Rime diverse in lingua genovese/Sonetto in giasmo dro presente vestì dre Donne

Da Wikisource.
Sonetto in giasmo dro presente vestì dre Donne

../Ro giurista Spinnora a ro Poeta zeneize ../A messè Angero Saoli Strè IncludiIntestazione 5 gennaio 2014 75% Da definire

Sonetto in giasmo dro presente vestì dre Donne
Ro giurista Spinnora a ro Poeta zeneize A messè Angero Saoli Strè
[p. 53 modifica]

SONETTO IN GIASMO
dro presente vestì dre
Donne.


CHe zoua ogn'anno de mandà ra cri[a]
Che no se possan donne mascarà,
Se ro visaggio sempre usan portà
De gianchetto ben grosso quatro dia.

5E à so posta crià lascian chi cria
Perche d'ogni saxon fan Carleuà,
E in fin re braghe voran lo porta,
E stà sorua ri sposi tuttauia.

E per natura gustan ben vestì
10Si ch'in re robe sò spendemo in grosso,
Che sotta, soura fersi cangian spesso.

E derre portan coe de spermesso
Però dei staghe à reformare adosso,
Se ben ra lengua ve voran tegni.

15Che per questo odo dì,
Tiran dri tacchi quando pointe son,
E per natura usan tegni bugnon,

E dan re spalle anchon,
A chi vò daghe un habito megiò,
20Ma no manchè per zò de fa lauò.

[p. 54 modifica]


Resposta dre Donne.


PRima che mandè fuera voi Citten,
Ri cappitori feti contra noi,
Lezei de gratia questi versi ben
Che puoè chiu dritto forsi anderei voi,
Per che conoscerei che no conuen
Che deggiè reformà ri nostri erroi,
Se voi, chi chiù de noi n'hauei mestè
Senza anchon refformaue andè derrè.

2E ro reuerso fè de zò che dei
Che à noi de bone robbe fè desmette,
E tra voi mille fersi ve mettei
Che à noi de raxon drita dei fà mette,
E solo attendei fora à ben parei
E d'homi sei vegnui femenette,
Che zò che fà re figgie, e donne den
Voi zoueni aura fè, chi no sta ben.

[p. 55 modifica]


3A noi conuen tegni chiù de voi cura
D'un bello, e ben vestì chi ne da gratia;
E n'accrescie bellezza à ra natura
Si che de veine l'homo moè se satia,
Che asse mancha à ra donna in zouentura
Se ghe mancha bellezza per desgratia,
Che se ben sauie, honeste, e genti semo
Senza bellezza comparei nò poemo.

4Ma basta a l'homo d'esse virtuoso
Se ben si bello corpo, e viso, ò n'hà,
Che ro bello de l'huomo, e dentro ascoso
E dra bellezza fuora segno, o dà,
Si che senza fà galle, e andà pomposo.
Bello ra so virtù parei ro fà;
Anzi à voi homi sta ra pompa mà
Se ben chiù de noi donne l'usè fà.

5E a l'incanto chi spesso ne fe vende
Robe belle, e gentì per deuiare,
Si piggian robe de noi donne grende
Certi, che no son degni d'aguardare,
Com'esti Riueraschi se han da spende
E la como ghe pà pon sempre usare,
Che innanti cha lasciare in ca guastà
Per sodi à chi ne vo, i usemo dà.

[p. 56 modifica]


6Voi ne fe torto che l'è cosa ingiusta
Che ne fassè desmette a son de cria,
Ra bonna roba, chi ne zoua, e gusta
Che roba ancora a n'è da buttà via,
Per ch'un bon drappò, e sodo moè se frusta
Como quello ch'usemo tuttauia,
E mont'agni porreimo ancora uxaro
Quand'à noi donne voi lasciassi faro.

7Ma se re robe pu bandi chiaxe
Dre zouene, fantinne, e viduette,
Che l'uso de tè robe ve deschiaxe
A ro manco aspetè che sen vegiette,
Perch'aura dà no se ghe poemo paxe
Che robe bonne anchon ne fè desmette,
Como se fossan robe vegie, e brutte
E sotta e soura guaste, e perè tutte.

