Iliade/Libro XIII

Da Wikisource.
Libro XIII

../Libro XII ../Libro XIV IncludiIntestazione 30 gennaio 2012 100% Poemi epici

Omero - Iliade (Antichità)
Traduzione dal greco di Vincenzo Monti (1825)
Libro XIII
Libro XII Libro XIV


[p. 1 modifica]

ILIADE

______



LIBRO DECIMOTERZO


ARGOMENTO

Nettunno, mosso a compassione de’ Greci, prende la forma di Calcante e rincuora prima gli Aiaci, e poi altri capitani. Idomeneo fa prove di valore ed uccide Otrioneo ed altri. L’ala sinistra dei Troiani è costretta a cedere, non ostante la resistenza di Enea e di Deifobo. Ettore, che alla destra sostenevasi contro gli Aiaci, essendo tribolato dagli arcieri locresi, raduna i suoi, e passando alla sinistra vi raddrizza la pugna. La mischia si fa terribile d’ambe le parti.


Poichè Giove appressati ebbe alle navi
Con Ettore i Troiani, ivi in travaglio
Incessante lasciolli: e volti indietro
I fulgid’occhi a riguardar si pose
5Del Trace di cavalli agitatore
La contrada e de’ Misii a stretta pugna
Valorosi guerrieri e de’ famosi
Ippomolghi, giustissimi mortali
Che di latte nudriti a lunga etade
10Producono i lor dì: nè più di Troia
Dava un guardo alle mura, in sè pensando
Che nessun Dio discendere de’ Teucri
O de’ Greci in aita oso sarebbe.
   Nè invan si stava alla vedetta intanto
15Il re Nettunno che su l’alte assiso
Selvose cime della tracia Samo

[p. 2 modifica]

Contemplava di là l’aspro conflitto;
E tutto l’Ida e Troia e degli Achei
Le folte antenne si vedea davanti.
Ivi uscito dell’onde egli sedea,20
E del cader de’ Greci impietosito
Contro Giove fremea d’alto disdegno.
   Ratto spiccossi dall’alpestre vetta
E discese. Tremâr le selve e i monti
Sotto il piede immortal dell’incedente25
Irato Enosigéo. Tre passi ei fece,
E al quarto giunse alla sua meta in Ege,
Ove d’auro corruschi in fondo al mare
Sorgono eccelsi i suoi palagi eterni.
   Qui venuto i veloci oro-criniti30
Eripedi cavalli al cocchio aggioga.
In aurea vesta si ravvolge tutta
La divina persona, ed impugnato
L’aureo flagello di gentil lavoro
Monta il carro, e leggier vola su l’onda.35
Dagl’imi gorghi uscite a lui dintorno,
Conoscendo il re lor, l’ampie balene
Esultano, e per gioia il mar si spiana.
Così rapide volano le rote
Che dell’asse nè pur si bagna il bronzo;40
E gli agili cavalli a tutto corso
Verso le navi achee portano il Dio.
   Fra Tenedo e fra l’aspra Imbro nell’imo
S’apre dell’alto sale ampia spelonca.
Qui giunto il nume i corridor sostenne,45
E dal temo gli sciolse, e ristorati
D’ambrosio cibo, gli allacciò di salde
Auree pastoie d’insolubil nodo,
Onde attendean lì fermi il redituro
Re lor che al campo degli Achei s’indrizza.50

[p. 3 modifica]

Una fiamma sembianti o una procella,
Affollati, indefessi, e d’alte grida
L’aria empiendo i Troiani e furïando
Seguon d’Ettore i passi, il cor ripieni
Della speranza d’occupar le navi,55
E tra le navi sterminar gli Achei.
Ma di Calcante presa la sembianza
E la gran voce, raccendea Nettunno
Gli argolici guerrieri; e pria rivolto
Agli Aiaci gridava: Ah vi ricordi60
Che il campo achivo col valor si salva,
Non col freddo timor. Non io de’ Teucri,
Che in folla superâr l’alta muraglia,
Le ardite mani agli altri posti or temo,
Ove a tutti terran fronte gli Achei;65
Ma qui tem’io d’assai qualche sinistro,
Qui dove questo inviperito Ettorre,
Che del gran Giove si millanta figlio,
Guida i Teucri, e s’avventa come fiamma.
Ma se in mente a voi pone un qualche iddio70
Di contrastargli, e di dar core altrui,
Certo mi fo che lungi dalle navi
Respingerete il suo furor, foss’anco
Lo stesso Giove che gl’infonde ardire.
   Così parla Nettunno, e collo scettro75
Toccandoli ambidue, per le lor membra
Una divina vigoría diffuse,
Che tutta alleggerendo la persona
Alle man polso aggiunse, ed ali al piede;
E ciò fatto, sparì colla prestezza80
Di veloce sparvier, che nella valle
Visto un augello, da scoscesa rupe
Si precipita a piombo su la preda.
   Aiace d’Oiléo s’accorse il primo

[p. 4 modifica]

Del portento; e al figliuol di Telamone85
Di subito converso, Amico, ei disse,
Colui che ne parlò non egli al certo
È l’indovino augurator Calcante,
Ma qualche dell’Olimpo abitatore
Che ne prese le forme, e ne comanda90
Di pugnar per le navi. Agevolmente
Si riconosce un nume, ed io da tergo
Lui conobbi all’incesso appunto in quella
Che si partiva, e me l’avvisa il core
Che di battaglia più che mai bramoso95
Mi ferve in petto sì, che mani e piedi
Brillar mi sento del desío di pugna.
   E a me, risponde il gran Telamoníde,
A me pur brilla intorno a questa lancia
L’audace destra, e il cor mi cresce in seno,100
E l’impulso de’ piè sento di sotto
Sì, che pur solo d’azzuffarmi anelo
Coll’indomito Ettorre. - Era di questi
Tale il discorso, e tal dell’armi il caldo
Desir che in petto avea lor posto il nume.105
   Nettunno intanto degli Achei ridesta
L’ultime file, che scorate e stanche
Dal marzïal travaglio appo i navigli
Prendean respiro, e di gran duol cagione
Era loro il veder che l’alto muro110
Avean varcato con tumulto i Teucri.
Piovea lor dalle ciglia a quella vista
Un largo pianto, di scampar perduta
Ogni speranza. Ma col pronto arrivo
Le ravvivò Nettunno; e pria Leíto115
E Teucro e Dëipíro e Peneléo
E Merïone e Antíloco e Toante,
Tutti eroi bellicosi, inanimando,

[p. 5 modifica]

