Chi la fa l’aspetta/Atto I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto I

../Personaggi ../Atto II IncludiIntestazione 7 agosto 2019 25% Da definire

Personaggi Atto II
[p. 379 modifica]

ATTO PRIMO.

SCENA PRIMA.

Camera in casa di Bortolo. Un tavolino picciolo da lavoreire in mezzo la scena. Varie sedie sparse qua e là.

Cecilia e Lissandro.

Cecilia. (Quardando degli orecchini ed altre cose da donna, di pietre false.)

Lissandro. (Tira fuori di quando in quando degli astucchi e delle scatole) con dentro simili mercanzie) La varda quelle buccole se le puoi esser meggio ligae.

Cecilia. Le me par troppo grande.

Lissandro. Se usa. La varda queste.

Cecilia. De dia! (a) Ghe voi un facchin a portarle. No le porteria gnanca se i me le donasse. (a) Esclamazione, come se si dicesse per Bacco. [p. 380 modifica]

Lissandro. E pur adesso i le voi cussi ; ghe n’ averò dà via (a) trenta para in manco d’ una settimana.

Cecilia. Cargadure (’), strafari ^^\ mode che no dura do mesi. Se vualtri che inventa ste mode strampalade per far spender i bezzi a chi gh’ ha el mattezzo de tegnirve drio.

Lissandro. Sìela benedetta. Tutto quel che la voi.

Cecilia. Lasse veder se gh’avè qualcossa de meggio.

Lissandro. Ghe ne vorla un par che anderà ben all’aria del so viso ?

Cecilia. No le togo miga per mi.

Lissandro. Qualche commission ?

Cecilia. Sì, mio fradello m’ ha prega de sto servizio.

Lissandro. Se sior Bortolo voi far un regalo, el se vorrà far onor, el vorrà qualcossa de bon.

Cecilia. No so, vede, noi m’ ha dito gnente. No so che ziri ch’el gh’abbia. (h)

Lissandro. La lassa far a mi. So quel che ghe voi. La varda e la stupissa. (le fa vedere delle altre buccole)

Cecilia. Sì ben. Cossa varie ? (^)

Lissandro. Mo la le esamina avanti.

Cecilia. Ho visto. So cossa le xe. Quanto varie ?

Lissandro. Ghe spuzza el flà. (e)

Cecilia. Oh za, per carigolo (</), se carigolo certo. Ma pur, via, disè quanto.

Lissandro. Vorla che fazza una parola sola ?

Cecilia. Una parola sola. (o) Dar via, cendtre. (b) Raggiri, (e) Frase £?e’cortcsani, per dire che una cosa è cara, ghe spuzza el fià, cioè ha cattivo odore, perchè costa molto. (rf) Carigolo, bellissimo termine veneziano per ispiegare un uomo che vende caro. (1) Affettazioni: v. G. Boerio, Dizionario del dialetto veneziano. (2) II Boerio ri- corda soltanto strafaressi, e spiega con " attillatura " o sia " squisitezza della portatura e degli abiti ". (3) " Cosa valgono ? " : v. Capolavori di C. Qoldoni curali da F. Cameroni, Trieste, Coen, 1858. [p. 381 modifica]

Lissandro. O sie O zecchini, o la xe parona de bando (a).

Cecilia. O che caro sior Lissandro ! Sie zecchini !

Lissandro. Via, se ghe par poco, la me ne darà sette. (mellenJo via le altre)

Cecilia. Lave sbarada (^), compare.

Lissandro. Sala che roba che xe quella ?

Cecilia. La vedo, e la cognosso, e so cossa che la xe. Animo, animo, quanto voleu ?

Lissandro. Mi ho dito.

Cecilia. Vu ave dito. Bisogna mo che diga anca mi.

Lissandro. La varda ben...

Cecilia. Tasè là. Sì ben; tre zecchini, e gnanca un bezzo de più.

Lissandro. Siora sì, farave un bel vadagno. Le me costa a mi quattro zecchini da quel bon servilor che ghe son.

Cecilia. Via, chiaccole, pacchiarate (5). Se volè tre zecchini, ben ; se no, tegnìvele, e mi no compro altro.

Lissandro. Via, no la vaga in collera. La me daga de più tutto quel che la voi.

Cecilia. Gnanca un bagattin ^^K (apre la cassetta e tira fuori tre zecchini) Tolè, questi xe tre zecchini. Se volè, ben, se no volè, bon viazo. (li mette sul tavolino)

Lissandro. No SO cossa dir. Ghe perdo, ma con ella bisogna perdeghe volentiera. (prende i tre zecchini)

Cecilia. Mi ho paura che colle vostre chiaccole m’abbiè fatto zo.

Lissandro. Se no la xe contenta, ghe dago i so bezzi in drio ^^\ (e in questo mentre li mette in tasca)

Cecilia. Basta, l’ è fatta.

Lissandro. Sora sto marca, se mai ghe avanzasse una chiave de palco (e), la se recorda de mi.

Cecilia. Oh caro vecchio, in sti ultimi zorni ? (a) Per niente, (t) Pastocchie, (e) Le domanda un palchetto di Com- media. (1) Sei. (2) Sbarar Je le panchiane o bombe, sballare fandonie : Boerìo. V. voi. II. pag. 137, n. I. (3) Dodicesima parte del soldo veneto: voi. VII, pag. 154, n. 2 e XII, pag. 463, n. 1 . (4) Indietro, di ritorno. [p. 382 modifica]

Lissandro. Basta, digo, se a caso...

Cecilia. Sì sì, volentiera. Se mai poderò.

Lissandro. Sin adesso ho compra delle chiave (a), ma adesso le xe cussi care...

Cecilia. Sì sì caro, ve piase a divertirve per quel che vedo.

Lissandro. Oh mi sì, la veda. Laoro, e me diverto. Vadagno, e spendo. No gh’ ho muggier, no gh’ ho fioli. Tanti pia, tanti mazza (i). No fazzo debiti, ma co ghe n ho, me li godo.

Cecilia. Bravo, pulito. E no ve volè mandar?

Lissandro. Mi maridarme ! bisognerave ben che ghe n’ avesse voggia. Oh no digo gnente, perchè no vorria che la disesse che son una mala lengua.

Cecilia. Oh no, no, no v’ indubitè, che anca mi son della vostra opinion. M’ ho maridà una volta : son restada vedoa, e no me torneria a mandar gnanca se me vegnisse un re de corona.

Lissandro. Oh benedetta la libertà !

Cecilia. Oh anca mi, vede, anca mi digo cussi, che la libertà xe una bella cossa.

SCENA II.

Lucietta e detti.

Lucietta. Siora patrona.

Cecilia. Cossa gh’ è ?

Lucietta. Una maschera.

Cecilia. Una maschera ! Omo, o donna ?

Lucietta. Omo, me par. Sala chi credo ch’ el sia ?

Cecilia. Chi ?

Lucietta. Sior Zanetto.

Cecilia. Oh magari ! Vardè, e se el xe elo (’), fè ch’ el vegna avanti. (a) Compiar una chiave, s’intende comprar un palchetto. Si fa ordina- riamente questo commercio di sera in sera, [b) Quanti ne guadagno, tanti ne spendo. (I) Elio o è!o. lui. [p. 383 modifica]

Lucietta. E se noi xe elo ?

Cecilia. Sappième dir chi xe.

Lucietta. Siora sì. (parie)

Cecilia. EI cognosseu sior Zanetto Bigolini ? (a LissanJro)

Lissandro. Mi no.

Cecilia. Fermeve qua, se no gh’avè da far, che se el xe elo, conosserè un capo d’opera.

Lissandro. In che genere ?

Cecilia. In genere de cargadura, de scempiagine, de tutto quel che volè.

Lissandro. Cospetto ! me lo goderò volentiera, A ste cosse mi ghe vago de vita (a).

Cecilia. Oh siestu malignalo ! (i) el xe elo, el xe elo. (guardando oerso la scena)

SCENA III.

Zanetto e detti.

Zanetto. (Mascherato in bautta, con caricatura, entra seriosamente cre-) dendo non esser conosciuto.

Cecilia. Sior Zanetto, patron.

Zanetto. (Fa cenno con la testa che non è lui.)

Lissandro. (Oh co bello !)

Cecilia. Eh via, maschera, che ve cognosso.

Zanetto. (Fa dei lazzi, volendo sostenere che non è lui.)

Cecilia. Noi xe elo, via, noi xe elo. (toccando col gomito Lissandro) Mo chi mai xe sta maschera ! Vardè co pulito ! Vardè con che bona grazia ! Qualche forestier certo, qualche milord che me fa sto onor.

Zanetto. (Sì consola, e procura di far da signore.)

