Dizionario - Vocabolario del dialetto triestino/D

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
D

../C ../E IncludiIntestazione 17 novembre 2012 25% Da definire

C E

[p. 134 modifica]
D
Dado
Dadrè
Dai
Dadiese
Dalia
Dalmatin
Dama
Damar
Damascar
Damasco
Danà
Danar
Danari
Danazion
Dandan
Danegiar
Dano [p. 135 modifica]
Dar
Dato
Datoler
Datolo
Dau
Davanti
Davero
Davinti
Daziar
Dazier
Dazio
De
Debito
Debituzo
Debole
Deboleza
Deboto
Debutante
Debutar
Decantar
Declamada [p. 136 modifica]
Declamar
Declinar
Decompor
Decorador
Decorar
Decotazo
Decoto
Decretar
Decreto
Dedica
Dedicar
Dedo
Dedolin
Dedur
Defati
Definir
Definizion
Defonto
Defraudar
Degeneralo
Degenerar
Degnar
Degradar
Dei(la)
Delfio
Deliberar
Deliberator
Delicatin [p. 137 modifica]
Delicato
Delicatura
Delirar
Delirio
Delito
Deliziar
Deluder
Demeritar
Demolir
Demoralizar
Denari
Denegar
Denigrar
Denotar
Dentada
Dentadura
Dentai
Dentariol
Dentazo
Dente [p. 138 modifica]
Dentro
Denunziar
Denutrimento
Deograzia
Depenar
Deperimento
Deplorar
Deponer
Depositar
Deposito
Depravar
Depurar
Derider
Derimpeto
Derision
Derivar
Descriver
Descrizion
Desertar
Deserto
Desertor
Desiderar
Desiderio
Desìo(far)
Desister
Desso
Dessora
Dessoto [p. 139 modifica]
Destin
Destinar
Detaliar
Detaliatamente
Detalio
Detar
Detatura
Determinar
Detestar
Detrar
Detrator
Deventar
Devastar
Deviar
Dezembre
Dezente
Dezentemente
Dezenza
Dezider
Dezifrabile
Dezifrar
Dàzima
Dezimada
Dezimal
Dezimar
Dezimo
Dezina
Dezisamente
Dezision
Dezisivamente
Dezisivo
Diamantazo
Diamante
Diamberne
Diavolat
Diavolezo
Diavolin [p. 140 modifica]
Dibatuda
Dichiarar
Didin
Diese
Disibile
Dieta
Difalcar
Difender
Diferenza
Diferir
Difesa
Difetar
Difetin
Difeto [p. 141 modifica]
Difetuz
Dificoltà
Difidar
Difizile
Difiziloto
Digerir
Digo
Dilatar
Dilatazion
Diletar
Diligente
Diluir
Diluviar
Dimanda
Dimandar
Dimenica
Dimenticatoio
Dimentiganza
Dimentigar
Dimeter
Diminuir
Dimostrar
Dindia
Dindin
Dindio [p. 142 modifica]
Dio [p. 143 modifica]
Diol
Dioler
Dipender
Dir [p. 144 modifica]
Diramada
Diramar
Direa
Diretor
Diriger
Dirindela(andaroesserin)
Disanimar
Disaprovar
Disaprovazion
Disarmar
Disarmizar
Disavedudo
Disavezar
Disavido
Disbaladura
Disbaiar
Disbarcar
Disbaretar
Disbaretada
Disbatizar
Disbaular
Disbendar
Disbolar
Disbonir
Disboscar [p. 145 modifica]
Disbotonar
Disbratada
Disbratadina
Disbratar
Disbrenar
Disbrigar
Disbrocar
Disbudelar
Discadenar
Discalzar
Discalzinadura
Discalzinar
Discalzo
Discanzeladura
Discanzelar
Discapelar
Discapitar
Discarigada
Discarigar
Discarnar
Discartar
Discarzerar
Disciodadura
Disciodar
Discoconar
Discolar
Discolazo
Discolo
Discolorida
Discolorir
Discolpar
Discomodamente
Discomodar
Discomodità
Discompagnar
Discompagno
Discomparir
Discomponer
Discomunica
Discomunicar
Disconcordia
Disconosenza
Disconoser
Disconsacrar
Disconsiliar
Discontentar
Discontento
Disconveniente
Disconzar
Disconzertar
Discoragiar
Discordar
Discordia
Discorer
Discornisada
Discornisar
Discoronar
Discorsazo
Discorseto
Discorsivo
Discorso [p. 146 modifica]
Discorsoli
Discorzar
Discostar
Discoverzer
Discreditar
Discrenado
Discrenar
Discreto
Discrezion
Discrostada
Discrostar
Discrudir
Discugnar
Discùser
Discusidura
Discusion
Discuter
Disdir
Disdotesimo
Disdoto
Disecante
Disegnador
Disegnadura
Disegnar
Disegneto
Disendente
Disendenza
Disender
Disepoio
Diserner
Disernimento
Diseredar
Disfà
Disfada
Disfadura
Disfamar
Disfangar
Disfar
Disfarinar
Disfassada
Disfassar.va.disfasciare
Disfata
Disfavor [p. 147 modifica]
Disfavorir
Disferar
Disfibiar
Disfigurar
Disfilar
Disfiorar
Disfissir
Disfodrar
Disformar
Disfornar
Disfornir
Disfortuna
Disfortunado
Disfredir
Disfrito
Disfrizer
Disgiustar
Disgomar
Disgradar
Disgranadura
Disgranar
Disgrassar
Disgrazia
Disgrezada
Disgrezado
Disgrezar
Disgropar
Disgustar
Disgusto
Disiazar
Disimpazar
Disimpegnar
Disinfetar
Disinganar
Disinteresado
Disinteresar
Disiplina
Disiplinar
Disisete
Dislatar
Disligar
Dismascarar
Dismedolar
Dismentigar
Dismentigon
Dismesso [p. 148 modifica]
Dismeter
Dismezar
Dismisiar
Dismisurado
Dismolar
Dismontar
Disnaturado
Disnervar
Disnidar
Disnovè
Disobligar
Disocupado
Disocupar
DisnomboJar
Disonestà
Disonesto
Disonor
Disonorar
Disordinado
Disordinar
Disordine
Disorganizar
Dispacar
Dispaiada
Dispaiar
Dispalar
Dispar
Disparar
Dispareciada
Dispareciar
Disparer
Disparte(in)
Dispazio
Dispedociar
Dispegnar
Dispenolar
Dispensar
Dispensuza
Disper
Disperà
Disperadon
Disperar
Disperazion
Disperder [p. 149 modifica]
Dispetazo
Dispetin
Dispetinar
Dispeto
Dispetosazo
Dispetoseto
Dispetoso
Dispetuzo
Dispiantar
Dispiàser
Dispiazente
Dispiàzèr
Dispiazereto
Dispiazevole
Dispicar
Dispiegar
Dispiombar
Dispirar
Dispoiada
Dispoiar
Dispolverar
Disponer
Dispontar
Disposizion
Disposto
Dispretar
Disprezador
Disprezar
Disprezo
Dispulisar
Disputar
Disquilibrar
Disruzinir
Dissetar
Dissepelir
Dissepelimento
Dissestar
Dissigilar
Dissimulador
Dissimular
Dissipador
Dissipar
Dissomiliante
Dissomilianza
Dissoterar
Disuader
Distabarar [p. 150 modifica]
Distacà
Distacabile
Distacadura
Distacar
Distanza
Distemperar
Distender
Distesser
Distilador
Distilar
Distilazion
Distin
Distinguer
Distinzion
Distirà
Distirada
Distirar
Distolier
Distopar
Distortolar
Distra'car
Distrar
Distraton
Distrazion
Distretual
Distribuir
Distributor
Distribuzion
Distrigada
Distrigar
Distropada
Distropar
Distruger
Distruto
Distrutor
Distruzion
Distudada
Distudar
Disturbala
Disturbador
Dtsturbar
Disubidiente [p. 151 modifica]
Disubidir
Disugualianza
Disugualjar
Disunion
Disunir
Disunità
Disusar
Disverginar
Disvestir
Disvezar
Disviar
Disvidar
Disvisciar
Disviziar
Disvodar
Disvoiar
Disvoler
Disvoltizar
Diszervelar
Dita
Ditator
Dito
Diventar
Diverso
Divertimento
Divertir
Divider
Divino
Divisar
Divorador
Divorar
Divorziar
Divozion
Divulgar
Dizun
Dizunar
Do
Dodise
Dodizesimo
Doga [p. 152 modifica]
Dogana
Doganier
Doge
Doia
Doieta
Doler
Dolfin
Dolor
Doloreto
Dolze
Dolzin
Doman
Domanda
Domandar
Domar
Domator
Domenica
Domenical
Domesticar
Domestico
Dominar
Domino
Domiziliar
DomizilTo
Domo
Dona [p. 153 modifica]
Donà
Donar
Donaza
Donazion
Dondon
Doneta
Donon
Donzela
Dopiadura
Dopiar
Dopio
Dopion
Dopo [p. 154 modifica]
Dopodiman
Dopopranzo
Doprar
Dormida
Dormidina
Dormioto
Dormir
Dormitorio
Dosso
Dota
Dotar
Dotaza
Dotor
Dotora
Dotorar
Dotoruzo
Dotuza
Dove
Dover [p. 155 modifica]
Dozena
Dragai
Drago
Drento
Dreza
Drio
Drita
Drito
Driton
Dritura
Drizada
Drizadura
Drizar
Droga
Drogaria
Droghier
Dubieto
Dubio
Dubitar
Ducasion
Due
Duelar
Dulcameria
Dunque
Durada [p. 156 modifica]
Durar
Durel
Duro
Duron
Duroto
Duto

[p. 134 modifica]

D



D smf. quarta lettera dell’alfabeto. Si pronuncia di, e può usarsi tanto al maschile quanto al femminile. — Quale numero romano significa: cinquecento; e se ha una lineetta sopra di sè, vale cinquemila.

Dado, agg. dato, dedito, inclinato, portato; sm. dado; dado segna de una sola parte, farinaccio: — «Farinacci per fare a campana martello dado e no consesso, modo significante concessione più di parola che di fatto: dato e non concesso.

Dadrè, sm. v. scherz. deretano, podice, sedere.

Dai, ma dai, inter. andiamo, su, suvvia; sta quieto; le mani a casa; non vo’ scherzi — e simili.

Dadiese, sm. dadieci.

Dalia, sf. bot. giorgina.

Dalmatin, agg. e sm. dalmato; dalmata.

Dama, sf. dama; nelzogo de carte, donna: -— „Ha preso colla donna di fiori zogar la dama, fare a dama.

Damar, va. t. di giuoco: damare.


Damascar, va. damascare; tessere a opera.

Damasco, sm. damasco; — sm le banche de le ce se, pancale.

Danà, danado, agg. e sm. dannato, perso; la consolazion dei danadi, met. la consolazione dei dannati; come un anima danada, v. anima.

Danar, va. e vn. arrovellare; dannare; far danar, met. far arrovellare, — far dannar l’anima.

Danari, smp. danari, denari, pecunia; tre tre fala danari, m. prov. fagliare a danari,: — .Come vuo’ la vada! Faglia a denari.

Danazion, sf. dannamento, dannazione; met. delirio, sfinimento, tormento.

Dandan, agg, e sm. scemo, stolido, zuccone.

Danegiar, va. danneggiare, — far danno, portar detrimento.

Dano, sm. danneggiamento, danno; perdita; esente de dano, indenne; [p. 135 modifica] far ciano, mar. far acqua; no far dano, m. famigliare: non far guasto: — „A tavola e’ fa poco guasto: assaggia appena le vivande;“ mio, tuo, suo dano, m. prov. tal sia di me, di te, di lui.

Dar, va. accordare, concedere; accadere, avvenire; dare; andare; aver la rivincita; me’ttere, rispondere, riuscire; porgere propinare: — „Gli propinò il veleno in una tazza di ciocciolatte;“ declinare: — „Dovettero declinare il loro nome e cognome;“ pronunziare, proferire; aggiustare, inzeppare, menare: — „GÌinzeppò un ceffone coi fiocchi;“ prorompere: — „Proruppe in un pianto dirotto;“ dar quel che costa, rimettere ne’ quattrini: — ,.Non dico di voler guadagnarci su, ma non voglio neppur perderci: mi rimetta ne’ quattrini e il cavallo è suo;“ aver de dar, avere a dare; dar de far, met. dar del filo a torcere; poi darse, modo opinativo: può darsi; dar ghe dentro, met. applicarci, applicarvi: — „Hanno messo a spina il vino nero e l’amico Zeglio ci applica che è una consolazione;“ darghe drio, met. stare al chiodo; darghe a uno quel che ’l va zercar, met. dare ad uno di quel ch’ei cerca; se tanto me da tanto, m prov. se tanto mi dà tanto, so io come si stà, — oppure, con reticenza significativa: se tanto mi dà tanto.

