Wikisource:Libri/Rime (Michelangelo)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Michelangelo Buonarroti

XVI secolo R Raccolte di poesie letteratura Rime Intestazione 1 settembre 2009 75% Raccolte di poesie

{{subst:Libro salvato/Nota disambigua|Rime}}

Rime[modifica]

Indice[modifica]

Rime (Michelangelo)/1. Molti anni fassi qual felice, in una
Rime (Michelangelo)/2. Sol io ardendo all'ombra mi rimango
Rime (Michelangelo)/3. Grato e felice, a' tuo feroci mali
Rime (Michelangelo)/4. Quanto si gode, lieta e ben contesta
Rime (Michelangelo)/5. I' ho già fatto un gozzo in questo stento
Rime (Michelangelo)/6. Signor, se vero è alcun proverbio antico
Rime (Michelangelo)/7. Chi è quel che per forza a te mi mena
Rime (Michelangelo)/8. Come può esser ch'io non sia più mio?
Rime (Michelangelo)/9. Colui che 'l tutto fe', fece ogni parte
Rime (Michelangelo)/10. Qua si fa elmi di calici e spade
Rime (Michelangelo)/11. Quanto sare' men doglia il morir presto
Rime (Michelangelo)/12. Com'arò dunche ardire
Rime (Michelangelo)/13. La fama tiene gli epitaffi a giacere; non va né inanzi né
Rime (Michelangelo)/14. El Dì e la Notte parlano, e dicono
Rime (Michelangelo)/15. Di te me veggo e di lontan mi chiamo
Rime (Michelangelo)/16. D'un oggetto leggiadro e pellegrino
Rime (Michelangelo)/17. Crudele, acerbo e dispietato core
Rime (Michelangelo)/18. Mille rimedi invan l'anima tenta
Rime (Michelangelo)/19. Natura ogni valore
Rime (Michelangelo)/20. Tu ha' 'l viso più dolce che la sapa
Rime (Michelangelo)/21. Chiunche nasce a morte arriva
Rime (Michelangelo)/22. Che fie di me? che vo' tu far di nuovo
Rime (Michelangelo)/23. I' fu', già son molt'anni, mille volte
Rime (Michelangelo)/24. I' fe' degli occhi porta al mie veneno
Rime (Michelangelo)/25. Quand'il servo il signor d'aspra catena
Rime (Michelangelo)/26. Quand'avvien c'alcun legno non difenda
Rime (Michelangelo)/27. Fuggite, amanti, Amor, fuggite 'l foco
Rime (Michelangelo)/28. Perché pur d'ora in ora mi lusinga
Rime (Michelangelo)/29. Ogn'ira, ogni miseria e ogni forza
Rime (Michelangelo)/30. Dagli occhi del mie ben si parte e vola
Rime (Michelangelo)/31. Amor non già, ma gli occhi mei son quegli
Rime (Michelangelo)/32. Vivo al peccato, a me morendo vivo
Rime (Michelangelo)/33. Sie pur, fuor di mie propie, c'ogni altr'arme
Rime (Michelangelo)/34. La vita del mie amor non è 'l cor mio
Rime (Michelangelo)/35. El ciglio col color non fere el volto
Rime (Michelangelo)/36. Oltre qui fu, dove 'l mie amor mi tolse
Rime (Michelangelo)/37. In me la morte, in te la vita mia
Rime (Michelangelo)/38. Quanta dolcezza al cor per gli occhi porta
Rime (Michelangelo)/39. Del fiero colpo e del pungente strale
Rime (Michelangelo)/40. Quand'Amor lieto al ciel levarmi è volto
Rime (Michelangelo)/41. Spirto ben nato, in cu' si specchia e vede
Rime (Michelangelo)/42. Dimmi di grazia, Amor, se gli occhi mei
Rime (Michelangelo)/43. La ragion meco si lamenta e dole
Rime (Michelangelo)/44. Mentre c'alla beltà ch'i' vidi in prima
Rime (Michelangelo)/45. Ben doverrieno al sospirar mie tanto
Rime (Michelangelo)/46. Se 'l mie rozzo martello i duri sassi
