Apollo, ogn’or novelle
Insidie paventando, e non in vano,
Poi che spingendo l’altro i bossi alterni
455Nel campo ostil, contro le leggi e i patti
Con le veloci dita a la battaglia
Moveria due Campioni in un sol punto,
Se attento e fiso ad impedir la frode
Non vigilasse il provido nemico.
460E già l’arco tendendo il bianco Arciero
Al nero Cavalier s’oppone, e lungi
Lui tien, che l’arme in petto a la nemica
Real Consorte insanguinare aspira.
Movesi allora e si raggira il destro
465Vasto Elefante, e ne le candid’arme
Superbo esulta. de l’immane Belva
Non teme già, ma fermo in mezzo al piano
Stà bianco Cavalier, sol desioso

[p. xxvi modifica]

Di versar regio sangue, e ne le vene
470De la Sposa o del Re macchiar sua spada;
E già ver l’uno e l’altra indrizza i colpi.
Impunemente osar cotanto ei crede;
E si pensava (o folle) ir di nemiche
Regali spoglie alteramente adorno.
475Sì temerario ardir già non sofferse
Il fosco Arcier, che sul teso arco adatta
Lo stral pennuto, e benchè a lui sicura
D’un Fante da la man morte sovrasti,
Al nemico s’avventa, in se disposto
480Per trarre a fin sì gloriosa impresa
A un bel desio d’onore offrir sua vita.
La stridente saetta al ventre in mezzo
S’affigge, e penetrando in sino a l’ime
Viscere arriva il sanguinoso acciaro.
485Quegli al suolo trabocca, e si dibatte
E vibra calci a l’aura; al fine uscìo
L’Alma sdegnosa, e si mischiò fra venti.
Indi cadde l’Arcier per man d’un Fante;
E tosto un altro de la plebe ostile
490Atterrò l’uccisor. più fiera ed aspra
Sorge la pugna. avventansi feroci
Le torrigere Belve; di saette
Da tesi nervi uscito un nembo stride:

[p. xxvii modifica]

E de l’ugne ferrate a i colpi a i salti
495Tinto di due colori il campo geme.
Al nemico il nemico è presso, e tutti
Ugual furore i crudi cori infiamma.
Tutte le genti insieme e bianche e negre,
Ambe le squadre, e Capitani e Fanti
500Per la sanguigna arena in un confonde
La fiera alterna zuffa, ove non meno
De la virtude anco Fortuna ha parte.
Or questi si vedean già vincitori
Per tutto il piano ributtar le avverse
505Cedenti schiere, ed or tornarsi a dietro
Rivolti i freni, e a l’impeto nemico
Ceder il luogo, e con vicende alterne
Tutto ondeggiar de la battaglia il campo.
Così l’onde marine, allor che guerra
510De l’Eolia prigion sciolti da i lacci
Si fanno gli Euri, e volgono sossopra
L’ondisonante Ionio, o il mar d’Atlante,
Spingono al curvo lido alterni i flutti.
Incrudelisce intanto, e danni e stragi
515Sparge la bianca Amazone, e feroce
Mille sola affrontar non ha timore.
Mentre s’avanza, e mentre torna, pria
Il nero Arcier, poi l’Elefante atterra;

[p. xxviii modifica]

E per l’ale or a destra or a sinistra
520Qual fulmine trascorre, e l’aste vibra.
Dan luogo a la Guerriera et arme e genti,
Che sbigottite arretransi; per mezzo
A le spade e a’ nemici ella si scaglia
Ove bella è la morte, e fin l’estreme
525Ardisce penetrar nemiche file,
Fidando assai ne le veloci piante.
Gli ordini rompe, e con la spada e gli urti
S’apre il sentiero fra perigli, e mostra
Entro feminee membra Alma virile.
530Al fine il popol nero et il suo Duce,
Tali prove in mirar, de la sua sorte
Regina anch’ei le posse, e l’arme implora.
Or indugio non v’ha: la gran Guerriera
Veloce accorre, e con ardir’eguale
535Oppone forza a forza, ed armi ad armi.
Deh chi prima, e chi poi, Vergin pugnace,
Di tua grand’asta i colpi sente, e quanti
Bianchi corpi tu lasci al suol distesi?
I Fanti e i Cavalier candidi e negri
540L’ardir deposto, et il diletto a Marte
Garzon Saettator per la campagna
Pallidi e semivivi errando vanno.
Or chi potrà le morti, or chi la strage

