L’uomo di mondo/Atto I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto I

../Personaggi ../Atto II IncludiIntestazione 14 luglio 2019 75% Da definire

Personaggi Atto II

[p. 161 modifica]

ATTO PRIMO.

SCENA PRIMA.

Strada con canale in prospetto, da un lato la casa del Dottore Lombardi, e dall’altro la locanda di Brighella coll’insegna del Fungo.

Vedesi arrivare una gondola col suo Gondoliere. Silvio e Beatrice da viaggio sbarcano. Truffaldino sta in attenzione, per portar se occorre. Ludro in disparte, che osserva, poi Brighella dalla locanda.

Gondoliere. Per terra1. (gridando forte)

Truffaldino. Son qua mi. Voliu che porta la gondola?

Gondoliere. No vòi che porte la gondola, sior martuffo2, ma sto baul.

Truffaldino. Dove l’hoi da portar?

Gondoliere. Qua, alla locanda del Fungo. [p. 162 modifica]

Ludro. (Voi veder de introdurme con sti forestieri, per veder de beccolar3 qualcossa, se posso). (da sè)

Truffaldino. Quant me vulì dar a portar sto baul? (al Gondoliere)

Gondoliere. Cossa serve? Avè da far con dei galantomeni.

Silvio. Accordatelo voi. Noi non siamo pratici del paese.

Beatrice. Questo star sulla strada non mi accomoda. In altri paesi vengono i camerieri delle osterie a ricevere i forestieri. Qui non si vede nessuno.

Ludro. Comandele che le serva? che chiama mi i omeni della locanda?

Silvio. Mi farete piacere. Ma ditemi, è buono l’albergo? trattano bene?

Ludro. Veramente nol xe dei meggio de sto paese; ma el patron l’è un bergamasco, galantomo, mio amigo, che anca a riguardo mio ghe userà tutte le attenzion imaginabili per ben servirle. Le servo subito. O de casa! (Batte alla locanda). (Brighella me darà el mio utile, se ghe meno sti forestieri). (da sè)

Brighella. Chi batte? Oh si vu, missier Ludro?

Ludro. Son mi. Ve consegno sti do forestieri, e ve raccomando trattarli ben, perchè i merita, e perchè me preme.

Brighella. Farò el possibile per ben servirli. I sarà, m’immagino, marido e moglie.

Ludro. Senz’altro. Ste cosse no le se dimanda. Un letto solo, non è vero? (a Silvio)

Silvio. Siamo marito e moglie; un letto solo ci basta, ma almeno due camere sono necessarie.

Ludro. Certo, do camere. Una per dormir, l’altra per ricever. A sto zentilomo bisogna darghele; bisogna servirlo ben.

Brighella. La resta servida.

Silvio. E circa il prezzo.....

Ludro. La lassa far a mi; Brighella xe un omo discreto, e quel che nol fa per mi, noi farà per nissun. Sta zentildonna no sta ben in strada; che la resti servida.

Beatrice. Andiamo dunque. (a Silvio)

Silvio. Entrate col locandiere, che ora vengo; ho da far portare la roba, ho da pagare la gondola. [p. 163 modifica]

Beatrice. Spicciatevi. Frattanto mi farò un poco assettare il capo. Trovatemi un parrucchiere. (a Brighella)

Brighella. Subito.

Ludro. La lassa far a mi; la servirò mi. Ghe manderò un Franzese, che xe el primo conzador de4 testa, che se possa trovar.

Beatrice. Vorrà esser pagato molto.

Ludro. Gnente, la ghe darà quel che vorrò mi.

Beatrice. Chi è questo Veneziano? (a Brighella)

Brighella. Un galantomo de bon cuor. (a Beatrice)

Beatrice. Mi pare un buon uomo. (a Brighella)

Brighella. (No la sa, che galiotto che el sia). (da sè)
(Beatrice e Brighella entrano nella locanda).

SCENA II.

Silvio, Ludro, Truffaldino, Gondoliere.

Truffaldino. Se porta, o no se porta?

Ludro. Via, compare, deghe una man a quel galantomo, agiuteghe a portar quel baul. (al Gondoliere)

Silvio. E tutte quelle altre picciole cose.

Truffaldino. E cossa se vadagna?

Ludro. Portè drento, e lassè el pensier a mi, che sarè sodisfai.

Truffaldino. Arecordeve, che ho perso del tempo assae, e mi me fazzo pagar un tanto all’ora col relogio alla man.
(Prende il baule, aiutato dal Gondoliere, e ponendovi sopra altre coserelle, che sono nella gondola, portano tutto nella locanda).

SCENA III.

Silvio e Ludro.

Silvio. Che cosa dovremo dare a costoro?

Ludro. La gondola l’hala pagada?

Silvio. Non ancora.

Ludro. Xeli d’accordo?

Silvio. Nè meno. [p. 164 modifica]

Ludro. Dove l’hala tolta?

Silvio. Poco lontano. Sul finir della laguna, venendo col procaccio, presi la gondola, come vidi fare da molti altri.

Ludro. La lassa far a mi. La me daga mezzo filippo, e pagherò mi ogni cossa.

Silvio. Ecco mezzo filippo. Ma voi chi siete, signore?

Ludro. Son un galantomo che ha viazà el mondo, e per i forestieri m’impegno con dell’amor, con della premura. De che paese xela, signor?

Silvio. Sono di un paese poco lontano di Roma.

Ludro. Xela più stada a Venezia?

Silvio. No, questa è la prima volta. Ho promesso a mia moglie di farle veder Venezia, e son venuto per passarvi tutto il restante del carnovale.

Ludro. Hali amici in sto paese? conossela5 nissun?

Silvio. Conosco un certo dottore Lombardi bolognese, che ho veduto in Roma, e so essersi accasato in Venezia; ma son degli anni che non lo vedo.

Ludro. Basta, se la mia servitù ghe gradisse, me esebisso servirla in tutto e per tutto.

Silvio. Mi sarà cara la vostra assistenza perchè non ho pratica alcuna nè del paese, nè del costume.

Ludro. La lassa far a mi, che ghe darò un’ottima direzion per spender poco e star ben. Se l’ha da far spese, provision, o altro, no la se fida de nissun, la se riporta a mi.

Silvio. Così farò, dipenderò dai vostri buoni consigli. (Mi pare un galantuomo, e poi starò a vedere come si porta). (da sè)

Ludro. No la lassa sola la so signora consorte.

Silvio. Andiamo a vedere l’appartamento.

Ludro. La resta servida. Aspetto sti omeni per pagarli, e subito son da ela.

Silvio. Il vostro nome?

Ludro. Ludro, per servirla.

Silvio. Signor Ludro, vi riverisco. (entra nella locanda) [p. 165 modifica]

SCENA IV.

Ludro, poi Truffaldino ed il Gondoliere.

Ludro. Mi no darave sto incontro per un ducato al zorno. E poi esser che la me butta de più. Dise el proverbio: chi no se agiuta, se nega, e chi vol sticcarla (a)6 come mi, e far poca fadiga, bisogna prevalerse delle occasion.

