Morgante maggiore/Canto decimosecondo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Canto decimosecondo

../Canto decimoprimo ../Canto decimoterzo IncludiIntestazione 16 ottobre 2016 75% Da definire

Canto decimoprimo Canto decimoterzo
[p. 246 modifica]

CANTO DECIMOSECONDO.




ARGOMENTO.

     Gano lascia la corte: a tradimento
Prende ’a un bosco Ricciardetto, e a Carlo
Lo dà in potere; e Carlo assai contento
S’è già deliberato d’impiccarlo:
Orlando parte a così strano evento;
Ricciardetto ha chi viene a liberarlo.
Parigi per suo re Rinaldo adotta,
E Orlando dal Persiano è messo in grotta.


1 O fonte di pietà, fonte di grazia,
     Madre de’ peccator nostra avvocata,
     Di cui la mente mia mai non si sazia
     Di dir quanto tu sia nel Ciel beata,
     Tu redemisti nostra contumazia,1
     Dal dì che ’n terra fusti annunziata;
     Non mi lasciare, o Vergine di gloria,
     Tanto ch’i’ possi ordinar questa storia.

2 Troppo sarebbe lungo a dire in rima
     Di tanta gente appunto le parole,
     E d’ogni cosa far non si dè' stima:
     Rinaldo il traditor Gan morto vuole,
     Carlo di grazia l’avea chiesto prima,
     Della qual cosa il popol se ne duole;
     Pur lo lasciâr con questa condizione,
     Che mai più in corte non istia il fellone.

[p. 247 modifica]

3 Rinaldo malcontento si ritorna
     A Montalban con Ricciardetto insieme.
     Ma ’l traditor di Gan, che non soggiorna,
     E sempre inganni della mente preme,
     Cominciò presto a ritrar fuor le corna:
     Perchè Rinaldo non v’era, non teme;
     E Carlo l’ha salvato dalla morte,
     Ed or cacciare nol sapeva di corte.

4 E cominciò di nuovo a far pensiero
     Che Carlo gli credessi al modo antico,
     Per distruggere alfin tutto il suo impero;
     E Carlo ritornato è già suo amico,
     E ciò ch’è bianco, gli pareva nero.
     Diceva Gano: Intendi com’io dico;
     Se viver non vuoi sempre con vergogna,
     Rinaldo al tutto spegner ti bisogna.

5 Carlo diceva: Alla fine io la lodo,
     Perchè tu vedi ben quel che m’ha fatto;
     Ma non ci veggo ancor la via nè ’l modo,
     E molte cose con meco combatto.
     Diceva il traditor pien d’ogni frodo:
     Io credo satisfarti a questo tratto;
     Come scacciato da te me n’androe
     A Montalbano, e segreto staroe.

6 E manderotti lettere poi scritte
     Che parrà che sien fatte nella Mecche:2
     Dirò che le mie gente sieno afflitte,
     E che punite omai sien tante pecche;
     E molte altre parole a te diritte:
     Ch’io vo’ tornare a dir salamalecche,3
     Peccavi, Domin, miserere mei
     Delle mie colpe e de’ processi rei.

7 Tu mostrerai le lettere palese;
     Rinaldo crederà ch’io sia lontano,
     E ch’io non torni più ’n questo paese:
     Un dì ch’egli esca fuor di Montalbano,
     Subito insieme saremo alle prese,
     E so ch’io l’uccidrò con la mia mano;
     E come morto fia, sai che ’l tuo regno
     Sicuro è poi, e tu, imperator degno.

[p. 248 modifica]

8 A Carlo piacque alfin questo consiglio,
     E fece vista Gan da sè scacciare;
     Gan dette presto a’ suoi arnesi di piglio:
     Prima fingeva sè raccomandare:
     Carlo mostrava con turbato ciglio,
     Che ’n corte più non lo vuol raccettare,
     E che cercando sua ventura vada,
     E ritrovassi subito la strada.

9 Partissi il traditor celatamente,
     E presso a Montalban fece un aguato,
     E scrisse a Carlo, come la sua gente
     E lui in Pagania era arrivato,
     E mostrava pregare umilemente,
     Che perdonar gli debba ogni peccato:
     E Carlo avea le lettere mandate
     A Montalbano, e molto palesate.

10 Rinaldo s’era un giorno dipartito,
     Per passar tempo con un suo falcone;
     E Ruinatto con lui era gito
     Verso Agrismonte, a lor consolazione:
     E Ricciardetto un dì ne giva al lito
     Del fiume, ove nascoso è Ganellone
     In una valle, ov’è certo boschetto
     Presso a quel fiume appiè d’un bel poggetto.

11 E mentre in qua e ’n là s’andava a spasso,
     Gan si pensò che Rinaldo quel sia;
     Uscì del bosco con molto fracasso
     Ed assaltollo con sua compagnia,
     Tanto che preso rimaneva al passo.
     La notte inverso Parigi ne gìa
     E dette Ricciardetto preso a Carlo,
     Ed ordinorno presto d’impiccarlo.