Oh vergogna! esclamò, così combatte
Or dell’argiva gioventude il fiore?120
Nel valor delle vostre armi io sperava
Salve le navi: ma se voi la fiera
Pugna cessate, il dì supremo è questo
Della nostra caduta. Oh cielo! oh indegno
Spettacolo ch’io veggo, e ch’io non mai125
Possibile credea! fino alle navi
Irrompere i Troiani, essi che dianzi
Non eran osi nè un momento pure
Far fronte ai Greci, e ne fuggían la possa
Come timide cerve, che vaganti130
Per la foresta, e imbelli e senza core
Son di linci, di lupi e leopardi
L’ingorde canne a satollar serbate.
Or ecco che lontan dalla cittade
Fino alle navi la battaglia spingono135
Colpa del duce Atride e noncuranza
De’ guerrier che con esso incolloriti,
Anzi che a scampo delle navi armarsi,
Trucidar vi si fanno. E nondimeno
Benchè l’Atride eroe veracemente140
Sia di ciò tutto la cagion, per l’onta
Ch’egli fece al Pelíde, a noi non lice
A verun patto abbandonar la pugna.
Via, s’emendi l’error: le generose
Alme i lor falli a riparar son preste;145
Nè voi, sendo i più forti, onestamente
Il valor vostro rallentar potete;
Ned io col vile che pugnar ricusa
So corrucciarmi, ma con voi mi sdegno
Altamente, con voi che fatti or molli150
Ed ignavi e codardi un maggior danno
Vi preparate. In sè ciascuno adunque

[p. 6 modifica]

Il pudor svegli e del disnor la tema.
Grande è il certame che s’accese: il prode
Ettore è quegli che le navi assalta,155
E le porte già ruppe e l’alta sbarra.
   Da questi di Nettunno acri conforti
Incoraggiate le falangi achee
Si strinsero agli Aiaci in sì bel cerchio,
Che stupito n’avría Marte e la stessa160
Minerva de’ guerrieri eccitatrice.
Questo fior di gagliardi il duro assalto
De’ Troiani e d’Ettór fermo attendea,
Come siepe stipando ed appoggiando
Scudo a scudo, asta ad asta, ed elmo ad elmo165
E guerriero a guerrier; sì che gli eccelsi
Cimier su i coni rilucenti insieme
Confondean l’onda delle chiome equine.
Così densati procedean di punta
Contra il nemico questi forti, ognuno170
Nella robusta mano arditamente
Bilanciando il suo telo, e di dar dentro
Tutti vogliosi. Fur primieri i Teucri
Stretti insieme a far impeto precorsi
Dall’intrepido Ettór, pari a veloce175
Rovinoso macigno che torrente
Per gran pioggia cresciuto da petrosa
Rupe divelse e spinse al basso; ei vola
Precipite a gran salti, e si fa sotto
La selva risonar; nè il corso allenta180
Finchè giunto alla valle ivi si queta
Immobile. Così pel campo Ettorre
Seminando la strage, infino al mare
Penetrar minacciava, e senza intoppo
Fra le navi cacciarsi e fra le tende.185
Ma come a fronte ei giunse della densa

[p. 7 modifica]

Falange s’arrestò, vano vedendo
Di spezzarla ogni mezzo: e di rincontro
L’appuntâr colle lance e colle spade
Sì fieri i figli degli Achei, che a forza190
L’allontanâr. Respinto ei diede addietro,
Ed alto a’ suoi gridò: Troiani, e Licii
E Dardani, deh voi fermo tenete;
Chè, benchè denso, lo squadron nemico
Non sosterrammi a lungo, e all’urto io spero195
Della mia lancia piegherà, se invano
Non eccitommi il più possente Iddio,
L’altitonante di Giunon marito.
   Di ciascuno destâr la lena e il core
Queste parole. Allor di Priamo il figlio200
Con grande ardir Dëífobo si mosse,
E davanti portandosi lo scudo
Che tutto il ricopriva, a lento passo
S’avanzò. Merïon di mira il prese
Colla fulgida lancia, e in pieno il colse205
Nello scudo taurin, ma di forarlo
Non gli successe, chè alla prima falda
L’asta si franse. Paventando il telo
Del bellicoso Merïon, dal petto
Discostossi Dëífobo il brocchiero,210
E l’argolico eroe vista spezzarsi
La lancia, e tolta la vittoria, irato
Si ritrasse fra’ suoi, quindi lunghesso
Le navi ei corse alla sua tenda in cerca
D’un riposto lancion. La pugna intanto215
Cresce, ed immenso si solleva il grido.
   Il Telamónio Teucro innanzi a tutti
Imbrio distese, acerrimo guerriero,
Cui Mentore di ricche equestri razze
Possessor generò. Tenea costui220

[p. 8 modifica]

Pria dell’arrivo degli Achei suo seggio
In Pedéo, disposata la leggiadra
Medesicaste, del troiano Sire
Spuria figliuola. Ma venuti i Greci
Rivenne ad Ilio ei pure, e fra’ Troiani225
Distinto di valor nelle regali
Case abitava, e il re tenealo in pregio
Del par che i figli. A costui l’asta infisse
Sotto l’orecchio il buon Telamoníde,
E tosto ne la svelse. Imbrio cadéo230
A frassino simíl, che su la cima
D’una montagna da lontan veduta
Reciso dalla scure al suolo abbassa
Le sue tenere chiome; così cadde
Riverso, e l’armi gli sonâr dintorno.235
Di rapirle bramoso immantinente
Teucro accorse: ma pronto in lui diresse
La fulgid’asta Ettór. L’altro che a tempo
Del colpo s’avvisò, scansollo alquanto,
Ed in sua vece lo raccolse in petto240
Il figliuol dell’Attoride Cteato
Amfimaco, che appunto in quel momento
Entrava nella mischia. Strepitoso
Ei cadde, e sopra gli tonò l’usbergo.
   A levar del magnanimo caduto245
Dalla fronte il bell’elmo Ettore vola,
Ma d’Aiace l’aggiunse il fulminato
Splendido telo, che l’ettoreo petto
Non offese egli, no (chè tutto quanto
Era nel ferro orribilmente chiuso),250
Ma di tal forza gli percosse il colmo
Dello scudo, che pur lo risospinse,
Sì che scostarsi fu mestier dall’uno
Cadavere e dall’altro, ed agli Achivi

[p. 9 modifica]

