Annali overo Croniche di Trento/Libro IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro IV

../Libro III ../Libro V IncludiIntestazione 22 giugno 2017 50% Da definire

Libro III Libro V
[p. 61 modifica]

DELLE CRONICHE

DI TRENTO

DI GIANO PIRRO PINCIO

LIBRO QUARTO.


DOppò la nobile, & famosa morte di San Vigilio fù eletto successore al Pontificato di quello, Rugippo, questo ricevè la Chiesa Trentina, attonita per il Martirio del Santo antecessore, & con lode la governò. Successero per ordine sottoponendosi ad una tal publica carica. Rugippo Vescovo 19. Quartino Vesc. 20. Peregrino Vesc. 21. Gratismo Vesc. 22. Theodoto 2 Vesc. 23. Agnello Vesc. 24. Verecondo Vesc. 25. Manasse 1. Vesc. 26. Vitale 1. Vesc. 27. Stablilisiano Vesc. 28. Dominico Vesc. 29. Rustico Vesc. 30. Romano Vesc. 31. Vitale 2. Vesc. 32. Correntiano Vesc. 33. Siseditio Vesc. 34. Giovanni 1. Vesc. 35. Massimino Vesc. 36. Mamono Vesc. 37. Mariano Vesc. 38. Dominatore Ves. 39. Urso Ves. 40. Clementiano Vesc. 41. Amatore Vesc. 42. Hildegarico Vesc. 43. Quartino, Peregrino, Gratismo, Theodoro secondo, & Agnello: in detto tempo Ingenvino hebbe la cura della Chiesa Sabinese, hora detta Brissinense, & Gregorio il Santo governava la Chiesa Romana, di questo Pontefice fà mentione Paolo Diacono, nella sua Historia de Longobardi. A questi furon sostituiti altri, gli nomi de quali semplicemente come d'altri ancora furon lasciati in scritto, come qui soggiongeremo. Verecondo nel tempo che gli Longobardi s'impatronirono dell'Italia, Manasse primo, Vitale primo, Stablisiano, Dominico, o pur come altri scrivono, Dumpruco. Rustico, Romano, Vitale secondo, Correntiano, Siseditio, Giovani primo, e Massimino, la cui sepoltura, mentre reggeva la Chiesa di Trento, Giovanni Hinderbacco, del quale più basso faremo mentione, fù ritrovata nella Chiesa di Flavon, in Val de Non, dedicata à S. Giovanni, sotto l'Altare, con una tal soprascritione. Bonae memoriae, & perpetuae securitati, bene quiescunt Reliquiae Maximini. A questo per ordine successero Mammone, Mariano, Dominatore, Urso, Clementiano, Amatore, Hildegario, l'anno di Christo circa 803. rinovò questo Prelato l'Altare grande di San Vigilio, in cui collocò [p. 62 modifica]con le Reliquie de SS. Martiri, per il che morse, lasciando di se grande desiderio al Popolo Trentino, Daniele Ves. 44. Hemperto Ves. 45. Odescalco Vesc. 46. Adelgisio Ves. 47. Trideberto Ves. 48. Gisulfo Ves. 49. Bertaldo Vesc. Giacob Ves. 51. Conrado 1. Vesc. 52. Giovanni 2. Vesc. 53. Bernardo 1. Vesc. 54. Manasse 2. Vesc. 55. Lantramino Vesc. 56. Arnoldo 1. Vesc. 57. Rainoardo Vesc. 58. Uldarico 1. Ves. 59. Uldarico 2. Vesc. 60. nel cui luogo fù sostituito Daniele, à questo successe Hemperto, ad Hemperto, Odeschalco l’anno 864. di questo vien fatta mentione in un antichissimo volume, qual habbiam inteso ritrovarsi nella Chiesa di Blez, Pieve della Giudicaria. Doppò questo seguirono nel Pontificato Trentino Adelgidio, Trideberto, Gisulfo, Bertaldo, Giacomo, Conrado primo, Giovanni secondo, Bernardo primo, Manasse secondo; per gli soli nomi questi, come altri molti, ci sono noti, questo seguitò Lantrameno, del quale si ritrova esserne stata lasciata memoria da Hiriderbachio Senono al suo tempo si ritrovavano Nobili di Tremeno, dimandati Latremeni, oltre che anco à nostri tempi corre fama esservi un Podere, quale da Paesani è chiamato il Maso de Lartrameni. Ciò ci fà buona congietura, & tutti si persuadeno haver havuta indi la sua origine il Vescovo Lantraminio, resta però incerto se questo Pastore havesse il nome da quel luogo, o pure il luogo havesse sortito dall’antica Famiglia de Lantrameni il nome hora, corotto dicesi Termeno.

Giace Termeno Villa di Longoladice, alla riva dell’Adice, famoso per la nobiltà del Vino, discosto dalla Città di Trento verso Bolgiano venti miglia. Morto Lantrameno, ricevettero la carica Pastorale Arnoldo, Rainoardo, Uldarico primo, Uldarico secondo, questo resse il Vescovato con grande prudenza, pietà, & santità di vita. Edificò il luogo à volto sotteraneo, hora detto la Capella di Santa Massenza, nella Chiesa di San Vigilio, & l’Altare maggiore più eminente, & alto, riparò tutta la Chiesa, & la ridusse à più bel modello. In questo tempo governava con ogni integrità la Chiesa Augustana S. Uldarico l’anno 1022. Habbiam ritrovato in certo tal Auttore, che Corrado secondo di questo nome, & quartodecimo, Alemano Imperatore, qual risedeva, & haveva la Corte Cesarea in Limburgo, donasse alla Chiesa Trentina, sotto il governo di Uldarico secondo, Vescovo di Trento, il Contado Trentino l’anno 1027. l’anno seguente, la Valle communemente detta di Venost: & parimente gli restituisce Bolgiano, tutte queste cose, afferma il predetto Auttore, esser chiare, & autenticate con lettere del medemo Imperatore, quali afferma haver havute in mano, & con proprij occhi lette.

E fama esser stato Uldarico huomo dotato d’ammirabil facondia: hà ciò del verisimile. Vien anco auttorizato da quello che si legge nelle Croniche Mantovane. Regnando Henrico secondo [p. 63 modifica]Imperatore, figlio di Corrado (cosi narrano quelle Croniche) & Martiale governando la Chiesa di Mantova, si sparse fama per tutti gli luoghi circonvicini, & lontani, essersi in quella parte ritrovato celebre Reliquia del sangue di Christo. Concorevano li Popoli verso quella Città a schiere, tratti d’un tanto Miracolo, frà gli altri, andarono il Vescovo di Trento Uldarico, quello di Belluna, & quello di Novara, accompagnati da suoi Popoli, per venerare quel Sacrarissimo liquore, sparso per nostra redentione. Era piena la Chiesa de concorsi Popoli per adorare il Tesoro della Republica Christiana, qual con gridi supplicavano gli fosse mostrato, temendo gli Vescovi non si conculcasse qualche creatura, di poca età, per la calca delle genti concorse, & che per la moltitudine impetuosamenre non s’urtasse nelle pietre delli Altari, con pericolo di restar morti, determinarono differire tal devotione nel giorno seguente. Vedendosi tanti popoli defraudati della lor espetatione, & destiderio, si diedero à tumulti, si sentivano per ogni cantone mormorij, e gridi; dicevano esser falsa la fama, sparsa del Sangue Santissmo ritrovato, esser stata inventione d’huomini, per pescare danari; Non cessando la moltitudine da tali tumulti Uldarico, a cui fù dato il primo luogo, fece dal pulpitro un ragionamentro, tanto eloquente, & facondo à quella turba tumultuante, che achetò gli animi, estinguendo ogni seditione, & mormorio. Il giorno seguente, all’hora determinatasi, mostrosi il pretiosissimo Sangue, per dispositione divina lasciato in terra. Fù esposto à tutti, & da ciascun con gran veneratione fù adorato.

Hartone Ves. 61. Henrico Vesc. 62. Bernardo II. Ves. 63. Adelperono Vesc. 64. Gebhardo Vesc. 65. Poco poi lasciò questa spoglia mortale quel buon Pastore, & in suo luogo fù elletto Hartone, doppò quello Henrico primo, qual governò la Chiesa di Trento, sotto l’imperatore Henrico quarto, dal qual fù datto al Vescovato di Trento Castelliero Terra, non molto discosta da Mantova l’Anno della nostra salute 1082. da questa hebbero la Mitra Episcopale Bernardo secondo, Adelperono, e Gebhardo, qual credesi essere frà il numero de beati, questo fù Secretario del sudetto Imperatore.

Henrico Imperatore. Henrico dunque quarto, figliolo di Corrado Imperatore, qual poi morse in Toscana, nella Città di Fiorenza, fece prigione con molti Prelati, Pasquale Romano Pontefice, dal quale hebbe la Corona dell’Imperio.

Crudelissimo Imperatore Il figlio di questo Henrico quinto, Prencipe della crudeltà, & sacrilego, havendo levato per forza l’Imperio al Padre, lo fece prendere, ligare, battere crudelmente, & inhumanamente con sceleragine inaudita, & abbominevole [p. 64 modifica]ammazzare. Si trasportò poi in Italia, vene à Roma, ove doppò esser con ogni honore accolto, seguendo l’esempio paterno, fece por alle strette Pasquale Pontefice, poco avanti liberato, sorprese tutti gli Prelati della Chiesa fraudolentemente, & rubò tutti gli lor beni: l’Anno della nostra salute 1111. ne ciò ostante, sprezato Dio, & gli suoi Santi, carico di bottini, se ne ritornò in Alemagna. La seconda volta sei anni doppò che lasciò l’Italia, ritornò à Roma, non trovando alcuna oppositione, entrò senza alcun contrasto nella Città.

Il Pontefice temendo la spietata crudeltà dell’Imperatore, era di già partito dalla Città, & fugito lontano; non poteva per ciò l’Imperatore canonica, & legitimamente esser coronato: Chiamò nondimeno Mauritio Arcivescovo della sua fatione, & sprezatta la suprema austerità Pontificia, comandò temerariamente li ponesse in capo la Corona dell’Imperio. Partito che fù l'Imperatore, ritornò il Sommo Pontefice nella Città, & due giorni doppò il suo ritorno diede l’anima à nostro Signore l’Anno 1117.