12 Orlando, poi che questo fatto ha inteso,
     Molto pregato avea lo ’mperadore,
     Che non guardassi d’aver costui preso,
     E non gli facci oltraggio o disonore.
     Carlo rispose, di grand'ira acceso:
     Io vo’ impiccarlo come traditore,
     Perchè d’Astolfo impedì la giustizia,
     Con esso insieme per la sua nequizia.

[p. 249 modifica]

13 Diceva Orlando: E’ non è ancora spento
     Il fuoco, Carlo, ch’arder potre’ ancora:
     Se tu l’uccidi, io non sarò contento,
     Rinaldo ne verrà sanza dimora:
     Vedi che Gan già fatto ha tradimento,
     E sanza lui non puoi vivere un’ora.
     Carlo dicea: Traditor non fu mai,
     E ciò c’ha fatto è perchè m’ama assai.

14 E tu te l’hai recato in sulle corna,4
     Tu e Rinaldo, perch’egli è fedele,
     E dì nè notte già mai non soggiorna
     Di spegner chi contro a me fu crudele.
     Partissi Orlando, e stando un poco, torna,
     E disse: Io giuro alle sante Vangele,5
     Che se tu uccidi, Carlo, il mio cugino,
     Io ti farò della vita tapino.

15 E trasse fuor la spada Durlindana,
     E colla punta una croce fe in terra,
     E ’n su la croce poneva la mana,
     E dipartissi, ed uscì della terra;
     Ma la regina savia Gallerana
     Pregava insieme col sir d’Inghilterra
     E ’l duca Namo, Ulivieri, e ’l Danese,
     Ch’almen la morte gl’indugiassi un mese.

16 Carlo le forche in sul fiume di Sena6
     Fece ordinare, e ciò che fa mestiero.
     Gan traditor grand'allegrezza mena,
     Perchè e’ pensò riuscissi il pensiero:
     Tutta la corte di sdegno era piena.
     Rinaldo e Ruinatto il suo scudiero
     Intanto a Montalbano era tornato,
     E Ricciardetto suo non v’ha trovato.

17 E scrisse ’Astolfo come il caso stava,
     Che l’avvisassi, e stessi proveduto,
     Però che molta gente ragunava,
     Per dare a Ricciardetto presto aiuto:
     Astolfo d’ogni cosa lo ’nformava,
     E come Carlo gli avea conceduto
     Un mese tempo a mandarlo alla morte;
     Ma duolsi sol ch’Orlando non è in corte.

[p. 250 modifica]

18 Or questo è quel ch’a Rinaldo dolea,
     Che si fussi partito il conte Orlando,
     Chè sanza lui di camparlo temea;
     Pur la sua gente veniva assettando.
     E Gallerana, che gliene ’ncrescea,
     Ogni dì Carlo veniva pregando
     Che Ricciardetto libero lasciassi,
     Acciò che Orlando in corte ritornassi:

19 E non tentassi tanto la fortuna,
     E non credessi tanto al conte Gano;
     E se mai grazia far gli debbe alcuna,
     Che Ricciardetto gli dessi in sua mano.
     Ma non poteva ancor per cosa ignuna
     Rimuover dall’impresa Carlo Mano.
     Rinaldo pur quel che seguissi aspetta,
     E tuttavia la sua brigata assetta.

20 Era già presso il giorno diputato,
     E Smeriglione e Vivian di Maganza,
     Come Carlo avea detto hanno ordinato;
     E Ganellone avea tanta arroganza
     Ch’ognun che priega è da lui minacciato:
     Lo ’mperador gli avea dato baldanza;
     Tanto che Namo per nulla non v’era,
     E per isdegno n’era ito in Baviera.

21 E Berlinghieri, ed Ottone, ed Avino
     S’eron partiti, Avolio, e Salamone,
     E ’l figliuol del Danese, Baldovino,
     Veggendo a Gano tanta presunzione.
     Erminion, che fu già Saracino,
     Era con Carlo pien d’afflizione;
     E l’amico d’Astolfo Lionfante,
     Famoso e degno e gentile ammirante.

22 Evvi Morgante con la damigella
     Meridiana e col suo concestoro;
     Ognun di Ricciardetto assai favella,
     Che Carlo a torto gli dava martoro:
     Gan da Pontier sua baronia appella,
     Quando fu tempo, e comandava loro,
     Che Ricciardetto subito legassino,
     E ’n sul fiume di Sena lo ’mpiccassino.

[p. 251 modifica]

23 Rinaldo era venuto, come scrisse
     Astolfo, e con sua gente stava attento
     Aspettar che ’l fratel di fuor venisse;
     Vide in un tratto gli stendardi al vento
     Prima che fuor Ricciardetto apparisse,
     E Smeriglion che si facea contentlo,
     E molto a quel mestier pareva destro,
     E ’l buon Vivian ch’era l’altro maestro.

