Pagina:Guicciardini, Francesco – Storia d'Italia, Vol. II, 1929 – BEIC 1846262.djvu/347

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

indice e sommario 341



Libro settimo. |||
 p. 167-244

1536 I. Indizi di prossimi turbamenti della pace (167-168). — Politica di accordi del pontefice con la Francia e sua incertezza per avversione al re ed al cardinale di Roano (168-169).

II. Fortunoso viaggio dell’arciduca Filippo in Ispagna (169-170). — Suoi accordi con Ferdinando d’Aragona (170-171). — Progetto di Massimiliano di passare in Italia per ricevere la corona imperiale (171-173). — Massimiliano si porta a’ confini dell’Ungheria con speranze di successione per la malattia del re Uladislao (173-174).

III. Aspirazioni del pontefice al pieno dominio di Perugia e di Bologna (174-175). — Il re di Francia risponde favorevolmente alle richieste d’aiuto del pontefice (175-176). — Richieste di Massimiliano ai veneziani di passare armato per il loro territorio per recarsi a Roma, e risposta de’ veneziani (176-177). — Accordi del pontefice con Giampaolo Baglione (177-178). — Il pontefice a Imola (178-180). — I Bentivoglio abbandonano Bologna ove entra il pontefice (180-182).

IV. Venuta di Ferdinando d’Aragona in Italia (182-183). — Morte dell’arciduca Filippo (183). — Concorrono ambasciatori di principi e di governi a Napoli presso Ferdinando (183-184). — Scoperta d’una congiura contro il duca di Ferrara (184). — Fuga del Valentino in Navarra e sua fine (185).

V. Discordie tumulti e ribellione in Genova (185-188). — I genovesi deliberano di espugnare Monaco, e il re di Francia si prepara a ridurli a ubbidienza (188-189). — 1507 Il pontefice delibera improvvisamente di tornare a Roma sdegnato col re per le vicende di Genova (189-191).

VI. Continuano i tumulti in Genova; prevalenza del popolo contro i francesi (192-193). — Il re sotto Genova (193-195). — Successi dei francesi ed accordi di resa (195-197). — Entrata del re in Genova, e condizioni imposte alla cittá (197-200).

VII. Malcontento del pontefice verso il re di Francia per la soluzione della questione di Genova (200-201). — Discorso di Massimiliano alla dieta di Costanza contro il re (201-204). — Effetti del discorso (204-205).

VIII. Desiderio del re di Francia d’abboccarsi con Ferdinando d’Aragona, che sta per riassumere il governo di Castiglia (205-206). — Delusioni e malcontento nel reame di Napoli; il pontefice nega l’investitura a Ferdinando (206-208). — Cordiale incontro a Savona de’ due re (208-210). — Ammirazione pel gran capitano (210). — Accordi fra i due re (210-211). — La questione di Pisa (211-212). — Ira del pontefice contro i Bentivoglio (212-213).

IX. Minacce di Massimiliano contro il re di Francia (213-214). — Sospensione d’animi in Italia (214). — Il contegno del pontefice (214-215). — Raffreddamento degli animi de’ principi tedeschi alla dieta di Costanza (215-216). — Deliberazioni della dieta e timori in Italia (216-217).