Tanto habbiamo voluto dire, acciò si sapesse Pasquale Romano Pontefice havere governata la Chiesa sotto Henrico quarto, & Henrico quinto, & Gebhardo esser nel stesso tempo stato Vescovo di Trento. Di questo habbiam inteso farsi mentione in un antichissimo Privilegio, qual al giorno d’hoggi (dicesi) che si mostra nella Valle di Termen, Diocese di Trento. Adelpreto 1. Ves. 66. Doppò questo fù creato Vescovo di Trento Adelpreto primo, qual l’Altare grande di San Vigilio già antico ridusse alla forma de la Romana Chiesa. S. Alemano Ves. 67. Fù successore d’Adelpreto Alemano, della schiata de Conti di Baviera, prese l’amministratione datagli. Con animo allegro abbracciava quelle cose che potevano spettare al decoro, & utilità della Chiesa, rifece il Tempio di San Vigilio, lo consecrò, ripose, & collocò le Reliquie de’ glorîori Martiri, Vigilio, Sisinio, Martirio, & altri Santi, in luogo più decente. Chiamò gli Canonici elletti, il Vener. Collegio Sacerdotale, gli confratelli, mostrò vet quelli mirabil liberalità, arrichendo le prebende, con l’aggiunta di due Parochie (tali nomi usano gli sacri Scrittori) s’adoprò acciò fosse trasportato il Corpo di Santa Massenza da Meano, Il Corpo di Santa Massentia. vicin à Toblino, nella Città, che fù cosa gratissima à Cilttadini, & acciò con più riverenza s'andasse à riverire quella Santa Reliquia, gli erresse un’Altare sotto, con fabrica fatta à volto, qual gli Trentini seguendo in ciò gli Greci, chiamano con bel vocabulo Crypta. [p. 65 modifica]

Fondò vicino al Fiume Eno il terzo Monasterio de Canonici Regolari, detto Suben, Diocese Panviense, ritornato dal Santissimo Sepolcro Gierusalemme, ove peregrino era andato, alla patria; finalmente già di matura età, & debilitato per la longa navigatione il giorno della Resuretione di nostro Sig. li 25. Marzo, diede lo spirito al Signore l’Anno 1030. Arnoldo Vesc. 68. Heberhardo Ves. 69. Fù invece di questo assonto al Vescovato Arnoldo, poi Heberhardo, in quest’età nacque rissa fra gli huomini di Rendena, & quelli della Pieve di Blez, Discordia frà quelli di Blez e Rendenesi. si fecero contrasti frequenti, considerabili, più per reciprochi odij, che per le loro forze, premeva à Blezziani inferiori di forze, gli fosse stato à torto, & contra il dovere levato da Rendenesi Bablino, Monte cosi chiamato, quali per esser più potenti fecero forza, & violenza in occuparlo, la causa fù ridotta, & portata al Vescovo, venne il Prelato al luogo della differenza, commandò, che gli fossero mostrari li confini delle pretensioni loro, poi con ogni diligenza sentite le raggioni, dall’una & l’altra parte addutte giudicò la causa tanto dubiosa, che parevagli de iure impoissibile dar certa, & giusta sentenza.

Conobbe in oltre il Vescovo machinarsi cose più pericolose d’ambe le parti, di quello, che mostravano nell’esterno. Henrico Giudice s’accorse de loro pensieri, s’avidde che quelli dubij de confini, stavano in procinto di partorire ammazzamenti, che minaciavano di terminar la lite con l’armi, che non era per valer altro giudice humano, ne Divino che il ferro, disse peciò apertamente doversi (come il giusto richiedeva) d’ambi le parti addur le raggioni, & finir le loro controversie con parole; s’affaticò quanto puotè per sedar gli animi turbati, ma tutto senza frutto, non puotè mai interompergli d’una tanta rabia, ne oprar restassero acquietate le parti, ultimando le pretensioni delli uni, e delli altri con raggioni, o non puotero, o non volsero aquierarsi a simili partiti. Per non correre pericolo di contrasto forensa, ò bellico, qual potesse suscitare l’armi Civili, al che pur troppo parevano proclivi gli animi: Horsù (disse) già che sere risoluti, & havete fermato il pensiero decidere questa vostra litte con l’armi, non con le leggi, inventate qualche modo, & via d’effettuare questa vostra ostinata determinatione senza molto danno, & sangue, in cui chi resterà superiore, ne restarà vincitore, & havrà dal suo canto la sentenza favorevole. S’ellegino due huomini, uno per parte de più forti, robusti, & arditi, qual combatino, ciascumo respetivamente per la sua parte, Dio sarà testimonio della verità, là sarà la [p. 66 modifica]raggione, ove apparirà la vittoria; Non spiaque il partito, tutti gridano doversi, conforme haveva detto il giudice, terminar le dissensioni circa il Monte. Dunque concluso dall’una, & l’altra parte cotal maniera di finire il contrasto, si fece scielta d’ambi le parti di due Scrimiatori de più bravi quali col loro solo pericolo decidessero la commun discordia, facilmente si ritrovarono, chi per ambitione si vantava di voler in diffesa de suoi partiali por la vita, & combattere, non mancano taglia cantoni, di modo che fù volontario, & gratioso l’esporsi à tal duello.

Avanti però si venisse al cimento: fù fermato patto di tal conditione, che chi de Duellatori fosse in duello restato vinciatore, quello havesse posto gli termini conforme le pretensioni della sua parte, determinano concordi il tempo, & luogo. Gli bravi deputati, & elletti per tal effetto, fatti più animosi, & feroci dalle voci de suoi, prendono l’armi, comparono in mezzo de due popoli a far mostra del lor valore. Pareva non solo il ben publico, ma la reputatione, & salute de tutti esser posta, & comessa nel valore, & fortuna di due. Pugna singolare. Si danno all’armi coragiosi, s’incontrano, nella prima zuffa, lanciano le saete, fano le parti ciascuna con gridi animo al prorio Soldato. L’esortano alla diffesa della lor gloria, havere, & utilità. A queste voci lasciando le lancie, & haste si vano d’appresso, & sfodrate le spade combatono di vicino, gli spetattori divengono giaccio per il timore: Ancor niuna parte può haver certa speranza, stava il duello dubioso, ma quando comminciò il sangue da tutti atteso spargersi per terra, si vede cascare quello di Rendena ferito in molte parti, fatto inhabile à poter più sostener armi, qual scoperto dal Bleziano si mal trattato, ò fusse superior di forze, o di destrezza nel manegiar l’armi, o havesse Dio giudice dalla sua, si servi dell’occasione, subito l’assalì, con la spada, cosi tolse di vita il suo contumace, & capital nemico, passandogli la gola da parte à parte. Gli Bleziani gloriosi di tal vittoria, non mancarono accogliere il suo duelatore chiaro per il di lui singolar valore, & bravura con ogni termine d’applauso, & allegrezza. Posero poi conforme il loro gusto, & desiderio gli termini prendendo fra suoi confini, quanto pretendevano conforme il patto fatto senza che gli Rendenesi gli facessero una minima oppositione, tenendo certo haver loro Dio stesso datta la sentenza contraria, & tanto à nostro tempo possedono senza che mai gli Rendenesi habbino inganato Dio, addutto in testimonio, manco gli arbitri che terminarono la litte. [p. 67 modifica]

Adelpreto 2. Ves. 70. Morse poi Heberhardo, successe Adelpreto secondo, qual fusse la sua schiatta non si sa molto bene. In quel medemo tempo regeva l’Imperio Federico detto Barbarossa, questo confermò con publico decreto al Vescovato di Trento quanto fugli donato da Conrado, & volendosegli mostrar più benigno, affetionato, & inclinato, gli conocesse Garda Villa. la Terra di Garda, alla riva del Lago, con tutta la sua giurisditione in dono l’anno 1061. Circa quel tempo fù la Città di Trento assai travagliata da diverse turbulenze, e perturbationi, gli fù anco (come si può in alcuni Auttori leggere) intimata la guerra, ne mai si puote venir in chiara cognizione della causa di tanti travagli, hanno alcuni suspetato da quello che poi successe, che gli Signori di Castel Barco Quelli di Castel Barco insidiano la Chiesa Trentina. havessero nel medemo tempo travagliati con arme gli Trentini, erano all’hora potenti si per ricchezze, come per giurisditione, havevano tutta la Valle Lugarina, le Terre, Ville, & Castelli d’ambi le rippe dell’Adice, & altri luoghi sotto il lor dominio, sottoposti però alla raggione della Chiesa Trentina ancorche fossero fondatori.

Quelli dunque di Castrobarco travagliando, & stringendo con armi gli poveri Trentini, provocato Adelpreto da tanta ingiuria si diede a pensare, & propose imitare gli generosissimi spiriti, & ardire d’huomini illustri, & intrepidi, è soccorrere la Patria angustiata, & che stava per cadere, è restar con la Chiesa à se commessa estinto, & morto. Per tal effetto sollecitò, & suscitò contra quelli di Castel Barco gli Carllesij, Veronesi, molti della Marca Trevisana, & altri Prencipi confinanti, con questi fece lega, diedesi in questo modo dall’una, & l’altra parte fede con giuramento d’esser amici delli amici, & delli inimici, inimici.

Per maggiormente anco astringere, & obligarsi gli Veronesi; acciò gli fossero più fedeli nelle occorrenze, contra gli inimici, gli diede in feudo la Terra di Garda, dalla quale il Lago trasse il nome. Si scopre da queste cose l’animo intrepido d’Adelpreto, in difendere le raggioni della Città, assieme con la publica libertà, & tener lontani gli pregiuditij, che potessero essere fatti al Vescovato. Vedendo quelli di Castel Barco molti armarsi in aiuto, & favore del Vescovo, & Prencipe di Trento, fuori di modo sdegnati, si diedero à ingani, determinarono tradire il buon Prelato. Il Vesc. da Castrobarci rimane traffito. In niun Auttore ho letto si facesse apparati di guerra, questo solo brevemente fù lasciato alla memoria de posteri, esser stato con lancia trafitto da parte à parte l’intrepido Pastore da uno di Castel Barco nella Valle Lugerina, vicino à Roveredo, ove hora stà il [p. 68 modifica]Monasterio de Padri Reformati di San Francesco, cosi da crudel ferita rese l’anima à Dio, per diffendere la libertà Ecclesiastica. E credibile che per si nefanda sceleragine d’haver ucciso il proprio Pastore, & Signore del lor Feudo, sijno quelli Signori stato colpiti dalla giusta mano di Dio, & da un potente principato cascati in basso stato. Adelpreto dunque qual haveva retta la Chiesa Trentina 22. anni, sorpreso per ingano, & dall’inimico ferito, & con gran gloria morto per la Patria, per la Religione, & per Dio, e opinione che per si gloriosa, & chiara morte reso siasi immortalato, E sepolro entro a Porta del Domo, qual conduce alla parte della Cittrà chiamata Borgo Nuovo.

Adelpreto Vescovo immortalato. Vien honorato hora frà Beati, haveva meritato tal nome mentre viveva per le opere mirabili, & heroiche da lui fatte, in diffesa della Religione Christiana, ma non si conseguisse prima, che si lascila massa corporale, e si cessi di conversare con huomini.

