Memorie di Carlo Goldoni/Indice

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Indice

../Appendice IncludiIntestazione 3 dicembre 2019 75% Da definire

Carlo Goldoni - Memorie (1787)
Traduzione dal francese di Francesco Costero (1888)
Indice
Appendice
[p. 373 modifica]

INDICE.

Avvertenza ||
   » 5
Prefazione dell’Autore ||
   » 7

PARTE PRIMA.

Cap.I. ||
Mia nascita e miei genitori ||
   » 11
  »II. ||
Mio primo viaggio, miei studi di Umanità ||
   » 13
  »III. ||
Nuovo divertimento comico. Arrivo di mia madre a Perugia ||
   » 15
  »IV. ||
Mio viaggio a Rimini. Studio di Filosofia. Mia prima relazione con i comici ||
   » 17
  »V. ||
Barca dei commedianti. Stupore di mia madre. Lettera aggradevole del mio genitore ||
   » 19
  »VI. ||
Dialogo fra mio padre e me. Nuove occupazioni ||
   » 21
  »VII. ||
Mia partenza per Venezia. Colpo d’occhio di questa città. Mio collocamento in casa di un procuratore ||
   » 24
  »VIII. ||
Mia partenza per Pavia. Mio arrivo a Milano. Primo colloquio col marchese Goldoni ||
   » 26
  »IX. ||
Mio allogamento in collegio ||
   » 28
  »X. ||
Mie prime vacanze. Mia partenza per Modena ||
   » 30
  »XI. ||
Viaggio per Pavia. Colloquio col marchese Goldoni. Secondo anno di collegio ||
   » 31
  »XII. ||
Viaggio dilettevolissimo. Discorso da me composto. Pericolo di assassinio. Fermata a Milano in casa del marohese Goldoni ||
   » 34
  »XIII. ||
Terzo anno di collegio. Mia prima ed ultima satira. Mia espulsione dal collegio ||
   » 36
  »XIV. ||
Viaggio malinconico. Incontro singolare ||
   » 39
  »XV. ||
Mio arrivo a Chiozza. Seguito di aneddoti del reverendo Padre. Mio viaggio a Udine. Saggio sopra il Friuli ||
   » 41
  »XVI. ||
Teresa: aneddoto piacevole ||
   » 44
  »XVII. ||
Mio viaggio a Gorizia e a Wippak. Piacevole divertimento campestre. Corsa in Germania ||
   » 48
  »XVIII. ||
Ritorno a Chiozza. Partenza per Modena. Orribile spettacolo ||
   » 51
  »XIX. ||
Sempre a Chiozza. Aneddoto di una religiosa e di una educanda ||
   » 55
  »XX. ||
Mio arrivo a Feltre. Mie prime opere comiche. Miei amori ||
   » 58
[p. 374 modifica]
  »XXI. ||
Mio imbarco per Ferrara. Viaggio a Faenza. Morte del mio genitore ||
   » 60
  »XXII. ||
Mio dottorato ||
   » 63
  »XXIII. ||
Mio ricevimento nel corpo degli avvocati ||
   » 66
  »XXIV. ||
Tratto singolare di un avvocato veneziano. Almanacco di mia invenzione. Amalasunta, tragedia ||
   » 68
  »XXV. ||
Mia prima arringa. Mie avventure con una zia ed una nipote ||
   » 70
  »XXVI. ||
Seguito del capitolo precedente ||
   » 73
  »XXVII. ||
Mio viaggio da Padova a Milano. Corsa per il lago di Garda a Salò. Conforto inaspettato in questa città ||
   » 75
  »XXVIII. ||
Mia prima visita al residente di Venezia a Milano. Lettura della mia Amalasunta ||
