Rime diverse in lingua genovese/Rime del Sig. Paolo Foglietta

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Foglietta

Rime diverse, alla genovese ../Al Sig. Gio. Pietro Crollalanza ../Ro giurista Spinnora a ro Poeta zeneize IncludiIntestazione 5 gennaio 2014 75% Da definire

Al Sig. Gio. Pietro Crollalanza Ro giurista Spinnora a ro Poeta zeneize
[p. 9 modifica]

RIME DIVERSE,
ALLA GENOVESE


DEL SIG. PAOLO
FOGLIETTA


QVANDO a ro ben, e mà ben hò penſaou.
Ch'Amò me fà ſentì ſeira, e mattin.
Da ri ſue ferri me dexiro infin
Come un bello Capon, d'eſſe craſtaou.

Ma in cangio de craſtame, o m'hà tiraou.
Tente freccie che puoero un porco ſpin.
E quando in Mà me bagno puoero un zin.
De ſorte eſta fraſchetta m'hà infiraou.

E puoe che o n'hà chiu freccie eſto piſsè
Che a mi chi ro berſagio d'Amò ſon
I hà tirè tutte eſt'orbo bareſtre;

O se m'accoſta chian d'aregueiton
E dro ſo fuoego chiu d'ogn'atro rè:
Re freccie accende, ſi che bruxaou ſon.

[p. 10 modifica]

ALLA S. PLACIDIA
Parauexinna.


SE a Pallade uesinna ue trouè
E con Giunon sei sempre in compagnia
Voi che Venere sei per questa uia.
Praceda da cascun chiama ue fee

5E precedei d'ogni atra in veritè.
De bellezza de gratia e cortesia.
Si me ven ditto ch'ra poesia.
Zeneixe e forestera voi gustè

Onde mi che me trouo debitò
10Dra vostra cortesia gentilezza
E che ue son schiauetto e seruitò

No hauendo per compi cosa megiò
Ve mando queste ottaue dro foggietta
Re que son tutte sugo e tutte amò.

[p. 11 modifica]


FVò ra testa de neiue ho za fascià,
Ma dentro bruxò chiu cha ro confogo
Chi se bruxa à paraxo rò Denà,
Ch'esta neiue amortà no puo ro fogo
E chiu cha zoue Amò me fà bruxa
A Zena, e fuò de Zena, e in ogni logo
Como vnna foggia secca, e legno uegio
Chi chiù dro verde sempre bruxa megio.

2Mi de mi mesmo inamoraou me son
No per che d'vn Narciso aggie ra chiera,
Ch'vnna nasecca como Ouidio son
E sempre ghò de torli vnna gran schera,
Ma mi solo per voi caro à mi son
Per chi de Poro za Fogetta ch'era,
Amò m'ha transformao Cattannia in voi
Si che amame don mi puo che son voi.

3Scurpia intro cuò v'hò per man d'Amò
Ni e maraueggia che ro cuò me bruxe,
Può che gho dentro cosi cado sò,
Ch'vn sò Catannia sei che sempre luxe,
E mi chi hò dentr'cuoe si gran sprendò,
Faxo ancon lume con ra vostra luxe,
Como fan re lanterne per costume
Che asconde no se puo si chiero lume.

[p. 12 modifica]


4Como ro Sò chi a noi ro giorno ghia
Con ra so luxe fa luxi re stelle.
Che se ro Carro so cangiasse via.
Men luxireiuan cha re chiarabelle,
Così d'esta zeneixe poexia.
Re scure rime me poeran chiu belle,
Perche de voi raxonnan, chi orne lò
Como re stelle orna son da ro So.

5Ma à pointo m'interuen, de che me duo
Com'interuegne à ro compà Meghin,
Chi so Aze andaua à cerca fuò
Si gh'era sempr'adosso à caualin;
Che se ben v'ho scurpia dentro cuo
Ve cerco za e la seira, e mattin.
Ni ve basto à trouà mi grossiton
Si che poueso, e ricco asseme son.

6Sempre hò ro fogo inanzi onde mi Poro
Per voi moro, e renasso tutta uia,
E de mi chi son vni si m'inamoro
Che de mi mesmo ho quaxi giroxia,
E ricco son perche re gioie, e loro
Chi ue fan bella, ho sempre in fantaxia,
Pouero son, perche no posso rente
Con i oggi vei, che veggo con ra mente.

[p. 13 modifica]


7E che de veiue tanta doggia ho pù.
Che staggo zu chinao da scaghignio
Ma se à ra fin ve veggo drizzo sù
E son de veiue subito goario,
Ni mostrà ro me mà ve posso chiu
Che sempre me vei drito, e cororio.
Si che voi con fuzime, m'inchiaghe
Ni fuò mostrà ra chiaga me lassè.