Salomone Vesc. 71. Fù elletto al Vescovato doppo la morte d’Adelpreto Salomone l’anno 1181. questo accettò il governo della Chiesa di Trento, turbata per la morte del fortissimo Pastore Adelpreto. Cercò con ogni fervore, & opera à lui possibile accrescere il culto Divino, frà le altre cose degne di lode da questo Vescouo fatte, edificò una La Chiesa di S. Croce. Chiesa con pietre quadrate, & lavorate, fuori della Porta Veronese, ove prima stava un hospitale, al quale andavano gli poveri, qual consecrata, & dedicata alla Santa Croce, dottò, & volse fosse habitata da Monachi, detti Cruciferi, acciò ivi facessero patientemente una vita Religiosa, & celebrassero gli Divini Officij, col dovuto decoro, con patto però che fossero soggetti al Vescovo di Trento, & non ad altri. Al giorno d’hoggi sono introdotti (licentiati quelli dall’Eminentissimo Christoforo Cardinale Madruzzo) gli Padri Capucini, morse mentre pensava a cose maggiori, glorioso nel mezzo di fatti eggregij, doppò haver governata la Chiesa cinque anni non più. Sparsa la morte di Salomone fù assonto alla degnità Episcopale Alberto primo, qual fabricò la Villa, & Palazzo di Stenico, ove rissiede, & fà raggione à quelle gente, che habitano le Valli frà gli precipitij dell’Alpi, in ampio spacio, un Capitano gerente del Vescovo, & Prencipe.

Pensano alcuni essere gli medemi popoli quali Plinio, Steani, & Strabone dimanda Stoni, habitanti le parti dell’Alpi che riguardano l’Italia ne’ confini di Trento. Questa natione feroce, crudele, & rozza, Bernardo Clesio in hora Vescovo benemerito, & Prencipe di Trento comise alla destrezza, & governo di Gio; [p. 69 modifica]Giacomo Velso, suo Nipote, figlio di sua sorella, huomo valoroso, & diligente. Conobbe benissimo, che quella Valle parte considerabile della sua giurisditine, dovevasi reggere con gran prudenza, & diffendere con singular virtù, dalle scorrerie de nemici, quali soprastano quei à contorni con pericolo delle proprie vite, Egli fin hora l’ha governata conforme richiede la dignità della Chiesa di Trento, superando in questa maniera l’espetation ancorche grande che il Mondo haveva di lui conceputa. Alberto 1. Vesc. 72. Ma ritorniamo all’Historia; mi dò a credere, che Alberto Vescovo habbi fatte cose celebri, & degne d’esser lasciate in scritto, la mancanza de scrittori fù causa che non sijno pervenute alla notitia de posteri, visse nel Vescovato sei anni, Conrado 2. Vesc. 73. in luogo d’Alberto fù elletto Conrado secondo, qual come era d’acuto ingegno, havendo scorto esser state distrutte, & tolte molte cose dal Vescovato, determinò invigilare, & adoprarsi in maniera, che venisse mortificato, & impedito l’ardire di quelli, che con insatiabile avidità mai desistevano di spelare gli suoi confini, & giornalmente levar qualche cosa dalla sua giurisditione. Ciò era avenuto o perche gli suoi antecessori, provocati da tali pregiuditij elessero più tosto col mostrar non accorgersi il lasciar correre, & cedere, che prender l’armi per il publico, & andar contra la temerità di questi tali, quali da gran Prencipi spallegiati opprimevano con la forza gli Trentini, & senza veruna lor oppositione gli radevano il Principato, o perche (iniquità invero grande) gli Cittadini stessi, à quali principalmente toccava diffendere le proprie raggioni, & confini, corotti dal danaro secretamente davano in mano de nemici, contra la Patria, quello, che havrebbon dovuto col stesso sangue diffendere, & a lei conservare. Onde acciò il negotio publico per negligenza, ò per tradimenti non pericolasse, & totalmente precipitasse, giudicò non doversi più tollerare, ne la slealtà de Cittadini, ne l’insolenza di temerarij, quali senza danno, esenza esser contrastati giornalmente assalivano la Città, ò contorni; Si risolse lasciarvi la vita, ò recuperare quanto per ingano, o per forza gli era stato usurpato.

Dunque con tanta diligenza si portò, & con tanto valore messe in esecutione questo conceputo pensiero, che in breve restituì alla sua Chiesa con gran gloria gli Castelli, Terre, & tutte le giurisditioni, che erano passate tiranicamente in altrui potere; terminato fortunatamente, & come desiderava cosa di tant’importanza felicemente, & contento se ne passò all’altra vita e fù [p. 70 modifica]sepolto con pianto universale, & d’ogni sorte di persone. Affermano alcuni che questo Prelato, doppo haver governata la sua Chiesa 17. anni, entrasse nel Monasterio di San Giorgio da lui prima edificato nella Valle d’Isprugh; & deposta la Mitra; esser vissuto il resto di sua vita frà Monaci Claustrali, havendo prima esortato il Collegio de Reverendissimi Canonici, overo Consoli, s’elegessero altro Pastore, & Vescovo l’anno 1205. Federico Vesc. 74. In luogo di questo fù proclamato conforme l’usanza della Città, Federico VVanga Wanga Wanga di schiata nobile, & antichissima, & à quel tempo potente. Torre VVanga Wanga Wanga . Dicesi che gli suoi antenati risedevano in VVanga Wanga Wanga , Borgo, ò Terra del Contado del Tirolo, ivi affermano esservi un luogo eminente d’un Monte, in cui si vede un Castello vecchissimo frà Raita, ed Serntnea, o come altri vogliono Serentina, questo portava scolpito nel cuore il culto Divino, la devotione, & zelo delle ceremonie dei Sacri officij, & Messe, per questo ridusse molti animi feroci, & popoli pieni di crudeltà alla vera Religione, governò la Chiesa di Trento con gran integrità, decorò la Città con molti, & belli edificij, rinovò il Palazzo vicino al Duomo, restaurò l’Altare con la Capella à quello contigua, dedicata à San Biasio. Diede principio al Coro (cosi chaimasi il luogo dove si celebrano le sacre lodi a Dio) della Chiesa di S. Vigilio, sostenuto con edificio fatto à volto.

Fabricò da fondamenti la Torre alla rippa dell’Adice, che stà sopra la Porta di S. Lorenzo, all’hora detta la Bressana, qual volse fosse chiamata dalla sua famiglia VVanga Wanga Wanga , & d’altri ritroviamo chiamarsi la Rossa. Riferiscono questo Vescovo esser stato adornato, & chiaro di molte virtù, hebbe dall’Imperatore Federico in Norimberga gli doni d’honore, detti regali, l’anno 1207.

Si tiene anco per certo, & fermo, che gli antenati di questo Prelato habbino edificata una Torre in Bolgiano, chiamata dal nome della lor famiglia, questa al giorno d’oggi vien data in feudo dalli Vescovi di Trento, per usar gli nomi di quelli che insegnano le leggi.

Diffensione per l’elettione dell’Imperatore. In questo tempo la Chiesa Trentina fù travagliata da molte calamità, imperoche tutta la Germania divisa, & resa in parti, & fationi era conquassata, & angustiata da mille seditioni. Doppò la morte di Federico Barbarossa nacque discordia frà gli Elettori, crearono per tal discensioni due Imperatori, Filippo figliuolo di Federico Barbarossa uno, & Ottone quarto Duca di Brunsbiga. Affermano molti anticamente Brunsbiga chiamarsi Tulisurgio, [p. 71 modifica]conumerato da Tolomeo frà le parti della Germania, più Settentrionali. Combatevano frà loro quelli due gran Prencipi, eletti Imperatori, per causa dell’Imperio, tiravano tutte le Città in discensioni, era miserabile, & lacrimevole le conditioni di quel tempo, tutti regnavano conforme il lor capricio, governavano, & giudicavano secondo il proprio talento. Finalmente Filippo con la diligenza della sua fatione, qual era di forze superiori ottene il Regno à forza, e questo morto successe Ottone, il quale resse l’Imperio cinque anni.

Federico Vescovo fù Cancelliere d’Ottone, & Tenente Generale di tutta l’Italia, nel qual tempo conseguì il Vescovato di Trento, qual doppo haver con ogni lode retto 12. anni, pensò liberarsi da quella carica piena d’affarri, & negotij & darsi il rimanente del tempo che gli restava alla vita contemplativa. Federico Vesc. se ne và à Gierusalemme. Deliberò l’andata per tal effetto al Santissimo Sepolcro in Gierusalemme, ove havrebbe potuto meglio contemplare gli lugubri misteri della Santissima Passione di Nostro Signore, & darsi più liberamente, remotto dalli tumulti mondiali, alli precetti, & consilij Evangelici. Gran tempo fà haveva havuto un tal santo desiderio, & spesse fiatte haveva di lontano adorato quel Santissimo luogo, al qual hora s’accingeva, per adorarlo presente.

Dunque non potendo più ressistere all’ardore, che la Croce di Christo spingeva à quelli Santi luoghi, illustrati, & fatti celebri à tutto il Mondo per la morte di Christo, s’accinse in età provetta, pellegrinò al viaggio, per quella volta, si che non havendo l’occhio alla sua decrepità, & deboli forze si comise alle fortune del Mare, & furibondi venti, fù egli combatutto da varie borasche del Mare, da quelle in diversi parti ribatutto gli convene vedere molti luoghi, si che ripieno de la Divina gratia parevagli conseguire vita più beata. Gli Cittadini di Trento bramavano la presenza del lor Prencipe, & Pastore, esso andava varcando gli procellosi giri del Mare, & assagiando la sparsa barbaria, & crudeltà di quelli genti infedeli. Godeva consumare il rimanente di sua vita nel cercare, & visitare gli paesi habitati da Christo, mentre conversava con gli mortali. Doppò haver con ogni divotione, & pietà venerati tutti quelli Santi luoghi di Gierusalemme, & con abbondantissime lacrime pianto la morte, & Passione del Nostro Salutatore, conforme il suo desiderio, & pietà, pieno di contento accelerava la ritornata ver la Patria, fù dal fatto, & mala sorte, sempre invidiosa alle perfette felicità, o diciam meglio per [p. 72 modifica]dispositione Divina aggravato d’infermità in Acaron, qual anco è detta Cesarea, Città di Palestina, & poco di poi diede l’ultimo spirito l’anno di nostro Signore 1218.

Finalmente è nella Chiesa di Santa Maria, hospitio della natione Thedesca, doppò diversi incontri, & pericoli della Terra, & Mare se ne riposa.

Non passò molto che la fama divulgò la morte, di questo Vescovo per tutto. Gli Trentini publicarono il giorno lugubre, & infelice, nel quale avenne si grave perdita alla lor Republica. Adelpreto 3. Vesc. 75. Ancora non eran cessati gli lamenti, le lacrime, & singulti, quando in luogo di Federico fù confecra to Adelpreto terzo di Ravenstain, qual in absenza del defonto haveva havuto il governo. Vogliono che gli suoi maggiori fossero di nobil prosapia, e che habitassero sopra Bolgiano in un Castello detto Ravestain, hora rifarcito da Sigismondo Gersello. Questo amministrò la Chiesa Trentina sei anni, poi restò vacante.

