Pagina:Iliade (Monti).djvu/682

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

delle cose notabili 349
Mirmidoni, popoli. I, 14, 54, 170 e altrove.

Mirsino, città. I, 52.

Misii, popoli. I, 61,253. II, 1.

Mneso, ucciso da Achille. II, 221.

Molione, ucciso da Ulisse. I, 272.

Molioni, due figliuoli d’Attore, investiti da Nestore e salvati da Nettunno. I, 289.

Molo, padre di Merione. I, 247.

Mori, figlio d’Ippozione. II, 31. Ucciso da Merione, 53.

Morte: insieme col Sonno suo fratello porta il cadavero di Sarpedonte in Licia. II, 113.

Mosca: sua importunità. II, 144.

Mulio, ucciso da Nestore. I, 288.

Mulio, ucciso da Patroclo. II, 114.

Mulio, ucciso da Achille.II, 210.

Muse, figliuole di Giove, puniscono Tamiri, che s’era vantato di superarle nel canto. I, 51.


N


Naide. V. Ninfa.

Naste, figlio di Nomione, capitano de’ Carii. I, 62.

Naubolo, padre d’Ifito. I, 47.

Nemerte, ninfa Nereide.II, 155.

Nerito, isola. I, 52.

Nesea, ninfa Nereide. II, 155.

Nestore, re de’ Pilii, figlio di Neleo e padre d’Antiloco, esorta Agamennone ed Achille a far la pace. I, 11. Esorta i capitani a render l’armi, 30. Parla al popolo e consiglia a vendicare il ratto d’E-
lena, 41. Sollecita Agamennone alla battaglia, 44. Comanda novanta navi, 50. Conforta i Greci a fare strage de’ Troiani, 146. Anima i Greci ad accettare il duello con Ettore, 169. Fa estrarre a sorte a chi debba toccare, 171. Propone la tregua per dar sepoltura a’ morti, 177. Gli è ferito un cavallo da Paride, 188. È soccorso da Diomede, 189. Lo consiglia a fuggire, 191. Parla in consiglio, 211. Persuade ad Agamennone di placare Achille, 213. Elegge i deputati a questo affare, 215. Sveglia Ulisse, 242. Sveglia Diomede, 243. Cerca in consiglio chi voglia spiare gli andamenti de’ Troiani, 245. Accoglie Diomede e Ulisse tornati da spiare il campo de’ Troiani, 257. Conduce alle navi Macaone ferito, 280. Prega Patroclo che muova Achille alla difesa de’ Greci, 285. Da giovane uccise Itimoneo figlio d’Iperoco, 286. Uccise Mulio, 288. Resta in compagnia d’Achille dopo la morte di Patroclo. II, 188. Instruisce Antiloco nel giuoco de’ cocchi, 271.

Nettunno, insieme con Giunone e Minerva, vuole legar Giove. I, 17. Protettore d’Onchesto, 47. Si duole con Giove de’ Greci, 181. Nega a Giunone di opporsi a Giove, 193. In persona di Calcante parla a’ due Aiaci, e infonde loro nuove forze. II, 3. Va incoraggiando altri