Lissandro. Co r è cussi, vago via, zelenza. (saluta Zanetto)

Cecilia. No, no, reste, lassèghe veder, che poi esser ch’el compra qualcossa. (a Lissandro) (a) Ghe vago de vita : me le godo infinitamente, (b) Malignazo : quasi maledetto, per isclierzo, e modestamente. [p. 384 modifica]

Lissandro. Zelenza, se la gh’ avesse bisogno de fornimenti da scarpe, da zenturini, bottoni da camisa, fiube (a) da cappello, fiube da collo, anelli, stucchi, relogi.

Zanetto. (Fa cenno di no.)

Cecilia. De ste cosse el ghe n’averà, caro vecchio; lassèghe veder qualcossa da donna. (Za son segura che noi ghe n’ ha un). (piano a Lissandro)

Zanetto. (5/ irova imbrogliato, e non sa come dir di no.)

Lissandro. La varda ste buccole, sti anelli, sto fior da testa. L’a- vantaggio che la gh’averà da mi, no la lo gh’averà da nissun.

Cecilia. Via, animo, sior milord, la compra.

Zanetto. (Si mette a ridere forte.)

Cecilia. Cossa gh’ala che la ride ?

Zanetto. (Seguita a ridere.)

Cecilia. Cossa diseu ? con che bona grazia ch’el ride ? (a Lissandro)

Lissandro. Se la voi, sceglierà sta signora qualcossa per eia. (a Zanetto)

Zanetto. Noi non vogliamo comprare diamanti di Murano (b). (a Lissandro, caricando la voce)

Lissandro. La me perdoni, questa no xe roba da strapazzar.

Cecilia. Vorla che ghe diga, che la me par un bel matto.

Zanetto. (Levandosi il volto) Ah ah, non la m’ ha cognossù, non la m’ ha cognossù.

Cecilia. Oh no l’aveva miga cognossù, vede. (ironica)

Zanetto. Patrona, siora Cecilia. Mette via quella roba, (a Lissandro)

Lissandro. (La ghe fa mal ai occhi). (mette via)

Cecilia. Cossa falò, sior Zanetto ? Stalo ben ?

Zanetto. Siora no, stago mal. (si mette a sedere con sgarbo)

Cecilia. Cossa gh’ alo ?

Zanetto. Son innamora. (stendendosi sulla sedia)

Cecilia. Poverazzo ! quanto xe ?

Zanetto. Da giersera in qua. (balza in piedi)

Cecilia. E ve sè innamora cussi presto ? (a) Fibbie. (b) Diamanti falsi, cristalli che si fanno a Murano. [p. 385 modifica]

Zanetto. Son cotto, sbasìo O, desperà, fora de mi, fora de fogo, fora de sesto, no posso più. (così dicendo passeggia a gran passi,) e poi si getta sulla sedia.

Lissandro. (No daria sta zornada per tutte le opere e per tutte) le commedie del mondo). (c/a sè)

Cecilia. Se poi saver chi xe quella che ve fa spasemar ?

Zanetto. Una cagna, una sassina, che me voi far morir.

Cecilia. Cossa v’ala fatto ?

Zanetto. La m’ ha ferìo el cuor.

Cecilia. Cussi presto ?

Zanetto. In t’un batter d’occhio.

Cecilia. Se la v’ ha ferìo, la ve poi guarir.

Zanetto. Siora no. Questo xe el mio mal. No la gh’ ha carità, no la gh’ha compassion. (salta in piedi)

Lissandro. La perdona, come mai in t’una sera...

Zanetto. Vu no gh’ intrè, sior ; andè via de qua a vender la vostra roba. Lissandro Ghe domando perdon. M’ interesso, perchè se la po- desse aiutar...

Zanetto. Oh amigo, se vedessi che tocco ! (a Lissandro, prendendolo per la mano)

Lissandro. (Oh bello !) (da sè)

Cecilia. Ma se poi saver chi la sia ?

Zanetto. Ghe lo dirò, ma no i diga gnente a nissun.

Cecilia. No parlo.

Lissandro. No gh’ è pericolo.

Zanetto. Conosseli sior Raimondo Berlingozzi ?

Lissandro. Un marcante bolognese. Se el cognosso ! La diga : anca sì che la xe la siora Cattina so fìa (^) ?

Zanetto. "Ecco la fonte del mio mal crudele, "Ecco la piaga... che ha piagato il core.

Cecilia. Oh bravo! (ridendo)

Zanetto. La ride ? (a Cecilia, con muso duro) (1) Basito, Iribolato, morto: voi. II, pag. 158, n. A. (2) Figlia. dd [p. 386 modifica]

Lissandro. No, siora Cecilia, no la rida, perchè le xe cosse che no xe da rider. (con serietà)

Zanetto. Ah cossa diseu, vu che se omo, ah ! (a Lissandro)

Lissandro. Digo cussi che la me fa compassion, e mi che pratico in quella casa, son capace de servirla da amigo e da galantomo.

Zanetto. Oh magari ! Oh siestu benedetto ! (lo bacia)

Cecilia. Ma come xela stada ? Se poi saver ?

Zanetto. L’ ho vista giersera a un festin. Vederla e amarla ju in un punto solo. L’ho vardada, la m’ ha vardà. L’ho saludada, la m’ha saludà. L’ ho invidada a ballar... la m’ ha refudà (’). (si getta dolente su la sedia)

Cecilia. (Oh matto maledetto !) (da sè)

Lissandro. La r ha refudà ! (a Zarìetto, seriamente)

Cecilia. Possibile sta cossa ! (a Zanetto, ironicamente)

Zanetto. Da putto (a), la m’ ha refudà, e se noi credè, doman- deghelo a sior Bortolo, ch’ el giera presente anca lu. (a Cecilia)

Cecilia. Ghe giera anca mio fradello ? (a Zanetto)

Zanetto. Siora sì, el ghe giera anca èlo, e come ch’el xe mio amigo, el l’ ha dito a tutti... No so se de mi o de ella, i s’ ha messo a rider, e a sganassar ^^\

Cecilia. Oh, senz’altro, i averà ridesto de ella.

Zanetto. L’ è quel che digo anca mi.

Lissandro. (La lassa far a mi), (piano a Cecilia) Sior Zanetto, questa xe la prima volta che gh’ho l’onor de conosserla ; ma vedo che el xe un galantomo, vedo ch’el gh’ha della passion, el me fa pecca.

Zanetto. Amigo, no vardè che sia fio de fameggia, perchè in t’un bisogno vedere chi son.

Lissandro. No gh’è bisogno de gnente. Vorla che mi ghe pro- cura r occasion de trovarse in compagnia de siora Cattina ?

Zanetto. Oh magari ! (balza dalla sedia) (a) Specie di giuramento : da giovine onesto. (I) Rifiutato, respinto. (2) Sbellicarsi dalle risa (da ganassa, guancia): voi. XII, p. 161, n. 2. [p. 387 modifica]

Cecilia. Via, da bravo, sior Lissandro.

Lissandro. Vorla che la fazza disnar con ella O ?

Zanetto. Oh magari!

Lissandro. M’ impegno che ancuo (a) la fazzo disnar co siora

Cattina.

Zanetto. Oh caro ! che siestu benedetto ! (/o abbraccia) Tolè, ma de cuor. (lo bacia)

Cecilia. E vu ve podè tor sto impegno? (o Lissandro)

Lissandro. Siora sì, e ella ne farà grazia d’esser della compagnia.

Zanetto. Sì, cara ella.

Cecilia. Siora Cattina la cognosso solamente de nome, ne l’ho mai vista. In casa soa no son mai stada, e no me togo sta confidenza.

Lissandro. No voi miga che andemo a disnar da sior Raimondo.

Cecilia. E dove donca ?

Zanetto. Dove, dove ? Diseme dove.

Lissandro. Da un mio amigo, da un certo sior Gasparo senser.

Cecilia. Oh sior Gasparo lo cognosso, el mario de siora Tonina. So chi el xe.

Lissandro. Ben donca, giusto èlo...

Zanetto. Giusto èia ^^\ (a Cecilia, ridendo)

Lissandro. El xe amigo, amigon de sior Raimondo. M’impegno mi de far andar ancuo sior Raimondo e so fia a disnar da sior Gasparo, e che ghe andemo anca nu, e che sior Zanetto staga arente ^^^ de siora Cattina. (allegro)

Cecilia. Ma come fareu a combinar tutte ste cosse insieme ? (a Lissandro)

Lissandro. La lassa far a mi. (a Cecilia)

Zanetto. Lassemolo far èlo. (a Cecilia)

Lissandro. E la vegnirà anca eia. (a Cecilia) (a) Oggi. (I) Qui nell’ed. Zatla è stampalo ella, ma quasi sempre troviamo e/a. Il Goldoni ora cerca di conformarsi alla grafia italiana, ora se ne dimentica e segue, come tante volte abbiamo visto, la pronuncia dialettale veneziana. Così nell’ed. Zatta non si trova mai stampato elio (lui), bensì e/o. (2) Conserviamo qui la forma venez-ana. (3) Vicino: v. voi. II, p. 423, D. b ecc. [p. 388 modifica]

Cecilia. Ma mi sta zente no la cognosso. LiSS ANDRO. N’ importa : la meno in casa d’un galantomo ; la se divertirà.