Abbandonarli. Amfimaco fra’ suoi255
Fu ritratto da Stichio e Menestéo
Atenéi condottieri; Imbrio da’ forti
Aiaci, simiglianti a due leoni
Che tolta al dente di gagliardi cani
Una capra talor, fra i densi arbusti260
La portano del bosco alta da terra
Nell’orrende mascelle. A questa guisa
Sublime fra le braccia i due guerrieri
D’Imbrio la salma ne portaro, e a lui,
Trattegli l’armi, il figlio d’Oiléo,265
Della morte d’Amfimaco sdegnoso,
Mozza la testa fe’ volar dal busto;
Indi fra i Teucri la gittò rotata
Come lubrico globo, e al piè d’Ettorre
La travolse sanguigna nella polve.270
   Non fu senz’alto di Nettun disdegno
D’Amfimaco la morte al Dio nipote.
Risoluto in suo cor de’ Teucri il danno,
Fra le navi e le tende il corruccioso
Nume avvïossi ad animar gli Achivi.275
Scontrollo Idomenéo, che appunto in quella
Un amico lasciava a lui poc’anzi
Fuor della pugna dai compagni addutto
E ferito al ginocchio. Ai medicanti
Commessane la cura il re cretese280
Da quella tenda si partía, pur sempre
Desideroso di battaglia. Ed ecco
(Preso il volto e la voce di Toante
D’Andremone figliuol, che di Pleurone
E dell’eccelsa Calidon signore285
Agli Etoli imperava, e al par d’un nume
Lo rivería la gente), ecco Nettunno
Farglisi innanzi, e dire: Idomenéo

[p. 10 modifica]

Consiglier de’ Cretesi, ove n’andaro
Le minacciate ai Teucri alte minacce290
Da’ figli degli Achei? - Nullo qui manca
Al suo dover, rispose il gnossio duce,
Nullo, per mio sentire, e sappiam tutti
Pugnar. Nessuno da vil tema è preso,
Nessun fiaccato da desidia fugge295
L’affanno marzïal. Ma del possente
Giove quest’è la fantasia, che lungi
Dalla patria perire inonorati
Qui debbano gli Achei. Ma tu che fosti
Sempre un forte, o Toante, e altrui se’ uso300
Destar coraggio, se allentar lo vedi,
Segui a farlo, e rinfranca ogni guerriero.
   Possa da Troia, replicò Nettunno,
Non si far più ritorno, e qui de’ cani
Rimanersi sollazzo, ognun che cerchi305
In questo giorno abbandonar la pugna.
Va, ti rïarma, e vieni, e tenteremo,
Benchè due soli, di far tale un fatto
Ch’utile torni. La congiunta forza
Pur degl’imbelli è di momento, e noi310
Ancor co’ prodi guerreggiar sappiamo.
   Disse, e mischiossi il Dio nel travaglioso
Mortal conflitto. Rïentrò veloce
Nella sua tenda Idomenéo, di belle
Armi vestissi tutto quanto, e tolte315
Due lance s’avvïò, simile in vista
Alla corrusca folgore che Giove
Vibra dall’alto a sgomentar le genti,
E di lucidi solchi il ciel lampeggia;
Così splendea l’acciaro intorno al petto320
Del frettoloso eroe. Lungi di poco

[p. 11 modifica]

Dalla tenda scontrollo il suo fedele
Merïon, che venía d’altr’asta in cerca.
   Figlio di Molo, Idomenéo gli disse,
Ove corri sì ratto? e perchè lasci,325
Diletto amico Merïon, la pugna?
Se’ tu forse ferito, e qualche punta
Ti tormenta di strale? od a recarmi
Qualche avviso ne vieni? Andiam, ch’io stesso
Non di riposi, ma di pugna ho brama.330
   Vengo, rispose Merïon, d’un’asta
A provedermi, Idomenéo, se alcuna
Te ne rimase al padiglion. La mia
Alla scudo la ruppi del feroce
Dëífobo. - Non una, il re riprese,335
Ma venti, se le brami, alla parete
Ne troverai poggiate entro la tenda,
Tutte belle e troiane e da me tolte
Ad uccisi nemici. Io li combatto
Sempre dappresso, e così d’aste io feci340
E d’elmetti e di scudi ombelicati
E di lucidi usberghi un tanto acquisto.
   Ed io pur nella tenda e nella nave
Ho molte spoglie de’ Troiani in serbo,
Soggiunse Merïon; ma lungi or sono.345
E neppur io mi spero in obblïanza
Aver posto il valor; chè anch’io ne’ campi
Della gloria so starmi in mezzo ai primi,
Quando di Marte la tenzon si desta.
Forse al più degli Achei mal noto in guerra350
È il mio valor, ma tu il conosci, io spero.
   Sì, lo conosco, Idomenéo riprese,
Ma che ridirlo or tu? L’agguato è il campo
Ove in sua chiarità splende il coraggio,
E dal codardo si discerne il prode.355

[p. 12 modifica]

Color cangia il codardo, e il cor mal fermo
Non gli permette di tenersi immoto
Un solo istante; mancagli il ginocchio,
Sul calcagno s’accascia, e immaginando
Vicino il suo morir, l’alma nel seno360
Palpita e trema dibattendo i denti.
Ma collocato nell’insidia il forte
Nè cor cangia nè volto, e della zuffa
Il momento sospira. E a noi tenuti
Tra’ più gagliardi, se l’andar ne tocchi365
D’un agguato al periglio, a noi pur anco
E del tuo braccio e del tuo cor palese
Si faría la virtù. Se nella pugna
Fia che ti colga un qualche telo, al certo
Il tergo no ma piagheratti il petto,370
E diritto corrente all’inimico,
E tra’ primieri avvolto, e nel più denso
Della battaglia. Ma non più parole;
Onde a caso qualcun sopravvenendo
Di vanitosi cianciatori a dritto375
Non ci getti rampogna. Orsù, t’affretta
Nella tenda, e una forte asta ti piglia.
   Disse, e l’altro volò, prese veloce
Una ferrata lancia, e la battaglia
Anelando, raggiunse Idomenéo.380
Qual s’avanza al conflitto il sanguinoso
Nume dell’armi, e suo diletto figlio
L’accompagna il Terror che audace e forte
Anco i più fermi fa tremar; l’orrenda
Coppia lasciati della Tracia i lidi385
Va degli Efíri a guerreggiar le genti
O i magnanimi Flegii, e non ascolta
Più quei che questi, ancor dubbiando a cui
La vittoria invïar; tali nel ferro

[p. 13 modifica]

