L’erede fortunata/Appendice

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Appendice

../Atto III ../Notizia storica IncludiIntestazione 25 giugno 2019 25% Da definire

Atto III Notizia storica

[p. 607 modifica] APPENDICE.

Dall’edizione Bettinelli di Venezia. [p. 608 modifica] [p. 609 modifica]

ATTO PRIMO.

SCENA I.

Pantalone. Sior Dottor, adesso se lezerà el testamento del quondam sior Petronio vostro fradello, e se vu sarè l’erede, o se vu sarè el tutor de Rosaura so fia, son pronto a darve tutto, fina in t’un bezzo. L’ è morto in casa mia, ma l’ è morto in casa de un galantomo. Semo stai compagni de negozio, e s’avemo voleste ben come do fradei. Ghe son sta fedel in vita, ghe sarò fedel anca dopo morte; e me schioppa el cuor, co penso che missier Giove m’ha porta via la cossa più cara che gh’aveva a sto mondo. Sior nodaro, l’averza el testamento e la leza. Anemo, sior nodaro, che la ne cava tutti de pena. (Povero missier Petronio, el me fa pianzer dall’allegrezza), (da sé (Siora Rosaura no la vorrà perder la so fortuna). (da sé Pantalone, Sior Dottor, ave sentio. Per adesso no ghe xe gnente per vu.

Dottore. Se non ci è niente per ora, ve ne sarà col tempo, (s’alza)

Pantalone. Poi esser sì, e poi esser no.

Dottore. Son Dottore, son legale, e tanto basta.

Pantalone. Le vostre cabale no le me fa paura.

Florindo. Se Rosaura non prende me per marito, se ne pentirà assolutamente.

Pantalone. La defenderò a costo del mio sangue.

Florindo. Consumerete inutilmente tutte le sue facoltà.

Dottore. Gli faremo dare un economo. [p. 610 modifica]

Pantalone. A Pantalon un economo? In Piazza son cognossù. Se ghe sarà sospetto della mia amministrazion, ve darò tutto Rialto per sigurtà.

Pantalone. Brighella, vu, che si ben che se servitor, gh’ave più giudizio dei vostri paroni, illumineli, e feghe cognosser in che inganno che i xe. Arrecordeve che sé sta arlevà in casa mia, e che el ben che gh’ave, lo dovè recognosser da mi.

Brighella. So el debito mio. No son de quei servitori, che gh’ha per vanagloria de spuar in quella scuella, dove che i ha bevù. Son sta arlevà in casa soa, e la m’ha fatto del ben. E vero che son in obbligo de obbedir quei che me dà el salario. Ma a logo e tempo, me recorderò del mio primo padron, e invece (•) de alimentar sto fogo, procurerò de buttarghe dell’acqua. (parte)

Pantalone. La rason me defende: la lezze me assiste: la giustizia no me poderà abbandonar. Grazie al cielo, semo a Venezia. Qua le cabale non le fa colpo; le busie no le se ascolta; le prepotenze no le vai gnente. Sior nodaro, la vegna ancuo ai mio mezza, che la sarà sodisfada.

SCENA II.


Pantalone. Fio mio, cossa distu de sta fortuna de casa nostra? Sior Petronio obbligando Rosaura a sposarme mi, el me lassa erede de tutto el suo. Se avesse dovesto separar la so parte dalla mia, e dar a Rosaura la porzion de so pare, per nu altri el giera un tracollo. No xe tutto oro quel che luse. Gh’avemo un gran credito; gh’avemo dei gran capitali, ma gh’avemo anca dei debiti. Cussi nissun sa i fatti nostri, se tira avanti el negozio, continua l’istesso nome, e se fa l’istessa figura. Ma cossa fastu, che no ti parli? Ti vardi el cielo e ti sospiri? Te dispiase che to pare abbia abuo sta fortuna? Gh’astu forsi paura che maridandome mi, no ghe pensa a maridarte ti? No, Ot(I) Te»lo: invaze. [p. 611 modifica] tavio, no te dubitar; ti sa quanto ben che te voggio; penso a ti più che a mi medesimo, e se passo alle segonde nozze, lo fazzo strascina per forza, più tosto per meggiorar la to condizion, che per sodisfar el mio genio. Cerchete una putta savia e da par too. Te la darò volentiera. Se ti voi esser paron, te farò paron. Manderò fora de casa quel ganimede de Lelio mio zenero, e quella matta de mia fia, zelosa de quel bel fusto. Se anca Rosaura, to maregna, te darà suggizion, me retirerò con eia in campagna e te lasserò in libertà. Cossa vustu de più? To pare cossa porlo far de più per ti? Via, fio mio, via, Ottavio, consòleme, fatte veder aliegro, corrispondi con amor al to povero pare, che sparzerave per ti anca el sangue delle so vene. Ma da cossa procede mai sta malinconia? Qualche causa ti gh’averà. So che no ti xe de temperamento malinconico. T’ho visto per el passa aliegro e gioial. Ti sa che ti gieri l’unica mia conversazion, e che me compiaseva tanto delle to lepidezze, che stava le ore a gòderte come una morosa. Perchè t’hastu da un momento all’altro cussi scambia? Ah Ottavio, recordete che tutti i estremi i deventa viziosi. Pensar alla morte xe ben, ma pensarghe in sta maniera xe mal. Chi gh’ha tanta paura della morte, fa conoscer che l’ama troppo la vita. Pensa a viver ben, se ti vuol morir ben; lassa andar la malinconia, applica ai to interessi: tiote qualche onesto piaser; Ma obbedisci to pare; e no te lassar chiappar dalla passion. Mi son tanto più vecchio de ti. Ho da morir avanti de ti; anzi poco più posso viver, e pur no me voi travaggiar, e vivo da omo onesto, per morir da omo contento. Fio mio, sta aliegro, dame sta consolazion; e pò disponi de mi, della casa, del negozio, de tutto, che te fazzo paron. (Gran amor xe r amor del pare), (da se) Tiò, che te lo dago de cuor. (gli dà un bacio e parte