8Ma in fin morrò per voi se u'ascondei
Si morirei con meigo ancora voi,
Che de Fogetta como inteizo hauei
Me son cangiao bella Cattania in voi,
Si che fa ben per vostro ben me dei
Può che ro danno me fa danno à voi,
Che dra cruezza crua chiu saressi
Se de mi chi son voi piete no hauessi.

9In voi cangiao Catannia me son Mi
Ma in mi cangià no me parei za voi
Per che ve cerco, ni ve trouo Mi
Anzi ho perduo mi per cerca voi,
E puo che chiu nò trouo voi ni Mi
Posso di che no son ni mi ni voi
Ch'imposibile pa, ma crè ro dei
Ch'Amò tutto può fà como sauei.

[p. 14 modifica]


10Se ben son voi, se ben sei ra me vitta
Voi con fuzime pu me fe morì.
Ma no so como viue senza vitta
E como more senza moeè morì.
Moro, e no moro, e insieme ho morte, e vitta
Ni per voi posso viue ni mori,
Bruxo intra giazza, e zero dentro fogo
E ho morte, e vitta da ra giazza e fogo.

11N'in Cè dexiro uei sò, lunna, e stelle
Ni boſchi, e proei d'herbetta e de scioi chin
Ni belle nue Zouene, e ponzelle
Bagnase dentre laghi crestalin,
Ni gioie in oro pretioze, e belle
Ma solo de uei voi dexiro in fin r
Ch'in uoi dra Terra, e ce ro ben tutto è
Ni bello, ò bon puo vei chi voi no ve.

12A mi no me pà scuro, e notte vera
Quandn' ro Sò s'asconde, e sotta va,
Chi per vergogna de'sta vostra chiera
Inanti seira spesso ascozo stà,
Ma' me pà scuro, e notte vertadera
Se uni terreste Sò nò insi de chà
Si fe da i oggi mè lagrime chioue
Como quando ro Sò nuuere croue,

[p. 15 modifica]


13E quando ven l'humida notte infin
Como de di ro vostro Sò m'accende,
Ni l'ombrà d'orofoggio, ò d'armorin
Ni capello da lè me puo deffende,
E se ben da voi parto, e per camin
Trouo d'vuerno giazze, e neiue grende,
Tra neiue, e giazza m'accende Cattannia
Como de ste quando, è si gran scarmannia.

14Ma ro mà si è che sento ro carò
D'esto Sò vostro chi me fà bruxà,
E vei no posso ro so gran sprendò.
Se ben moe no ro fazo cha cerca,
Rente ho ro cado; chi me da dorò
Lonzi ra luxe, chi me puo Zouà
Pu como vn Tornasò ra foggia mè
Se drizza à ro Sò vostro sempre moè.

15Deto ha lume à ro sò Domenende
Perche, ò n'arue za zu ro chiero giorno
Però voi chi havei luxe chiù de lè
Asconde no ve dei ra notte, e giorno,
Che può ch'uascondei da i oggi mè
Notte me fe parei ro chiero giorno
Per ch'orba voi lassè ra terra nostaa
E hono chiamè tanta cruezza vostra.

[p. 16 modifica]


16Che se beu doce in vista voi parei
Dentro sei crua, e dura como pria
Ma perchè in o Prion nassua sei
No è maraueggia che sei dura pria,
Anzi dre prie chiu durezza hauei
Che tanto picca l'egua su ra pria
Cha ra pertuxa in fin, ma pertuzà
Moe no ue posso mi per lagrimà.

17Ma como scoggi pesti, e sbattuggiè
Da marinna, e da vento in compagnia,
Chi moè se mouan donde son chiantè
Anzi se fan chiu duri, e chiu de pria,
Cosi voi donna dura chiù ve fe
Pe ro mà dro mè chiento tutta via
E pe ro vento dri suspiri mè
Ni ro Ponton ve mouereiua vn pè.

18Se ben son vostro, e voi sei ro mè cuò.
Vn bon'oggio à mi Poro moè no arui
Per che chiu cha de sasso hauei ro cuò
Ni chianzando ro posso inteneri,
Anzi in un sasso chi botta egua fuò
Amò per voi m'ha feto conuerti
Si che esto dè d'Amo Zeneixe pà
Possa che tenti cangi, o l'vsa fà.

[p. 17 modifica]


19E a pria assemeggie de Caramia
E mi l'agoggia chi se drizza à le
Che sempre drizzo à voi ra fantasia
Ma sempre inderno à voi vegno derrè
Perche attacà con questa vostra pria
Moè no lassè ro dritto ferro me
Che ra natura à voi ro tira, e menna
Ma voi desnaturà ghe dè ra schenna.