Lampeggianti procedono alla pugna,390
Condottieri di prodi, Idomenéo
E Merïone, che primier dicea:
   Da qual parte in battaglia entrar t’aggrada,
O Deucalíde valoroso? a destra
O pur nel centro? o sosterrem più tosto395
La sinistra? Gli è quivi, a mio parere,
Che di soccorso ai nostri è più mestiero.
   Il centro ha buoni difensor, rispose
Il re di Creta, ha l’uno e l’altro Aiace
E il più prestante saettier de’ Greci400
Teucro, gagliardo combattente insieme
A piè fermo. Daran questi ad Ettorre,
Per audace ch’ei sia, molto travaglio
Nella fervida mischia, e costar caro
Gli faranno il tentar di superarne405
L’invitta forza, e i minacciati legni
Colle fiamme assalir, se pur lo stesso
Giove non scenda colle proprie mani
A gittarvi gl’incendii. A mortal uomo
Che sia di frutto cereal nudrito,410
E cui possa del ferro o delle pietre
Il colpo vïolar, non fia che mai
Il grande Aiace Telamónio ceda,
Non allo stesso violento Achille
Che di corso bensì, ma fior nol vince415
Nel pugnar di piè fermo. Or noi del campo
Rivolgiamci alla manca, e vediam tosto
Se darem gloria ad altri, od altri a noi.
   Volâr, ciò detto, alla prefissa meta.
I Troiani, veduto Idomenéo420
Come vampa di foco alla lor volta
Col suo scudier venirne, orrendo ei pure
Di scintillanti arnesi, inanimando

[p. 14 modifica]

Sè medesmi a vicenda, ad incontrarli
Mossero tutti di conserto. Allora425
Surse avanti alle poppe aspro conflitto.
   A quella guisa che ne’ caldi giorni,
Quando copre le vie la molta polve,
S’alza turbo di vento che solleva
Sibilando di sabbia una gran nube;430
Tali ardendo nel cor di porsi a morte
Co’ ferri acuti, s’attaccâr le schiere.
Irto era tutto il campo (orrida vista!)
Di lunghe aste impugnate, e il ferreo lampo
Degli usberghi, degli elmi e degli scudi435
Tutti in confuso folgoranti e tersi
Facea barbaglio agli occhi; e stato ei fôra
Ben audace quel cor che vista avesse
Tranquillo e lieto la crudel contesa.
   Così divisi di favor li due440
Possenti figli di Saturno, acerbe
Ordían gravezze ai combattenti eroi.
Di qua Giove ai Troiani e al forte Ettorre
La vittoria desía; non ch’egli intero
Voglia lo scempio della gente achea,445
Ma sol quanto a innalzar del grande Achille
Basti la gloria ed onorar la madre:
Di là furtivo da’ suoi gorghi uscito
Nettunno infiamma colla día presenza
Degli Argivi il coraggio, e del vederli450
Domi dai Teucri doloroso freme
Contro Giove di sdegno. Una è d’entrambi
L’origine divina e il nascimento:
Ma nacque Giove il primo, e più sapea.
Quindi il minor fratello alla scoperta455
Oso non era d’aitarli, e solo
Celatamente ed in sembianza umana

[p. 15 modifica]

Infondea loro ardire. A questo modo
L’un nume e l’altro agli uni e agli altri iniqua
D’aspre discordie ordiro una catena460
Che nè spezzare si potea nè sciorre,
E che stese di molti al suol la forza.
   Quantunque sparso di canizie il crine,
Con vigor fresco allora Idomenéo,
Fatto ai Greci coraggio, i Teucri assalse,465
E sbaragliolli, ucciso Otrïonéo.
Di Cábeso poc’anzi era costui
Venuto al grido della guerra, e a sposa
La più bella chiedea, senza dotarla,
Delle fanciulle prïamée, Cassandra;470
E l’alta impresa di scacciar da Troia
Lor malgrado gli Achivi impromettea.
Gli avea di questo intenzïon già data
Il re vecchio e l’assenso, ed animato
Dalle promesse il vantator pugnava475
Arditamente, ed incedea superbo.
Colla fulgida lancia Idomenéo
L’adocchiò, lo colpì, gl’infisse il telo
In mezzo all’epa dalle piastre invano
Del torace difesa. Alto fragore480
Diè cadendo il guerriero, e l’insultando
Il vincitor sì disse: Otrïonéo,
Se tutte che tu festi al re troiano
Alte promesse adempirai, su tutti
I mortali pur io terrotti in pregio.485
Priamo la figlia ti promise, e noi
Altra sposa t’offriam, la più leggiadra
Delle figlie d’Atride, e lei qui tosto
Farem d’Argo venir, a questo patto
Che tu di Troia ad espugnar n’aiti490
La superba città. Dunque ne segui,

[p. 16 modifica]

Onde alle navi contrattar le nozze,
E suoceri n’avrai larghi e cortesi.
   Sì dicendo, per mezzo alla battaglia
Strascinollo d’un piede. A vendicarlo495
Avanzossi pedon nanzi al suo carro
Asio, e anelanti al tergo gli guidava
Il fido auriga i corridor. Mentr’egli
A ferir d’un bel colpo Idomenéo
Tutto intende il suo cor, questi il prevenne500
E la lancia gli spinse nella gola
Sotto il mento, e passolla. Asio cadéo
Siccome quercia o pioppo od alto pino
Cui sul monte tagliâr con raffilate
Bipenni i fabbri a nautic’uso. Ei giacque505
Lungo a terra disteso innanzi al cocchio,
E digrignava i denti, e colle mani
Strignea rabbioso la cruenta polve.
Smarrì l’auriga il cor, nè per sottrarsi
Alla man de’ nemici addietro osava510
Dar volta al cocchio. Il giunse in quello stato
Antíloco coll’asta, e in mezzo al ventre
Lo trivellò, che nulla lo difese
L’interzata lorica. Ei dal bel carro
Riversossi anelante, ed ai cavalli515
Dato di piglio il vincitor, dai Teucri
Li sospinse agli Achei. D’Asio caduto
Dëífobo dolente colla picca
Si strinse addosso al re di Creta, e trasse.
Previde il colpo, e curvo Idomenéo520
Sotto il grand’orbe si raccolse tutto
Dello scudo taurin che di fulgente
Ferro il contorno e doppia avea la guiggia.
Riparato da questo egli la punta
Schivò dell’asta ostil che sorvolando525

[p. 17 modifica]

