Scola della Patienza/Parte prima/Capitolo V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
PARTE PRIMA CAPITOLO V

../Capitolo IV ../Capitolo VI IncludiIntestazione 3 aprile 2009 50% Da definire

Parte prima - Capitolo IV Parte prima - Capitolo VI

Si dichiarano ad una per una l’altre cinque sorti di pene

Racconta Suida una bella favola, e dice che: vi fu una volta un Abete che contrastava con un [Rovo] Rubo; e rinfacciandosi l’un l’altro molte cose arrivarono a dirsi molte e gravi ingiurie e villanie. Alla fine disse l’Abete al [Rovo] Rubo: che occorre a dire più parole? Poichè tu alla fine vai a parare in un forno o in una fornace e non sei buono per altro che per essere messo al fuoco. Questo è il fine che ti aspetta , questo è il luogo che ti si deve, hai da essere alla fine divorato dal fuoco. Ma io è vero, e non te lo nego, che sono più aspramente trattato: sono primieramente dal ferro tagliato, poi son portato ad esser segato e con denti di ferro sono in diverse parti diviso: di poi son dato in mano a falegnami che levandomi la pelle mi scorticano e mi dolano, ma il tutto mi riesce a grande honore poichè di me si fanno sedie, banchi, tavole, si sostengono i palchi delle case, si fanno barche e navigli, se ne fabbricano i templi e in somma son buono e servo ad ogni cosa. Questa favola si verifica per così dire oggidì nel mondo. E questa differenza fra i buoni e i cattivi. Che questi come tanti rubi e tante spine saranno finalmente gettati al fuoco e quelli come tanti Abeti crescono in alto per il Cielo. E’ vero che sono in vari modi afflitti, son tagliati dal ferro, gettati a terra, segati per mezzo, sono spogliati della robba come della propria pelle, ma non importa, perchè a questo modo si accomodano per l’edificio del cielo, restando i rubi per il fuoco. Li Abeti, mentre dal ferro son feriti si poliscono e si mettono in ordine acciocchè meglio possano servire, come habbiamo già detto. E finora habbiamo dichiarato cinque instrumenti di questa politura, cioè le Verghe, le Saette, le Facelle, La Corona di strame e le Bacchette.

Adesso dichiariamo gli altri cinque che sono: (6) i Ceppi e le Catene, (7) i nodosi Bastoni, (8) il Mantello, (9) le Sferze e (10) il Sacco. Suppelletile assai bene usata nella Scuola della Pazienza di cui andaremo esponendo le parti ad una ad una

§ Paragrafi