24 Non aspettò che, come Astolfo, venga
     Fino alle forche, ma tosto si mosse,
     Acciò ch’alcuno scherno non sostenga,
     Che nella fronte sputato gli fosse;
     Verso la porta par che ’l cammin tenga;
     Tra’ Maganzesi in un tratto percosse;
     E Ricciardetto suo fu sciolto presto,
     Che, com’Astolfo, al collo avea il capresto.

25 Or qua or là si scaglia con Baiardo,
     E fece cose quel dì con Frusberta,
     Che chi ’l dicessi fia detto bugiardo;
     Ma come fu la novella scoperta,
     Ognun fuggiva: in questo tempo Alardo
     Ismeriglion colla zucca scoperta
     Trovava, e con un colpo che diè a quello,
     Gli partì il capo, e fessegli il cervello.

26 E poi si volse con molta tempesta
     Verso Vivian da Pontier, ch’era appresso,
     E colla spada gli diè in su la testa,
     L’elmo e la cuffia insino al mento ha fesso:
     Rinaldo a Gan terminò far la festa,
     E finalmente s’appicca con esso:
     E ’n su ’l braccio d’un colpo l’ha ferito,
     Che cadde in terra pel duol tramortito.

27 E fu portato come morto via;
     E Ricciardetto sopra un destrier monta,
     Che Smeriglione abbandonato avia,
     E colla spada tra costor s’affronta:
     E colpi e le gran cose che facia,
     Per non tediar chi legge, non si conta:
     Carlo era corso già insino alla porta,
     Vide Rinaldo, e molta gente morta

[p. 252 modifica]

28 E disse fra suo core: I'ho mal fatto,
     Ecco di nuovo il popol sollevato;
     E fuor della città si fuggì ratto:
     Rinaldo drento in Parigi era entrato,
     E grida: Popolazzo vile e matto,
     Come hai tu tanto oltraggio comportato?
     A sacco, a fuoco, alla morte, a furore,
     E misse tutto Parigi a romore;

29 E cominciò in un certo borgo il fuoco
     Appiccare, e rubar botteghe e case,
     Tanto che a’ Parigin non parea giuoco;
     Non si facea qui le misure rase:
     Così il furor cresceva a poco a poco,
     Tanto che pochi drento vi rimase,
     Sentendo al fuoco gridare, e alla morte:
     E per paura uscien fuor delle porte.

30 Non vi rimase un Maganzese solo,
     Che non fuggissi per la via più piana,
     E molto pianto si sentiva e duolo;
     Ma la reina presto Gallerana
     Si misse in mezzo di tutto lo stuolo,
     E come savia, benigna ed umana,
     Pregò Rinaldo che fussi contento
     Che ’l fuoco almen dovessi essere spento.

31 Rinaldo aveva sentito ogni cosa,
     Ciò che per Ricciardetto fatto aveva
     L’alta reina, degna e gloriosa;
     Subito un bando per tutto metteva,
     Che, poi che piace alla donna famosa,
     Ognun si posi; e ’l fuoco si spegneva:
     Prese la terra quel giorno a suo agio,
     E Gallerana lo menò al palagio.

32 E fu quel dì Rinaldo incoronato,
     Chè contraddir non gli potè persona:
     E nella sedia di Carlo è posato,
     E messogli poi in testa la corona,
     E d’una vesta reale addobbato;
     E di sua forza ognun quivi ragiona,
     Perchè egli aveva quel dì fatte cose,
     Ch’a tutto il popol fur maravigliose.

[p. 253 modifica]

33 Gano in Maganza si fece ritorno,
     Benchè portato vi fu come morto
     Dalle sue gente che l’accompagnorno:
     A Gallerana non fu fatto torto;
     Ognun come a reina gli è d’intorno:
     Così Rinaldo comandava scorto,
     Che fatto fussi alla reina onore,
     Come se Carlo fussi imperadore.

34 Vero è ch’un altro che ne scrive dice
     Che subito ne venne Malagigi,
     E menava con seco Beatrice,
     Che di Rinaldo madre era, a Parigi,
     Perchè esser volea lei la ’mperadrice;
     Ma ’l prenze si ricorda de’ servigi,
     E vuol che Gallerana sia in effetto,
     Perchè molto aiutato ha Ricciardetto.

35 Tornò a Parigi Namo, e Salamone,
     E Berlinghier famoso, e Baldovino,
     Ch’era figliuol del sir dello Scaglione;
     Tornò Gualtieri a corte, tornò Avino,
     Tornò con gli altri insieme il franco Ottone,
     E tutto quanto il popol parigino;
     E' Maganzesi ognun nettò la soglia,
     Che non ve ne rimase seme o foglia.7

36 Fecionsi fuochi assai per la cittate,
     Fecionsi giostre e balli e feste e giuochi;
     Furon tutte le dame ritrovate,
     E gli amador, che non ve n’eran pochi;
     Tanti strambotti, romanzi e ballate8
     Che tutti i canterin son fatti rochi;
     Sentiensi tamburelli e zufoletti,
     Liuti, ed arpe, e cetre, ed organetti.