Dato, v. usato ne’ modi: per un dato, per un’ipotesi; metemo H dato, poniam figura.

Datoler, sm. hot. dattero — phoeniodactilifera.

Datolo, sm. hot. dattero; zi. folade, gongola, dattero di mare — pholas dactilus.

Dau, sm. t. de’ giuocatori di bocce: grillo, pallino.

Davanti, avv. e agg. anteriormente, anteriore, davante, davanti, dinanzi, innante, innanzi.

Davero, avo. daddovero, davvero; dir per davero, dire davvero.

Davinti, sm. daventi, pezzo da venti soldi.

Daziar, va. addaziare, daziare, gabellare, ingabellare, sottoporre a dazio.

Dazier, sm. daziere, gabelliere, stradiere.


Dazio, sm. dazio, gabella; far el cuco, o el mincion, o el marno — o qualche cosa che non si nomina — per no pagar el dazio, prov. fare il gonzo, il minchione — e simili — per non pagar gabella, — fare lo sciocco per non pagare il sale — ch’è l’antico adagio: Cretensis mare nescit.

De, prep. da, dal, dalla, dallo, di, del, della, dello: — vlero de zio a cior l’ombrela de marna. = Ero dallo zio a pigliare l’ombrello della mamma.“

Debito, sm. debito; imbratto; debito che fa el fio da pagarse dopo la morte del pare, babbomorto; — il“ pigliar danaro a questo patto chiamasi: pigliar danaro a babbomorto; esser pien de debiti fin sora H colo, affogare ne’ debiti, — avere più debiti che la lepre; carigarse. o impinirse de debiti, impantanarsi ne’ debiti; ogni promessa xe un debito,’-m. prov. ogni promessa è debito, — ogni promessa è sacra; no se paga ’£ debito el giorno, che se lo fa, prov. il giorno che si fa il debito non si va in prigione — prov. che colle nuove leggi ha perduto la sua efficacia; chi no ga debiti xe aba,stanza rico, prov chi non ha debiti è ricco, — chi non ha debiti è ricco abbastanza; chi ga debito ga credito, v. credito.

Debituzo, sin. debituccio, debituolo, debituzzo; debitarello.

Debole, agg. accasciato, debile, debole, fievole, spossato; languido; disposizione, inclinazione, propensione; tocar el debole, met. grattar dove pizzica, dar dove duole, o toccare il debole.

Deboleza, sf. accasciamento, debilità, debilitade, debilitate, debolezza, fiacchezza, fievolezza, fralezza, spossatezza; t. med. atonia.

Deboto, avv. subito; quasi, — quasi quasi; a momenti, fra poco, quanto prima.

Debutante, smf. esordiente.

Debutar, va. esordire.

Decantar, va. celebrare, decantare, lodare, — portare a cielo, o a’ sette cieli.

Declamada, sf. declamazione. [p. 136 modifica] Declamar, va. declamare.

Declinar, va declinare.

Decompor, vn. decomporre.

Decorador, sm. decoratore.

Decorar, va. decorare.

Decotazo, sm. decottaccio.

Decoto, sm. decozione, decotto; met. cerboneca: — „ Questa cerboneca voi la chiamate vino da bottiglia!? ha, ha, mi fa da ridere.“

Decretar, va. decretare.

Decreto, sm. decreto; decreto severo, con v. met. ncàse.

Dedica, sf. dedica: — „M’ha regalato il DizionarioVocabolario colla dedica scritta di suo pugno;“ dedicatoria: — „Han stampato la dedicatoria con lettere tanto fatte !“

Dedicar, va. dedicare; consacrare, chi che dedica, dedicatore.

Dedo, sm. dito; pi. i diti e le dita; che ga forma de dedo, digitiforme; dedo polize, ahtichiro, pollice; — indize, indice; — de mezo, o grondo, medio; — anular, anulare, anulario; — picolo, dito auricolare, minimo, o come dice il popolo: mignolo; la carne de le ponte dei cledi, le polpastrella delle dita; dedo o dedi — nel senso d’impronta lasciata dalle dita o per via di pressione, o per essere esse sucide, o per segno delle dita lasciato sulla fàccia altrui per ceffone, o schiaffo datogli: ditata; dedi irnpuntidi — detto della dita delle mani in cui la carne va digradando e assottigliandosi garbatamente: dita affusate, o affusellate, o affusolate; dedo che se taia dei guanti per coverzer i dedi malai, ditale; darghe gusto al dedo, met. m.. de’ giuocatori: depennare; acer qualcossa su la ponta, o su la zima dei dedi, met. avere quella tal cosa su per le dita, o sulla punta delle dita; a mena dedo — conosser, saver, ecc., m. avv. a mena dito; mostrar col dedo, indicare; mostrare a dito; rosigarse i dedi, met. mordersi il dito; contar sui dedi, met. contare sulle dita; farsela sui dedi, met. farsela sulle dita; no aver la forza de alzar un dedo, met. non aver forza di alzare un dito; meterse un dedo su la boca, porsi il dito alla bocca; restar tacà sui dedi, me’, appiccarsi, o appiccicarsi alla mano, o alle mani; lecarse i dedi, o lecarse tuti zinque dedi, met. leccarsi le dita, o leccarsi i baffi; tocar el ziel col dedo, met. toccare il cielo col dito; ligarsela al dedo picolo, met. cingersela, — porsi al petto che che sia; zuzar fora dei dedi — una novella, — e simili — met. coniare una novella, — cavarsi di capo, o del capo alcuna cosa., — fabbricarsi checchessia; tocar col dedo, met. far gheppio: — „S’ impinzano fin che fan gheppio e poi stanno male;“ nanca i dedi de la man no xe compagnit prov. tutte le dita non sono pari; daghe un dedo el se ciol la man, prov. al villano, mostragli un dito si piglia la mano.


Dedolin, sm. ditino.

Dedur, vn. dedurre; inferire, rilevare.

Defati, avv. di fatto, in fatti.

Definir, va. definire. ’

Definizion, sf. definizione.

Defonto, sm. defunto, morto, trapassato.

Defraudar, va. defraudare.

Degeneralo, agg. degenerante, degenere, tralignante.

Degenerar, vn. degenere, tralignare.

Degnar, vn. degnare; no la se degna, o no ti te degni, m. famigliare: almeno per gradire: — «Pigli un boccone, via, tanto per gradire.“

Degradar, va. degradare, digradare.

Dei(la), prep. appo, appresso, presso i; dei dei — formola deprecativa: fate, — abbiate la compiacenza, — vi prego — e simili. Delegar, va. delegare, deputare.

Delfio, sm. zi. delfino comune — delphinus delphis; delfino soffiatore — delphinus tursio; met. deforme; gobbo.

Deliberar, vn. deliberare; stabilire, statuire; Dio ne .deliberi, inter. il ciel ne liberi, — tolga Dio.

Deliberator, sm. deliberatario; deliberatore.

Delicatin, agg. deboluzzo, delicatello, delicatuccio; sdegnosetto; tenerello. [p. 137 modifica] Delicato, agg. delicato; el gran delicato, sardonica interiezione: gli puzzano i fiori d’arancio; el delicato no xe per tuti, m. prov. l’asino non ha luogo in crosta, — l’orzo non è fatto per gli asini.

Delicatura, sf. delicatezza.

Delirar, vn. delirare, farneticare.

Delirio, sm. abbaglianza di mente, delirio, vaneggiamento.

Delito, sm. crime, crimine, delitto; che ga in se del delito, delittuoso: — „Azioni delittuose.“ •— „Corrispondenza delittuosa;“ delitto di lesa maestà: crimenlese; no go miga fato un delito — specie di scusa: non ho già commesso un delitto.

Deliziar, va. deliziare.

Deluder, va. deludere.

Demeritar, vn. demeritare.

Demolir, va. demolire.

Demoralizar, va. demoralizzare.

Denari, smp. lo stesso che danari.

Denegar, va. negare, niegare; rifiutare — „Mi ha rifiutato dieci fiorini.“

Denigrar, va. denigrare.

Denotar,»», denotare, significare.

Dentada, sf. dentata.

Dentadura, sf. dentatura; e detto di quella parte d’un legno, d’una ruota, ecc. che deve incastrare: addentatura.

Dentai, sm. zi dèntice —dentex vulgaris.

Dentariol, sm. dentarolo.

Dentazo, sm. dentaccio.

Dente, sm. dente; corona del dente; che ha denti, o che è fornito di denti: dentato, dentuto; dente che non resiste alla impressione delle cose diacce: dente diacciuolo; denti che se ghe vedi fora de la boca del elefante, del porco selvadigo, del porco, zanne; denti dai quai se conossi l’età dei cavai, gnomoni; dente de late, dente di latte, o dente lattante; dente impiombò, dente impiombato; dente in qualche lama, dente, tacca; radise del dente, barba del dente; denti davanti, denti incisivi, e denti canini; denti de drio, denti molari; dolor de denti, odontalgìa; ciapar coi denti, addentare: — „ Addentò la fune e rimase sospeso nello spazio;“ armado fin ai denti, armato come ’un Saracino, — armato fino a’ denti, — armato come un bargello, o come un Orlando; polvere per i denti, dentifricio; far i denti, mettere i denti; romper i. denti, sdentare: — „Battè la bocca nello spigolo del bancone, e si sdentò.“ — „Smetti, sdenterai il pettine;“ zinzolar i denti, ballare, o crollare i denti; bater i denti, met. battere le gazzette, — pigliar pispole: — „Con quest’algore è a battere le gazzette con quel pastranuccio tribolato c’ha;“ mostrar i denti, met. mostrare i denti; 0 mostrare la fronte, o il viso; ligar ì denti, met. allappare, — allegare i denti: — „Le frutta acerbe allegano 1 denti;“ mastigar fra i denti, met. bufonchiare, fiottare: — „Bufonchiava non so quali- scuse scerpellate;“ tirar i denti, met. restare a bocca asciutta; dirle fora dei denti, met. aver rotto, o sciolto, o tagliato lo scilinguagnolo, — parlare senza barbazzale; dirghele a uno fora dei denti, cantare il vespro e la completa ad uno, — cantare a uno il canto degli Ermini, — dirla fuor fuori, o dirla in buon latino, — dire una cosa pane pane; no tocar nanca un dente, o no tocar nanca la zima dei denti, met. essere una fava in bocca all’orso, — non toccare l’ugola; tignir la lingua fra i denti, met. tenere in briglia la lingua; strenzer i denti, met. arrugginire i denti: — „ Questo cigolìo mi fa arrugginire i denti;“ no xe pan per i sui, o per i lui denti, loc. met. non è boccone, o carne, o ciccia, .o cibo per i suoi, o per i tuoi denti, — non è terreno da’ suoi, o da’ tuoi ferri, — egli può, o tu puoi grattarti le natiche; trovar pan per i su denti, met. tal culo tali brache; se la rana gavessi denti o chi che no poi morsigar che no mostri i denti, prov. cane ringhioso e poco forzoso, guai alla sua pelle; — chi ha la testa di cera non vada al sole,. — chi ha la testa di vetro non vada a battaglia di sassi, — ira senza forza nulla vale, — corruccio è vano senza forte mano; la lingua onzi, el dente sponzi, in. prov. la {{FineColonna} } [p. 138 modifica] lingua unge e il dente punge; la lingua bati dove che diol el dente, prov. la lingua batte, o va, dove il dente -duole, — corre il sangue ov’è la percossa, — a cbi piace il bere parla sempre di vino, — l’orso sogna pere, — il porco sogna ghiande, — scrofa magra ghiande si sogna; fora ’l dente fora ’l dolor, prov. preso il partito cessato l’affanno; sbregar coi denti una carta bagnada, v. carta.