8A strenzene de robe stenterei
Se ben tegnine streite dexirè,
Che quanto voi chiù strenze ne vorrei
Tanto allargane chiù veirei ra strè,
Però voi mesmi aruinera chiu dei
Può che tanto tra voi ue l'allarghè,
Che s'ogni ferso mette ve poei voi
Faro con chiù raxon possemo noi.

[p. 57 modifica]


9Ra borsa questi auari, e scarsa fette
    Se cren fane tegnì sempre serrà,
    Con fà dre bonne robe à noi desmette
    Si chiù ne ra fan sempre sbarrassà
    Perche dri noui fersi ne fan mette
    Che chiù dri primi n'usan de gustà
    Che se l'antigo ferso uxà no poemo
    Un nouo in cangio ben se ne mettemo.

10Se quarche roba pu vorrei leuane
    Leue d'vuerno a noi ro taffettà,
    Che lauò si soti no po ascadane
    E chi ro porta adosso ma ne stà,
    Perche l'è si lengie che, ò fa chioccane
    Possia a se doggia che ma pro ne fà,
    E in fin donne lengiere noi paremo
    Se con ro taffetta chioccando andemo.

11Però lauoi chiù sodi, e chiu porpui
    Portà vorreimo soura per re strè
    Como sareiuan quelli de vellui,
    Che voi homi d'uzansa fuò porte,
    E vorrentè chiù spendereimo scui
    In te lauoi, cha in taffettà dinè,
    E un parmo ghe vorreimo aro men noi
    De lista per orna questi lauoi.

[p. 58 modifica]


12Noi pronte semo sempre a fa re galle,
Ma no voi homi chi hàuei gran facende,
Perche arui dei butteghe, e spacchià balle
E a Magistrati ve besogna attende,
E a ro comun ve conuen da re spalle
S'in cangià fersi vorei tempo spende,
Ni ra buttega fruta, o mercantia
S'ande derre re galle tuttauia.

13Pero voi mesmi reformà ve dei
Che chiù ne besugne cha noi moggiè,
O se pù reformà no ve vorrei
E a l'uso tristo andà vorei derre;
Anchora a noi lasciane mette dei
Zò che chiù se mettemo vorentè,
Ni a i atri dei quella reforma dà
Che per voi mesmi no vorrei piggia.

14Che così como a voi l'usanza gusta
De cangià tra voi robe in gran bellezza,
Cosi ra donna fin che l'e rebusta
De cangia fersi a sente gran docezza,
E per natura anchon ra donna frusta
De cangià fersi goe in so veggiezza;
E inanti de mancha de cangia ferso,
Dra roba frusta, a l'usa ro reuerso.

[p. 59 modifica]


15Lasciane ancon fa noi può che fe voi
E l'un per contra l'atro metteremo,
Anzi auantaggio in zò demo hauei noi
Se ben compagne in i atre cose semo,
Per che de i homi femo manco erroi
Quando per parei ben fersi cangiemo,
Con tutto zò desorua vorrei stà
Ni dro parei con noi ve basta andà.

16Ni vorrei che à re robe sugo demo
Ni a re nostre sciorette, e lauoi tè,
Che dritti con ro sugo stà facemo
Si ne stan tanto ben, che votte asse,
Con questo sugo in sugo ve mettemo
Tanto che voi de bada ne sposè,
Se ben dote si grende s'usa dà
Che se pon poche figgie marià.

17Pa che voi homi atro n'aggiè da fa
Che reforma noi figgie, e zouenette;
Che zò che chiaxe à voi ne fe porta
E de sotta, e de sorua re Giacchette,
Che aconzà ne fè voi como ve pà
E sempre adosso sei dre garzonette,
Si vorrei che serrè d'auanti andemo
Se ben de mostrà chiera, Zena ornemo.

[p. 60 modifica]


18Se no vorrei ch'innanti andema auerte
Como fin aura a Zena andete semo,
E che voggie che stemo ben couerte
De contentaue in zò se contentemo,
Perche veghemo ben che descouerte
Da ri chinze agni in sù, ben no staghemo,
Couerte noi staremo, se portà
Ne lasciè sotta quello che a voi pà.