Truffaldino. Son qua, pagheme.

Gondoliere. Son qua anca mi. El m’ha dito quel sior, che me pagherà vu.

Ludro. Sì ben; cossa aveu d’aver?

Gondoliere. Da Cannaregio7 in qua me porlo dar manco de un per de lire?

Ludro. Tolè un da trenta, e andè a bon viazo.

Gondoliere. E per portar el baul, no me dè gnente?

Ludro. Eh via, vergogneve. Un galantomo della vostra sorte no se fa pagar per far el facchin. Lassè far a mi, se sto sior vorrà barca, farò che el se serva de vu8. Cossa ve diseli?

Gondoliere. De soranome i me dise Giazzao; stago al traghetto de Riva de Biasio.

Ludro. Farò capital de vu.

Gondoliere. Via, da bravo; una man lava l’altra. Se me farè far dei noli, anca mi, co vorè, ve vogherò de bando. (torna nella sua gondola, e con essa parte)

SCENA V.

Ludro e Truffaldino.

Ludro. Tolè, sier facchin, diese soldi. Ve basteli?

Truffaldino. A mi diese soldi? Diese soldi a un omo della mia sorte?

Ludro. Cossa voleu, che ve daga?

Truffaldino. Almanco, almanco una lirazza voggio (b)9. [p. 166 modifica]

Ludro. Caspita! Se vadagnessi cussì, ve faressi ricco.

Truffaldino. Mi laoro poco, e quel poco che laoro, vôi che i me paga ben.

Ludro. No troverè nissun, che ve daga da laorar.

Truffaldino. No m’importa; se no laoro, gh’ho una sorella che no me lassa mancar el mio bisogno.

Ludro. Che mistier fala?

Truffaldino. La lavandera. Ma no la lava gnanca tre camise alla settimana.

Ludro. Bisogna che i ghe le paga molto pulito le lavadure delle camise.

Truffaldino. La gh’ha dei boni avventori; ghe n’è de quelli, che ghe dà dei ducati alla volta, e che i ghe dona anca le camise.

Ludro. Bon! gh’avè una brava sorella.

Truffaldino. E cussì, me pagheu, sior Ludro?

Ludro. Via, tolè un da quindese.

Truffaldino. Diseme, caro vu, quel sior cossa v’halo dà da pagarme?

Ludro. Gnente. Per adesso ve pago del mio.

Truffaldino. Ho sentì, che l’ha dit a so mujer, che el v’ha dà mezo filippo.

Ludro. El me l’ha dà el mezo filippo per comprarghe del caffè e del zucchero.

Truffaldino. Missier Ludro, se cognossemo. Se vorè tutto per vu, anca mi saverò parlar.

Ludro. Animo; tiolè sti vinti soldi, e andè a bon viazo.

Truffaldino. No me voli dar altro?

Ludro. Toleli o lasseli, no ghe xe altro.

Truffaldino. Dè qua, sior ladro.

Ludro. Cossa?

Truffaldino. Compatime; ho volesto dir sior Ludro. (parte)

Ludro. Che furbazzi che xe costori! no i se contenta mai! I vorave vadagnar quanto mi; bisogna aver l’abilità, che gh’ho mi. (entra nella locanda) [p. 167 modifica]


SCENA VI.

Momolo in puppa10 di un battelletto con Nane gondoliere. Arrivano cantando il Tasso alla Veneziana, e arrivati che sono, legano il battello e scendono a terra.

Momolo. Cossa distu, Nane? S’avemio devertio pulito? Una bona marenda11, quattro furlane12 de gusto, e sia putte13 al nostro comando14.

Nane. Ma! chi gh’ha dei bezzi, xe paron del mondo.

Momolo. No stimo miga aver dei bezzi, stimo saverli spender. Chi li gh’ha e li tien sconti, fa la fonzion dell’aseno, che porta el vin e beve dell’acqua; e chi li gh’ha e li butta via malamente, se brusa senza scaldarse. El vero cortesan un ducato el se lo fa valer un zecchin. Noi se fa vardar drio, ma nol se fa minchionar; l’è generoso a tempo, economo in casa, amigo coi amici, e dretto coi dretti. El mondo, compare Nane, xe pien de furbi; el far star xe alla moda, ma con mi no i fa gnente, perchè ghe ne so una carta per ogni zogo.

Nane. Sior Momolo, a revederse stassera.

Momolo. Sì, sì, colla bruna15 voggio che andemo a dar l’assalto a quella fortezza, che avemo scoverto stamattina16. Oe, cossa distu de quei baloardi? Senti. Ho speranza che capitoleremo la resa, perchè me par che la sia scarsa de provision da bocca. Lassa pur che la se defenda fin che la poi; gh’ho una boma d’oro in scarsela, che m’impegno de farme averzer le porte, o per amor, o per forza.

Nane. Digo, sior Momolo, sta patrona, che sta qua a stagando17 l’aveu impiantada?

Momolo. Chi? Siora Eleonora?

Nane. So pur che una volta ghe volevi ben. [p. 168 modifica]

Momolo. Mi no digo de volerghe mal; ma ti lo sa pur, che mi voggio la mia libertà. Co sta sorte de putte no bisogna trescar; perchè, se se scalda i feri, bisogna darghe una sposadina, e mi no me vôi maridar.

Nane. Bravo, sior Momolo; viver de incerti fin che se pol18.

Momolo. Ah caro, ti me piasi, perchè ti xe cortesan.

Nane. Sioria vostra. (parte)

SCENA VII.

Momolo, poi Brighella.

Momolo. Cossa hoggio da far sto resto de mattina, fina che vien ora d’andar a Rialto19? Andar da siora Eleonora? Mi no, perchè son seguro che tra ela e el Dottor so pare i me dà una seccadina de un’ora almanco. I me vorave far zoso, ma per adesso no i me la ficca. Me mariderò co sarò un pochetto in ti ani; voggio goder el mondo, fina che posso. Vôi veder qua da missier Brighella, se ghe xe gnente da niovo. M’è sta dito, che ghe xe qualcossa de forestier. Siora Eleonora sarà ancora in letto; adesso no la me vede. O de casa! (batte alla locanda)

Brighella. Sior Momolo, mio padron, hala gnente da comandarme?

Momolo. Com’eia, compare Brighella? xe un pezzo, che no se vedemo.

Brighella. Una volta la vegniva a favorirme più spesso.

Momolo. Diseme, amigo. Gh’avemio gnente da niovo?

Brighella. Giusto sta mattina m’è capita una forestiera, ma su la giusta.

Momolo. Me l’ha dito Giazzao, che l’ho incontrà colla gondola in volta20 de canal.

Brighella. Ma! marido e moglie.

Momolo. Oh, s’intende. Tutti quei che viaza, xe mario e muggier. Bon babbio21? [p. 169 modifica]

Brighella. No gh’è mal. Ma se la savesse! Me despiase de una cossa, ma me despiase assae.