[p. xxix modifica]

Di quella pugna, e gli abbattuti Duci
545Col canto pareggiar? la terra tutta
D’orrore e lutto e roversciati bossi
Si vede ingombra e sparsa, e miserando
Eccidio sorge. suonano di colpi
Sovra i capi de l’una e l’altra gente
550Indistinti romori, e con le nere
Vedi miste infierir le bianche squadre.
S’atterran Cavalier, s’atterran Fanti,
Mentre le due Guerriere i feminili
Con alterno furore infesti dardi
555Si vibran contro, in se disposte e ferme
Non ceder mai, per fin che questa o quella
Vuota di sangue e di ferite piena
Il crudo spirto non esali, e prima
Al viver suo, che al guerreggiar dia fine.
560D’ambe le Armate i Condottieri intanto
Gli uccisi in guerra, ed i nemici schiavi
In vicina prigione a le sue tende
Custodivan gelosi, onde non possa
Chi fu preso una volta, o giace estinto,
565Novella acquistar vita e libertade,
E accrescer forza ingiustamente a’ suoi
Tornando in mischia; ma d’Apollo al fianco
Assiso il Tracio Marte, e al giovinetto

[p. xxx modifica]

Figlio di Maja in amistà congiunto,
570Pensando va se destra ed opportuna
Occasion s’aprisse, ond’a l’Amico
Giovar ei possa, e tutti i casi osserva.
Indi due corpi estinti, e in guerra presi,
Un nero Fante, e un faretrato Arciero
575Da quei, che già da l’alma vita esclusi,
E privi del soave aer sereno
Giacendo stanno, ei toglie, e gli sospinge
Furtivamente al sanguinoso Agone.
E già con novo ardir i redivivi
580Due Prigioner menan le mani, e il campo
Scorron di ferro e di valore armati:
Non altrimenti uno pur’ora estinto
Cadavero tal’or dal suolo aperto
Colchica Maga, o Vergine Massìle
585Fuor tragge, e co’ i ferali Inni implorando
I Numi inferni, ed Ecate triforme,
Ne le membra (o stupor!) tiepide ancora
Insinua un falso spirto, e le loquaci
Avre v’infonde, e già da terra alzarsi
590Il miri, e già si move, e parla, e vede
E del Cielo e del Sol gode fra vivi.
Ciò soffrir non poteo di Giuno il figlio
Vulcan, che solo de l’indegna frode

[p. xxxi modifica]

S’accorge, e grida, e la discopre a Febo.
595Sorpreso il Tracio Nume impallidisce:
E d’ira Febo e di dolor s’accende.
Sdegnato allora il sommo Padre a Marte
Impone, che dal campo i non dovuti
Corpi allontani, et i soccorsi ingiusti;
600E vuol che nulle sieno e quinci e quindi
Le inique mosse, e i falsi colpi, e tosto
A lo stato primier tutto ritorni.
Più furibondo allora e l’uno e l’altro
Duce a pugnar s’infiamma, et ambe manda
605Le Vergini feroci infra le ostili
Opposte squadre a insanguinar la spada.
Esse di strage e sangue infette e lorde
Spargon per tutto il piano alta ruina.
Fermansi alfine, e l’una a l’altra incontro
610Del Re si pone a la difesa; quando
La bianca il ferro mosse e a tergo assalse
L’Emula sua, che non previde il colpo,
E l’atterrò; ma da volante dardo
Colta la faretrice al suol cadèo;
615E brievi fur le gioje a l’infelice
De le nemiche spoglie e del trionfo.
A l’eccidio crudel gli occhi rivolse
Ciascuno, e mentre dal sanguigno suolo