Veloce delibò nel suo trascorso
Lo scudo, e secco risonar lo fece.
Nè indarno uscì dalla man forte il telo,
Ma l’Ippaside Ipsénore percosse
Sotto i precordi, e l’atterrò. Gran vanto530
Si diè sul morto l’uccisor, gridando:
Asio non giace inulto, e alle tremende
Porte scendendo di Pluton mi spero
Fia del compagno, ch’io gli do, contento.
   Contristò degli Achei quel vanto i petti,535
D’Antíloco su gli altri il bellicoso
Cor ne fu tocco; nè lasciò per questo
In abbandon l’amico, anzi accorrendo
Lo coprì dello scudo, e lo protesse
Sì che Alastorre e Mecistéo, due cari540
Dall’estinto compagni, in su le spalle
Recarselo potero ed alle navi
Trasportarlo, mettendo alti lamenti.
   Non rallentava Idomenéo frattanto
Il magnanimo core, e vie più sempre545
L’infiammava la brama o di coprire
Qualche Troiano dell’eterna notte,
O far di sua caduta egli medesmo
Risonante il terren, sol che de’ Greci
Allontani l’eccidio. Era fra’ Teucri550
Un caro figlio d’Esïéta, il prode
Alcatóo, già consorte alla maggiore
Delle figlie d’Anchise Ippodamía,
Che al genitor carissima e alla madre
Onoranda matrona, ogni compagna555
Vincea di volto e di prudenza, esperta
In tutte l’arti di Minerva; ond’ella
D’un de’ più chiari fra gli eroi fu sposa
Di quanti Ilio n’avea nel suo gran seno.

[p. 18 modifica]

Ma sotto la cretense asta domollo560
Nettunno; e prima gli annebbiò le luci,
Poi per le belle membra gli diffuse
Tale un torpor, che nè fuggirsi addietro
Nè scansarsi potea, ma immoto e ritto
Come colonna o pianta alto chiomata565
Stavasi; e tale lo colpì nel petto
D’Idomenéo la lancia, e la lorica,
Della persona inutile difesa,
Gli traforò. Diè un rauco e sordo suono
Il lacerato usbergo; strepitoso570
Alcatóo cadde, e il battere del core
Fe’ la cima tremar dell’asta infissa,
Ch’ivi alfin tutta si quetò. Superbo
Del glorïoso colpo Idomenéo
Alto sclamò: Dëífobo, e’ ti sembra575
Che ben s’adegui con tre morti il conto
D’un solo? Inane fu il tuo vanto, o folle.
Viemmi a fronte e vedrai qual io mi vegna
Qui rampollo di Giove. Ei primo ceppo
Minosse generò giusto di Creta580
Conservator, Minosse il generoso
Deucalïone, e questi me nell’ampia
Creta di molto popolo signore;
Ed ora a Troia mi portâr le navi
A te fatale e al padre e a tutti i Teucri.585
   Stette all’acre parlar fra due sospeso
Dëífobo, se in cerca retroceda
D’un valoroso che l’aiuti, o s’egli
Si cimenti pur solo. In tal pensiero
Ir d’Anchise al figliuol gli parve il meglio,590
E negli estremi lo trovò del campo
Stante e il cor roso di perpetuo cruccio,
Perchè lui, che tra’ prodi avea gran fama,

[p. 19 modifica]

Inonorato il re troian lasciava.
Venne a lui dunque, e così disse: Enea595
Chiaro de’ Teucri capitan: se cura
De’ congiunti ti tocca, il tuo cognato
Esanime soccorri. Andiam, la morte
Vendichiam d’Alcatóo che un dì marito
Di tua sorella t’educò bambino,600
E ch’or d’Idomenéo l’asta ti spense.
   Si commosse l’eroe racceso il petto
Del desío della pugna, ed alla volta
D’Idomenéo volò. Nè già si volse
Come fanciullo in fuga il re cretese,605
Ma fermo stette ad aspettarlo. E quale
Cinghial che sente le sue forze, aspetta
In solitario loco alla montagna
De’ cacciator la turba: alto sul dosso
Arriccia il pelo, e una terribil luce610
Lampeggiando dagli occhi i denti arruota,
Di sbaragliar le torme impazïente
Degli uomini e de’ cani: in tal sembianza
Fermo si stava Idomenéo, l’assalto
Aspettando d’Enea. Pur volto a’ suoi,615
Ascálafo chiamonne ed Afaréo
E Dëipíro e Merïone e Antíloco
Mastri di guerra, e gl’incitò con queste
Ratte parole: Amici, a darmi assalto
Corre il figlio d’Anchise: egli è di stragi620
Operator gagliardo, e ciò che forma
Il maggior nerbo, ha pur degli anni il fiore.
Io son qui solo, nè del par la fresca
Gioventù mi sorride. Ove ciò fosse,
Con questo cor qui tosto glorïoso625
O lui mia morte, o me la sua farebbe.
   Disse, e tutti gli fur concordi al fianco

[p. 20 modifica]

Con gl’inclinati scudi. Enea dall’altra
Parte eccitando i suoi compagni appella
Dëífobo a soccorso e Pari e il divo630
Agénore, che tutti eran con esso
Condottieri de’ Teucri, e li seguía
Molta man di guerrieri, a simiglianza
Di pecorelle che dal prato al fonte
Van su la traccia del lanoso duce,635
E ne gode il pastor; tale d’Enea
Pel seguace squadron l’alma gioisce.
   Colle lungh’aste intorno ad Alcatóo
S’azzuffâr questi e quelli. Intorno ai petti
Orribilmente risonava il ferro640
De’ combattenti, e due guerrier famosi
D’Anchise il figlio e il regnator di Creta
Pari a Marte ambedue con dispietato
Ferro a vicenda di ferirsi han brama.
Trasse primiero Enea, ma visto il colpo,645
L’avversario schivollo, e tremolante
Al suol s’infisse la dardania punta
Invan fuggita dalla man robusta.
Idomenéo percosse a mezzo il ventre
Enómao. Spezzò l’asta l’incavo650
Della corazza, e gl’intestini incise,
Sì ch’egli cadde nella polve, e strinse
Colle pugna il sabbion. Svelse dal morto
La lancia il vincitor, ma le bell’armi
Rapirgli non poteo, chè degli strali655
L’opprimea la tempesta, e non avea
Salde al correr le gambe e al ripigliarsi
L’asta scagliata, ed a schivar l’ostile.
Quindi a piè fermo ei ben sapea per anco
La morte allontanar, ma dal conflitto660
Mal nel bisogno sottraealo il piede.