[p. 612 modifica]

SCENA XI.


Pantalone. Coss’ è, fio mio, cossa fastu qua?

Ottavio. Stavo consolando la signora Rosaura, che piange amaramente la morte del suo genitore.

Pantalone. Ma ti ti la puoi consolar poco, che ti xe malinconico più de eia.

Ottavio. È più facile consolare altrui, che se stesso.

Pantalone. (Dime, sala gnente del testamento?) (in disparte)

Ottavio. (Sa tutto. Io l’ho avvisata).

Pantalone. (Sala che mi ho da esser so mario?)

Ottavio. (Anco questo le ho detto).

Pantalone. (Come l’intendela?)

Ottavio. (Si è mostrata rassegnatissima).

Pantalone. (Disela che sia troppo vecchio?)

Ottavio. (Non l’ho sentita dolersi di ciò!)

Pantalone. (Sastu che la gh’abbia nessun amoretto?)

Ottavio. (Io non so i fatti suoi. Signor padre, vi riverisco), (parte)

Pantalone. (Oh caro! La luna ha fatto el tondo. Adesso mo bisogna che studia un poco de rettorica per persuader sta putta a no dir de no. Una volta in mar de Cupido navegava col vento in poppe, ma adesso ho sbassa le vele, ho perso el timon, e se voggio chiappar porto, bisogna che me fazza strascinar dcJ remurchio). (da sé)

Rosaura. (Oh Dio! in qual cimento mi trovo). (piange)

Pantalone. Pia mia, basta cussi, no pianzè più. Vostro sior pare, bona memoria, una volta o l’altra l’aveva da morir. Compatisso el vostro dolor, ma finalmente podè consolarve che el v’ha lassa tutto, che sarè una donna piuttosto ricca, e che se ave perso un pare che ve voleva ben, gh’avere un mario che ve adorerà.

Rosaura. (Sospira.)

Pantalone. Sto sospiro cossa mai vorlo dir? Pianzeu el pare che ave perso, o el mario che ave acquista? Cara la mia putta, diseme la verità, sareu contenta de tiorme mi? Ve degneu de sto povero vecchio? Sentì, fia mia, chi sposa un [p. 613 modifica] vecchio poi pentirse per un capo solo, ma chi sposa un zovene poi pentirse per cento capi.

Rosaura. Signor Pantalone, per carità, lasciatemi in quiete; nel giorno in cui è morto il mio genitore, non ho animo per sentirmi parlar di nozze.

Pantalone. Disè ben, gh’ave rason; ma no veggio che ve lasse chiappar tanto dalla malinconia. Voggio che stemo aliegri, e voggio ch’el nome de sposa ve fazza passar el travaggio de fia. Vedere chi son, vedere se saverò contentarve. No credè che ve voggia far andar all’antiga. Si ben che son vecchio, son anca mi de bon gusto. Ve farò tutto quel che volè. Sentì, colonna cara, no gh’abbiè paura che ve voggia tegnir in casa serrada. No son nemigo delle conversazion...

Rosaura. Signore, voi credete di consolarmi, e mi tormentate.

Pantalone. Ve songio forsi odioso? Ve fazzio fastidio? No me volè? Parleme con libertà.

Rosaura. Per ora il mio cordoglio non mi lascia in libertà di spiegarvi i miei sentimenti.

Pantalone. Via, lasserò che pianzè, lasserò che sfoghè la vostra passion. Tornerò da vu avanti sera; ma arrecordeve, che drento d’ancuo ave da darme qualche bona risposta. Pensè ai casi vostri, arrecordeve che sposandome mi, se parona de tutto, che no tiolendome mi, ave perso tutto. Conseggieve colla vostra prudenza. Penseghe ben, e considerè che chi ve parla ve ama, ve stima, desidera el vostro ben, ve offerisse assistenza, e ve dona el cuor. Sì, cara, el ve dona el cuor.

SCENA XIII.


Brighella. Digo che l’ha fatto mal, perchè finalmente eia xe fio de una so sorella, e noi l’aveva da privar dell’eredità. Ma la siora Rosaura corrispondela all’amor de vussioria? [p. 614 modifica] L’ è una mala cossa el far l’amor da so posta, co no se xe seguri della corrispondenza. La me perdona, questi i è remedi troppo violenti, che i podaria precipitar el sior Pantalon, e anca eia in tei istesso tempo. Finalmente el povero galantomo l’ha procura el so interesse...