20E pria ancora assemeggie da fogo
E mi semeggio à pointo ro foxin
Che piccando ve fasso buttà fogo
E l'esca è ro mè cuò d'ogni firin
E in Mà me bruxa, e in terra, e in ogni logo
Che de natura, ò pa fogo landrin
Rò quà sott'egua ancora acceizo dura
Che ra siamma d'Amò d'egua nò cura.

21Se ra cha se m'accende, ò ro camin
Quarche remedio se ghe puo trouà
Che per no bruxà lo ri me vexin
Con seggie d'egua l'vzan d'amortà
Ma ro fogo ond'Amò ro cuò meschin
Dentra me viua cha me fa bruxà
D'egua amortà nò pon ri vexin mè
Anzi intre l'egua, ò me consuma lè.

[p. 18 modifica]


22Per voi si ben m'infrecchia Amò crude
Ch'in Mà quando me bagno Poero un Zin
Ni l'egua amortà puo ro fogo me
E in terra poero quaxi un porco spin
E puo che treto m'ha ro Barestrè
Tutte re so verette d'oro fin
O se me accosta e re verette accende
E adoggia doggia in mi con fiame grende.

23Ma quando tira à voi questo Garzon
Per rompiue ro cuò duro, e crudè
Ra frecchia inderre torna, ò vereton
E in cangio vostro spesso, ò fere le
E in voi i'arme d'Amò remorchiè son
E in voi i'aguzza l'amoroso De
Possa amorè da prie cosi finne
Ri cuo pertuza como gratteirinne.

24Da Gentir'homo inanti à Poexia
Solo atendeiua, e andamene à sorasso
E aura son deuegnuo vn Picca pria
Che atro cha picca voi Pria no fasso,
Ma dro scopello mè ra vostra pria
Se ben martello ho grande moe no passo
Che trà da voi vorreiua vnna figura
Ma no ro posso fà tanto sei dura.

[p. 19 modifica]


25E se à ro Cè re gioie so rendessi
Chi à ro mondo apprexa ve fan da noi
Atro dro vostro possa no haueressi
Cha ra crudelite che regna in voi,
E rendeghere, ò donna deueressi
O cangia re cruezze in veri amoi
Che à voi troppo sta ma ro cuò crudè
Ch'in semegianza honorà sei de Dè.

26Ma ben ch'ascosa in casa vè nè stè
L'annimo ch'à voi drizzo tutta via
Fa che mi veggo ben che no voggie
Ra vostra chiera amara, e sauoria,
E se noua bellezza annima mè
Cerca à l'annimo mè fa cangià via
Lè chi si doce ve ra chiera vostra
Torna à voi presto ch'inganne ra mostra.

27E quanto con chiu viui e fin coroi
Bella e pietosa mè v'impenze fuo
Quest'annimo che drizzo sempre a voi
Tanto de voi suspetta chiu ro cuo,
Che rero è bello prao chi dentre scioi
No aggie ascoso dre biscie, e dri lagò,
E intro prao vostro, e villa tutta via
Cuoeggio i amare scioi de giroxia.

[p. 20 modifica]


28Moe no arui ra fontanna de pietè
Per bagna ra me foggia chi è sardia
Che se voi ghe l'aruissi sempre moe
Da re so scioi saressi ben sioria,
Ma veiue à i oggi me pu no lassè
Che me fuzzi si dentro u'ho scurpia;
E puo ch'in voi Cattannia cangiao son
Me de da fà chiu dri Cattannij ancon.

29Dhe lasseue Cattannia a mi trouà
Se vorrei che Cattannio se dauei,
Per ch'aurà esse da beffe me ro pà
Può che ve cerco, ni ve posso vei
Ma infin foggetta me veirei tornà
Se mi vostro Cattannio schiuerei,
Che mostrà ve dei voi fogetta ancon
Se mi per vostr'amò Cattannio son.

30Può che rà me fogetta l'vnion
Su l'erboro Cattannio v'ho incerio
E che ro De d'Amò d'vn vereton
Hà ri cuò nostri ancora inseme vnio,
Questi doi corpi unimo inseme ancon
Che mà sta l'un, da l'atro dexunio,
Ma s'uniremo ben Cattannij, e foggie
Boin frutti sempre ne porremo coggie.

[p. 21 modifica]


A Ra Patria dexiro de tornà
Donde son sempre moe, se ben son chie,
Ma fin che à no sè netta, e de bugà
Tornà no voggio in carne, e in osse lie,
Anzi se à fosse netta, e ben purgà
Tornaghe ancora n'ardireiua mie
Per puira dri Bandij chi fa guerra
A chi gh'abita, ò, và per Mà, e per Terra.