Momolo. Coss’è? xeli al giazzo22?

Brighella. Credo che i gh’abbia dei bezzi, ma se gh’ha tacca alle coste quel dretto de missier Ludro; bisogna che a sto sior forestier ghe piasa a zogar, i xe intrai in discorso de zogo, i s’ha messo a taolin per devertimento, e el devertimento xe cussì fatto, che Ludro taggia alla bassetta e el foresto perde a rotta de collo23.

Momolo. Me despiase. Podevelo dar in pezo? So che can che el xe quel baron de Ludro. Fé una cossa, meneme mi là drento dove che i zoga, introduseme con bona maniera; poi esser che fazza nasser una bella scena.

Brighella. No voria che fessimo dei sussuri.

Momolo. Gnente, lassè far a mi; savè chi son. Levemoghe sto can dalle recchie de quel gramazzo.

Brighella. El me fa compassion. (entra in locanda)

Momolo. Andemo24. Se sta patrona me piase, spero che no butterò via el mio tempo. (entra in locanda)

SCENA VIII.

Camera nella locanda.

Silvio, Beatrice, Ludro.

Silvio. Lasciatemi stare una volta; non mi accrescete la disperazione. (a Beatrice, sfuggendola)

Beatrice. Si farà una bella figura in Venezia, se seguiterete così.

Ludro. Cossa vorla far? No la lo mortifica.

Beatrice. Avete bel dire voi, signor amico di ore, dopo avergli guadagnato i danari.

Ludro. Questi xe accidenti, patrona. Tanto podeva perder i mii bezzi anca mi. Se sta volta25 l’ha perso, un’altra volta el vadagnerà. [p. 170 modifica]

Silvio. Oh, in questo poi vi protesto che non gioco più. Non mi dispiace tanto il perdere, quanto l’azione che mi avete fatta.

Ludro. Cossa se porla lamentar dei fatti mii?

Beatrice. Sa il Cielo, come gli avete guadagnato.

Ludro. Come parlela? Son un galantomo....26

Silvio. Io non dico che siate un giocator di vantaggio, ma un galantuomo che vince, dee mantenere il gioco.

Beatrice. In quanto a questo poi ha fatto bene di tralasciare; se seguitava, ci spogliava del tutto.

Ludro. Certo, ho lassa star, perchè ho visto che el giera in desditta. La se contenta, che su la parola no l'ha perso altro che trenta zecchini soli; se seguitevimo, presto se podeva arrivar ai cento, e dai cento passar ai mille. Mi son un omo, che no me piase ste cosse. No i xe altro che trenta zecchini, e la favorissa de darmeli, che vaga via.

Beatrice. Non vi contentate di quelli che avete guadagnato in contanti?

Ludro. La compatisso. Le donne no sa in sti casi cossa sia l'impegno del galantomo. Sior Silvio ha perso trenta zecchini sulla parola, e la so reputazion xe de pagarli subito.

Silvio. Ho tempo ventiquattr’ore; vi pagherò.

Ludro. Un forestier no gh’ha tempo gnanca vintiquattro minuti. La me perdona, mi no so chi la sia.

Beatrice. Sentite che temerario!

Ludro. A ela no ghe bado, patrona.

Silvio. Mi farò conoscere. Ho delle lettere da riscuotere; vi pagherò.

Ludro. E mi son galantomo, ghe darò tutto el tempo che la vol; basta che la me daga el seguro in te le man.

Silvio. Che cosa volete che io vi dia? Non ho niente.

Ludro. So consorte la gh’ha pur delle zoggie.

Beatrice. Come! Anche le mie gioje vorreste? Siete un poco di buono.

Ludro. Orsù, patron, la me paga, o la farò svergognar.

Beatrice. Andate via, ch’or ora faccio io quello che non ha cuore di far mio marito. [p. 171 modifica]

Ludro. Cossa farala, patrona? Veggio esser paga.

Silvio. Siete un impertinente.

SCENA IX.

Momolo e detti.

Momolo. Coss’è sto strepito? coss’è sto fracasso? I perdona, se vegno avanti con troppo ardir. Giera qua che fava un beverin27 da missier Brighella; sento baruffa28, vegno a veder se la xe cossa, che se possa giustar.

Ludro. (Me despiase che sia sorazonto29 sto cortesan). (da sé)

Silvio. Chi siete voi, signore? (a Momolo)

Momolo. Son un galantomo, patron. E qua compare30 Ludro me cognosse chi son.

Silvio. Siete un amico suo?

Beatrice. Venite in aiuto del galantuomo? (con ironia)

Momolo. No, la veda, siora. Vegno con quei termini de onoratezza, che se convien a un par mio. No me ne offendo del sospetto che le gh’ha de mi, perchè gnancora no le me cognosse. Ma co le saverà chi xe Momolo Bisognosi, no le parlerà più cussì.

Ludro. Sior Momolo xe un marcante onorato, ghe l’attesto mi.

Momolo. No, compare, sparagnè la vostra testimonianza, che la me fa poco onor. Se poi saver la causa de sta contesa?

Beatrice. Ve la dirò io, signore. Questo garbato giovine ha tirato a giocar mio marito....

Ludro. Mi no l’ho tirà. El xe sta elo.

Momolo. O vu, o elo, quala xe la question?

Ludro. La question xe questa, L’ha perso trenta zecchini sulla parola, e noi li vol pagar.

Momolo. Sior foresto, la me perdona: co se perde, se paga.

Silvio. Io non dico di non pagare; ma chiedo il tempo, che ad ogni galantuomo si accorda. Domani lo pagherò.

Momolo. El dise ben, e vu no podè parlar. (a Ludro) [p. 172 modifica]

Ludro. Me feu vu, sior Momolo, la sigurtà che nol vaga via?

Momolo. Chi xela ela, sior, se xe lecito de saverlo? (a Silvio)

Silvio. Silvio Aretusi è il mio nome ed il mio cognome31. Ed ho una lettera di trecento zecchini sopra un banchiere, di che ora vi farò vedere la verità.

Momolo. No la s’incomoda altro. Conosso alla ciera la zente onesta; i forestieri me fa peccà, e in sto caso ghe son sta anca mi qualche volta. Sior Ludro, vardeme mi. Ve fazzo la piezaria; e se sto sior no ve paga, vegnì doman a sta istessa ora da mi, e troverè i vostri trenta zecchini.

Ludro. Me maraveggio. Sior Momolo xe patron de tutto. Doman vegnirò da ela.

Momolo. Lasseve veder ancuo a qualche ora, che v’ho da parlar.

Ludro. Co32 la comanda, sior Momolo; ghe son servitor. Patron reverito, a un’altra più bella. Se sta volta l’ho servida mal, un’altra volta la se referà. (a Silvio, e parte)

SCENA X.

Silvio, Beatrice, Momolo.

Silvio. Signore, vi sono bene obbligato, che anche senza conoscermi abbiate voluto liberarmi da una simile vessazione.