   » 78
  »XXIX. ||
Sacrifizio della mia Amalasunta. Apertura dello spettacolo per mezzo mio. Piccola operetta da me composta ||
   » 80
  »XXX. ||
Milano sorpresa dalle armi del re di Sardegna. Ritorno del residente da Venezia a Milano. Sua e mia partenza per Crema ||
   » 84
  »XXXI. ||
Restituzione del castello di Milano. Nuove mie occupazioni teatrali. Rottura fra il residente e me ||
   » 87
  »XXXII. ||
Battaglia di Parma del 733. Avvenimento dolorosissimo per me ||
   » 90
  »XXXIII. ||
Ospitalità del curato di Casal Pusterlengo. Lettura al medesimo del mio Belisario. Viaggio a Verona ||
   » 93
  »XXXIV. ||
Verona. Mia prima lega con i comici ||
   » 95
  »XXXV. ||
La Pupilla, intermezzo. Mio arrivo a Venezia. Colpo d’occhio di questa città in tempo di notte ||
   » 97
  »XXXVI. ||
Prima rappresentazione del Belisario, della Pupilla, di Rosmonda. Quella della Birba ||
   » 99
  »XXXVII. ||
Griselda, tragedia. Mio viaggio a Udine. Spettacolo preparato all’apertura del teatro di Venezia»’ ||
   » 102
  »XXXVIII. ||
Mio ritorno a Venezia ||
   » 104
  »XXXIX. ||
Mio Convitato di Pietra. Mio viaggio per Genova. Colpo d’occhio di questa città. Mio matrimonio. Mio ritorno a Venezia ||
   » 107
  »XL. ||
Ritorno a Venezia con mia moglie. Rinaldo di Montalbano, tragicommedia. Enrico Re di Sicilia, tragedia. L’uomo di mondo, commedia ||
   » 111
  »XLI. ||
Gustavo Vasa, opera. Il Prodigo, commedia. Le trentadue disgrazie d’Arlecchino, commedia. La notte critica, commedia ||
   » 114
  »XLII. ||
Mutazione del mio stato. Oronte, opera ||
   » 117
  »XLIII. ||
Sospensione delle mie rendite di Modena. La Donna dì garbo, commedia ||
   » 118
  »XLIV. ||
Preparativi per il mio viaggio. Statira, opera. Mia grande sciagura. Partenza per Venezia ||
   » 121
  »XLV. ||
Mio imbarco per Bologna. Viaggio a Rimini. Mia presentazione al duca di Modena. Compagnia di comici a Rimini. Il Mondo della Luna, commedia ||
   » 124
  »XLVI. ||
Cattivo alloggio a Pesaro. Tristo avvenimento ||
   » 127
  »XLVII. ||
Mio arrivo a Rimini. Renunzia al consolato di Genova. Mia partenza per la Toscana ||
   » 129
  »XLVIII. ||
Mio arrivo a Firenze. Mia gita a Siena. Viaggio a Volterra. Rarità. Mio arrivo a Pisa ||
   » 131
  »XLIX. ||
Alcune parole sopra la città, di Pisa ||
   » 133
[p. 375 modifica]
  »L. ||
Mia commedia intitolata Il Figlio di Arlecchino perduto e ritrovato. Cause trattate in Pisa ed in Firenze ||
   » 136
  »LI. ||
Colloquio singolare con un comico. Nuova commedia. Mio viaggio a Livorno ||
   » 138
  »LII. ||
Visita del signor Medebac. La commedia della Donna di garbo. Mio impiego con Medebac. Addio a Pisa ||
   » 141
  »LIII. ||
Mio arrivo a Mantova. Aggiustamento dei miei affari colla banca ducale di Modena. Viaggio per Venezia ||
   » 144