[p. 21 modifica]

Dëífobo che caldo il cor di rabbia
Sempre in lui mira, vistolo ritrarsi
A lenti passi, gli avventò, ma indarno
Pur questa volta, il telo che veloce665
Via trasvolando Ascálafo raggiunse
Prole di Marte, e all’omero il trafisse.
Ei cadde, e steso brancicò la polve:
Nè del caduto figlio allor veruna
Ebbe notizia il vïolento Iddio,670
Che dal comando di Giove impedito
Stava in quel punto su le vette assiso
Dell’Olimpo, e il copría d’oro una nube
Misto agli altri Immortali a cui vietato
Era dell’armi il sanguinoso ludo.675
   Una pugna crudel sul corpo intanto
D’Ascálafo incomincia. Al morto invola
Dëífobo il bell’elmo; e Merïone
Tale sul braccio al rapitor disserra
Di lancia un colpo, che di man gli sbalza680
Risonante al terren l’aguzzo elmetto.
E qui di nuovo Merïon scagliossi
Come fiero avoltoio, e dal nemico
Braccio sconfitta dell’astil la punta
Si ritrasse tra’ suoi. Corse al ferito685
Il suo german Políte, e per traverso
L’abbracciando il cavò dal rio conflitto,
Ed in parte venuto ove l’auriga
Lungi dall’armi co’ cavalli il cocchio
In pronto gli tenea, questi il portaro690
Gemente, afflitto e per la fresca piaga
Tutto sangue la mano alla cittade.
Cresce intanto la pugna e al ciel ne vanno
Immense grida. Enea d’asta colpisce
Nella gola Afaréo Caletoríde695

[p. 22 modifica]

Che l’investía di fronte. Riversossi
Dall’altra parte il capo, e n’andâr seco
L’elmo e lo scudo, e lui la morte avvolse.
Visto Toone che volgea le terga,
Antíloco l’assalta, e al fuggitivo700
Netta incide la vena che pel dosso
Quanto è lungo scorrendo al collo arriva,
Netta l’incide, e resupino ei casca
Nella sabbia, stendendo a’ suoi compagni
Ambe le mani. Gli fu ratto addosso705
Antíloco, e dell’armi il dispogliando
Gli occhi ai Teucri tenea, che d’ogni parte
Serrandolo, il lucente ampio pavese
Gli tempestan di dardi, e mai veruno
Di tanti teli disfiorar del figlio710
Di Nestore il gentil corpo potea,
Chè da tutti il guardava attentamente
L’Enosigéo Nettunno. Ed il guerriero,
Non che ritrarsi dai nemici, sempre
Coll’asta in moto s’avvolgea fra loro715
Pronto a ferir da lungi e da vicino.
Mentre in cor volge nuovi danni, il vede
L’Asïade Adamante, e in lui repente
Impeto fatto colla lancia il fere
A mezza targa. Preservò del Greco720
La vita il nume dalle chiome azzurre,
E spezzò la nemica asta che mezza
Rimase infissa nello scudo a guisa
D’adusto palo, e mezza giacque a terra.
Diede addietro a tal vista il feritore725
Salvandosi fra’ suoi. Ma Merïone
Spinse l’asta nel ventre al fuggitivo
Fra l’umbilico e il pube, ove del ferro
È mortal la ferita, e lo confisse.

[p. 23 modifica]

Cadde il confitto su la lancia, e tutto730
Si contorcea qual bue, cui di ritorte
Funi annodato su pel monte a forza
Strascinano i bifolchi, e tale anch’egli
Si dibattea; ma il suo penar fu breve:
Chè tosto accorse Merïone, e svelta735
L’asta dal corpo, l’acchetò per sempre.
   Grande e battuta su le tracie incudi
Alza Eleno la spada, ed alla tempia
Dëípiro fendendo gli dirompe
L’elmo, e dal capo glielo sbalza in terra.740
Ruzzolò risonante la celata
Fra le gambe agli Achivi, e fu chi tosto
La raccolse: ma negra eterna notte
Dëípiro coperse. Addolorato
Del morto amico il buon minore Atride,745
Contro il regale eroe che a morte il mise,
Minaccioso avanzossi, alto squassando
L’acuta lancia; ed Eleno a rincontro
L’arco tese. Affrontârsi ambo i guerrieri,
Bramosi di vibrar quegli la picca,750
Questi lo strale. Saettò primiero
Di Priamo il figlio, e colpì l’altro al petto
Nel cavo del torace. Il rio quadrello
Via volò di risalto, e a quella guisa
Che per l’aia agitato in largo vaglio755
Al soffiar dell’auretta ed alle scosse
Del vagliator sussulta della bruna
Fava o del cece l’arido legume;
Dall’usbergo così di Menelao
Resultò risospinto il dardo acerbo.760
Di risposta l’Atride al suo nemico
Ferì la man che il liscio arco strignea,
E all’arco stesso la confisse. In salvo

[p. 24 modifica]

Retrocesse fra’ suoi tosto il ferito,
Cui penzolava dalla man l’infisso765
Frassíneo telo. Glielo svelse alfine
Il generoso Agénore, e la piaga
Destramente fasciò d’una lanosa
Fionda che pronta il suo scudier gli avea.
   Al trïonfante Atride si converse770
Pisandro allor di punta, e negro fato
A cader lo spigneva in rio certame
Sotto i tuoi colpi, o Menelao. Venuti
Ambo all’assalto, gittò l’asta in fallo
Il figliuolo d’Atréo. Colse Pisandro775
Lo scudo ostil, ma non passollo il telo
Dalla targa respinto e nell’estrema
Parte spezzato; nondimen gioinne
Colui nel core, e vincitor si tenne.
Tratto il fulgido brando, allor l’Atride780
Avventossi al nemico, e questi all’ombra
Dello scudo impugnò ferrata e bella
Una bipenne, nel polito e lungo
Manico inserta di silvestre olivo.
Mossero entrambi ad un medesmo tempo.785
Al cono dell’elmetto irto d’equine
Chiome sotto il cimier Pisandro indarno
La scure dechinò; l’altro lui colse
Nella fronte, e del naso alla radice.
Crepitò l’osso infranto, e sanguinosi790
Gli cascâr gli occhi nella polve al piede.
Incurvossi cadendo, e Menelao
D’un piè calcato dell’ucciso il petto,
L’armi n’invola, e glorïoso esclama:
   Ecco la via per cui de’ bellicosi795
Dánai le navi lascerete alfine,
Perfidi Teucri ognor di sangue ingordi.

