Pagina:Iliade (Monti).djvu/681

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
348 tavola
ferisce in un braccio, 21. Uccide Adamante, 22. Uccide Arpalione, 26. Uccide Mori e Ippozione, 53. Uccide Acamante, 99. Uccide Laogono, 110. Insieme con Menelao porta alle navi il cadavero di Patroclo, 150. È preso per compagno da Ulisse, 186. Giuoca al corso de1 cocchi, 273. Ha in premio due talenti, 282. Giuoca con Teucro a tirare a segno colle frecce, 291. Ha in dono un’asta da Achille, 292.

Mermero, ucciso da Antiloco. II, 53.

Merope, padre d’Adrasto e d’Anfio. I, 60.

Messa, città. I, 50.

Messide, fontana in Argo. I, 161.

Mestle, figlio di Pilemene, capitano de’ Troiani. I, 61. II, 131.

Metone, città. I, 56.

Micale, monte. I, 62.

Micalesso, città. I, 46.

Micene, città. I, 50, 97.

Midea, luogo. I, 47.

Midone, ucciso da Antiloco. I, 128.

Migdone di Frigia: in suo soccorso andò Priamo, quando combattè colle Amazzoni. I, 70.

Mileto, città. I, 53, 61.

Minerva: impedisce ad Achille d’uccidere Agamennone. I, 9. Insieme con Giunone e Nettunno volle legar Giove, 17. Prega Ulisse che s’opponga alla fuga de’ Greci, 34. Instiga Pandaro a ferir Menelao, 86. Si ritira con Marte
dalla battaglia, 106. Conforta Diomede, 110. Motteggia con Giove sulla ferita di Venere, 121. Va con Giunone in soccorso de’ Greci, 135. Rimprovera la sua paura a Diomede, 136. Monta sul cocchio e va con questo eroe ad assalire Marte, 138. Non accetta il voto delle donne Troiane, 155. S’accorda con Apollo a far sospendere la guerra, 166. Risponde a Giove nel parlamento degli Dei. 186. Risponde a Giunone, 200. Va a soccorrere i Greci insieme con lei, 201. Son fatte tornare indietro da Iride, 202. Trattiene Marte che non si vendichi della morte d’Ascalafo. II, 59. È mandata da Giove in soccorso de’ Greci, 143. In sembianza di Fenice conforta Menelao a difendere il cadavero di Patroclo, 144. Ristora Achille con ambrosia e néttare, 189. Lo difende da un colpo d’Ettore, 209. Lo soccorre in pericolo d’annegare, 224. Colpisce Marte con un macigno, 228. Percuote Venere nel petto, 229. In sembianza di Deifobo persuade Ettore a combattere con Achille, 246. Aiuta Diomede a vincere il giuoco de’ cocchi, 274. Aiuta Ulisse a vincere Aiace nel corso, 288.

Minete, figlio d’Eveno. I, 55.

Minete, re della patria di Briseide, II, 188.

Mirinna: suo monumento. I, 59.