2Che ne và che facemo in villa noi
Paraxi belli, e grendi otra mesura
Con asneixi da Principi, e Segnoi
E dentro, e fuò bellissima impentura?
E che gh'haggiemo sempre frutti, e scioi
E venzemo con l'arte ra Natura
Se goe tanto ben 'li no possemo
Perche da ri Bandij scorsi nui semo?

3Van de Bandij inshme si gran schera
Che non solo vergogna, e danno fan
A i homi dre montagne, e dra Riuera
E à ri strangiè ch'in quelle bande van,
Ma tran ri Citten nostri da promera
Chi aura villezan, perche trà ri fan
Si che se dra Liguria no ri tremo
Fin'à Zena assatè da lo saremo.

[p. 22 modifica]


4E in fin mi Paxe no me posso dà
Che stà per lo chiu no possemo in Paxe
Che so che han prezumio d'assata
Ri boin Meghi Boè fin à ra Paxe,
E s'in goerra à ra Paxe ne fan stà
Pensè cosa faran fuora dra Paxe?
Fa goerra donca à esti Bandij demo
S'in paxe à Zena, e in villa sta voggiemo.

5Cosa de di la su ro Poere Andria
Chi non solo ra Patria ha liberaou
Mi ri gren capellazzi cazzaou via
E ra so libertè gh'hà conseruaou,
De uei Zena si pigra, e si adormia
Che à no puo chiu goardase ro sò staou,
Da trei descazi chi fan danni mille
E assatan Borghi, non che case, e ville?

6L'antiga Zena chi non solo ben
Se goardaua le mesma fuora, e chie
Ma tutte re cittè dri crestien
E ro Mà comandaua, e terra assie,
Aura per poco Amò dri so citten
Chi per goardara chiu no fan Garie
Dri Turchi, e dri Bandij a l'ha gran poira
E como Zeneurina, Zena fira.

[p. 23 modifica]


7E puo che da tutt'homo noi caghè
Aura fa se lasciemo tente offeise
A mi Poro deschiaxe zuro a Dè
Che no sacchie parlà saruo Zeneise,
Che se parla sauesse forestè
Direiua che no son d'esto paeise,
Perche de noi si trista fama mande
Che n'è feto ro loro in mille bande.

8Ma spero pue che un di ro chiero sò
Dro nostro Duxe Doria Serenissimo
Con ra uirtue dro so gran sprendò
E dro Senato ancora Eccellentissimo,
Deggian spazza re nuuere d'errò
Dri Bandij chi l'ere fan scurissimo,
Dra terra nostra, e tutto ro contorno
E presto aruine un chiero, e bello giorno.

[p. 24 modifica]


QVANDO ri nostri antighi insciuan fuoè
D'esto porto de Zena con l'armà
Re corne dentro ben fauan tirà
A ri corsè chi oura ne tran ro cuoè.

5E ben messà che favan ro trazoè
E à cubozzon ri faua zù chiombà,
Si che tegniuan ben netto ro Mà
Ni fumo moè temen de rauioe.

Ma s'oura naue, barche, o bregantin
10Essan fuoe d'esto porto per nostro vso,
L'afferran presto questi chen mastin.

Ri què dri nostri legni fan ro fuso
Si ben, che legno grosso, ò pichienin,
No ardisse chiu tra naso da pertuzo.

15E puoe che l'antigo vso:
Hemo lasciao d'armà Garie assè
Chiù no possemo villezà ra stè.

Perche san ch'oura armè.
De vendegnari lò no s'attrouemo
20E belle vigne con poche vghe semo.

[p. 25 modifica]



ZENA moere de regni, e de cittè
Za Regina dro Ma fò tanto braua,
Che nauegando de gren Rè piggiaua
Non che menui, e pichieni Corsè.

5Che a trauaggiaua con garie arme
E ligaua nimixi, e noi seruaua,
E chenne grosse da per le schiancaua,
Chi ancora son per Zena spanteghe.

Ma si ben l'otio l'ha marcia chie,
10Che da per le sta drita a no può chiu,
Non che fa come auanti brauarie.

E s'vn baston da poise reze su
In man noi no ghe demo de garie,
Zena à ra fin porreiua caze zu.

15Ni Renna oura a pa chiu;
Anzi de Renna a pa vegnua un messo
Perche parla ghe veggo de tramesso,

E battera ben spesso;
Ma se ro legno dre garie a l'ha,
20De corsè ra marinna a spassera.

E Renna a tornerà
Perche castiga matti in concruxon,
Re garie de Zena di se puon.