Momolo. Gnente, signor. I galantomeni xe obbligai a far dei boni offizi, co i pol.

Beatrice. È bene un birbonaccio colui. Fa torto alla vostra patria.

Momolo. Prima de tutto, si ben che el parla Venezian, mi no so de che paese che el sia; ma quando che el fusse anca de sta città, la vede ben, tutto el mondo è paese; dei boni e dei cattivi per tutto se ghe ne trova. A Venezia, generalmente parlando, e se ama e se stima assae el forestier, ma ghe xe qualche persona tressa33, ghe xe dei dretti che vive sull’avantazo, come se trova per tutto el mondo, e specialmente in ti paesi grandi. [p. 173 modifica]

Silvio. Dite bene, signore. Questa volta ci sono inciampato. Per altro i trenta zecchini li troverò, e voi non resterete....

Momolo. No la se metta in pena per questo. La se comoda, che no m’importa a sborsarli mi, e la me li darà co la poderà. Cossa gh’ha nome sta zentildonna34? (verso Beatrice)

Beatrice. Beatrice, per servirla.

Momolo. Oh, che bel nome! de che paese?

Beatrice. Romana, ai suoi comandi.

Momolo. Molto compita. Xeli vegnui per star un pezzo a Venezia?

Silvio. Avevo idea di trattenermivi il carnovale.

Beatrice. Ma se i danari li perde al gioco, abbiamo finito di divertirci.

Momolo. No la se toga pena per questo. Finalmente la perdita no xe granda, e a Venezia se se poi devertir col poco e co l’assae. E pò, se le se degnerà de lassarse servir, le troverà in mi un bon amigo e un so umilissimo servitor.

Beatrice. (Pare un galantuomo a vederlo, ma mi spaventa l’esempio di quell’altro).

Silvio. Vorrei vedere il mercante, sopra di cui ho la cambiale ad uso. Voi lo conoscerete.

Momolo. No vorla? Son del mistier cuica mi. La me diga el nome.

Silvio. Ho la lettera nel baule, or ora la ritroverò.

Momolo. La vaga a torla, che ghe saverò dir.

Silvio. Eh, vi è tempo. Goderò per ora la vostra compagnia.

Momolo. Da qua un’ora i marcanti i se trova tutti a Rialto. La vaga a trovar la lettera. (Vorave che el dasse liogo35 sto sior). (da sè)

Silvio. Vado subito, ed ora tomo. (parte)

Momolo. Che la se comoda pur. La diga, signora, xela più stada a Venezia? (a Beatrice)

Beatrice. Non signore, questa è la prima volta.

Momolo. La vederà un paese, che ghe piaserà. Ma per cognosserlo sto paese, bisogna praticarlo. La troverà una cortesia in tutti, che xe nostra particolar. Le donne specialmente qua le [p. 174 modifica] poi dir de esser in tel so centro. Semo omeni de bon cuor, e se la se degnerà de far l'esperienza in mi, spero che no la formerà cattivo concetto della nostra nazion.

Beatrice. Son persuasa di quello mi dite. Vedo dalla vostra buona maniera che siete un signore di tutto garbo.

Momolo. Gnente, patrona. Mi no gh’ho nissun merito. Me vanto solamente de esser un omo schietto e sincero, onorato e civil.

Beatrice. (Mi va a genio davvero questo signor Veneziano), (da sè)

Momolo. (Me par, che ghe scomenza a bisegar in tel cuor), (da sè)

Beatrice. Siete ammogliato, signore?

Momolo. No, la veda. Son putto36, per obbedirla.

Beatrice. Se aveste moglie, vi avrei pregato di far ch’io la conoscessi, per avere un poco di compagnia.

Momolo. Posso servirla mi, se la se contenta.

Beatrice. È vero, ma la cosa è diversa.

Momolo. La diga: so consorte xelo zeloso?

Beatrice. Oh questo poi no. Non ha ragione di esserlo nè per il mio merito, nè per il mio costume.

Momolo. Circa al merito lo compatiria, se el fusse zeloso, ma una donna prudente no ghe37 deve dar occasion.

Beatrice. Propriamente è portato a non prendersi pena di certe cose.

Momolo. Donca me sarà permesso de poderla servir.

Beatrice. Discretamente, perchè no?

Momolo. Certo che no me torò quella libertà, che no me se convien. Ma, per esempio, se me tolesse38 la confidenza che disnessimo insieme, se poderave?

Beatrice. Io mi persuado di sì.

Momolo. Andar in maschera39?

Beatrice. Ancora; con mio marito.

Momolo. Se lasserala servir?

Beatrice. Da un uomo onesto, come voi mostrate di essere, non saprei ricusare di essere favorita. [p. 175 modifica]

Momolo. Semo in parola. La me daga la man.

Beatrice. Perchè ho da darvi la mano?

Momolo. Per la parola, che la me dà.

Beatrice. Non vi è bisogno. Ci siamo intesi.

Momolo. Cossa gh’hala paura? No gh’ho miga la rogna.

Beatrice. Ecco la mano.

Momolo. In segno de respetto. (le bacia la mano)

Beatrice. Troppo gentile.

Momolo. Tutto ai so comandi.

Beatrice. Andiamo a vedere, se mio marito ha ritrovato la lettera.

Momolo. Aspettemolo, che el vegnirà.

Beatrice. No, no, è meglio che andiamo.

Momolo. Eh via. (tenero)

Beatrice. Andiamo, vi dico. (Non vorrei che mio marito s’insospettisse di qualche cosa). (da sé)

Momolo. La servo dove che la comanda. (Oh, che beli’incontro che xe sta questo!40 Se andasse anca i trenta zecchini, sto muso ghe ne merita più de cento). (partono)

SCENA XI.

Strada, come nella prima scena.

Eleonora alla finestra della propria casa, poi Ottavio.

Eleonora. Ma! Sono sfortunata io. Tanto amore ho per Momolo, ed egli così poco di me si cura. Passa dinanzi alla porta della mia casa: si ferma sotto le mie finestre, e in vece di cercare di me, va a divertirsi nella locanda; e sa il cielo con chi. Faceva meglio a non dirmelo la cameriera, che ora non proverei questa pena. Voglio almeno aspettare ch’egli esca, non per rimproverarlo, che con lui le cattive non giovano, ma almeno gli servirò di rossore. Mi vo lusingando che un giorno abbia a conoscere la finezza dell’amor mio, ma dubito di dover penar lungamente. Quanti partiti ho lasciati per lui! Il [p. 176 modifica] povero mio padre vorrebbe pure vedermi contenta. Ecco qui quello sguaiato d’Ottavio. Vorrei ritirarmi dalla finestra; ma non vuo’41 perdere l’occasione di veder Momolo. Dovrebbe passare, e andarsene costui. Sa che io non gli bado, che mio padre non lo vuol sentire; e Lucindo, mio fratello, glie l’ha detto liberamente che non istia ad inquietarmi.