Rime (Michelangelo)/47. Quand'el ministro de' sospir mie tanti
Rime (Michelangelo)/48. Come fiamma più cresce più contesa
Rime (Michelangelo)/49. Amor, la tuo beltà non è mortale
Rime (Michelangelo)/50. Che fie doppo molt'anni di costei
Rime (Michelangelo)/51. Oilmè, oilmè, ch'i' son tradito
Rime (Michelangelo)/52. S'alcun se stesso al mondo ancider lice
Rime (Michelangelo)/53. Chi di notte cavalca, el dì conviene
Rime (Michelangelo)/54. Io crederrei, se tu fussi di sasso
Rime (Michelangelo)/55. I' t'ho comprato, ancor che molto caro
Rime (Michelangelo)/56. Vivo della mie morte e, se ben guardo
Rime (Michelangelo)/57. S'i' vivo più di chi più m'arde e cuoce
Rime (Michelangelo)/58. Se l'immortal desio, c'alza e corregge
Rime (Michelangelo)/59. S'un casto amor, s'una pietà superna
Rime (Michelangelo)/60. Tu sa' ch'i' so, signor mie, che tu sai
Rime (Michelangelo)/61. S'i' avessi creduto al primo sguardo
Rime (Michelangelo)/62. Sol pur col foco il fabbro il ferro stende
Rime (Michelangelo)/63. Sì amico al freddo sasso è 'l foco interno
Rime (Michelangelo)/64. Se 'l foco il sasso rompe e 'l ferro squaglia
Rime (Michelangelo)/65. In quel medesmo tempo ch'io v'adoro
Rime (Michelangelo)/66. Forse perché d'altrui pietà mi vegna
Rime (Michelangelo)/67. Nuovo piacere e di maggiore stima
Rime (Michelangelo)/68. Un gigante v'è ancor, d'altezza tanta
Rime (Michelangelo)/69. Ben provvide natura, né conviene
Rime (Michelangelo)/70. Crudele stella, anzi crudele arbitrio
Rime (Michelangelo)/71. I' l'ho, vostra mercè, per ricevuto
Rime (Michelangelo)/72. Se nel volto per gli occhi il cor si vede
Rime (Michelangelo)/73. Mentre del foco son scacciata e priva
Rime (Michelangelo)/74. I' piango, i' ardo, i' mi consumo, e 'l core
Rime (Michelangelo)/75. Egli è pur troppo a rimirarsi intorno
Rime (Michelangelo)/76. Non so se s'è la desïata luce
Rime (Michelangelo)/77. Se 'l foco fusse alla bellezza equale
Rime (Michelangelo)/78. Dal dolce pianto al doloroso riso
Rime (Michelangelo)/79. Felice spirto, che con zelo ardente
Rime (Michelangelo)/80. I' mi credetti, il primo giorno ch'io
Rime (Michelangelo)/81. Ogni cosa ch'i' veggio mi consiglia
Rime (Michelangelo)/82. Non posso altra figura immaginarmi
Rime (Michelangelo)/83. Veggio nel tuo bel viso, signor mio
Rime (Michelangelo)/84. Sì come nella penna e nell'inchiostro
Rime (Michelangelo)/85. Com'io ebbi la vostra, signor mio
Rime (Michelangelo)/86. Ancor che 'l cor già mi premesse tanto
Rime (Michelangelo)/87. Vorrei voler, Signor, quel ch'io non voglio
Rime (Michelangelo)/88. Sento d'un foco un freddo aspetto acceso
Rime (Michelangelo)/89. Veggio co' be' vostr'occhi un dolce lume
Rime (Michelangelo)/90. I' mi son caro assai più ch'i' non soglio
Rime (Michelangelo)/91. Perc'all'estremo ardore
Rime (Michelangelo)/92. Quantunche 'l tempo ne costringa e sproni
Rime (Michelangelo)/93. Spargendo il senso il troppo ardor cocente
Rime (Michelangelo)/94. D'altrui pietoso e sol di sé spietato
Rime (Michelangelo)/95. Rendete agli occhi mei, o fonte o fiume
Rime (Michelangelo)/96. Sì come secco legno in foco ardente
Rime (Michelangelo)/97. Al cor di zolfo, a la carne di stoppa
