Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo IX, Indici, Classici italiani, 1826, XVI.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

generale 57

aprirla a pubblico uso ivi; due altre aperte da Augusto 583; aperte da Tiberio II, 365; da Vespasiano 367; da Domiziano 368; da Traiano ivi; da Adriano 370; incendio di alcune di esse al tempo di Nerone e di Tito 365; quella della Pace incendiata 513; ridotte a picciol numero 514; a’ tempi più tardi se ne contavano ventinove 690; se la palatina fosse incendiata per ordine di S. Gregorio III, 163.

Biblioteche, loro scarsezza nel secolo decimolerzo IV, 120; con questo nome denotavasi spesso una copia della sacra Scrittura 121; alcune di esse nominate 125; biblioteche d’Italia nel secolo decimoquarto V, 134; lusso in esse introdotto 181; pubbliche e private formate in Italia nel secolo decimoquinto VI, 188; biblioteche italiane nel secolo decimosesto VII, 323; vaticana ivi; medicea 331; estense 332; veneta di S. Marco 337; di Torino 358; d’Urbino 340; di molti privati 341; biblioteche italiane nel secolo decimosettimo VIII, 93; vaticana, suoi accrescimenti 95;
altre pubbliche e private in Roma 99; in Bologna, in Ferrara, in Ancona 108; mediceo-laurenziana 110; altre in Firenze 118; in Venezia 120; in Padova e in Verona 122; in Napoli 124; in Torino 126; in Genova ivi; in Ventimiglia ivi; in Modena 130; in Parma 131; in Milano 134.

Biblioteche ecclesiastiche e monastiche II, 597, 691; biblioteche distrutte ne’ tempi barbari III, 144, 279; biblioteche del Gran signore, e di S. Lorenzo dell’Escurial, se siavi un codice intero di Livio I, 453, 455.

Bibliotecarj, chi fossero presso i Romani I, 587; nomi di alcuni di essi sotto i primi Cesari II, 371.

Bibliotecarj della chiesa romana, loro serie III, 148, 282; interrotta verso la metà del secolo duodecimo 415; V. Biblioteca vaticana.

Bicchieri Guala, V. Guala.

Bidino in Sicilia: Marineo Lucio.

Biffi Ambrogio dotto nella lingua greca III, 487.

Biffi Giovanni poeta VI, 1349.

Biffi Niccolò, sua traduzione di Claudiano VIII, 686.