Pagina:Iliade (Monti).djvu/665

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
332 tavola

Boro, padre di Festo. I, 107. Figl. di Periereo. II, 92.

Briareo, gigante di cento mani, detto dagli uomini Egeone, soccorre Giove. I, 17.

Brisee, luogo. I, 50.

Briseide, figl. di Briseo e schiava d’Achille, pretesa da Agamennone, per aver dovuto rendere Criseide. I, 9. Agamennone manda a richiederla, 14. Achille commette a Patroclo che la consegni, ivi. Per cagione di lei Achille lamentasi, piangendo, alla madre, 15. Piange Patroclo morto. II, 187. Dorme a lato d’Achille, 318.

Briseo, padre di Briseide. I, 16.

Bucolo, padre di Sfelo. II, 67.

Bucolione, figl. di Laomedonte, padre di Esepo e Pedaso. I, 144.

Budio, luogo. II, 109.

Buprasio, città. I, 52, 289. II, 283.

C


Cabeso, luogo. II, 15.

Cadmei, popoli. I, 97, 137. II, 284.

Caistro, fiume. I, 45.

Calcante, figl. di Testore, indovino. I, 4. Mostra ai Greci che Apollo abbia mandato loro la peste, per avere Agamennone negato a Crise il riscatto della figliuola, 5. È maltrattato con parole da Agamennone, ivi. Spiega l’augurio del drago e de’ passerotti, 39. Sotto sua sembianza sono incoraggiati da Nettunno i due Aiaci. II, 3.

Calcide, città. I, 48, 53.

Calcodonte, padre d’Elefenorre. I, 48, 100.

Calconte, padre di Baticle. II, 110.

Calesio, servo d’Assilo, ucciso da Diomede. I, 144.

Caletore, figl. di Clizio, ucciso da Aiace. II, 70.

Calidne, isole. I, 54.

Calidone, città. I, 53, 230.

Callianassa, ninfa Nereide. II, 155.

Callianira, ninfa Nereide. II, 155.

Calliaro, città. I, 48.

Calone, luogo. I, 289.

Camiro, luogo. I, 53.

Capaneo, padre di Stenelo. I, 49, 98, 109, 114.

Capi, figl. d’Assaraco e padre d’Anchise. II, 202.

Cardamile, città. I, 215.

Careso, fiume. I, 294.

Caria, provincia. I, 61, 88, 253.

Carite, moglie di Vulcano. II, 168.

Caristo, città. I, 48.

Caropo, figl. d’Ippaso e fratello di Soco, ferito da Ulisse. I, 276.

Caropo, padre di Nireo, capitano. I, 54.

Caso, città. I, 54.

Cassandra, figlia di Priamo. II, 319.

Castianira, madre di Gorgizione. I, 197.

Castore, fratello di Polluce. I, 72.

Cavalle d’Admeto Fereziade allevate da Apollo. I, 57. D' Erittonio amate da Borea. II, 201.

Cauconi, popoli. I, 253.