Rime (Michelangelo)/98. A che più debb'i' omai l'intensa voglia
Rime (Michelangelo)/99. Ben mi dove' con sì felice sorte
Rime (Michelangelo)/100. Ben fu, temprando il ciel tuo vivo raggio
Rime (Michelangelo)/101. Perché Febo non torce e non distende
Rime (Michelangelo)/102. O notte, o dolce tempo, benché nero
Rime (Michelangelo)/103. Ogni van chiuso, ogni coperto loco
Rime (Michelangelo)/104. Colui che fece, e non di cosa alcuna
Rime (Michelangelo)/105. Non vider gli occhi miei cosa mortale
Rime (Michelangelo)/106. Per ritornar là donde venne fora
Rime (Michelangelo)/107. Gli occhi mie vaghi delle cose belle
Rime (Michelangelo)/108. Indarno spera, come 'l vulgo dice
Rime (Michelangelo)/109. Non sempre a tutti è sì pregiato e caro
Rime (Michelangelo)/110. Io dico a voi c'al mondo avete dato
Rime (Michelangelo)/111. S'egli è, donna, che puoi
Rime (Michelangelo)/112. Il mio refugio e 'l mio ultimo scampo
Rime (Michelangelo)/113. Esser non può già ma' che gli occhi santi
Rime (Michelangelo)/114. Ben vinci ogni durezza
Rime (Michelangelo)/115. Lezi, vezzi, carezze, or, feste e perle
Rime (Michelangelo)/116. Non mi posso tener né voglio, Amore
Rime (Michelangelo)/117. S'egli è che 'l buon desio
Rime (Michelangelo)/118. Ancor che 'l cor già molte volte sia
Rime (Michelangelo)/119. Dal primo pianto all'ultimo sospiro
Rime (Michelangelo)/120. Ben tempo saria omai
Rime (Michelangelo)/121. Come non puoi non esser cosa bella
Rime (Michelangelo)/122. Se 'l foco al tutto nuoce
Rime (Michelangelo)/123. Quante più par che 'l mie mal maggior senta
Rime (Michelangelo)/124. Questa mie donna è sì pronta e ardita
Rime (Michelangelo)/125. Tanto di sé promette
Rime (Michelangelo)/126. Se l'alma è ver, dal suo corpo disciolta
Rime (Michelangelo)/127. Non pur la morte, ma 'l timor di quella
Rime (Michelangelo)/128. Se 'l timor della morte
Rime (Michelangelo)/129. Da maggior luce e da più chiara stella
Rime (Michelangelo)/130. Non è senza periglio
Rime (Michelangelo)/131. Sotto duo belle ciglia
Rime (Michelangelo)/132. Mentre che 'l mie passato m'è presente
Rime (Michelangelo)/133. Condotto da molt'anni all'ultim'ore
Rime (Michelangelo)/134. Beati voi che su nel ciel godete
Rime (Michelangelo)/135. Mentre c'al tempo la mie vita fugge
Rime (Michelangelo)/136. L'alma, che sparge e versa
Rime (Michelangelo)/137. Se per gioir pur brami affanni e pianti
Rime (Michelangelo)/138. Porgo umilmente all'aspro giogo il collo
Rime (Michelangelo)/139. In più leggiadra e men pietosa spoglia
Rime (Michelangelo)/140. Se l'alma al fin ritorna
Rime (Michelangelo)/141. Perc'all'alta mie speme è breve e corta
Rime (Michelangelo)/142. Credo, perc'ancor forse
Rime (Michelangelo)/143. Quant'ognor fugge il giorno che mi resta
Rime (Michelangelo)/144. Passo inanzi a me stesso
Rime (Michelangelo)/145. Se costei gode e tu solo, Amor, vivi
Rime (Michelangelo)/146. Gli sguardi che tu strazi
Rime (Michelangelo)/147. Deh dimmi, Amor, se l'alma di costei
Rime (Michelangelo)/148. Con più certa salute
Rime (Michelangelo)/149. Non posso non mancar d'ingegno e d'arte
Rime (Michelangelo)/150. Non men gran grazia, donna, che gran doglia