Brighella. Mi no gh’ho nissuna passion per el sior Pantalon; parlo per eia, e no vorave vederlo precipita e senza frutto. Cossa ghe gioverave far de tutto per conseguir la siora Rosaura, quando pò eia no l’acconsentisse a esser so muggier.

Florindo. Perchè ha da ricusarmi? Ho io difetti tali, che meritino una repulsa?

Brighella. No digo questo; ma la sa cossa che xe le donne, capricciose e bizzarre. Vedendo che per averla vussioria usa delle violenze, la se poderia ustinar, e dir no lo voggio.

Florindo. Dunque che mi consigli di fare?

Brighella. Mi diria, procurar de parlar con eia; assicurarse del so amor, e pò penseremo.

Brighella. Vedela? cussi va ben. Questo se chiama operar con giudizio.

Florindo. Ora pensar conviene al modo di poterle parlare.

Brighella. Bisognerà aspettar qualche congiuntura. Sta notte? Come vorla far? Ma no vorria che nascesse per causa mia...

Brighella. No, no la fazza, per amor del cielo.

Florindo. O fammi parlar con Rosaura, o io farò delle pazze risoluzioni. [p. 615 modifica]

Brighella. Via, la vorrò contentar. Arlecchin ha da esser mio cugnà. Spero che el me farà sto servizio. Vedo averzer la porta. La se retira, e la me lassa far a mi.

Florindo. Opera a dovere, se ti preme la tua e la mia vita, (parte

SCENA XIV.


Brighella. Ho piaser d’aver ripara al pericolo del sior Pantalon. El xe sta el mio padron, el m’ha fatto dei benefizi, e no me li posso scordar. Son obbliga servir chi me paga, ma sin a un certo segno; procurar de contentarlo, contribuir alle so soddisfazion, ma dentro i limiti, senza precipizi e senza arrischiar la vita de nissun. Cussi ha da far un servitor fedel, un omo onorato e cussi... Ma vien Arlecchin fora de casa; el capita giusto a tempo; me valere de lu.

Arlecchino. Cossa diavolo fa sta femena, che no la vien?

Brighella. Cugnado, te saludo.

Arlecchino. Co ti me dis cugnà, ti me consoli, ma gh’ho paura...

Brighella. Niente, te l’ho promesso, mia sorella sarà to muier. Vien co mi, che t’ho da parlar.

Arlecchino. Caro cugnà, no posso vegnir.

Brighella. Perchè non pustu vegnir?

Arlecchino. Perchè aspetto Colombina to sorella, che l’è fora de cà, e me preme de vederla, e ghe voi parlar.

Brighella. Ti ghe parlerà un’altra volta. Andemo.

Arlecchino. M’ è vegnù in mente una cossa; se no ghe la digo subito, me la scordo.

Brighella. Coss’ èia sta gran cossa?

Arlecchino. L’ è, che voi dirghe quando la se destriga de torme per mari.

Brighella. Eh, ti ghel dirà un’altra volta.

Arlecchino. Bisogna che ghel diga adesso.

Brighella. Mo perchè adesso?

Arlecchino. Perchè me sento inasinido per el matrimonio.

Brighella. Via, andemo; ghe parlerò mi.

Arlecchino. Mo sior no; voi far mi. [p. 616 modifica]

Brighella. Vien via, che t’ho da parlar.

Arlecchino. Làsseme concluder con to sorella, e pò ti me parlerà.

Brighella. Te prometto che in sta zomada mia sorella sarà to muier.

Arlecchino. Varda come che ti te impegni!

Brighella. Te lo prometto.

Arlecchino. Varda che ti ghe penserà ti.

Brighella. Son galantomo; co prometto, no manco. Ma anca ti ti ha da far una cossa per mi.

Arlecchino. Man’deme, e farò tutto quel che ti voi.

Brighella. Andemo; qua in pubblico no te voio parlar.

Arlecchino. Son con ti, ma... arrecordete. No posso più.

SCENA XV.


Arlecchino. Cugnà, no vegno altro.

Brighella. Perchè?

Arlecchino. La calamita me tira de qua. (accenna Colombina)

Brighella. Andemo. Ghe parlerò.

Arlecchino. Parleghe e pò vegnirò.

Brighella. (L’ è meio che me destriga), (da se) Sorella, ve reverisso.

Colombina. Buon giorno, fratello.

Arlecchino. (Via, da bravo, aspetto la risposta), (piano a Brighella)

Brighella. (Quando femio sto matrimonio con Arlecchin?) (piano a Colombina)

Colombina. (Mai).

Brighella. Come!...

Arlecchino. (Cossa hala dito). (piano a Brighella)

Brighella. (Che no la vede l’ora), (piano a Arlecchino) (Gh’ave pur promesso). (piano a Colombina)

Colombina. (Non lo posso vedere). (piano a Brighella)

Arlecchino. (Me vorla ben?) (piano a Brighella)

Brighella. (La ve adora), (piano ad Arlecchino) (Donca no lo voli sposar?) (piano a Colombina)

Colombina. (No, assolutamente). (piano a Brighella [p. 617 modifica]

Brighella. (Son vostro fradello, e m’am da obbedir). (piano a Colombina)

Colombina. (Caro signor fratello, non vi stimo un corno). (piano a Brighella)

Arlecchino. (Cossa disela ì) (piano a Brighella)

Brighella. (Parlemo della dota). (piano ad Arlecchino)

Arlecchino. Via, concludemo.