37 Era Rinaldo molto reputato,
     E più che fussi mai contento e lieto,
     Se non ch’Orlando suo non v’ha trovato,
     Dond’egli avea gran duol nel suo segreto;
     Orlando con Terigi è cavalcato
     Più e più giorni già contra divieto,
     E ’nverso Pagania n’andava forte,
     Con intenzion mai più tornare in corte.

[p. 254 modifica]

38 E tuttavolta piangea Ricciardetto,
     Dicendo: Io so che Carlo l’arà morto,
     Ond’io n’ho tanto dolor nel mio petto,
     Ch’io non ispero più trovar conforto;
     Il traditor di Gan per mio dispetto
     Fia stato il primo a così fatto torto.
     E ’l simigliante Terigi dicea,
     Chè Ricciardetto troppo gli dolea.

39 Avea già cavalcato più d’un mese,
     E finalmente in Persia si trovava,
     E come fu condotto in quel paese,
     Sentì che gran battaglie s’ordinava;
     E poi ch’un giorno una montagna scese,
     Una città famosa ivi mirava,
     Là dove era assediato l’Amostante
     Dal gran Soldano e da un fier gigante.

40 Aveva una figliuola molto bella,
     Che luce più che stella mattutina,
     L’Amostante,9 chiamata Chiariella,
     Tanto leggiadra, accorta e peregrina,
     Che per amor di lei montato è in sella
     Il Soldan con sua gente saracina,
     Per acquistar, se può, sì bella cosa;
     E ’l gran gigante non trovava posa.

41 Ch’era detto per nome Marcovaldo,
     Venuto delle parti di Murrocco,
     Di gran prodezza e di giudicio saldo,
     Ma per amor di lei pareva sciocco,
     Come chi sente l’amoroso caldo,
     Chè solea dare a tutti scaccorocco;10
     Ma tanto il foco lavorava drento,
     Che per costei perduto ha il sentimento.

42 Cavalcava un'alfana smisurata
     Di pel morello, e stella aveva in fronte;
     Sol un difetto avea, ch’era sboccata,
     E pel furor gli par piano ogni monte:
     Arebbe corso tutta una giornata,
     Tant’eran le sue membra forte e pronte.
     Giunse Terigi e ’l figliuol di Milone
     Dov’era del gigante il padiglione;

COMMONS [p. 255 modifica]

43 Ch’era tutto di cuoio di serpente,
     Con certi Macometti messi a oro,
     Con gran carbonchi, se Turpin non mente,
     Zaffir, balasci, e valeva un tesoro.
     Orlando al padiglion poneva mente,
     Dove il gigante faceva dimoro,
     E stava tanto fiso a mirar questo.
     Che Marcovaldo s’adirava presto.

44 Perch'e’ giucava a scacchi a suo sollazzo,
     Siccom’egli è de’ gran signor costume:
     Volsesi, e disse con un suo ragazzo:
     Chi è quel poltonier che tiene il lume?
     Cacciatel via, e’ debbe essere un pazzo:
     Donde è venuto questo strano agrume?
     Fu preso a Vegliantin tosto la briglia,
     Ch’Orlando al padiglion tenea le ciglia.

45 Terigi, quando vide il Saracino
     Ch’avea preso la briglia al conte Orlando,
     Come fedele e servo al paladino,
     Subito trasse alla testa col brando;
     E quel Pagan gittava a capo chino,
     Chè le cervella fuor vennon balzando.
     Ah, disse Orlando come bene hai fatto,
     A gastigar, Terigi, questo matto!

46 Marcovaldo colui vide cadere;
     Maravigliossi, chè non parve appena
     Che Terigi il toccassi: Ah, poltroniere,
     Gridava forte, matto da catena!
     E poi si volse ad un altro scudiere:
     Piglia quel, disse, e drento qua lo mena,
     Ch’io non intendo sofferir tal torto,
     Ch’egli abbi in mia presenzia colui morto.

47 Allora Orlando prese Durlindana,
     Chè tempo non gli par di stare a bada,
     Ed accostossi alla turba pagana:
     Terigi s’arrostava colla spada;
     Quanti ne giugne, in terra morti spiana,
     Tal che non v’è più ignun che innanzi vada:
     Orlando a chi non era al fuggir destro,
     Facea col brando il segno del maestro.

[p. 256 modifica]

48 Maravigliossi tanto il fier gigante
     Di quel che vide in un momento fare
     Al conte Orlando a’ suoi occhi davante,
     Che cominciò così seco a parlare:
     E’ basterebbe al gran signor d’Angrante,
     Che in tutto il mondo si fa ricordare,
     Quel ch’ha fatto costui qui col suo brando.
     Della qual cosa molto rise Orlando.

