Pagina:Marino, Giambattista – Adone, Vol. II, 1977 – BEIC 1871053.djvu/817

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


apostrofare {a qualcuno), intr., IV 71.

appalesare, tr., palesare, I 74.

appannare, tr., coprire, velare. III 135; offuscare, IX 68, X 133: dissimulare, II 120; dial. napol., chiudere, II 71; III 68; IX 37; -XIII 226; XVII 162; XVIII 121 [Col].

apparato, in., allestimento scenico, V 131; XX 10.

apparecchio, m., preparativo, IV’ 51; apparecchiatura, servizio (la stanza da bagno), VIII 68; apparato, suppellettile, X 169.

appostare (il colpo), tr., drizzare il colpo, mirare, XX 264 [cfr. Ariosto, O.F. I 74].

appregiare, tr., ‘pregiare’, apprezzare, li 94 -

apprestare, tr.. preparare, addestrare (in senso teatrale, il regista, gli attori), V 122.

approccio, m., milit., insieme di appostamenti per investire al coperto una piazza assediata, XIII 202.

appuntare (il ferro), tr., puntarlo, XX 244 [Berni, O.J LIX 27: « la spada ... gli appunta *].

aprire, tr., II 140 (t— un lampo*, far balenare un chiarore); XVIII 236 («— il muso », cominciare a parlare, di animale, sul modello di ‘aprir la bocca’); XX 8 (• il giorno», far apparire il sole).

aquedotto, m , anat., acquedotto (canale interno dell’orecchio), VII 12 (Col].

aragno, f., figur. anat., una delle tuniche deH’occhio (‘ aranea ’), VI 32 Col]; figur.

ragna, rete. VI 48.

aragno, ni., ragno, X 137.

arare’, tr.. figur., solcare di rughe, XII t6.

arare 2 , tr figur., pettinare. XVII 74.

arboreggiarc. intr., crescere in albero, XVIII 170 [Col].

archetto, m , mus., per suonare la cetra, VII 60.

architeitrue, f.. XIX 346 [Col].

architettura, f. , struttura architettonica, VI io [cfr. Ariosto, O.F. III 7]; macchina grandiosa (la sfera), X 170.

archi-ciò, m., figur. (« profondo / — impenetrabile »). IV 60 [primo es. di uso figur. in Marino, Proserpina, 43-44: * 1 ’— cupo / de le leggi immortali»].

arciero, m., figur., sagittario o alfiere (degli scacchi), XV 147, 160, 162.

arco 1 , m., arcobaleno, V 142, IX 108.

arco 2 , m., volta naturale d’accesso a una caverna, XIV’ 64 [primo es. Marino, Atteone, 316].

arco d’onda, figur., cresta dell’onda, XIX

286.

anlitetta, agg. f. dim., III 151.

ardito, agg., sfacciato, XX 85.

argomento, m., materia d’un’opera teatrale, dichiarata nel prologo, V 124.

arguto, agg., sonoro, melodioso, IV’ 4; VII 10,30.

aria, f., aspetto, sembianza. III 78, 83 (gioco di parole nell’augurio fatto alle « aure » di avere sempre «— serena»); XIX 296; XX 47, 358 (di cavallo che ha « bell’— »); spazio celeste, XVIII 150.

arista, f., latin., spiga, IV 219; VII 158; XVIII 231.

armare, intr. sost., essere armato, andare armato, XIV 16.

armario, m., armadio, X 152.

armatura, i., per est. arma (qui; arco), XX 58.

armeggiare, intr., fare esercizi con le armi, maneggiarle (particolarm. in torneo), V’ 135; XX 196; saper usare le armi, XIX 304 , 361-

armeggiatore, ni., chi partecipa a giochi d’arme, XX 367 [cfr. Berni, 0 . 1 . XV’II 31]-

armentiere, in., armentario, guardiano del l’armento, IX 103 (« — d’Anfriso»; Apollo).

armonico, agg., armonioso, musicale, VII 8; fatto ad arte, armoniosamente tínto, V’ 136.

aromati, m. pi., aromi, IV 291; VI 114; XX 145 -

arpagone, m., milit., macchina d’assedio, rampone, X 150.

arrabbiata voglia, folle, morboso desiderio V 95 [cfr. Anguillara, VIII 369].

arrancata (a voga —), locuz. aw., (vogando) con energia, XVII 97 [Col].

arrestare, tr., porre in resta, XIV 361, XX 273 -

arricciare (il labbro), tr., in segno di di-