Ottavio. (Passando la saluta).

Eleonora. (Non gli risponde al saluto).

Ottavio. Nè meno per civiltà? (ad Eleonora)

Eleonora. Serva sua.

Ottavio. Gran disgrazia è la mia.

Eleonora. Chi così vuol42, così merita.

Ottavio. Merito peggio ancora, volendo continuare ad amare un’ingrata; ma non posso staccarmi questa passione dal cuore.

Eleonora. Non siete ancora chiarito che nessuno di casa mia, quand’io volessi farlo, consentirebbe ch’io vi parlassi?

Ottavio. Cospetto di Bacco! da voi soffrirò tutto, ma i vostri di casa me la pagheranno. E colui di Momolo, che è cagione di tutto, giuro al cielo, avrà che fare con me.

Eleonora. Questo non è luogo da far chiassate.

Ottavio. Sono un galantuomo, e questi affronti non mi si debbono43, e non li voglio soffrire. (alzando la voce)

Eleonora. (Entra, e chiude la finestra.)

SCENA XII.

Ottavio, poi Lucindo dalla sua casa, poi Momolo dalla locanda.

Ottavio. Anche di più? Serrarmi44 la finestra in faccia? Non son chi sono, se non mi vendico. (strepitando)

Lucindo. Quante volte vi si ha da dire, signore, che non vi accostiate alla nostra casa?

Ottavio. Nè voi, nè chi che sia me lo può impedire.

Lucindo. Troverò persone, che vi faranno desistere. ) [p. 177 modifica]

Ottavio. Chi saranno quelli che avranno tanto potere? Il vostro Momolo forse? Non lo stimo45 né lui, nè voi, nè dieci della vostra sorte.

Lucindo. Questo è un parlare da quell’insolente che siete.

Ottavio. A me, temerario? (cacciando la spada)

Lucindo. Così si tratta? (si pone in difesa colla spada. Si tirano dei colpi)

Momolo. (Esce dalla locanda) Alto, alto, fermeve; tolè su el fodro, che i cani no ghe pissa drento.

Ottavio. Per causa vostra, signore. (a Momolo con isdegno)

Lucindo. Egli ha perduto il rispetto a voi46 ed a tutta la nostra casa. (a Momolo)

Momolo. Animo, digo, in semola47 quelle cantinele.

Ottavio. Non crediate già di mettermi in soggezione.

Momolo. Voleu fenirla, o voleu che ve daga una sleppa48? (ad Ottavio)

Ottavio. A me? Se no fosse viltà ferire un uomo disarmato, v’insegnerei a parlare. Provvedetevi di una spada, (a Momolo)

Momolo. Eh, sangue de Diana. Lasse veder, (leva la spada a Lucindo)) A vu, sior bravazzo. (si tirano con Ottavio, e Momolo lo disarma)

Ottavio. Ah, maledetta fortuna!

Momolo. Tolè, sior, la vostra spada; andè da vostra sorella, e diseghe da parte mia, che se sto sior averà più ardir de vegnirla a insolentar, ghe lo inchioderò su la porta, (a Lucindo) E vu tolè el vostro speo49; e andè imparar avanti de metterve coi cortesani della mia sorte. (ad Ottavio, dandogli la sua spada)

Ottavio. (Se non mi vendico, non son chi sono), (da sé, e parte)

Lucindo. Se non venivate voi, forse forse l’avrei ucciso.

Momolo. Eh, compare, se no vegniva mi, el ve inspeava come un quaggiotto.

Lucindo. Voi mi credete di poco spirito, e non lo sono.

Momolo. Lassemo andar ste malinconie. Diseme: cossa fa siora Leonora? Stala ben? [p. 178 modifica]

Lucindo. Starebbe bene, se non sospirasse per voi.

Momolo. Me despiase che me disè sta cossa. Ma, caro amigo, savè che omo che son; me piase goder el mondo.

Lucindo. Basta, io non voglio entrarvi più di così; ci pensi lei.

Momolo. Giusto cussì, lassemo correr. Vegnimo a un altro proposito. Me xe sta dito, che andè in casa de una certa Smeraldina lavandera? xela la veritae?

Lucindo. Io? non la conosco nemmeno. (Come diavolo lo ha saputo?) (da sé)

Momolo. Co no xe vero, gh’ho gusto. E se mai fosse vero, sappiè che in quella casa ghe pratico mi, e dove che vago mi, no voggio che ghe vaga nissun. Ve serva de avviso, e no digo altro. Saludè siora Leonora. (parie)

Lucindo. Ci vado, e ci vorrei andare da Smeraldina. Momolo mi dà un poco di soggezione. Ma cosa sarà finalmente? Proverò di andarvi nelle ore ch’ei non ci va; quella giovine mi vuol bene; non spendo50 niente, e non la voglio perdere, se posso far a meno. (entra in casa)

SCENA XIII.

Camera male addobbata in casa di Truffaldino.

Smeraldina con una cesta di panni sporchi, e truffaldino.

Truffaldino. Dov’et stada fin adesso?

Smeraldina. No vedè, dove che son stada? a tor sti drappi da lavar, da sfadigarme, per mantegnirme mi, e per mantegnirve vu. Vardè là un omo grando, e grosso come un aseno; nol xe gnanca bon da vadagnarse el pan.

Truffaldino. Cossa se vadagna a far el facchin?

Smeraldina. Ghe xe dei facchini, che colle so fadighe i mantien la so casa.

Truffaldino. Bisogna mo veder, siora dottora, se mi gh’ho voja de sfadigarme, come che fa costori. [p. 179 modifica]

Smeraldina. Perchè sè un porco.

Truffaldino. Lassemo i complimenti da banda. Gh’è gnente da magnar in casa?

Smeraldina. Gnente affatto.

Truffaldino. Brava! polito! che donna de garbo!

Smeraldina. E ti cossa m’astu portà? me xe sta pur dito, che sta mattina i t’ha visto a portar un baul.

Truffaldino. Ti gh’ha le to spie, brava. T’hali mo dito, che i m’abbia paga?

Smeraldina. Siguro che i t’ha pagà.

Truffaldino. T’hali mo dito, che ho zogà, e che ho perso?

Smeraldina. I m’ha anca dito, che ti xe un poco de bon; e mi te digo, che me vôi levar sto crucio da torno, che me vôi maridar, e de ti no ghe vôi pensar nè bezzo, nè bagatin.

Truffaldino. Sorella, no me abbandonar.

Smeraldina. Strussio co fa una cagna, e no me avanzo mai da comprarme nè una traversa51, nè un fazzoletto da collo.

Truffaldino. Sorella, no me abbandonar.

Smeraldina. Come voleu che fazza a tirar avanti cussì?

Truffaldino. No me abbandonar, cara sorella.

Smeraldina. A far la lavandera al dì d’ancuo se vadagna poco; va mezi bezzi in legne e in saon, e fina l’acqua bisogna comprar.