Dentro, avv. dentro, entro — e per metatesi; drento; andar dentro, entrare, e met. andare in Domo Pelri; butar dentro, met, ingoiare, ingollare, — mangiare a stranguglioni, o coll’imbuto: — - ^Ingollava quella minestra bollente come bere un bicchiere d’acqua;“ dar dentro in qualchidun, abbattersi in quel tale; darghe dentro, met. applicarci, applicarvi; meter dentro>, introdurre,, intrudere; vederghe drento, sentire avanti «di, o in che che si sia; o dentro o fofa, in. esortativo: o dentro o fuori, — o scendere o predicare; ghe vado dentro anca mi —. detto di abito, scarpe, recipiente, ecc. di molta larghezza, o di molta capacità: ci entro di rincorsa.

Denunziar, va. denunciare, denunziare, dinunziare.

Denutrimento, sm. t. med. inanizione. Deo, sm. lo stesso che dedo; v. usata nel m. avv. a scota deo, su due piedi: — „ Un bocon a scota deo. = Un boccone su due piedi.“

Deograzia, avv. dicatti: — „ Dmgrazia che ’/ glie ne gavessi. = Sarebbe un dicatti se n’avesse.“

Depenar, va. depennare, depennare.

Deperimento, sm. corrompimento, corruzione, guastamente; robe sogete a deperimento, cose corruttibile, o atte a guastarsi. — - Deperir, vn, deperire.

Deplorar, vn. deplorare.

Deponer, va. deporre.

Depositar, va. depositare, dipositare; posare.

Deposito, sm. -deposito; bottino, fogna, pozzo nero; posatura, sedimento.


Depravar, va. contaminare, depravare, guastare.

Depurar, va. depurare.

Derider, va. beffare, deridere, dileggiare, diridere, schernire.

Derimpeto, avv. addirimpetto, dirimpetto.

Derision, sf. derisione, dirisione, dileggio.

Derivar, vn. derivare, dirivare; dipendere; discendere.

Descriver, va. descrivere; descriver un fato con tute le zircostanze, circunstanziare.

Descrizion, sf. descrizione; picola descrizion, descrizioncella.

Desertar, va. disertare.

Deserto, agg. e sm. deserto, eremo, ermo, solitario; sm. èremo.

Desertor, sm. disertore.

Desiderar, vn. desiare, desiderare, desirare, disiare, — anche concupire e concupiscere, ma dicesi per lo più per desiderio di diletti carnali; desiderar ardentemente, agognare, — parere, o saper mill’anni; no lassar gnente a desiderar, non ’lasciar nulla a desiderare; desiderar mal a qualchedun, desiderare che una cosa faccia, a chi si sia, il prò che fa la crusca a’ cani — che, aggiungono talvolta i toscani, la vomitano dopo mangiata.

Desiderio, sm. desiderio, desio, disio, desire; desiro; desiderio ardente, brama, bramosia

Desìo(far), malmenare,. — ridurre a mal partito, — strapazzare; — desìo, così solo, in forza di sost. vale anche per; abbondanza, copia, macco, massa,’ moltitudine: — „ Un desìo de sardéle. = Un macco di sardelle.“ — „ In colombera iera un desìo de gente. = Nella piccionaia c’era una massa di gente.“

Desister, vn. desistere.

Desso, avv. adesso, in questo mentre, in questo punto, or, or’ora, subito.

Dessora, dessoravia, avv. al di sopra, di sopra; superiormente; per soprammercato, per soprassello.

Dessoto, dessotovia, avv di sotto, inferiormente. [p. 139 modifica] Destin, sm. destino; fato, sorte; va per el tu destin, m. spicciativo: va al tuo destino.

Destinar, vn. destinare; stabilire.

Detaliar, va. dettagliare, particolareggiare.

Detaliatamente, avv. dettagliatamente, particolareggiatamente, specificatamente.

Detalio, sm. dettaglio, — minuto ragguaglio di che si sia.

Detar, va. dettare.

Detatura, sf. dettatura; scriver soto detatura, scrivere a, o sotto dettatura, — stare a dettatura.

Determinar, va. determinare.

Detestar, vn. abbominare, detestare, esecrare.

Detrar, va. detraere, detrarre.

Detrator, sm. detrattore.

Deventar, vn. diventare.

Devastar, .va. devastare, disperdere, guastare, rovinare.

Deviar, va. deviare.

Dezembre, sm. decembre, dicembre.

Dezente, agg. decente.

Dezentemente, avv. decentemente.

Dezenza, sf. convenienza, decenza, decoro.

Dezider, vn. decidere, risolvere.

Dezifrabile, agg. decifrabile.

Dezifrar, va. deciferare, decifrare.

Dàzima, sf. decimar

Dezimada, sf. decimata.

Dezimal, agg. decimale.

Dezimar, va. decimare.

Dezimo, agg. e sm. decimo; decumano.

Dezina, sf. decina.

Dezisamente, avv. decisamente.

Dezision, sf. decisione, determinazione, risolvimento.

Dezisivamente, avv. decisivamente.

Dezisivo, agg. decisivo.

Diamantazo, sm. diamantaccio.

Diamante, sm. adamante, diamante; de diamante, adamantino, diamantino: — , Lucentezza adamantina;“ diamante falso, brillo.

Diamberne, sm. v. met. diavolo; del diamberne, m. avv. e s’usa aggiunto quasi esclusivamente, a freddo: algore, — freddo .acuto, — stridore.


Diavolat, agg. buonaccio, diavolaccio, — buon pastricciano.

Diavolezo, sm. traversia.

Diavolin, sm. demonietto, diavolino; demonietto frugolino, naccherino — detto di fanciullo vivace; diavolone, diavolino, dolco — specie di zuccherino di sapore acutissimo di menta; stoppino — specie di cornetto da arricciare i capelli; fuoco lavorato — specie di fuoco artificiale. Diavolo, sm. dèmone, demonio, diavolo, e per antonomasia: angelo colle corna, — angelo del diavolo, — angelo delle tenebre, — angelo d’inferno, — angelo fallace, o maligno, o nero, o reo, — antico nemico, — avversario, avversiere, avversiero, — dragone infernale, — nemico, — spirito, o spirto d’abisso, o delle tenebre, — spirito immondo, o maligno; met. diavolìo, diavoletto: — nEl ga fato ’l diavolo. = Ha fatto un diavolìo;“ inter. diamine, diascolo, diavolo; diavolo incornò., o diavolo scadenà, met. diavolo incarnato, o scatenato; bon diavolo, met. buon diavolaccio; povoro diavolo, meschino; pusillanime, pusillo, povero diavolo; esser cativo come ’i diavolo, esser più tristo de’ tre assi, — essere più tristo che un famiglio d’Otto; esser pezo del diavolo — dicono talora le mamme de’ lori ragazzi: essere peggio del capecchio, o del capecchio molle; esser tuto un diavolo, met. essere tutt’uno, — essere una, o tutt’una zuppa e un “pan bollito, o un pan molle: — „ La mandi via questa e la doghi un altra xe tuto un diavolo. Ogi le serve xe tute una maniga de ladre. = Mandi via questa e ne pigli un’altra e tutt’una zuppa e un pan molle. In oggi le serve sono una manica di ladre; aver el diavolo dosso, o in corpo, met. avere il diavolo addosso, o in corpo; no esser proprio el diavolo, met. non essere il diavolo affatto; m’andar a casa del diavolo, mandare a casa bollita; far el diavolo, o un cas del diavolo, fare il diali volo in un canneto, fare il diavolo a [p. 140 modifica] quattro, o a sei; parer el diavolo del inferno, o el diavolo vivo, parere il diavolo dell’inferno; far veder el diavolo in fiasca, mei. far vedere il diavolo in un’ampolla; spuzar come ’l diavolo, ammorbare, — puzzare ch’assaetta; no 10 tegnaria el diavolo, non lo terrebbero le catene; no aver paura nanca del diavolo, met. non aver paura neppure del diavolo; cosa diavolo, che diamine; cosa diavolo ti fa ma che briccichi — ma che annaspi — che diamine fai — cosa fa’ tu mai esser fin, o esser furio come ’l diavolo, essere furbo in chermisi; che el diavolo te strassini — modo plebeo: che tu possa accidentare, — che tu possa assaettare---e simili; che el diavolo me porti se — modo di giurare che avrà effetto ciò che si vuol dire: non son chi sono se; va la, che el diavolo te magnasi —. 0 altre simili; detto a chi parte e non si vorrebbe veder tornare: come disse la botta all’erpice: senza ritorno; se no vien qualche diavolo, m. avv. se non -si guasta la porrata; petinar la coda al diavolo, portare la cesta al boia; el diavolo no magna stagion, loc. prov. nè caldo nè gelo rimase mai in cielo; el diavolo no litiga mai solo, prov. il diavolo non letica mai solo; el diavolo no xe po tanto bruto come che i lo fa, prov. 11 diavolo non è brutto quanto si dipinge; el diavolo caga sempre sul mudo più grando, prov. l’acqua, o ogni acqua va al mare, — il diavolo caca senlpre sul monte più grosso, — i più tirano 1 meno; la farina del diavolo va tuta in semola, prov. della roba di mal acquisto non ne gode il terzo erede, — di quel che si ruba non s’ha a sentir grado, — quel che vien di ruffa in rafia, se ne va di buffa in. baffa, — la farina del diavolo va tutta in crusca, — la farina del diavolo non fa pane — ch’è l’antico proverbio: Male parta male deldbuntur, così travestito; a chi tuto sparagna el diavolo, o la gala magna, prov. chi sparagna, vien la gatta e glielo magna; el diavolo poi tentar ma no prezipitar,- prov. il diavolo può tentare, ma non precipitare; a le pute oziose el diavolo ghe baia in traversa, prov. ! donna oziosa non può essere virtuosa, — chi se ne sta con una mano sopra l’altra, il diavolo balla nel grembiule; el diavolo insegna farle, ma no sconderle, prov. il diavolo insegna a fare le pentole, ma non i coperchi, — il diavolo insegna rubare, ma non nascondere, — il diavolo la fa fare e poi la palesa, — il diavolo le insegna fare, ma non le insegna disfare; piova e sol el diavolo, o le vede va in amor, v. amor; el diavolo xe el,pare de le busie, v. bugia; el diavolo se voi far capuzin, v. capuzin; a casa del diavolo, far un casa, del diavolo, santo in cesa diavolo in casa e vignir de casa del diavolo, v. casa; rosso de mal pel zento diavoli per cavel, v. cavel; el diavolo dove che no ’l poi meter i corni el meli la coda, voler veder dove che ’l diavolo tien la coda e el diavolo gaveva de meterghe la coda, coda. . Dibater, va. dibattere,


Dibatuda, sf. dibattuta.

Dichiarar, va. dichiarare.

Didin, sm. ditino, dituccio,; ti voi el didin ? o ghe daremo ’l didin - si dice a persona adulta che fanciulleggi: dategli la chicca, — licenziate la balia, il bambino si balocca. ’

Diese,. agg. diece, dieci; i diese comandamenti, i dieci comandamenti, il decalogo.

Disibile, agg. dicibile.

Dieta, sf. dieta; diaria: - „Quando va a Vienna ha una diaria di cento fiorini al giorno;“ tignir in dieta, tenere a dieta, e met. alzare altrui la greppia, o la mangiatoia, — tenerlo a stecchetto.

Difalcar, va. difalcare, diffalcare*

Difender, va. difendere.

Diferenza, sf. differenza, discrepanza, disparere, divario, diversità.

Diferir, va.- differire; dilungare, procrastinare, prolungare.

Difesa, sf. difesa; riparo; difesa moral, egida, egide, usbergo; per difesa, adifesa: — „Argini innalzati a difesa dei campi.“

Difetar, va. difettare.

Difetin, difetuzo, sm. difettuccio.

Difeto, sm. difetto; imperfezione; difetto nella vista, per cui gli [p. 141 modifica] oggetti sembrano aver color diverso del naturale: crupsla; — di pronuncia, per cui alcuni non possono pronunciare il suono della r senza accompagnarlo da una specie di fischio: tranlismo; nel parlare che consiste nel troppo frequente accozzamento della lettera m: metacismo; — chi ha il difetto di pronuncia per cui non può pronunciar bene le parole in cui c’entrano le lettere I, s, o r: bleso; chi manda una specie di sibilo nel pronunciare le unite consonanti se: bisciolo; ognidun ga i su difetti, m. prov. solo Dio senza difetti, — ogni casa ha cesso e fogna, •— non c ’è uovo che non guazzi; chi xe in sospetto xe in difeto, m. prov. chi è in sospetto è in difetto, — chi è in peccato crede che tutti dicano male di lui, — chi ha la coda di paglia teme sempre di pigliar fuoco, — sospetto e difetto comprarono la casa insieme.