49 Fate venir, gridò, tosto mie armi,
     Ch’i’ho di questo fatto maraviglia;
     Io vo’ con questo cavalier provarmi,
     Che tutta quanta mia gente scompiglia:
     Veggiam se ardito sarà d’affrontarmi.
     E la sua alfana pigliò per la briglia,
     Prese una lancia, e ’nverso Orlando corse;
     Ma ’l buon Terigi del fatto s’accorse.

50 A un Pagan di man tolse una lancia,
     E disse: Piglia, piglia tosto, conte;
     Le gentilezze son rimase in Francia;
     Ecco il gigante che ti viene a fronte;
     Nè per vergogna arrossita ha la guancia
     Di venirti a trovar, chè pare un monte:
     Tu colla spada, e lui coll’aste in resta;
     Vedi che gente, anzi canaglia, è questa!

51 Rispose Orlando: Sia quel ch’esser vuole,
     Chè in ogni modo non lo stimo un fico;
     Ver è ch’egli è sì grande, che mi duole
     Ch’appena gli porrò l’aste al bellico:
     Ma il brando taglia pur come e’ si suole;
     Con esso il tratterò come nimico.
     Terigi stava a diletto a vederlo,
     E Vegliantin ne va com’uno smerlo.11

52 E poi in un tratto la lancia abbassava,
     E va inverso il Pagan di buona voglia,
     E ’n sullo scudo basso lo trovava:
     Questo passò come fussi una foglia,
     E la corazza e lo sbergo passava,
     Tanto che Marcovaldo ebbe gran doglia,
     E ruppe la sua lancia a mezzo il petto
     Al conte, bestemmiando Macometto.

[p. 257 modifica]

53 L’alfana, che pel colpo ebbe paura,
     Perchè gli parve di molta possanza,
     Era di bocca, com’io dissi, dura;
     Subito fece col morso l’usanza
     E cominciò a sgomberar la pianura:
     Ma il conte Orlando seguiva la danza;
     Egli e Terigi i cavalli spronorno,
     E drieto a Marcovaldo s’avviorno.

54 Poi che tutto ebbe attraversato il piano,
     Giunse l’alfana appiè della montagna;
     Quivi alfin pur la ritenne il Pagano,
     Però che tutta di sudor si bagna.
     Orlando grida: Saracin villano,
     Ben t’ho seguito per ogni campagna;
     Questo è quel dì che ti convien morire,
     Volgiti indrieto, tu non puoi fuggire.

55 Sentendo il Saracin così chiamarsi,
     Volsesi in drieto, e trasse il brando fore,
     E disse: Al mondo ignun non può vantarsi,
     Ch’io lo fuggissi per viltà di core;
     Ma sappi ch’e’ rimedj son sì scarsi
     Di questa alfana a frenare il furore,
     Quand’ella piglia colla bocca il morso,
     Che insin dove tu vedi son trascorso.

56 Ma tu se’ qua condotto dov’io voglio,
     E ’l tuo compagno ch’uccise il mio servo;
     S’io son quel Marcovaldo ch’esser soglio,
     Non lascerò a tagliarti osso nè nervo:
     A più di sette12 abbassato ho l’orgoglio,
     E sempre col nimico questo osservo,
     Ch’io non mi curo per la lancia in fallo,
     Ma con la spada mi serbo ammazzallo.

57 Rispose Orlando: Tu il di’ per vergogna,
     Chè tu rompesti un gambo di finocchio
     A gran fatica, e scusa or ti bisogna;
     Ed io, ch’allato a te paio un ranocchio,
     So che col ferro ti grattai la rogna,
     E corse il sangue più giù che ’l ginocchio:
     Così t’avessi veduto la dama,
     Che Chiariella per nome si chiama.

[p. 258 modifica]

58 Disse il Pagano: Or donde hai tu saputo
     Chi tenga del mio cor le chiavi e ’l freno?
     Sappi che molte volte m’ha veduto
     Gittar più cavalier morti al terreno,
     E mai però di me non gli è incresciuto;
     Ma pur per compiacergli nondimeno,
     S’io gli credessi dar sollazzo e festa,
     Di te, poltron, gli manderei la testa.

59 Rispose Orlando: E’ fia più bel presente
     La tua, gigante, ch’è maggiore assai;
     Oltre, veggiam come sarai valente,
     E quel ch’a Chiariella manderai;
     E Durlindana alzò subitamente,
     Dicendo: Or Macometto chiamerai;
     E diègli un colpo in su la destra spalla,
     Che ’l fer gigante in qua e ’n là traballa;

60 E fece lo spallaccio sfavillare,
     Ma pure al taglio della spada resse;
     E ’l Saracin si volle vendicare,
     E par ch’un gran fendente al conte desse.
     Orlando con lo scudo vuol parare;
     Ma la pesante spada e dura il fesse,
     E due parte ne fe, se ’l dir non erra,
     E l’una delle due balzava in terra.