[p. xxxii modifica]

I duo rapiti furo estinti corpi,
620D’urli e di pianti e feminili strida
Per ambo i campi alto romor s’udìo.
Allora in folta schiera intorno a i mesti
Vedovi Re ne’ più riposti alberghi
Si stringon tutti, pari e quinci e quindi
625Il terror sorge; pari è la ruina
De i duo scemati campi, et ugualmente
De’ propri danni e de’ perduti Amici
Ha l’un popolo e l’altro onde lagnarsi.
Non distrutte però, se ben minori
630Sono le forze; a te pur anco intatti
Fra tanta gioventù restano, o Febo,
Tre Fanti et un Arciero, e di sua torre
Gli omeri immani un Elefante armato.
Altretanto, o Cillenio, a te rimase
635Da la gran Belva in fuor, che ne la sua
Sede primiera, ove si stava in pace,
Pur or trafitta da volante canna
Senza oprar l’armi inonorata cadde.
Di sua perduta gente afflitto e mesto
640S’ange Cillenio, e più sperar non osa,
E a se rapiti da l’avverso Fato
Tanti famosi Eroi geme e sospira.
Non però la tenzon ei lascia, e i suoi

[p. xxxiii modifica]

Pochi Guerrieri, ancor dal ferro illesi
645Del nemico crudele (ultimi avanzi)
Più cauto espone a i fier perigli, e osserva,
Se dopo tante morti a lui dal caso
Qualche sentier s’aprisse, ond’egli in parte
Potesse riparar de l’abbattuto
650Popolo i danni, e la fatal ruina.
Il nero scarso stuol per la campagna
S’aggira, in se disposto ogni fortuna
Tentar di guerra, e quà e là scorrendo
Esplorar le vie tutte, e ’l luogo e ’l tempo
655Di recar danno al Vincitor nemico.
Non con sembianza egual da l’altro canto
L’altro Duce si move, e di sua sorte
Altero esulta. ohimè qual de le squadre
Appar la mesta faccia? ohimè qual’era
660De’ Capitani il miserando aspetto!
Da poca gente calpestato il doppio
Campo ampiamente or si discopre, e mostra
De’ Cittadini suoi vuoti gli alberghi.
Egualmente doleansi intanto i due
665Vedovi Re, senza la Sposa amata
Le future odiando (ahi sorte avversa!)
Notti infeconde, e gli oziosi letti.
Però ben chè costanti il primo amore

[p. xxxiv modifica]

In cor serbino entrambi, ad altri nodi
670Or fortuna gli astringe, altri Imenei.
Primiero è il bianco Re, che a l’alto onore
Del talamo regale or non isdegna
Pur invitar de la Consorte estinta
Le care ancelle, e ne la guerra un tempo
675Fide compagne, che dolenti e meste
Contra il fosco drappel l’aste vibrando
Per vendicar de la Sovrana amata
L’acerbo fato offrían la vita indarno.
Ma pria de le bell’opre, e del valore
680Risoluto è far prova, e del virile
Spirto, onde poi chi n’è più degna ascenda
Del regio letto a i meritati onori.
Loro impone perciò spingersi inanzi
Sprezzando morte, e penetrar l’estreme
685Del nero campo ostil lontane mete.
Poi che niuna può mai (lo vieta il patto)
Aspirar del diadema, e del reale
Nodo a l’onor, se non chi pria fra l’armi
E fra’ nemici immunemente i seggi
690Tutti trascorra, e i penetrali occulti
Ad occupar del Re nemico arrivi.
Per sì bella speranza ardite e pronte
S’avanzan tutte, e de’ nemici in mezzo

[p. xxxv modifica]