GREN ville hemo dattorno à ra Cittè
Re que venzan con l'arte ra natura

[p. 26 modifica]


Chi han sempre belle scioi, frute e uerdura,
E pareixi terrestri son chiame,

5E in queste uille hemo paraxi asse
Grendi, e ben feti per architettura,
Con dre fontanne belle otra mezura,
De marmaro scorpie e nature.

Ma che ne zoa hauei si belle uille
10Se quando è tempo goe no re poemo,
Perchè chiu n'hemmo à Zena unna garia?

E conuen che ra guardia in uilla femo,
Perche à trouà ne uennan corsè mille,
Ri que ne menan se dormimo uia.

15Sun fusta, ò sun garia:
E i homi, e donne nue fuze fan,
Ni à piggià braghe, ò camixette, stan,

Che mostran quello ch'han:
E se ben torre, e guardie in uilla femo,
20Dari corsè piggiase ancon uegghemo.

E intrà se ri ueiremo.
Dentro de Zena non che intri giardin,
Se à fa garie no tornemo infin.


SE duoe de Zena ra Rivera asse
Perche chiu da guardara à n'ha garie,
Ni chiu s'ode in Riuera cha stromie
E tamborin sonà pe ri corsè.

[p. 27 modifica]



5Ni re gente de notte dorman moè
Che ghe fan Turchi, e Mori scorrarie,
E se personne son troppo adormie
Lighe se troeuan prima che dessè.

E streiti in brasso da ri corsè presto
10In fusta son porte figgie, e figgioe
Si fan la dentro di tutt'erba un fasso,

Che bottan i homi, e donne à casafasso,
E inseme si ben strenzan quello, e questo,
Che spesso fan buttaghe ro sciao fuoe.

15Ni ghe ua di da cuoe:
Ohimè che moero, ohime che vegno a men,
Che ri lascian morì perchè son chen.

E ben mennan re moen.
Che onde feran con ta furia uan,
20Che sempre ro segnà resta ghe fan.

E ro sangue ne tran:
Si che se Zena no fa legni armà
Ghe conuen ra Riuera abandonà.


ANDA ueggo per Zena à ra marraggia
Zoueni à moen scrolando chiu di cento,
Chi han la forza si grande, e l'ardimento,
Che ardireiuan con Marte fa battaggia,

5E oura se mangian sotto ri pe ra paggia
E dentre forche spesso feran drento,

[p. 28 modifica]


Ch'han pochi sodi, e manco auiamento
Si ch'e forza arroba pe ra pittaggia.

Ma se Garie come auanti armemo
10Questi ch'oura scauizzì son chiame,
Chiamà Scipioin noeui se faran.

E Zena como Roma honoreran
E ri vassalli nostri, e ri corsè
C'houra ne scorren, tutti scorriremo.

15Garie donca femo:
Ch'auiamento à ri meschin daran,
E ro pan con rà spà se guagneran.

Ni arrobando anderan:
Si che se legni de Garie armemo,
20Da ri legni dre forche ri traremo.

E Zena honoreremo:
Perche l'utile, r honò de questi te,
In groria tornera d'esta Cittè.



NIO forte per arte, e per natura
Ha Zena chi oura e quasi unna gallinna,
Ma ghe conuen tornà dro Mà Reginna,
E guardà ro so nio con gran cura.

5Perche de Niggi ingordi otra mezura
Ogni parte dra terra me pa chinna,
Ch'intri nij de i atri fan rapinna
Se ma guarde ri troeuan per sciagura.

[p. 29 modifica]


Si che se noi per nostra mara sorte
10Dentr'esto nio forte intrà lassemo
Questi Niggi abrasche ch'han i ongie torte

A cauaneri poescia stenteremo
E per atri haueremo feto forte,
Ro bello, e caro nio donde stemo.

15E noi chi Pollin semo:
Se veiremo da lo prima perà
Depoescia i osse, e porpe deuorà,

E ro sangue chiorla.
Però noi mesmi Zena guarda demo,
20Perche l'e nostra, e feta noi se l'hemo.

Forte como veghemo:
E à fa queste muraggie hemo stentao,
Ch'in spalla Coffe asse g'hemo portao.



SE parlo oura d'arma trenta garie,
No che d'armane como za duxento,
Mille dificurtè troua ghe sento
Da chi n'ha manco voggia asse cha mie.

5Ma senza breiga à Zena, e in villa assie
Di noeuo veggo fa paraxi cento,
De marmaro de foera, e orne ben drento
D'oro, e de sea, e gren tapezzarie.

Ma inanti da Citten case habitamo
10E in cangio d'oro, sea e vanite,
D'arneixi de garie ben s'inchimo.

[p. 30 modifica]

E remi à ri barcoin tutti tegnimo,
E à ra marinna eran da noi portè
Quando in un tratto re garie armamo.