19Porta voggiemo ancora ri Pendin
E nue se vorrei può resteremo,
Pù che ne reste questi battaggin
Che ri pertuxi a posta feti ghemo,
Per farseri infira seira, e mattin
Ni sta senza pendin noi donne poemo,
Mancà voggiemo dri Galletti auanti
E belle scioi, cha dri pendin gallanti.

20Tanto gustemo noi zouene, e foente
De porta de pendin si belli un pà,
Che stete sode semo, e patiente
A lasciasse garzonne pertusa,
I orreggie tenerette tutte quente
Per poei questi pendin sempre portà
E hora che donne fette semo noi
Leuà questi pendin no ne dei voi.

[p. 61 modifica]


21Mancà voggiemo inanti dre fe bonne
Che in dio noi portemo d'oro bon,
Mancà voggiemo inanti noi garzonne,
Dri cuoe ferij, che donè ne son,
Manca voggiemo noi dre cheinettonne
E verghe d'oro, e brassalletti anchon,
E dre perle, barasci, e dri Rebin
Cha mancà de portà questi pendin.

22Pù che lascie ri pendin cari a noi
Che a torto voi citten ne deuie,
Re nostre annelle lascieremo a voi
E chenne ancora, che ne bezugne;
Per che portando robe de corui
Ne pa che anchon re chenne merite,
Ma basta a noi de l'amorosa chenna
Dra qua ro De d'amò sempre n'inchenna.

23Se n'ame quanto dei no dei leuà
Da noi, chi amemo voi, ri pendin cari
Anzi poscia ch'in noi fan fruto ta,
Che n'addoggian bellezza de portari,
Non soramenti ne ri dei lascia
Ma voi mesmi a noi dei tutt'infirari,
Fin che hauei d'oggio bonna coa voi
Da troua ri pertuxi c'hamo noi.

[p. 62 modifica]


24Con pendin tanto belli noi garsonne
Porta derre ra coa ancon voggiemo,
Perch'uzansa questa è da gren personne
Ben che portare à i atre anchon veghemo,
Che à sta si ben derrè re robe bonne
Che pendin senza coa no voggiemo,
Ni per chioggia manchemo de portara
Che per re strè no usemo d'imbratara.

25Portà derre ra coa tutta via
Ne conuen, como noi se gh'auiemo,
Si che se dra reforma andara cria
Per Zena à son de tromba sentiremo,
Che da noi sè ra coa leua via
E ri pendin, bandi se lascieremo,
Quando anda ben ne fessi a ro Perù
E in cò dro mondo, largo da noi chiù.

26In fin questa è pu troppo criminà
Ch'aura in questa superba, e gran cittè,
Da citten se veghemo despoggia
Como a Baccan fan, i assassin de strè,
Ma se con noi vorressan drito andà
E fà con noi so debito esti tè,
Se cauereiuan fin a ra camixa
Per ben crouine quando tra ra bixa.

[p. 63 modifica]


SE per mostrà ra so possanza Dè
Drè bellezze dro Cè schiumà ra sciò
E voi ne fè con si diuin sprendò
Ch'in terra ne mostrè ro ben dro Cè.

5Per che seiuo de coe tanto crudè
Che inanti seira n'ascondei ro sò,
Anzi croui dro Cè tutto l'honò
D'un chiumassetto ingiurioso e rè.

E al'orbetto zughemmo tutti noi
10E ataston van re gente tutte quente
Senza ro lume che n'ascondei voi.

Ma ben me maraueggio che si rente
Non bruxe ro chiumazzo con doi Soi
Che da ra lonzi bruxan tanta gente.

15Anzi dixe ra gente;
Che quando adormentà i oggi serrè
Amo chi è orbo tutto assemeggie.

Ta luxe ancora fe;
Che abarlughe ra gente era rosti,
20Che deiuo donca fa quando i arui?

E per no fane orbi;
E bruxà fossa ve croui ra chiera,
E per pietè de noi, parei crudera.

Che l'homo vorentera;
25Corre sempre a ro ma chi ghe deletta,
Como ra nescia fa dra porseletta.

Ma ro nome Chieretta;

[p. 64 modifica]

A voi sta ben poe che ro mesmo Sò,
Vensei non che ra Lunna de sprendo.

E ancora de carò;
30Che chiù dro Sò ben chiero Chieretinna,
Ro vostro chiero m'abbarluga e strinna.