Difetuz, sm. difettuccio, maccatella.

Dificoltà, sf. difficoltà, difficoltade, difficoltate, difficultà difficultade, difficultate; far dificoltà, fare delle difficoltà; farse de le dificoltà, m. prov. cercar l’aspro nel liscio.

Difidar, vn. diffidare.

Difizile, agg. arduo, difficile, malagevole; far difizile, difficoltare: — „Per non difficoltarsi il lavoro bisogna prenderlo dolcemente;“ no esser gnente de difizile, m. avv. non essere di fuori: „2Vo xe gnente de difizile che’ l vegni a ora de pranzo. = Non è di fuori che venga pel desinare;“ ogni prinzipio xe difizile, prov. ogni principio è difficile; el difizile sta nel commziar, prov. barba bagnata è mezza fatta, — il peggio, o il più tristo passo è quello dell’uscio, o della soglia.

Difiziloto, agg difficiletto.

Digerir, vn. digerire, smaltire; digerir una baia, una piomba — e simili — digerire una cotta, una sbornia, — smaltire il vino, la birra, ecc.; dificoltà de digerir, apepsia, dispepsia; Digestion, sf. digestione.


Digo, specie d’mter. ascoltate — sentite — ehi — voi ! Dilapidar, vn. dilapidare, scialacquare, spargere.

Dilatar, va. e vn. allargare, ampliare, dilatare;. divulgare.

Dilatazion, sf. dilatazione; dilatazione morbosa delle arterie: aneurisma.

Diletar, vn. dilettare.

Diligente, agg. diligente, solerte.

Diluir, va. diluire.

Diluviar, va. diluviare, — piovere strabocchevolmente.

Dimanda, sf. dimanda, domanda; far la dimanda, far la chiesta: „La voi sentir una? Gaudenzio ghe ga fato la dimanda a siora Rosa. = Ne vuo’ sentir una? Gaudenzio ha fatto la chiesta alla signora Uosa“

Dimandar, va. chiedere; dimandare, domandare; interrogare; poet. cherere; dimandando se va Roma, m. prov. a dimandita si va a Roma, o domandando si va a Roma.

Dimenica, dimeniga, sf. domenica, sol die; domenica de le olive, o dei olivi, domenica dell’ulivo.

Dimenticatoio, v. usata nella frase: meter nel dimenticai, abbuiare che che sia, — metterla nel dimenticatoio

Dimentiganza, sf. dimenticanza; andar in dimentiganza, •— che che sia: andare fra gli scordati: — „La restituzione del libro prestatoti è andata fra gli scordati.“

Dimentigar, vn. dimenticare, scordare.

Dimeter, va. dimettere.

Diminuir, va. e vn. diminuire, scemare.

Dimostrar, va. addimostrare, dimostare; dichiarare, provare; manifestare.

Dindia, dindieta, sf. tacchina pollanca.

Dindin, v. imitativa il suono di una squilla: tintin.

Dindio, sm. zi. gallinaccio, polanco, pollo d’India, tacchino; met. imbecille, scimunito; seco come un dindio, secco come una lanterna, o come un uscio; rosso come un dindio [p. 142 modifica] rabià, rosso come un tacchino; grasso ’l dindio, inter. non c’ è sciali, o sfoggi; ’co o orco, o porco dindio, inter. cocuzze, cospettaccio, — e simili; una -pena de dindio sta sempre ben in scarsela, prov. sta bene avere allato due soldi di minchione.

Dio, sm. Dio, Iddio, e per antonomasia: l’Altissimo, — l’Amor divino, — l’Architetto divino, o Eterno, o Sovrano, l’Avversario d’ogni male, — la Bontà divina, o infinita, o somma, — il Dàtor d’ogni bene, — il Dispensator dell’universo, — l’Ente supremo, — l’Essere increato, — l’Essere supremo, — l’Eterna idea, — l’Eterno amore, — la Forma universale, — l’Increata sapienza, — l’Intelletto primo, — la Maestà divina, — il Padre del. cielo, — il Padre nostro, — la Prima causa, — il Primo amore, — il Primo motore, — il Puro atto, — il He dei rei, — il Re del cielo o de’ cieli, — il Sommo amore, il — Sommo artefice, — il Sommo bene, — il Sommo sole, — il Supremo amore, — la Suprema possanza; pi. dei, deidade, deitade, divinità; di Dio, superno: — „Cose impossibili senza il superno aiuto;“ popoli che credono in un Dio solo: monoteisti; popoli che professano più divinità: politeisti; santo Dio, esci. giusto cielo, santo cielo; grazie a Dio, esci, grazie, o lode al cielo, — lodato, o ringraziato il cielo; Dio sa, sa il cielo, lo sa il cielo: — „ Credi che verrà ? — Lo sa il cielo;“ vero come che xe Dio', vero come il padrenostro, o com’è vera la verità: — Be lo trovo ghe dago do sberle vero come che xe Dio'. = Se lo trovo, gli do du’ ceffoni, come è vera la verità volerghe el ben de Dio, loc. avv. volerci del bello e del buono; andar con Dio, o col nome de Dio, mei. andare alle Ballodole, — passare a miglior vita; aver finì de ofender Dio, met. averla fatta finita; dir l’ira de Dio, dire le piaghe di Cristo, — dire le sette peste, — dire od uno, o di uno, un colonnello d’ingiurie, di villanie, ecc.; — dirne ira di Dio, dir plagas; mandar con Dio — i mendichi: mandare in pace; col nome de Dio, nome di Dio; col nome de Dio e de la prima volta, nome di Dio e della prima volta; che Dio me perdoni, Dio non me. lo conti a peccato: — „C%e Dio me, lo perdoni ma le galine no le ga robade nissun altro che Giovani. — Dio non me lo conti a peccato, ma le galline non le ha rubate che Giovanni;“ che Dio volessi— formula desiderativa: — piaccia a Dio; che Dio no volessi, che Dio no fazi — formula deprecativa: non piaccia a Dio, — siami discosto; aver el ben de Dio, avere ogni ben di Dio, — chiedi e domanda; in grazia de Dio, la Dio mercè; come che xe Dio, essere quattrini gigliati — „Se no ghe porto do mani i bezi del interesse el me manda al incanto la casa come che .xe Dio. = Se non gli porto domani i denari dell’interesse, mi manda all’incanto la casa, son quattrini gigliati;„ grazia de Dio, grazia di Dio; far come che Dio comanda, fare ammodo, — a modo, — eon garbo; — per bene, — e simili; se Dio voi,, se Dio vuole; Dio me o ne guardi, Dio - me ne guardi, Dio mi guardi, — Dio ci guardi; che Dio ne liberi, che Dio ci guardi, — Dio ci liberi, — Dio ci guardi, scampi e liberi; che Dio ne la mandi bona, che Dio ce la mandi buona; xe tuto bon quél che manda Dio, le vie della divina provvidenza sono imperscrutibili; se Dio. no me, o no ne provedi, se Dio non mi, o non ci provvede; bisogna ciaparle o ciorle come che Dio le manda, loc. prov. non c’ è rimedio contro quel che vien di su; parer che un no gobi mai visto grazia de Dio, parer — quel tale venuto dall’assedio; bisogna lasar far a Dio, bisogna lasciar fare a Dio eh’ è santo vecchio; giurar sul nome de Dio, appellar Dio te- • stimonio d’una cosa; solo Dio xe infalibile, prov. non c’ è uomo che non erri nè cavallo che non sferri, — non è buon bifolco che faccia sempre diritto il solco; i pntei e i mali, o i putti e i imbriaghi i ga un Dio per lori, prov. la fortuna aiuta i matti ed i fanciulli. Lo dice anche l’Ariosto: Ma {{FineColonna} } [p. 143 modifica] la fortuna che dei matti ha cura ecc.; bastonar Dio per la testa, prov. nicchiare a pan bianco, — rammaricarsi di gamba sana, — ruzzare in briglia; che Dio te benedisi, che Dio ti benedica; cavando la grazia de Dio, 'salvando la grazia di Dio', — „Che, questo è pane ? E’ mota, 'salvando la grazia di Dio';“ a la Iona de Dio, m. avv. alla carlona, — alla sbracata — alla sciammanata, e far a la bona de Dìo, far là pur che sia o tirar via; in sto Dio, m. avv. così, in questo modo; a biondo Dio, m. avv. a bizzeffe, — ad esuberanza, — a divizia, — a dovizia,. — a iosa, — a piacere, — a ufo, — a volontà, — in abbondanza, — in copia,. — in massa, — in quantità, — in ridondanza, — e nevigar, piover, tempestar a biondo Dio, o che Dio la manda, nevicare fortemente, — piovere a catinelle, o a ciel rovescio, — tempestare assai; — che Dio te spolpi, bassa imprecazione: che Dio t’assaetti — che tu possa accidentare; — chi se aiuta Dio lo aiuta, prov. chi s’aiuta il ciel, o Dio l’aiuta, — a tela ordita Dio manda il filo, — la buona cura caccia la mala ventura; Dìo disi aiutile che te aiutarò anca mi, prov. Dio dice: aiutati che il ciel ti aiuta; Dio vedi e prevedi, prov. Dio vede e provvede; omo alegro Dio lo aiuta, prov. uomo allegro il ciel lo aiuta; V omo proponi e Dio disponi, prov. i detti son nostri ed i fatti son di Dio, — l’uomo propone e Dio dispone; Dio manda ’l fredo secondo i pani, prov. Dio manda il freddo, o il gelo, secondo i panni; ognidun per se e Dio per tuti, prov. ognun dal canto suo cura si prenda, — ognun per se, e Dio per tutti; co Dio no voi nanca i santi no poi, prov. quando Dio non vuole i santi non possono; vose de popolo vose de Dio, prov. voce di popolo, voce di Dio; Dio no paga ’l sabo, o Dio xe un bon paron, el paga a la su stagion, o Dio no xe furlan, se no ’l paga ogi el paga doman, prov Dio non paga li sabato, — Domeneddio non paga a giornate, — il castigo si può differire, ma non si toglie, — il giorno che si fa il delito non si va in prigione, — la pena è zoppa, ma pure arriva,. — la vendetta di Dio non piomba in fretta, — gli antichi dicevano parimenti: Reperii Deus nocentem-, de un segnà de Dio zento passi indrio, — e qualche volta aggiungesi, per far sfòggio di dottrina: e de un zoto zento e oto, prov. guardati da’ segnati di Cristo; chi sta con Dio, Dio sta con lu, prov. chi sta con Dio, Dio sta con lui, — chi sta con Dio non gli manca pane; Dio solo no ga paron, prov. Dio non ha padrone; Dio sa quel che fa, prov. Dio sa quel che fa, — Dio solo non può fallire, — è meglio quel che Dio manda, che quel che l’uom domanda, — la provvidenza quel che toglie rende, — quel che Dio fa è ben fatto, — quel che non si conviene, da Dio mai non si ottiene; Dio li fa e po li compagna, o Dio li ga fati e li ga compagnai v. acompagnar; per l’amor de Dio, v. amor -, che Dio ghe brazi l’anima, v. anima; Dio sera un balcon e verzi un porton, v. balcon; che Dio te dia o glie dia del ben, e esser el ben de Dio v. ben.


Diol, sm. affanno, ambascia, dolore, duolo, pena.

Dioler, vn. dolere.

Dipender, vn. dèpendere, dipendere; derivare, procedere, provenire; no dipender de nissun, dipendere da sè stesso.