61 Orlando per grand’ira l’altra getta,
     E battella al gigante nel mostaccio;
     Poi Durlindana in pugno si rassetta,
     E trasse un colpo al Saracino al braccio,
     Che benchè l’arme assai fussi perfetta,
     Parve che fussi di cera o di ghiaccio:
     E ’l braccio gli tagliò presso alla mano,
     Tal che un gran mugghio metteva il Pagano.

62 E la spada e la man vide cadere,
     E cadde per dolor giù dell’alfana,
     E disse: Io mi t’arrendo, ch’è dovere,
     Ch’io veggo ogni speranza in Macon vana;
     Per grazia, non per merto, cavaliere,
     Dimmi se se’ della legge cristiana,
     Poi che tu m’hai così condotto a morte,
     Ch’io non trovai Pagan mai tanto forte.

[p. 259 modifica]

63 Disse Orlando: Da poi che tu mel chiedi
     Per grazia, io userò mia cortesia;
     Io sono Orlando; e questo, che tu vedi,
     È il mio scudier, ch’è meco in compagnia:
     Tu se’ morto, e dannato, stu non credi
     Presto a colui che nacque di Maria:
     Battezzati a Gesù, credi al Vangelo,
     Acciò che l’alma tua ne vadi in cielo.

64 Macometto t’aspetta nello ’nferno
     Cogli altri matti che van drieto a lui,
     Dove tu arderai nel foco eterno,
     Giù negli abissi dolorosi e bui.
     Disse il Pagan: Laudato in sempiterno
     Sia Gesù Cristo e tutti i santi sui;
     Io voglio in ogni modo battezarmi,
     E per tua mano, Orlando, Cistian farmi.

65 E ringrazio il tuo Dio, poi ch’i’ son morto
     Per man del più famoso uom che sia al mondo;
     S’io mi dolessi, io arei certo il torto:
     Battezzami per Dio, baron giocondo,
     Ch’io sento già nel cuor tanto conforto,
     Ch’esser mi par d’ogni peccato mondo.
     Orlando al fiume subito correa,
     Trassesi l’elmo, e d’acqua poi l’empiea.

66 E battezzò costui divotamente:
     E come morto fu, sentiva un canto,
     Ed Angeli apparîr visibilmente
     Che l’anima portâr nel regno santo;
     E d’aver morto costui fu dolente
     E con Terigi faceva gran pianto;
     E feciono una fossa a drento e scura,
     E dettono a quel corpo sepultura.

67 Ma una grazia, prima che morisse,
     Al conte chiese quel gigante ancora:
     Che se per caso giammai avvenisse
     Che parlassi a colei che lo ’nnamora,
     Che gli dicessi come il fatto gisse,
     E come sempre insino all’ultim’ora
     Di Chiariella e del suo amor costante
     Si ricordò come fedele amante.

[p. 260 modifica]

68 E che per merto di sì degno affetto
     Dovessi qualche volta venir quella
     Dove il suo corpo giaceria soletto,
     E chiamassi, e dicessi: Chiariella
     Ti piange, Marcovaldo poveretto,
     Qual ti parve nel mondo troppo bella;
     Ch’avea speranza, se costei il chiamassi,
     Che l’anima nel corpo ritornassi.

69 O come fece appiè del gelso moro
     Piramo,13 quando Tisbe lo chiamoe,
     Ch’era già presso all’ultimo martoro,
     Così far egli Orlando il confortoe,
     Dicendo: Io lo farò, se pria non moro,
     Ch’alla città son certo ch’io n’androe.
     E così fece a luogo e tempo Orlando,
     Per venir sempre la sua fe’ servando.

70 Terigi aveva veduto andar via
     L’anima in ciel con molti Angeli santi,
     Sempre cantando dolce melodia;
     Tutto smarrito par ne’ suo’ sembianti:
     Quando e’ sentì dir Salve, Ave Maria,
     Con armonia celeste e dolci canti,
     Disse ad Orlando: Io ho invidia a costui,
     Che come lui da te morto non fui.

71 Da ora innanzi tra’ Pagani andiamo,
     Ch’io non istimo più di star in vita,
     Pur che per la tua fe’, Cristo, moiamo,
     Poi che quell’alma vidi alla partita.
     Diceva Orlando: Al campo ritorniamo
     Questa novella non vi fia sentita;
     Non ci dee riconoscer quella gente,
     Nè di costui non sapranno niente.

72 Così pel mezzo del campo passaro.
     Che conosciuti non fur da persona,
     E ’nverso la città poi se n’andaro,
     Dov’era l’Amostante e sua corona,
     E del palazzo real domandaro;
     Poi inverso quello ognun di loro sprona,
     Tanto che sono al palazzo arrivati,
     E innanzi all’Amostante appresentati.