Gerardo Ves. 76. Fù à pieni voti assonto à tal dignità, mancato Adelpreto, Gerardo Cremonese. Di questo Vescovo altro di momento, & consideratione non s’hà, se non che solamente aggiungesse alla Chiesa di Trento la Casa Episcopale di Bolgiano, comprata col publico danaro dal Conte del Tirolo. Lasciò questa vita mortale l’anno 12. del suo Vescovato. Da questo tempo cominciarono gl’interessi Trentini à ricadere, & sempre più si facevano sentire le perturbationi. Aldrigetto Vesc. 77. Doppò Gerardo fù datta la auttorità del Pontificato Trentino ad Aldrigetto da Campo, tal era il cognome della sua famiglia, in quel tempo potente, si per ricchezze, come per la gratia appresso de Prencipi. Accettò la carica con universal gusto del Clero: Occorsero sotto il governo di questo, gran aversità & travagli. Visse nell’officio 17. anni Engnomo Vesc. 78. successe Engnomo, ò Egeno come altri vogliono, Conte d’Epiano, hebbe governo infelicissimo fosse per sua disgratia, ò della Patria, era chiaro per dottrina, non puote però impedire gli gravi torti, & levare pregiuditij dalla sua Chiesa.

Ezelino Li Veronesi, cosi vien lasciato à memoria de posteri, in quel tempo con inganni, astutie, & favore di Ezelino da Castel Romano, Gli Veronesi assaltano Trento. venero con buon Esercito ne’ confini di Trento, & superate le difficultà de Monti assalirono la Città, l’assediarono, la presero per forza , & con ogni hostilità la misero à saccomano. Nou restò da tanta calamità libero luogo, ò persona. Travagliarono tutto il Territorio del Vescovato, rubbando, & disertando [p. 73 modifica]quanto ritrovarono di buono, spianarono Castelli, & Terre, abbrugiarono le ville, il rimanente con inaudita crudeltà misero a ferro, & fuoco, non perdonando à sesso ne ad età, di modo che rovinata, & distrutta la Città quasi all’ultimo periodo, guastate le Campagne, vittoriosi, & carichi di bottini se ne ritornarono alle lor Case. Dicono la causa di ciò esser stata, che essendo gli Cittadini frà di loro divisi, & in domestiche discordie, nacquero indi fattioni, & ogni uno negletto il ben publico attendeva alli proprij interessi. Non si ritrovava chi difendesse la Republica. Molti amici di novità godevano vedere la Città in tante turbolenze. S’aggiunse che gli Conti del Tirolo à quel tempo, come spesse altre volte nemici de Trentini, non solo negarono dargli soccorso, ma stando con le mani alla cintola sedendo, erano quasi spettatori delle rovine, & incendij della Città, à lor nemica. Per questo fatti audaci gli Veronesi, & specialmente instigati da Ezelino, assalirono con arme gli poveri Trentini, abbandonati d’ogni speme ed assistenza propria & aliena. Non furon però soli gli Trentini travagliati, angustiati, & con ogni crudeltà oppressi in quel tempo (come posso persuadermi) ma anco la Germania tutta, conquassata al lungo da seditioni, sentì la sua parte.

Vacò l’Imperio 17. anni continui, tanto spacio di tempo scorse dalla morte d’un Imperatore all’elettione dell’altro, finalmente placati gli animi, fù eletto al Scettro Imperiale Rodolfo, Conte di Napspurgo, nel tempo medemo, che Menichardo Duca occupa Trento. Menihardo Duca della Carintia, & Conte della Goritia s’impossessò del Contado del Tirolo (cosi son detti quelli luoghi) qual crudelmente perseguitò la Chiesa Trentina. Non la lasciava nella sua quiete, dandogli considerabili danni, hora gli levava la libertà, sforzando il Vescovo, & Cittadini alla di lui servitù, hora per qualche spacio di tempo gli lasciava in libertà, hora (come era capricioso) deposto il Vescovo tiranicamente, governava tutto il Principato Trentino, & spinto da colera confiscavua tutte l’entrate del Vescovato, in somma voleva il tutto si governasse conforme il suo pensiero. Gli Cittadini anco in quel punto frà di loro erano divisi in fattioni. Altri deffendevano il ben publico: Altri per secondare gli affetti del Conte non stimavano far ogni dispetto, & pregiuditio alla Patria.

Finalmente doppo essere la misera Città stata angustiata constante calamità, Rodolfo Imperatore reconciliò il Vescovo col Conte, qual poco dappoi morse l’anno del suo Pontificato 21. [p. 74 modifica]Henrico secondo, che in suo luogo fù eletto Vescovo, Henrico secondo Ves. 79. hebbe più felice il suo governo: di qual famiglia fosse costui non si sà molto chiaramente, habbiamo di certo esser stato huomo di singolar fortuna, & Prencipe di grand’animo, il che da questo solo si può congieturare, che liberò la sua Chiesa con l’armi dalle mani del nemico. Ruppe le Capitolationi fatte poco avanti con Engnomo suo antecessore, & il Conte, occupò hostilmente contra ogni pato stabilito la Città, Castelli, & Terre. Giudicò Henrico Vescovo cosa indegna, che la sua Città fosse violentemente posseduta da gente armata, fece lega con quelli di Presanone, & molti altri, se gli aggiunsero compagni della guerra, di modo che amassò buon numero di gente massime di gioventù nobile, di valore non mediocre, ma quelli di Quingenstain, vien detto, facessero in quella guerra cose maravigliose, & ne riportarono sopra tutti la gloria della lor fortezza, à quali poi Henrico per mostrarsegli grato per le lor opre heroiche fatte, diede molti feudi, & privilegij. Con tal aiuto animato il buon Vescovo intimò la guerra al Conte del Tirol. Un animo generoso, & intrepido non s’avilisse per qual si voglia pericolo. La virtù di quel Prelato non si sgomentò per la ferocià del vincitore, non puote sopportare fusse profanato l’Altare di S. Vigilio con mano sacrilega, manco restasse miserabilmente oppressa la Città à lui comessa da quelli, che haverebbon dovuto diffenderla. Andò dunque in Campagna con la sua gente valorosa, egli medemo armato assali l’inimico, sopportava con intrepido animo ogni fatica, che suole apportare la guerra, nulla stimava purche potesse vedere una volta la Patria libera. La cui fortezza ammirando gli Signori Protettori del Vescovato, lo preservarono illeso, & liberarono la Città, & il Principato dalla tirania. Scacciò l’inimico dalla Città, non solo recuperò il Castello del buon Consiglio (cosi vien chiamata la fortezza Episcopale) fatto uscire il presidio del Conte, ma anco sforzò l’inimico Esercito tirarsi lontano dalli suoi confini, restituendo alla Città tutto ciò, che gli si apparteneva. Et quello che in battaglia, combatendo, rapiva a se li occhi dell’inimico, fuori della Città, entro di quella, liberò gli animi de suoi Cittadini d’ogni paura.

Menihardo vien accusato di bestemia. Terminate felicemente queste cose, accusò il Conte di spergiuro al Sommo Pontefice; quali novamente (aggiustati gl’interessi loro) pacifiò Rodolfo Imperatore.

Gli Trentini riceverono il loro Prencipe, immortalato perla vittoria havuta con ogni alleggrezza, applauso, & honore. Morse [p. 75 modifica]poco doppoi, è fù portato al sepolcro con ogni lugubre apparato.

Filippo Ves. 80. Successe Filippo Mantoano dell’Ordine de Minori, huomo di riguardevoli costumi, qual non è che dubitare esser stato eletto canonicamente, & haver governata la Chiesa con gran lode, ed esser secondo tutti testificavano, religiosissimamente vissuto. La sola fama della di lui integrità, & santità, qual à quel tempo era in gran veneratione lo inalzò al Principato. Si fece molti congressi per la creatione del nono Vescovo, molti ambivano per se, ò per suoi dependenti una tal dignità. Le fationi non solo derivavano da quelli che erano risplendenti, & alti per la dignità Sacrrdotale, ma si contrastava alla gagliarda anco dalle nationi, l’Alemana, & l’Italiana proponeva ciascuna il suo. Gli Alemani per non perdere la raggione del Pontificato, non volevano fosse eletto straniero. Mentre cosi si stava in dispute, & contentioni, sospetarono gli Consoli, che qualche straniera potenza assalisce la Città, senza capo, & Prencipe. Il negotio era in potere de Signori Canonici, à quali era anticamente stata concessa suprema auttorità d’elegere il Prencipe. Non havevano in quel tempo l’occhio à nobiltà, antichità, prodezze de suoi maggiori, ò richenzze, nel far l’eletione del Vescovo, ma alle virtù, pietà, buoni costumi, & à chi con tali prerogative s’havesse reso degno di somigliante dignità. Mai per l’adietro furon tanti contrasti, ne tante diligenze d’animi nell’elegere il Prencipe Trentino. Dunque in negotio tanto incerto si sentivano nella Città diverse commotioni, & tumulti.

Il Popolo in si fatte contingenze andò dal Collegio de’ Canonici, Createci (disse) una volta un Prencipe, il che sij in buon ponto, & felice, & aventurata hora. A voi tocca determinarci quello che ci ha da reggere, in Vescovo, che hà da esser l’ottantesimo dalla morte di S. Vigilio, elegete soggeto meritevol, & degno, quello che sarà da voi fatto, da noi non solo sarà ratificato, ma riverentemente ricevuto, & obedito. A voi resta il deliberare per l’auttorità concessavi, il Sommo Pontefice sarà l’auttore di quanto farete. Si ritrovava in quell’età Filippo Italiano di natione, di patria Mantovano dell’ordine (come dicessimo) di San Francesco, se all’hora habitasse in Mantova, ò pure in Trento non il sà molto bene, huomo dottissimo in Theologia, & sacri Canoni, nelle lettere Divine, & humane, grave non tanto per le di lui virtù, quanto per gli naturali talenti, posciache alla piacevolezza haveva [p. 76 modifica]accompagnata la gravità de costumi. Convengono tutti esser stato Mantovano, di qual famiglia fosse niuno ne parla. Questo ricordomi haver inteso, Filippo Arivabeno Fisico. mentre mi ritrovavo in Mantova, & praticava con Filippo Arivabeno, huomo dottissimo nell’arte Fisica, passando fra noi diversi, & curiosi discorsi, mi diceva haver da suoi antenati più volte inteso mentre trattravano de fatti, & personaggi della sua famiglia, esser stato uno della medema prosapia, che resse la Chiesa Trentina. Si può ciò in qualche modo conieturare, essendo che molti di quella Casa si dimandano Filippi, quasi cotal nome sij particolare, & molto in uso in quella.