Per diritto sentier movono il passo.
695Prima avanti si trae quella, che al destro
Corno si stava in su la terza riga,
E fra se gode, e sol corone e scettri
Rivolge in mente; le compagne a dietro
Senza speme rimaste a lei di tanta
700Impresa cedon tutte il rischio e ’l vanto.
Audace a la grand’opra ella sen vola,
E l’ali impenna a le veloci piante
La Gloria, e la sperata alta mercede.
Nè v’è chi la ritardi, e non si cura
705Il nero avverso Re chiuderle il varco,
Che novelli Imenei pur tenta, e ’l vuoto
Talamo riscaldar con altra Sposa.
Una però ne la sinistra parte
Per la quarto sentiero accende e sprona
710In ver l’opposta Reggia. il passo alterno
Affrettar si vedean l’emule Donne;
Ma d’un sol grado (ahi misera) sen resta
La nera a dietro, e già superba e lieta
La candida Donzella omai trascorsi
715I luoghi tutti, e ’l bel desìo compito,
Su la bramata sede il piè ripose.
Il Rege allor che sien recati impone
Il gemmato diadema, e ’l ricco manto,

[p. xxxvi modifica]

Già de l’estinta altere spoglie e fregi,
720E il luminoso scettro, e a lei, che degna
Se ne mostrò, la man porgendo e il core
In nodo marital seco si lega.
S’allegra e da lontano al fosco insulta
Il bianco stuolo. trattenere il pianto
725Non può di Maja il figlio, e il Cielo accusa
Le vesti squarcia, e si percote il seno.
A la nera Donzella un grado solo
Ver la meta restava, ed ora insorto
Per dritta fila incontro a l’infelice
730Il turrito Elefante a lei minaccia
Ruina e morte, se la sede estrema
Unqua toccar osasse, & ogni via
Assediando, e sempre in lei rivolto
Da l’ultimo sedil la tien lontana.
735In tanto la Real novella Sposa
Sparge per tutto il campo orrore e morte,
Del novo onor, de la regal fortuna
Superba e lieta; per le nere squadre
Qual folgore sen corre, e il Cielo e il Sole
740Atterrisce con l’armi. oh quale ingombra
Spavento il fosco stuol, che inabissarsi
Vorria più tosto entro l’aperto suolo,
Che sostener i furiosi assalti

[p. xxxvii modifica]

De la Vergin feroce, e ’l crudo aspetto!
745A l’impeto e al romor timidi e mesti,
Dansi a la fuga, & indi al Re d’intorno
In un folto drappel s’uniscon tutti.
Non altrimenti dissipate e sparse
Giovenche per li verdi aperti prati,
750Se avviene che tal’ora ingordo Lupo
Scorgan venirsi incontro, i paschi e l’erbe
Lascian fuggendo, e quindi in un ristrette
Confuse e timorose il fido Toro
Condottier de l’armento imploran tutte,
755E s’urtan con le corna, e ogn’una a gara
Avvicinarsi al difensore aspira;
De’ lor muggiti al rauco suono intanto
Rimbomban da lontan le valli e i boschi.
L’Amazone fra tanto i vinti incalza,
760E in fuga volge, e più, che a gli altri, intenta
Al Re nemico, e di sue spoglie ingorda
Ver la tenda Real drizza la pugna.
Or d’una parte or d’altra incontro a lui
Furiando s’avventa; e appunto allora,
765Se sana era sua mente, ella potea
Obliquamente per la quarta riga
Correr su bianca sede, onde non era
A l’infelice Re più varco o fuga.