Se ben mi sei coxinna
Ni è marnueggia che ro Sò vensei,
Che ro Sò no è saruo un como veirei.

35Se aro Cè guarderei;
Ma notte e giorno Chieretinna a voi,
In cangio d'un, ne luxe in chiera doi.

Ri que chieri splendoi;
De notte a noi serre n'aruan ro giorno,
40E fan da mezo inuerno un Mazo adorno

E se leuan d'attorno;
Ra notte non che nuuere, e negin
Chi no puon noxe à lume si diuin.

Como aro Sò meschin.
45Chi se lascia croui da veli tè,
E pero chiù dro Sò per fama andè:

Che in tutto l'auanzè;
E per che chiera sei, si chiera e bella,
Mi ve chiamo madonnn Chierabella.

[p. 65 modifica]


PErche re donne d'haura mariè
L'amò como re figgie vuoeran fà
E a ro barcon stan sempre a chiarlatà
E re chiere han depene, e berlissè,

5E veggian con re porte sbarazze
E lassan monta sù chi voe montà
E zuoegan largo con chi vuoe zugà
E in cangià sfersi spendan gren dinè.

E fin a nonna in Giesa ogni di stan
10E scorratando van zena sorrette
E in cà lassan re figgie in guardia a messi

E ri marij vuoeran sottomette
E po ra chiera a ogn'un dre neghe dan,
Mi no piggio mogiè come voressi.


ZA, a ri Citten pareiua ben disnà
D'un ouo senza chiu dre polle suo
E intre l'eiguetta de quest'ouo puoe
Vnna suppa ri messi fauan fà.

5E ro rosso bastauà a lo chiorlà
Che lasciauan ro gianco à ri figiò,
Mà tè gorasse han questi foenti ancuò
Che vuoran rosso e gianco trauonà.

E son re fuonte ancuò si lecaresse
10Ch'ogni dì quando fan quell'ation
Vn pà d'oue dauanti se fan mette,

Con un brauo boccon de sacison

[p. 66 modifica]

E ogn'una a sorbi vouè pa che tette
E per natura gustan i oue fesse.


SE re porte dre veggie son serrè
Queste Cappette e strannij Crestè
Per intraghe appontellan gambe e pè
E spointan si che gh'intran votte assè,

5E como gh'intra un solo d'esti tè
Gh'intrà ro resto chi ghe va derrè.
E dentra veggia stan si vorentè
Che se n'essan chianzando sempre moè.

E se pù da ra porta intra no pon
10Tiran de priè quarche ressaggia,
E rompan l'oggio rando dro barcon.

Si che è megio ra porta sbarrassà
Tanto chiu che per poco ro garzon
Daro portello in cà ri lassia intrà.


15Como intra veggia intrè ri foenti son
Un derrè l'altro, spointan de tà menna,
Che fan crià chi è tenero de schenna
Perche stan streitti inseme quanto pon,

E un caze adosso a l'atro a caualon
20E ro sangue a quarch'un spesso s'auenna,
Si, che ra veggia innanzi, e dapoe cenna
A cassafasso, và sorronborron.

Ni pri foenti re Donne pon ballà

[p. 67 modifica]

Che per esse bizzarri, e repentin
Fan costion zughando a spointeirora,

25E mennan si dro stocco che tran fuora
Che in veghia va ro sangue per canà
Si, che ra festa guastan, su ra fin.


QVando de scuoggio in scuoggio va Maitinna,
Accogiando patelle, gritte, e zin,
L'egua deuen crestallo puro, e fin;
E de sarà ven doce ra Marinna.

5E l'aregha, e l'arena e l'herbettinna
Deuen d'oro smerado e de rubin,
E ri Pessi d'arinto brillarin
E Nettun senza in testa se gh'inchinna.

E ro Sò per nò cuoexera s'asconde
10Ma ne fà lume in cangio ro sò viso,
Ro vento treppa itre so trezze bronde

Ma no treppo zà mi, perchè m'auiso
Che se a se vè si bella dentre i onde,
Che a no ame saruo le como Narciso.


ZA no se veiua da ri rumentè
In bezagno portà sù i Azenetti,
Cha strussi de garbuxi, e de coretti
E fuoegie de ceuolle, e cose tè.