Filippo Arivabeno Arcivesc. Favorisce questo assai l’esser stati in ogni tempo molti Religiosi Arivabeni chiari, & conspicui, come Canonici, Vescovi, &c. Frà l’altre (e questo non devesi passar con silentio) Filippo Arivabeno Monovasiense, huomo à nostri tempi in virtù, ed integrità di vita à pochi inferiore haversi acquistato nella Città tanto nome, & auttorità per la sua dottrina, che ha meritato essere il secondo, doppo Hercole Gonzaga, Cardinale Mantovano, il qual fù Prencipe sapientissimo, nella Christiana Republica intrepidissimo, & da ciascuno amirato per la di lui illibata, & profondissima dottrina.

Essendo dunque chiaro, Filippo esser stato Mantovano, & gli Arivabeni per natura, & per benigni influssi sempre propensi alla Religione, per il più detti Filippi, aiutando anco l’auttorità di Filippo Arivabeno, Medico dottissimo, facilmente mi dò a persuadere, che Filippo Vescovo di Trento habbi sortita la sua nascita dalli Arivabeni. Dunque havuta notitia dalli Signori Canonici Trentini, di huomo cosi segnalato unitamente, etiandio con quelli che erano dalla parte Tedesca (non ostante paresse si sarebbon piegate, & devolute le ricchezze alli Italiani, elegendosi Vescovo di quella natione) concorsero nella di lui elettione à tal carica. E Filippo havendo in buon augurio conseguito il Vescovato, commandò si dovesse porger preghiere à Dio per la sua persona, acciò inispirasse quello, che fosse il meglio si per il maggior culto Divino, & ben publico, come per la salute dell’anima, quali cose solenemente, & con ogni pietà terminate, & conosciute quello, che ordinariamente per mezzo de sacrificij, & altre opere di pietà ci vien dal Cielo inspirate, fatto dalli Sacerdoti silentio, ricercano all’Altare la volontà di Dio, fù resposto essere il novello Pastore grato à Dio, & ratificato in Cielo quanto dal Reverendissimo Capitolo fù determinato in terra. [p. 77 modifica]

In tal guisa publicato Vescovo Filippo, uscì di Chiesa, decorato con dignità Episcopale della Chiesa Trentina. Poscia si diede à pensare come potesse riformare, stabilire con leggi, & buoni costumi la Città, prima con le armi fondata da Francesi: Giudicò meglio mittigare gli animi, fatti dissoluti per le passate guerre con la pace, & pietà, che con armi. Dubitando ritrovarsi non pochi nella Città, resa per le continue descensioni bellicosa, seguaci d’Henrico, come anco di Filippo, ridusse tutti dall’esercitio militare, all’opere di pietà, comandando doversi frequentare Chiese, Altari, & Capelle, non tanto gli giorni festivi, ma anco gli feriati, e che non tanto gli Sacerdoti fossero assidui al culto Divino, ma tutto il popolo, e plebe dovessero assistere alli Divini officij, affermando essere lecito à tutti cantare gli Himni, & Salmi con gli Religiosi in Chiesa. Ridotte le cose à buon termine, & condotto la moltitudine all’affetto delle cose Divine, dalli tumulti militari, imitavano tutti come di vero esemplare gli Santi costumi del Pontefice, facilmente si piegavano, & la Città veniva governata non tanto per timore delle pene, quanto per la pietà, da loro novamente abbraciata. Questo Prelato non potendo resistere con armi al Menihardo guasta il Vescovato. Conte del Tirolo, Menihardo, qual travagliava il Staro Trentino, & pregiudicava le giurisditioni della Chiesa. Si servi delle spirituali, scommunicandolo, promise all’hora Menihardo restituire tutta la giurisditione della Chiesa, che s’haveva usurpata, hebbe con tal promessa l’assolutione dal Romano Pontefice, qual ottenuta procrastinava la restitutione, artificiosamenre andò delegiando, & inganando la parte contraria per qualche tempo, fin che potè, finalmente mancò da quanto haveva promesso, mai mise in esecutione quanto gli fù imposto. Quindi fù constretto il buon Vescovo, e sforzato vagare per cotesti interessi quasi tutto il tempo del suo governo, per ricuperare e salvare le raggioni del suo Vescovato.

Giovò poco ogni di lui fatica, & diligenza, Dio ci guardi esser perseguitatî da più potenti, non vale raggione. Hanno gli grandi del Divino, vogliono quanto s’imagino esser bene, se poi la cosa stij in quel aggio à Dio appartiensi il giudicio. Tene però & governò la Chiesa Trentina in tante calamità per spacio di dodeci anni, & doppo esser stato regalato d’honorarij, & presenti dal Re di Francfordia, desiderato, & pianto universalmente da tutti, diede l’anima al Creatore, Ma per essere molti, quali devono in questa nostra Historia comprendersi passiamo più oltre. Doppo il [p. 78 modifica]Bartolomeo Vesc. 81. Mantoano il Sacro Collegio di Trento fece eletione d’un altro Pastore, concorsero tutti in Bartolomeo Quirino Nobile Veneto. Vogliono altri che Quirino fosse antecessore di Filippo Mantovano. Non furono gran cose di questo Vescovo lasciate in scritto, ciò habbiam di certo haver egli havuti grandi, & longhi contrasti con Menihardo Conte del Tirolo, qual di nuovo instando cosi, & premendo il Vescovo, fulminato con saete spirituali poco dopoi morse, & doppò haver concssi molti Feudi anch’esso, doppò haver governato la Chiesa Trentina 11. anni diede l’ultimo spirito.

Henrico 3. Vesc. 82. Hora ci convien far qualche memoria d’Henrico terzo de Motis (cosi lo cognominano gli Alemani) qual sorrogato à Bartolameo Quirino, l’istessa Religione, & pietà rende à chi legge commendabile. Fù Henrico suggetto di mirabile ingegno, Luzembugese di natione, Cancelliere d’Henrico settimo Imperatore, qual vocabolo di già è stato ammesso nel tavoliere della latinità, dicono, che nelle sottoscritioni delle lettere, l’Imperatore usasse chiamarlo fratello; Acquistò il Vescovato per il favore, & raccomandationi dell’Imperatore; qual all’hora contendendo il Romano ingresso contro il decoro, & ragioni dell’Imperio, fù coronato. Indi ammassate nove genti, andando alla volta di Ruperto Re della Puglia, s’infermò nel viaggio, & l’anno seguente essendo Sommo Pontefice Clemente quinto se ne morì.

Henrico Re di Boemia. Non mancano, chi asseriscono essergli dato il veleno da Fiorentini (assediando esso in quel tempo la loro Città) nel Santissimo Sacramento dell’Eucarestia per arte, & industria d’un Claustrale de Predicatori. Henrico Re di Boemia, figlio di Meniandro come quello che era Duca della Carintia, & Conte del Tirolo, s’aggiustò con il Prencipe, & Vescovo di Trento. Restituiti con real liberalità la Valle di Fieme, prima datta in pegno à suo Padre, & con non minor magnanimità condonò tutti gli danari, & debiti che se gli dovevano dal Vescovato. Fù prima Henrico Vescovo di Trento (come vogliono li annali) Abbate Cisterciense del Monasterio VVilharicense Wilharicense Wilharicense , della Diocese di Treveri, qual doppo haver vissuto nel Vescovato 26. anni se ne passò à meglior vita, & fù sepolto sotto la piegatura del volto, alla parte destra dell’Altare maggiore nell’ascendere.

Nicolò Ves. 83. Successe à questo, Nicolò Bruna Moravo di Natione, Secretario di Carlo Imperatore quarto di questo nome. Non solamente à nostri tempi gli Scrivani, è Secretarij godono posto honorevole [p. 79 modifica]ma parimente ne’ tempi antichi sempre gli honorarono molto i Prencipi come vuole Tito Livio, sedevano, & trattavano molte cose rilevanti col Re medemo, usavano quasi l’istesso modo di vestire, si che una volta uno ne fù levato di vita, preso in fallo in luogo del Re. Dunque trattando Nicolò le cose reggie con ogni diligenza, & maturità, in modo che non tralasciaua un neo, che si richiedesse alli interessi del di lui Signore, meritò con ogni raggione la gratia di quello. Quindi venuta la nuova della morte d’Henrico, ottene à favori di Carlo la Mitria Trentina; non puote però difendere la sua Chiesa travagliata, & angustiata dalle armi di Lodovico Marchese di Brandeburgo. Lodovico Brandeburgense. Dicono l’Historie di quel tempo essere Lodovico, che tanto afflisse con guerre gli poveri Trentini, figliuolo di Lodovico Bavaro Imperatore, qual già, nata seditione frà Prencipi, gli Alemani privarono dell’Impero. Dunque il Marchese Lodovico, qual anco ottene il Contado del Tirolo senza esser offeso, o provocato da Trentini, per mera cupidigia di regnare, con nemico Esercito invase il Prencipato di Trento, in breve à forza d’arme ne restò padrone, guastò Campagne, mise à terra Borghi, & Castelli, ridusse al suo tribunale le raggioni, & cause spirituali, volse fossero da suoi Magistrati (sprezatta l’autorità Ecclesiastica) decise quelle cose che convenivano solo à Giudici Sacri. Diceva dover essere lontani li Sacerdoti dalli negotij della Republica, (cosi usurpandosi il tutto colorava le sue attioni) essere contra il decoro de Preti senza peritia dell’armi volersi mescolare nelle sanguinose guerre, dovendo essere intenti solo alle cose Divine, essere (esclamava) cosa ridicola, & vituperosà l’opporre un capo raso all’inimica spada, per esser ferito, trattasse perciò quelle cose il Vescovo di Trento, che pervengono al culto Divino, il rimanente entro, & fuori lasciasse la cura à gran Prencipi, à quali partiene amministrare le Città, & Provincie, commandare come la lor maestà richiede, diffendere gli Popoli, condure gli Eserciti, & far giornate quando il ben publico altrimente non si può conservare. Insuperbito da tal apparenti raggioni, tenne in tirranide la Città di Trento già da lui occupata circa 17. anni fino à Rodolfo quarto, Arciduca d’Austria, qual sforzò il Bavaro restituire quanto s’havea usurpato del Prencipe di Trento ad Alberto Oream Burgese quarto Vescovo, doppò Nicolò Bruna, del quale faremo più à basso mentione. Vedendo Nicolò la Città, & se medesimo in tante miserie, massime che il Trentino sotto il di lui Pontificato ritrovarsi nell’esterminio, [p. 80 modifica]esser la Città presa, persa la libertà, ridotta in servitù, il Bavaro che governava secondo la sua inclinatione, & capricij, sentiva estremo dolore, si struggeva, si lagnava, in somma si reputava il più infelice del Mondo, doppò haver in tante miserie vissuto cinque anni, accorato dal dolore rese l’anima a Dio. Gerardo 2. Vesc. 84. Acciò in tali contingenze non restasse la Sede lungo tempo vacante, immediatamente fù eletto Gerardo secondo VVidars Widars Widars , (Cognome Tedesco) questo hebbe solo cura della Chiesa, & scorgendo esser il Vescovato in burla, & scherzo di Tirani antepose l’elegere la morte ad una vita infame.