Rime (Michelangelo)/151. Non ha l'ottimo artista alcun concetto
Rime (Michelangelo)/152. Sì come per levar, donna, si pone
Rime (Michelangelo)/153. Non pur d'argento o d'oro
Rime (Michelangelo)/154. Tanto sopra me stesso
Rime (Michelangelo)/155. Le grazie tua e la fortuna mia
Rime (Michelangelo)/156. A l'alta tuo lucente dïadema
Rime (Michelangelo)/157. Pietosa e dolce aita
Rime (Michelangelo)/158. Amor, la morte a forza
Rime (Michelangelo)/159. Per esser manco, alta signora, indegno
Rime (Michelangelo)/160. S'alcun legato è pur dal piacer molto
Rime (Michelangelo)/161. Per qual mordace lima
Rime (Michelangelo)/162. Ora in sul destro, ora in sul manco piede
Rime (Michelangelo)/163. Quante più fuggo e odio ognor me stesso
Rime (Michelangelo)/164. Per fido esemplo alla mia vocazione
Rime (Michelangelo)/165. Se 'l commodo degli occhi alcun costringe
Rime (Michelangelo)/166. Ben posson gli occhi mie presso e lontano
Rime (Michelangelo)/167. La morte, Amor, del mie medesmo loco
Rime (Michelangelo)/168. Perché 'l mezzo di me che dal ciel viene
Rime (Michelangelo)/169. Nel mie 'rdente desio
Rime (Michelangelo)/170. Spargendo gran bellezza ardente foco
Rime (Michelangelo)/171. Nella memoria delle cose belle
Rime (Michelangelo)/172. Costei pur si delibra
Rime (Michelangelo)/173. Se dal cor lieto divien bello il volto
Rime (Michelangelo)/174. Per quel che di vo', donna, di fuor veggio
Rime (Michelangelo)/175. No' salda, Amor, de' tuo dorati strali
Rime (Michelangelo)/176. Mestier non era all'alma tuo beltate
Rime (Michelangelo)/177. In noi vive e qui giace la divina
Rime (Michelangelo)/178. La nuova alta beltà che 'n ciel terrei
Rime (Michelangelo)/179. Se qui son chiusi i begli occhi e sepolti
Rime (Michelangelo)/180. Deh serbi, s'è di me pietate alcuna
Rime (Michelangelo)/181. Perché ne' volti offesi non entrasti
Rime (Michelangelo)/182. Non volse Morte non ancider senza
Rime (Michelangelo)/183. La beltà che qui giace al mondo vinse
Rime (Michelangelo)/184. Qui son de' Bracci, deboli a l'impresa
Rime (Michelangelo)/185. Qui son sepulto, e poco innanzi nato
Rime (Michelangelo)/186. Non può per morte già chi qui mi serra
Rime (Michelangelo)/187. L'alma di dentro di fuor non vedea
Rime (Michelangelo)/188. Se dalla morte è vinta la natura
Rime (Michelangelo)/189. Qui son chiusi i begli occhi, che aperti
Rime (Michelangelo)/190. Qui son morto creduto; e per conforto
Rime (Michelangelo)/191. Se l'alma vive del suo corpo fora
Rime (Michelangelo)/192. S'è ver, com'è, che dopo il corpo viva
Rime (Michelangelo)/193. A pena prima aperti gli vidd'io
Rime (Michelangelo)/194. Qui vuol mie sorte c'anzi tempo i' dorma
Rime (Michelangelo)/195. Se qui cent'anni t'han tolto due ore
Rime (Michelangelo)/196. Gran ventura qui morto esser mi veggio
Rime (Michelangelo)/197. La carne terra, e qui l'ossa mie, prive
Rime (Michelangelo)/198. Se fussin, perch'i' viva un'altra volta
Rime (Michelangelo)/199. Chi qui morto mi piange indarno spera
Rime (Michelangelo)/200. S'i' fu' già vivo, tu sol, pietra, il sai
Rime (Michelangelo)/201. I' temo più, fuor degli anni e dell'ore
Rime (Michelangelo)/202. I' fu de' Bracci, e se ritratto e privo