PARTE SECONDA

  »I. ||
Tonino bella-grazia, commedia. L’uomo prudente, commedia. I due Gemelli veneziani, commedia ||
   » 146
  »II. ||
Critiche delle mie commedie. La Vedova scaltra, commedia. La Putta onorata, commedia ||
   » 149
  »III. ||
Critiche delle mie nuove commedie. ||
   » 152
  »IV. ||
La buona Moglie, commedia. Il Cavaliere e la Dama, o i Cicisbei, commedia ||
   » 155
  »V. ||
Prova della Vedova scaltra. Mia apologia. Quando fu instituita la censura delle rappresentazioni teatrali in Venezia ||
   » 158
  »VI. ||
L’Erede fortunata, commedia ||
   » 159
  »VII. ||
Il Teatro Comico, commedia. Le donne puntigliose, commedia. Il Caffè, commedia ||
   » 160
  »VIII. ||
Il Bugiardo, commedia. L’Adulatore, commedia. La Famiglia dell’Antiquario, commedia. Traduzione fattane in francese ||
   » 164
  »IX. ||
Pamela, commedia. Il Cavalier di buon gusto, commedia. Il Giuocatore, commedia ||
   » 167
  »X. ||
Il vero Amico, commedia. La finta malata, commedia. La Moglie prudente, commedia ||
   » 170
  »XI. ||
L’Incognita, commedia. L’Avventuriere onorato, commedia. La Moglie capricciosa, commedia. I Pettegolezzi, commedia. Adempimento del mio impegno ||
   » 174
  »XII. ||
Proposta della prima edizione del mio Teatro. Mio viaggio a Torino. Mio viaggio a Genova. Mio ritorno a Venezia. Prima rappresentazione del Molière in questa capitale ||
   » 177
  »XIII. ||
Il Padre di famiglia, commedia. L’Avvocato veneziano, commedia. Il Feudatario, commedia. La figlia obbediente, commedia ||
   » 180
  »XIV. ||
La serva amorosa, commedia. La moglie di buon senso, commedia. I Mercanti, e Le donne gelose, commedie ||
   » 182
  »XV. ||
Mio viaggio a Bologna. I Bisticci domestici, commedia. Il Poeta fanatico, commedia ||
   » 185
  »XVI. ||
Avviso a Medebac della nostra separazione per l’anno seguente. Mio impegno contratto col proprietario del Teatro San Luca. La Locandiera, commedia di tre atti senza maschere. L’amante militare, commedia. Le Donne curiose, commedia, ultima del mio impegno con Medebac. Tre nuove commedie date a Medebac nell’atto della separazione ||
   » 188
[p. 376 modifica]
  »XVII. ||
Mio passaggio dal teatro Sant’Angelo a quello di San Luca. Mie nuove condizioni. Pretensioni ridicole di Medebac e del mio libraio. Mio viaggio in Toscana. Edizione del mio Teatro in Firenze. L’Avaro geloso, commedia. La donna di testa debole, commedia ||
   » 191
  »XVIII. ||
La Sposa persiana, commedia ||
   » 194
  »XIX. ||
Ircana a Julfa, seguito della Sposa persiana ||
   » 197
  »XX. ||
Ircana a Ispahan, commedia, compimento della Sposa persiana ||
   » 199
  »XXI. ||
La Cameriera brillante, commedia. Il Filosofo inglese, commedia. La Madre amorosa, commedia. Le Maschere veneziane, commedia ||
   » 202
  »XXII. ||
Mia malattia a Modena. Mie malinconie a Milano ||
   » 204
  »XXIII. ||
La Villeggiatura, commedia. 'La Donna forte, commedia. Il Vecchio bizzarro, commedia. Malignità dei miei nemici. Il Festino, commedia ||
   » 206
  »XXIV. ||
Nuova edizione delle mie opere sotto il titolo di Nuovo Teatro del signor Goldoni. Mio viaggio a Bologna. Dispiacevole avventura al ponte Lago-scuro ||
   » 209
  »XXV. ||
Altri lamenti dei Bolognesi contro la mia riforma. Terenzio, commedia. Suo estratto. Suo magnifico successo ||
   » 212
  »XXVI. ||
Mio ritorno a Venezia. Deliziosa villeggiatura. Io vi recito in commedia. Il Cavalier giocondo, commedia. Idea di tre commedie consecutive ||