Dir, va. articolare; dicere, dire; esprimere; dir di si accennando col capo: annuire; che no se poi dir — tanto è sublime: ineffabile, inenarrabile; — tanto è scellerato: nefando; al dir — di chi si sia: al detto: — „Al detto del pubblico è un solenne truffatore;“ dir tuto tn un fià, dir sotto un riaver d’alito; no dir qualcossa come che la xe, chiamar la gatta boncia; dir roba dell’altro mondo, met. dir cose da impregnar le ciuche; no dir ne tru ne eri, o ne eri ne mus, non fare nè motto nè totto: — „ Senza dir ne eri ne mus, el ga ciolto el su capei e el xe andà. = Senza fare nè motto nè totto ha preso il su’ cappello e se n’è andato; * dir torno, divulgare, propalare; no xe [p. 144 modifica] cossa dir, non c’è clie dire; xe un gran dir, e’è un gran dire, — è tutto dire; far un dir, cicalare; no mandarle dir, met. avere sciolto lo scilinguagnolo, — dirle a lettere d’appigionasi, o di scatola, o da speziali, — non mandarle a dir dietro; per aver sentido dir, per sentito dire: — » Parlo per sentito dire, quanto ci sia di vero io non lo so;“ voler dir, venire a dire: — „Questo discorso viene a dire ohe non mi vuoi fare il favore pregatoti se fa presto dir, si fa presto a dire; se la savaremo dir, ce la sapremo dire, o me la saprai dire; la sa, o ti sa cossa che go, o cossa che te go de dir ? — frase conchiusionale: sa, o la sai la nuo va? — „La sai la nuova ? In casa mia non voglio che tu ci venga più; ’ dir mal drio le spalecardare; dir la sorte, far la ventura: — „Le zingare vi fanno la ventura sulla palma della mano;“ se fa per dir, sto per dire; trovar de dir su tuto, appellare ogni cosa; a dir el vero, a dir vero, o il vero, — a vero dire; come no dito, sia per non detto; digo ben ? dico bene ? mi diria quasi, io direi quasi; la diqhi dai, dica su; lo -disevo mi lo diceva io a dirla sceta, a dirla schietta; te so, o ghe so dir mi, ti so, o le so dire; no voler dir gnente, met. non voler dire: — „Se non hai condotto il cane non vuol dire, ne faremo senza;“ come ti disi, o come la disi? come dici? o come dice ? — come sarebbe a dire ?; fazo, o se fa per dir, fo per dire, vengo per dire; quanto che se tpol dir — onesto, cattivo, ecc.: quanto ce n’entra: — „ Cattivo quanto ce n’entra.“ — „Portinaio onesto quanto ce n’entra;“ so ben mi quel che digo, m’inten’io — e con efficacia maggiore: m’intend’io delle mie orazioni: no rivar dir Gesù Maria, non arrivar dire Gesù e Maria; averselo per dito, tenerselo per detto; altro xe el dir altro xe el far, o dal dito al fato ghe passa un irato, o dal dir al far ghe -passa diferenza, -prov. altro è dire, altro è fare, — dal detto al fatto c’è un gran tratto, — dal fare al dire c’è che ire, — il dire è una il fare è un’altra cosa, — fra il dire e il fare || c’è di mezzo il mare, — fra il dire e il fare si consumano di molte scarpe; ognidun voi dir la sua, prov. chi fa la casa in piazza o e’ la fa troppo alta o e’ la fa troppo bassa; a air se fa presto, prov. a dire si fa presto, — acquerello e parole se ne fa quant’un ne vuole.


Diramada, sf. diramamento, diramazione.

Diramar, va. diramare: — Y’è chi trova barbara questa voce, ma la registra ciò non ostante, e senza aggiungervi una corrispondente che non sia barbara.

Direa, sf. cacaia, cacaiuola, cacarella, diarrea, dissenteria, flusso, soccorrenza, scorrenza.

Diretor, diritor, sm. antista, direttore.

Diriger, va. dirigere.

Dirindela(andaroesserin), m. avv. andare, o essere in farsetto.Diroto, agg. crepato, ernioso.

Disanimar, va. disanimare, scoraggiare, scoraggire.

Disaprovar, va. disapprovare, biasimare, Censurare.

Disaprovazion, sf. disapprovazione-.

Disarmar, va. disarmare; mar. scorredare.

Disarmizar, va. disarmeggiare.

Disavedudo, agg. disavveduto.

Disavezar, va. disavezzare, divezzare, svezzare.

Disavido, agg. sciocco: — „ Questo brodo xe disavido. = Questo brodo è sciocco.“

Disbaladura, sf. sballatura.

Disbaiar, va. sballare.

Disbarcar, va. sbarcare.

Disbaretar, va. sberretare.

Disbaretada, sf. sberrettata.

Disbatizar, va. sbattezzare.

Disbaular, va.’ sbaulare.

Disbendar, va. disbendare, sbendare.

Disbolar, va. dissiggillare, dissuggellare.

Disbonir, va. sboccare.

Disboscar, va. diboscare, smacchiare. [p. 145 modifica] Disbotonar, va. sbottonare.

Disbratada, sf. sbrattata.

Disbratadina, sf. sbrattatina.

Disbratar, va. rigovernare; sbrattare; sm. sbratto; met. dar le pere, — levarsi tino d’attorno.

Disbrenar, va. sbrigliare.

Disbrigar, va. sbrigare, spicciare; condurre a termine che che sia; vnp. liberarsi, sciogliersi — da cosa che impaccia, e riferiscesi anche a persona.

Disbrocar, va. sbullettare.

Disbudelar, va. sbudellare.

Discadenar, va. scatenare, — trar di catena, sciorre altrui di catena.

Discalzar, va. scalzare.

Discalzinadura, rf scalcinatura.

Discalzinar, va. e vn. scalcinare, scrostare; scanicare, scortecciare.

Discalzo, agg: scalzo; sgambucciato.

Discanzeladura, sf. scancellatura.

Discanzelar, va. cancellare, discancellare, scancellare.

Discapelar, va. scappellare.

Discapitar, va. scapitare, — andare il guadagno dietro la cassetta.

Discarigada, sf. discaricamento, scaricamento; evacuazione.

Discarigar, va. scaricare.

Discarnar, va. discarnare, scarnare, scarnificare.

Discartar, va. scartare.

Discarzerar, va. scarcerare.

Disciodadura, sf. (disciodadura) schiodatura.

Disciodar, va. (disciodar) dischiodare, schiodare.

Discoconar, va. scocchiumare.

Discolar, va. scollare.

Discolazo, sm. discolaccio.

Discolo, agg. discolo, dissoluto; fuggifatica; scioperato; gabbamondo; far vita de discolo, discoleggiare.

Discolorida, sf. scoloramento; scolorimento.

Discolorir, va. discolorare, discolorire; vn. scolorare.

Discolpar, va. discolpare, scolpare.


Discomodamente, avv. con scomodità, disagiatamente, scomodamente.

Discomodar, va. disagiare, incomodare, scomodare.

Discomodità, discomodo, sf. disagio, discomodità, discomodo, scomodo.

Discompagnar, va. discompagnare; dispaiare, spaiare.

Discompagno, agg. differente, dissimile, disuguale.

Discomparir, vn. scomparire; screditare, sfigurare.

Discomponer, vn. scomporre; decomporre.

Discomunica, sf. scomunica.

Discomunicar, va. scomunicare.

Disconcordia, sf. sconcordia.

Disconosenza, s/1. disconoscenza, sconoscenza.

Disconoser, vn. disconoscere, misconoscere, sconoscere.

Disconsacrar, va. sconsacrare.

Disconsiliar, va. dissuadere, sconsigliare.

Discontentar, va. discontentare, scontentare, — render scontento.

Discontento, agg. scontento.

Disconveniente, avv. sconvenevole, sconveniente.

Disconzar, va. disconciare, guastare, sconciare.

Disconzertar, va. disconcertare, sconcertare.

Discoragiar, va. discoraggiare, scoraggiare, scoraggire, scorare.

Discordar, vn. dimenticare; obliare; scordare.

Discordia, sf. discordia, discrepanza.

Discorer, va. discorrere; favellare, parlare; ragionare; discoreremo — specie di minaccia: ci discorreremo, o la discorreremo, o si discorrerà.

Discornisada, sf. scorniciamento, scorniciatura.

Discornisar, va. scorniciare.

Discoronar, va. scoronare.

Discorsazo, sm. discorsacelo.

Discorseto, sm. discorsetto, discorsino, discorsucciaccio, discorsuccio; discorsettaccio.

Discorsivo, agg. conversevole.

Discorso, sm. discorso, ragionamento; — di cose sacre: agiologia; E. Kosovitz. — Dizionario ecc. 10 [p. 146 modifica] — sulle materie alimentari: alimurgia; — di cose mirabili e mostruose: teratologia; — assurdo: alogia; — che ha senso doppio ed equivoco: anfibologia; — lungo, noioso e spiacevole: stampita; — lungo, di cose che ben non convengono insieme — - come se ne usa fare in oggi, dai così detti oratori: tantafèra, tantaferata; — fatto in pubblico a gente raccolta: arringa; entrar troppo col discorso e dir cose che non convengono: dar troppa mazza; voltar el discorso, girare il discorso.

Discorsoli, sm. discorsone.

Discorzar, va. sbucciare; scortecciare; scorzare; sgusciare.

Discostar, va. discostare, scostare.

Discoverzer, va. scoprire; più che se se discoverzi ptù fredo se ga, prov. non bisogna far troppo palla di sè stesso, — povero nè minchione non ti far mai, -- non bisogna buttarsi fra i morti.

Discreditar, va. screditare.

Discrenado, agg. scrinato: — „Un cavallaccio arrembato colla coda mezzo scrinata.“

Discrenar, va. scrinare.

Discreto, agg. discreto; gagliardo, grande, grosso; moderato, non caro; passabile, sufficientemente buono; prudente, savio.

Discrezion, sm. discretezza, discrezione, discrizione, moderazione, temperanza; tirar a discrezion, m. de’ cacciatori: tirare a buzzico: — „ Sentivo ciamarse le pernise fra ’l saresin e go tirà a discrezion. = Sentiva chiamarsi le pernici fra il fagopiro ed ho tirato a buzzico.“

Discrostada, sf. scrostamento; scani camento.

Discrostar, va. scrostare; vn. scanioare: — „Intonaco scanicato causa l’umido.“

Discrudir, vn. scrudire.

Discugnar, va. sbiettare.

Discùser, discusìr, va. discucire, scucire; sdrucire, sdruscire.

Discusidura, sf. sdrucimento, sdrucio, sdrucitura.

Discusion, sf. discussione.

Discuter, va. discutere.


Disdir, va. disdicere, disdire.

Disdotesimo, agg. decimottavo, diciaottesimo, diciottesimo.

Disdoto, agg. diciaotto, dieciotto.

Disecante, sm. essicante, essicativo.

Disegnador, sm. disegnatore.

Disegnadura, sf. disegnatura.

Disegnar, va. disegnare.

Disegneto, sm. disegnino.

Disendente, agg. descendente, discendente.

Disendenza, sf. discendenza, progenie, prosapia, schiatta.

Disender, vn. discendere.

Disepoio, sm. discepolo.

Diserner, va. discemere, disferenziare; giudicare, ravvisare, riconoscere.

Disernimento, sm. discernimento.

Diseredar, va. deredare, deretare, diseredare.

Disfà, agg. fuso; sfatto; sciolto; liquefatto; met, ubbriaco cotto, ubbriaco fradicio.

Disfada, sf. scioglimento.

Disfadura, sf. disfacitura.

Disfamar, va. disfamare, sbramare, sfamare; diffamare, disfamare.

Disfangar, va. sfangare, spillaccherare.

Disfar, va. e vn. colliquare, disfare; sciogliere; sconfiggere; sgomitolare; squagliare; che se poi disfar, solubile; che no se poi disfar, indissolubile; disfar case, demolire; — roba cusida, sdrucire, sdruscire, scucire; — un gropo, sciogliere un nodo; — muri, smurare; — del iazg, liquefare, sciogliere, struggere; disfarse — di checchessia: sfarsi di quella tal cosa; far e disfar xe tuto un lavorar, prov. fare e disfare è tutto un lavorare.

Disfarinar, va. sfarinacciare, sfarinare.

Disfassada, sf. sfasciamento.

Disfassar.va.disfasciare, sfasciare.

Disfata, sf. disfatta, rotta, sconfìtta.

Disfavor, vn. disfavore. [p. 147 modifica] Disfavorir, vn. sfavorire.

Disferar, va. sferrare.

Disfibiar, va. sfibbiare.

Disfigurar, va. deformare, disfigurare, sfigurare, trasfigurare.

Disfilar, va. sfilare; sfilacciare, sfilacci care.

Disfiorar, va. sfiorare.

Disfissir, va. distemperare, stemperare.

Disfodrar, va. sfoderare, sfodrare; disfodrar la spada — e simili ---sguainare la spada, ecc.

Disformar, va. deformare, difformare, sformare.