[p. 25 modifica]

Vi fu poco l’aver, malvagi cani,
Con altra fellonia, con altre offese
Vïolati i miei lari, e del tonante800
Giove ospital sprezzata la tremenda
Ira che un giorno svellerà dal fondo
L’alta vostra città; poco il rapirmi
Una giovine sposa e assai ricchezza
Da nulla ingiuria offesi, anzi a cortese805
Ospizio accolti e accarezzati. Or anco
Desío vi strugge di gittar nel mezzo
Delle navi le fiamme, e degli achivi
Eroi far scempio. Ma verrà chi ponga
Vostro malgrado a furor tanto il freno.810
Giove padre, per certo uomini e Dei
Di saggezza tu vinci, e nondimeno
Da te vien tutto sì nefando eccesso,
Da te de’ Teucri difensor, di questa
Sempre d’oltraggi e d’ingiustizie amica815
Razza iniqua che mai delle rie zuffe
Di Marte non si sbrama. Il cor di tutte
Cose alfin sente sazietà, del sonno,
Della danza, del canto e dell’amore,
Piacer più cari che la guerra; e mai820
Sazi di guerra non saranno i Teucri?
   Tolse l’armi, ciò detto, a quell’estinto
Di sangue asperse; e come in man rimesse
L’ebbe de’ suoi, di nuovo all’inimico
Volse la faccia nelle prime file.825
Fiero l’assalse allor di Piliméne
Il figlio Arpalïon, che il suo diletto
Padre alla guerra accompagnò di Troia
Per non mai più redire al patrio lido.
S’avanzò, fulminò l’asta nel colmo830
Dello scudo d’Atride; e senza effetto

[p. 26 modifica]

Visto il suo colpo, s’arretrò salvando
Fra’ suoi la vita, e d’ogni parte attento
Guatando che nol giunga asta nemica.
Ed ecco dalla man di Merïone835
Una freccia volar che al destro clune
Colse il fuggente, e sotto l’osso accanto
Alla vescica penetrò diritto.
Caduto sul ginocchio egli nel mezzo
De’ cari amici spirando giacea840
Steso al suol come verme, e in larga vena
Il sangue sul terren facea ruscello.
Gli fur dintorno con pietosa cura
I generosi Paflagoni, e lui
Collocato sul carro alla cittade845
Conducean dolorando. Iva con essi
Tutto in lagrime il padre, e dell’ucciso
Figlio nessuna il consolò vendetta.
   Pel morto Arpalïon forte crucciossi
Paride, che cortese ospite l’ebbe850
Fra’ Paflagoni un tempo, e dalla cocca
Sfrenò di ferrea punta una saetta.
Era un certo Euchenór, dell’indovino
Poliíde figliuol, uom prode e ricco
E di Corinto abitator, che appieno855
Del reo suo fato istrutto, avea di Troia
Veleggiato alle rive. A lui sovente
Detto aveva il buon veglio Poliíde
Che d’atro morbo nel paterno tetto,
O di ferro troiano egli morrebbe860
Fra le argoliche navi: e più che morte,
Di tetra infermità l’aspro martíre
E degli Achei lo spregio, egli temette.
Di Paride lo stral colse costui
Sotto l’orecchio alla mascella, e tosto865

[p. 27 modifica]

L’abbandonò la vita, ed un orrendo
Perpetuo buio gli coprì le luci.
   In questa guisa ardea la pugna, e ancora
Il diletto di Giove alto guerriero
Ettore intesa non avea la strage870
Che di sue genti segue alla sinistra
Della battaglia, e che omai piega il volo
La vittoria agli Achei; tale è l’impulso,
Tale il nerbo e l’ardir di che furtivo
Li soccorre Nettunno. A quella parte875
Stavasi Ettorre, ov’egli avea da prima
Le porte a forza superato e il muro,
E rotte degli Achei le dense file.
Ivi d’Aiace e di Protesilao
Coronavan le navi al secco il lido;880
E perchè da quel lato era più basso
Edificato il muro, ivi più forte
De’ cavalli e de’ fanti era la pugna.
Ftii, Beozi, Locresi, e colle lunghe
Lor tuniche gl’Ionii e i chiari Epei885
Ivi eran tutti, e tutti a tener lungi
Dalle navi d’Ettorre la rovina
Opravano le mani; e tanti insieme
A rintuzzar dell’infiammato eroe
Non bastano la furia. Il fior d’Atene890
Stassi alle prime file, ed il Petíde
Menestéo li conduce, aiutatori
Stichio, Fida e Bïante. È degli Epei
Duce Megete e Dracio ed Amfïone;
De’ Ftii Medonte e il pugnator Podarce,895
Podarce nato del Filácio Ifíclo,
Medonte d’Oiléo bastarda prole
E d’Aiace fratel, che dal paterno
Suolo esulando in Fílace abitava,

[p. 28 modifica]

Messo a morte il german della matrigna900
Erïopíde d’Oiléo mogliera.
Degli eletti di Ftia questi alla testa
Giunti ai Beozi difendean le navi.
   Aiace d’Oiléo mai sempre al fianco
Del Telamónio combattea. Siccome905
Due negri buoi d’una medesma voglia
Nella dura maggese il forte aratro
Traggono, e al ceppo delle corna intorno
Largo rompe il sudor, mentre dal solo
Giogo divisi per lo solco eguali910
Stampano i passi, e dietro loro il seno
Si squarcia della terra; a questa immago
Pugnavano congiunti i duo guerrieri.
Molta e gagliarda gioventù seguiva
Il Telamónio; e quando la fatica915
E il sudor lo fiaccava, i suoi compagni
Il grave scudo ne prendean. Ma i Locri,
A cui poco durar solea l’ardire
Nella pugna a piè fermo, d’Oiléo
L’audace figlio non seguían. Costoro920
Non elmi avean d’equino crine ondanti,
Nè tondi scudi, nè frassínee lance,
Ma d’archi solo armati e di ben torte
Lanose fionde ad Ilio il seguitaro,
E da quest’archi e queste fionde in campo925
Scagliavano la morte, e de’ Troiani
Le falangi rompean. Per questo modo,
Mentre gli Aiaci nella prima fronte
Di bell’arme precinti alla ruina
Del fiero Ettór fann’argine, al lor tergo930
Nascosti i Locri saettando sempre
E frombolando, le ordinanze tutte
Turban de’ Teucri omai smarriti e rotti.

