Pagina:Zibaldone di pensieri I.djvu/67

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

indice del mio zibaldone di pensieri 41
1554,2. 1827,1. 2156,1. 2245,1. 2473,1. 2574,1.

Fu sinonimo di forza, e non si disse che delle virtù forti. 2215,1. 3134,1. 4268,6.

Grandi virtù e grandi azioni senza grandi vizi e delitti, se sieno possibili; problema da risolversi colla esperienza della civiltà moderna. 4289,2.
Virtù e rettitudine nascenti da carattere egoista e vile. 3316,1.
Vista, il più vivo de’ sensi. 1943-4.
Vita. Perché si vive. 273,2. 2549,1.
Non è necessaria. 925,1.
Che cosa è la vita? 1476,2.
Perché si nasce? 2607,1. Vedi Nascimento dell’uomo.
Amor della vita cresce come l’amor del danaro. 2043,1.
Definizione metafisica della vita: l’uomo è il più vivente degli esseri. 3381.
Osservazioni metafisiche sull’essenza e sull’amor della vita. 3813,1.
Definizione allegorica della vita. 4162,14.
Luogo di Aristotele. 3568,2.
Principal bene nella vita. 3895,1. 4043,2.
La vita è un male per se. 4043,2.
Cura di vivere. 4164,2.
Amor della vita non innato. 4242,1.
La somma della vita è uguale ne’ μακροβιότατοι

e ne’ βραχυβιότατοι degli animali. 3511-4.

Vita umana, una commedia. 220,1. 663,1.2.
Deplorata da molti antichi. 601,3. 2671,1. 2672,1. 2678,2. 2796,1.
Perde quotidianamente. 636,2.
Vitalità. Vigore del corpo. Sensibilità. Se conducano alla felicità. Giovano per la parte dell’azione, e della distrazione dell’amor proprio. Vita esterna, vita interna. Gradi di attitudine alla felicità, considerati nelle diverse specie d’animali, ne’ diversi sessi, età, nazioni, stati nazionali o individuali ec. relativamente al vigore o alla debolezza del corpo. 3921,1. 4074,1.
Vitalità, Sensibilità. Il grado dell’amor proprio e dell’infelicità del vivente è in proporzione di esse. 1382,2. 1584,1.2. 2410,1. 2493,2. 2495,1. 2496,1. 2629,3. 2673,3. 2736,1. 2861,1. 3291,1. 3773,1. 3835,1. 3842,2. 3846,2. 3921,1. 4037,6. 4074,1. 4133,2.
Vitalità. Vedi Mortalità e Vitalità.
Vivacità generale di ogni cosa nelle persone naturali. 1770,1. 1798,2. Vedi Inclinazione dell’ uomo alla vivacità, alla vita.
Vivacità, non ha che fare col talento. 1770,3.
Viventi, esseri essenzialmente soffrenti e infelici ec. 4133,2.