Truffaldino. Ma mi bisogna che parla schietto, da galantomo, e da bon fradelo; ti è una matta a sfadigarte per cussì poco.

Smeraldina. Cossa magneressimo, se no fusse mi?

Truffaldino. Cara sorella, gh’è pur quel caro sior Momolo, che l’è el più bon galantomo del mondo, che el gh’ha dei bezzi, che el te vuol ben. Lassa che el vegna qualche volta a trovarte; ogni volta che el vien, el te dona qualcossa a ti, el me dona qualcossa anca a mi. No star a lavar; no fruar cussì la to zoventù. Fa a mio modo, che gh’ho più giudizio de ti.

Smeraldina. Mi anca qualche volta lasseria che el vegnisse, perchè el xe un putto proprio e civil, e el m’ha dito che el me vol [p. 180 modifica] far del ben; ma per dirle la verità, el xe un certo omo sutilo, che el me fa paura. Vien qualche volta da mi sior Lucindo, e el m’ha dito che nol vol52, che el ghe vegna.

Truffaldino. Vedistu? Sior Momolo gh’ha rason, Lucindo l’è un fiol de fameja; spiantà, senza un soldo, che no te poi dar gnente. Gnanca mi in casa mia no gh’ho gusto, che ghe sia galline, che no fazza el vovo.

Smeraldina. In quanto a ti, no ti pensi altro che a magnar e bever, e andar a spasso.

Truffaldino. L’è mo, che de quanti mistieri ho provà, no trovo el mejo de questo.

Smeraldina. E ti voressi trovar in casa la tola parecchiada.

Truffaldino. E sentarme a tola in conversazion.

Smeraldina. E che i galantomeni porta.

Truffaldino. E chi no porta, se ghe sera la porta.

Smeraldina. E mi me vôi maridar.

Truffaldino. Sorella, no me abbandonar.

Smeraldina. E se sior Lucindo me vol, lo togo.

Truffaldino. E se sior Lucindo no me donerà gnente, qua nol ghe vegnirà.

Smeraldina. Chi comanda in sta casa, mi o ti?

Truffaldino. Qualche volta ti, qualche volta mi.

Smeraldina. Quando xela sta qualche volta?

Truffaldino. Co i porta, ti comandi ti. Co no i porta, comando mi.

Smeraldina. Tocco de matto. Senti che i batte; varda chi è.

Truffaldino. E pò ti dirà, che no fazzo mai gnente. (va a cedere)

Smeraldina. Magari che sior Lucindo me tolesse, ma so sior pare no vorà. Certo che sior Momolo me fa del ben, e no lo vorave perder, ma no so quala far.

Truffaldino.(L’è qua quel spianta de Lucindo, ma no ghel voio dir). (da sè)

Smeraldina. Chi ha battù?

Truffaldino. Un poveretto, che domandava la carità.

Smeraldina. Senti che i torna a batter. [p. 181 modifica]

Truffaldino. O la va longa la musica. (torna a vedere)

Smeraldina. M’ha dito sior Momolo, che nol vol che fazza più sto mestier; che el vol che fazza qualcossa de più utile e de manco fadiga; se no me marido, bisognerà che me inzegna.

Truffaldino. (Maledetto colù, nol vol andar via). (da sé)

Smeraldina. Sta volta chi giera?

Truffaldino. Uno che ha falà la porta.

Smeraldina. Che no sia qualcun, che me porta dei drappi.

Truffaldino. Se el fusse un de quei, che porta, l’averave lassa vegnir.

Smeraldina. I torna a batter.

Truffaldino. Lassa che i batta.

Smeraldina. Voggio andar a veder mi.

Truffaldino. Anderò mi.

Smeraldina. No, no, voggio andar mi. (va a vedere)

Truffaldino. Schiavo sior. La ghe averze; e el vien desuso. Se noi me dona almanco un da diese, lo butto zo de la scala. Ho una fame, che no posso più.

SCENA XIV.

Lucindo, Smeraldina, Truffaldino.

Smeraldia. Poveretto, i l’ha fatto star de fora quel che sta ben53?

Lucindo. Credevo non mi voleste più in vostra casa.

Truffaldino. El gh’ha del strologo sior Lucindo.

Lucindo. E dunque vero, che non mi volete?

Smeraldina. Chi dixe sta cossa? me maraveggio. Sior Lucindo? el xe paron, e vu no ve ne stè a impazzar. (a Truffaldino)

Truffaldino. Tutto el zorno el vien qua, e no se pol descorer dei so interessi.

Lucindo. Avete qualche affare con vostra sorella? Fate pure i fatti vostri, io non vi do soggezione. [p. 182 modifica]

Smeraldina. Eh gnente, caro fio54, lasselo dir, che el xe matto.

Truffaldino. Gierimo qua che discorrevimo tra de nu, come che avemo da far sta mattina a comprar da disnar; nè mi, nè mia sorella no gh'avemo un soldo.

Lucindo. (L’intendo il briccone, ma io non ho niente da dargli). (da sé)

Smeraldina. Lasse che el diga, no ghe bade. Per grazia del cielo e de le mie fadighe, el nostro bisognetto el gh’avemo.

Truffaldino. Via donca, dame d’andar a spender.

Smeraldina. Vustu taser, tocco de desgrazià?

Truffaldino. Vedela, sior? no la ghe n’ha un per la rabia, e no la se degna de domandar. Mi mo son un omo tutto pien de umiltà, me favorissela mezo ducato in prestio, che ghe lo restituirò, quando che me marido?

Lucindo. Ve lo darei volentieri, ma in tasca non ne ho presentemente.

Truffaldino. No gh’ave bezzi in scarsella? e vegnì in casa dei galantomeni senza bezzi in scarsella?

Smeraldina. Voleu taser, o voleu che ve serra fora de la porta? (a Truffaldino)

Lucindo. Caro amico, compatitemi; sapete che sono un figlio di famiglia.

Truffaldino. I fioli de fameggia no i va in te le case de le putte con sta libertà. Con che intenzion vegniu da me sorella, patron?

Smeraldina. Debotto ti me fa andar zo co fa Chiara matta55.

Truffaldino. Tasè, siora, che mi son el fradelo, e a mi me tocca a defender la reputazion de la casa.

Lucindo. Io non intendo pregiudicarvi.

Truffaldino. La se contenta de andar via de qua.

Lucindo. Così mi scacciate?

Smeraldina. E mi voggio che el staga qua.

Truffaldino. Se no l’anderà via per la porta, el butterò zo dei balconi.

Lucindo. Soffro le vostre insolenze per rispetto di Smeraldina. [p. 183 modifica]

Smeraldina. Sì, caro fio, soffrilo per amor mio.

Truffaldino. Comando mi in sta casa.

Lucindo. Mi scacciate, perchè non ho denari in tasca; ma può essere che io ne abbia, e non voglia averne.

Truffaldino. Sior Lucindo, mi son un galantomo. Do bone parole me quieta subito. Lo gh’averavela sto mezo ducato?

Lucindo. Vi tomo a dire, non l’ho.