15E a fare no stentamo.
Ma ben de fare ancora moeo gh'è
Se ben ghe troeua tenti se, e me.

Ch'inuio fa re uè:
Che per armà garie de bonna uoggia,
20No ne manca oro, ma ra bonna uoggia.

Che senza brega, e doggia:
Possemo fare, si re demo fà
Per ben comun, per ben particulà.


PErche chiu dro comun ro proprio ben
Noi Zeneixi ancoè di tutti aprexemo,
Asegurà re nostre naue femo
Con ra roba che portan monto ben.

5Ma ra naue comunna, che conuen
Fa megio asegurà, no asseguremo,
Se ben dri corsè leri teme poemo
Che ro mà nostro è chijn di questi chen.

Ma s'esta naue abandona comunna
10Per ben de le chiu no uoggiemo aia,
Noi che semo orbi, e schiaui de dinè,

Per nostro ben ra demo asegurà
Con scui nò, ma con garie armè,
Perche corrimo chi ra so fortunna

15Ra qua naue comunna;

[p. 31 modifica]

De bon Patron bezogna, e bon Pilotto,
Da nauegà per ogni uento dotto,

Perch'un losco, e chiarbotto;
Ra fa per mà gouerno à fondo andà,
20A ra bonassa, no ch'in grosso mà.

E dentri scoggi dà;
Ch'ono sa tegni dritto ro timon,
E i homi fà morì de fame ancon.


D'Italia, Franza, e Spagna re garie
Noi Zeneixi per atri comandemo,
Perche si boin pilotti, e patroin semo,
Che quelli dri paghen ghiemo assie.

5Ma per noi mesmi duri chiu cha prie
Armà garie infin chiu no uoggiemo,
E inzegno, e forza a gran Signoi prestemo
Daposcia un Corso ne sconcaga chie.

Che noi per nauegà semo nasui
10Ma in cangi hemo cangiaou ro nauegà,
E l'oro in pompe in prie uzemo spende,

E caualli ancoe di semo tegnui
Chi no conossan re sue forze grende,
E però da cascun se uen domà.

15E ponze, e cauarcà;
Anzi re nostre forze conoscemo,
Ma tanti matti, ò tanti ostinè semo.

Che astrangie re prestemo.

[p. 32 modifica]

Ri que spesso han per noi de gran vittorie,
20Si che s'honoran con re nostre grorie.

Scritte per mille historie;
E perche à forestè l'honò vendemo,
Senza honò noi Zeneixi se trouemo.

DOND'è l'hono dri nostri antighi, e groria?
Chi han sott'e soura terra, e mà buttao,
Perch'han ro vero honò tutti apprexao,
Quanto noi l'oro, pompa, e vanagroria?

5Cosa de di messe Paganin Doria;
Chi era fragello de paghen chiamao?
Cosa de di messe Giaxo Axerao,
E i atri antighi degni de memoria?

Che paraxi da Re chi fa ne ven
10Puoe da un nostro vassallo, e da corsè,
Batte ne ven per che garie n'hemo.

Ch'oura da Duchi tutti sta voggiemo,
Ma quelli chi ro mondo trema fen,
A Zena stavan da citten priuè,

15Senza paraxi orne;
Ma se ben viui in gran paraxi stemo
In streita fossa morti allogierem,

Ni ciù mente saremo;
Donca come i antighi femo noi,
20Se morti, e viui hauei veggiemo honoi.

Che son monto meggioì;

[p. 33 modifica]

Per fane honò, ri legni dre garie,
Cha re poise de cangi, e pompe, e prie.


SEntì me pà ra fora de bestento
S'in Corsega sodè mandà voggiemo,
Perche garie da porrari n'hemo,
E mandari con naue hemo gran stento.

5E bezogna aspetà gh'haggian bon vento
Si che de rero à tempo ri mandemo,
E ra paga mangiaghe in derno femo
Si dan dentri corsè re naue drento.

E se puri mandemo sun garie
10Perche son pochi da ri leri in corso,
Ne son piggie come re naue assie.

Che son com'unna faua in bocca à l'orso.
Armane donca assè ne conuen chie,
Che à ra Corsega da porran soccorso.

15E sarà bon discorso;
Che si ben corsè, e chen castigheremo;
Che lascià sta da i atri se faremo.

Si che armane assè demo;
O no metteghe man, che doe, o trè,
20Nostre no resteran, ma dri corsè.

O ne saran becche;
Da quarch'un'atro chi ha chiu longo becco,
E con vergoegna resteremo in secco.

[p. 34 modifica]


SE no fosse oura l'unica Venexa,
Ch'Italia meza morta, e fè susten,
Ghe trareiua ro sciao barbari, e chen
E a reizego andareiua ancon ra Giexa.