Cecilia. Divertimose pur.

Lissandro. Ma per non dar sospetto a sior Raimondo, gh’avera- vela difficoltà de far una cossa ? (a Cecilia)

Cecilia. Disème cossa.

Lissandro. De passar eia e sior Zanetto per mario e muggier.

Cecilia. Mi passar per so muggier!

Zanetto. Sì, sì, cara eia, la prego.

Cecilia. E se siora Tonina e sior Gasparo che me cognosse, i ne scoverzirà... (a Lisaandto)

Zanetto. Saveu che la gh’ ha rason ? (a Lissandro)

Cecilia. Piuttosto poderia passar per so sorella. (a Lissandro)

Zanetto. Oh sì, sì, mia sorella.

Lissandro. Ma se sior Raimondo vede che ghe xe dei putti da maridar, el se poi metter in testa de voler andar via.

Zanetto. Cospetto de diana !

Cecilia. Femo cussi, vestimo Lucietta, e fèmola passar per so muggier.

Lissandro. Chi èlaC) Lucietta?

Cecilia. La mia serva.

Zanetto. Oh sì sì, la serva.

Lissandro. La xe ditta. Vago da sior Raimondo, e pò subito da sior Gasparo, e magneremo, e rideremo, e se goderemo.

Zanetto. E se goderemo. Ma mi no ghe so miga andar.

Cecilia. Anderemo insieme.

Zanetto. Ma in maschera no ghe voi vegnir.

Cecilia. No ? Per cossa ?

Zanetto. La vede ben ; co (2) se xe in maschera, se xe spennac- chÌ2ii (a), no se poi miga parer bon ^^\ (a) Spennacchiato, arruffato, male accomodato. (1) Un è rinforzato <jal pronome : più spesso xèla : v. Boerìo. (2) Qui significa quando : voi. Il, p. 170, n. a. (3) Qui significa comparire, far bella figura : voi. XII, p. 150, n. 3. [p. 389 modifica]

Cecilia. Oh sì, gh’avè rason. Andeve a far i rizzi (a), pò vegnì qua.

Zanetto. Vado subito. Oh caro Lissandro !

Lissandro. Oh ! songio un omo mi ?

Zanetto. Vardè pò, no me manche.

Lissandro. Me maraveggio. Co dago una parola, no manco mai.

Zanetto. Siora Ceciha, la riverisso. Siora sorella, bondì, siora so- rella. Cara sorella ! (si maschera) Adesso nissun me cognosse più. Sior milord, sior milord. Got morghen, main libreher (i). Ah, ah, ah. (ridendo) Patrona riverita. (parte)

SCENA IV.

Cecilia e Lissandro.

Cecilia. Ah ! cossa diseu ?

Lissandro. E1 xe una delizia, un zuccaro, un marzapan.

Cecilia. E volè dasseno che femo ancuo sta commedia ?

Lissandro. Sì, anca da galantomo che voi che la femo.

Cecilia. Cossa voleu che diga sior Gasparo e siora Tonina?

Lissandro. La lassa l’ intrigo a mi ; no son capace de torme un impegno, co no son seguro de tirarla fora pulito. Semo de carneval, i xe spassi che se se poi tor.

Cecilia. Sì ben, co sior Gasparo lo sa, co siora Tonina xe contenta.

Lissandro. Ghe sala andar da sior Gasparo ?

Cecilia. Oh sì, ghe so andar.

Lissandro. Dopo nona (e), la se trova là col sior milord, e se no la ride ancuo, no la ride mai più ; a bon riverirla.

Cecilia. A rivèderse.

Lissandro. Oh che chiassi che avemo da far! (parte) (a) Farsi accomodare il capo, (b) Vuol passare per milord, e parla male il tedesco, (e) Dopo mezzogiorno. [p. 390 modifica]

SCENA V.

Cecilia, poi Bortolo.

Cecilia. Semo de carneval, xe vero ; gh’ ho dà parola, ma per dir la verità, no so miga se ghe anderò. Ghe penserò suso avanti de andar.

Bortolo. Ho visto sior Lissandro. Aveu compra le buccole ?

Cecilia. Le ho comprae. VeleC) qua, vardè; xele belle?

Bortolo. Belle. No me n’ intendo ; ma le par belle. Quanto le aveu pagae ?

Cecilia. Stimèle.

Bortolo. Vinti ducati ?

Cecilia. Quanti zecchini fali ?

Bortolo. Sie zecchini, manco otto lire.

Cecilia. Povero martuffo !

Bortolo. Mo se v’ ho ditto che no me n’ intendo.

Cecilia. A forza de parole, el me l’ ha lassae per tre zecchini.

Bortolo. Via, via, son contento. (le incarta e le mette via)

Cecilia. Se poi saver a chi volè far sto presente ?

Bortolo. Ve dirò pò.

Cecilia. Me pareria che a vostra sorella...

Bortolo. Mo se vel dirò. (vuol partire)

Cecilia. Vegnì qua, ve voi domandar un consegio.

Bortolo. Che xe?

Cecilia. Xe sta qua quel scempio de sior Zanetto...

Bortolo. Oh caro ! Se savessi giersera che scene che s’ha fatto sora de elo !

Cecilia. El me l’ ha ditto. E cussi ghe giera qua anca quel mat- tarana de sior Lissandro. Zanetto n’ha conta che l’è innamora, e alle curte Lissandro s’ ha impegna de farlo disnar ancuo in t’un terzo liogo in compagnia de sta so morosa, e i vorave che ghe andasse anca mi. Cossa diseu ?

Bortolo. Mi ve consegio de no ghe andar. (I) Eccole. [p. 391 modifica]

Cecilia. N’ è vero ? Son anca mi della stessa opinion.

Bortolo. Chi xela sta morosa de Zanetto ? La cognosseu ?

Cecilia. Saveu chi la xe? Siora Cattina, la fia de sior Raimondo...

Bortolo. Cossa, cossa ? Siora Cattina ?

Cecilia. Siora Cattina.

Bortolo. La fia de sior Raimondo ?

Cecilia. La fia de sior Raimondo.

Bortolo. La xe quella delle buccole.

Cecilia. Eh via !

Bortolo. Come diselo che la xe la so morosa ?

Cecilia. E1 s’ ha innamora giersera.

Bortolo. Oh che alocco ! El xe sta el ridicolo della conversazion.

Cecilia. Gh’ ave bon (o) donca vu con quella putta ?

Bortolo. Ve conterò. El sior Lissandro lo voi far disnar co sta putta ?

Cecilia. Sì ben, co so pare, in casa de sior Gasparo sanser O, e i voleva che ghe andasse anca mi ; ma mi no ghe anderò.

Bortolo. Andemoghe. Ghe vegnirò anca mi.

Cecilia. Mo no, caro vu, no me convien a mi...

Bortolo. Co ghe son mi, siora sì.

Cecilia. Ve cognosselo sior Raimondo ?

Bortolo. El me cognosse, ma noi sa gnente de quel che passa tra mi e la putta.

Cecilia. Che intenzion gh’aveu ?

Bortolo. Ve dirò. La xe fia sola, e so pare xe un omo ricco...

Cecilia. Perchè no ghe la feu domandar ?

Bortolo. Perchè voggio prima saver se la me voi ben.

Cecilia. No savè se la ve voi ben, e ghe volè dar le buccole ?

Bortolo. Giersera la ghe n’ ha rotto una al festin. Voi provar de darghele, e se la le tol, sarà segno che la me voi ben.

Cecilia. Come voleu che la toga le buccole ? Cossa dirave so pare? (a) Gh’avè bon, cioè siete bene con lei. (I) Sensale. Più sopra è stampato lenscr. [p. 392 modifica]

Bortolo. Oh certo che no la saverà dir che qualche santola (a) ghe le ha regalae ?

Cecilia. Voleu che ve la diga? In sti polacchi mi no ghe vogio intrar.

Bortolo. Cara sorella, andemo.

Cecilia. Sior no, sior no.

Bortolo. Vardè, se el caso, se l’accidente me poi esser più fa- vorevole. Cercava un’occasion de poderghe parlar, e la me capita, e volè che me la lassa scampar ?

Cecilia. Andeghe vu.