[p. 261 modifica]

73 A un balcon l’Amostante si posa;
     Chiariella veggendo il conte Orlando,
     Ch’era più fresca che incarnata rosa,
     Molto lo squadra e venía rimirando;
     E dice al padre: Stu guardi ogni cosa,
     Quando costor si vennono accostando,
     Come stava costui sopra l’arcione,
     Tutti i suoi segni son d’un gran barone.

74 Così fussi egli Orlando quel cristiano
     C’ha tanta fama, come e’ par qui desso,
     Chè non saria pien di stendardi il piano,
     Non ci starebbe il campo così appresso,
     Chè non ci arebbe assediati il Soldano.
     Orlando udiva e ridea fra sè stesso;
     L’Amostante parlò cortesemente:
     Ben sia venuto, cavalier possente.

75 Macon sia sempre la vostra difesa;
     Se voi cercate da me soldo avere,
     Chè vedete il mio caso quanto pesa,
     Io vel darò, e più che volentiere:
     Costor venuti son qua per mia offesa;
     Evvi il Soldan con tutte sue bandiere
     Venuto qua del corno egiziano,
     E cuopre con sue gente il monte e ’l piano.

76 E raccozzato ha qua tutto il Levante,
     E vuol per forza pur questa mia figlia;
     E per ventura ci venne un gigante,
     Che dà terrore a tutta mia famiglia:
     Sopra una alfana ognun si caccia avante
     Molto sboccata, e corre a sciolta briglia;
     E già delle mie gente ha strutte molte,
     Or va guastando tutte le ricolte.

77 Orlando disse: Il gigante c’hai detto,
     Non temer più che in sull’alfana vada;
     Non ti farà più danno, ti prometto,
     Non tornerà in suo regno o in sua contrada:
     Appiè della montagna al dirimpetto
     Oggi l’uccisi con questa mia spada;
     Io te lo dico, re, per tuo conforto,
     Che quel gigante giace in terra morto.

[p. 262 modifica]

78 Non potea l’Amostante creder questo,
     E domandava pur per più certezza:
     Di’ ch’uccidesti il gigante molesto?
     Poi l’abbracciò per la molta allegrezza,
     Dicendo: Poco mi curo del resto.
     La damigella con gran tenerezza
     Corse abbracciare Orlando incontanente,
     Ch’a dire il vero non gli spiacque niente;

79 E men saria dispiaciuto a Rinaldo.
     Dove se’ tu, signor di Montalbano?
     Diceva Orlando, tu staresti saldo
     S’ancor più oltre stendessi la mano.
     Dunque tu di’ c’hai morto Marcovaldo,
     Disse la dama, cavalier sovrano?
     Sia benedetto chi ti generoe!
     E mille volte Macon ringrazioe.

80 Avea già Chiariella posto amore
     Al conte Orlando, tanto gli è piaciuto;
     E già Cupido la saetta al core.
     Or ritorniamo al Soldan, c’ha saputo,
     Che Marcovaldo è della vita fore;
     E gran dolor n’avea, come è dovuto,
     E ’l viso tutto di lacrime bagna.
     Quando e’ guardava inverso la montagna.

81 Ma chi l’uccise saper non potea:
     Detto gli fu ch’egli era un viandante,
     E questo verisimil non parea,
     Sappiendo quanto era fiero il gigante:
     E per ventura seco al campo avea
     Un savio, antico e sottil nigromante,
     E disse: Fa’ ch’io sappi per tua arte
     Chi è colui ch’uccise il nostro Marte.

82 Il nigromante allor, per ubbidire,
     Ch’era maestro di somma dottrina,
     Subito fece per arte apparire
     Quel che bisogna con sua disciplina:
     Trovò come un Cristiano il fe morire
     Che si facea14 di legge Saracina,
     E come egli era col grande Amostante:
     Così trovò chi avea morto il gigante.

[p. 263 modifica]

83 Quando il Soldano il nigromante udìo,
     Dolor sì grande non sentì giammai,
     E disse: O Macometto, o pazzo Dio,
     A tuo diletto consumato m’hai.
     E scrisse all’Aostante il caso rio,
     Dicendo: Re di Persia, tu non sai,
     Che quel c’ha morto il gigante Pagano,
     È quel ch’è teco; e sappi ch’è Cristiano;

84 E qualche tradimento farti aspetta:
     Da ora innanzi, se questo ti piace,
     Io vo’ di Marcovaldo far vendetta,
     E far con teco a tuo modo la pace.
     La lettera suggella, e manda in fretta.
     All’Amostante il caso assai dispiace,
     Quando sentì come Cristiano è quello,
     Chiamandol traditor, ribaldo e fello.

85 E la risposta faceva al Soldano,
     Che vuol far pace e triegua a ogni modo,
     Purchè punito sia questo Cristiano.
     Così la pace si metteva in sodo.15
     Poi prese Orlando un giorno per la mano,
     E disse: Cavalier, sappi ch’io godo,
     Ch’io ho col gran Soldan la pace fatta,
     E partirassi questa gente matta.