   » 217
  »XXVII. ||
Le smanie della villeggiatura, commedia ||
   » 218
  »XXVIII. ||
Seguito del capitolo precedente. Le avventure della villeggiatura, commedia ||
   » 221
  »XXIX. ||
Seguito de’ due capitoli precedenti. Il Ritorno della villeggiatura, commedia ||
   » 223
  »XXX. ||
La Peruviana, commedia. Un curioso accidente, commedia. La Donna di maneggio, commedia. L’Impresario di Smirne, commedia. Le donne di casa soa ||
   » 227
  »XXXI. ||
Mio viaggio a Parma. Tre opere comiche composte per ordine di S. A. R. La buona figlia. Il Festino ed I viaggiatori ridicoli. Mio ritorno a Venezia con un titolo ed una pensione. Il Padre per amore, commedia. La Guerra, commedia. Il Medico olandese, commedia ||
   » 229
  »XXXII. ||
Critiche dei miei nemici. Accusa di aver mancato nella purità della lingua toscana. La mia commedia intitolata Torquato Tasso ||
   » 232
  »XXXIII. ||
Avvertimento sulla data delle mie Commedie. L’Egoista, commedia in versi. La bella Selvaggia, commedia in versi. Il Campiello, commedia in versi liberi. La buona famiglia, commedia ||
   » 235
  »XXXIV. ||
Conoscenza della signora di Boccage fatta in Venezia. La Dalmatina, commedia in versi. I Rusteghi, commedia veneziana ||
   » 237
  »XXXV. ||
Il Ricco insidiato, commedia. La Vedova spiritosa, commedia in versi. La Donna di governo, commedia. I Morbinosi, rappresentanza di gusto veneziano, in versi ||
   » 239
  »XXXVI. ||
Seconda lettera da Roma. Mia partenza per quella città con mia moglie. Visita di Loreto. Mio arrivo a Roma ||
   » 241
  »XXXVII. ||
Mia presentazione al Santo Padre. Alcune parole sulla Chiesa di San Pietro di Roma ||
   » 243
  »XXXVIII. ||
Prima prova della Vedova di spirito. Buranello, musico famoso. Singolarità delle platee di Roma. Felice successo delle mie commedie al teatro Capranica. Pamela maritata, commedia ||
   » 245
[p. 377 modifica]
  »XXXIX. ||
Il Carnevale di Roma. Messa pontificale. La funzione della lavanda. Il Miserere della cappella del Vaticano. La festa dei santi Pietro e Paolo. Mia partenza da Roma ||
   » 247
  »XL. ||
Mie nuove commedie esposte in Venezia nel tempo della mia assenza La Sposa sagace, commedia in versi. Lo spirito di contradizione, commedia. La Donna sola, commedia in versi. La buona Madre, commedia. Le Morbinose, commedia di gusto veneziano in versi. ||
   » 250
  »XLI. ||
Mio ritorno a Venezia. Gli Innamorati, commedia. La casa nuova, commedia veneziana. ||
   » 252
  »XLII. ||
La Donna stravagante, commedia in versi. Le Baruffe Chiozzotte, commedia. Proposta della mia edizione del Pasquali. Lettura di un autor francese. ||
   » 255
  »XLIII. ||
Sono chiamato in Parigi. Ordini all’ambasciatore di Francia per farmi partire. Mie ultime commedie per Venezia, Todero Brontolon, commedia veneziana. ||
   » 257
  »XLIV. ||
Estratto della Prefazione della Scozzese. Tomo XIII del mio Teatro ||
   » 259
  »XLV. ||
Una dell’ultime sere di Carnevale; ultima commedia da me data in Venezia avanti la mia partenza, commedia veneziana. Cinque commedie, che formano un piccolo Teatro di conversazione. L’uomo di spirito; La donna di spirito; L’Apatista; La Locanda della posta, e L’Avaro ||
   » 262
  »XLVI. ||
Mia partenza da Venezia. Mia malattia a Bologna. Visita dei nostri parenti a Genova. Mio imbarco col corriere di Francia. Pericolo per mare. Mio sbarco a Nizza. Passaggio del Varo. Arrivo in Francia. ||
   » 264