Quindi habbiam inteso che egli stava sempre solitario, di raro lasciavasi vedere in publico, eligendo passarsela con maggior decoro retirato nella Cella, che lasciarsi vedere da Barbari, & gente insolente, (che infelicità d’un Prelato, & Prencipe) reputava inconvenientia grande l’esporsi un Prelato al deriso, & burla d’huomini bestiali, non volse degradare la dignità Episcopale, schernita, & dilegiata da quelli huomini malvaggi.

Mentre questo molte cose machinava per liberar la Patria, ò almeno ridure à buon termine la libertà perduta, vedendo non poter giovare, cadè in malinconia, di dove spengendosi gli spiriti della sua nascita, venne à poco a poco à mancare, & dare lo spirito al Signore.

Giovanni 3. Vesc. 85. A questo successe Giovanni terzo Toscano di Pistoia, qual però non puote mai prendere il possesso del suo Vescovato, fuori che di Riva laqual impegnò alli Prencipi della Scalla, che all’hora signoreggiavano Verona, havendo però danari in prestito per il necessario della di lui persona, & Corte. Riva Terra. Qua non ci par bene tralasciare, quanto habbiamo letto nelle Historie de Longobardi essere Riva, terra di quel paese, famosa appresso il Lago di Garda, & essersi cosi chiamata d’un Rivo di sangue, qual fù causato, quando Garibaldo Re de Longobardi Garibaldo Re de Longobardi. superò in battaglia sanguinosa gli Francesi, entrati nell’Italia per il Territorio Trentino. Quindi quel Borgo più appropriatamente si chiama Riva, che conforme vogliono altri Rippa. Et già che habbiamo dato ne Longobardi, quali sovente ci occorrono, non sarà fuori del nostro scopo aggiungere quivi come Gimaldo Duca di Baviera fù fatto Re de Longobardi, per causa di Theodolinda figliola d’Atharo, qual hebbe in moglie. Tenne questi lo scettro doppò Clefo Re, al qual poi successe Cuniperto, & Gimoaldo, & altri Duchi di Baviera in ordine succederono, sino à Desiderio ultimo Re de [p. 81 modifica]Longobardi, qual presso Vercelli fù superato in battaglia da Carlo il Magno, & privato del Regno. Il sudetto Grimoaldo, fù dotato di molte, & heroiche qualità corporali, come dell’anima, qual essendo chiamato dal figliolo Rhumoldo, Duca di Benevento in aiuto contra l’Imperatore Constantio, lasciò la cura del Regno à Lupo Duca de Furlani Lupo Duca del Friolo. Questo non corrispondendo al favore del Re con ingani sollicitò alla ribellione la Toscana, la Marca, & tutta l’Italia di là dal Pò, & messe tutto in tumulto, sforzandosi con tali stratageme occupare, & usurparsi il Regno.

Perilche Grimoaldo mandò buon Esercito de Bavari, sotto la condotta di Cacanno contra Luppo, col quale hebbe giornata, nella prima Zuffa. Luppo fù vittorioso: il giorno seguente attacandosi novamente con più crudel, & sanguinosa battaglia, d’ambe le parti, s’incontrarono con maggior coraggio, & valore, & quanto più ostinatamenre si spingevano, tanto cresceva il numero de feriti, finalmente volse Dio, testimonio dalle amicitie, & parti, & vendicatore delle iniquità humane dare la vittoria à Longobarbi, superorno Luppo, gli levarono la testa, & s’impadronirono del suo stato dandolo tutto à sacco, ma per non scostarsi molto dal principal instituto ritornaremo alla nostra Historia.

Menihardo Ves. 86. Morto il Vescovo Toscano fù assunto al Vescovato Menihardo Nevuaus, overo di Casa nova (ancorche tali nomi non piaciano, bisogna ad ogni modo abbracciargli in questa nostra opera) era di natione Boemo, huomo di gran preggio, uno de primi di quel Regno, quali chiamano Baroni. Narrano l’Historie, questo non essere pervenuto al possesso del Vescovato, ma vissutto assente dalla sua Chiesa, la causa di ciò non si sà. Forse per essere eletto contra il gusto de Trentini, perilche sarebbe stato difficil il reggere, havendo contrarij nel governo gli sudditi, ò pure per l’odio (il che hà più del verisimile) che teneva alla tiranide di Lodovico Bavaro, la cui troppo licentiosa libertà havrebbe dovuto obedire, quando havesse voluto venire à Trento. Alberto 2. Vesc. 87. Morto il Boemo fù eletto Alberto secondo Ortemburgese di Carintia (Una Mitra insigne, governa con prudenza grande la Chiesa) Quelli che registrarono la sua vita, e operationi, scrivono esser stato uno de Conti d’Oeleggia, & Ortemburg, grandi non tanto per il valore, & destrezza di maneggiare negotij d’importanza, come anco perla antica prosapia della lor famiglia. Le Città tutta, avanti l’eletione di questo Prencipe si diede à publiche, & private orationi, acciò riuscisce in bene, & con buon augurio quanto dalli [p. 82 modifica]Reverendissimi Canonici sarebbe stato fatto, & commandato. Dunque Alberto impiegò ogni sapere, & spirito per rigettare tante malignità dalla sua Chiesa. Estinse gli odij civili, sedò le sediotioni, indusse la pace, balia, & allevatrice di tutte le contese, sradicò la discordia, radice di ogni disordine, micidiale delle virtuose attioni. Più d’ogni cosa gli premeva come havesse potutto morticicare l’alteriggia del Bavaro, con scacciarlo dal Prencipato.

Quindi deliberò usar onni mezzo, & far ogni tentativo per liberare la Patria dalla di lui tiranide, & ridurla alla pristina libertà. Gli Trentini si lagnavano, & giornalmente sempre più s’adiravano che gli convenisse vivere tanti anni in servitù. Andavano ragirando per la mente, & considerando ove potessero dar di mano, & haver sicuro soccorso. Incominciarono a cattivare con premij, sollicitare con promesse, acciò fossero in lor aiuto tutti gli popoli, & Prencipi confinanti, quali altre volte, & ben spesso, ritrovandosi nelle medeme contingenze, havevano provati, & giudicati valorosi, & fedeli. Dimostrano quanto sij miserabile, & dura la condizione de Trentini, che poco prima havea gustata la dolcezza dalla libertà (non riesce tanto amara à chi sempre fù in schiavitudine) in quanta disgratia, & aversità contra ogni ragione siano caduti, pregando vogliano dargli soccorso, accoppiare le loro armi con le proprie, andare: unitamente in campagna con ugual fortuna; non potendo soli resistere a un potentissimo nemico. Soggiungevano, che havrebbe scoperto chiunque havesse prese l’armi per diffesa della Chiesa loro, gli Trentini esser huomini di corraggio, che harebbon riportata lode, & gloria condicevole al loro nome; Guardassero bene non complire all’altre Città, che l’Imperio del Bavaro s’avanzasse molto, un giorno (non venendo represso il di lui orgoglio & furore) havrebbe mandato tutto à fero, & fuovo, di modo, che finalmente le Città confinanti s’havrebbon pentire d’haver negato il soccorso à Trentini, che con tanta humiltà, & sommissione, anco à loro propria utilità havevano da circonvicini dimandato. Ma non scorgendosi speranza d’aiuto da parte alcuna, hora si mostravano persi, & aviliti, abenche animi altrimente generosi, & intrepidi, hora biasmauano la propria viltà, & codardia, hora infiammati dall’ira, gridavano volere ò liberarsi con armi dalla servitù, o lasciarvi la vita, & una fiata uscir di tante miserie. Già che dovevano ò servire, ò morire, giudicavano essere più lodevole l’elegersi una morte gloriosa, che vivere vita infame, sotto una sforzata tiranide, determinorno per ciò esporsi à qual si [p. 83 modifica]vogli manifesto pericolo, per vivere liberi, ò morire servi. Consimimili Consimili Consimili voci si sentivano publicamente per la Città, fendevano con lamenti l’aria, in questa guisa la disperatione di tanto relevante interesse della libertà alterava gl’animi, accostandosi anco le mai interrote instigationi, & stimoli del Vescovo alla recuperatione della lor primiera conditione. Acciò il tutto s’incaminasse con prudenza, & non lasciassero luogo d’esser notati di temerità, andavano prima investigando tutti gli modi, & maniere, con quali potessero giungere al dissegno da lor prefisso.

In questo mentre giunse nuova, che Rodolfo Arciduca d’Austria haveva ottenuto il governo de stati di quella famiglia, à questo aviso parsei respirassero gli poveri Trentini, giudicarono esser giunto il termine di potersi aiutare. Ambasciata de Trentini al Serenissimo Arciduca d’Austria. D’ordine del Vescovo spedirono subito Ambasciatori à quel Prencipe loro amico, & confederato, con commissione che à lui rapprentassero tante lor calamità. Non tantosto gionti furono amessi all’udienza, ivi tutti tranformati in malinconia, & mestitia, con gran silentio esposero la loro ambasciata. S’allegrarono prima, egli fosse succeduto (mercè all’heroica sua virtù) al potentissimo Principato dell’Austria. Dimostrano poscia Lodovico, figlio di Lodovico Bavaro, tirano de Trentini, & capital nemico del nome Austriaco, mentre non havevano alcun ombra di timore, doppo haver aggiunto al proprio stato il Contado del Tirolo ambitioso de dominij, essere con nemico Esercito entrato nel Territorio Trentino, havere occupato con improvisto assalto, Castelli, & altri Luoghi fortissimi; dato à fuoco, e fiamma le Valli, Ville, & gli Popoli tutti si può dire messi à fil di spada, presa la Città, spogliato tiranicamente il Vescovo d’ogni sua giurisdition, lasciandogli la sola cura delle cose spirituali, crudele in tutti, tutto maneggiare conforme gli somministra il suo mal nato pensiero. Nicolò, Gerardo, Giovanni, Meniandro, & Alberto, hora Vescovo quarto, doppò la presa della Città non esser vissuti in grado Pontificio, esser stati necessitati come ministri obedire sin al presente alle sfrenate voglie del Bavaro.

Non haver la Città tante forze, & aiuti di poter por ripiego à tanta cupidigia, havrebbon però mostrata qualche scintilla del lor valore quando con armi non con inganni s’havesse combatutto, & se (altrimente confederati) vituperosamente non fossero stati da lui traditi. Non sapere la causa gli Trentini per la quale habbi conceputo tant’odio contro la loro Chiesa, se non che [p. 84 modifica]sospetavano, che si persuadesse quel Tirano esser lecito rompere ogni fede, & legge naturale per arrivare all’ultimo scopo di regnare, forse anco tanti ci accordoglia, & afflige (dissero) per essergli venuto all’orecchie, che noi, siamo sempre stati amici alla tua Altezza, & tuoi antenati. Sa ogn’uno della Germania con quante forze, & stratageme si sian affaticati gli Bavari in qual si voglia età per distrugere, e finire ò almeno abbassare da tant’altezza la sua famiglia, per l’heroiche sue virtù resa famosa, & illustre.