86 Orlando non pensava tradimento:
     Disse che molto se ne rallegrava,
     E di tal pace troppo era contento,
     Dicendo: Del tuo caso mi pesava;
     Or tutto alleggerito il cor mi sento.
     Poi l’Amostante pel Soldan mandava;
     E lui vi venne, e montò presto in sella,
     Per vedere anco la fanciulla bella.

87 Segretamente il trattato ordinaro:
     Di pigliare il Cristian preson partito,
     Quando fia a letto, e non arà riparo;
     E così fu tra loro stabilito.
     Venne la notte, a letto se n’andaro;
     Orlando alla sua camera n’è gito,
     E disarmossi, e crede esser sicuro,
     Ma non sapeva del suo mal futuro.

[p. 264 modifica]

88 Quando più fisso16 la notte dormia,
     Una brigata s’armâr di Pagani,
     Ed un di questi la camera apria;
     Corsongli addosso come lupi o cani:
     Orlando a tempo non si risentia,
     Che finalmente gli legâr le mani,
     E fu menato subito in prigione,
     Sanza ascoltarlo o dirgli la cagione.

89 E dopo lui Terigi fu menato,
     E messi poi nel fondo d’una torre.
     Orlando era di questo smemorato,
     Per quel che fussi non si sapea apporre,
     Che l’Amostante l’avessi ingannato;
     Ma disse: E’ mi vorrà la vita tòrre;
     Come nell’altro cantar vi fia detto.
     L’angiol di Dio vi tenga pel ciuffetto.

Note

  1. [p. 283 modifica]contumazia. Contumacia.
  2. [p. 283 modifica]Mecche. Mecca, città santa dei Turchi, come quella nella quale nacque Maometto l’anno 569 dell'era cristiana. I Musulmani vi vanno una volta almeno in vita loro in pellegrinaggio, per visitare la famosa Moschea o tempio chiamato Caaba, che credono edificato da Abramo.
  3. [p. 283 modifica]salamelecche. Modo di salutare, composto dalle due parole ebraiche o arabe salem lecha, che significano pace a te. Dice il Salvini: «Salameleccha presso i Turchi è lo stesso che dire pax tibi, d'onde abbiamo fatto il nostro salamelecche, cioè cirimonioso saluto e riverenza profonda.» Discussione II. S’usa però solo in ischerzo.
  4. [p. 283 modifica]E tu te l'hai recato in sulle corna. Recarsi o avere uno sulle corna tale averlo a noia, in fastidio.
  5. [p. 283 modifica]alle sante Vangele. Cioè per, o sul santo Vangelo. Dicevano anche gli antichi alle sante Iddio Vangele, o alle sante die Vangele, corrottamente dal latino, Per hæc Sancta Dei Evangelia.
  6. [p. 283 modifica]Sena. Senna.
  7. [p. 283 modifica]seme o foglia. Neppur uno.
  8. [p. 283 modifica]strambotti, romanzi e ballate. Lo Strambotto era una specie di poesia solito cantarsi dagl’innamorati, e per lo più in ottava rima: il Romanzo era una storia favolosa in versi; la Ballata, una canzone che si cantava ballando.
  9. [p. 283 modifica]'Amostante. Voce arabica, dinotante dignità di persona tra Saracini.
  10. [p. 283 modifica]scaccorocco. Dal giuoco degli scacchi, nel quale così si chiama lo scacco dato al rocco.
  11. [p. 283 modifica]smerlo. Uccel di rapina, agilissimo nel volo.
  12. [p. 283 modifica]A più di sette. Indeterminatamente, cioè a molti.
  13. [p. 283 modifica]Piramo ec. Era questi un giovine assiro preso di forte amore per Tisbe. Ma contrastando i lor genitori alla loro unione, deliberarono fuggirsene in lontano paese; e a tale uopo stabilirono di trovarsi insieme in un dato luogo. Vi venne Tisbe la prima; [p. 284 modifica]ma abbattutasi in un leone che aveva la bocca tutta insanguinata, si dette, per lo spavento, a fuggire; sicchè, correndo, caddegli il velo del capo, il quale dal lione raccolto tutto lo tinse colla sanguinosa sua bocca. Sopraggiunto Piramo, e veduto il velo di Tisbe così intriso di sangue, tenne lei essere stata divorata da alcuna fiera: di che preso da disperato dolore, col proprio ferro trafittosi, cadde semivivo in quel medesimo luogo. Dove tornata indi a poco Tisbe, e veduto Piramo spirante, l’error suo conosciuto, con quel medesimo ferro che egli, di propria mano si uccise. Ed essendo questo miserevole caso sotto di un gelso, che quivi era, avvenuto, da indi innanzi, i frutti che infine allora bianchi aveva prodotti, sempre poi rossi, come tinti dal loro sangue, menò.
  14. [p. 284 modifica]Che si facea. Che faceva finta di essere.
  15. [p. 284 modifica]si metteva in sodo. Si confermava.
  16. [p. 284 modifica]più fisso. Più profondamente.