Disfornar, va. sfornare.

Disfornir, va. disabbellire, disadornare, disfornire, sguernire.

Disfortuna, sf. sfortuna.

Disfortunado, agg. disavventurato, disfortunato, sfortunato, malavventurato, sventurato; ai disfortunai le disgrazie glie cori drio, m. prov. chi ha avere la mala mattina non occorre che si levi tardi, — all’uomo sventurato gli tempesta nel forno.

Disfredir, vn. affreddare, freddire; cominziarse a disfredir, met. discucire l’amistà, ecc.

Disfrito, sm. soffritto.

Disfrizer, va. soffriggere.

Disgiustar, va, guastare, scomporre, sconciare.

Disgomar, va. sgommare.

Disgradar, va. degradare.

Disgranadura, sf. sgranatura.

Disgranar, va. sgranare, sgranellare, disgranellare.

Disgrassar, va. sgrassare.

Disgrazia, sf. calamità, disastro, disavventura, disgrazia, infortunio, sciagura, sinistro, sventura, — accidente infausto; no voler saverghene de disgrazie, met. attaccare i pensieri alla campanella dell’uscio; zercar disgrazie, prov. caricarsi di legna verdi, — cercare Maria per Ravenna; le disgrazie xe sempre pronte, prov. le disgrazie sono come le tavole degli osti ’; una disgrazia no vien mai sola, prov. un mal tira l’altro, — le digrazie non vanno mai sole, — le disgrazie sono come le ciliegie, — un male e un frate rade volte soli, — non si rompe mai un bicchiere che non se ne rompan tre, — ogni mal voi giunta. Digraziado, agg. lo stesso che disfortunado.


Disgrezada, sf. digrossamento, dirozzamento.

Disgrezado, agg. digrossato, dirozzato, sgrossato.

Disgrezar, va. dirozzare; digrossare, sgrossare; subbiare; disgrezar qualchedun, dirozzare, impratichire, scaltrire, o scozzonare quel tale.

Disgropar, va. disgroppare, sgroppare, sgruppare, — sciogliere i nodi.

Disgustar, va. disgustare, sgustare.

Disgusto, sm. disgustevolezza, disgusto, dispiacenza; inimistà; livore; prinzipio de disgusto, dissapore.

Disiazar, vn. dighiacciare, disghiacciare, sdiacciare, sgelare — lo sciogliersi che fa il ghiaccio; dimoiare — lo sgelarsi del terreno ingelato. Disimbriagar, vn. disebriare, disubbriacare.

Disimpazar, va. disimpacciare.

Disimpegnar, vn. disimpegnare.

Disinfetar, vn. disinfettare.

Disinganar, va. disingannare, sgannare.

Disinteresado, agg. disinteressato.

Disinteresar, vn. disinteressare.

Disiplina, sf. disciplina.

Disiplinar, va. disciplinare.

Disisete, agg. diciassette, diecisette.

Dislatar, vn. divezzare, slattare, spoppare, — levar dal latte.

Disligar, va. disciogliere, dislegare; scignere, slacciare, scingere, sciogliere; slegare; disligar i cani, sguinzagliarli.

Dismascarar, va. dismascherare, smascherare.

Dismedolar, va. smidollare.

Dismentigar, vn. dismenticare, dimenticare, obliare, scordare.

Dismentigon, agg. smemorato.

Dismesso, agg. dimesso; fuori di moda, fuori di uso, messo da parte. [p. 148 modifica] Dismeter, vn. dimettere, dismettere, smettere, tralasciare.

Dismezar, va. smezzare.

Dismisiar, vn. destare, svegliare; dismisiar i morti, prov. svegliare il cane che dorme.

Dismisurado, agg. dismisurato, eccedente, eccessivo, smisurato, fclgj’ Dismobiliar, va. smobiliare.

Dismolar, va. slegare, scignere; sviticchiare: — ’ „E’ son tanti i capreoli che non è possibile sviticchiare cotesta pianta.“

Dismontar, va. discendere, dismontare, iscendere, scenderò, smontare. :;; Dismover, va. dimuovere, dismuovere, distogliere.

Disnaturado, agg. disnaturato, snaturato.

Disnervar, vn.~ disnerbare., disnervare, snervare.

Disnidar, va. snidare

Disnovè, agg. diciannove, diecinove.

Disobligar, va. disobbligare.

Disocupado, agg. disoccupato; perdigiorni, scioperone, sfaccendato.

Disocupar, vn. disoccupare.

DisnomboJar, va. dislombare, slombare.

Disonestà, sf, disonestà, disonestade, disonestate; lascivia; oscenità.

Disonesto, agg. disonesto; impudico; lascivo; osceno; .turpe.

Disonor, sm. disdoro (Foscolo, Lami), disonore, ignominia, infamia, macchia, obbrobrio; scorno, vergogna, vituperio, vitupero; far disonor, tornare a vergogna; contar fora el proprio disonor, aver le corna in seno e mettersele in capo; viver del disonor de la molie, campare di fusa torte.

Disonorar, va. e vn. bruttare, contaminare, disonorare, macchiare; disonorar grandemente, vituperare.

Disordinado, agg. disordinato.

Disordinar, va. disordinare, ingarbugliare, scompigliare, — perturbar “l’ordine.

Disordine, sm. disordine, scompiglio, turbamento; intemperanza; stravizio; sregolatezza; de un disordine nassi un ordine, m. prov. d’un disordine nasce un ordine, — uno sconcio fa un acconcio.


Disorganizar, va. disorganizzare.

Dispacar, dispachetar, va. dispaccare, spaccare.

Dispaiada, sf spagliata.

Dispaiar, va. spagliare.

Dispalar, va. spalare.

Dispar, agg. e sm, caffo, dispari, impari; zogar par e dispar, fare a pari e caffo.

Disparar, vn. disimparare, disparare.

Dispareciada, sf. sparecchio.

Dispareciar, va. disparecchiare, sparecchiare.

Disparer, sm. discrepanza, disparere; vn. disparere.

Disparte(in), avv. in - disparte, in luogo appartato; andar in disparte, appartarsi; star in disparte,. stare appartato, — stare in cesso: Dante Inf. XXII... stien li Malebranche un poco in cesso; damar disparte, chiamare a parte, o in disparte.

Dispazio, sm. dispaccio.

Dispedociar, va. spidocchiare.

Dispegnar, va. dispegnare“, spegnare.

Dispenolar, va. sbiettare.

Dispensar, vn. esonerare, dispensare; compartire, dispensare, distribuire, scompartire.

Dispensuza, sf. dispensuccia.

Disper, agg. esm. lo stesso che dispar.

Disperà, - agg. e sm. disperato; meschino, pezzente, tapino; come un disperà, m, avv. alla disperata, — come un disperato.

Disperadon, agg. disperatissimo.

Disperar, va, disperare; vnp. disperarsi, — buttarsi, darsi, o gettarsi al disperato, — darsi alle, streghe.

Disperazion, sf. desperazione, disperagione, disperamento, disperazione; dispero; afflizione. — Una madre dirà p. e. al figliuolo scapestrato: — „ Ti ti xe la mia disperazion. = Tu se’ la mia “ afflizione.“

Disperder, va. disperdere; sbaragliare, metter in rotta; sconciarsi: [p. 149 modifica] — „ Luzia ga disperso. = Lucia s’è sconciata.“

Dispetazo, sm. dispettaccio.

Dispetin, sm. dispettino, dispettuzzo.

Dispetinar, va. arruffare, scarmigliare, schiomare, spettinare.

Dispeto, sm. dispetto; poet. dispitto; per dispeto, m. avv. a marcio dispetto, per dispetto; e andar via per dispeto — vittuarie, animali, oggetti qualsiasi: andare a ruba, o andare come il pepe, — vendere a bocca baciata.

Dispetosazo, agg. dispettosaccio.

Dispetoseto, agg. dispettosello, dispettosino.

Dispetoso, agg. dispettoso; altero, spregiante; bruto dispetoso, m. famigliare: brutto e dispettoso.

Dispetuzo, sm. dispettuccio.

Dispiantar, va. sbarbicare, svellere; diradicare, spiantare.

Dispiàser, vn. accorare, dispiacere, — essere, o rimanere dolente, — provar rammarico; dispiàser nel cor, met. dispiacere insino al cuore, — andare il sangue a catinelle; se no te, o se no ghe dispiasi, m. famigliare: non ti, o non le dispiaccia; no dispiàser, non essere discaro.

Dispiazente, agg. afflitto, dispiacente, grullo.

Dispiàzèr, sm. dispiacere; chi no ghe ne ga — fioi — ga un dispiazer solo, m. prov. chi non ne ha, ha un dispiacere solo.

Dispiazereto, sm. dispiaceruccio.

Dispiazevole, agg. spiacevole.

Dispicar, va. dispiccare; spiccare, staccare.

Dispiegar, va. dispiegare, distendere, spiegare.

Dispiombar, m. spiombare.

Dispirar, va. sfilare: — ,.Mi si è sfilato l’ago;“ slacciare, sfibbiare: — „Abbi la bontà, ti prego, slacciami il busto.“

Dispoiada, sf. dispogliamelo, spogliata.

Dispoiar, va. denudare, dispogliare. spogliare, svestire; chi che se vesti de la roba dei altri presto se dispoia, prov. chi de’ panni altrui si veste, presto si spoglia, — chi dell’altrui si veste, ben gli sta, ma tosto gli esce.


Dispolverar, va. spolverare.

Disponer, e dispor, va. disporre“.

Dispontar, va. spuntare. ’ Disposente, agg. impotente.

Disposizion, sf. disposizione; attitudine, inclinazione, natura; opportunità.

Disposto, agg. additto, disposto, inclinato, proclive.

Dispretar, va. spretare.

Disprezador, sm. disprezzatore.

Disprezar, vn. dispregiare, disprezzare, spregiare, sprezzare, — avere, o tenere in dispregio.

Disprezo, sm. dispregio, disprezzo, sprezzo; disprezzo ingiurioso: disprezzata; disprezzo congiunto a biasimo, per lo più in pena di azioni sommamente vili: ignominia.

Dispulisar, va. spulciare.

Disputar, va. disputare.

Disquilibrar, va. e vn. disequilibrare.

Disruzinir, va. srugginire.

Dissetar, va. dissellare.

Dissepelir, «a. dissepellire; dissepelir un cadavere, esumare un cadavere.

Dissepelimento, sm. disseppellimento; t. leg. e med. disumazione.

Dissestar, va. disordinare, pregiudicare, sconcertare.

Dissigilar, va. dissiggillare, dissuggellare.

Dissimulador, sm. dissimulatore.

Dissimular, va. dissimulare, simulare.

Dissipador, sm. dilapidatore, dissipatore, prodigo, scialacquatore.

Dissipar, vn. dissipare, fondere, scialacquare, sprecare.

Dissomiliante, agg. dissimigliante, dissomigliante.

Dissomilianza, sf. dissimiglianza, dissomiglianza.

Dissoterar, va. disotterrare, dissotterrare.

Disuader, va. dissuadere, distor--. re, — trar di capo, o di mente.

Distabarar, va. stabarrare. [p. 150 modifica] Distacà, agg. spaniate; spiccato; staccato; libero; distacado con forza, divelto, divulso.

Distacabile, agg. staccabile.

Distacadura, sf. distaccamento, distaccanza, distaccatura, staccamento.

Distacar, va: distaccare; spaniare; spiccare; staccare.

Distanza, sf. distanza; star a rispetosa distanza, stare, o trarsi a una rispettosa distanza; tignir a rispetosa distanza, tener, o tenersi alcuno a una rispettosa distanza.

Distemperar, va distemperare, distemprare, stemperare; liquefare

Distender, va. distendere, stendere; vnp. diffondersi spargersi; allungarsi, allargarsi, spiegare; distender la tenduda, m. degli uccellatori: spaniare.

Distesser, va. distessere, stessere, — disfare il tessuto.

Distilador, sm. distillatore; distillatoio, distillatorio.

Distilar, va. distillare.

Distilazion,-sf. distillazione.

Distin, sm. destino; del destin no se ghe scampa, prov. chi ha rompere il collo, trova la scala, o la strada al buio, — quando s’ha rompere il collo si trova la scala, — chi ha da morir di forca può ballare sul fiume.

Distinguer, vn. disce’rnere, disferenziare, distinguere.