Te principalmente deve movere à prendere l’armi contra questo giovine nemico implacabile d’ambi gli nostri stati, l’affronto, & torto ricevuto da Lodovico, Padre di lui, qual fù necessitato da tutti gli Prencipi Alemani à deporre la Corona Imperiale alle felice memoria del tuo genitore. Lodovico Re di Baviera Ne già t’imaginare, che l’ombra di Lodovico il Padre, & la sua discendenza tutta, sij giamai per quietarsi, ne l’Austria per sperare riposo, fin tanto che un solo si trovarà della di lui famiglia. Considera che gli Bavari emuli delli Austriaci sempre ti terran in brighe, non ti permetteranno una momentanea quiete, non tanto per l’antico odio, quanto per l’invidia della tua gloria. Non vede la tua Altezza, questo giovine, vampante fiamme d’eccessiva cupidigia, anhelante novi Regni, giungere sempre nova materia à novo foco? Poco fà soggiogò il Contado del Tirolo, hora Trento, non passarà molto che assediarà altre Città. Facesse Dio, che imitasse le pedate d’Henrico primo Imperatore della famiglia Bavara, questo si santantente visse che Dio con miracoli nella morte comprobò la sua illibata vita. Habbiamo in riverenza tanti chiarissimi Imperatori, facciamo gran stima, & honoriamo tanti Re usciti di quella Casa, quale con gran prudenza, & gloria da Garibaldo tenerono il scettro de Longobardi, fino à Desiderio ultimo loro Re. Ci siamo allegrati, che Lodovico padre di costui sij morto, la sua potenza n’era molto suspetta: Non habbiamo in odio questo come Bavaro, ma come un’altro incendiario, & commotore di guerre. Lo abboriamo perche ci ha involata la nostra primiera libertà. Non si sono persi gli Trentini per loro negligenza, manco per essersi effeminati ne’ lussi, & bagordi, ma per destino, & sua mala sorte, ò per infortunio della loro Città. Tentarono d’ogni parte aiuti, non hebbe ardire alcuna Città, ò Prencipe darci soccorso, contra un giovine tanto insuperbito, per gli novi acquisti. Solo sei restato al quale potiam havere il nostro ricorso. Non conosciamo altri mercè la tua singolar virtù, che nel maneggiar l’armi possi [p. 85 modifica]essere formidabile à Bavari. Ricevi con benigno ciglio come sempre fecero gli tuoi antenati questi Ambasciatori, quali partiti da confederati vengono supplichevoli à te per gli confederati. Si dogliamo l’essere reservati per sperimentare cose più dure, s’adiriamo per esser sforzati à servire, nati liberi, calamità non provata d’alcuo de nostri tempi.

Mentre gli Trentini agitano la lor causa, rappresentano con mestitia, & ugual spirito lamentandosi, le sue calamità, commemorano il loro abbandono, espongono quanto crudelmente venivano tratatti, come in ogni conditione di persone s’esercitava crudeltà, ne hospiti, ne amici, ne vicini, ne confederati, ne nobili, & in quelli che erano chiari per honore, & gloria, quali cose dalle stesse fiere dovrebbon essere lontane, & chi non sà (dissero) quanto fù sempre mai la nostra Città ne’ tempi passati à cuore de Pontefici, Imperatori, & Reggi, l’autorità de quali dovrebbe essere da tutti riverita, & abbraciata. Nulladimeno sprezzate tutte queste il Duca Bavaro non solo volse annullare tutte le nostre antiche leggi, & Statuti, descritti da nostri antenati, ma anco distrusse da fondamenti tutta la nostra Republica, & le cose del publico non si vergognò usurparsi. Et (ò iniquità da non sopportarsi) dissipa, à suo volere, e consuma quelle cose s’aspetano alle Chiese, & nostri Pontefici. Induce, & sforza (cosa indegna) la parte della Città più debole à cose sporche, & infame. Et quello ch’è contra ogni humanità siamo sforzati, abbandonati, & scaciati, come fossimo stati rotti in Mare, & patito naufragio, andar errando per Terre, & Paesi, cercando aiuti, & soccorsi. Qual sarà quello che intendendo le nostre miserie, le nostre calamità non si converta in lacrime.

Calamità de Trentini. Qual sarà quel inhumano, quella Tigre, che consapevole delle nostre disgratie possi contenere, che non versin gli occhi suoi rivi di pianto prefigiti pure nella tua mente ò Prencipe clementissimo d’haver à tuoi piedi la nostra Republica, e tutto il popolo che si pieghi, & piangi la sue rovine, che ti dimandi soccorso, sarà donque possibile, che non gli compatischi. Misera Città. Cosi donque scazzi da te un popolo alla tua Altezza tanto ben affetto, cosi donque permetti ch’una Città tanto di Te amica se ne stij oppressa, conculcata, e ingolfata & in un mare de travagli, senza porgergli convenevol aiuto, senza soccorerla ? Sù Prencipe generossimo non voler ciò permettere, che con ogni sommissione te ne supplichiamo, siamo stati, già longo tempo favola, scherzo, e ludibrio [p. 86 modifica]de Bavari, ritornaremo noi per ria fortuna alla nostra Patria, à Trento senza speranza ch’habbi da sortire buonissimo essito la nostra giustissima causa ? Non vogliamo vendetta, non ti dimandiamo il reo, non cerchiamo l’auttore di tante nostre calamità, non desideriamo nelle mani Lodovico, non siamo tanto barbari, non desideriamo reciprocare in tal modo, ma ti preghiamo vogli con mansuetudine provedere, pretendiamo solo le case nostre, e la pristina libertà. Prendi in gratia nostra l’armi, ti scongiuriamo per il grand’Iddio, & suoi Santi, per le Reliquie di S. Vigilio, ti preghiamo per l’antica nostra amichevole famigliarità, libera la Chiesa Trentina da nemici, si parti il Bavaro, esca dalla Città il presidio, riconduchi il suo Esercito dal Territorio Trentino senza offesa. Resti la nostra Città libera, governino come per il passato gli nostri Vescovi, obedischino conforme l’antico costume la Republica, gli Cittadini, e le Provincie alli Pontefici. Hai Capitani valorossissimi allenati, & addottrinati nell’armi sin dalla fanciullezza ne tuoi Eserciti.

L’Austria è copiosa di gente, & oro, qual cavato da tuoi monti serve per stipendio de soldati. Parimente non mancaremo conforme s’estenderano le nostre poche forze, di somministrare tutti gli aiuti possibili. S’aggiunge à questo (il che stimiamo principalissimo nel condure à segno gravi negotij) la famosa gloria di tuo Padre, & la tua singolar virtù, non manca cosa che si possa desiderare per conseguire, & riportarne la vittoria. In te è forza, e potere sufficiente (non è dubio) à scacciare il Bavaro da nostri confini. Comanda sij batutto Tamburo, si faccin soldati, s’ammassino genti, cosi intenderà quel Tirano, che la guerra principiata con Trentini, habbi ad essere terminata con gli Austriaci. Il successo della battaglia, come giusto giudice ci darà sicura vittoria. Se vorai provedere alla salute, & libertà de tuoi confederati, nel punto medemo in cui ci darai aiuto, parimente abbassarai la potenza, & orgoglio d’un tuo crudelissimo nemico. Non ti comple certo, che giornalmente si dilatti, & cresca il Regno de Bavari. (Clementissimo Prencipe;) Quando giongesse à Trento la nova, che habbi preso l’assonto di difenderci con le tue armi, Dio immortale, quanta allegrezza mai gli recaresti, recuperarebbono quelli naturali, & generosissimi spiriti, quali non furon per paura, ò disgratie avvenutegli totalmente estinti, mà a tempo oppressi, & ascosi, sino, che si presentarà l’occasione di far pompa della loro virtù. Lo conoscerai in esperienza, se ti degnarai [p. 87 modifica]d’essergli Capitano, & diffensore) le loro prodezze, troverai con mano come si portarano.

Uscirano teco in Campagna, assalirano primi con l’armi l’inimico, primieri levarano di vita quelli animi profani, & sacrileghi, ch’hebbero ardire d’invadere, & spogliare le Chiese, ne godarano tanto nel vendicare le proprie offese, quanto le tue, oltre che saranno sempre, & a tutte l’età ricordevoli di tanta tua pietà ver loro usata, mai si scorgerano ingrati, & biasmevoli verso il tuo Regno. Che se poi intenderano non haver punto operato appresso di Te, la sua legatione, subito privi d’ogni speranza, tumultuando concorrarano alle Piazze, si sentirano gridi di disperatione. Qual animo di gratia pensi sijno per havere vedendosi abbandonati da tutti ? Che non habbino da Te, in cui sommamente speravano, riportato alcun aiuto, alcuna speranza di salute, che hora gli soprastino novi danni, novi pericoli, ogni successo più crudele, e di maggior tirania. Poveri Trentini se non gli soccori con la tua destra. Sarà; invitissimo Prencipe, tanta la paura è la disperatione della Città, che ancora ti venirà all’orecchie qualche crudelissimo spetacolo. Che gli Trentini seguendo gli spiriti generosi de suoi antenati, gettarono nel Fiume Adice, qual scorre vicino alle Mura, unico refugio in tali estremi pericoli dalla natura, come potiamo pensare concessogli, tutte le lor mobilie più preciose, & per ultimare la tragedia se stessi precipitosamente à squadra lanciarano sopra la perdita delle lor robbe, quando non gli venga concesso di poter vivere con honore, & gloria convenevole ad huomini d’integrità, & valore.

Se la nostra Republica medema potesse parlarti, molto maggiori querelle sentiresti, ancorche non possi desiderare cose di maggior compassione. E quali più miserabili cose si puono narrare ? Come si potrà svegliare un giusto sdegno, se quanto t’habbiamo esposto non è sufficiente ? Considera in gratia queste nostre miserie, queste nostre calamità, & pianti, in ordine alle cose tue, alli tuoi proprij interessi, imaginati sijno per tradire gli proprij tuoi sudditti, gli amici, & figlioli, fingi d’essere in simile calamità à piedi d’un Prencipe per essere sollevato, & poi usa con gli infelici Trentini quello, che Tu medemo bramaresti in tal contingenza. Con tal discorso non solamente non potrai soffrire ci sij usata una si fatta crudeltà, ma comiserando la povertà, nostra servitù, & desolata Città ci giudicarai degni del tuo aiuto. [p. 88 modifica]

Quindi per la tua incorrota fede, per la tua virtù, & possanza avezza al mortificar gli tuoi nemici, & altrui tirani. Di novo ti scongiuriamo, che tu vogli à noi mostrarci tale, quale ti suppose le nostra fiducia, diffendi le raggioni della nostra Città, moveti à pietà delle nostre miserie, essendo la pietà cosa tanto humana. Mentre ancor v’è tempo reprimi l’arroganza del Bavaro. Considera cosa ti può succedere se ci rimandi senza il tuo aiuto. Sentirai in breve essere le porte della tua Città abbatute con Canoni, si che hai d’haver l’occhio non solo all’interesse delli Austriaci, ma anco delli Trentini, che ne vengono in consequenza.

