Pagina:Doni, Anton Francesco – I marmi, Vol. II, 1928 – BEIC 1814755.djvu/269

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
164 i marmi


Niccolò Martelli, vedi Martelli Niccolò.

— Salamoni, vedi Salamoni Niccolò.

— Tiepolo, vedi Tiepolo Niccolò.

Nicolò, vedi Niccolò.

Nino, re di Babilonia, fece molte guerre, I, 13.

Nisa, pastorella, I, 117.

Nobile, vedi Peregrini accademici.

Norchiati Giovanni, interlocutore, I, 76-81; lodato, I, 244-245.

Norcia (da) sibilla, vedi Sibilla da Norcia.

Notte, statua, vedi Buonarroti.

Numa Pompilio, onorò i templi, I, 43 Numidi, usi nuziali, I, 73.

Nuto, pescatore, interlocutore, I, 109-128.

O

Officina Textoris, prontuario enciclopedico, I, 156, 230.

Ogni Santi (d’) Mauro, astronomo assai riputato, I, 16.

Olimpo, monte, delle sue meraviglie scrisse Areta, I, 92.

Omero, modello di lingua, I, 93; diè fama a Ulisse, I, 161; prediletto da Alessandro Magno, II, 163.

Onasicrate, filosofo, alla corte di Alessandro Magno, II, 162.

Onestá, ufficio, vedi Firenze.

Orazio Fiacco Quinto, pela Ennio, I, 160; ornamento dell’etá di Augusto, I, 182.

Orbatello, luogo, vedi Firenze.

Orfeo, guida al Doni all’Inferno, II, 218.

Organi (degli) Pierino di Baccio vedi Pierino di Baccio degli Organi.

Oria (d’), marchese, ornamento di Napoli, I, 133.

Orlandini (degli) Pollo, interlocutore, I, 274-279.

Orlando, cantato in istanze, I, 109; proverbiale per il coraggio, T, 249; furioso, vedi Ariosto.

Orsanmichele, vedi Firenze.

Orsilago, suo capitolo sul buon essere di Livorno, I, 118-121.

Orsini Giordano, senatore di Roma, concede con Orso dell’Anguillara il privilegio della laurea al Petrarca, I, 261-264.

Orso (d’) figli, vedi Orsini.

— dell’Anguillara, vedi Anguillara (dell’) Orso.

Ortelata (d’) Neri, deriso per la sua ortografia, I, 131.

Orto San Michele, vedi Firenze.

Orvieto, menzionata, I, 62.

Otri, fra genovesato e Lombardia, II, 151.

Ottaviano, vedi Augusto Ottaviano.

Otto, magistrati, vedi Firenze.

Ovidio Nasone Publio, chimerizzava mondi nuovi, I, 5; Medea e Fasti, I, 176; ornamento dell’etá di Augusto, I, 1S2; sua licenza, I, 187; citato, ri, 189.

Ozia, re degli Ebrei, I, 28.

P

Padova, erane canonico il Petrarca, I, 206; canonico del duomo Bernardino Argentino, II, 149; evvi scolaro Francesco Spirito, II, 222.

Pafíagonia, fonte, II, 221.

Pagamorta, vedi Mazzuoli Giovanni.

Paganelli Neri, interlocutore, I, 220-229; II, 15-19, 37-42.

Palmieri Matteo, guida al Doni all’Inferno, II, 218.