Pagina:Notizie del bello, dell'antico, e del curioso della città di Napoli.djvu/370

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 370 —

nibale e costringerlo alla ritirata — 54 e 55 — Ristorazione di esso attribuita ad Augusto, epigrafe riportata dal Celano, suo ecquivoco su di ciò, e perchè — 56 e 57


N

Naccarini (Michelangelo) scultore — 152

Napoli fondata da Eumelio Palerò, figliuolo d’Alcone Greco, uno de’ compagni di Giasone. In che tempo — 9 — Differenza tra Falero e Falaro. Chiamata per molto tempo Falero. Perchè detta Partenope. Sirena, favola. Significato di tale favola — 10 — Perchè poi detta Napoli — 13 — Descrizione delle bellezze del suo golfo — 10 a 12 — Una parte di essa chiamata Palepoli — 16 e 17 — La sua fondazione è avvolta tra favolosi racconti — 18 e 19 — Dove fu fondata. Sue muraglie e suo circuito — 17 a 20 — Sua grandezza giusta la misura fatta a tempi di Re Ruggiero I — 19 — Quale spazio occupa — 29 — Sue vicende militari sotto Carilao e Nlnfio capi della città— 21 — Diviene alleata dei Romani sotto il Console Publilio Filone — 25 — Sue ampliazioni — 21 a 48 — Suo antico ricinto secondo il Lettieri — 28 — Idem secondo il sentimento di Fabio Giordano — 28 e 29 — Donde il suo territorio trasse il nome di Opicia — 52 — Come chiamata da Cicerone. Come lodata da Strabone — 55 — Confederata de’ Romani nel tempo de’ Consoli — 101 — Nell’anno di nostra salute 412 fu travagliata da’ Goti — 105 — Nell’anno 156 fu assalita da’ Vandali — 106 — Nel 490 venne in potere de’ Greci — 107 — Fino al 537 fu dominata dagli Ostrogoti — 109 — Riconquistata da Belisario per Giustiniano in quell’anno — 109 e 110 — Presa da’ Goti, fu da Narsete ricuperata dopo 18 anni. Ebbe poi suoi Consoli o Duchi — 114 a 114 — Sue vicende, fino a pag. 137 — Presa da Belisario che vi penetrò per un aquedotto, la trattò crudelmente. Finito il regno Gotico in Italia, Napoli fu riunita all’Impero Greco — 182 — Sotto gl’Imperadori mantenne sempre il privilegio di sua libertà. Immune per essere Camera Imperiale — 296 e 297 — Per siffatta immunità S. Gennaro nostro protettore fu menato a Pozzuoli per esservi martirizzato — 299 — Come governata da che divenne Municipio — 291 e 292