Distinzion, sf. distinzione; far distinzion, fare distinzione, — fare, o porre differenza; senza distinzion, senza distinzione, — indifferentemente, senza differenza.

Distirà, agg. disteso, sdraiato; star distirà su la schena, giacere, o stare supino; — su la panza, giacere, o stare boccone.

Distirada, sf. sdraiata; stiratura; met. crepata, morte.

Distirar, va. allargare; allungare; distendere; stirare; spiegare; stendere; spianare: — „Emma, spianate voi oggi la pasta per le tagliatelle, ve ne saprò grado;“ met. porre, o posare uno sulle lastre: — „Il lottatore lo pose sulle lastre al primo assalto vnp. sdraiarsi; distirar lafiaca, met. crogiolarsi, oziare; distirar i crochi, met. dare la capata, tirare l’aiuolo, o il calzino; distirar le carte in man quando che se zoga, sfogliare le carte.


Distolier, va. distogliere, e per sincope: distorre.

Distopar, va. distoppare; sturare.

Distortolar, va. e vn. distorcere, scontorcere, storcere.

Distra'car, vn. riposare.

Distrar, vn. distraere, distraggere, distrarre; frastornare; diviare, storre, svagare.

Distraton, -agg. e sm. sbadatissimo, distrattissimo.

Distrazion, sf. distrazione; diviamento, svagamento.

Distretual, agg. e sm. distrettuale.

Distribuir, va. distribuire, compartire; disporre, ordinare.

Distributor, sm. distribuitore, distributore.

Distribuzion, sf. distribuzione.

Distrigada, sf. sbrogliata; sgomberata; mangiata, scorpacciata.

Distrigar, va. sbrigare; spicciare; sgomberare; strigare; districare; distrigare; stricare; distrigarse de qualchedun, dare, o porre il lembo, o il lembuccio in mano chi che sia, — dargli le pere.

Distropada, sf. schiusa.

Distropar, va. sturare, schiudere.

Distruger, vn. distruggere; consumare, logorare; dilapidare; fondere, spargere; digerire, smaltire.

Distruto, sm. strutto.

Distrutor, sm. distruggitore.

Distruzion, sf. distruzione; aver el spirito de distruzion, avere lo spirito della distruzione.

Distudada, sf. spegnimento, spenta.

Distudar, va. spegnere, spengere; estinguere; distudar el farai, met. vuotare il boccale, o il fiasco.

Disturbala, sf. disturbo.

Disturbador, sf. sturbatore.

Dtsturbar, va. e vn. disturbare; frastornare; vnp. incomodarsi, prendersi fastidio. .

Disubidiente, agg. disobbediente. [p. 151 modifica] Disubidir, vn. disobbedire, disubbidire.

Disugualianza, sf. disuguaglianza.

Disugualjar, va. disuguagliare, — rendere disuguale.

Disunion, sf. disunione; disgiunzione, separazione; discordia.

Disunir, va. disgiugnere, disgiungere, disunire, separare.

Disunità, sf. disunitezza.

Disusar, va. disusare, smettere l’uso; divezzare, togliere la consuetudine.

Disverginar, va. defiorare, sverginare; tn. de’ cacciatori: rompere la brigata: — „Sperava di rompere la brigata delle cotornici, ma non ha fatt’altro che sprecare polvere e pallini.“

Disvestir, va, disvestire, spogliare, svestire.

Disvezar, vn. disavvezzare, disusare, divezzare, sdivezzare.

Disviar, va. e vn. deviare, disviare, sviare.

Disvidar, va. svitare.

Disvisciar, va. (disvkciar) disvischiare, spaniare.

Disviziar, va. sviziare.

Disvodar, va. votare, vuotare.

Disvoiar, va. svogliare.

Disvoler, vn. disvolere.

Disvoltizar, va. svolgere.

Diszervelar, va. dicervellare, discervellare.

Dita, sf. ditta; met. furbaccio, scaltro, — bambino da Ravenna — cattivo soggetto, — corbacchione di campanile.

Ditator, sm. dittatore.

Dito, sm. detto; dal di/o al fato, m. avv. fra il dire e il fare: — n^ra il dire e il fare usci fuori con uno scatoroscio d’improperi;“ esser el dito, essere il dittaggio: — „Xe el dito che ’l fa la spia, = 0’ è il dittaggio che faccia la spia;“ dal dito al fato ghe xe un gran trato, ecc. v.- dir.

Diventar, vn. divenire, diventare; doventare, venire; diventar bon, rustego, ecc. addarsi al buono, al rustico, ecc.

Diverso, agg. diverso molteplice, vario; nel pi. alquanti, parecchi, vari.


Divertimento, sm. divertimento, sollazzo, spasso; pensar solo ai divertimenti, avere il capo a’ cembali

Divertir, va. divertire, spassare.

Divider, va. dividere; spartire; tornar a divider, ridividere, suddividere.

Divino, agg. divino; poet. divo; met. ammirabile; squisito.

Divisar, vn. divisare; disegnare, immaginare, pensare.

Divorador, sm. divoratore, ingluviatore, mangione.

Divorar, va. divorare; mangiare; divorar la strada, met. spacciare il terreno.

Divorziar, vn. divorziare.

Divozion, sf. devozione; romper la divozion, met. rompere il cantino, o la devozione.

Divulgar, va. divulgare, propalare.

Dizun, sm. digiuno; a dizun, tn. avv. a digiuno; romper el clizun, solvere il digiuno.

Dizunar, vn. digiunare.

Do, agg. dua, due, dui, duo, duoi; sm. do; tuti do, ambedue, ambedui, ambeduo, ambi, ambidue, ambidui, ambiduo, ambiduoi, ambo, ambodue, ambodui, entrambi, l’uno e l’altro; a do a do, a coppia a coppia, a due a due; perchè do no fa tre, frase conclusionale: perchè le due non fanno le tre; esser come do e do quatro, essere come quattro e quattr’otto; esser in do — o tre — scotar, essere in due, o tre tapini: — „ I xe in do scoiai e i tien serva e coga. = Sono in du’ tapini e tengon serva e cuoca;“ farghene do, met. fare de’ cocci: — „Porta via quel piato, ma varda de no farghene do fora, sa. = Porta via quel piatto, ma bada, veh di non far de’ cocci.“ Documentar, va. corredare,’ documentare, illustrare.

Dodise, agg. dodici.

Dodizesimo, agg dodecimo, dodicesimo, duodecimo; agg. e sm. dodicesimo.

Doga, sf, doga; fato a doghe, dogato; addogato. [p. 152 modifica] Dogana, sf. dogana; cavar de dogana, sdoganare, sgabellare.

Doganier, sm. doganiere.

Doge, sm. doge, e nel /. dogaressa.

Doia, sf. doglia; aver le doie — lo dicono gli ostetrici, delle partorienti per significare il periodo in cui durano gli sforzi onde espellere il feto da quando incominciano le contrazioni uterine fino alla nascita della creaturina: essere in travaglio; doie mate, doglie fredde.

Doieta, sf. dogliarella, doglierella, dogliuzza.

Doler, dolir, vn. dolere; dolere tanto o quanto: dolicchiare; doliccicare; dolerse de qualchidun, biasimarsi di quel tale.

Dolfin, sm. lo stesso che delfin.

Dolor, sm. affanno, afflizione, cordoglio, doglia, doglianza, doglienza, dolore, duolo, passione, pena; rammarico; che da dolor, penàce; dolor inorai assai forte, crepacore, crepacuore; dolor de. testa, emicrania; dolori articolari, artritide; dolor de denti, e fora ’l dente fora ’l dolor, v. dente.

Doloreto, sm. doloretto, doloruccio.

Dolze, agg. dolce; sm. dolce, dolcezza; dolze come ’l miei, o come ’l zucoro, dolcissimo, e detto di vino molto dolce, quasi untuoso: dolce colato; dolze che nausea, dolce smaccato; dolze garbo, detto di sapore: dolce frizzante, e detto di vivanda: agrodolce; dopo ’l’dolze vien’l’amaro, v. amaro.

Dolzin, agg. dolcigno.

Doman, avv. dimane, dimani^ domane, domani; doman oto, doman quindise, ecc. domani a otto, domani a quindici, ecc.; dòpo doman,. dopo domani doman l’altro, posdomani; doman de matina, domani mattina, doman mattina, domattina; doman de sera, domani a sera, doman da sera, domani sera; da ogi a doman, d’oggi a domani; si, doman, o si, doman de. matina, met. domani; ogi a mi, doman a ti, loc. prov, oggi a me domani a te.


Domanda, sf. addimandita, addimando, dimanda, domanda, chiesta; interrogazione.

Domandar, va. chiedere; domandare; interrogare; domandar la carità, accattare, limosinare, — battere .la birba; domandar per i altri quel che.se desidera per sè, dar da bere al prete che il cherico ha sete; domandar xe lezito, m. prov. domandare è senno e rispondere è cortesia; domandando se va a Sòma, prov. domandando si va a Roma, domandando si va da per tutto.

Domar, va. domare, far mansueto; rintuzzare la malizia, la superbia; domar le bestie, ammansare le bestie; — la pasta, rimenare la pasta.

Domator, sin. domatore.

Domenica, domeniga, sf. lo stesso che dimenica.

Domenical, agg. e sm. domenicale.

Domesticar, va. addimesticare, addomesticare, addomestichire dimesticare, . domesticare, mansuefare, — rendere docile, domestico, mansueto; in forza di sm. addimesticamento, addomesticamento.

Domestico, agg. addimesticato, addomesticato, docile, domestico, manso; mansueto.

Dominar, va. dominare; padroneggiare, signoreggiare.

Domino, dominò, sm. dominò; le pedine del domino, le tèssere; l’uno, l’asso; bianco, bianca: — „Bianco e un. — Bianca asso.“ — „ Bianco e due. — Bianca due;“ i dopi, doppie, o doppioni: — „M’han messo davanti tutte le doppie, ed io, minchione, l’ho pescate.“

Domiziliar, va. domiciliare, — prender domicilio.

DomizilTo, sm. domicilio.

Domo, sm. domo, duomo, — chiesa -cattedrale.

Dona, sf. donna; femmina; che partien a dona, mùliebre, mulièbre; chi che no poi sofrir le done, misògine; dona de parto, donna di parto; dona del hutiro, burraia; dona del late, lattivendola; dona de servizi, fasservigi; dona de mal far, donna di mal affare; [p. 153 modifica] fìol de una bona dona, m. antifrastico: figliuol d’una buona donna; dona die voi far la fiola, la putela, donna che vuol vendere più cara la crusca che la fariiia; inamorarse. de tute le done che se vedi, attaccare il maio ad ogni uscio, — innamorarsi sopra tutti i mercati; la dona ghe ne sa una più del diavolo, m. prov. le donne hanno un punto più del diavolo, — astuzia di donna le vince tutte; tre done fa un mercè e quatro una fiera, prov. tre donne fanno un mercato e quattro fanno una fiera, •— due donne e un’oca fanno un mercato, — è più facile trovar dolce l’assenzio, che in mezzo a poche donne un gran silenzio; le done ga. le lagrime in scorsela, prov. la donna piange quando vuole; dona e buoi’dei paesi tuoi, prov. chi lontano si va a maritare, sarà ingannato, o vuol ingannare, — donne e buoi de’ paesi tuoi, — moglie e ronzino pigliali dal vicino, — marito e moglie della tua villa, compare e comare lontan cento miglia; chi disi dona disi, dano, prov. chi disse donna, disse danno, — chi disse donna, disse guai, — - donna danno, sposa spesa, moglie maglio; — al primo proverbio rispondono le sienesi: e chi dissi uomo, disse malanno; rispondono .al secondo: e chi disse uomo disse peggio che mai; al terzo tacciono e fanno bene, e qui incomincia la loro sagacia; xe più fazile far ghe la guardia a un saco de pulisi che a una dona inamorada, prov. custodire, o guardare, o tenere due amorosi è come tenere un sacco di pulci, — dove ci son ragazze innamorate, è inutile tener porte serrate; la dona xe come la castagna, bela de fora e d’entro la magagna, prov. la donna è come la castagna; bella di fuori, e dentro è la magagna, — bella in vista, dentro è trista; le done le sielzi sempre ’l pezo, m. prov. le donne s’attaccano sempre al peggio; la dona no ga de portar le braghe, ni. prov. all’uomo le brache e alla donna il camiciotto, — non dare i calzoni alla moglie — altro che per rattopparli, se mai occoresse; no xe sabo senza sol no xe dona senza amor, v. amor; le done se scondi i ani, v. ano; bel asta de dona, v. asta; guardile de le done co la barba, v. barba; povara quela casa dove che la dona porta le braghe, v. braghe; ne dona ne tela al ciaro de candela, v. candela; dona de casa, in casa de galani omini nassi prima le done e po i omini, e l’omo porta in casa e la dona conserva, o l’omo tien su un canton de la casa e la dona tre, v. casa.