Bortolo. Cara sorella, vegnì anca vu.

Cecilia. Sior Lissandro ha ditto che se sior Raimondo vede che ghe xe dei putti da maridar, el se metterà in sospetto, e l’anderà via.

Bortolo. Zanetto no xelo da maridar ?

Cecilia. Avevimo ditto de vestir Lucietta, e finzerla so muggicr. (ridendo)

Bortolo. Sì ben, e vu sarè mia muggier de mi.

Cecilia. Eh via, matto.

Bortolo. Cara vu, cara fia, cara ti. (facendole delle carezze fraterne)

Cecilia. Sentì, per larve servizio, vegnirò ; ma abbiè giudizio, no me fè scene, e no me fè smattar O. Bortolo, Cossa songio ^^\ un puttelo ?

Cecilia. E le buccole no ghe le stè a dar.

Bortolo. Tolè, dèghele vu...

Cecilia. De qua...

Bortolo. No, no ; ghe le darò mi.

Cecilia. Abbiè prudenza.

Bortolo. Sangue de diana ! ancuo chi me poi ? (^^ Me par che) tutto el mondo sia mio. (parte)

Cecilia. Eh putti senza giudizio. E pò ? E pò, dopo tre dì, no la xe più quella (b). (parte) (a) Matrina, comadre che ha tenuto a battesimo o alla cresima, (b) Dopi tre giorni si annoterà della moglie. (1) Farsi scorgere, burlare, svergognare: voi. XII, p. 442, n. 2. (2) Persone, se- guito da interrogativo. (3) " Chi potrebbe competere meco ? chi mi può resistere ? " O anche : "Chi può oggi imporrai?" (Musatti). - IVIanca in tal senso nel dizionario del Boerio. [p. 393 modifica]

SCENA VI.

Camera con due porte laterali, ed una nel fondo ; un tavolino da una parte con una testa da scuffia ed una cestella, e con due sedie di paglia polite.

Tonina, poi Riosa.

Tonina. Riosa. (chiama, e si mette a lavorare intorno ad una scuffia)

Riosa. Siora. (viene lavorando, facendo le calze)

Tonina. L’aveu visto mio mario stamattina ?

Riosa. Mi no, siora, che no l’ ho visto. Xelo fora de casa sior Gasparo ?

Tonina. Sior Gasparo ? Che bisogno ghe xe che disè sior Ga- sparo ? Se disc el patron.

Riosa. La gh’ ha rason, siora sì. Xelo fora de casa el patron ?

Tonina. Siguro ch’ el xe fora de casa. El s’ ha leva su stamat- tina ; el xe andà via, che no l’ ho gnanca sentio.

Riosa. Caspita, siora patrona, bisogna ben che la dormisse pulito ! (siede e lavora)

Tonina. Bisogna ; e sì, savè, giersera, appena ho messo la testa sul cavezzal, me son subito indormenzada.

Riosa. Ma! co se gh’ ha el cuor contento, se dorme ben.

Tonina. Son contenta, xe vero. Ma anca mi gh’ ho delle cattive zomae.

Riosa. Cara ella, cessa ghe manca?

Tonina. No me manca gnente ; ma stago sempre col batticuor.

Riosa. De cossa?

Tonina. No vede ch’ el xe sempre a torzion (a).

Riosa. El va per i so interessi.

Tonina. Sia malignazo quando el s’ ha messo a far el sanser.

Riosa. Cara siora patrona, no xe stada ella che gh’ ha fatto aver sta carica da sanser ?

Tonina. No saveva miga mi che per far sto mistier el s’avesse da levar all’alba, e che l’avesse da vegnir (’^ a casa a) (a) Jl gironi, qua e là girando. (I) Neil" ed. Zaila: venir. [p. 394 modifica] magnar un boccon a strangolon (’\ e po’ piantarme qua fin) a negra notte.

Riosa. Ma almanco la sera el vien a casa a bonora, el sta qua con ella...

Tonina. La sarave bella che noi vegnisse gnanca la sera.

Riosa. Oh, cara siora, quanti ghe n’ è...

Tonina. Quanti ghe n’è, quanti ghe n’è... (con forza, interrompendola)

Riosa. La me lassa dir ; elo no gh’ ha casin...

Tonina. No ghe mancarave altro.

Riosa. Noi zoga...

Tonina. Sì, xe vero ; noi cognosse gnanca le carte.

Riosa. Noi gh’ ha pratiche... se la m’ intende...

Tonina. Oh in questo pò, no so gnente.

Riosa. Gh’ala qualche suspetto ?

Tonina. Xe qualche tempo che gh’ho sto balin (a).

Riosa. Ma con che fondamento ? El xe tutto el zomo fora de casa.

Tonina. Cossa sogio mi ? I omeni, co i s’ ha messo el tabano e el cappello, vattela a pesca dove che i va.

Riosa. Oh co no la gh’ ha altro fondamento che questo...

Tonina. Che altro fondamento voleu che gh’abbia ?

Riosa. Che sogio mi ? Credeva che la savesse qualcossa.

Tonina. Che savesse qualcossa ? De dia, se fosse sicura de gnente, poveretto èlo. Ch’el varda ben... che l’ara dretto (h), perchè son fia de mia siora mare.

Riosa. Vèdela, cara siora patrona. La me compatissa : la se scalda per gnente.

Tonina. Oh in ste cosse son delicata.

Riosa. La gh’ ha rason, per questo la gh’ ha rason ; ma la me compatissa, xe el ben che me fa parlar...

Tonina. E mi xe el ben che qualche volta me fa andar in collera con mio mario.

Riosa. Qualche volta la dise! (a) Sospetto, (è) Arar dritto, per metafora, condursi bene. (]) "Con somma fretta ": Cameroni, in Capolavori di C. C, cit. [p. 395 modifica]

Tonina. Via, siora dottora, cossa vorressi dir ? Chi ve sente vu, pareria che fusse una stramba.

Riosa. No parlo altro.

Tonina. Tra mario e muggier se cria, se se magna i occhi, e pò se fa pase, e la xe fenia.

Riosa. Se la fusse fenia !

Tonina. Tasè là, che son stuffa.

Riosa. (El xe el più bon omo del mondo, e la lo fa desperar). (da sè)

Tonina. Siora ! cossa diseu ? (con sdegno)

Riosa. Oh digo de ste calze.

Tonina. No vorria che ve tolessi troppe boneman (a).

Riosa. Oh la tasa, che credo ch’el sia elo.

Tonina. Da che banda ? (guardando alle due porle laterali)

Riosa. Da sta banda qua. Lo conosso in tei far la scala.

Tonina. Via, via, me ne contento. El xe vegnù a un’ora discreta ; averzìghe (i).

Riosa. No gh’ alo la chiave ?

Tonina. N’ importa. Averzìghe ; gh’ aveu paura d’ incomodarve ?

Riosa. Siora SI, no la vaga in collera, (si alza e va ad aprire) (La) xe proprio impastada de velen). (da sè)

Tonina. (La gh’ha rason, cullai, ma no posso far de manco), (da) se) E CUSSI xelo elo ?

SCENA VII.

Gasparo e dette.

Gasparo. Siora sì, son mi. (con ciera ridente)

Tonina. Bravo sior, dove seu sta fin adesso ? (ridendo)

Gasparo. Fin adesso ! non xe gnancora disisett’ ore.

Tonina. Digo fin adesso, perchè sè andà via che dormiva, e non v’ ho più visto. (ridendo) (a) Troppa di libertà, (i) Jlprilegli. (1) Colei. [p. 396 modifica]

Gasparo. Cara fia, son sta per i mi interessi.

Tonina. E perchè non m’aveu desmissià O ? (placidamente)

Gasparo. Perchè v’ ho voleste lassar dormir. (con maniera)

Tonina. Ande là, che sè un gran baron ^~\ (scherzando)

Gasparo. Poverazza ! un’altra volta no lo farò più. (scherzando)

Tonina. Ande via, andè a lavorar in cusina. (a Riosa)

Riosa. Oh siora sì. La diga, sior patron.

Gasparo. Cossa gh’ è ?

Riosa. No l’ ha gnancora manda la spesa, stamattina.

Gasparo. Ande, andè, no stè a cercar altro, (a Riosa che parte)

Tonina. Appunto ! no volè che magnemo ancuo ?

Gasparo. Ve dirò, ho trova mio compare Bernardin. Ghe xe da elo dei Bolognesi, che gh’ha una partìa de canevo (^) da esitar, e i m’ha scelto mi per sanser, e ancuo bisogna che vaga a disnar da elo.

Tonina. Per cossa mo a disnar?

Gasparo. Perchè i gh’ ha delle altre cosse da far, e i ha de- stina queir ora per sto negozio.