Brighella. Animo, destrighemose.

Colombina. M’avete inteso?

Brighella. Avi stabilido cussi )

Colombina. Così senz’altro.

Arlecchino. Via, quando l’ha stabilido cussi, sarà cussi.

Brighella. Saiì contento? (ad Arlecchino)

Arlecchino. Contentissimo.

Brighella. E VU? (a Colombina)

Colombina. Arcicontenta.

Brighella. Me ne rallegro.

Arlecchino. Me ne consolo.

Colombina. La riverisco. (entra in casa)

Arlecchino. Cugnà, andemo? Te son obbligado. Va là che ti è un omo de garbo. (parte)

Brighella. Adesso che ti è maridà, ti sta ben. (parte

SCENA XXI.


Pantalone. E1 cielo ne delibera, che la fusse una de quelle che parla. Cossa averavela mai podesto dir de più? Rosaura fa l’amor co mio zenero? La ghe tende, si ben che l’ è maridà? Adesso capisse perchè con tanta freddezza la parla con mi, e perchè la gh’ha difficoltà a accettarme per so mano. Bisogna che la sia incocalia per colù. No la sarà ve la prima putta, che avesse dà in t’una debolezza de sta natura. Ma mi ghe remedierò. Beatrice dise ben. Lelio fora de casa. Ma stimo quella cara siora Rosaura. Credeva che la pianzesse per le morto, e la suspirava per el vivo. No so cossa dir. No se [p. 618 modifica] sa più a chi creder. El mondo xe pien de busie, pien de inganni. Ma! hoggio da creder tutto? Sior no. Bisogna vegnir in chiaro della verità. L’omo che gh’ha giudizio, noi precipita le resoluzion. El ghe pensa, el se sodisfa, e pò el resolve. Cussi farò anca mi. Penserò, osserverò, e a logo e tempo, con prudenza e senza caldo, risolverò. (parie

[p. 619 modifica]

ATTO SECONDO.

SCENA II.


Pantalone. (Za che la xe sola, veggio veder de scavar se xe vero che la sia incapricciada in quel matto de Lelio). (</a sé)

Rosaura. (Ahimè! questo vecchio mi porta la fatai nuova della mia morte). (da sé)

Pantalone. Siora Rosaura, el tempo passa, el Dottor, vostro barba, e Florindo, vostro zerman, i fa el diavolo contro de vu. Bisogna resolver; bisogna che parie chiaro. Mi no voggio lite, no voggio sta sorte de desgrazie in casa mia. Donca spieghè liberamente el vostro pensier, diseme se me volè per mano.

Rosaura. Ah, signor Pantalone, voi ponete in un gran cimento il mio cuore.

Pantalone. Orsù, me basta cussi. Se el respetto, che gh’avè per mi, ve trattien de dirme liberamente che no me volè, el vostro suspirar e el vostro responder in zergo me fa cognosser la vostra volontae. Per forza no ve voggio. Non son cussi matto de tiorme una bissa in sen. Ve lasso in te la vostra libertà. Sodisfè el vostro genio, che gh’ave rason. Ma domattina parecchieve de andar fuora de casa mia.

Rosaura. Oh Dio! Voi mi avete trafìtto il seno. Perchè uscir devo di casa vostra? Perchè mi discacciate sì crudelmente da voi?

Pantalone. Perchè non voggio litigar coi vostri parenti.

Rosaura. Non siete voi il mio tutore?

Pantalone. Pia mia, no ve voi far la guardia; o mano, o gnente.

Rosaura. (Sempre più si peggiora il mio stato). (da sé)

Pantalone. Podè metter insieme la vostra roba. Mi anderò a avvisar el Dottor, che el ve vegna a ricever.

Rosaura. Non sarà mai vero, ch’io parta viva di casa vostra.

Pantalone. In casa mia ghe xe fursi queJche segreta calamita, che tira el vostro cuor?

Rosaura. Per amor del cielo, non mi date maggior tormento. [p. 620 modifica]

Pantalone. Via, via, v’ho capio. So tutto, e adesso intendo perchè ve piase la casa, e no ve piase el paron.

Rosaura. Signore, voi vi potete ingannare.

Pantalone. No m’inganno; son omo avanza in etae, e so el viver del mondo. Compatisso la vostra disgrazia. Pur troppo gh’ho rimorso d’esser sta causa mi de sto desordene. L’occasion v’ha fatto prevaricar. La zoventù no sta ben insieme, Vu se de buon cuor. Colù xe matto. No me maraveggio se se cascada. Ma cara fia, bisogna regolarse colla prudenza. Finche ghe xe tempo, bisogna remediarghe. Dise el proverbio: lontananza ogni gran piaga sana. O andè via vu, o per farve servizio, lo manderò via de casa.

Pantalone. Cossa diavolo diseu? Seu matta? Volè che mi trova r espediente de farve star unita con un omo maridà?

Rosaura. Come? ha moglie?

Pantalone. Me par de sì.