Donà, nome proprio di persona: Donato; S. Donà xe morto, o S. Donà xe morto e su fio sta mal, m. prov. S. Donato morì sull’Alpe.

Donar, va. donare, regalare.

Donaza, sf. ciana; donaccia.

Donazion, sf. donazione; dicesi: donazione tra vivi, o inter vivos, quando il dominio della cosa donata passa immediatamente nel donatario, e dicesi: donazione- a cagione di morte, o mortis causa, quando tal dominio non l’acquista il donatario che dopo la morte del donante.

Dondon, v. fatta per esprimere il suono delle campane: dindon, tintintò.

Doneta, sf. donnacchera, donnaccola, donnicciuola, donnuccia; donnicina; donnina: met. effemminato.

Donon, donona, smf. donnona, donnone.

Donzela, sf. zi. donzella zigurella — coris julis.

Dopiadura, sf. doppiatura, raddoppiamento.

Dopiar, va, addoppiare.

Dopio, agg. doppio, duplice; met. doppionaccio, finto, simulato, soppiattone; dopio, nel giuoco del dominò: doppia, o doppione; el dopio, avv. il doppio, due cotanti; a più dopi m. avv. a più falde; a più doppi; esser dopio come una zivola, o più dopio de le zivole, met. essere più doppio di una cipolla, — essere Giano bifronte, .o essere bifronte come Giano.

Dopion, sm. t. de’ seticultori: doppione; t. de’ trippaiuoli: intestino retto.

Dopo, avv. appresso, dipoi, dopo, indi, poscia, quindi; meter dopo, addopare. [p. 154 modifica] Dopodiman, avv. posdomani, doman l’altro.

Dopopranzo, sm. dopopranzo, pomeriggio.

Doprar, va. adoperare.

Dormida, sf. dormita; dormida dei cavalieri, dormitura, sonno; là prima dormitura de’ bachi la chiamano: bianchina; la seconda: cenerina; la terza: grossa; la quarta: quarta, od ultima: — „Dormono la cenerina;“ — , Dormono la grossa;“ far una de quele dormide — nel senso di dormita lunga e saporita: fare una dormitona.

Dormidina, sf. dormitina.

Dormioto, agg. dormiglione, dormiglioso, gocciolone, sonnacchioso, sonnolento; indormito.

Dormir, vn. dormire; dormicchiare, dormitare; inclinazion al dormir, cascaggine; dormir come un zoco, dormire la grossa, o dormire in sulla grossa, o dormire fermamente, o dormir sodo, — legare la giumenta, — legare l’asino a buona caviglia; . — tuto tirà insieme, dormire rannicchiato; — sul fianco, dormire di taglio; — sìi la schena, dormire supino; — su la panza, dormire boccone; — avanti a cossa che sia co la testa pozadi sul brazo piegà contro ’l peto, dormire a gomitello; andar dormir, coricarsi, — porsi a dormire, e met. poter riporsi; mandar dormir, met. mandare a riporsi; dormir assai, consigliarsi col piumaccio; dormir coi oci verti, met. essere milenso, stordito, — dormire con gli occhi aperti; l’andar dormir dei polastri, appollaiarsi; andar dormir dei usei in libertà, andare ad albergo; dormir pacifico i sui soni, met. dormire tra due guanciali; -dormire tutti i suoi sonni; no dormir, met. non dormire, — non se ne stare; chi dormi no ciapa pessi, v. ciapar.

Dormitorio, sm. dormentorio, dormentoro, dormitorio, dormitoro.

Dosso, avv. addosso.

Dota, sf. dota, dote; che partien a dota, dotale: — „Legge dotale.“ — „ Gioie dotali;“ dota del Friul, met. poppe e natiche.

Dotar, vn. adottare.

Dotaza, doton, sf. dotona, dotone.


Dotor, sm, dottore, medico; avvocato; t. di giuoco: dottore; che apartien a dolor, dottorale; medico che cura gli ammalati solo per pratica: empirico; — che non fa visita senza prescrivere medicina: farmacario; — in legge che succhia il sangue di balordi litiganti: dottore di quelli della Cappellina, che san benissimo pelare il papero e la pecora; — de quatro colpi, met. medicastro, medicaccio, medicastronzolo, medichino, mediconzolo, medicuccìo, — medico da succiole, o da borse, o da pochi cuiussi; leguleio, rabula, storcileggi; voler far el dotor, met. sdottorarsi; el dotor no permeti, met. non entrarci: — „lJer andar in campagna ghe voi un zentenar de fiorini, e el dotor no permeti. = Per andare alla campagna ci vuole un centinaio di fiorini, ed io non c’entro;“ co le man in man no se va dei datori, prov. colle mani in mano non si va da’ dottori; vai più un asino vivo che un dotor morto, v. asino.

Dotora, sf. dottoressa; met. dottora, salamistra, saputona.

Dotorar, vn. addottorare, dottorare, laureare; dottoreggiare.

Dotoruzo, sm. dottorello, dottorellucciaccio, dottorelluccio, dottoricchio, dottoruccio, dottorucolo.

Dotuza, sf. dotuccia.

Dove, avv. dove, ove, laddove.

Dover, vn. aver da dare, dovere; essere giuocoforza, essere necessario, essere uopo; sm. dovere, incombenza; farse un dover, met. farsi un debito, o farsi un debito di coscienza, — farsi un dovere: — „Appena la saprò la nuova mi farò un debito di comunicargliela;“ aver fato el su porco dover, met. far la parte dell’obbligo suo, o del suo dovere; esser el sacrosanto dover, appartenersi checchessia ad uno; dover far qualcossa voler o no, essere giuocoforza il fare questo o quello; saludar xe cortesia risponder xe dover, salutare è cortesia, rendere il saluto è obbligo; chi azeta per piazer paga per dover, v. azetar. [p. 155 modifica] Dozena, sf. dozzina; serqua: — „Una serqua d’uova, o di carciofi.“

Dragai, smp. infiammazione delle glandole tonsillari; senici.

Drago, sm. draco, drago — fem. draga; acquilone, cervovolante, cometa: — „ Quando spira la brezza i bimbi fanno salire il cervovolante;“ sangue de drago, met. vino coperto, o vino grosso; esser un drago, met. essere una spada. brama, sf. drama, dramma; chi che scrivi drami, drammaturgo.

Drento, avv. lo stesso che dentro.

Dreza, sf. treccia.

Drio, avv. dietro, dreto, drieto; de drio, a tergo, di dietro ^posteriore, postico, postumo; meter drio, o de drio, posporre; davanti e de drio, da coppa e da ciglio, — davanti e da dietro; el de drio, il da dietro, il podice, il sedere,— e parlandosi, di abiti: il dietro: — „Il davanti di quella giubba non gli cade bene, ma il dietro gli torna una pittura; „drio man, consecutivamente, di seguito, ininterottamente; andar drio, met. andar per la battuta, — camminare per la pesta; no andar drio, met. non abbadarci, non rifletterci, — dire, o fare a casaccio; corer drio, met. andare, o correr dietro; lecar el de drio, met. baciare il manipolo, — inchinarsi a chi si sia; esser drio. — di andare ove si sia, o di fare alcun che: essere in procinto, o essere sul ruzzo, o stare a picco di andare ove siasi, — essere sopra a fare una cosa: — „Era sopra a uscire quando mandasti a chiamarmi;“ far drio, imitare; darghe drio; — ad un lavoro, allo studio, ecc.: bordare, stare al chiodo; star drio, met. star dietro; tignir drio, tener dietro; tignir in drio, — nel senso che uno non faccia avanzamento, o che le piante non vengano innanzi troppo rigogliose: tenere a dietro: — „Prosuntuoso tenuto a dietro.“ — «Viti tenute a dietro;“ — el minuto, l’ora, el giorno, la setimana, el mese, l’ano drio, il minuto, l’ora, ecc. susseguente; zogar corerse drio, fare a acchiapparsi.

Drita, sf. destra, diritta; manritta; esser la più drita, met. essere la più liscia.


Drito, agg. diritto, dritto, retto, ritto, eretto; met. accorto, astuto, destro, furbo, sagace; o per drito o per storto, m. avv. o a dritto o a traverso; no ver ne dritto ne roverso, met. essere come il pesce pastinaca; trovar el drito, met. trovare il destro, o trovare il mezzo, o la via; ogni drito ga ’/ su riverso, prov. ogni cosa ha il suo diritto e il suo rovescio, — ogni medaglia ha il suo rovescio, — ogni dritto ha il suo rovescio.

Driton, agg. e sm. dirittaccio, dirittone, - bambino da Eavenna, — furbo in cremisi.

Dritura (a), avv. addirittura, a dirittura, a drittura.

Drizada, sf. avvoltata, addirizzamelo, addirizzatura, dirizzamento, drizzata, ravviata.

Drizadura, sf. addirizzatura.

Drizar, va. addirizzare, e talora, per sincope: addrizzare, dirizzare; assettare.

Droga, sf. droga; condir co le droghe, drogare; bona droga, m. antifrastico: buona droga, mala lanuzza; esser una bona droga, m. famigliare, essere peggio del capecchio, o del capecchio molle.

Drogaria, sf. drogheria.

Droghier, sm. droghiere, droghiere, — e chi mercanteggia droghe all’ingrosso: droghista.

Dubieto, sm. dubbiarello, dubbierello, dubbietto.

Dubio, sm. dubbio; meter in dubio, mettere, o revocare in dubbio; aver i su riveriti diibi, aver i suoi riveriti dubbi.

Dubitar, vn. addubitare, dubbiare, dubiare, dubitare.

Ducasion, sf. aferesi di educasion, o educazion, civiltà, educazione, urbanità.

Due, agg. v. do.

Duelar, va. duellare.

Dulcameria, sf. bot. volcameria.

Dunque, part. adunque, dunque.

Durada, sf. durata, durazione; perseveranza; de longa durada, diuturno; [p. 156 modifica] de durada m. avv. durabile, durevole; di buon uso:, — „Tela de durada, = Tela di buon uso de poca o de assai durada, m, avv. di poca, o di molta retta.

Durar, vn. durare, resistere, perseverare, reggere: — „TJn cocchiere che non ha retto in nessun luogo;“ che la duri fin che la sa durar, met. che che la duri — che la duri diceva Giambracone; chi la dura la vinzi, m. prov. chi dura, o chi più dura la vince, — chi la dura la vince, — chi dura, vale a indura.

Durel, sm. cipolla, ingluve, ventriglio.

Duro, agg. duro, tenace; stolido, zuccone; incordato; teso; croio, rozzo, rustico, ruvido, zotico, zoticone; severo; sodo; inflessibile; caparbio, cocciuto; costante, perseverante; avaro, pirchio; impettito, pettoruto; ebro, fradicio, ubbriaco; acerbo, amaro, aspro; crudele, efferato, inumano’; inesorabile; diffìcile; renitente; faticoso; fiero; gagliardo; resistente; robusto; rigoroso; orgoglioso; intrattabile; esser duro — vi si sottointenda cosa dolorosa, o spiacevole a dirsi, a farsi: essere ardua, o essere agra, od ostica; restar duro, rimanere stecchito: — „Precipitò dall’impalcatura e rimase stecchito;“ restar duro de la paura, met. aggricciarsi; esser o star duro, — nel senso di non si lasciar persuadere nè svolgere a che che sia, o a dire quel che altri vorrebbe: restar sodo alla macchia, o al macchione; duro de testa, capassone, capiduro, — duro d’ingegno, o di mente; duro de cusinar, di cattiva cottoia, o di mala cucina; duro de f redo, intirizzito, rattrappito, rattrappito; duro con duro no fa bon muro, prov. duro con duro non fa buon muro; duro de boca, v. boca; che restassi, o che resto duro. lo stesso che diventassi un can, v. can.


Duron, sm. lo stesso che durel.

Duroto, agg, duretto, duriccio.

Duto, agg. tutto.