5E haura de chiume van ben carreghè
Perche se truoeua assè polli, e polletti,

[p. 68 modifica]

E se truoeua gran becchi d'oxelletti
Chi pre mangià ra carne son tagiè.

E d'ogni oxello chi se puoe troua,
10Orochi, Pitamù, Gore, e Stronelli,
Perche ogni foento donne usa oxellà.

E sciaccan ben rà testa, a mille oxelli
E re ceruelle la ghe fan satà,
E oxelli fan perà veggi, e nouelli.


A Quelli tempi antichi si laudè
Chiolonne de vint'agni eran re foente,
Che ancon fauan bugatte tutte quente,
Aura fan dri Fantin ma non da ottè.

5E a i homi se fan fa dre mattinè,
E chi ro dose son sotta se sente,
Ro barcon gh'arue e piggia i ere a mente,
Puo spuan forte dosementi in strè.

E pertusa se fan re banderette
10Per stà couerte, e vei dareguiton,
Si che ghe fa gran pro quello pertuzo.

E in bocca aora ghe sta ben ra lenguetta
E Natura han capace de raxon,
Ni chiù parlando han zarbatanne in uzo.



DA Minna in fuora, chi me ue per Dè
Dixe che per trei giorni n'hò chiù sciao,

[p. 69 modifica]

15E che de vita ghe puero passao
Perche giano me ven como un Garbè.

Se veggo Minna, e visto son da lè
Son rosso, e fresco como un boreao,
Perche dai oggi sò resto sanao,
20E de chi ven ch'a no crè ro ma mè.

Minna arraggia chi me passe ro cuò
E pertuze como una grateirinna,
Ni me lascie mostra, ro so ma fuo.

Che se ro vissi seme ra me Minna
25Cosi como ponzei donde me duo,
Sò che ancon ghe faressi ra meixinna.


QUando lagreme, e perle l'atro giorno
V'insciuan Minna da i oggi diuin,
Chi bagnauan re Rose, e Giasemin,
Dro vostro viso dond'è Mazo adorno.

5Amò ve stauà suoratando intorno
E dro lago che faui crestalin
Insci questo pissie fauà firin,
Chi me bruxauan, como legne in forno.

Cagna (dissi) se quando chiouè forte
10Da ri vostri oggi si bruxà me sento,
Che sarà puo como ro so ghe luxe.

E per men mà me missi a fuze forte

[p. 70 modifica]

Ma correndo a ro fuogo feita vento,
Che chiù l'acceisi, e chiù conuen che bruxe.


COmo diauo desgroperè moè
Dre vostre trezze quello groppo chian,
Donde m'hauei ligao de vostra man,
Si ben che moe chiù spero liberte?

5Perche non solo tutto m'agropè
Quando este trezze intortigie ve stan,
Mà quando per re spalle zù ve van
Ancon me ligan, cosi deslighè.

Ma ligheme pù ben con ro coazzo,
10E no me deslighè fin ara morte,
Che solo ho libertè d'entr'esto lazzo.

E quanto chiù strenzei de bonna sorte
Chiù desgroppà me sentò con sorazzo,
Si che se m'amè Minna strenzei forte.



A Torto dro Cè Minna ve dorei
Perche un oggio dri vostri o s'ha pigiao,
E per fà lume a noi l'atro hà lasciao,
E a torto d'esse guerza voi chianzei.

5Perche doi Soi ro mondo no dè hauei
S'un solo n'hà ro Cè manco aprexiao
Basta ben che quel'un, chi v'è restao
Venze ro Sò dro Cè como sauei.

[p. 71 modifica]


Puo con doi oggi, como haueiui auanti
10Anzi con doi bruxenti, e chieri Soi
Bruxaui, e orbiui, ri vostri galanti:

Si che chi d'un sol'oggio, ha priua voi
Ro lume hà reiso a mille, e mille amanti,
E liberè da fuoeghi e da bruxioi.

15Ma per voi e per noi;
Guardeue l'oggio bon chi v'e restao,
Perche aurà cauà i oggi e monto usao.

Che se quarche arragiao;
Quello doce oggio ve cavassè asi,
20Direimo bonna notte a mezo dì.