Rosaura. Dov’è questa sua moglie? (Traditore? Infedele! Così mi deride?) (da sé)

Pantalone. (L’amor gh’ha fatto dar volta al cervello). (Ja sé)

Rosaura. Ora intendo perchè mi consigliava a sposar voi quelr indegno.

Pantalone. El ve conseggiava a sposarme mi?

Rosaura. E con tutta l’efficacia del di lui spirito.

Pantalone. Sì ben, el fava per strenzer la parentela.

Rosaura. Ah signor Pantalone, non mi credeva mai trovare un carnefice nel vostro sangue.

Pantalone. Colù noi xe miga del mio sangue.

Rosaura. Come! non è vostro figlio?

Pantalone. Oh giusto! El xe mio zenero; noi xe mio fio.

Rosaura. Ottavio non è vostro figlio?

Pantalone. Ottavio xe mio fio. [p. 621 modifica]

Rosaura. Perchè dite dunque che è vostro genero?

Pantalone. (Poveretta, la zavaria). (da sé) Digo che Lelio xe mio zenero.

Rosaura. Come e’entra il signor Lelio in questo discorso?

Pantalone. Oh bella! No seu innamorada de elo?

Rosaura. Io? II ciel mi liberi. Lelio ha per moglie Beatrice.

Pantalone. Donca de chi avemio parla fin adesso?

Rosaura. Voi parlaste di Lelio?

Pantalone. Sì ben, de quel matto. E vu de chi v’intendevi? Eh via, spiegheve meggio. Parleme con libertà, se mai fussi innamorada...

SCENA Ili.

Pantalone solo. Sentì, vegnì qua. Sì! la va come el vento. Adesso ho capio. Adesso ho scoverto tutto. La xe innamorada de Ottavio, e Ottavio gh’ha dà la parola de tiorla. E a mi noi me dise gnente? E a mi noi me lo confida? Ah poverazzo! Tutto effetto del so bon cuor e del respetto ch’el gh’ha per mi. El la conseggia a sposarme, e fursi el se tormenta per causa mia. Adesso cognosso cossa che xe quella malinconia che lo desconisse. L’ è confuso tra l’amor de Rosaura e la paura de desgustarme! E mi gh’averò cuor de tormentar un fio che me voi tanto ben? Lu el sa venzer la so passion, e mi no saverò superar l’interesse? Sì ben, vaga tutto, ma se salva un fio che gh’ha la virtù de amar la quiete del pare, più delle proprie sodisfazion. Velo qua chel vien. Giove, te ringrazio, che ho scoverto la verità. Ghe cederò la sposa, ghe renonzierò la casa, ghe darò anca el mio cuor.

[p. 622 modifica]

SCENA IV.


Pantalone. Ottavio, no te voggio più veder imusonà. No veggio che ti staghi più malinconico. Xe tempo d’allegria; voggio che ti staghi aliegro anca ti.

Ottavio. Che bella occasione ci dà motivo di giubilo?

Pantalone. Nozze, fio mio, nozze. Bisogna buttar da banda la paturnia e far onor a missier Cupido.

Pantalone. Ma non son miga mi el novizzo.

Ottavio. Dunque molto meno averò motivo di rallegrarmi.

Pantalone. Anzi ti te doverà consolar assae più.

Ottavio. Ma perchè?

Pantalone. Perchè el sposo ti sarà ti.

Ottavio. Io! Perdonatemi, non sono in caso di prender moglie.

Pantalone. Co ti saverà chi xe la novizza, no ti dirà cussi.

Ottavio. Chi mai mi avevate destinato?

Pantalone. Indivinela, caro ti.

Ottavio. Non me lo saprei immaginare.

Pantalone. Una che te vuol ben.

Ottavio. Non è così facile il ritrovarla.

Pantalone. Che ti ghe vuol ben anca ti.

Ottavio. E quasi impossibile.

Pantalone. Ottavio, to pare te stima, te ama e fa conto de ti più de quello che ti te pensi. Me doverave lamentar de mio fio, che fidandose poco del mio affetto, no me confida i segreti del so cuor; ma dono tutto all’azion eroica, che ti gieri disposto de far. Ottavio, fio mio, consolete, Rosaura sarà to muggier.

Ottavio. (Che colpo inaspettato è mai questo!) (da se) Come! La signora Rosaura mia moglie? Ed ella acconsente?

Pantalone. No la vede l’ora.

Ottavio. E voi la rinunziate? [p. 623 modifica]

Pantalone. Cossa no faravio per ti? Renonzierave anca la vita.

Ottavio. E la sua eredità?

Pantalone. A ella no gh’importa. Mi, co se tratta de contentarte, no ghe penso. Val più la to vita che cento eredità. Rosaura stima più le to nozze de qual se sia ricchezza. No, Ottavio, no ti farà gnente. Rosaura sarà to muggier.

Pantalone. Dime, caro ti, a Rosaura ghe vustu ben?

Ottavio. L’amo quanto me stesso.

Pantalone. Donca Rosaura sarà to muggier. (parie

SCENA V.


Brighella. T’arrecorderastu ben? Via, da bravo, fa el servizio come el va fatto.

Brighella. Fidete (che ti sta fresco). (da sé)

Arlecchino. Se no sposo Colombina, ti ghe penserà ti.