Rime (Michelangelo)/203. De' Bracci nacqui, e dopo 'l primo pianto
Rime (Michelangelo)/204. Più che vivo non ero, morto sono
Rime (Michelangelo)/205. Se morte ha di virtù qui 'l primo fiore
Rime (Michelangelo)/206. Dal ciel fu la beltà mie diva e 'ntera
Rime (Michelangelo)/207. Per sempre a morte, e prima a voi fu' dato
Rime (Michelangelo)/208. Qui chiuso è 'l sol di c'ancor piangi e ardi
Rime (Michelangelo)/209. Qui sol per tempo convien posi e dorma
Rime (Michelangelo)/210. Se gli occhi aperti mie fur vita e pace
Rime (Michelangelo)/211. Se, vivo al mondo, d'alcun vita fui
Rime (Michelangelo)/212. Perc'all'altru' ferir non ave' pari
Rime (Michelangelo)/213. Sepulto è qui quel Braccio, che Dio volse
Rime (Michelangelo)/214. Era la vita vostra il suo splendore
Rime (Michelangelo)/215. A la terra la terra e l'alma al cielo
Rime (Michelangelo)/216. Qui serro il Braccio e suo beltà divina
Rime (Michelangelo)/217. S'avvien come fenice mai rinnuovi
Rime (Michelangelo)/218. Col sol de' Bracci il sol della natura
Rime (Michelangelo)/219. I' fui de' Bracci, e qui mie vita è morte
Rime (Michelangelo)/220. Deposto ha qui Cecchin sì nobil salma
Rime (Michelangelo)/221. Qui giace il Braccio, e men non si desìa
Rime (Michelangelo)/222. Qui stese il Braccio e colse acerbo il frutto
Rime (Michelangelo)/223. I' fu' Cecchin mortale e or son divo
Rime (Michelangelo)/224. Chiusi ha qui gli occhi e 'l corpo, e l'alma sciolta
Rime (Michelangelo)/225. I' fu' de' Bracci, e qui dell'alma privo
Rime (Michelangelo)/226. Che l'alma viva, i' che qui morto sono
Rime (Michelangelo)/227. Ripreso ha 'l divin Braccio il suo bel velo
Rime (Michelangelo)/228. Se 'l mondo il corpo, e l'alma il ciel ne presta
Rime (Michelangelo)/229. Occhi mie, siate certi
Rime (Michelangelo)/230. Perché tuo gran bellezze al mondo sièno
Rime (Michelangelo)/231. Non è più tempo, Amor, che 'l cor m'infiammi
Rime (Michelangelo)/232. Non altrimenti contro a sé cammina
Rime (Michelangelo)/233. Se da' prim'anni aperto un lento e poco
Rime (Michelangelo)/234. Tanto non è, quante da te non viene
Rime (Michelangelo)/235. Un uomo in una donna, anzi uno dio
Rime (Michelangelo)/236. Se ben concetto ha la divina parte
Rime (Michelangelo)/237. Molto diletta al gusto intero e sano
Rime (Michelangelo)/238. Non è non degna l'alma che n'attende
Rime (Michelangelo)/239. Com'esser, donna, può quel c'alcun vede
Rime (Michelangelo)/240. Sol d'una pietra viva
Rime (Michelangelo)/241. Negli anni molti e nelle molte pruove
Rime (Michelangelo)/242. S'egli è che 'n dura pietra alcun somigli
Rime (Michelangelo)/243. Ognor che l'idol mio si rappresenta
Rime (Michelangelo)/244. Se 'l duol fa pur, com'alcun dice, bello
Rime (Michelangelo)/245. Se 'l volto di ch'i' parlo, di costei
Rime (Michelangelo)/246. Te sola del mie mal contenta veggio
Rime (Michelangelo)/247. Caro m'è 'l sonno, e più l'esser di sasso
Rime (Michelangelo)/248. Dal ciel discese, e col mortal suo, poi
Rime (Michelangelo)/249. Per molti, donna, anzi per mille amanti
Rime (Michelangelo)/250. Quante dirne si de' non si può dire
Rime (Michelangelo)/251. Nel dolce d'una immensa cortesia