5Però l'Ittalia e santa fè l'aprexa
Perche ra fe le mesma, e noi manten;
Dro senno, e legni arme che sempre à ten
E Zena senza legni ognun desprexa.

Che le mesma deffende a no può chiu
10No che i amixi, perch'an'ha garie,
Como ha Venexa exempro d'union.

E se ben ri Citten chiu ricchi chie
Cha quelli de Venexa fossa son
Ro tesoro ghe manca dra virtù.

15Come cascun ve pù;
Ma quando à Zena ra virtù scioriua,
Venexa à stecco votte asse tegniua.

E anco è di ch'an'è priua;
Vnna fantesca apa quaxi vegnua,
20A respetto Venexa chi è cressua.

E Zena descressua;
Perche lasciao de fà garie à l'ha,
Ma no Venexa chi de le chiù sà.


PEr guardà noi ra terra, ero paeize,
Za, e là gren fortezze oura facemo

[p. 35 modifica]

E à fare, e puoe guardare si spendemo
[C]he de dine sciughemo ro paeize.

5E Tudeschi ne fan spende ogni meize
De matti scui, e torre in villa femo,
N'in terra ò in ma però seguri stemo
Se ben facemo tante vanne speize.

Ch'in Corsega oura un Corso ne fa guerra
10E ri corsè ne scorran fin in ca
E vasselli ne piggian chi, e lie.

Ma se seme spendemo in fa garie
Atra speiza a noi fa no conuerrà
E seguri saremo in ma, e in terra.

15Ma fin che questa terra
De muraggie de legno no fasciemo,
De bon sonno dormi chi no possemo.

Fassanera ben demo;
Ch'aman ra liberte naturamenti
20Re bestie, non che i homi tutti quenti.

Ni sa perfettamenti;
Quanto ra patria libera e soaue
Saruo re terre de tiranni schiaue.


SE ben ben Zena bellissima, e famosa
Chi fo tegnua za Renna dro ma,
Oura va ma vestia, e desarmà
E streppellà com'unna pouertosa.

[p. 36 modifica]


5Si bella ancora a pa cossi strassoza
Ch'ogn'un ghe ra vorreiua poi fregà
Però ben ra bezogna à noi guardà,
Che de gaurdia ha mestè ra bella sposa.

Perche zo che dexira hauei cascun
10Difficile e aguardà com'ogniun sa
E ro bello arrobà fa lero ogn'un.

Ma Zena Mesma ben se guarderà
Se de Garie l'arma ro comun
E dro ma Renna ancora a tornerà.

15Se non schiaua a verrà;
E a fasera guarda noi semo matti,
Perche fia no demo lardo a gatti.

Chi fan dri brutti tratti,
Ch'un bon boccon desfa fa ro zazun,
20E demo noi guardà megio d'ognun.

Ro nostro ben comun;
Guardasera noi donca demo chie,
No con Tudeschi, ma con dre Garie.



MI che steta son za Renna dro Mà
E steta son si grande pichieninna,
Ch'in ma faua chiu feti cha gianchinna
Ni in terra staua ancon a baucà.

5Aora perche ho cangiao ro nauega,
In cangi, son cangia de gran Reginna,

[p. 37 modifica]

In schiaua, e da canaggia berrettina,
E da vassalli mè son scarchizà.

E pe ri cangi son rotta, e falia
10Ma presto aquisterò l'antiga groria,
E de rotta che son tornero intrega.

Così dixeiua Zena tutta allegra
Haggiando inteizo che ra Signoria,
Faua Garie, e puo cria vittoria.

15E con Zena vittoria;
Crian ri Crestien, perche ben san,
Che deffeixi da le tutti saran.

Se à l'hà garie in man.
Ma se ri crestien s'allegran tutti,
20Chianzan per contra turchi, e mori brutti

E se duoe ro Drogutti;
Con tutti quenti i assasin corsè,
Che da Zena se poeran za lighè.


DA Zena parto quaxi desperaò
Perche da paro me no posso stà,
Che peraxi da Rè se gh'usa fà,
E dorman ri citten dentro brocaò.

5E quaxi ogni personna da me graò
Caga in arinto, e in oro vuoè mangià,
E da Papa ogni dì vuoe ben pappà
E in stalla ten caualli da Imperao.

[p. 38 modifica]


Però ogniun scachia, frappa, e va pomposo
10E ten paggi, e derre vuoè seruitoi,
Si ogni cosa oura chi ne costa un'oggio.

Però Zena à ri richi lascià vuoggio,
Dond'un pouero spussa virtuoso,
No possando fa speize da segnoi.