Brighella. Mo no me tormentar. Fa quel che t’ho dito e ti sarà consola.

Arlecchino. Cugnà, arrevederse.

Brighella. Bon zomo. Arrecordete, sa?

Arlecchino. Sì, me recordo. (in atto di partire)

Brighella. A mezz’ora de notte.

Arlecchino. A mezz’ora de notte? (si ferma)

Brighella. Sì; poco ghe manca.

Arlecchino. Cossa hoio da far a mezz’ora?

Brighella. Oh bella, introdur el signor Florindo; no ti t’arrecordi?

Arlecchino. Sì, adesso me l’anecordo... Dove l’hoio da introdur? [p. 624 modifica]

Brighella. Ah, no ti t’arrecordi più de gnente! In casa del to padron, e ti ha da procurar...

Arlecchino. Via, adesso so tutto... Cossa hoio da procurar?

Brighella. Pezzo d’alocco, senza giudizio e senza memoria. Vien qua, te lo dirò un’altra volta. E se ti voi sposar mia sorella, ficchete ben in memoria quel che voio da ti.

Brighella. Stassera ti lasserà averta la porta della riva...

Arlecchino. Qual eia mo la porta della riva?

Brighella. Gnancora no ti lo sa? Quella del canal. Per de là, a mezz’ora de notte, intrerà el sior Florindo, e ti... No, bestia, fermete; el to padron non ha da saver gnente. Ho dito che el padron no l’ha da saver.

Brighella. Oh, che matto! Alle curte, a mezz’ora de notte ti ha da introdur per la porta della riva sior Florindo, e ti l’ha da condur nelle camere de siora Rosaura...

Arlecchino. L’hoio da aspettar?

Brighella. Siguro. Bisogna che ti l’aspetti in intrada.

Arlecchino. Ben, e col vegnirà, ghe farò lume col torzo.

Brighella. Oh, che strambazzo! Bisogna che ti l’introdusi a scuro.

Arlecchino. A scuro? Se romperemo el muso.

Brighella. Adessadesso te lo rompo a ti.

Brighella. Basta; ti m’ha inteso. Ti ha da condur sior Florindo a scuro in camera de siora Rosaura.

Arlecchino. Ho capido. [p. 625 modifica]

Brighella. Farastu pulito?

Arlecchino. Cugnà, no te dubitar.

Brighella. Fallerastu?

Arlecchino. Cugnà, no gh’ è dubbio.

Brighella. Da bravo. Fatte onor.

Arlecchino. Arrevederse, cugnà.

Brighella. Addio, Arlecchin.

Arlecchino. Mo per cossa no me distu cugnà?

Brighella. Ti me l’ha dito ti tante volte, che sta parola la m’ha de botto secca.

Arlecchino. Vago via, cugnà.

Brighella. Schiavo..,

Arlecchino. Cugnà.

Brighella. Quel che ti vuol.

Arlecchino. Caro ti, fame un servizio.

Brighella. Cossa vustu?

Arlecchino. Dime cugnà.

Brighella. (E1 me fa da rider), (da se) Te saludo, cugnà.

SCENA VII.


Pantalone. Debotto xe sera; xe ora che vaga a casa a concluder sto negozio... (Ma ecco qua el sior avvocato delle cause perse). (da sé)

Dottore. (Ecco qui il signor mercante da’ fichi secchi), (da sé)

Pantalone. (Oh che caro dottor senza dottrina!) (da sé)

Dottore. Servitor suo, signore sposo.

Pantalone. Schiavo devotissimo, sior erede. Oh presto, presto: ma co le se farà, la sarà awisada. Spero che la me favorirà d’onorarme de vegnir a bever un sorbetto. (con ironia [p. 626 modifica] Ho paura che quel vin el voggia deventar aseo. Se no gh’avè altro da magnar, volè zunar per un pezzo.

Pantalone. Mi per sposar Rosaura son troppo vecchio, ma vu per farme star se ancora troppo zovene.

Dottore. Volete una sposa da par vostro? Sposate la morte.

Pantalone. Voleu un’eredità segondo el vostro merito? Reccomandeve alle vostre cabale.

Dottore. Io sono un avvocato che vi farà tremare.

Pantalone. Sé un omo che fa paura? Podè andar in campagna a far paura alle passere.

Dottore. Voi siete una figura da gira arrosto.

Pantalone. Sior Dottor, bondi a vussustrissima; la me compatissa: ho burlao.

Dottore. Se lei ha burlato, a me non me n’importa, (con caricatura)

Pantalone. Oh che Dottor marmotta!

Dottore. Oh che Pantalone ignorante! Domani la discorreremo.

Pantalone. Sior sì, doman, e quando che la voi.

Dottore. Vi farò vedere chi sono.

Pantalone. Tolè.

Pantalone. Me despiase che no intendo; che ghe vorave responder per le rime. Dottor cagadonao... Ma vien sera, voio andar in casa a destrigarme co sto mio fio. Assolutamente voi far sto matrimonio, e pò cossa sarà? Perderemo l’eredità? Sior dottor Balanzoni trionferalo? Me burleralo? Chi sa? Poi anca esser de no. No son tanto indrio colle scritture; no son tanto miserabile de cervello, che no sappia trovar un repiego. Quel che me preme, xe la vita del fio. Per el resto ghe penseremo.