Tonina. E vu gh’ ave ditto de sì, che anderè ?

Gasparo. Cossa voleu che fazza ? Voleu che ghe diga de no ?

Tonina. E mi sola in casa co (’’) fa una bestia...

Gasparo. No; ve dirò...

Tonina. Ande, andè, se ave d’ andar, destrigheve ^^\ (si mette a lavorare)

Gasparo. Cossa diavolo gh’ aveu stamattina ?

Tonina. Gnente. (lavorando)

Gasparo. Seu in collera perchè no v’ho desmissià ? (scherzando)

Tonina. Mi ! no me n’ importa ne bezzo, nè bagattin ^^K

Gasparo. Cossa gh’aveu donca ?

Tonina. Andeve a divertir, e lasseme qua.

Gasparo. Ve dirò, se me lasserò dir. Xe debotto (’’) un mese che (I) Neil’ ed. Zatta ora è stampato dismhsià e ora desmissià. Desmissiar, svegliare: voi. Il, 616; XII. 121 ; XIII, 371 ecc. (2) Mariuolo, baroncello : Boerio. (3) Canapa. (4) Qui significa come. (5) Spicciatevi: voi. XII, 123 e XIII, 299 e 306. (6) Un bel nulla: v. Boerio e voi. VII, 154. (7) Quasi: v. Boerio. [p. 397 modifica] vostra mare me prega che ve lassa andar un zorno da eia ; gh’ ho promesso, gh’ ho dà parola, ancuo la ve aspetta.

Tonina. Ancuo la me aspetta ?

Gasparo. Siora sì, ancuo.

Tonina. Quando l’aveu vista mia mare ?

Gasparo. Stamattina.

Tonina. Sè sta da ella donca ?

Gasparo. Son sta da ella, seguro.

Tonina. Ho capio.

Gasparo. Cossa mo ?

Tonina. Ho caplo.

Gasparo. Ma cossa ?

Tonina. Accordi fatti, perchè vaga mi da mia mare, e vu do- ve volè.

Gasparo. In verità, Tonina, qualche volta sè bella.

Tonina. O bella, o brutta, se gh’avevi intenzion de trattarme cussi, me dovevi lassar dove che giera, che stava ben.

Gasparo. Con che sugo, con che proposito vegnìu fora co ste freddure ?

Tonina. Ancuo mo, giusto per questo, da mia mare no ghe voggio andar.

Gasparo. E sì bisognerà che gh’andè.

Tonina. Bisognerà che ghe vaga ?

Gasparo. Mi crederave de sì.

Tonina. Per che rason ?

Gasparo. Ve dirò, fia mia ; perchè la ve aspetta, perchè la v’ ha da far veder della tela che vorave comprar, perchè gh’ ho promesso che anderè, e perchè son un pochetto, un pochette patron de dirve che voggio che andè.

Tonina. Oh potenza de diana de dia O... (alzandosi con furia)

Gasparo. Zitto ! (a Tonina) Riosa. (chiamandola)

Riosa. Sior.

Gasparo. Porteghe la vesta e ’1 zendà alla vostra patrona, (a Riosa) (1) V. pag. 379 n. a. [p. 398 modifica]

Riosa. Qualo vorla ? (a Tonina)

Tonina. Ve digo cussi... (con sdegno)

Gasparo. Zitto ! (a Tonino) Quell’ordenario. (a Tiiosa)

Riosa. (Se el scomenzasse a far un pochette da omo, sior sì, che) le cosse anderave ben). (parte)

Tonina. E cussi, sior, la s’ ha cazza in testa, che ancuo vaga a disnar da mia mare ?

Gasparo. Cara la mia cara Tonina, savè se ve voggio ben, se ve amo, se ve respetto, ma qualche volta arecordève che son vostro mario.

Tonina. Qualche volta ah ! me Tarecordo anca troppo, e se no ve volesse ben... (le yien da piangere)

Gasparo. (Ghe scometto che la pianze da rabbia, ma n’ importa ;) a poco a poco la modererò).

Tonina. (Mai più noi m’ ha parla come ancuo). (si asciuga gli occhi)

Gasparo. Via, Tonina, via ; vien qua, fia mia, ti sa che te vog- gio ben.

Tonina. Quanti ghe n’avemio del mese ?

Gasparo. Cinque, fia mia.

Tonina. De che mese semio ?

Gasparo. De Febraro.

Tonina. Ben, ben, sto zorno me lo ricorderò.

Gasparo. Perchè no v’ ho desmissià stamattina ?

Tonina. Sior no, la veda, patron : perchè ancuo per la prima volta la m’ ha dito voggio.

Gasparo. Oh adesso ho capio. E vu che sè una bona muggier, per contentar el mario, anderè da vostra siora mare, senza nissuna difficoltà.

Tonina. Ghe anderò, perchè son una bona minchiona.

Gasparo. No, fia mia ; disè che gh’anderè perchè me volè ben.

Tonina. Ve voggio ben, ma... sior Gasparo...

Gasparo. Gh’ andereu, o no gh’andereu ?

Tonina. No v ogio ditto che gh’anderò ?

Gasparo. Sia ringrazia el cielo, (tira fuori un lunario e una penna) da lapis, e fa un segno. [p. 399 modifica]

Tonina. Cossa xelo quel libro ?

Gasparo. E1 lunario.

Tonina. Cossa segneu ?

Gasparo. E1 primo zomo che ave fatto a mio modo.

Riosa. (Colla veste ed il zendale della patrona) La toga la vesta e el zendà. (a Tonino)

Tonina. De qua. (prende con dispetto) Via, siora, agiuteme. (a Riosa)

Riosa. De diana ! Cossa gh’ala con mi ? (/’ aiuta)

Gasparo. Tonina. (amorosamente)

Tonina. Cosa gh’ è ? (brusca)

Gasparo. Via, siè bona, fia mia. (amorosamente)

Tonina. Se poderave saver per cossa che stamattina me volè ficcar da mia mare ?

Gasparo. No ve l’ogio ditte le rason ?

Tonina. No se podeva mo aspettar a doman? (vestendosi si agita,) perchè il zendale non va bene.

Gasparo. Vedeu, fia mia, za che ancuo vado a disnar da mio compare, vu andè da vostra siora mare, e cussi se sparagna un disnar ; ah Riosa, cossa distu ?

Riosa. Mi digo ch’el gh’ ha rason.

Tonina. Animo, animo, siora, andève a vestir, che vegnirè con mi. (a Riosa)

Riosa. Oh mi, siora, fazzo presto. (No gh’ho miga bisogno del com-) passo mi per veder se el becco del zendà xe alla mezzaria (’)). (burlandosi di Tonina, e parte)

Tonina. Sè deventà (^^ ben economo, sior Gasparo. Una volta) no geri miga cussi.

Gasparo. Una volta, co giera da maridar, giera un’altra cossa. Adesso penso a casa mia, penso a mia muggier, e penso a quello che poi vegnir. Me podeu condannar per questo ?

Tonina. Per questo no ve condanno, ma no vorria che tegnissi per la spina, e che spandessi per el cocon (a). (a) ’Proverbio, che significa aver economia per le piccole cose, e gettar via per le grandi. Coccon è il grosso turacciolo della botte. (I) Nel mezzo. (2) Ed. Zalla : dicenlà. [p. 400 modifica]

Gasparo. Come sarave a dir ?

Tonina. Vardè che scuro ! non vorria che sparagnessi in casa, e che andessi a spenderli fora de casa.

Gasparo. Mi a spenderli fora de casa ! Oh fla mia, me cognossè mal. Dopo che son maridà, non ho paga un caffè a chi si sia. Son galantomo, no gh’ ho da dar gnente a nissun, ma del mio nissun ghe ne magna, e nissun ghe ne magnerà. Voggio goderme quel pochetto che gh’ ho colla mia pase, e colla mia cara muggier.

Tonina. Sì sì, la vostra cara muggier.

Gasparo. No xe fursi vero ?

Tonina. No ve arecordè cossa che m’avè dillo ?

Gasparo. Cossa v’ogio ditto?

Riosa. Son qua co la comanda. (a Tonine)

Tonina. Via, andemo co volè. (a Gasparo)

Gasparo. Ande pur, ma bisogna che resta a casa.

Tonina. Gnanca a compagnarme no volè vegnir ?

Gasparo. Aspetto mio compare Bernardin, che m’ ha da vegnir a levar.

Tonina. Aspetteu sior compare Bernardin, o siora comare Bernardina?

Gasparo. Cossa diavolo diseu ?

Tonina. Sior Gasparo, se me n’accorzo !

Gasparo. Via, via, butte a monte ti putlelezzi. Son omo, son maridà, e no tendo a ste frascherie.

Tonina. Ne vegnireu a levar gnanca ?