Rime (Michelangelo)/252. Perch'è troppo molesta
Rime (Michelangelo)/253. S'i' fussi stato ne' prim'anni accorto
Rime (Michelangelo)/254. Donn', a me vecchio e grave
Rime (Michelangelo)/255. Mentre i begli occhi giri
Rime (Michelangelo)/256. S'alcuna parte in donna è che sie bella
Rime (Michelangelo)/257. Perché sì tardi e perché non più spesso
Rime (Michelangelo)/258. Quantunche sie che la beltà divina
Rime (Michelangelo)/259. Ben può talor col mie 'rdente desio
Rime (Michelangelo)/260. Non è sempre di colpa aspra e mortale
Rime (Michelangelo)/261. Se 'l troppo indugio ha più grazia e ventura
Rime (Michelangelo)/262. Amor, se tu se' dio
Rime (Michelangelo)/263. La nuova beltà d'una
Rime (Michelangelo)/264. Come portato ho già più tempo in seno
Rime (Michelangelo)/265. Per non s'avere a ripigliar da tanti
Rime (Michelangelo)/266. Qual meraviglia è, se prossim'al foco
Rime (Michelangelo)/267. I' sto rinchiuso come la midolla
Rime (Michelangelo)/268. Perché l'età ne 'nvola
Rime (Michelangelo)/269. Or d'un fier ghiaccio, or d'un ardente foco
Rime (Michelangelo)/270. Tu mi da' di quel c'ognor t'avanza
Rime (Michelangelo)/271. Di te con teco, Amor, molt'anni sono
Rime (Michelangelo)/272. Tornami al tempo, allor che lenta e sciolta
Rime (Michelangelo)/273. Se sempre è solo e un quel che sol muove
Rime (Michelangelo)/274. Deh fammiti vedere in ogni loco!
Rime (Michelangelo)/275. Dagli alti monti e d'una gran ruina
Rime (Michelangelo)/276. Passa per gli occhi al core in un momento
Rime (Michelangelo)/277. Se con lo stile o coi colori avete
Rime (Michelangelo)/278. Chi non vuol delle foglie
Rime (Michelangelo)/279. La forza d'un bel viso a che mi sprona?
Rime (Michelangelo)/280. L'alma inquieta e confusa in sé non truova
Rime (Michelangelo)/281. Arder sole' nel freddo ghiaccio il foco
Rime (Michelangelo)/282. Con tanta servitù, con tanto tedio
Rime (Michelangelo)/283. Non può, Signor mie car, la fresca e verde
Rime (Michelangelo)/284. S'a tuo nome ho concetto alcuno immago
Rime (Michelangelo)/285. Giunto è già 'l corso della vita mia
Rime (Michelangelo)/286. Gl'infiniti pensier mie d'error pieni
Rime (Michelangelo)/287. Di giorno in giorno insin da' mie prim'anni
Rime (Michelangelo)/288. Le favole del mondo m'hanno tolto
Rime (Michelangelo)/289. Non è più bassa o vil cosa terrena
Rime (Michelangelo)/290. Scarco d'un'importuna e greve salma
Rime (Michelangelo)/291. Penso e ben so c'alcuna colpa preme
Rime (Michelangelo)/292. Ben sarien dolce le preghiere mie
Rime (Michelangelo)/293. Carico d'anni e di peccati pieno
Rime (Michelangelo)/294. Mentre m'attrista e duol, parte m'è caro
Rime (Michelangelo)/295. Di morte certo, ma non già dell'ora
Rime (Michelangelo)/296. S'avvien che spesso il gran desir prometta
Rime (Michelangelo)/297. Se lungo spazio del trist'uso e folle
Rime (Michelangelo)/298. Non fur men lieti che turbati e tristi
Rime (Michelangelo)/299. Al zucchero, a la mula, a le candele
Rime (Michelangelo)/300. Per croce e grazia e per diverse pene
Rime (Michelangelo)/301. Di più cose s'attristan gli occhi mei
Rime (Michelangelo)/302. Non più per altro da me stesso togli


Categoria:Raccolte di poesie