[p. 627 modifica]

SCENA IX.

PA^^■ALONE. Senti, o ti ha da far a modo mio, o ti sarà causa che me darò anca mi alla desperazion. Veggio che ti sposi Rosaura.

Pantalone. Cossa m’importa a mi d’esser ricco, se la mia ricchezza poi esser causa della morte del mio caro fio? 1 pari no i gh’ha altro ben a sto mondo, che el ben delle so creature. Ti xe el mio sangue, te veggio consolar, ancora a despetto della to ostinazion. Aspetteme qua. Vago a tior Rosaura, e su do pie voggio che ti ghe tocchi la man.

Ottavio. Ma io certamente...

Pantalone. Tasi là. Se no ti gh’ha premura per ti, abbi respetto per mi. Se no ti voi farlo per amor, falò per ubbidienza. La vertìi d’un fio consiste sora de tutto in tei obbedir a so pare. Se ti continui a esser ustinà, la to virtù deventa viziosa, e invece de obbligarme a volerle ben, te sarò el mazor nemigo che ti gh’abbi a sto mondo. Dise el proverbio: per strada se drezza soma; mettete in viazo cusì alla meggio co sta polledrina amorosa, e se te par che adesso la vaga zoppegando, co la sarà to muggier, ti la farà marchiar de galoppo. (parte

SCENA XIV.


Pantalone. Cossa halo da spiegar, se noi sa cossa diavolo che el se diga?

Florindo. (La semplicità di costui mi ha giovato infinitamente), (parte)

Pantalone. Orsù, doman la discorreremo meggio. Sior Florindo, contenteve de andar fuora de sta casa. Finalmente, se fusse anca vero che Rosaura v’avesse fatto vegnir, questa la xe casa [p. 628 modifica] mia, e mi son l’offeso. Per adesso no digo altro; andè, che se parleremo. Sior no, la ringrazio infinitamente. Doman la discorreremo.

Pantalone. Tasè là, siora. Pur troppo gh’ho rason de dubitar. No ve condanno gnancora assolutamente, ma son un pezzo avanti per crederve una bronza coverta.

Rosaura. Mi meraviglio, io non son capace...

Pantalone. Tasè là, sé donna, e tanta basta. (parte

[p. 629 modifica]

ATTO TERZO.

SCENA 1.


Brighella. Come! Sior Florindo ha avudo l’ardir de far un’azion cussi cattiva? Questi no i è stadi i nostri patti. L’ho introdotto in casa per ben, e no per mal; per far meggio, e no per far pezo. Ho procura che el parla co siora Rosaura per disingannarse, se no la ghe corrisponde, acciò reconossendo da eia la so desgrazia, el lassasse de aspirar alla morte o alla rovina de sior Pantalon. Alla fameggia Bisognosi ghe voggio ben; son sta arlevà da putelo dal sior Pantalon, e me son cava de casa soa per un capriccio de gnente, e non ostante i m’ha sempre fatto del ben; adesso vedo l’error che ho fatto, benché senza malizia: me ne pento con tutto el cuor, e spero che Giove me darà el contento de remediar i errori della mia ignoranza col studio della mia sagacità. (parte

SCENA IX.

BrighelL-A. (Ecco el sior Dottor. L’ è tempo adesso de piantar la carota). (da sé)

Brighella. Sior padron, giusto eia andava cercando.

Dottore. Buone nuove?

Brighella. Cattive.

Dottore. Già me l’immaginavo. Farò io, farò io.

Brighella. Prima de far, bisogna pensarghe.

Brighella. L’ha parla.

Dottore. Dice di non volerlo? [p. 630 modifica]

Brighella. Circa a questo, l’ è un pastizzo che va poco ben; ma gh’ è de pezzo.

Dottore. Cosa v’ è?

Brighella. La ditta o sia la ragion Bisognosi e Balanzoni, l’ è sul momento de dover fallir.

Dottore. Oh diavolo! Come lo sai?

Brighella. Conossela el sior Pancreizio Ragusi?

Dottore. Lo conosco, è un mercante di credito.

Brighella. El so complimentario l’ è un mio paesan, amigo e patron da tanti anni, che s’avemo conossìi ragazzi. El m’ha confida in segretezza, che da più lettere vien avvisa el so principal del fallimento de sta ditta, onde l’è andà in sto momento a trovar un fante, per far bollar e sequestrar al sior Pantalon per un credito de diese mille ducati. La senta. Ho dubita anca mi; me dispiaseria infenitamente sto caso, no per sior Pantalon, ma per eia. Sala cossa che ho fatto? Son andà alla posta. Ho domanda se gh’era lettere dirette alla ditta Bisognosi e Balanzoni; ghe n’era tre; quei de la posta i me conosse, i sa che son servitor dei parenti, i sa che son un galantomo, i m’ha dà le lettere, e le gh’ho qua.

Dottore. Cosa pensi fare di quelle lettere?

Brighella. Me giera quasi vegnù tentazion de avrirle e de lezzerle, per venir in chiaro della verità. Ma ho pò pensa che a mi no me convien; ghe le porto a sior Pantalon, e da lu sentiremo...