15E ri pubrichi honoi;
A noi pa che no toccan zuro à Dè,
Che misso ro comun s'amo derrè,

E cascun fà per lè.
Si facemo raxon che se de pria,
20Quello Grimado che soretto cria.

Ch'o cerca compagnia.
Però ro comun poere oura se duoe,
Ch'o n'haggie in tenti figgi un bon figgioè.



RE membre han misso i homi in libertè
Aura c'han misso i homi in libertè
Ch'intre cazze strinchè, dentri gippoin,
Con mille strinche stauan ben serrè.

5E d'esto andà chiu liberi, e sciorrè
Goan ri vegi, zoueni, e garzoin,
Ni han chiu dauanti quelli braghettoin,
Ch'ingannauan con strazze donne assè.

E per fà ro besuegno naturà
10Despointà tente strinche no conuen,
E chi hà ra rogna se ra pò grattà.

[p. 39 modifica]


Si pà ch'esti càzoin n'aguran ben,
Perche Zena se fè Reinna dro Mà,
Quando càzoin portauan ri Citten.

15Si che a i homi stan ben,
Ma chi re donne ancon i uzan portà,
Che zò che i homi fan lou vorran fà.

Si dixan che ghe pà;
Che femene aura i homi sen vegnui,
20Perche firà ri ven ni son temui.

E de virtù son nui;
Si dixan che trouaou questi càzoin,
Perche son comodissimi, e son boin.

Per lo atri patroin;
25Che no han da desgroppà che unna picaggia,
Quando ghe ven per poira ra scagaggia.

Perche son dra medaggia;
Dri nostri antichi braui ro reuerso,
Chi fen tremà con i arme l'universo.

VNa villa me trouo si vexinna,
Che senza tegni Mura posso stà,
Ni speiza de figon me conuen fà,
Chi ro meschin patron sempre assasinna.

5Perche de frute sempre è l'è ben pinna
Se ben mi no ra fazzo moe zappa,
Ni da leri l'hò causa da guardà?
Dri què ra nostra terra è quaxi chinna.

[p. 40 modifica]


E Chiazza noeua, e questa villa mea,
10E ro me bosco, e prao si è Carignan,
E ra marinna, e ra fontanna mea.

E l'orto me si è, ro Bezagno chian
Si che a quest'atre ville ho poco inuea,
Re que chiu penna cha diletto dan.

15Se ben ghe l'ere san;
Ch'in villa in libertè chiu no staghemo
Anzi suggetto chiu cha à Zena ghemo.

Ni chiu re Crochie uzemo;
Che gianche noi citten sorua portamo;
20Quand'à ra logia, ò giexa se n'andamo.

E brutte le lauamo:
Ch'aura de taffetta de zentuni;
In villa ogn'un re porta notte e dì.

Si che ogn'un chioca li;
25E Paraxi si grendi in villa femo.
Che Duchi, e no mercanti aura paremo.

E pochi frutti gh'emo;
Perche son ra chiu parte gratt'in ere,
Chi mi no gh'andereiua à vei me Poere.

30Ch'atro no ghe cha i ere;
E da de denti pon i homi a ri monti,
O viue d'ere da Camaleonti.

E pu gh'abitan monti;
Chi se cren ch'esti monti scoggi, e sassi,
35Sen pareixi terreistri, e giardin grassi.

[p. 41 modifica]


Che mangian barlugassi;
E un ben da mille forche han questi tè.
Chi villezan in monti si perè.

Che n'han saruo murè;
40Ma in questa villa mè de chiazza noua.
Re frute d'ogni villa vegia, e noua.

E re suoi se ghe troua;
E lete, oue, e gallinne da tutt'hora,
E ogn'atra cosa infin da onze ra gora.

45Chi allegra e zoua ancora,
Ma pu chi villa vo particula,
Senza insi fuò de Zena e cauarcà.

Chi, se ra pò troua;
Perche su pe ri teiti dre ville hemo,
50E d'esse à Zena e in villa, e in chà di poemo.

Quando in terrassa semo;
E unna terrassa à zena ho mi trouao,
Chi ha ra villa, giardin bosco, horto, e Prao.

Fontanna e beuerao;
55E de Feripo d'alza esta, è Terrassa,
Che ogn'atra villa de bellezza passa.

E de veira ogn'un sgoassa;
E però cerco con ri versi mè,
D'erze Feripo d'alza fin à Ce.

60Perche ò n'ha mostrao le;
De superà con l'arte ra natura,
Perche, o l'hà sempre in cha fruta, e verdura.

[p. 42 modifica]

Pe ro so studio, e cura,
Però ra reixe d'esta mè foggetta.
Chiantà stà sempre in questa sò villetta.