[p. xxxviii modifica]

Ahi questo era del Re, questo del nero
770Popol l’estremo irreparabil danno,
Nè più restava a l’Arcade Garzone
Che d’avverso destin lagnarsi indarno:
Poi che così scoperto al ferro ostile
Era il fianco del Re, nè più potea
775Opporsi alcuno a la comun ruina.
Il Nipote d’Atlante accorto e scaltro,
Che ciò prevede, in cor si crucia e teme,
E l’Avversario affretta, e con sue vane
Ciance l’aggira, ond’ei non vegga il colpo.
780Poi come tardo lo motteggia, e in questa
Guisa il rampogna: Adunque a te cotanto
Lento esser giova, e niun rossor ti prende?
Che viltà, che tardanza? et osi spesso
Me di pigro accusar tu, che sì pronto
785Ora ti mostri? o da la notte or forse
Soccorso aspetti, che de l’ombre il fosco
Velo distenda, e a la tenzon dia fine?
Mosso a tai detti mentre un nero Fante
L’incauto Apollo uccide, il punto amico
790Di fortuna non colse. allora al Cielo
Erge la voce baldanzoso e lieto
Mercurio, et al periglio il Re togliendo,
Il Cavalier de la Regina a l’armi,

[p. xxxix modifica]

Ond’allontani i crudi colpi, oppone.
795Poi pensando fra se come dar morte
A l’Elefante, a quel, che de la meta
Le vie chiudeva a l’animosa ancella,
Che in van brama or salire al regio letto,
Per mano de l’Arciero al fine il colse,
800E a terra stese. Il suon lungi s’udìo
De la cadente moribonda Belva,
Che con le vaste membra il suol percosse;
Mentre con vani sforzi Apollo tenta
Del Re la morte. il desiato allora
805Ostil seggio occupò (nè Febo il vieta)
La pria Ministra, ed or Regina e Sposa.
E già con pari forze entrambi i Duci
Rinovan la battaglia, e le seconde
Mogli spingon fra l’armi; e benchè sia
810Lo stato de la guerra, e la fortuna
Dubiosa ancor, di Maja il figlio, quasi
Con sicuro trionfo or tutti avesse
Di quell’incerto agon vinti i perigli,
Sparso di finta gioja il baldanzoso
815Volto si vanta, et al nemico insulta,
(Nova frode di guerra) e di sue gesta
Superbo e gonfio, de le bianche genti
L’armi schernisce, e di viltà le accusa.

[p. xl modifica]

Ma de l’arte s’accorge il biondo Apollo,
820E in questi detti poi risponde. Ancora
Dubia pende la sorte, et al conflitto
Non anco la vittoria il fine impose;
E tu cotanto insuperbisci o folle?
Allor m’insulta, allor per tutto il Circo
825I vanti audaci e i temerari accenti
Spargi, quando Fortuna in man la palma
Porga al tuo Marte, e la Vittoria arrida.
Ma tronchinsi gl’indugj: or tosto vane
Le tue parole io renderò co’ fatti.
830Sì parla, e sprona a la nera Oste incontro
De l’Amazone sua la forza e l’armi.
Nuova allor guerra, e più tremenda e cruda
Insorge, e in ambo i campi ira e furore
I fieri cori accende, ove il desio
835Di Vittoria è maggior, che de la vita.
Audaci a l’arme tutti offrono il petto;
In ogni parte il Lutto, in ogni parte
Spazia il Terror, e de la Morte il nero
Orrendo aspetto. niun s’arretra, niuno
840Gl’incontri sfugge, e volta faccia a faccia
Con un Guerrier l’altro Guerrier s’affronta.
Ogn’un si sforza allontanar dal suo
Campo ogni danno, ogni ruina, e a dietro

[p. xli modifica]