[p. 29 modifica]

D’alta strage percossi allora i Troi
Da navi e tende si sarían ritratti935
Al ventoso Ilïon, se non volgea
All’animoso Ettór queste parole
Polidamante: Ettorre, ai saggi avvisi
Tu mal presti l’orecchio. E perchè Giove
Alto ti diede militar favore,940
Vuoi tu forse per questo agli altri ir sopra
Di prudenza e consiglio? Ad un sol tempo
Tutto aver tu non puoi. Di Giove il senno
Largisce a questi la virtù guerriera,
L’arte a quei della danza, ad altri il suono945
E il canto delle muse, ad altri in petto
Pon la saggezza che i mortai governa
E le città conserva; e sánne il prezzo
Chi la possiede. Or io dirò l’avviso
Che mi sembra il miglior. Per tutto, il vedi,950
Ti cinge il fuoco della guerra. I Teucri,
Con magnanimo ardir passato il muro,
Parte coll’armi già dan volta, e parte
Pugnano ancor, ma pochi incontro a molti,
E spersi tutti fra le navi. Or dunque955
Tu ti ritraggi alquanto, e tutti aduna
Qui del campo i migliori, e delle cose
Consultata la somma, si decida
Se delle navi ritentar si debba
L’assalto, ove pur voglia un qualche iddio960
Darne alfin la vittoria, o se più torni
L’abbandonarle illesi. Il cor mi turba
Un timor che non paghi oggi il nemico
Il debito di ieri. In quelle navi
Posa un guerrier terribile, che all’armi965
Per mia credenza desterassi in breve.
   Piacque ad Ettorre il salutar consiglio,

[p. 30 modifica]

E d’un salto gittandosi dal carro
Gridò: Polidamante, i più gagliardi
Tu qui dunque rattien, ch’io là ne vado970
A raddrizzar la pugna, e dato ai nostri
Buon ordine, farò pronto ritorno.
Disse, e ratto partì con elevato
Capo, sembiante ad un’eccelsa rupe,
E volando chiamava alto de’ Teucri975
E delle schiere collegate i duci,
Che tosto, udita dell’eroe la voce,
Alla volta correan del Pantoíde
Polidamante del valore amico.
   Di Dëífobo intanto e del regale980
Eleno e dell’Asïade Adamante
E dell’Irtacid’Asio iva per tutto
Qua e là tra i primi combattenti Ettorre
Dimandando e cercando. Alfin gli avvenne
Di ritrovarli, ma non tutti illesi985
Nè tutti in vita, chè domati alcuni
Dal ferro acheo giacean nanti alle poppe
Cadaveri deformi, altri tra il muro
Languían feriti di diverso colpo.
Dell’orrendo conflitto alla sinistra990
Vide egli poscia della bella Argiva
Lo sposo rapitor che i suoi compagni
Confortava alla pugna. Gli fu sopra,
E acerbe gli tonò queste parole:
   Ahi funesto di donne ingannatore,995
Che di bello non porti altro che il viso,
Dëífobo dov’è? dove son l’armi
D’Eleno, d’Asio, d’Adamante? dove
Otrïonéo? Dal sommo ecco già tutto
Il grand’Ilio precipita, e te pure1000
L’ultimo danno, o sciagurato, aspetta.

[p. 31 modifica]

   E il bel drudo a rincontro: Ettore, a torto
Tu mi rampogni. In altri tempi io forse
Un trascurato mi mostrai, non oggi.
La madre un vile non mi fe’. Dal punto1005
Che il conflitto attaccasti appo le navi,
Da quel punto qui fermo e senza posa
Con gli Achei mi travaglio. I valorosi
Di che tu chiedi, caddero. Due soli
Dëífobo ed Eléno ambi alla mano1010
Feriti si partîr, sottratti a morte
Certo da Giove. Or dove il cor ti dice,
Guidami: io pronto seguirotti, e quanto
Potran mie forze, ti farò, mi spero,
Il mio valor palese. Oltre sua possa,1015
Benchè abbondi il voler, nessuno è forte.
   Piegâr quei detti del fratello il core,
E di conserva entrambi ove più ferve
La mischia s’avvïâr. Pugnano quivi
E Cebrïone e il buon Polidamante1020
E il divin Poliféte e Falce e Ortéo,
E i tre d’Ippozïon gagliardi figli
Palmi, Mori ed Ascanio, dal gleboso
Suol d’Ascania venuti il dì precesso,
E spinti all’armi dal voler de’ numi.1025
Come di venti impetuosi un turbo
Dal tuon di Giove generato piomba
Su la campagna, e con fracasso orrendo
Sovra il mar si diffonde: immensi e spessi
Bollono i flutti di canuta spuma,1030
E con fiero mugghiar l’un l’altro incalza
Al risonante lido: a questa guisa
In ristretti drappelli, e gli uni agli altri
Succedenti i Troiani e scintillanti
Tutti nell’armi ne venían su l’orme1035

[p. 32 modifica]

De’ condottieri, e precorreali Ettorre
Non minor del terribile Gradivo.
Un tessuto di cuoi tondo brocchiero
Di molte piastre rinforzato il prode
Tiensi davanti, ed alle tempie intorno1040
Tutto lampeggia l’agitato elmetto.
Sicuro all’ombra del suo gran pavese
Passo passo ei s’avanza, e d’ogni parte
Forar si studia le nemiche file,
E sgominarle. Ma de’ petti achei1045
Non si turba il coraggio, e mossi Aiace
I larghi passi a provocarlo il primo:
Accóstati, gli disse: e che pretendi
Tu fier spavaldo? sgomentar gli Achivi?
Non siam nell’arte marzïal fanciulli,1050
E chi ne doma non se’ tu, ma Giove
Con funesto flagello. Se le navi
Strugger ti speri, a rintuzzarti pronte
E noi pur anco abbiam le mani, e tutta
Struggeremo noi pria la tua superba1055
Cittade. A te predíco io poi che l’ora
Non è lontana, che tu stesso in fuga
Manderai preghi a Giove e a tutti i Divi
Che sian di penna di sparvier più ratti
I corridori, che, diffuse al vento1060
Le belle chiome, porteranti a Troia
Entro un nembo di polve. - Avea quel fiero
Ciò detto appena, che alla dritta in alto
Un’aquila comparve. Alzâr le grida
Fatti più franchi a quell’augurio i Greci,1065
Ma non fu tardo alla risposta Ettorre:
   Stupida massa di carname, Aiace
Millantator, che parli? Eterno figlio
Così foss’io di Giove e dell’augusta

[p. 33 modifica]

Giuno, e onorato al par di Palla e Febo,1070
Come m’accerto che funesto a tutti
Vi sarà questo giorno: e tu fra’ morti
Tu medesmo cadrai, se di mia lancia
T’avrai l’ardire d’aspettar lo scontro.
Rotto da questa e qui disteso il tuo1075
Vizzo corpaccio di sua pingue polpa
Gli augei di Troia farà sazi e i cani.
   Così detto, s’avanza, e con immenso
Urlo animosi gli van dopo i Teucri.
Dall’altro lato memori gli Achivi1080
Della virtù guerriera, e del più scelto
Fiore di Troia intrepidi all’assalto,
Misero anch’essi un alto grido; e d’ambi
Gli eserciti il clamor fería le stelle
E i raggianti di Giove almi soggiorni.1085