Gasparo. Oh siora sì, per vegnirve a levar, siora sì. Subito che m’ho distriga (’\ vegno a torve.)

Tonina. Riosa, dov’ è la chiave del saggiaor (^) ?

Riosa. La xe là su quel tavolin.

Gasparo. Cossa gh’ aveu bisogno della chiave del saggiaor ? No vegnirogio a levarve ?

Tonina. Se capace de farme star là fina a negra notte, e mi gh’ ho da far a casa mia, e voi vegnir co me par e piase. (1) Liberalo, sbrigato. (2) Saliscendi: v. voi. Vili, 131, n. b. Anche saltatelo: V. G. Patriarchi, Vocabolario veneziano e padovano, "i^ ed,, Padova, 1821 e Boerìo cil. [p. 401 modifica]

Gasparo. Siora no, aspettarne.

Tonina. E se no vegnissi ? (prende la chiave del tavolino)

Gasparo. Aspettème, e lasse là quella chiave. (con forza)

Tonina. No gh’aveu la vostra ?

Gasparo. Siora sì, ma veggio aver sto gusto de vegnirve a levar.

Tonina. Ben, v’ aspetterò.

Gasparo. Siora no ; so chi se ; se capace da vegnir via ; voi esser seguro de trovarve da vostra mare, e lasse là quella chiave.

Tonina. De dia! Se deveatà O una bestia, un satiro; no ve COgnosso debotlo più. (getta la chiave in terra)

Gasparo. Me fè da rider in verità.

Tonina. Andemo, andemo, che debotto... (s’incammina verso la porta)

Riosa. (Uh se el gh’avesse cuor !)

Gasparo. Andeu via con questa ?

Tonina. Se no me podè soffrir, disemelo.

Gasparo. Via matta. (dolcemente)

Tonina. No m’avè mo gnanca trova in t’un gattolo (^).

Gasparo. E tutte ste cosse, perchè son andà via senza desmissiarla.

Tonina. Perchè... perchè... no me volè ben.

Gasparo. De qua la zatta (a).

Tonina. Cossa songio, una gatta ? (gli dà la mano)

Gasparo. Cinque e cinque diese (è).

Tonina. E l’amor ?

Gasparo. No gh’è vanti.

Tonina. E l’amor ve va zozo per i calcagni ^^\

Gasparo. Ah muso d’oro veh !

Tonina. Ah tocco de baron. Stassera faremo i conti. (parte)

Riosa. Oh che stomeghezzi ! no li posso proprio soffrir. (parte) (a) Zampa, e scherzosamente per mano, (b) Cinque e cinque diese, e l’amor passa el vanto, maniera schernevole ed usitaia dai Veneziani quando prendono e danno la mano a persona di confidenza ; perciò Tonino dice, e l’amor... e Qasparo risponde, no gh’è vanti, perchè Tonina non avendo i guanti, non può dire : E l’ amor passa el vanto, cioè il guanto. (I) Anche qui è stampalo diventò. (2) Rigagnolo, fosso, smaltitoio : v. Patriarchi e Boerio; e v. Goldoni slesso, voi. XVIII, p. 85, n. e. (3) Se ne va: v. Patriarchi alla voce calcagno. 11 Bcerio spiega "viene a noia’. Vedi il Goldoni stesso, voi. Vili, p. 153, n. a. e e [p. 402 modifica]

SCENA Vili.

Gasparo solo.

Ghe veggio un ben che l’adoro a culìa, ma la cognosso. So da che pie che la zoppega. La vorave el mondo a so modo, e mi lo voggio un pochetto al mio. Vedo che co le bone no se fa gnente, bisogna provar un pochetto co le cattive. No la xe usa, la gh’ ha parso un pochetto garba (a). La se userà, la se userà. La farà a modo mio. L’ho volesta venzer anca della chiave, (la riprende da terra) Le xe cosse da gnente, ma xe meggio usarle in ste cosse piccole, per no vegnir al caso de cosse de conseguenza, (si sente a battere) Me par che i batta. La sarave bella che la fusse ella che tornasse indrio (i). (mette la chiave sul tavolino e va ad aprire)

SCENA IX.

Lissandro ed il suddetto.

Gasparo. Oh ! sè vu, sior Lissandro ?

Lissandro. Son mi, compare Gasparo. Cossa feu ! Steu ben ?

Gasparo. Che bon vento ve mena da ste nostre bande ?

Lissandro. Amicizia vecchia, amicizia vera, de cuor.

Gasparo. Ve son obbliga del vostro bon amor.

Lissandro. Xe un pezzo che non se vedemo. Cossa feu della vostra vita ? Una volta vegnivi qualche mezz’oretta al caffè, qualche sera al casin, adesso no se ve vede più.

Gasparo. Ho tira in terra (e), compare, ho fenio.

Lissandro. Per cossa ? Perchè sè maridà ? Se poi tender a casa soa, se poi esser marii e de là de marii (d), e veder qualche volta i so boni amici. Vu fè un mestier, compare, che gh’ ha bisogno de amicizie, de conoscenze, de protezion. (a) Aspra, dura, (b) Indietro, (e) Frase presa da’ gondolieri, che tirano in lena le loro barche, quando cogliono riformarle. Ho fenio, spiega V intenzion della frase, (d) Mariti e più che mariti, cioè attaccatissimi alle mogli. [p. 403 modifica]

Gasparo. Oh de questa, per grazia del cielo, no me ne manca, e de le faccende ghe n’ ho, per un principiante, che no me posso descontentar.

Lissandro. Quanto xe che no vede sior Raimondo ?

Gasparo. L’ ho visto gieri a Rialto.

Lissandro. E noi V’ ha dito gnente ?

Gasparo. Gnente.

Lissandro. Quello, vedeu, quello xe un omo da farghene capital!

Gasparo. Oh in quanto a questo, gh’ ave rason ; quel poco che gh’ ho, lo riconosso da elo, e no finirò mai de pagar le mie obligazion.

Lissandro. Sì, se vede ch’el gh’ha dell’amor. Capisso da quel che el m’ha dito^ ch’el gh’ha dell’amor.

Gasparo. De cossa ? Cossa v’ alo dito ?

Lissandro. Me despiase ch’el m’ha ordenà espressamente de no parlar.

Gasparo. Se no podè parlar, caro vecchio ^^\ no so cossa dir.

Lissandro. Ma coi amici no posso taser.

Gasparo. Ben donca, se me se amigo, parie.

Lissandro. Ma no disè che sia sta mi che ve l’abbia dito.

Gasparo. Ve prometto che no parlerò.

Lissandro. Ancuo sior Raimondo voi vegnirve a far un’ impro- visata.

Gasparo. Un’ improvisata de cossa ?

Lissandro. EI voi vegnir a disnar con vu.

Gasparo. Sei m’ ha visto gieri, e noi m’ ha dito gnente ?

Lissandro. S’el ve l’avesse dito, no la saria più improvisata. El voi vegnir ancuo a disnar da vu, elo e siora Cattma, so fia.

Gasparo. E el ve l’ ha dito a vu ch’el voi vegnir ?

Lissandro. El me r ha confida, ma el m’ ha dito che no ve diga gnente, perchè noi voi metterve in soggezion. Mi mo che ve son amigo, v’ ho voleste vegnir a avisar. Ah ! ogio fatto ben ?

Gasparo. M’ imagino che sarè anca vu della compagnia ? (I) Dito o dillo stampa a caso l’ed. Zatla. (2) "Termine amoroso de’ Veneiiani " spiega il Goldoni: voi. Il, p. 134, n. a; v. anche voi. Ili, 456, n. a e XII, 128, n. 2. [p. 404 modifica]

Lissandro. No voleu? A mezzozorno el me aspetta da elo, mon- taremo in gondola, e vegniremo insieme.

Gasparo. Me despiase una cessa.

Lissandro. Che xe mo ?

Gasparo. Che ancuo son impegna a andar a disnar fora de casa.

Lissandro. Oh vedeu ? Queste xe de quelle cosse da perder i amici, da perder i protettori, e da farse trattar da spilorza, e da omo che no gh’ ha cuor. Compatirne, xe l’amicizia che me fa parlar. Cossa voleu che diga sior Raimondo...

Gasparo. Co ’1 sa vera...

Lissandro. Cossa voleu che diga la so putta che gh’ ha tanta voggia de star un zorno co siora Tonina ?

Gasparo. L’ anderà da ella quanto che la vorrà.

Lissandro. Mo no, no, qua, in confidenza, da vu, in casa vostra.

Gasparo. Caro amigo, son impegna, e ve dirò anca con chi : da mio compare Bernardin.

Lissandro. Fè una cossa : se ve preme, se no ve podè cavar, andè, e lasse ordene a vostra muggier che la li riceva.