I nemici scacciando, entro i lor seggi
845Riporre il piè procura, alternamente
L’aste movendo, e variando i moti.
Sovente la fortuna i lor desiri
E le speranze inganna, e impazienti
Di sì lunga dimora i cori afflige.
850Incrudelìa danni spargendo e morti
Del fosco Re la moglie: e la Rivale
Non lo vietò, ma per secreta strada
Volgea verso i Reali ostili alberghi
Veloce il corso, ed abbattuti o spenti
855De la Reggia i custodi, e penetrando
Ne l’alte porte, assediato or tiene
Il Re nemico, e morte a lui minaccia.
Ma la negra Eroina allor che vide
Il suo novello amore in tal periglio,
860E ne’ suoi penetrali entrata a forza
La candida Nemica, indietro il piede
Rivolge, e d’ostil sangue aspersa e sozza
I colpi ferma, e la imperfetta strage,
Ed anelante e mesta il corso affretta;
865Nè teme a le crudeli armi nemiche
Esporre il seno, e tutto offrire il sangue,
Per salvar da l’eccidio, e da la morte
La sua Patria diletta, e il caro Sposo.

[p. xlii modifica]

Quand’ecco in tai vicende a Febo arriva
870Un funesto, impensato, orribil caso;
Poi chè Cillenio or quà or là traendo
Il fosco Cavalier, ovunque vuole
Minaccia, e insulta, e vincitor trascorre.
Freme il destrier feroce, e a la nemica
875Bianca Reina e al Re drizzando il corso
Nitrisce e sbuffa, e i lievi salti alterna;
Nè sue furie arrestò, fin che non giunse
Ad occupar la desiata sede,
Ove niun vietar può, che il suo Campione
880O di quella o di questo il sangue sparga.
Si turbò, ne gemèo, d’amara doglia
Punto nel cor, quando ciò vide, Apollo,
E da gli umidi lumi in larga vena
Un rio versò; già sue speranze a terra,
885Già mancar le sue forze, e chiaramente
Scorge a se de gli Dei la mente avversa.
Del fortunato evento, e de l’amica
Sorte Mercurio e del favor de’ Numi
Lieto e fastofo alza le voci al Cielo:
890E finalmente al vinto il vigor primo,
E il sopito valore in sen si desta.
A la rinchiusa Amazone infelice
Tosto diè morte, e ne rapì le spoglie;

[p. xliii modifica]

E per sì grande acquisto or solo perde
895L’audace Cavalier, che da la spada
Del Re vendicator cade trafitto.
Privo però d’ogni speranza ancora
Febo non è, che di pugnar non lascia;
E due soli Pedoni, e il Giovin d’arco
900E di faretra armato, amor di Marte,
(De l’esercito suo miseri avanzi)
A la pugna inegual sospinge indarno.
Essi a combatter vanno, & animosi
Vie più gli rende il disperar salute.
905Al Duce afflitto stan vicini, e tutti
Usan ogn’arte, ogni lor possa, ond’egli
Abbia in tanto periglio aita e scampo.
Ma in sì misero tempo altro ci vuole
Che questi difensor, che tal soccorso.
910Cillenio ovunque vuol per tutto il piano
I suoi Guerrieri adduce; e la sua nera
Vergine con gran forza a i vinti è sopra,
E ’l brando arruota, et a l’eccidio intenta
Del bianco Regnator s’aggira intorno
915A’ suoi ripari, e lo spaventa e preme.
Nè già cessò, fin che del bianco stuolo
Le reliquie infelici, e de la guerra
Gli ajuti estremi un dopo l’altro estinti

[p. xliv modifica]

Ne l’ingiusto cimento al suol distese.
920Perduti i suoi compagni il Re nel mezzo
Del campo si rimane inerme e solo;
Come ne l’alto Ciel, quando gli ardenti
Astri scacciò con le rosate bighe
Da le maremme Eoe poc’anzi uscita
925La rugiadosa Aurora, il tuo bel raggio
Splende, o Ciprigna ancor; poi de l’Olimpo
Da i cerulei sentieri ultimo parte.
Nessuna a lui più di salute e vita
Speme riman; però non cede ancora,
930Nè per vinto s’arrende, e spera in mezzo
Al nemico drappel ricovro e scampo,
Passando illeso in fra le spade e l’aste,
Fin che spazio non resti, o sede alcuna,
Ove senza periglio il piè riponga.
935Poi che se niuno a lui minacci morte,
Nè più sedile alcun rimanga, dove
Impunemente ei riparar si possa,
Vane sarian tant’opre, e vani tutti
I passati perigli, e tutte sparse
940Tante fatiche e tante forze al vento;
E niun di Vincitore il nome illustre
Riporterebbe, e i trionfali onori.
Di quà dunque e di là per lo deserto