Ascoltati ch’hebbe l’Arciduca gli Ambasciatori de’ suoi confederati, da quali furno con dotto discorso esposti gli travagli della lor Patria.

Comiserando l’Austriaco cosi aversa sorte de Trentini, giudicò non dover per modo alcuno in tanta lor oppressione, & necessità abbandonargli. Giurò, & chiamò Dio in testimonio di perseguitare sempre à suo potere con armi il Bavaro, d’usurparsi altri paesi troppo avido, & insatiabile, sin tanto ch’havesse restituiti gli Trentini in libertà, sino che fosse senza offesa, & danno uscito dalli confini loro. Austriano li promette aiuti. Soggionse non voler giamai comportate, che ne esso, ne alcun altro havesse governato, fuori che i Vescovi. Dunque il generoso, reprimendo loro le lacrime, & le querele, commandò, dassero fine una volta al pianto, & lamenti, & stassero di buona voglia, diede instruttione quanto conveniva alli Austriaci, & Trentini, cioè che ogni forte giovine, ogni robusto guerriero, tanto di quella, come di questa natione s’armasse contra Lodovico Duca Bavaro, che ardì tentar senza causa cose nemichevoli contra gli Trentini.

Ambasciata di Austriano al Re di Baviera. Vuole prima però spiare l’animo del Duca, e la di lui volontà in desistere da tal tirania, avanti di temerariamente mover l’armi contro quello. Mandogli subito Ambasciatori, acciò à suo nome, con esso lui trattassero, qualmente non havendo ricevuta alcuna offesa da Trentini suoi confederati, più non gli tenesse oppressi. Che sempre essendo sforzato, gli haverebbe difesi con l’armi in mano, essere però cosa più considerata, & lodevole star lontani, potendo senza pregiuditio dalle guerre, & riconoscere le forze Austriache, meglio con la pace, che con la battaglia, che sempre lo terrà per amico mentre anch’esso corrispondi al suo desiderio di lasciar libero il paese Trentino, di restituire la libertà a Paesani. [p. 89 modifica]

Che volendo proseguire nella sua tirannia, in tenere gli poveri Trentini in schiavitudine, & la Città in suo potere, non dourà reputarsi ad ingiuria se prenderà l’armi in difesa di quelli, & continuarà la guerra sino, che gli vedrà nella lor pristina libertà.

Doppò che hebbero esposta questa legatione gli Ambasciatori, alla quale anco fù soggionta quella de Trentini, il Bavaro, qual sapeba benissimo oltre l’inimicitie antiche con l’Austriaci, haver al pari alterato il loro odio, per haver ingiustamente tenuti oppressi gli Trentini, ancorche fosse stato atterito, & temesse delli suoi interessi per la guerra novamente dall’Austriaco intimatagli, nulla di meno, pieno di rabbia, per haver inteso che gli Trentini havevano dimandato soccorso dalli Austriaci, & che per ciò sarebbe sforzato ad abbandonare il stato di Trento, Lodovico Re di Baviera ferocemente gli risponde. rispose temerariamente, haver anche esso ragione nella guerra, & che il tutto sarebbe ceduto à chi fusse stato più bravo, & valoroso. Rotto dall’'impetto della colera subito si diede al discorso della guerra, & ralentata alquanto, & per all’hora la colera contro Trentini, pensò subito portarsi contro gli Austriaci, cessato quel primo impeto, & revocando la mente alle cose passate, considerando quanto hebbero che fare gli suoi antenati, quanto poco honore riportarano, doppò gravi pericoli del proprio stato, subito mutò pensiero, giudicò non doversi principiare ne tentare impresa, qual non potesse con sua reputatione conseguire. Finalmente questo maturo fidando che consiglio ne riportò la palma.

Aeciò però non paresse essersi piegato per terrore, o paura, & il tutto venisse ascritto à gloria, & lode dell’Austriaco, finse benevolentia con Trentini, piacevolmente gli chiamò alla sua presenza, disse haver considerate le pedate de passati Imperatori, & determinato imitarli, voler anche esso aumentar la Chiesa di Trento, ricever in confederatione, & fratellanza gli Trentini, stimar grandemente il loro valore, tener in animo servirrene ne’ più ardui negotij, fidandosi grandemente nella loro fedeltà confidando mai gli sarebbono stati ribelli.

Confessò però haver accellerato questo suo proponimento alquanto le preghiere per loro fatte all’Arciduca d’Austria; Ma nulla di meno già lungo tempo teneva prefisso in animo, volere come à liberalità Reggia si conviene, dichiarare à Trentini in effetto l’animo suo.

Hora dunque faccio (disse) libero dono à San Vigilio della [p. 90 modifica]Chiesa, & tutto il Territorio Trentino, con patto però, che gli Trentini confessino haver raggionevolmente persa la libertà, & che dalla liberalità di Lodovico gli sij stata restituita, d’havere ricevuta gratis come da benigno Prencipe la loro Città giustamente in guerra persa.

Tenessero di certo, che Lodovico Bavaro trà tutti, di gloria, & virtù risplendenti, il più eminente mai s’havrebbe piegato, ne permesso, che gli Trentini gli restassero per tanti benificij obligati, se non perche non stimò opera di minor lode ricevere con clemente pietà quelli, quali già vinti ricorrevano, e s’humiliavano a suoi piedi, che con armi abbassare l’orgoglio de superbi ostinati. Ben potevano essi ridursi à memoria e la di lui potenza, e clemenza insieme, qualmente habbi valorosissimamente superati quelli ch’ardirono seco combatere, & perdonato à quelli, che venero a suoi piedi supplichevoli. Che però usarebbe loro questa stravagante liberalità solo per esser conosciuto invitto, & Clemente.

Si dichiarò in oltre, che se dalla troppa licenza de Soldati (come sol avenire) fossero stati danneggiati, gli havrebbe conforme richiedeva la sua liberalità d’avantaggio rifarciti, per essere di lui inseparabile proprietà, sortita dalle Regali fascie più volontieri dare il proprio, che usurparsi l’altrui.

Onde non solamente giurò mai più travagliare gli suoi confini, ma anco volergli restituire la Chiesa, gli Altari, le Porte, la Città, le Provincie, e ricever tutti gli Trentini come proprij suoi amici, & confederati, promise chiamando Dio in testimono, protegere, & diffendere, anzi con armi perseguitare coloro, che havessero tentato travargliarli, & portargli qualche pregiuditio.

Mentre gli Ambasciatori s’adopravano per questi lor interessi, appresso il magnanimo Prencipe Rodolfo, Arciduca d’Austria, la Città ansiosa del fine, & tutta suspesa d’animo, attendeva il successo, e quanto havesse l’Austria in suo favore in tante lor turbulenze determinato, si lagnava pensando sempre al peggio, che poteva avenire. Le Donne anco esse s’affaticavano, e conforme il lor potere erano tutte intente alle devotioni, si vedevano andare di questa in quella Chiesa, & pregavano Dio con voti, penitenze, e lagrime, acciò volesse essere in suo aiuto in si giusta causa.

In questo mentre si sparse fama in Trento, senza sapersi l’auttore, che gli loro Ambasciatori havevano (mercè alla clemenza, pietà, & benignità di Rodolfo) ottenuto quanto [p. 91 modifica]bramavano, essergli stato restituita la libertà, & che gli Bavari sarebbon usciti de loro confini.

Non poco poi comparvero lettere al Vescovo, qual nova, divulgata per la Città, concorsero gli Popoli con tanto strepito alla parte del Palazzo Pontificale, che à pena poteva essere quella moltitudine respinta, & rafrenata dalli Magistrati. La Città giubilosa. Tutti gridavano, ciascuno protestava doversi propalare quanto s’era inteso della loro commune libertà: frà questi tumulti gionse aviso avicinarsi hormai gli Ambasciatori, tutti all’hora, Huomini, Donne, Nobili, Cittadini, fanciuli, & ogni altra conditione di persone precipitosamente, & senza ordine se gli ferono incontro.

Gli Ambasciatori circondati da tanto Popolo, prima andarono al loro Vescovo, poi si presentarono in Piazza, tutti si disfacevano per allegrezza, sentendo, che Rodolfo Arciduca d’Austria havesse chiamata la Città di Trento sua amica, & confederata, & promesso diffenderla come cosa propria con l’armi, che il Bavaro di spontanea libertà si fosse piegato à restituire loro la pristina libertà, & uscire dalli confini Trentini, in somma le cose essere ridotte à salvamento. La libertà à Trentini restituita. Esposte, & intese coteste cose, facendosi sentire tuttavia le grida, crebbe tanto l’allegrezza delle genti, che qua si non potevano capire dentro di loro.

Vengono decretati publici sufragij. Havendo Alberto Vescovo per beneficio di Nostro Signore, & aiuto dell’Austriaco, conseguito quanto con tante preghiere haveva bramato, & desiderato, commandò solleni Processioni in rendimento di gratie, per trè continui giorni, havendo prima Pontificalmente celebrato in San Vigilio, la cui Chiesa stimava miracolosamente per le di lui intercessioni liberata dalle mani de nemici, in quel tempo le Chiese continuamente erano ripiene, tutti rendevano gratie al Sommo Dio, per aiuto del quale havevano recuperata la salute, da loro già desperata. Et quantunque per fatiche, vigilie, buoni consegli riescono bene le cose bramate, deve però esser attribuito al supremo Signore, quanto di buono ci aviene. E piamente, anzi infallibilmente credere dobbiamo, farsi pronto il Divino soccorso à mortali non con gli peccati, ma con la penitenza, & oratione.

Conseguite dunque dal buon Vescovo queste cose, conforme desiderava, come quello, che haveva ritrovata la Patria in servitù, miserie, & lacrime, & da lui medemo più volte pianta, hora colmo di gioia per haver quella sotto il suo Pontificato, [p. 92 modifica]patrocinio, & diligenza recuperata la primiera libertà, & honorevolezza, havendo vissuto nel Pontificato venti sette anni in tali allegrezze, in età provetta diede il spirito al suo Creatore nel Palazzo Episcopale, qual da tutti pianto, fù frà le lacrime levato, & con pompe funerali sepolto nella Capella di Santa Massenza, nell’Arca alla sinistra dell’Altare.

Il Fine del Quarto Libro.