PARTE TERZA

Cap.I. ||
Mio viaggio dalla riva del Varo a Parigi. Prima fermata a Vidauban. Veduta di Marsilia. Veduta di Avignone. Alcune parole sulla città di Lione. Mio arrivo a Parigi ||
 Pag. 267
  »II. ||
Mia prima occhiata sulla città di Parigi. ||
   » 269
  »III. ||
Particolari sugli attori italiani di Parigi. Mio primo viaggio a Fontainebleau. Pace tra la Francia e l’Inghilterra. Gl’Italdani recitano sul teatro di Fontainebleau Il figlio d’Arlecchino perduto e ritrovato||
   » 271
  »IV. ||
Mio ritorno a Parigi. Mie osservazioni e miei disegni Mia abitazione presso il Palazzo Reale. L’amor paterno, mia prima commedia. Composizioni date al Teatro Italiano nel corso di due anni. ||
   » 273
  »V. ||
Rappresentazione del Misantropo. Il padre di famiglia, del signor Diderot. Aneddoti riguardanti quest’autore e me. ||
   » 275
  »VI. ||
Vo per la prima volta all’Opera Francese. Tratto di mia imprudenza. Castore e Polluce mi riconcilia coll’Opera francese. Alcune parole sopra Rameau, Gluk, Piccini e Sacchini. ||
   » 279
  »VII. ||
Incendio del Teatro dell’Opera. Musica sacra. I due anni del mio impegno per Parigi sono prossimi al loro termine. Mia indecisione. L’ambasciatore di Venezia vuol ravvicinarmi alla patria. Mio impiego al servizio delle principesse di Francia. Corro rischio di perder la vista. ||
   » 280
[p. 378 modifica]
  »VIII. ||
Mio alloggio a Versailles. Il gran viaggio della corte a Compiègne. Alcune parole sopra questa città. Mio viaggio a Chantilly ||
   » 284
  »IX. ||
Viaggio di Fontainebleau. Mio ritorno a Versailles. Mia situazione dolorosa. Regalo delle principesse. Mio collocamento fisso. Opinione de’ Parigini su Versailles ||
   » 287
  »X. ||
Mio ritorno a Parigi. Nuova società letteraria. Alcune mie opere tradotte in francese. Teatro di un incognito. Traduzione del mio Avvocato Veneziano. Quella del Servo di due padroni||
   » 291
  »XI. ||
Gli amori di Zelinda e Lindoro. La gelosia di Lindoro. Le inquietudini di Zelinda. Gli amanti timidi. Il buono e cattivo genio, commedia con macchine ||
   » 295
  »XII. ||
Mio nipote professore di lingua italiana nella Regia Scuola militare. Udienze pubbliche degli ambasciadori soppresse ||
   » 297
  »XIII. ||
Mia corrispondenza cogl’impresari dell’Opera a Londra. Vittorina, opera buffa. Il Re alla caccia, altra opera buffa per Venezia. Idea di un’operetta in due atti ||
   » 300
  »XIV. ||
Estratto della Bouillotte. Ragioni che hanno impedito di esporla ||
   » 303
  »XV. ||
Apertura del gran Teatro di corte. Folla di poeti. Il burbero, benefico, commedia in prosa ||
   » 305
  »XVI. ||
Osservazioni riguardanti il Bourru bienfaisant. Colloquio con Gian Giacomo Rosseau sull’istesso soggetto ||
   » 307
  »XVII. ||
Aneddoti che riguardano Gian Giacomo Rosseau ||
   » 310
  »XVIII. ||
Il parco di Versailles ||
   » 312
  »XIX. ||
I piccoli spettacoli di Parigi ||
   » 314
  »XX. ||
L’Avare fastueux, commedia ||
   » 316
  »XXI. ||
Seguito del capitolo precedente ||
   » 320
  »XXII. ||
Aneddoti riguardanti L’Avaro fastoso ||
   » 325
  »XXIII. ||
Arrivo a Parigi del cavalier Giovanni Mocenigo nuovo ambasciator di Venezia. Suo felice negoziato per la soppressione del diritto fiscale sull’eredità dei non nazionali. Mie attenzioni per gl’Italiani ||
   » 327
  »XXIV. ||
Morte di Luigi XV. Innalzamento al trono di Luigi XVI. Matrimonio della principessa Clotilde sorella del re. Servigi da me prestati a lei ed alla principessa Elisabetta. Nuovi benefici del re a mio riguardo ||
   » 330
  »XXV. ||
Proibizione dei giuochi d’azzardo in Parigi. Alcune parole sopra un nuovo libro, intitolato la Passione del Giuoco ||
   » 333
  »XXVI. ||
I Volponi opera comica. Arrivo degli attori dell’Opera Comica Italiana a Parigi per recitare sul teatro dell’Opera ||
   » 335
  »XXVII. ||
Alcune parole sull’ultima guerra, sulla marina e le finanze. Rolando, opera in musica del signor Piccini. Il presente capitolo è interrotto da una mia indisposizione ||
   » 336
  »XXVIII. ||
II Salone dei Quadri. Alcune parole sulle Accademie e le Società Reali di Parigi. Arrivo in questa città del signor di Voltaire. Sua morte ||
   » 338
[p. 379 modifica]
  »XXIX. ||
Soppressione della Commedia italiana. Alcune parole sulla rappresentazione della Donna gelosa||
   » 342
  »XXX. ||
Nuovo incendio del teatro dell’Opera. Matrimonio di mia nipote in Italia ||
   » 344
  »XXXI. ||
Il Palazzo Reale ||
   » 346
  »XXXII. ||
Il nuovo teatro per la commedia francese. Quello della commedia italiana. Il Magnetismo animale. I Palloni. I Sonnamboli. L’uomo di Lione che dovea camminar sull’acqua a piedi asciutti ||
   » 348
  »XXXIII. ||
I fogli periodici di Parigi ||
   » 350
  »XXXIV. ||
Osservazioni sopra alcuni stabilimenti di Parigi ||
   » 354
  »XXXV. ||
Disegno di un nuovo giornale. Avventura d’un Americano e di una donna napoletana ||
   » 356
  »XXXVI. ||
Didone, tragedia lirica. Nuovo genere di drammi, esposto sul teatro dell’Opera di Parigi. Il Barbier di Siviglia ed il Matrimonio di Figaro al Teatro francese ||
   » 359
  »XXXVII. ||
Traduzione in francese di una delle mie commedie. Osservazione sulle mode ||
   » 361
  »XXXVIII. ||
Sopra un processo compilato in una forma straordinaria. Gusto dei francesi per le canzonette. Osservazioni sulla città di Saint-Germain-en-Laye. Atti di riconoscenza verso alcuni dei miei amici. Mia vita ordinaria ||
   » 363
  »XXXIX. ||
Sopra il nuovo porto di Cherbourg. Nuova recita del mio Burbero benefico a Versailles ||
   » 366
  »XL. ||
ed ultimo. Conclusione dell’opera ||
   » 368
Appendice ||
   » 370