Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo IX, Indici, Classici italiani, 1826, XVI.djvu/209

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

generale 209

della sua eloquenza 156; diletti di essa 157.

Lisippo scultore, se fosse discepolo di Pittagora da Reggio I, 177.

Littara Vincenzo VII, 1479.

Liturgia sacra da chi illustrata VIII, 174, ec.

de’ Liuci Albizzo, Liucio e Mondino, V. Mondino.

Lipiera Giambattista, sue operette VII, 1878; sua tragedia 1889.

Livio Andronico è il primo autor tra i Latini di poesie teatrali I, 203, ec.; se fosse greco 205; se fosse schiavo di Livio Salinatore 207; sue poesie, e giudizio che ne fa Cicerone 208, ec.; se tenesse scuola di gramatica 209; se fosse il primo autor latino di poema epico ivi, ec.

Livio Tito, notizie della sua vita, e della Storia da lui composti I, 445; elogi che di lui fanno gli antichi ivi, ec.; in che consista il difetto rimproveratogli da Pollione col nome di patavinità 447; esame degli altri difetti che gli si oppongono, cioè della credulità 448; delle parlate attribuite a’ generali ivi; del non accennare gli autori antichi 450; suoi veri difetti ivi; stima in cui
egli era ancor vivente ivi, ec.; favole sparse in diversi tempi intorno a’ codici interi della sua Storia esistenti in qualche luogo 451, ec.; frammento di essa scoperto 456; scoperta delle credute sue ceneri fatta in Padova, e impegno de’ Padovani in onorarle 457; diligenze del Petrarca usate per trovar ciò che ne manca V, 155; suoi codici a caro prezzo comprati VI, 185.

Livio Tito ferrarese, o friulano, chi sia VI, 1140.

Livorno: Rossetti Domenico.

Liutberto re de’ Longobardi III, 127.

Liutprando re de’ Longobardi III, 128; sue leggi 215.

Liutprando vescovo di Cremona dotto nella lingua greca III, 336; coltivatore della poesia 338; sua nascita, e sue diverse vicende, 366, ec.; sua Storia 368; suo vescovado 369; sua ambasciata a Costantinopoli, e relazioni da lui scrittane ivi; sua morte, ed altre opere a lui attribuite 370.

Locati Umberto, sue opere VII, 1304, 1418.

Locresi, loro leggi I, 131.