DOnca se no son giano e affiagao
Ne chianzo sempre como ri figio,
Voi no ve crei Minetta ro me cuò,
Che per voi notte, e di caghe bruxiao?

5Sachie che tanto fuogo e in mi serraou
Che o no me lascia lagrimà de fuo
Che ra sciama l'humo sciuga à ro cuò,
E fuo me fa parei rosso e affogaou.

E s'intra vostra dose fontanetta
10No me lascie ra testa subacca
Fin che ne sciorbe quarche goraretta.

Chi sola esto gran fuoego puo amortà
Ro cuò me bruxiera per voi Minetta
Ch'in tanto fuogo o no puo chiù durà.

15Aruime ra Canà;

[p. 72 modifica]

A ro men dra fontanna si gusteiue
Se no vorei ch'intra fontanna beiue.


ANtigamenti quando in quarche luogo
Chiuma d'una gallina era trouaou
Da chi insciua esta chiuma, era spiaou
S'era quarche marotto in quello luogo.

5Ma Zena hà aura ra gora in si mà luogo
Che quasi ogn'un ghe mangia de peraou,
Che questo uso de Franza hemo portaou
Si che aura peira Zena in ogni luogo.

Ni se ve saruo oxelli chiù perà
10Per butteghe, e coxinne da tutt'hora
Tanto tira dra gora ra canà.

Ma crauetti quarc'un chiu gusta ancora
Berche inscrescie a ra fin tanto perà,
Si ch'aura è un ma peruso questa gora.


SAnta Barbara a chiama, e San Simon,
Chi per amò me sente sospirà
E fuze presto a ca per non bruxà,
Si ch'ogni me sospiro, è lampo, e tron.

5E chi se atroua in ca, da ro barcon
Zu pan de san Nicola, usa buttà
Per fa questi me lampi e troin mancà,
E l'egua che chianzando fazo ancon.

[p. 73 modifica]

Che tant'egua dai oggi m'usa insi
5Ch'un diluuio segondo tornereiua,
Se con ri lampi l'egua no sciugasse.

E se l'egua ro fuogo no amortasse
Questo reuerso mondo bruxereiua
Che in ogni muoo in fuoego ha da finì.


SE con un Zoue vnna Fantinna auanti
Ballaua in Chiazza, ò in quarche Caminà,
Moè se lassaua ra so man toccà
Che à ghe porzeiua ro mandillo auanti.

5E aura senza mandillo, e senza guanti
Con ro Zoue ogni Figgia usa ballà
E se lassa ra man belletegà
E fregasera ben da ri Gallanti.

Che a fà ri fetti suo dixe ogni figgia
10No s'imbratta re moen ra gente moè,
Si che ri guanti fan per chi hà sprauè.

Ni chiù ballan chianin per honestè
Mà mennan sottro son si ben ro pè
Che suan forte, e sua chi re piggia.


SE questa è neiue chi ven da ro Cè
Come a ra sò gianchezza vei me pà
Come diauo ghe puoe drento stà
Ro fuoego, chi me bruxà si crudè?

[p. 74 modifica]

5Se l'è un marmaro giancho dritto in pè
Come ra sò durezza puoè mostrà,
Come diauo fallo à caminà
E a tirà frecchie come un barestrè?

Ma se l'è Donna pù de carne, e d'osse
10In terra come apà, ben hò certezza
Che vei chiù bella cosa no se posse.

Che l'è chiù bella dra mesma bellezza
E chiù bella sareiua s'a no fosse,
Chiù dura ancora dra mesma durezza.


ZA i homi de trent'agni eran figiuoe
So mamma ghe toccaua ancon ro bin,
Si ghe dixeiua vuoeto fa pixin?
Ni braghette portauan com'anchuoe.

5Si creiuan, che re donne ri figiuoe
Feisan da l'ombrizallo ri meschin,
E a sò moere toccauan ro tetin
E in letto ancon dormiuan con sò suoe.

Ma tutti haora fan tutto à ro reuerso
10Che à mare sperme son dra scorza fuoera,
Che re mate parole chascun dixe.

Si van trouà re donne peccarixe
Si fan de pezo, e per zò ven gragniuoera
E s'impenze ro mondo a ro reuerso.