Truffaldino. E mi ve tomo a dir, che mia sorela l’è una putta da maridar, e no se vien a farghe perder le so fortune.

Smeraldina. Lasse che el diga. Vegnighe, che se paron.

Lucindo. Quando Smeraldina è contenta...

Truffaldino. Se ela l’è contenta, mi no son contento. Animo, fora de sta casa.

Lucindo. Voi mi volete precipitare.

Smeraldina. No femo strepiti, che se sussurerà la contrada.

Lucindo. Me ne anderò dunque.

Smeraldina. (Ande, e tornerè56

co no ghe sarà più mio fradelo).

(piano a Lucindo)

Truffaldino. Coss’eli sti secreti? Voi saver anca mi.

Lucindo. Vado via dunque.

Truffaldino. A bon viazo.

Lucindo. Addio, cara. (piano a Smeraldina, prendendole la mano)

Truffaldino. Zoso quele man, che le putte no le se tocca.

Lucindo. Se non fosse per Smeraldina... basta... è meglio ch’io me ne vada. (parte)

SCENA XV.

Truffaldino, Smeraldina, poi Momolo.

Smeraldina. Aveu mo fatto una bella cossa?

Truffaldino. Siora sì, ho fatto el mio debito. In sta casa no ghe voggio nissun. Lavè i vostri drappi, tendè a vu, e no ve fè svergognar.

Smeraldina. Sè ben deventà un omo de garbo da poco in qua. [p. 184 modifica]

Truffaldino. I batte, veggio andar a veder chi è. (va a vedere)

Smeraldina. Se el crede de comandar, el la fala. Co se voi comandar in casa, la se mantien. Sto tocco de baron bisogna che lo mantegna mi, e pò el vol far el dottor? Sior Lucindo me piase, so che el gh’ha bona intenzion, e el ghe vegnirà a so marzo despetto.

Truffaldino. (Parlando con Momolo, che lo seguita) La resta servida, sior Momolo; l’è patron de vegnir a tutte le ore. Mia sorella sarà tutta contenta. Velo qua el sior Momolo, feghe ciera, che l’è un galantomo, che merita.

Smeraldina. (Con questo el se contenta, perchè el gh’ha dei bezzi). (da sè)

Momolo. Smeraldina, no me saludè gnanca?

Smeraldina. Sior sì, l’ho reverida.

Truffaldino. Presto una carega a sior Momolo. (porta una sedia.) Senteve anca vu arente de elo. (porta un’altra sedia)

Momolo. Fin adesso me fa più cortesie el fradelo de la sorela. Via, siora Smeraldina, senteve qua.

Smeraldina. (Bisogna che fìnza per el mio interesse), (siede) Son qua, sior Momolo, son a servirla. Ve contenteu, fradelo, che staga vesina? (a Truffaldino)

Truffaldino. Co i galantomeni de sta sorte me contento. La diga, sior Momolo, gh’averavela mezzo ducato da imprestarme?

Momolo. E mezzo, e uno, e tutto quel che volè.

Truffaldino. Ho ditto mezzo, ma se l’è intiero, la me fa più servizio.

Smeraldina. (In sta maniera el deventa bon). (da sè)

Momolo. Tolè, questo el xe un ducato.

Truffaldino. Grazie, farò la restituzion.

Momolo. Gnente. Tegnivelo, che vel dono.

Truffaldino. Questi i è omeni da farghene conto. Me dala licenzia, che vaga a far un servizio?

Momolo. Ande pur dove volè.

Truffaldino. Se no tornasse presto, n’importa.

Momolo. Stè anca fina doman, se volè.

Truffaldino. Sorela, ve lasso in compagnia de sto sior. So che [p. 185 modifica] se in bone man. Sior Momolo, ghe son servitor, ghe raccomando mia sorela, che la ghe fazza compagnia, fin che torno. Con altri no la lasseria; ma co sior Momolo, se gh’avesse diese sorele, ghe le consegneria. (parie)

SCENA XVI.

Smeraldina e Momolo.

Smeraldina. (I ducati gh’ha sta bella virtù). (da sè)

Momolo. Diseme, siora. Quanto xe che no vede sior Lucindo?

Smeraldina. Mi sior Lucindo? No so gnanca che el sia a sto mondo.

Momolo. Me posso57 fidar?

Smeraldina. Oh, la pol star co i so occhi serai.

Momolo. Me xe sta dito, che el ghe vien da vu.

Smeraldina. Male lengue, sior Momolo; no xe vero gnente.

Momolo. Se ve disesse mo, che me l’ha dito vostro fradelo?

Smeraldina. (Oh che baron!) Come lo porlo dir? Se el dise sta cossa el xe un busiaro58; che el vegna sto galiotto, che el me sentirà; proprio da la rabia me vien da pianzer59.

Momolo. Via, no sarà vero. No stè a fiffar60; savè che ve voggio ben, e quel che ve digo, ve lo digo per ben. Mi da vu no voi gnente altro che bona amicizia e schiettezza de cuor.

Smeraldina. In materia de sincerità, ghe ne troverè poche putte sincere co fa mi.

Momolo. Se ve vien occasion de maridarve, mi ve mariderò; ma con uno che gh’abbia da mantegnirve; no con zente che ve fazza morir dalla fame.

Smeraldina. Certo che se posso cavarme da ste miserie, lo farò volentiera. E in specie per causa de mio fradelo, che nol voi far gnente; e el vol che lo mantegna mi. [p. 186 modifica]

Momolo. A far la lavandera cossa podeu vadagnar?

Smeraldina. Gnanca la polenta da cavarse la fame. Se no fusse sior Momolo, per so bontà, che no me agiutasse, poveretta mi.

Momolo. Mi, cara fia, fazzo quel che posso; ma ghe voi altro a cavarve dai fanghi61. Bisognerave che pensessi a far qualcossa, che ve dasse dell’utile.

Smeraldina. Cossa mai poderavio far?

Momolo. Sè zovene; gh’ave del spirito; gh’ave una vita ben fatta, doveressi imparar a ballar.

Smeraldina. E pò?

Momolo. E pò far el mestier de la ballarina. Al dì d’ancuo62 le ballarine le fa tesori; questo el xe el secolo delle ballarine. Una volta se andava all’opera per sentir a cantar, adesso se ghe va per veder a ballar; e le ballarine, che cognosse el tempo, le se fa pagar ben.

Smeraldina. Co avesse da andar sul teatro, mi farave più volentiera la cantatrice.