[p. xlv modifica]

Campo e le vuote sedi ei con incerti
945Giri sen va: ma lo persiegue il fosco
Avverso Re, che a lui di fuga aperto
Il varco lascia, e ogn’or sicuro un seggio.
Quando poscia lo vide a la suprema
Fila volger i passi, egli a la sorte
950Sua Donna impon, che le seconde sedi
Chiuda, onde l’altro più svolger non possa
Da quegli ordini angusti il tardo piede.
E già da spaziarsi omai la sola
Rimane ultima fila a l’infelice.
955Il fosco Emulo allor più da vicino
A lui s’avventa; ed un sol luogo, un solo
Sedile un Re da l’altro ora disgiunge.
Tosto però che suo mal grado, e senza
Speranza più, del Re nemico a fronte
960Il bianco stette, il punto colse e il tempo
La nera Donna, ed occupò veloce
Quell’estremo sedile, onde per tutta
La fila a lui minaccia e strazio e morte.
Il misero non trova a sua salute
965Rifugio più, nè luogo alcun più resta.
Quando sopra gli fu col fulminante
Lucido acciar la Vergine crudele,
E insieme il fine con un colpo solo

[p. xlvi modifica]

Del Re a la vita e a la battaglia impose.
970Con liete voci e con sonori gridi
Per plauso e festa i Numi al Vincitore
Figliuol di Maja, che per tutto il Circo
Protervo e gonfio insolentisce, e il vinto
Deride e spregia, e al suo dolore insulta.
975A se poi lo chiamò l’onnipotente
Padre, che in dono la felice verga
Gli diè, con cui da l’ima egli richiami
Pallida Stige le pure Ombre, poi
Che le mal’opre abbia purgate il foco;
980E con cui parimenti al tenebroso
Erebo i rei condanni, et a l’oscura
Prigion di Dite; e de’ Mortali a gli occhi,
Qual più gli piace, il sonno furi e doni;
E di Leteo liquor ne l’ore estreme
985Di vita gli egri lumi asperga e chiuda.
Nè guari andò, che volle il Dio medesmo
Aprire a noi Mortali il grato Gioco;
E piacque a lui, che poi de la scherzante
Piacevol pugna i riti e gli usi fosse
990La prima a celebrar l’Itala gente.
Poi che, se Fama non mentisce, un tempo
Egli preso d’amor per la vezzosa
Scacchide, a cui non ebbe infra lo stuolo

[p. xlvii modifica]

L’Adige di sue Ninfe altra simìle,
995In riva al fiume occultamente appresso
Le venne, e dopo con inganno e forza
La misera oltraggiò, mentr’ella i bianchi
Cigni pascea lungo la sponda erbosa.
Poscia di due colori i tinti bossi
1000Le porse, e quasi per mercede a lei
De la passata offesa una distinta
Con ordin vario e colorata ei fuore
Tavola trasse, che d’argento e d’oro
Tutta splendeva, e in dono a lei la offerse,
1005E l’uso appieno le insegnò. da quella
Età, de la famosa antica Ninfa
Conserva il Gioco ancor l’onore e ’l nome;
E lui l’inclita Roma e lui d’estremi
Diversi lidi abitator remoti
1010Van celebrando ancora, ond’ei per vaghe
Lucenti adorne stanze in man d’illustri
Leggiadre Donne e Cavalier s’aggira.
Nè si sdegnaro le cerulee un tempo
De la Najade bella umide Suore
1015Svelar tai cose a me fanciullo ancora,
Mentr’io cantava al patrio fiume in riva.


IL FINE.
[p. 48 modifica]