[p. 75 modifica]

RI costumi, e re lengue hemo cangiè
Puoe che re Toghe chiù n'usemo chie,
Che galere dighemo a re Garie,
E fradelli dighemo à nostri frè.

5E scarpe ancon dighemo a ri cazè
E insalatinna à l'insisamme assie,
Si che un vegio zeneize come mie
Questi tuschen no intende azeneize.

E pà che lengue d'atri haora gustemo
10In bocca chiu dre nostre tutti quenti
Ch'ogn'un re lengue d'atri in bocca vuoe.

Ni maraneggia e za se cangiamenti
De lengue, e d'ogni cosa femo ancuoe,
Perche à fa cangi tutti auie semo.

VVi vorrei pù coxin che tuttauia
A beiue staghe com'un oca à muoegio
Dentrà fontanna d'Heliconna, o truoegio,
Perche reste agro com'unna limia.

5Pouera e nua va ra poesia
E mi Foggietta, fuoeggie chiu no voeggio
Ma vorreiua oro in cangio d'orofuoegio,
Chi e solo insegna anchuoe d'ogni hostaria.

E derre fa ro loro ogni personna
10A chi cerca oro fuegio, e voe ghirlande

[p. 76 modifica]

Ma un'Aze d'oro carrego, e adoraou.

Ni perche a beiue l'egua d'heliconna
Ra mea foggietta deuegni po grande,
Ni ro senno dro pouero è apprexaou,


COn raxon ro Mà guardo in trauersinna
Perche come intro in Mà me sento mà
Si che in Mà poero un pesso fuo de Mà,
Ni dormì posso, si ro mà me ninna.

5E spesso egua da beiue n'ho stizzinna
Ni veggo in Mà saruo egua chi e sarà
E dentro l'egua ho poira de bruxa
E corro d'assettaou pe ra marinna.

Ma corrando a ra fin dago intr'un scoggio
10O che quarche Corsà per Ma m'afferra
Chemoe no ha ben, che in Ma sta tuttauia

E chi dro Ma chi è senza fe, se fia
Infin se troua con re neghe a moggio,
Però laudo ro Ma si stago in Terra.


MI i homi de vint'agni zà vist'hò
Che a ra lippa zughauan per re strè
A iamandore, a i osse, e cose tè
Come megon megon, bedin bedò.

5O pù semele bis, pittin pitò
E a chiatta ancon zughauan desbraghè,

[p. 77 modifica]

E a re feste toccauan dui dinè
Ni a zuoego de dinè fauan però.

Aora zuoegan serrè dentr'i mezen
10De testoin, sodi, e grossi, e san ficà,
E per crouisse mettan ri feretti.

E zueghan sù ogni cosa, e messan ben
E ghe fan de gren resti presto andà,
Che zueghan largho, fe ben foentetti.


RA gora, pompa, e i otiose chiume
E sempre, anda su l'amorosa vitta,
E fa dra Ninfa, e fa dra bella vitta
E no vorei cagà chiu senza lume.

5Ro Zugà giorno, e notte per costume
Ra superbia matesca chi desuitta
L'haueise l'un, e l'altro in ira e in gritta
L'esse orbi, e presumi d'hauei gran lume.

Ro lassa nuo ro comun meschin
10E noi vestise d'oro tutta via,
E pareise de sangoe crestallin.

L'hauei lassiao ra drita mercantia,
E à cangi anda derre seira, e mattin
Aura han da Zena ogni virtù bandia.

[p. 78 modifica]

TAnto ama ogn'un ri loeghi naturè
Che chie nassuo, à Borzori, o à Bargaggi,
Se cre ch'esti so pichieni villaggi
Sen chiu cha Roma degne, e gran Cittè.

5E spesso per deffende loeghi tè,
Combattan, notte, e dì con gren coraggi,
E in fin, se ben nassesan dentre staggi,
Citte ghe poeran belle, e perfumè.

E Zena chie unna terra principà
10D'Italia, ch'e dro mondo ro giardin,
Pà che à noi spuzze, se ben le sioria.

Che perde ra cerchemo tutt' via
Contra l'uso, e costume Naturà;
Ma meschin noi, se ra perdemo infin.