Gasparo. Mia muggier xe andada a disnar da so mare.

Lissandro. Eh via, cabale, invenzion ; vergogneve, un omo della vostra sorte.

Gasparo. Ve digo che la xe andada da galantomo, in parola d’onor. Vardè, per segno della verità, ho d’andarla a levar, e la m’ ha lassa la chiave del saggior.

Lissandro. Me despiase per vu ; ma assae, assae, vede, me despiase.

Gasparo. Me despiase anca a mi, ma per ancuo no ghe xe remedio.

Lissandro. E gh’avè cuor de far sta malagrazia a sior Raimondo, al qual gh’avè tante obligazion ?

Gasparo. Anderò a trovarlo, ghe farò le mie scuse.

Lissandro. No, no, no v’incomodè ; el m’ ha dito che no ve diga gnente ; no stè andar adesso a far delle chiaccole, a far ch’el me toga in urta (a).

Gasparo. Voleu ch’el vegna, e che noi me trova ? (a) Tor in urta, concepir odio, sdegno, o mala opinione per qualcheduno. [p. 405 modifica]

Lissandro. L’ avviserò mi, ghe dirò che ho savesto che andò a disnar fora de casa.

Gasparo. Oh bravo ! ve lasso l’ impegno a vu.

Lissandro. Ma scuseme, sior Gasparo, fè molto mal.

Gasparo. Oh ! i batte.

Lissandro. Mi no gh’ ho sentìo. (osservando la porta per dove è vertuto)

Gasparo. Oh, i ha battìi dall’altra banda.

Lissandro. Gh’ala do porte la vostra casa ?

Gasparo. Sior sì, se va fora anca per de là ; senz’altro sarà mio compare Bernardin che me vien a levar (a).

Lissandro. Vardè se ve podessi dispegnar.

Gasparo. Farò el passibile, ma gh’ ho paura de no podèr. (apre, e parte per V altra porta)

SCENA X.

Lissandro solo.

Ghe scometto che noi xe impegna gnente affatto, o che se el xe impegna, el se poderia despegnar, ma che el lo fa per spilor- zeria. El me giera sta dito ch’el xe deventà una legna (i), ma no lo credeva. Tolè suso (e), aveva immagina la più bella cossa del mondo : son in te l’ impegno, e sta caia (J) me fa perder el piaser e la bona occasion. Cossa dirà sior Raimondo che gh’ ho dà da intender che Gasparo l’ invidava a disnar ? E cossa dirà siora Cecilia che gh’ho dà parola? Maledetta la spilorceria de costù ! Gh’ho una rabbia che se savesse come podèr far a vendicarme... Ma zitto, che me vien un pensier. El m’ ha dito che questa xe la chiave del saggiaor. (prende la) chiave dal tavolino) Se ghe la lasse sparir ?... Ma se el torna, e che noi la trova... Vedemo la mia. (tira fuori la sua) Per diana, gh’ è poca differenza, (confronta le due chiavi) Presto, (a) Che viene a prendermi. (h) Tegna, cioè avaro. (e) Ecco, (d) Spilorcio. [p. 406 modifica] presto, scambiemola. (mette la sua sul tavolino) Ma per andar a casa da mi, che no gh’ è nissun ! Eh, co gh’ ho questa, vegnirò a tor quell’altra, (mette via la chiave di Gasparo) Oh, se la me va ben, l’ ha da esser el più bel spasso del mondo. Velo qua l’amigo.

SCENA XI.

Gasparo e detto.

Gasparo. No gh’è rimedio, ve l’ho dito, no gh’è rimedio. Sior Bernardin ch’el me manda a chiamar.

Lissandro. Perchè no gh’aveu fatto dir che ancuo el ve despensa?

Gasparo. Eh no, caro vu, che gh’ ho promesso d’ andar, e pò xe tardi ; adesso come voleu che fazza a ordenar un disnar ?

Lissandro. Per tardi no xe tardi ; ghe xe un’osteria qua taccada (a).

Gasparo. Se xe disnov’ore sonae.

Lissandro. Disnov’ ore ! M’ impegno che no le xe gnancora disdotto.

Gasparo. Me lo voleu dir a mi, che le ho sentie a sonar.

Lissandro. Me lo voleu dir a mi, che gh’ho la bocca della verità? (cerca l’orologio)

Gasparo. Coss’ è ? Aveu perso el relogio ?

Lissandro. La sarave ben bella! El me costa vinti zecchini, (cerca)

Gasparo. Lo gh’avevi stamattina?

Lissandro. Me par... Aspettè, aspettè, adesso che me arecordo... Sì ben ; l’ ho lassa tacca alla testiera del letto.

Gasparo. Andèlo a tor, andè là.

Lissandro. No posso, se ho da andar da sior Raimondo. (Sia) maledetto ! se podesse aver la mia chiave). (da sè)

Gasparo. Via donca, andè da sior Raimondo.

Lissandro. Mo adesso : par che me cazze via. (si accosta al tavolino) (a) Vicina. [p. 407 modifica]

Gasparo. Xe che mio compare me spetta.

Lissandro. Andeu per de là o per de qua ? (tenia di levar la chiave)

Gasparo. Vu per de là, e mi per de qua.

Lissandro. (Pazienzia. Vegnirò a torla col sarà andà via). Sior Gaspero, a rivederse. (andando per partire)

Gasparo. Me despiase che ancuo no posso goder sta bella com- pagnia.

Lissandro. Un’altra volta.

Gasparo. Sior sì, un’altra volta.

Lissandro. (Se me riesse... a Rialto voi che ghe demo la batta-) rella (a). (parte)

SCENA XII.

Gasparo solo.

Me despiase per sior Raimondo. In verità, el me voleva far sto onor, ghe son obbliga. Ma col saverà che giera impegna per un interesse che me poi portar del profitto, son seguro che anzi el gh averà a caro, e el me loderà. Ch’ el diga quel che el voi Lissandro, le mie scuse le voggio far. Oh an- demo. Mio compare me manda a chiamar ; bisogna che i voggia scomenzar a bonora a parlar. Gh’ ho gusto, cussi an- derò più presto a levar Tonina. Gh’ ogio la mia chiave in scarsella ? Sì ben. Ma n’ importa, xe meggio che toga anca questa za ghe la gh’è; delle volte se ghe ne poi perder una. (prende la chiave e la mette via senza guardarla) Me despiase de sior Raimondo. Ma lo pregherò de vegnirme un dì a favorir. Xe meggio che vaga per de qua, che la scurto. Vorria squasi serrar colle chiave : eh no ; za vegnirò avanti sera. (parte, e serra) (a) ì^uol dire, se mi riesce di corbellarlo, lo vuò far sapere agli amici che frequentano Rialto, e lo voglio far scorbacchiare. [p. 408 modifica]

SCENA XIII.

LissANDRo solo, poi il SUO Garzone.

Lissandro. (Apre la porla pian piano colla chiave, ed entra) Ghe n’ ha voleste avanti ch’el vaga via. Me son giazzà ( ’ ) su quella porta quel che sta ben ^^\ Vorave che vegnisse sto mio garzon. Me preme de mandar a casa a tor el relogio. Cossa diavolo falò ? L’osteria xe tanto taccada. Ma dove xe la mia chiave ? (cercando sul tavolino e per terra) Dove diavolo alo ficca la mia chiave ! Ch’el l’abbia portada via ! No crederave mai.

Garzone. Sior patron. (sulla porta con timore)

Lissandro. Vien avanti, che no gh’ è nissun.

Garzone. L’ osto xe avisà, e el vien elo in persona.

Lissandro. Gh’astu dito da sior Gasparo (^) ?

Garzone. Sior sì, da sior Gasparo.

Lissandro. Gh’ astu parla de mi ?

Garzone. Mi no, gnente.

Lissandro. Vorria che ti andassi... Aspetta, caro ti, che no trovo sta maledetta chiave. Bisogna seguro che senza abbadar, el l’abbia portada via. Pazienza ^"^K Bisognerà sta sera che fazza averzer da un favro, e che domattina fazza muar (^^ la serradura.)

Garzone. Comandela altro ?

Lissandro. Aspetta.

Garzone. Vedo l’osto che vien su de la scala.

Lissandro. Va là, va in cusina, fa del fogo, e impizza el fogo in tinello (a).

Garzone. No son miga pratico de sta casa.

Lissandro. Va drento de quella porta, (accenna la porta di fondo) e ti troverà tutto. (a) Tinello : stanza dove si mangia. (1) Agghiacciato. (2) Ben bene, assai: voi. Vili, 150, n. b. Manca tale espressione nel dizionario del Boerlo. (3) In questa scena e nella seguente 1" ed. Zatta dice Gatpero, ma in ogni altro luogo della commedia è stampato tempie Gasparo. (4) Così in questo luogo il testo dello Zatta; più comunemente pazienzia. (5) Mutare. [p. 409 modifica]

Garzone. E se non ghe xe fogo ?