Dottore. Ma Pantalone... potrebbe occultarle. Lasciale vedere a me.

Brighella. Vorla forse avrirle?

Dottore. Sì, può essere che si rilevi ogni cosa.

Brighella. No vorria mo...

Dottore. Cosa temi? Leggiamole, e poi gliele daremo.

Brighella. El se ne accorzerà che le sarà stade averte.

Dottore. Proviamo, se si possono aprire con cautela.

Brighella. No so cossa dir; vussioria è el padron; quel che [p. 631 modifica] ho fatto, l’ho fatto unicamente per eia. Queste le son tre lettere; la fazza quel che la voi. (gli dà tre lettere (Credo anca mi; l’ è bollada a posta). (</a aè Cossa disela? Se ghe digo; l’ è un fallimento terribile. Poverazzo! El va a cercar la limosina.

Brighella. E adesso i creditori de Venezia i salterà su, e i ghe porterà via el resto.

Dottore. E Rosaura resterà miserabile.

Brighella. Se sior Florindo la sposa, el sta fresco.

Dottore. Oh, mio nipote non la sposerà.

Brighella. Za el lo fava per la dote, più che per cmior.

Brighella. De ste lettere, per amor del cielo, no la diga gnente.

Dottore. Non dubitare. Le terrò celate.

Brighella. Bisognerà che le boUemo, e che le demo a sior Pant2don.

Brighella. Qualche bella cessa, degna del so spirito.

Dottore. Andiamo dal signor Pantcìlone.

Brighella. La varda che noi ghe fazza qualche malagrazia. La sarà servida. Farò le cosse pulito. [p. 632 modifica]

Brighella. Sarà per so grazia, non per mio merito.

Dottore. Via, non perder tempo.

Brighella. Vado subito. (La cossa la va ben, che no la poi andar melo). (entra in casa di Pantalone

SCENA XIII.

Pa>4TALONE. Com’eia, patroni? Semio giustai? Orsù, se le cosse no se giusta per sto verso, le finiremo in t’un altro. Cossa disc el testamento? Che se siora Rosaura me sposa mi, la sia erede de tutto. No xela la verità? Caro Ottavio, ti falli. No la giera disposta per mi, perchè la sperava de averte ti; la vede che no ti la vuol, che ora con un pretesto, ora con un altro, ti la scampi e no ti la curi, la s’ha risolto de darme la man. Newero, colonna cara? (a Rosaura Vardè che maraveggie! La me sposerà. Ve manco de parola, perchè el vostro sior nevodo no se contenta. El progetto giera questo: che siora Rosaura sposasse Ottavio mio fio, che el sior Dottor e sior Florindo rinunziasse a ogni pretesa sul testamento, e in premio de sta renunzia mi ghe dava subito belli e lampanti diesemille ducati. Caro sior zenero, vardè che de là ghe xe un nodaro. Diseghe che el vegna. Subito, subito. Oe, siori, vegnì avanti.

[p. 633 modifica]

SCENA XV.


Brighella. Son qua, signor. I denari i è a casa, e sior Florindo li conta.

Dottore. Dimmi un poco, Brighella, cosa si diceva stamattina, in Piazza, del signor Pantalone?

Brighella. Che l’ è un ricco marcante, che tutti i so negozi i va ben, e che quanto prima el sarà in grado de cambiar stato.

Dottore. Tu non m’hai detto così, due ore sono.

Brighella. L’è vero, non ho dito cussi. Me cavo la maschera, e parlo liberamente senza paura e senza rossor. Quelle tre lettere, che ha fatto creder a vussioria el fallimento de sior Pantalon, le ho inventade mi, e co sto mezzo ho procura che nassa un aggiustamento utile e onesto per una parte e per l’altra. Sior Florindo prevalendose de un mio conseggio, el s’ha introdotto de nottetempo m casa de siora Rosaura, ma el s’ha avanza a levarghe la reputazion. Mi gh’aveva el rimorso d’esser sta la causa innocente de sto gran mal, e mi ho trova el remedio, conossendo che el timor de perder tutto, podeva indur el zio e el nipote a contentarse de poco.

Dottore. Quest’ è un tradimento.

Pantalone. Gnente, compare. Za, se la sposava mi, no ve toccava un bezzo. Godeve i diesemille ducati in pase, e no ghe ne parleremo mai più.

Pantalone. S^rifìcada perchè son decrepito?

Brighella. No vedela, sior padron, quanto meggio che l’ è averla aggiustada così? Quanto più bon prò ghe farà quei diesemille ducati... (al T)ottore

Dottore. Non sono miei, sono di mio nipote.

Pantalone. Ghe n’avere anca vu la vostra parte.

Dottore. Signor Pantalone, siate anche voi discreto. Godetevi la pingue eredità, ma... non so se mi capite.

Brighella. Via, sior Pantalon, la sia generoso col sior Dottor, r è galantomo. [p. 634 modifica]

Pantalone. Aspetta: in sta borsa ghe xe el resto de tremille zecchini; i xe cento e ottanta, e no so che: cento per sior Dottor e ottanta per Brighella. Seu contenti? dà la borsa al Dottore)

Dottore. Ottanta per Brighella son troppi.

Brighella. La fazza eia, me rimetto in eia. (al Dottore)