Momolo. No, fia mia, no ve conseggio per gnente. No se putella63, e a far la cantatrice ghe vol dei anni. Solfeggiar, sbraggiar64, spender dei bezzi assae in ti maestri, e dele volte se trova de queli, che i sassina le povere scolare, e per chiapar la mesata i dise, che le se farà brave, si ben che no le gh’ha gnente de abilità. Figure ve, o no gh’avè petto, o che la ose no se pol unir, o che ve manca el trilo, e no acquistando concetto bisogna, in vece de cantar dele arie in teatro, cantar in casa dei dueti amorosi. Per una ballarina basta che la gh’abbia bon sesto, bona disposizion, e sora tutto un bon muso; con tre o quattro mesi de lizion, la se butta fora, se no altro, per figurar. Mi ve starò al fianco, ve provederò de maestro, ve cercherò un impressario che ve toga, e ghe donerò tre o quattro zecchini secretamente. Co ballerè, anderò da basso a sbatter le man, e farò sbatter da tutti i mi amici, e da una dozena de barcarioli. Regalerò el maestro dei balli, [p. 187 modifica] acciò che el ve fazza far una bona fegura; farò che el vostro compagno se contenta de far quel padedù, che avere impara a memoria, senza bisogno de ascoltar i violini. Ve farò far i sonetti; ve compagnerò al teatro co la gondola, ve farò un palco; insoma no passa un anno, che se sente a dir: prima figura madama Smeraldina in compagnia de monsù Giandussa.

Smeraldina. In verità, sior Momolo, che me ne fè vegnir la voggia.

Momolo. Cossa dirali la zente, co i vedarà la lavandera co la scuffia e co i nei?

Smeraldina. Me burlerali?

Momolo. Per cossa v’hai da burlar? Sarala una novità? Fare anca vu, come che ha fatto le altre.

Smeraldina. Sior Momolo sarà el mio protettor.

Momolo. Manco mal, la sarave bella che se mi ve metto alla luse del mondo, m’avessi pò da impiantar; siben che no saressi la prima. Ghe n’ho cognossù de quelle poche, che co le s’ha visto in tum poco de bona figura, le ha volta la schena a chi gh’ha fatto del ben.

Smeraldina. Oh, mi no gh’è pericolo certo. Se farò sto mestier, me arecorderò sempre del mio primo paron. Ghe prometto de no parlar co nissun.

Momolo. No digo che no abbiè da parlar. Chi va sul teatro ha da usar civiltà con tutti; e el xe un gran alocco quello che intende de voler far la guardia a le ballarine o a le cantatrici. In scena tratte con tutti; parlè con chi ve vien a parlar; solamente ve dago un avertimento: co avere fenio el primo ballo e che anderè a muarve per el secondo, no fè che vegna nissun in tel camerin: perchè se savessi quanti che ho sentio co ste recchie a dir in Piazza all’amigo: oe! no ti sa? quella che balla cussì e cussì, alla lontana la par qualcossa, ma da rente, puina pegorina65 che stomega.

Smeraldina. Se fusse in sto caso, che no so se ghe ariverò, me conseggierò sempre con vu, sior Momolo. [p. 188 modifica]

Momolo. Voleu che lo trovemo sto ballarin, che v’insegna a ballar?

Smeraldina. Per mi son qua; vardè pur vu, se disè da seno.

Momolo. L’è dita. Vago a trovarlo, e vel meno qua.

Smeraldina. Poveretta mi! come faroggio a imparar?

Momolo. El maestro ve insegnerà i passi, e mi ve insegnerò el pantomimo.

Smeraldina. Coss’ela sta roba? Mi no me n’intendo.

Momolo. Vederè, vederè. Smeraldina, parecchieve in gamba. Buttè via el saon e la cenere. Fideve de mi, e no v’indubitè. Siora ballarina, la reverisso. (parte)

SCENA XVII.

Smeraldina sola.

La sarave mo ben da rider, che i me vedesse anca mi co i cerchi e co la mantellina. Allora poderave sposar sior Lucindo. Ma cossa dirave sior Momolo? Oe, no halo dito che fa cussì delle altre? ben, farò l’istesso anca mi. (parte)

Fine dell’Atto Primo.

  1. Termine con cui in Venezia si chiamano li facchini, quando si ha bisogno dell’opera loro,
  2. Babbuino.
  3. Buscarsi.
  4. Ed. Zatta: da.
  5. E. Zatta: conosseli.
  6. (a) Passarsela bene
  7. Zatta: Canareggio.
  8. Zatta: da vu.
  9. (b) Una lira e mezza de moneta corrente.
  10. Zatta: poppa.
  11. Zatta: merenda.
  12. Ballo solito della gente bassa. [nota originale]
  13. Ragazze. [nota originale]
  14. Nelle edd. Savioli e Zatta: quattro furlane de gusto, e via allegramente.
  15. Gergo che significa notte. [nota originale]
  16. Le parole di Momolo, che seguono, furono soppresse nelle edd. Savioli e Zatta.
  17. Termine de’ gondolieri, che vuol dire alla dritta. [nota originale]
  18. Queste ultime parole di Nane mancano nell’ed. Zatta.
  19. Luogo, ove si radunano i mercanti. [nota originale]
  20. Sito del Canal Grande. [nota originale]
  21. Gergo che significa volto. [nota originale]
  22. Se sono spiantati. [nota originale]
  23. A precipizio. [nota originale]
  24. Mancano nell’ed. Zatta le parole che seguono.
  25. Ed. Zatta: se una volta.
  26. Ed. Zatta: So galantomo.
  27. Colazione, o merenda. [nota originale]
  28. Rissa. [nota originale]
  29. Sopraggiunto. [nota originale]
  30. Termine, in questo caso, scherzevole. [nota originale]
  31. Ed. Zatta: Silvio e il mio nome, ed Aretusi il mio cognome.
  32. Quando. [nota originale]
  33. Di cattivo costume. [nota originale]
  34. Termine di civiltà in questo caso. [nota originale]
  35. Che si allontanasse. [nota originale]
  36. In senso di giovanetto ancor libero.or
  37. Ed. Zatta: no ghe ne.
  38. Ed. Zatta: Ma se per esempio me tolesse.
  39. Ed. Zatta: mascara.
  40. Le parole che seguono, non si leggono nell’ed. Zatta.
  41. ED. Zatta: vo’.
  42. Zatta: vuole.
  43. Zatta: deono.
  44. Zatta: Anche di più serrarmi ecc.
  45. Zatta: non istimo.
  46. Zatta aggiunge: a me.
  47. Che ponga la spada nella crusca, per ischerno. [nota originale]
  48. Schiaffo. [nota originale]
  49. Spiedo, per ischerno. [nota originale]
  50. Zatta: non ci penso.
  51. Grembiale. [nota originale]
  52. Ed. Paperini: vuol.
  53. Frase, che vuol dire moltissimo. [nota originale]
  54. Modo di dire affettuoso.or
  55. Pazza, nota in Venezia, che soleva strillare per le strade.or
  56. Zatta: tornè.
  57. Zatta: possio.
  58. Bugiardo. [nota originale]
  59. Piangere. [nota originale]
  60. Singhiozzare. [nota originale]
  61. Levarsi dalle miserie. [nota originale]
  62. Al di d’oggi. [nota originale]
  63. Ragazzetta. [nota originale]
  64. Sfiatarsi gridando. [nota originale]
  65. Ricotta di pecora. [nota originale]