Lissandro. Battilo.

Garzone. E se no trovo Tazzalin ?

Lissandro. Eh, el diavolo che te porta colle to difficoltà. (Garzone parte)

SCENA XIV.

L’ Oste ed il suddetto.

Lissandro. Vegnì avanti, sior paron.

Oste. La me comandi.

Lissandro. Nu gh’avemo bisogno de vu, presto, pulito, e no vardè bezzi.

Oste. Per quanti ?

Lissandro. Aspetta. Do e do quattro, e do sia... per sette; per sie o sette.

Oste. Vienle da mi, o vorle che le serva qua ?

Lissandro. Qua, qua, da sior Gasparo. Lo cognosseu sior Gasparo senser ?

Oste. Lo cognosso de vista. So ch’el xe una persona civil, ma noi m’ ha mai fatto l’ onor de spender un soldo alla mia osteria.

Lissandro. Ben, caro vecchio, tutte le cosse gh’ha d’aver el so principio ; el principierà ancuo (a).

Oste. Noi ghe xe in casa sior Gasparo ?

Lissandro. Noi ghe xe ; el m’ ha dà l’ incombenza a mi.

Oste. La perdoni, e ella ? La so riverita persona ?

Lissandro. Mi son so fradello.

Oste. Me ne consolo infinitamente, (cavandosi la berretta o il cap-) pello) E... la perdoni, la pagherà ella ?

Lissandro. Pagherà mio fradello. Gh’aveu qualche difficoltà ?

Oste. Gnente affatto. Me maraveggio.

Lissandro. Gh’ ho ben campo de vegnir spesso alla vostra bottega. (a) Oggi. [p. 410 modifica]

Oste. La vederà che gh’averò ambizion de servirle. Quanti piatti comandele ?

Lissandro. Sentì, amigo. Mio fradello xe un omo che in te le occasion no se fa vardar drioC) ; trattelo ben, e no ve dubitè gnente.

Oste. Per esempio, cento risi colla quagietta (a)?

Lissandro. Sì ben.

Oste. Un bon pezzo de trioKa de lai suttilo (i) ?

Lissandro. Anzi.

Oste. Un cappon impasta col balsamo del Perù (e) ?

Lissandro. Anca con quel della Mecca, se volè.

Oste. Un fracassè all’ ultima moda ?

Lissandro. Bravo ! evviva la moda !

Oste. Ma ghe raccomando el piatto.

Lissandro. Come el piatto ?

Oste. Perchè m’ impegno che le magnerave anca el piatto.

Lissandro. Ho capìo ; son cortesan ^^\ e no ghe arrivava.

Oste. Lattesini certo (d).

Lissandro. S’ intende.

Oste. Figa de vedello (e) ?

Lissandro. No ghe xe risposta (/).

Oste. Vorla che fazza un contrabbando ?

Lissandro. Che xe mo ?

Oste. Che ghe daga una lengua de manzo salmestrada co le mie man ?

Lissandro. Magari!

Oste. La sentirà che roba ! altro che cale dei Fuseri ! (g) La sen- tirà. Cosa vorla de rosto ?

Lissandro. Cossa gh’aveu de bon? (a) Un piatto di riso colle quaglie, (b) Un bon pezzo di carne di manzo, taglio di coscia, (e) Un cappone grosso. (J) Animelle, (e) Fegato di vitello. (/) Ci s’intende, (g) JìUude alla riputazione che ha il luganegher, o sia pizzicagnolo di calle dei Fuseri per le lingue salate di fresco. ( I ) " Dar da dire o da parlare di ti’: Patriarchi e Boerio. (2) Uomo di mondo, avveduto: Boerio. V. voi. Il, p. 105, n. e. [p. 411 modifica]

Oste. Tutto quel che la voi, lonza, straculo (’\ cingial, lievro,) agnello, cavretto, polastri, dindi, capponi, ànere, quaggie, galli- nazze, beccanotti, pernise, francolini, fasani, beccafighi, tutto quel che la voi.

Lissandro. Tutta sta roba gh’avè?

Oste. La comandi, e no la dubita gnente. Semo a Venezia, sala ! no ghe nasse gnente, e ghe xe de tutto, e a tutte le ore, e in t’ un batter d’ occhio se trova tutto quel che se voi. La comandi.

Lissandro. M’avè minzonà (a) tanta roba, che m’avè confuso la fantasia.

Oste. Faremo cussi : una lonza, sie gallinazze, e do pollastrelli.

Lissandro. Sì ben.

Oste. Vorla una torta?

Lissandro. Perchè no ?

Oste. Una crema de cioccolata ?

Lissandro. Sior sì.

Oste. Ostreghe ghe ne vorla ?

Lissandro. Oh sì apponto, le ostreghe.

Oste. Ghe voria anca la so tartuffoletta maligna (b).

Lissandro. No disè mal ; e che sior Gasparo se fazza onor.

Oste. No la se indubita, che el xe in bone man.

Lissandro. Me par anca mi.

Oste. Cessa comandela per el deser (^) ?

Lissandro. Vu sè omo capace ; fè tutto quel che volè.

Oste. La se lassa servir, e no la gh’abbia travaggio (e) de gnente.

Lissandro. Ma disème, caro sior...

Oste. Paron Menego, per servirla.

Lissandro. Caro sior paron Menego, questo che m’avè esibìo, noi xe miga un disnar da ostaria. (a) Nominato, (b) Quesl’ epiteto di maligna è in questo senso un’espres- sione cortegianesca adottata dell’uso, e difficile da spiegarsi, perchè non indica cosa cattiva, ma all’ incontro cosa buona, ricercata e piacevole. (e) Timore. (I) Coscia, comunemente del vitello: voi. XVIII, p. 33, n. d. (2) Dal francese dessert, frutte varie in fin di tavola, giardinetto. [p. 412 modifica]

Oste. Bravo! La gh’ha rason. Ma no la sa che gh’ ho do cusine, do capi cuoghi, do caneve, e do botteghe ? Mi ghe darò da disnar, se la vuol, scomenzando da diese soldi a testa, fina a diese zecchini, se la comanda.

Lissandro. Sior sì, ho capio tutto. Ma aspettè, caro vecchio... (vorave farghela portar a sta caia de sior Gasparo, ma no voria) mo gnanca rovinarlo), (da sè) Disème, sior paron Menego, ap- presso a poco quanto ne fareu spender in sto nostro disnar ?

Oste. E1 vin se lo porteli lori?

Lissandro. Vu ave da metter tutto. Pan, vin, frutti, biancheria, possade, piatti, tutto quel che bisogna.

Oste. Anca i piatti da tovaggiol ?

Lissandro. No so, per quelli no credo ; ve saverò dir (anderò a) veder se ghe xe el bisogno in cusina). (da sè)

Oste. La senta, co la voi un disnar da par soo, con tutto quel che s’ ha dito, manco de do zecchini a testa mi no la posso servir.

Lissandro. No, amigo, mio fradello sta spesa noi la voi far ; un zecchin a testa, e gnanca un bezzo de più. (Per sie o sette) zecchini, la se ghe poi far portar). (da sè)

Oste. Mi le servirò a quel prezzo che le comanda ; za le tartuf- fole con sti sirocchi le xe patìe.

Lissandro. N’ importa, faremo de manco.

Oste. Le ostreghe chi le ghe piase, e chi no le ghe piase.

Lissandro. Xe vero.

Oste. Mezza gallinazza per omo, le gh’ha da magnar quanto che le voi.

Lissandro. No andè avanti altro, compare ; fermeve là.

Oste. Sarà difficile che a st’ora trovemo dei lattesini.

Lissandro. Oh compare, compare, no me de in te la gola ; no me tocche i lattesini.

Oste. Vorle spender un zecchin a testa ?

Lissandro. Sior sì, ma ben lo volemo spender.

Oste. La lassa far a mi, che ghe lo farò spender ben. (comincia a partire) [p. 413 modifica]

Lissandro. E presto. (s’incammina verso l’appartamento)

Oste. In un batter d’occhio. (camminando)

Lissandro. E pulito. (camminando)

Oste. La vederà. (camminando)

Lissandro. Pan ? (camminando)

Oste. Da Marocco. (camminando)

Lissandro. Vin ?

Oste. Da Vicenza.

Lissandro. Da bravo, sior paron Menego.

Oste. La sarà contenta de mi. (parte per la porta della scala)

Lissandro. E sior Gasparo pagherà. (parie per la porta di mezzo) Fine dell’ Allo Primo.

[p. 414 modifica]